Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 135
Totale: 135
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: coppermine
03: News
04: Stories Archive
05: News
06: Home
07: Search
08: Home
09: Topics
10: Home
11: Your Account
12: News
13: Home
14: Home
15: Home
16: News
17: News
18: Home
19: Home
20: Home
21: News
22: Home
23: coppermine
24: Surveys
25: Home
26: Home
27: Home
28: coppermine
29: Home
30: News
31: coppermine
32: Home
33: News
34: News
35: coppermine
36: Home
37: News
38: Home
39: Home
40: Your Account
41: coppermine
42: Search
43: Home
44: Home
45: Forums
46: Your Account
47: News
48: Home
49: Home
50: Home
51: coppermine
52: Home
53: Stories Archive
54: News
55: Home
56: Home
57: News
58: Home
59: Home
60: Home
61: coppermine
62: Tell a Friend
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: coppermine
68: Home
69: Home
70: Forums
71: Home
72: Search
73: News
74: Search
75: Home
76: Home
77: coppermine
78: Stories Archive
79: Home
80: Home
81: Search
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: Stories Archive
89: Home
90: News
91: coppermine
92: Forums
93: coppermine
94: Surveys
95: Home
96: Forums
97: Home
98: Home
99: Search
100: coppermine
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Search
106: Home
107: Home
108: coppermine
109: Topics
110: coppermine
111: Home
112: News
113: coppermine
114: Home
115: Home
116: coppermine
117: Home
118: coppermine
119: Home
120: News
121: Home
122: Home
123: Stories Archive
124: coppermine
125: Home
126: coppermine
127: Home
128: Home
129: Stories Archive
130: News
131: coppermine
132: Home
133: Home
134: Search
135: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9078
  · Viste: 1925354
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › ...dolore
...dolore
Postato da Grazia01 il Domenica, 03 marzo @ 14:01:42 CET (1677 letture)
Letture varie III





In un racconto di Antonio Tabucchì contenuto ne Il tempo invecchia in fretta, uno scrittore racconta del suo dolore alla schiena, un dolore fisico che, lo scopriamo leggendo, gli deriva dalle posture da lui assunte nello scrivere, di quanto queste incidano sì sulla sua colonna vertebrale, ma probabilmente sulla sua (e sulla nostra) esistenza. Un «malato di letteratura», lo definisce il suo medico, di una condizione che, come le posizioni che lui assume per scrivere, si confonde nell'intrico ingarbugliato dell'atto del suo scrivere e di quello del suo vivere. Verità del dolore e finzione della letteratura si mischiano dunque, come la realtà e le parole scritte per raccontare, e provocano e narrano quella sofferenza che, in fondo, è uno dei temi "classici" della letteratura. La scrittura è, ci pare dire Tabucchi, uno dei pochi e inevitabili modi di mettere le mani nella fragilità della condizione umana, là dove, Leopardi ce l'ha ben insegnato, il dolore è una delle sue parti costitutive. Forse quella stessa spina dorsale che lo scrittore del racconto tabucchiano non riesce a governare. L'uomo contemporaneo non ama molto che gli si ricordi questa fragilità. Lanciato sulla superficie della realtà e abbacinato dalla spettacolarizzazione di ogni proprio ambito, anche privatissimo, preferisce pensare che la morte e il dolore non lo riguardino, o comunque, quando questo accade, che il fastidioso inghippo debba essere risolto da medici, da stregoni, specialisti o da chi per loro. Ma l'arte continua a mettere le mani dentro questa materia fastidiosa, a ricordarci, come succedeva non molto tempo fa, che nascita, sofferenza, morte ci appartengono direttamente, che le vicende spesso dolorose dell'esistere tracciano, (sono la spina dorsale?) significano le nostre vite...




...La poesia, l'arte, la narrativa hanno creato attorno a questi temi e alla necessità di affrontarli con uno spirito che sempre di più, oggi, ci viene a mancare, impegnati come siamo a guardare la superficie, a lucidarla e a rifiutare. ogni difficoltà...
...Negli ultimi anni alcuni scrittori hanno tentato di raccontare questa umanità tornando a uno sguardo allargato, meno minimalista, centrato sulle «piccole» vicende umane, attraverso le storie minute delle persone, di tutte quelle infinite particolarità nelle quali si intuisce la sofferenza come collante che attraversa le vite della gente e dunque la Storia....
...Noi soffriamo, ci deterioriamo, moriamo, e le storie dei nostri percorsi, le nostre storie, possono utilizzare lo specchio della letteratura non tanto per descriversi; ma per esistere, aprirsi e liberarsi sotto forma di parole alla riflessione dei lettori. Penso alle belle pagine del racconto del rapporto con la malattia e la morte dei propri genitori che si possono trovare nell'Edoardo Albinati di Vita e morte di un ingegnere o nell'Elisabetta Rasy'de L'estranea, dove la letteratura mostra la possibilità di ripercorrere una conoscenza dolorosa di un rapporto complesso tra persone e tra corpi che, appunto, si deteriorano, soffrono e muoiono, che a causa della malattia cambiano e diventano estranei agli altri e se stessi. Racconti che sanno evitare ogni tentativo di spiegazione, di conforto retorico, ma posano l'occhio (la scrittura), sulla tessitura dei piccoli gesti, delle abitudini, degli oggetti famigliari, della malattia che impone una differente conoscenza e il viaggio dentro paesi sconosciuti...



...Raccontare il dolore non per allontanarlo o renderlo inoffensivo, ma per affermarlo come elemento vitale, anche attraverso l'inutile, banale, attesa di un felino domestico ne Il gatto in un appartamento della Szymborska, o con quelle semplici, eppure tremende negazioni con cui David Grossman scrive la morte del figlio Uri: «Sono ormai tre giorni che quasi ogni pensiero comincia con "non". Non verrà, non parleremo, non rideremo. Non ci sarà». li dolore privato di Grossman, lo stesso che percorre il suo ultimo Caduto fuori dal tempo, diventa universale con la sua scrittura, apre la porta alla dimensione in cui noi possiamo accedere solo grazie alla letteratura, perché, come ha scritto Roberto Cotroneo: «Nessuna legge della letteratura, se mai ci sono state, può riuscire a dirci che la cosa più eversiva e sconvolgente che ha fatto Grossman in questo libro è quella di aver trovato le parole del dolore. Perché il dolore non vuole parole, con il dolore non ci sono parole. Proprio così: aver trovato le parole.
Ma non per raccontare, non per oltrepassare la soglia, ma per lasciarla immutata come un paesaggio che non sappiamo attraversare, come una possibilità che in verità non abbiamo mai avuto.

Ugo Riccarelli

L'autore di questo articolo ha vinto nel 2004 il Premio Strega con il romanzo «Il dolore perfetto», edito da Mondadori







"...dolore" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Letture varie III

Articolo più letto relativo a Letture varie III:
Centenario della morte di Lev Tolstoj

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sono triste senza un motivo. Perchè? [ 0 commenti - 11 letture ]
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 36 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 32 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 39 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 668 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 27
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy