Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 497
Totale: 497
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: News
06: Home
07: Home
08: Home
09: News
10: Home
11: Home
12: News
13: Home
14: Home
15: News
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: News
24: Search
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: coppermine
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Search
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: News
55: Home
56: coppermine
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: coppermine
66: Stories Archive
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: News
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Stories Archive
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Your Account
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: News
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Search
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Search
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: coppermine
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: News
130: Home
131: News
132: Home
133: coppermine
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: coppermine
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: News
161: Home
162: coppermine
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: coppermine
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: News
176: Home
177: Home
178: Home
179: News
180: Home
181: Home
182: coppermine
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: Home
192: Home
193: coppermine
194: Home
195: coppermine
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: News
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: coppermine
212: Home
213: Home
214: Home
215: Search
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: News
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: Your Account
266: Home
267: Home
268: News
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Home
275: News
276: Home
277: Home
278: Home
279: Home
280: Statistics
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Forums
286: Home
287: Home
288: Forums
289: Home
290: Home
291: Home
292: Home
293: Home
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: News
315: Home
316: Home
317: Search
318: News
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: News
325: Home
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: Stories Archive
337: Home
338: Home
339: Home
340: Home
341: News
342: Home
343: Home
344: Home
345: Home
346: Home
347: Home
348: Home
349: Home
350: Home
351: Home
352: News
353: Home
354: Home
355: Home
356: Home
357: Home
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: Home
364: Home
365: Home
366: Home
367: Home
368: Home
369: coppermine
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: coppermine
376: Home
377: Home
378: Home
379: Home
380: Home
381: Home
382: coppermine
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: Home
395: Home
396: Home
397: Search
398: Home
399: Home
400: Home
401: Home
402: Home
403: Home
404: Home
405: Home
406: Home
407: Home
408: Home
409: Home
410: coppermine
411: Search
412: Home
413: Home
414: Home
415: Home
416: coppermine
417: Home
418: Home
419: Search
420: News
421: Home
422: Home
423: Home
424: Home
425: Home
426: Home
427: Home
428: Home
429: Home
430: Home
431: Home
432: Home
433: Home
434: Home
435: Home
436: Home
437: Home
438: Home
439: Home
440: News
441: Home
442: Home
443: Home
444: Home
445: Home
446: coppermine
447: Home
448: Home
449: Home
450: Home
451: Home
452: News
453: Home
454: Home
455: Home
456: Home
457: Home
458: Home
459: Home
460: Home
461: Home
462: Home
463: Statistics
464: Home
465: Home
466: News
467: Home
468: Home
469: coppermine
470: Home
471: Home
472: Home
473: Home
474: Home
475: Home
476: Home
477: Home
478: Home
479: Home
480: Home
481: Home
482: Home
483: Home
484: Home
485: Home
486: Home
487: Home
488: coppermine
489: Home
490: Home
491: Home
492: Home
493: Home
494: Home
495: Home
496: Home
497: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9054
  · Viste: 1924125
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Recensioni I

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

FIORI DI SERRA
Postato da Grazia01 il Lunedì, 28 settembre @ 19:35:34 CEST (1348 letture)
Recensioni  I Nel sito della nostra cara amica Miriam Ballerini ho il piacere di leggere:



Miriam Ballerini a Lugano.
Miriam Ballerini riceve il premio dalle mani del presidente della Universum Valerio Ruberto.
17 maggio 2009- Premio Internazionale Europa

Fiori di serra è arrivato quarto su 242 libri della categoria libro edito, in un premio che vede coinvolti:

PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE "Europa" X edizione 2009
Leggi Tutto... | 439 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Diciannove minuti: quando il bullismo uccide
Postato da Grazia01 il Lunedì, 28 settembre @ 18:51:21 CEST (1418 letture)
Recensioni  I

Diciannove minuti, negli Stati Uniti ha venduto più di un milione e mezzo di copie. A scriverlo è stata Jodi Picoult, laurea a Pricenton e master in pedagogia ad Harward, sbarcata nelle librerie italiana con l’editore Corbaccio.
La sua storia, ambientata a Sterling, nel New Hampshire, racconta la strage compiuta da Peter Houghton, un ragazzo di diciasette anni che, dopo aver ferito a morte diversi studenti, tenta di togliersi la vita.
Leggi Tutto... | 2796 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie alla luna
Postato da Grazia01 il Sabato, 08 agosto @ 18:35:19 CEST (1414 letture)
Recensioni  I

Nei disegni dei bambini, la luna non manca mai. Come se, invece di essere qualcosa di fuori dal mondo, ne facesse parte.
Leggi Tutto... | 487 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Kualid che non riusciva a sognare
Postato da Miriam il Lunedì, 29 giugno @ 15:55:07 CEST (1077 letture)
Recensioni  I Questo autore ci è noto come Vauro, vignettista satirico. Con questo romanzo lo si scopre anche bravo scrittore, dalla penna felice.

Leggi Tutto... | 2063 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Congratulazioni Miriam!
Postato da Grazia01 il Martedì, 21 aprile @ 17:20:39 CEST (1078 letture)
Recensioni  I Ricevo dalla nostra amica Miriam il seguente messaggio:

"Fiori di serra" ha ottenuto un riconoscimento importantissimo in Europa,
ne sono fiera, in particolare perché lo dedico alle persone a cui ho inteso
dare voce.
Il 17 maggio alle ore 10,00 sarò a Lugano a ritirare la coppa e il diploma.


Leggi Tutto... | 871 bytes aggiuntivi | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un giorno un angelo...
Postato da Miriam il Martedì, 07 aprile @ 16:47:19 CEST (1158 letture)
Recensioni  I Per la sua terza raccolta di poesie, l’autrice comasca Daniela Benaglia ha pensato di parlarci del suo angelo. A differenza della visione che tutti noi abbiamo degli angeli, cioè eterei e invisibili, quello di Daniela ha un nome e un volto: sua nonna Aurora.

Leggi Tutto... | 2997 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sospiri condivisi
Postato da Miriam il Venerdì, 03 aprile @ 15:36:40 CEST (1300 letture)
Recensioni  I La prima cosa che colpisce è il titolo: due vocaboli che esprimono perfettamente il concetto di unione, di fusione di due persone. Sia sotto l’aspetto affettivo che quello erotico.

Leggi Tutto... | 2676 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dall'alba al tramonto
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 25 marzo @ 21:39:49 CET (1384 letture)
Recensioni  I

Ho ricevuto ieri un bellissimo regalo: un libro con dedica firmata dall’autrice.
Ieri sera ho comincialo a leggerlo e mi ha “preso” a tal punto che non ho potuto smettere,
ho fatto le ore piccole per finirlo.
Leggi Tutto... | 1001 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Segni
Postato da Miriam il Venerdì, 20 marzo @ 20:49:43 CET (1117 letture)
Recensioni  I Segni è il titolo di questa prima raccolta di poesie di Tinti Baldini. Solo segni come se fossero orme di lei donna, lasciate dietro sé. Ma questi segni lasciano un solco ben marcato in chi legge le sue poesie. Non riesco a dire quale ho preferito, quale mi ha dato di più, quella scritta meglio.

Leggi Tutto... | 2665 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il mio vento di Almina Madau
Postato da Grazia01 il Venerdì, 21 novembre @ 22:43:32 CET (1218 letture)
Recensioni  I Ho ricevuto una bellissima notizia, la nostra amica Almina ha pubblicato un libro di poesie dal titolo "Il mio vento"




Qui potete vederlo, e leggere le recensioni

Alcune le riporti qui:
Leggi Tutto... | 1248 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L'illusione del bene di Cristina Comencini
Postato da Antonio il Mercoledì, 12 marzo @ 13:53:48 CET (899 letture)
Recensioni  I L'illusione del bene - Cristina Comencini



Mario è un uomo svuotato, malinconico, deluso. Ha creduto con passione di cambiare il mondo e, dopo quasi dieci anni, non si è ancora del tutto rassegnato al crollo degli ideali in cui ha creduto e alla resa di quanti, come lui, avevano coltivato una fede politica forte e in qualche modo definitiva. Soprattutto non riesce a capacitarsi che nessuno condivida la sua ossessione.
Leggi Tutto... | 1939 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La neve era sporca
Postato da Grazia01 il Venerdì, 05 ottobre @ 19:01:26 CEST (1001 letture)
Recensioni  I

La neve era sporca
di Georges Simenon


Frank, 19 anni, vuole uccidere una persona. Non una in particolare. L'importante per lui è ammazzare.
È quello il rito di iniziazione alla vita che si è scelto.
Leggi Tutto... | 947 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Delitti
Postato da Miriam il Martedì, 02 ottobre @ 18:47:30 CEST (1766 letture)
Recensioni  I Vittorino Andreoli è uno dei più autorevoli psichiatri italiani. Molti i testi da lui pubblicati e innumerevoli le perizie psichiatriche che ha condotto su richiesta dei tribunali.
Ci sono crimini che apparentemente sembrano inspiegabili, a volte così efferati da parere disumani.
Eppure, anche chi commette delitti atroci è pur sempre un essere umano, il quale porta dentro di sé delle motivazioni profonde.


Leggi Tutto... | 3003 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Eureka street
Postato da Antonio il Lunedì, 01 ottobre @ 09:37:24 CEST (909 letture)
Recensioni  I

Eureka street (1999)
di Robert McLiam Wilson


"Che effetto fa una bomba? Se', esplosivo, ovvio. Assordante. E agghiacciante, irreversibile.
Come un piatto in frantumi, un gatto preso a calci o una frase scappata di bocca.
Un'infamia, fonte di caos e disordine, ma anche, anzi soprattutto, di consapevolezza".
Leggi Tutto... | 742 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La donna di Gilles
Postato da Grazia01 il Martedì, 18 settembre @ 19:37:19 CEST (1229 letture)
Recensioni  I

Un'amica mi ha passato un libro dicendomi che era bello ma "doloroso"e mi sono ritrovata nella vertigine di un romanzo miracolosamente in equilibrio tra introspezione e cronaca dei fatti, e soprattutto totalmente, appassionatamente femminile.
Leggi Tutto... | 660 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Io sono l'assassino
Postato da Miriam il Venerdì, 14 settembre @ 20:25:29 CEST (2357 letture)
Recensioni  I Il romanzo di Walter viene definito un thriller, il titolo stesso porta a ritenere che si tratti di un libro di quel genere.
Secondo il mio parere, invece, è un romanzo giallo usato come scusa per raccontare un’ interessante storia di vita.


Leggi Tutto... | 2419 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ignoranza di Milan Kundera
Postato da Antonio il Mercoledì, 12 settembre @ 19:15:34 CEST (3077 letture)
Recensioni  I

L'ignoranza
Milan Kundera

(1992)

La memoria non è una facoltà obbediente.
Ride della presunzione degli uomini.
Questi pretendono che gli si restituiscano,
dopo anni, ricordi delle cose memorabili così come credono di averle vissute.
Leggi Tutto... | 808 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


CON GLI OCCHI DEL NEMICO
Postato da Antonio il Mercoledì, 05 settembre @ 11:48:59 CEST (1188 letture)
Recensioni  I

CON GLI OCCHI DEL NEMICO
DI DAVID GROSSMAN



Siamo inondati di libri su Israele; ma non smettiamo di leggerli, sapendo che è lì che si gioca una delle partite più difficili e delicate per raggiungere la pace in Medio Oriente.
L'ultimo in ordine di apparizione è quello di David Grossman, un romanziere famoso, che spesso, anche sui giornali italiani, interviene a commentare le fasi purtroppo quasi sempre caldissime di quel conflitto.
Leggi Tutto... | 1700 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lezioni americane
Postato da Antonio il Giovedì, 23 agosto @ 23:01:49 CEST (1746 letture)
Recensioni  I Lezioni americane (1991)
Italo Calvino


Leggi Tutto... | 985 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le notti di Salem
Postato da Miriam il Mercoledì, 18 luglio @ 19:27:36 CEST (1301 letture)
Recensioni  I Nel 1975 esce in America la prima versione di “Le notti di Salem”. A distanza di trent’anni, nel 2005, King pubblica lo stesso libro con qualche variazione.
Il romanzo ha mantenuto integra la storia, l’inizio e la fine. E' stato migliorato in alcune sue parti e, qua e là, corretto e reso più scorrevole.
Leggi Tutto... | 2867 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La sorella di Sandor Marai
Postato da Grazia01 il Venerdì, 06 ottobre @ 19:06:17 CEST (1280 letture)
Recensioni  I

La grande forza dello scrittore ungherese è sempre stata quella di sapersi immedesimare nei suoi personaggi: i quali hanno, sì, un certo "fondo comune" di oscurità e melanconia, ma sono, comunque, diversissimi tra loro.
Stavolta, il protagonista del romanzo è un famoso pianista ungherese che, all'improwiso, durante un viaggio in Italia, si ammala di una misteriosa, grave malattia.
Leggi Tutto... | 1072 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ho sognato la cioccolata per anni di Trudi Birger
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 04 ottobre @ 18:21:25 CEST (7995 letture)
Recensioni  I

Non è un romanzo, è una testimonianza sofferta che ci arriva dal passato, da un periodo storico che faremmo bene a non dimenticare: l’olocausto.
Fino a quando ci saranno persone come la Birger che hanno il coraggio di rivivere un mostruoso incubo, anche dopo essersi accorti che era un’atroce realtà, ci saranno libri come questo: dolorosi da leggere, con momenti e frasi terribili che sicuramente ci faranno stare male.
Leggi Tutto... | 2284 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 2.55


Lettera al mio giudice di Georges Simenon
Postato da Antonio il Lunedì, 02 ottobre @ 20:09:22 CEST (1579 letture)
Recensioni  I

Charles Alavoine, medico, figlio di contadini, è in carcere. Ha ucciso. E dalla cella, dopo essere stato condannato, scrive una lettera al suo giudice. Non cerca la grazia e nemmeno la compassione. Vuole solo raccontare la sua storia: quella di un amore grande e criminale. Vuole descrivere la complicità che nasce tra la vittima e il carnefice. Charles Alavoine è lucido nel suo racconto. I suoi sentimenti sono i nostri, le sue parole quelle che useremmo noi. Lo si accompagna pagina dopo pagina verso il suo crimine, e ci si accorge che potrebbe essere il nostro.

La scelta di A.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il barone rampante di Italo Calvino
Postato da dada il Martedì, 19 settembre @ 19:39:21 CEST (1509 letture)
Recensioni  I Che libro per Italo Calvino?
"Lezioni americane"?"Il sentiero dei nidi di ragno"?"Le città invisibili"?
C'è quasi sempre il Capolavoro, nella bibliografia di un autore, al limite si
discute su qual'è. Calvino ce lo risparmia.
Leggi Tutto... | 461 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Trilogia della città di K. di Agota Kristof
Postato da dada il Lunedì, 11 settembre @ 16:53:37 CEST (1383 letture)
Recensioni  I Il fascino della vita è che ne esistono tante versioni quante sono le vite. E non in senso biografico.
Il fascino di questo libro di Agota Kristof è che scoraggia chi la letto dal confronto su reciproche versioni.
E chi l'ha letto sa perchè. Se ne rende conto alla fine ma gli viene suggerito fin dall'inizio,
quando conosce due strepitosi bambini abbandonati nel disastro di una guerra.
Di loro non si conosce età, Paese, momento storico.
Hanno ogni età, sono di tutti i Paesi, vivono in qualsiasi epoca.
Poi, quando finalmente c'è la speranza di ricostruirne la storia, crolla tutto.
Il libro finisce. E il lettore sceglie la loro storia.


da: La scelta di A
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gianni Rodari - Favole al telefono
Postato da Grazia01 il Lunedì, 04 settembre @ 08:42:20 CEST (7451 letture)
Recensioni  I

"C'era una volta il ragionier Bianchi, di Varese. Era un rappresentante di commercio e sei giorni su sette girava l'Italia intera vendendo medicinali...Così ogni sera, dovunque si trovasse, alle nove in punto chiamava al telefono Varese e raccontava una storia alla sua bambina. Questo libro contiene appunto le storie del ragionier Bianchi. Sono tutte un po' corte: per forza, il ragioniere pagava il telefono di tasca sua, non poteva mica fare telefonate troppo lunghe"
Piccoli racconti perfetti quelli di Granni Rodari (1920-1980) maestro della narrativa per l'infanzia. Ma non solo"La fantasia sta dentro di noi come la ragione" è una delle sue frasi preferite.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 2.6


Bassa marea di Miriam Ballerini
Postato da Miriam il Lunedì, 03 luglio @ 18:52:56 CEST (1273 letture)
Recensioni  I Vincitore terzo premio al concorso internazionale A.U.P.I. 2005
per la narrativa edita.

Ha partecipato al Premio Chiara 2006.

Bassa marea
Scavare tra le apparenze
per cercare nel profondo
di Maria Gulino



Racconti e poesie: esperienze di esistenza in un percorso lungo una vita...
per andare alla ricerca di una spiegazione del dolore e dell’incomprensione

Vite parallele, storie di uomini, fatti quotidiani misti a esigue vicende autobiografiche sempre al di là delle esteriorità, racchiudono il testo Bassa marea (EEditrice.com SerEl International, pp. 144, € 9,00) della giovane Miriam Ballerini, che in precedenza ha già pubblicato alcuni romanzi, grazie a uno dei quali (La casa degli specchi) ha ricevuto il Premio internazionale “Michelangelo”.
Adesso ha deciso di cambiare rotta in un’opera di “alti e bassi”, composta di prosa e versi, offrendo – nella lettera di presentazione del suo ultimo libro – una chiave di lettura per guidare ulteriormente il suo pubblico.
In prima persona afferma: «Ho camminato nella metafora della bassa marea, raccogliendo quel che il mare lasciava scoperto, a mano a mano nel suo ritrarsi. Ciò che andrete ora a leggere è ciò che ho scovato appena sotto la superficie».
Bassa marea «segue il senso naturale del tempo» – leggiamo nella nota di lettura al testo –, racconta pertanto le evoluzioni della vita: da prima della nascita fino a dopo la morte. A fare da protagonista è “la durata temporale” dunque, all’interno della quale sono presenti anche le svariate problematiche della cronaca dei giornali: disagi giovanili, droga, omicidi, paure adolescenziali, suicidi, violenze sessuali. Parecchie sono le considerazioni che inducono alla riflessione etica, o le note incoraggianti che nei momenti di sfiducia donano un tocco di ottimismo.

Un invito a pensare
Per tutti quelli che hanno una vena artistica, e per quelli che ancora non hanno imparato ad ascoltarsi, l’autrice usa parole genuine e incoraggianti, esplicitando che «è nella solitudine dell’arte che si possono ascoltare i passi da noi camminati». La Ballerini ci invita così a guardare dentro, a prestare attenzione agli itinerari interiori, a percorrere il tragitto personale e a dare valore all’esistere. Leggiamo infatti che «il senso della vita è semplicemente nel suo cammino; non nella partenza, né nel suo epilogo», e ancora: «il senso della vita non sta nei metri camminati, / ma nelle soste che ci siamo consentiti. / La vita è accorgersi che un albero dà frutti / non solo quando questi cadono a terra, / ma prima, perché alzando gli occhi ai rami / ancora esitanti fiori, li si era già contemplati».
Nel testo sono riportate inoltre alcune citazioni di scrittori e filosofi come Platone, Leibniz, Schopenhauer, Kierkegaard (del quale ripete i versi più celebri per la maggior parte dei sognatori, che dovrebbero prendere coscienza della propria vita interiore: «Cos’è la giovinezza? Un sogno. / Cos’è l’amore? Il contenuto del sogno»), i quali si sono posti il problema dell’esistenza, del senso e del problema del vivere; o di quelli che hanno studiato il quotidiano fra i ceti meno abbienti (come Zola), associando i loro versi a immagini in bianco e nero che in qualche modo ne descrivono il significato visivo.

Tra versi e prosa
Leggendo fra le righe del testo, scorgiamo momenti di intimità con noi stessi, quasi a sottolineare la vocina interiore che guida i passi e propone la meta da seguire, o alla quale ambire. Nei momenti più tristi la nostra autrice, che diventa l’amica del cuore ad hoc, ci dice: «sappi che ogni giorno nuovo / giungerà a scacciare il precedente. / Scoprirai d’avere le tasche piene di seminagioni, / e solo tu saprai decidere il momento per spargerle». E ribadisce con tenacia che «la peggiore morte è quella dell’anima costretta a portare in giro un corpo defunto», in quanto è l’anima che in primis dona vita alla persona, la caratterizza, la distingue. È come un voler educare alla vita, invitando la gente a guardarsi dentro, a dare valore ai propri gesti che ogni giorno diventano meccanici. Ma l’essere umano, in quanto pensante, non è prevedibile.
Particolarmente emozionante è il racconto in prosa La donna di picche – La donna di cuori: le vite parallele di due donne che scoprono di aspettare un bambino. L’una per errore, in seguito a una relazione con un uomo sposato, il quale la invita ad abortire per sfuggire alle responsabilità. Si tratta di una ragazza non amata, né da un uomo, né dalla famiglia; sola quindi, e circondata dai vizi del denaro. L’altra felicemente sposata, cara al marito e alla famiglia, in dolce attesa, fiera di diventare madre.
Il volo invece è un racconto «ispirato a un fatto di cronaca», afferma la Ballerini. Affronta il tema del suicidio di una ragazzina adolescente, la cui esistenza era stata sempre intaccata dal volere dei genitori. Una sensibile anima che aveva vissuto la vita non secondo i propri desideri, sogni, spensieratezze... ma sottomessa ai doveri, a cercare di non dispiacere al padre che lavorava per mantenerla agli studi, ad ascoltare la madre che, insoddisfatta della vita passata, pretendeva di manipolarla.
«Niente era stato prezioso nella sua giovane vita, nulla che non fosse stato in qualche modo sporcato dalle impronte digitali di mamma e papà». E dopo la morte, rimasero – anche se vane – le lacrime del «pianto inconsolabile» della madre, la stessa che spinse (inconsapevolmente) la propria figlia a non esistere più.

Una personalità empatica
La spontaneità e la naturalezza con cui l’autrice scrive i racconti ci mettono di fronte alle realtà che spesso riguardano la maggior parte della gente. Pare di immergersi e vivere sensazioni già provate, da collocare nella propria esistenza o in quella della persona più vicina, che ci coinvolge perché da sempre conosciuta. Dalle righe esce fuori una sensibilità di tipo empatico, che riesce a cogliere i sentimenti del prossimo pur rimanendone all’oscuro tante volte.
Nell’Autoritratto appaiono segni, indizi della precedente affermazione. La Ballerini vuole offrire tracce di sé in pochi versi: «Sono un fastello di dubbi e di certezze / [...] Mi accompagno all’emozione del vivere / e del morire. Eterea come un sogno / presente e solida come un vecchio albero». Si considera riflesso, ombra che si insegue o si precede, e nello stesso tempo consapevole di se stessa.
L’alternare prosa e poesia rende il testo vivace e dinamico, di facile lettura, comprensibile e adatto a ogni tipo di pubblico. L’autrice utilizza uno stile semplice e immediato, per i lettori di ogni età, dall’adolescente che potrebbe rispecchiarsi e prenderne esempio, all’adulto che ripercorre i propri passi con una sana saggezza, traendone degli insegnamenti dettati dalla corrente filosofica dell’esistenzialismo, e intercalati nel contesto culturale odierno.
Cos’è dunque Bassa marea? È un testo, all’interno del quale troviamo pillole di saggezza grazie alle quali ci emozioniamo, ci guardiamo dentro e reagiamo. «Quando si è sommersi dal dolore, è facile mostrarsi ciechi a quello che di bello ci può venire offerto. Eppure è soltanto sotto la superficie». In qualche modo dal libro sgorga un inno alla vita, come un suggerimento dell’amico immaginario, che segue e aiuta a capire quale strada intraprendere, colui che fa vedere chiaro, l’obiettivo che segnala che la felicità è a portata di mano e che per vederla basta levare il velo dagli occhi... poiché essa è in attesa. In tale direzione sono utili i versi – che la scrittrice ci riporta – di Percy Bysshe Shelley: «Non sollevare il velo dipinto / che quelli che vivono / chiamano vita». Perché la vita già la possediamo. Se solo ci liberassimo dal guardare noi stessi dall’esterno, e ci concentrassimo su di noi dall’interno... capiremmo che la chiave che apre la porta al vivere... sta dentro di noi. Quello della Ballerini è perciò un invito a pensare, a cogliere le minuzie quotidiane che edificano palazzi interi, e creano capolavori intessuti di anime, e quindi validi, per i quali vale sempre la pena sperare e vivere. In ogni contesto. Sono essi che vanno a finire nei meandri infiniti dell’essere, inteso come esistere. Pillole di saggezza, perciò fornite di profonde verità: «Si è uomini più quando s’inciampa, che quando si percorre la via in un perfetto ballo coreografato».
Ci immergiamo in realtà senza false apparenze, ma solo condotte per vie umane, con errori e ripensamenti. Con debolezze e speranze di forza. Tutto quello che spesso non riusciamo o non vogliamo vedere è qui esposto con serena dolcezza.

Maria Gulino

(www.scriptamanent.net, anno III, n. 26, dicembre 2005)
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La casa degli specchi di Miariam Ballerini
Postato da Miriam il Lunedì, 03 luglio @ 18:52:32 CEST (1184 letture)
Recensioni  I Vincitore del Premio internazionale Michelangelo 2004 per la narrativa edita.

Nel 2005 libro di testo per le quinte superiori della Magistri Comacini di Como.

LA CASA DEGLI SPECCHI
Miriam Ballerini

OTMA edizioni

TRA NORMALITA’ E FOLLIA di Silvia Bottinelli (da Il Broletto di Como 2004).


Anche se non più costretti a vivere in manicomi e istituti i malati di mente restano individui isolati dalla società, imprigionati nei loro stessi pensieri e tenuti a distanza dall’incomprensione e dalla paura della gente. Ma come ci comporteremmo noi, se anche nella nostra mente il sottile velo che divide la “normalità” dalla follia si rom-pesse all’improvviso e ci trovassimo a dover ricomporre i cocci della nostra personalità?
Col suo nuovo romanzo Miriam Ballerini ci chiede di interrogarci su questa possibilità. La protagonista di
La casa degli specchi (OTMA Edizioni, pp. 184, 12,00 euro) è una signora con un nome comune, un lavora che la soddisfa e una figlia su cui riversa tutto il suo amore. La sua vita scorre tranquillamente finché, un giorno, guardandosi nell’anima, scopre di non piacersi affatto. L’orrore per la sua personalità, distorta da un egoismo incommensurabile, la porta a tentare il suicidio e poi a cominciare un lento processo di recupero in una casa di cura.
Nello spazio ristretto di una clinica in riva al mare convivono con lei altre donne con disagi psichici di varia entità ed evidenza: una ragazza anoressica, una giovane che non riesce ad uscire dalla sua camera, una donna con le tasche piene di bustine di zucchero rubate. Se c’è un perché a tutti questi atteggiamenti esiste anche la possibilità di riacquistare la serenità perduta. Ripercorrendo interiormente le tappe che hanno segnato la sua vita, Anna recupererà, anche grazie alle sagge citazioni di un’infermiera di colore, l’equilibrio necessario a farle desiderare di rimettersi in gioco.
Nato da un’intervista con un ragazzo ospite di un centro di recupero, La casa degli specchi è un nuovo tenta-tivo di Miriam Ballerini di avvicinare i suoi lettori ai malesseri della società contemporanea, per comprenderli senza pregiudizi. Con l’immediatezza che contraddistingue la sua scrittura, la giovane scrittrice appianese indaga nel disagio, fino a costruire una narrazione drammatica che, lontana dalla morbosità e dal voyeurismo, risulta di sicura efficacia.
Vincitore al concorso internazionale Michelangelo 2004 per la sezione narrativa edita.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dietro il sorriso del clown di Miriam Ballerini
Postato da Miriam il Lunedì, 03 luglio @ 18:52:06 CEST (1083 letture)
Recensioni  I Per la sua seconda opera Miriam Ballerini ha scelto un’ambientazione da sogno

DIETRO IL SORRISO DEL CLOWN

Miriam Ballerini

EEditrice.com

A soli sei mesi di distanza dall’uscita del suo primo libro, e dopo aver vinto la IV edizione del premio letterario di narrativa “Arcadia 2001”, Miriam Ballerini si ripropone sulla scena letteraria con un nuovo romanzo dal titolo “Dietro il sorriso del clown”, edito come il precedente dalla casa editrice EEditrice.com/ Ser.El International e acquistabile ondine all’indirizzo www.eeditrice.com (14 euro).
Per la sua seconda opera Miriam Ballerini ha scelto un’ambientazione da sogno: un minuscolo paese dalle stradine strette e acciottolate di nome Aurora, un laghetto circondato dal verde e una casa-rifugio, con una torre di mattoni e una grande vetrata. In questo contesto idilliaco si nasconde la storia drammatica, taciuta, della protagonista, anche questa volta una giovane donna, che improvvisamente si trova a dover combattere contro un nemico invisibile, che si annida nella sua mente. Ira, e con nessun’altro nome poteva essere stata battezzata da una madre che non l’aveva desiderata, è una donna segnata, esteriormente da una lunga cicatrice che le solca la guancia e interiormente dal ricordo dell’aggressione che l’ha marchiata in questo modo: una violenza subita quando era ancora una ragazzina. Questo ed altri fatti dolorosi, che sono restati sopiti per anni, ricompaiono subdolamente sotto forma di un malessere psicologico che destabilizza la giovane. Inaspettati attacchi di panico portano Ira a riconsiderare sé stessa e la sua vita, che troverà una svolta quando riuscirà a riportare alla luce i ricordi di cui pensava di essersi liberata.
Indagatrice attenta e sensibile di problematiche difficili, Miriam Ballerini ci presenta una storia intensa con la quale si conferma scrittrice con un grande senso drammatico, capace di creare situazioni e di sviluppare storie, coinvolgendo il lettore dalla prima all’ultima pagina. Il suo scrivere, invita ad avvicinarsi, lievi come una piuma, agli altri per ascoltarne le storie, e a guardare oltre l’apparente normalità delle cose per scoprire cosa c’è davvero dietro l’immobile sorriso del clown. Riflettere è già una terapia.
Silvia Bottinelli
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il giardino dei maggiolini di Miriam Ballerini
Postato da Miriam il Lunedì, 03 luglio @ 18:51:46 CEST (1064 letture)
Recensioni  I Essere come i maggiolini: apparire e sparire dopo una stagione, la stagione della vita.

Il giardino dei maggiolini
Miriam Ballerini


Eeditrice.com
Ser.EI.International

Pagg.156
Euro 15

Essere come i maggiolini: apparire e sparire dopo una stagione, la stagione della vita.
Cogliere la fuggevolezza del tutto per afferrare il senso del nostro breve esistere è uno degli intenti del piacevole libro di Miriam Ballerini. Con naturalezza, scorrevolezza e modestia, la scrittrice raccoglie in un quadro di vita comune che scorre in un piccolo centro della provincia, l’esistere quieto e tradizionale della giovane Beatrice dai diciotto anni fino al fidanzamento con colui che diverrà poi suo marito.
Una altro dei meriti del libro è proprio quello di render affascinante e interessante una vita qualunque.
Il tono è colloquiale al punto che alcune volte l’autrice si sdoppia intervenendo sulle motivazioni del suo scrivere (una sorta di crescita interiore) e stimolando un colloquio quasi diretto con il lettore.
Tutto ciò senza apparire mai né invadente né supponente. Anzi questa scelta mi pare felice proprio per accentuare l’impressione che per altro si ha sin dall’inizio della lettura, di trovarci di fronte ad uno stretto intreccio tra realtà e realtà romanzesca.
Un terzo intento del libro è quello di mettere a confronto due generazioni per così dire di "perdenti" (i giovani non ancora usciti di famiglia, gli anziani dimenticati in un piccolo ospizio) con una generazione di apparenti "vincenti" (i genitori) sino a capovolgere però i ruoli e l’importanza di tutti gli attori: i giovani riescono proprio con i "vecchi" a intendersi e da loro colgono il senso dell’esistere, anzi la voglia addirittura di vivere… mentre gli ospiti dell’istituto finalmente trovano nella ragazza che li accudisce -Beatrice- comprensione, amore, emozione, considerazione (quest’ultima, reciproca).
In particolare si staglia su tutte le figure degli anziani quella di Luce, la donna destinata con la sua morte a dare sboccio definitivo alla crescita della ragazza.
Una luce sinistra si accende invece su ogni gesto e parola del babbo e della mamma di Beatrice. Divieti e umiliazioni continui che fanno concludere ogni giornata nel pianto sembrano così inutili e meschini se non fosse che la scrittrice ci avverte di aver assunto totalmente il punto di vista della giovane protagonista, così da salvare in extremis la natura apparentemente diabolica della coppia.
Ancora si delinea il delicato ma forte rapporto tra la ragazza e suo fratello, e proprio in un’alleanza comune contro i genitori si scoprono adulti e vicini dopo anni di quasi indifferenza caratterizzati da tipiche gelosie tra figlio maggiore e figlio minore.
Un romanzo che si fa leggere con atteggiamento di curiosità e interesse reali grazie allo stile piano e assolutamente armonioso di Miriam Ballerini.

Anna M. Simm
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 1



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sera d’ottobre [ 0 commenti - 9 letture ]
 Rotonda terra [ 0 commenti - 9 letture ]
 Verso Luino [ 0 commenti - 8 letture ]
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 27 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 89 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy