Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 288
Totale: 288
Chi è online:
 Visitatori:
01: Your Account
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: News
07: Stories Archive
08: Home
09: Forums
10: Home
11: Forums
12: News
13: Home
14: Home
15: coppermine
16: Forums
17: Home
18: Search
19: Home
20: Home
21: Home
22: Forums
23: News
24: Home
25: News
26: News
27: Stories Archive
28: Home
29: News
30: News
31: Forums
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: coppermine
40: Home
41: Home
42: Your Account
43: Home
44: Home
45: Home
46: coppermine
47: coppermine
48: News
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: News
55: Home
56: Home
57: Search
58: News
59: Home
60: Home
61: Your Account
62: Home
63: Home
64: News
65: News
66: Forums
67: Forums
68: Search
69: coppermine
70: coppermine
71: News
72: Your Account
73: Home
74: Home
75: Home
76: Stories Archive
77: Home
78: Home
79: Home
80: Your Account
81: coppermine
82: Forums
83: Your Account
84: News
85: coppermine
86: coppermine
87: Your Account
88: News
89: Stories Archive
90: coppermine
91: Home
92: Stories Archive
93: Forums
94: Search
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: News
99: Home
100: coppermine
101: Home
102: Home
103: coppermine
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: coppermine
114: News
115: Home
116: coppermine
117: Home
118: News
119: News
120: Surveys
121: Stories Archive
122: coppermine
123: Search
124: Home
125: News
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: coppermine
132: Search
133: Home
134: Home
135: Stories Archive
136: coppermine
137: News
138: News
139: Home
140: coppermine
141: Home
142: Forums
143: Forums
144: coppermine
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: coppermine
150: Your Account
151: Home
152: Home
153: Home
154: coppermine
155: Home
156: Home
157: coppermine
158: Home
159: News
160: Home
161: News
162: coppermine
163: Forums
164: Home
165: News
166: Home
167: Forums
168: coppermine
169: Forums
170: News
171: News
172: News
173: Home
174: Home
175: News
176: Home
177: Home
178: News
179: Home
180: News
181: Home
182: Home
183: News
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: Home
192: coppermine
193: Forums
194: coppermine
195: Forums
196: Home
197: Search
198: Home
199: Search
200: News
201: coppermine
202: Home
203: News
204: Home
205: Home
206: Your Account
207: News
208: News
209: coppermine
210: Home
211: News
212: coppermine
213: Home
214: Home
215: Forums
216: coppermine
217: coppermine
218: Home
219: News
220: Home
221: News
222: Home
223: coppermine
224: Stories Archive
225: coppermine
226: Home
227: News
228: Home
229: Forums
230: Home
231: Home
232: News
233: Home
234: News
235: Forums
236: coppermine
237: Stories Archive
238: coppermine
239: coppermine
240: Home
241: Stories Archive
242: Search
243: Search
244: Your Account
245: Home
246: Forums
247: Home
248: Groups
249: Forums
250: News
251: Forums
252: News
253: Home
254: Home
255: coppermine
256: Home
257: News
258: Stories Archive
259: Home
260: Home
261: Search
262: News
263: News
264: Forums
265: Home
266: Home
267: Forums
268: Home
269: News
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Home
275: Groups
276: Home
277: Home
278: Home
279: Forums
280: Home
281: coppermine
282: Home
283: News
284: Home
285: Home
286: News
287: coppermine
288: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9064
  · Viste: 1924419
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › lusso
lusso
Postato da Grazia01 il Lunedì, 26 gennaio @ 20:22:13 CET (1100 letture)
Riflessioni III

Enciclopedia delle scienze sociali (1996)
di Carlo Borghero, Alessandro Roncaglia




LUSSO


1. Antichità e Medioevo

Il lusso, inteso come spesa fatta per soddisfare un bisogno raffinato e che quindi eccede i consumi socialmente accettati come necessari, non è un fenomeno tipico dell'età moderna. Nel mondo antico la condanna del lusso ricorre con frequenza. Il fasto e il lusso vengono spesso associati all'Oriente e al governo dispotico, responsabile dello squilibrio nelle ricchezze dei sudditi e della corruzione dei costumi. Significativo al riguardo il racconto di Erodoto (Storie, IX, 80-82) dello stupore di Pausania di fronte al lusso dei Persiani, sconfitti dai Greci a Platea (479 a.C.). Ma anche alcune città della Magna Grecia (Sibari, Locri) divennero nella mentalità comune luoghi proverbiali di lusso sfrenato e di raffinata ricerca di sempre nuovi piaceri. Tuttavia le città greche non conobbero il lusso fino alla conquista dell'Asia da parte di Alessandro. Il mito comunitario della Sparta egualitaria di Licurgo, rude e guerriera - che tanta incidenza avrà nelle dispute moderne sul lusso - fu coltivato già nell'antichità. Ma anche quando la costituzione della polis ammetteva l'ineguaglianza delle ricchezze, il lusso e l'eccessivo divario delle fortune venivano considerati fattori di corruzione della buona costituzione dello Stato e le spese eccessive nei funerali e nei banchetti erano proibite.
Alla polis conveniva piuttosto l'uso moderato delle ricchezze, se non la frugalità. Nella Repubblica Platone condanna la soddisfazione dei piaceri non strettamente necessari (VIII, 558 d - 559 c); considera non sano uno Stato gonfio di lusso (II, 372 e - 373 d); vede nella ricchezza una fonte di lusso, pigrizia e instabilità politica (IV, 421 d - 422 a) e la ritiene incompatibile con la virtù (VIII, 550 d - 551 a). Anche quando mitigherà il radicalismo della sua prima utopia, definendo i tratti di una costituzione a base censitaria, Platone continuerà a proibire il possesso di oro e di argento e a porre forti restrizioni all'uso del denaro (Leggi, V, 742 a - 743 c) e riaffermerà l'opportunità di porre un limite alle ricchezze nonché il diritto dello Stato di confiscare tutto ciò che ecceda questo limite (V, 744 d - 745 b). Pur da posizioni meno radicali, anche Aristotele condanna l'abuso delle ricchezze (cfr. W.D. Ross, Aristotelis fragmenta selecta, Oxonii 1955, nn. 1 e 2) ed esalta la magnificenza come via intermedia tra la meschineria e lo spreco volgare. Mentre l'uomo magnifico esercita uno sfarzo legittimo in alcune spese pubbliche e private (nozze, ricevimento di ospiti, scambio di doni, arredamento della casa), quello volgare eccede nello sfarzo fuori luogo (soprattutto nella tavola e nelle vesti) per fare sfoggio di ricchezza e farsi ammirare. Queste spese di lusso sono dunque un vizio anche se non troppo dannoso per gli altri né eccessivamente sconveniente (Etica nicomachea, IV, 1122 a - 1123 a). Anche i cinici (celebre l'aneddoto di Diogene che rinuncia all'uso della scodella di legno quando vede un ragazzo bere nella coppa delle mani) e gli stoici avversano il lusso, ritenendolo contrario all'ideale di una vita semplice e naturale.



Anche a Roma fu celebrata la frugalità dei primi tempi e in essa fu vista una delle ragioni della forza della Repubblica, che si indeboliva con l'introduzione di costumi raffinati e del lusso orientale. Già la legge delle XII Tavole limitava le spese per i funerali. I ripetuti provvedimenti contro il lusso delle matrone e le spese eccessive nei vestiti, nei gioielli, nella tavola (lex Oppia, lex Orchia, ispirata da Catone, e numerose altre fino alla lex Julia, voluta da Cesare) rivelano l'inarrestabile avanzata del lusso a Roma a partire dalle ultime guerre puniche e l'inefficacia dell'opera delle magistrature (edili, censori) che avrebbero dovuto impedirne la diffusione. L'austerità dei costumi dell'antica Roma divenne parte importante dell'ideologia augustea (Augusto emanò una nuova lex Julia) e fu celebrata da Tito Livio come una componente essenziale della virtù romana. Provvedimenti contro le spese eccessive nei mobili, negli spettacoli e nei giochi gladiatori furono presi da Nerone, Antonino e Marco Aurelio, senza che si riuscisse a modificare un costume diffuso soprattutto negli ambienti aristocratici, presso i quali le spese per i banchetti, per la casa e per opere d'arte avevano raggiunto livelli assai elevati. Col tempo la rigidità della virtù antica veniva temperata da un moderato epicureismo e anche da uno stoicismo che voleva misurarsi con il mondo. Se Orazio celebra la moderazione nei piaceri contro il lusso degli abiti e della tavola (Epistolae, I, 6), nella raffinata Roma di Nerone Seneca invita a coniugare temperanza ed eleganza e teorizza l'uso disinteressato, non arrogante né compiaciuto della ricchezza (Epistulae morales ad Lucilium, V, 5), e Petronio mette in ridicolo il lusso volgare di Trimalcione (Satyricon, XXXII-XXXIII). Tuttavia il lusso è anche visto come un'uscita dai limiti fissati dalla natura: Plinio il Vecchio condanna come innaturale il desiderio che spinge gli uomini a scavare le miniere per cercare oro e argento (Naturalis Historia, XXXIII, 1, 4 e 13) e, nell'età di Traiano e di Adriano, Giovenale contrappone alla corruzione dei costumi contemporanei il vagheggiamento di un passato frugale e rustico (Saturae, IV, VI e VII). Anche nel mondo ebraico-cristiano prevale la condanna del lusso e la contrapposizione della frugalità del popolo di Israele al lusso dell'Egitto dei faraoni. I Padri della Chiesa, sulla scia di san Paolo (I Timoteo, ii, 8-11), condannano il lusso dell'apparato esteriore, spesso accostato all'immodestia delle donne o ai costumi lascivi (san Cipriano, De habitu virginum, in Migne, Patrologia latina, vol. IV, col. 439 s.; sant'Agostino, Epistolae, CCXLV, in Migne, Patrologia latina, vol. XXXIII, col. 1060).
Il Medioevo, soprattutto nell'età comunale, conosce una vasta diffusione di editti contro il lusso (si colpiscono in particolare le spese per le vesti, i domestici, le carrozze, le feste). La cultura scolastica si muove secondo la linea tracciata dalla Patristica. Per Tommaso gli oggetti di lusso e gli ornamenti esteriori non sono in sé né virtuosi né viziosi. L'abuso consiste nella mancanza di moderazione soprattutto da parte delle donne, mosse da frivolezza o da lascivia. A questi atteggiamenti anche Tommaso contrappone la modestia e la semplicità, ma avverte, riprendendo un motivo della polemica anticinica già presente in Seneca, che c'è disordine morale nei vestiti anche quando ci si cura troppo poco, come fanno alcuni filosofi. Ammette inoltre una certa pompa per persone che rivestono particolari dignità o funzioni (Summa theologica, Secunda secundae, q. CLXIX, artt. 1 e 2).






"lusso" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Riflessioni III

Articolo più letto relativo a Riflessioni III:
Nebbia a Milano

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Nell’uovo [ 0 commenti - 7 letture ]
 A tutte le donne [ 0 commenti - 8 letture ]
 "Fazzoletti Rossi" di Maria Facci [ 1 commenti - 29 letture ]
 Milano [ 0 commenti - 17 letture ]
 A volte [ 0 commenti - 13 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 21
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy