Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 186
Totale: 186
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Stories Archive
09: coppermine
10: Home
11: Home
12: Home
13: Forums
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: News
19: Home
20: Stories Archive
21: Home
22: News
23: coppermine
24: Home
25: Home
26: Home
27: News
28: News
29: Stories Archive
30: Home
31: Stories Archive
32: Stories Archive
33: Search
34: Home
35: Home
36: Home
37: Search
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: coppermine
46: Stories Archive
47: News
48: Home
49: Home
50: Search
51: News
52: Home
53: News
54: Home
55: Home
56: News
57: News
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Search
63: Home
64: Home
65: News
66: News
67: News
68: Stories Archive
69: Home
70: coppermine
71: Stories Archive
72: coppermine
73: Stories Archive
74: News
75: News
76: Home
77: Forums
78: Home
79: Search
80: Home
81: News
82: Stories Archive
83: Home
84: Home
85: Home
86: News
87: Stories Archive
88: Home
89: News
90: News
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: News
96: coppermine
97: coppermine
98: Home
99: News
100: Home
101: coppermine
102: coppermine
103: coppermine
104: Forums
105: Home
106: Search
107: Forums
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Forums
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Your Account
123: Home
124: Stories Archive
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: News
131: Home
132: Home
133: News
134: News
135: Home
136: News
137: Stories Archive
138: coppermine
139: Home
140: Home
141: News
142: Home
143: News
144: Home
145: Home
146: News
147: Home
148: Home
149: News
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: coppermine
157: Home
158: Home
159: Stories Archive
160: Home
161: News
162: News
163: Home
164: coppermine
165: Home
166: coppermine
167: Home
168: Forums
169: coppermine
170: Forums
171: Home
172: coppermine
173: Home
174: News
175: Home
176: coppermine
177: coppermine
178: Home
179: coppermine
180: News
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9071
  · Viste: 1924468
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Racconti e altro di Hemingway

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

Hemingway - Addio alle armi
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 02 agosto @ 20:22:49 CEST (627 letture)
Racconti e altro di Hemingway






“Ho scoperto che c’è della poesia nel cibo,
mentre è scomparsa da qualsiasi altra cosa.
E finché la digestione me lo permetterà io seguirò la poesia”






Gli innumerevoli viaggia in giro per il mondo e la passione per il mangiare ed il bere rendono molti libri di Hemingway un ottimo spunto culinario.
Nella primavera del 1918 il giovane Hemingway si arruala e parte per il fronte italiano. Poche settimane dopo il suo arrivo nella valle del Piave viene ferito gravemente alle gambe da un colpo di artiglieria. Ernest viene ricoverato nell’ospedale della Croce Rossa americana dove incontra Agnes, il suo primo grande amore che in seguito gli spezzerà il cuore quando si innamorerà di un altro militare. L’esperienza della guerra, l’amore e l’abbandono da parte di Agnes gettarono le basi per uno dei grandi capolavori di Hemingway, “Addio al armi”.

L’infermiera e l’ufficiale protagonisti del romanzo trascorrono un’ultima notte di amore in un albergo di Milano
prima di separarsi e consumano il pasto in camera.

MENU
SOUFFLE’ DI PATATE
PURE’ DI CASTAGNE
BECCACIA FLAMBE’ ALL’ARMAGNAC
INSALATA
ZABAGLIONE

BECCACIA FLAMBE’ ALL’ARMAGNAC
2 beccacce
¼ di limone
4 fette di pancetta
2 noci di burro
1 cucchiaini di mostarda
½ tazza di Armagnac

Bagnate le beccacce con il limone, salate e mettete il pepe.
Mettete la pancetta in padella e fatela cuocere finchè non diventa croccante, toglietela dal fuoco e mettetela da parte.
In un’altra padella mettete il burro e quando comincia a schiumare mettete le beccacce.
Fatele dorare su entrambi i lati e lasciatele cuocere fin quando le beccacce non smetteranno di tirare fuori i liquidi.
Aggiungete la mostarda e poco dopo mettete il brandy.
Attenzione alla fiamma. Quando la fiamma generata dal brandy si spegnerà le beccacce saranno pronte.


Fonte: clubmachiavelli.it

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Anniversario della nascita di Ernest Hemingway
Postato da Grazia01 il Martedì, 21 luglio @ 18:52:56 CEST (644 letture)
Racconti e altro di Hemingway






Il 21 luglio del 1899 (116 anni fa) nasceva:
Ernest Hemingway scrittore, Nobèl per la letteratura 1954.


Tu non sei i tuoi anni

Tu non sei i tuoi anni,
nè la taglia che indossi,
non sei il tuo peso
o il colore dei tuoi capelli.
Non sei il tuo nome,
o le fossette sulle tue guance,
sei tutti i libri che hai letto,
e tutte le parole che dici
sei la tua voce assonnata al mattino
e i sorrisi che provi a nascondere,
sei la dolcezza della tua risata
e ogni lacrima versata,
sei le canzoni urlate così forte,
quando sapevi di esser tutta sola,
sei anche i posti in cui sei stata
e il solo che davvero chiami casa,
sei tutto ciò in cui credi,
e le persone a cui vuoi bene,
sei le fotografie nella tua camera
e il futuro che dipingi.
Sei fatta di così tanta bellezza
ma forse tutto ciò ti sfugge
da quando hai deciso di esser
tutto quello che non sei.

Ernest Hemingway

È sbagliato giudicare un uomo dalle presone che frequenta. Giuda, per esempio, aveva degli amici irreprensibili.

Ernest Hemingway



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi è l'anniversario della nascita di Hemingway
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 luglio @ 18:57:56 CEST (1249 letture)
Racconti e altro di Hemingway




Nato il 21 luglio 1899 a Oak Park, Illinois, USA, Ernest Hemingway è lo scrittore simbolo del Novecento letterario, colui il quale ha saputo rompere con una certa tradizione stilistica riuscendo ad influenzare successivamente generazioni intere di scrittori.

da I quarantanove racconti

Andando dove dovete andare, facendo quel che dovete fare, vedendo quel che vi tocca vedere, lo strumento che usate per scrivere si rovina e si smussa. Ma preferisco che sia smussato e dovergli ridare forma e affilarlo di nuovo sulla mola,
sapendo di avere qualcosa da scrivere, anzichè averlo lucido e brillante e non aver niente da dire, averlo liscio e ben oliato, ma inutilizzato, in un cassetto. Adesso è necessario tornare a lavorar di mola. Mi piacerebbe vivere tanto da poter scrivere altri tre romanzi e venticinque racconti.
Ne so di quelli buoni.




I vecchi non diventano saggi, diventano attenti

Non lo disse ad alta voce perché sapeva che a dirle, le cose belle non succedono.

Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare

I bei libri si distinguono perché sono più veri di quanto sarebbero se fossero storie vere.

Oggi non è che un giorno qualunque di tutti i giorni che verranno,
ma ciò che farai in tutti i giorni che verranno dipende da quello che farai oggi.




Su un giornale

Su un giornale
Ho visto la foto di un manganello,
Coperto di borchie di ferro
E con un chiodo d'acciaio sulla punta.
Ho pensato:
Dio, farlo dondolare sarebbe proprio bello;
E avevo una gran voglia d'impugnarlo
E sentirlo scricchiolare sulla testa di qualche unno-
Preferibilmente disarmato -
E un altro
E un altro, e un altro.
Dio, non sarebbe bello?
- Sfondare il cranio,
- E vederne sprizzare il sangue come quando accoppano i manzi
al mattatoio?
Se gridasse "Kamerad",
Dài!
Lo stesso pomeriggio ho visto uno svedese,
Alto e biondo, la faccia di bambino,
Ubriaco, resisteva a tre poliziotti
Che cercavano di estrarlo dall'auto.
Il più grosso ha calato lo sfollagente sulla testa del ragazzo,
Con un colpo che si è sentito fino a qui;
Non il lugubre "bonf" di un manganello
Ma uno sparo
Poi tutti l'han percosso e lui è caduto,
L' hanno tirato su per una scala,
Col viso insanguinato che sbatteva, sbatteva, sbatteva,
Sui gradini.
Gesù! Sono io quello
Che voleva adoprare
Il manganello?


Ernest Hemingway
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'inesprimibile
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 04 agosto @ 22:07:15 CEST (1249 letture)
Racconti e altro di Hemingway





L'inesprimibile



Quando in giugno svolazzavano i moschini
Intorno al lampione sull'angolo


Leggi Tutto... | 559 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un giorno di attesa
Postato da Grazia01 il Lunedì, 08 marzo @ 12:47:27 CET (4247 letture)
Racconti e altro di Hemingway

Un giorno di attesa

Entrò nella stanza per chiudere le finestre mentre eravamo ancora a letto e vidi che aveva una brutta cera. Era pallido, scosso da brividi, e camminava lentamente come se muoversi gli riuscisse doloroso.
Leggi Tutto... | 5890 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Da "Fiesta"
Postato da Grazia01 il Martedì, 16 febbraio @ 16:23:12 CET (1271 letture)
Racconti e altro di Hemingway


La mattina, appena sveglio, andai alla finestra e guardai fuori. Era schiarito e sulle montagne non c'erano più nuvole. Fuori, sotto la finestra, si vedevano dei carri e una vecchia diligenza col tetto di legno incrinato e spaccato dalle intemperie. Doveva essere un residuo dei tempi precedenti l'avvento dei pullman. Una capra saltò su uno dei carri e da lì sul tetto della diligenza. Voltò di scatto la testa verso le altre capre rimaste sotto e quando le feci un cenno di saluto saltò giù di nuovo.
Leggi Tutto... | 21101 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Storia banale
Postato da Grazia01 il Venerdì, 05 febbraio @ 14:09:59 CET (1592 letture)
Racconti e altro di Hemingway

Storia banale.


Così mangiò un'arancia, sputandone i semi a uno a uno.
Fuori la neve si cambiava in pioggia. Dentro sembrava che la stufa elettrica non mandasse alcun calore e lui, alzandosi dalla scrivania, si sedette sulla stufa. Come si stava bene! Questa, finalmente, era vita.
Leggi Tutto... | 4643 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Vecchio al ponte
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 marzo @ 10:54:27 CET (3437 letture)
Racconti e altro di Hemingway

Un vecchio con gli occhiali cerchiati d'acciaio e i vestiti coperti di polvere sedeva sul ciglio della strada. Sul fiume c'era un ponte di barche e carri, camion, e uomini, donne e bambini lo stavano attraversando. I carri tirati dai muli salivano traballando l'erto argine del fiume verso il ponte con i soldati che aiutavano a spingere contro i raggi delle ruote. I camion vi salivano e se ne allontanavano sferragliando, lasciandoselo rapidamente alle spalle, e i contadini marciavano faticosamente nella polvere che gli arrivava alle caviglie.
Leggi Tutto... | 3977 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.58


Una storia molto breve
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 marzo @ 09:52:50 CET (1722 letture)
Racconti e altro di Hemingway

A Padova, una sera molto calda, lo portarono sul tetto, e lui poté vedere la città dall'alto. Il cielo era pieno di rondoni. Dopo un po' si fece buio e comparvero i riflettori. Gli altri scesero portandosi dietro le bottiglie. Lui e Luz li potevano sentire, sotto, sul balcone.
Leggi Tutto... | 3391 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un posto pulito, illuminato bene
Postato da Grazia01 il Martedì, 03 marzo @ 12:54:37 CET (1228 letture)
Racconti e altro di Hemingway

Era tardi e tutti avevano lasciato il caffè tranne un vecchio seduto all'ombra che le foglie dell'albero formavano contro la luce elettrica. Di giorno la strada era polverosa, ma di notte la rugiada fissava la polvere e al vecchio piaceva stare seduto fino a tardi perché era sordo e di notte c'era un gran silenzio e lui avvertiva la differenza.
Leggi Tutto... | 7808 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Colline come elefanti bianchi
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 febbraio @ 17:43:26 CET (6879 letture)
Racconti e altro di Hemingway
Le colline che attraversano la valle dell'Ebro erano lunghe e bianche. Di qua non c'era ombra né alberi, e la stazione era tra due file di binari sotto il sole. Contro il fianco della stazione c'era l'ombra calda dell'edificio e una tenda, fatta di filze di tubetti di bambù, appesa davanti alla porta aperta del bar, per tener fuori le mosche. L'americano e la ragazza che era con lui sedevano a un tavolo all'ombra, fuori dall'edificio.
Leggi Tutto... | 7666 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Maternità [ 0 commenti - 28 letture ]
 Se saprai starmi vicino [ 0 commenti - 17 letture ]
 Indovinami, indovino [ 0 commenti - 28 letture ]
 il tempo [ 0 commenti - 25 letture ]
 Buone Feste [ 0 commenti - 16 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 24
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy