Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 628
Totale: 628
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Forums
10: coppermine
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Surveys
21: coppermine
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Stories Archive
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: News
41: Home
42: Home
43: Stories Archive
44: Home
45: Home
46: coppermine
47: Home
48: Home
49: coppermine
50: Home
51: Home
52: Home
53: Stories Archive
54: Home
55: Forums
56: Home
57: News
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Stories Archive
65: Home
66: Home
67: News
68: News
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: News
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: News
94: Home
95: Stories Archive
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: News
101: Home
102: News
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: coppermine
123: Home
124: Home
125: coppermine
126: News
127: Forums
128: Home
129: Home
130: Search
131: Home
132: Home
133: Search
134: Home
135: News
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: News
149: Home
150: Forums
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: News
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Search
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: Home
192: Home
193: Home
194: coppermine
195: Home
196: Home
197: Home
198: Stories Archive
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: News
204: Home
205: coppermine
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: News
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Topics
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: coppermine
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: Forums
241: Home
242: coppermine
243: Your Account
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Forums
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: Contact
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: Home
268: coppermine
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: coppermine
274: Home
275: Home
276: Stories Archive
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: News
287: Home
288: Home
289: Home
290: Home
291: coppermine
292: News
293: News
294: Home
295: Home
296: coppermine
297: Home
298: Home
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: News
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: coppermine
315: Home
316: coppermine
317: Home
318: Home
319: News
320: Home
321: Home
322: Home
323: Stories Archive
324: Home
325: Home
326: Home
327: News
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Surveys
334: News
335: Home
336: Home
337: coppermine
338: Home
339: Home
340: Home
341: Home
342: Home
343: Home
344: Home
345: Home
346: Home
347: Home
348: Home
349: Home
350: Home
351: Home
352: Home
353: Home
354: Home
355: News
356: Home
357: Home
358: Home
359: Home
360: coppermine
361: News
362: Home
363: Home
364: Home
365: Home
366: Home
367: coppermine
368: Home
369: Home
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Forums
375: Home
376: Home
377: Home
378: Home
379: Home
380: Home
381: Home
382: News
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: Home
395: Home
396: Home
397: Home
398: Home
399: Home
400: Forums
401: Home
402: Home
403: Home
404: Home
405: News
406: Home
407: Home
408: Home
409: Home
410: Home
411: Home
412: Home
413: Home
414: Home
415: News
416: Home
417: Home
418: Home
419: Home
420: Home
421: Home
422: Home
423: News
424: Home
425: Home
426: Home
427: Home
428: Home
429: Home
430: Home
431: Home
432: Home
433: Home
434: Home
435: Home
436: Home
437: Home
438: News
439: Search
440: Home
441: News
442: News
443: Home
444: Home
445: Home
446: Home
447: Home
448: Home
449: Home
450: Home
451: Home
452: Home
453: News
454: Home
455: Home
456: Home
457: Home
458: Home
459: coppermine
460: Home
461: Home
462: Home
463: Home
464: Home
465: Home
466: Home
467: Home
468: Home
469: coppermine
470: Home
471: coppermine
472: Home
473: Home
474: Home
475: Home
476: Home
477: Home
478: coppermine
479: coppermine
480: News
481: Home
482: Home
483: Home
484: Search
485: Home
486: Home
487: Home
488: Home
489: coppermine
490: Forums
491: Home
492: Home
493: Home
494: Home
495: Home
496: Home
497: News
498: Home
499: Home
500: Home
501: Home
502: Home
503: Home
504: Home
505: News
506: Home
507: Home
508: Home
509: Home
510: Home
511: News
512: Home
513: Home
514: coppermine
515: Home
516: Home
517: Home
518: Home
519: coppermine
520: Home
521: Home
522: Home
523: Search
524: Home
525: Home
526: Home
527: Home
528: Home
529: Home
530: Home
531: Home
532: Home
533: Home
534: News
535: coppermine
536: Home
537: Home
538: Home
539: Home
540: coppermine
541: Home
542: Home
543: Home
544: Your Account
545: Home
546: Forums
547: News
548: Home
549: Home
550: Home
551: Home
552: Home
553: Home
554: Home
555: Tell a Friend
556: Home
557: News
558: Home
559: coppermine
560: coppermine
561: News
562: Home
563: Home
564: Home
565: Home
566: Forums
567: Home
568: News
569: Home
570: Home
571: Home
572: Home
573: Home
574: Home
575: Home
576: Home
577: Home
578: Home
579: News
580: Home
581: Home
582: Home
583: Home
584: Home
585: Home
586: Forums
587: Home
588: Home
589: Home
590: Home
591: Home
592: Home
593: Home
594: Home
595: Home
596: Home
597: Home
598: Home
599: Home
600: Home
601: Statistics
602: Home
603: coppermine
604: Home
605: Stories Archive
606: Home
607: Home
608: Home
609: Home
610: Home
611: Home
612: Home
613: Home
614: Home
615: coppermine
616: Home
617: News
618: Home
619: Groups
620: News
621: Home
622: Home
623: Home
624: Home
625: Home
626: Home
627: coppermine
628: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9064
  · Viste: 1924420
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Il 10 gennaio del 1902 nacque Dobriša Cesarić
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 gennaio @ 22:30:25 CET (391 letture)
Ricerche d'autore



Il 10 gennaio del 1902 nacque a Slavonska Požega, Dobriša Cesarić, poeta croato († Zagabria 1980)





Dopo aver trascorso i suoi primi anni di vita a Osijek, Dobriša Cesarić si trasferì nel 1916 a Zagabria dove compì gli studi superiori ginnasiali e universitari frequentando la facoltà di filosofia, e quindi intraprese le attività di bibliotecario e di pubblicista. Contemporaneamente ad i suoi corsi di studio, Cesarić sin dalla adolescenza si dilettò a scrivere versi ed il suo esordio è datato proprio intorno all'età di quattordici anni con la lirica intitolata I ja ljubim. Gli argomenti peculiari e ricorrenti presenti nelle sue opere risultarono le bellezze della natura, come nel caso di Jesen ("Autunno") e Kasna jesen ("Tardo autunno"), ma anche immagini tristi, malinconiche e luttuose come in Mrtvac ("Il morto"), e infine ricordi di vite andate, vedi il caso di Pjesma o kurtizani ("Canto della cortigiana") e Cirkuska skica ("Schizzo di circo"). Lo sfondo pessimistico che incombe in molte liriche di Cesarić accompagnò sia i toni riflessivi e intimistici sia gli slanci sociali e umanitari ben rappresentati nella Balada iz predgradja ("Ballata del sobborgo") e in Mrtvancica najbjednijih ("Obitorio dei più miseri"), opere che focalizzano l'attenzione intorno alle problematiche delle periferie urbane. Viceversa, in altre liriche appare una espressione di ottimistica fiducia nella vita umana, nei valori e nella società, come evidenziato in Zidari ("Muratori"), in Spoznanje ("Conoscenza") e in Na novu plovidbu ("Ad una nuova navigazione").Le raccolte più prestigiose di Cesarić si rivelarono Lirika ("Lirica") del 1931, Izabrani stihovi ("Versi scelti") del 1942, Pjesme ("Poesie") del 1951 e Goli căsovi ("Momenti nudi") del 1956.Tra gli scrittori preferiti da Cesarić, e che maggiormente lo ispirarono si possono citare quelli in lingua germanica e slava, da (Goethe, ad Heine e Rilke, da Puschkin, a Lermontow e Jessenin).



NUBE (Oblak)

Verso sera, all’improvviso,
Inosservata si direbbe,
Sola sovrastando la città,
Apparve una nube.

Il vento in alto la cullò,
Essa divenne tutt’accesa.
Però lo sguardo della gente,
Fu fisso sulle cose in terra.

Ciascuno bramò qualche meta:
Il pane, il potere o l’oro,
Ma la nube – stillando beltà –
Seguiva il proprio cielo.

E navigava sempre più su,
Quasi a Dio salir volesse,
Il vento in alto la cullò,
Il vento in alto la disperse.

FERROVIA (Željeznicom)

Palo del telegrafo, palo del telegrafo,
Campagna ghiacciata,
Sguardo sazio e ottuso,
Vita svogliata.

Si susseguono paesi e fermate,
Ma la tristezza, la tristezza dura.
La porto di stazione in stazione,
La porto di frontiera in frontiera.

Mi sento una ruota di vagone,
Da una Forza avanti portata
E sospinta,
Ma che in eterno, attorno all’asse,
Gira, gira.




MATTINO D'AUTUNNO (Jesenje jutro)

Mi vestìi.
Mi accostai alla finestra,
Vidi fuori: l’autunno.
Entra l’amico col mantello bagnato
E tutta la stanza profuma di pioggia.
Non dice nemmeno: ciao!
Si accomoda.
Esaltato
Pronuncia: «L’autunno».

Fu così fresca quella parola
Quasi un’arancia sul ramo
Dopo la pioggia.

(LIRICA, 1931)



BALLATA DEL SOBBORGO (Balada iz predgradja)

…E versa all’angolo un fanale
Luce rossastra e gialla
Sul fango denso presso un vecchio recinto
E qualche mattone per strada.

È povera la gente che entra
In quella luce dal buio,
Con i soliti pensieri sul viso,
E in fretta l’attraversa.

Però una sera qualcuno non c’è,
E doveva passare;
Il fanale arde,
Arde nella nebbia,
Ed è notte già.

Non c’è domani, né dopodomani,
Dicono che malato giace,
Non c’è per un mese, per due mesi,
Ed è inverno,
E nevica…

Passa la gente come finora,
Già maggio odora –
Solo lui non c’è, non c’è, non c’è,
Più non ci sarà.

E versa all’angolo un fanale
Luce rossastra e gialla
Sul fango presso un vecchio recinto
E qualche mattone per strada.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 10 gennaio 1893 nacque Vicente Huidobro
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 gennaio @ 20:34:59 CET (403 letture)
Ricerche d'autore







Vicente Huidobro, nome completo Vicente García-Huidobro Fernández nacque a Santiago del Cile il 10 gennaio 1893 e morì a Cartagena il 2 gennaio 1948, è stato un poeta cileno.
Ideatore del creazionismo poetico, è considerato fra i quattro maggiori poeti cileni, insieme con Neruda, De Rokha e Mistral






LA POESIA E’ UN ATTENTATO CELESTE


Io sono assente ma in fondo a questa assenza
C’è l’attesa di me stesso
E quest’attesa è un’altra forma di presenza
L’attesa del mio ritorno
Io vivo in altri oggetti
Viaggio dando un po’ della mia vita
A certi alberi e a certe pietre
Che mi hanno aspettato molti anni
Si sono stancati di aspettare e si sono seduti
Io non sono e sono
Sono assente e sono presente in stato d’attesa
Essi volevano il mio linguaggio per esprimersi
E io volevo il loro per esprimerli
Ecco qui l’equivoco l’atroce equivoco.
Angoscioso penoso
Mi addentro in queste piante
Lasciando i miei abiti
Mi stanno per cadere le carni
E il mio scheletro si riveste di cortecce
Sto diventando albero
Quante cose mi sono convertito in altre cose…
E’ doloroso e pieno di tenerezza
Potrei gridare ma si spaventerebbe la transustanziazione
Bisogna restare in silenzio Aspettare in silenzio

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 10 gennaio 1887 nacque Robinson Jeffers
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 gennaio @ 20:33:16 CET (660 letture)
Ricerche d'autore





il 10 gennaio 1887 nacque Robinson Jeffers, poeta statunitense († 1962)

Nato a Pittsburgh, si trasferì presto con la famiglia in California. Ebbe i primi insegnamenti dal padre — professore di letteratura antica ed esegesi dell'Antico Testamento — che fin dall'infanzia gli insegnò latino e greco. Iniziò a scrivere poesia all'età di quattordici anni, prendendo a modello Dante Gabriele Rossetti e Shelley. Fin dall'infanzia i genitori lo portarono in giro per l'Europa e l'America a visitare musei e nel 1913, dopo movimentati viaggi in Europa, si stabilì definitivamente a Carmel, in California, nella residenza di Tor House.
I temi principali della sua poesia sono la morte e la guerra; scrivendo durante la seconda guerra mondiale The Double Axe and Other Poems si rese in parte impopolare ribadendo l'isolazionismo. Vicino al naturalismo di Lawrence, Jeffers può essere considerato il capostipite della poesia ecologica.




Il deserto dell'anima
The soul's desert
di Robinson Jeffers


Rispolverano i vecchi orrori; i loro discorsi sono l'eco di un'eco.
Non immischiarti; sta a guardare.
Questi non sono criminali, né trafficanti o imbrattacarte; sono i governi
Delle grandi nazioni; gli accreditati
Della massa umana. Osservali. Ire e risa non contano più.
E' tempo di perdere ogni illusione,
Ciascuno entri nel deserto della sua anima
A cercare Iddio — avendo visto l'uomo.

---ooOoo---

They are warming up the old horrors;
and all that they say is echoes of echoes.
Beware of taking sides; only watch.
These are not criminale, nor hucksters and little
journalists, but the governments
Of the great nations; men favorably
Representative of massed humanity. Observe
them. Wrath and laughter
Are quite irrelevant. Clearly it is time
To become disillusioned, each person to enter
his own soul’s desert
And look for God — having seen man.

(traduzione di Mary de Rachelwitz)

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Anna Elisabeth Franzisca Adolphina Wilhelmina Ludovica Freiin von Droste zu Hül
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 gennaio @ 20:27:43 CET (448 letture)
Ricerche d'autore





Anna Elisabeth Franzisca Adolphina Wilhelmina Ludovica Freiin von Droste zu Hülshoff nacque il 10 gennaio 1797 e morì il 25 maggio 1848, è stata una scrittrice e poetessa tedesca.
Proveniente da una famiglia nobile cattolica, venne educata in modo rigido con un'impronta conservatrice, anche se la sua formazione culturale fu molto ampia.Di salute cagionevole e di tendenze malinconiche, la Droste, dopo una delusione d'amore compose in giovane età un buon numero di inni sacri che già nel 1820 raggiunsero la considerevole cifra di venticinque. La madre, però, disapprovò questa attività letteraria e la fece sospendere. Dopo la morte del padre si ritirò in campagna, conducendo una esistenza solitaria, interrotta solamente da qualche visita a centri culturali situati a Coblenza, Colonia e Bonn.In questo periodo compose ballate, poemetti narrativi e un romanzo intitolato Die Judenbuche ("Il faggio dell'ebreo") di non grande valore artistico, tranne che per qualche spunto anticipatore ricorrente nelle successive liriche, come ad esempio la descrizione del paesaggio vestfalico. Nel 1840 intraprese una relazione con lo scrittore Levin Schücking ed a causa di continue crisi d'asma si ritirò a vivere nel castello di suo cognato, sul lago di Costanza. In questi anni la poetessa produsse le migliori opere della sua carriera, a cominciare dalla raccolta Letzte Gaben ("Ultimi doni"), ispirata soprattutto dalla natura. Il suo stile lirico venne definito pre-impressionistico, mentre per i contenuti fu considerata anticipatrice del realismo, e infine per le atmosfere e la sensibilità venne accostata all'ultima ondata di Romanticismo.





ALLA TORRE

Sto lassù in alto, sul balcone della torre,
Lambita dagli stridii degli stormi,
E come una menade lascio che il vento
Mi sconvolga i capelli svolazzanti.
Oh selvaggio compagno, oh spavaldo ragazzo
Vorrei avvinghiarmi forte e a te,
E nervi conto nervi, a due passi dal precipizio
Lottare per la vita o per la morte!
In basso, alla spiaggia, vedo le onde,
Eccitate al gioco come mastini,
Agitarsi latrando, sibilando
E lanciando fiocchi scintillanti di spuma.
Oh, all’istante vorrei scagliarmi
Nel mezzo della muta fremente
E cacciare per i boschi di corallo
Il tricheco, la preda divertente!
Laggiù vedo una bandierina
Sventolare ardita come uno stendardo,
Scorgo, dalla mia aerea vedetta,
Alzarsi e abbassarsi la chiglia;
Vorrei essere su quel vascello in lotta,
E il timone impugnare
E come un gabbiano sfiorare
Il ribollio degli scogli sibilando.
Se fossi un cacciatore in aperta campagna,
Fossi un soldato, o solo una parte di esso,
O almeno un uomo,
Il cielo saprebbe darmi consiglio;
E invece, tanto linda e aggraziata,
Devo star seduta come bambina a modo,
E solo in segreto posso liberare i miei capelli
E lascirli svolazzare al vento.

Annette von Droste-Hülshoff

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 2 gennaio del 1922 nacque Blaga Dimitrova, poetessa bulgara
Postato da Grazia01 il Sabato, 02 gennaio @ 22:27:52 CET (648 letture)
Ricerche d'autore







Nel quadro della letteratura bulgara del nostro secolo, Blaga Dimitrova è da anni universalmente considerata
una tra le figure più significative. E' autrice di poesie, poemi, romanzi, saggi.
Notevole è anche la sua attività di traduttrice di classici e moderni della letteratura europea.
Nata in Bulgaria, nel paese di Bjala Slatina, il 2 gennaio 1922, Blaga Nikolova Dimitrova si trasferisce presto
nella capitale, Sofia, dove termina gli studi secondari classici.
Figlia di un'insegnate e di un avvocato, Blaga crebbe a Veliko Tarnovo e poi si trasferì a Sofia.
Finito il liceo nel 1942, studiò filologia slava presso l'Università di Sofia.
Dopo la laurea nel 1945, ha conseguito il dottorato a Mosca e a Leningrado.
Era una traduttrice ufficiale delle lingue greca, polacco, russo, svedese, tedesco e vietnamita,
scrisse saggi ed era una critica letteraria. Ha lavorato come redattore di libri per bambini.
Andò per cinque volte in Vietnam durante la guerra di Indocina, e, infine, ha adottato una ragazza vietnamita.
Era sposata con il critico letterario Jordan Vasilev.
Nel 1970, le sue opere diventarono strumenti di critiche del governo comunista,
e ha ricevuto rimproveri per non essere politicamente corretta.
Morì il 2 maggio 2003.






Dalla raccolta Il mondo in pugno, Sofia, 1962


IL CAMMINO FINO A TE

Fu lungo il mio cammino fino a te,
la vita intera quasi ti cercai
per serpeggianti avidi incontri
con altri, e tu non venivi.

E fino a dove s'apriva il tuo sguardo,
ombre attraversai e rumori sordi,
ma trapelava da me soltanto
purezza di suoni - per amor tuo.

Ogni tua carezza io piansi,
Prima che fosse nata la difesi,
e il nostro futuro incontro custodivo
con pazienza nel mio petto.

Fu lungo il mio cammino fino a te,
immensamente lungo, e quando tu davvero
finalmente davanti a me sei apparso,
ho riconosciuto te, ma me stessa a stento.

Immensi spazi avevo in me raccolto,
sconfinati aromi, timbri e desideri,
e abbracciavo ormai uno spazio così vasto
che accanto a me dovevi fermarti.

Fu lungo il mio cammino fino a te,
e ci ha unito per un incontro breve.
Sapendolo... di nuovo sceglierei
questo lungo cammino fino a te.

1961





MATTINO

Era necessario un addio, perché capissi,
che non c'è un addio per noi.

Per sempre porterò in me quest'alba
come segno di bruciatura.
Alzàti sul far del giorno,
partimmo verso l'aeroporto grigio
ed eravamo contenti, perché era così lontano.

La mia ultima parola fu un sorriso.

E sopra di noi sorgeva con l'addio
l' incontro vero e l'amore.

1961, Praga

Dalla raccolta Tempo inverso. Versi., Sofia, 1966.




ESSERE DONNA

Essere donna e' dolore
Soffri scoprendoti adulta.
Soffri di essere amante.
Soffri quando sei madre.
Ma insostenibile e' in terra
il dolore di essere donna
senza aver conosciuto questi dolori
fino in fondo...

1965




DONNA SOLA IN CAMMINO

Scomodo rischio è questo
in un mondo ancora tutto al maschile.
Dietro a ogni angolo ti aspettano
in agguato incontri vuoti.
E percorri vie che ti trafiggono
con sguardi curiosi.
Donna sola in cammino.
Essere inerme
è la tua unica arma.

Tu non hai mutato alcun uomo
in protesi per sostenerti,
in tronco d'albero per appoggiarti,
in parete - per rannicchiarti al riparo.
Non hai messo il piede su alcuno
come su un ponte o un trampolino.
Da sola hai iniziato il cammino,
per incontrarlo come un tuo pari
e per amarlo sinceramente.

Se arriverai lontano,
o infangata cadrai,
o diventerai cieca per l'immensità
non sai, ma sei tenace.
Se anche ti annientassero per strada,
il tuo stesso partire
è già un punto d'arrivo.
Donna sola in cammino.
Eppure vai avanti.
Eppure non ti fermi.
Nessun uomo può
essere così solo
come una donna sola.
Il buio davanti a te cala
una porta chiusa a chiave.
E non parte mai, di notte
la donna sola in cammino.
Ma il sole come un fabbro
schiude i tuoi spazi all'alba.

Tu cammini però anche nell'oscurità
e non ti guardi intorno con timore.
E ogni tuo passo
è un pegno di fiducia
verso l'uomo nero
col quale a lungo ti hanno impaurita.
Risuonano i passi sulla pietra.
Donna sola in cammino.
I passi più silenziosi e arditi
sulla terra umiliata,
anche lei
donna sola in cammino.

1965




ARS POETICA

Ogni tua poesia
crea come fosse l'ultima.
In questo secolo in volo
supersonico e saturo di stronzio,
carico di terrorismo,
sempre più improvvisa arriva la morte.
Ogni tua parola invia
come l'ultima prima della fucilazione,
un grido impresso nel muro di prigione.
Non hai diritto ad una menzogna,
neanche fosse un piccolo bel gioco.
Semplicemente non avrai il tempo
di correggere da solo il tuo errore.
Laconicamente e senza pietà
ogni tua poesia scrivi col sangue
come fosse un addio.

1966




FELICITÀ

Nel fondo di questa notte
la tenebra mi potrebbe soffocare
se accanto a me non ci fosse lui -
finestra aperta, illuminata
da cui prendere il respiro.

1966

Dalla raccolta Gong. Poesia scelta, 1976




ERBA

Nessuna paura
che mi calpestino.
Calpestata, l'erba
diventa un sentiero.

1974





FERRO DI CAVALLO

Un ferro di cavallo, perduto da tempo,
superstiziosa, comincia a mancarmi.
Lo prenderei in mano come diapason
che misurò il suono esatto
di ogni sasso,
di ogni incavo sul terreno,
di ogni orma che svanisce.
Lo alzerei al mio orecchio
col fiato sospeso, per sentire
l'eterno echeggiare delle strade
perdute per sempre,
e l'eco di una voce, sincera e spenta.
Potessi ritrovarlo,
prendere il la sulla mia fronte
e il tono mio misurare.

1975



Traduzione dal bulgaro: Valeria Salvini


Dalla raccolta Spazi, Sofia, 1980




SALA D'ASPETTO

L'intero spazio della mia vita
fu una sala d'aspetto da soglia a soglia,
racchiusa da vetri con aria in cornici d'acciaio
sotto le picche incrociate
di lancette d'orologio.

Stare in ascolto. Sussurrare. Trattenere il respiro.
Attendere un qualche segnale.
Ritardo. E di nuovo.
Ancora un poco. Già domani. Ancora
un attimo di pazienza infinita.

Se sbattevo l'ala contro l'aria vitrea,
invece di infrangerla,
era l'aria a spezzare la mia ala.

Sono già trascorsi i miei secondi.

Non saprò aspettare. Ma confuso
come in un sogno apparve
attraverso i vetri sporchi,
quasi in uno specchio nella nebbia,
il mio volto riflesso.

Era il volto stesso dell'attesa,
giunto al punto di pietrificazione.

E ho capito, all'improvviso:
c'è sempre un'ultima scadenza
per infrangerlo col naso -
per smuovere quest'aria inchiodata.

Non arriverà più un treno da altri luoghi.
Non più.

Dovrò io stessa diventare
il fischio di un treno lontano,
e un ritmo affannoso
sempre più veloce, sempre più vicino,
sempre più qui!


1978

Dalla raccolta Voce, Sofia, 1985





REBUS D'AMORE

In un certo ventoso crocivia
del caso e del probabile
un uomo con voce di serale chiarore
mi invitò all'interno del segreto.

Senza alcuna motivazione
di me stessa stupita
davanti a me stessa eretta
mi fermai sulla soglia.

E rimanemmo così
per sempre nell'inesplicabile
come due ombre di guardiani
davanti all'ingresso del desiderio.

Ora posso affacciarmi
nel profondo delle notti,
perché non sono più mie.

L'amore è desiderio
di provare il dolore fino in fondo
allo schiudersi degli occhi.
Poi, svelandosi,
si uccide da sé
ad occhi aperti.

L'ho salvato, mi chiedo,
quando l'ho costretto
alla cecità?

1982




TUTTO E' AMORE

Non aver fretta! - mi sussurrava una segreta voce. -
Non è matura l'ora dell'amore! -
Ed io, incorreggibile disubbidiente,
Soltanto a lei, Dio, ho dato ascolto -
né io stessa so il perché.

Non aver fretta! - E i grappoli tintinnano -
le campane di pioggia e di bronzo solare,
e nelle botti il vino sogna la tempesta,
si inaridiscono e si screpolano le labbra,
salate da una goccia di sangue.

Mistero d'amore, io non ti ho riconosciuto
nello sbocciare istantaneo della primavera.
Come è tangibile ciò che non sfioriamo,
come il calice non bevuto inebria,
come tutto è amore!


1982

Dalla raccolta A metà, Balgarski pisatel, Sofia, 1990




SPERIAMO

Speriamo che l'attimo non ti colga,
completato tutto,
posto a coronamento un punto
come chiodo conficcato nella parete
alle tue opere sognate.

Speriamo che l'attimo non ti falci,
invitato quasi al giubileo, -
avendo coronato fino in fondo
con accordo di bravura
i sogni in tuo possesso.

E nemmeno una parola non detta fino in fondo,
e nemmeno un rigo non finito di cancellare,
e nemmeno un' idea abbandonata
per un qualche futuro
passo verso l'incompiutezza.

Questo vorrebbe dire
che prima ancora di incominciare,
eri già finita,
senza un chicco solo che germogli
nella terra in attesa.

Speriamo che l'attimo arrivi prima.

1986




APPUNTI SOTTO IL CUSCINO

Li tiro fuori al risveglio
dal fondo dei sogni.

La mia mano ha graffiato,
libera nell'oscurità.

A stento decifro i segni
come iscrizioni runiche.

Mi sono inviata da sola
messaggi da un altro luogo.

E il mattino si rischiara
con la loro mancanza di chiarezza.

1988





ILLUMINAZIONE

Entro nella vecchiaia in punta di piedi,
come in un bosco d'autunno,
passo dopo passo sulle foglie vive
che ancora cadono.
Davanti a me - l'albero della vita.

E lentamente con sguardo ansimante
salgo verso il passato
e scendo nei giorni futuri.
Finalmente! Tanto infinito è per me
il cammino senza fretta.

Le direzioni non sono avare di curve.
La lontananza non fa male.
Non colpisce il gong della luna.
Non può essere incatenato
lo spirito che ha infranto le catene.

Non ti può essere tolto
quello che hai dato.
Mi rimane un'ultima
goccia di luce senza fine.
E spira pace dal mondo intero.

1988


Traduzione dal bulgaro: Valeria Salvini

Dalla raccolta Quaderno di scuola. Versi giovanili.




RAGNO

Distende col fiato suo un filo sottile
e con arte raffinata tesse la sua tela.
Al sole la tela risplende dorata -
per attirare uno sciocco moscerino.

E il mio sogno dell'anima come un ragno
di ora in ora tesse e intreccia un laccio,
d'oro e così attraente, lo so:
sono io quel moscerino.

1937

Dalla raccolta All'aperto. Poesie, Sofia, 1956



IL SORRISO DEL NORD

Colori d'arcobaleno sulla neve
attraverso una lacrima gelata.

1947


Leggi Tutto... | 6329 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Buon anno
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 30 dicembre @ 22:56:12 CET (3351 letture)
Messaggi II









commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il mio saluto al 2015....Ringraziamo
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 30 dicembre @ 22:43:09 CET (830 letture)
Poesie tematiche III













RINGRAZIAMO...

Rivolgiamo il nostro ringraziamento alla terra
che ci dona la nostra casa.
Rivolgiamo il nostro ringraziamento ai fiumi e ai laghi
che ci donano le loro acque.
Rivolgiamo il nostro ringraziamento agli alberi
che ci donano frutti e noci.
Rivolgiamo il nostro ringraziamento al sole
che ci dona calore e luce.
Tutti gli esseri sulla terra: gli alberi, gli animali,
il vento e i fiumi si donano l'un l'altro
così tutto è in equilibrio.
Rivolgiamo la nostra promessa di iniziare
a imparare come stare in armonia
con tutta la terra.

Dolores La Cappelle


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La tua voce
Postato da Grazia01 il Martedì, 29 dicembre @ 23:53:29 CET (508 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II







La tua voce


Ho nascosto un sogno

in un cassetto.

Ti ho cercata perché avevo

da parlarti del sogno

ma non ti ho trovata.

Quel giorno ti ho incontrato

e parlato

ed è quella musica che ricordo

e che ho nascosto nel cassetto

che ora non trovo più

scomparso assieme a te.


Roberto Chesini


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il 27 dicembre 1905 nacque Ugo Fasolo
Postato da Grazia01 il Domenica, 27 dicembre @ 22:37:18 CET (455 letture)
Ricerche d'autore



Ugo Fasolo (Belluno, 27 dicembre 1905 – Vicenza, 19 ottobre 1980) è stato un poeta italiano.




Laureatosi a Firenze in scienze naturali e specializzatosi in ingegneria ottica, cominciò a scrivere sin da giovane. La sua poetica risentì dell'esperienza nelle Grandi Guerre: e fu dopo la Seconda guerra mondiale che egli ebbe modo di esprimerla al meglio, qualificandosi come poeta della bellezza.
Nell'arco della sua vita collaborò alla rivista Il frontespizio, pubblicò anche con grosse case editrici e fu giurato nel Premio Settembrini. Ebbe occasione di frequentare numerosi letterati e artisti, fra cui Ardengo Soffici, Carlo Betocchi, Carlo Bo, Aldo Palazzeschi, Mario Pomilio, Diego Valeri, Giorgio Bàrberi Squarotti. Stabilitosi a Venezia nel 1950, successe al Valeri come presidente dell'Associazione degli Scrittori Veneti. E fu recandosi ad un convegno veronese di quest'Associazione che egli morì in un incidente automobilistico nel 1980, all'età di 75 anni. Scrisse anche libri di saggistica, diresse la rivista veneziana “Lettere venete” e fu tradotto in varie lingue europee.





Biglietto d'addio

Ricordami, se puoi, per un solo
mio gesto a te gradito, una parola.
Ricorda il filo azzurro che fluiva
tra noi un tempo come primavera
dell'anima: la rosa, la bellezza
goduto insieme, l'estate e l'accordo
coerente del cuore. Il resto è futile
nebbia. Ricordami nel fiore offerto:
e rimarrò lieve al tuo pensiero.

Ugo Fasolo





Date bellezza


Date bellezza agli uomini che gridano
il pane e l’odio, cercate bellezza
per gli uomini affamati e d’occhi rossi
conturbati in disperazione,
irosi chiedono il pane poiché non lo sanno
di morire per fame di bellezza.
Il pane è della membra; il cibo uguale
agli uomini e alle bestie sazia i ventri
dentro annodati d’ombra. Ma chi placa
l’angoscia d’essere, il pianto del cuore,
e del passato e futuro ci accresce?
La rosa incurva i petali e splende;
e i poeti tutti, gli artisti e i musici,
a cui è dono la forma armoniosa,
sciolgano il torbido e inquieto sgomento
delle rovine e tornino alla gioia.
L’ansia dell’uomo che va sulla terra
non è di terra; anche amaro è l’amplesso
senza possesso di bellezza. E voi
che detenete potenza e danaro,
e coltivate terre e molte navi,
non dilatata solo nere fabbriche,
imbiancati ospedali o nuove macchine,
ma radunati gli uomini che sanno
le forme intende al ritmo dello spazio,
destate templi sopra le colline,
palazzi splendidi nel volto perpetuo
della bellezza. È il nostro canto d’uomini
e l’abbiamo rinnegato con Dio;
perciò moriamo in ansia di bellezza.

(Ugo Fasolo, da L’Isola assediata, Venezia 1957)

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 27 dicembre del 1821 nacque Jane Francesca Elgee, madre di Oscar Wilde
Postato da Grazia01 il Domenica, 27 dicembre @ 10:56:43 CET (677 letture)
Ricerche d'autore





Jane Francesca Elgee (27 dicembre 1821 – 3 febbraio 1896) nota come Lady Wilde, è stata poetessa irlandese di remote origini inglesi, pronipote del bardo Charles Maturin che fu cantore delle gesta di Melmoth l'errante ispiratore di Balzac e di Baudelaire. Conosciuta sotto il nome di "Speranza", pseudonimo che derivava dal suo motto "Fidanza, speranza, costanza", la donna mise il suo carattere ribelle al servizio della causa dell'irredentismo irlandese e si battè strenuamente per i diritti delle donne. Divenne Lady quando sposò Sir William Robert Wilde, il noto chirurgo oftalmico chiacchieratissimo per la condotta libertina cui, a dispetto degli scandali, rimase accanto finché la lasciò vedova, sola con due figli e indebitata fino al collo. Fu chiamata Lady Speranza per lo pseudonimo con cui firmava i propri scritti: critiche letterarie, traduzioni dal francese e dal tedesco, poemi gotici, accesi pamphlet politici. E incarnò la «Speranza of the Nation» per i connazionali che confidarono nella sua lotta per l’indipendenza. Tutti sapevano che c’era lei dietro gli articoli pubblicati su The Nation contro la corona britannica, ma i commissari di sua maestà, al momento di arrestare il sedizioso giornalista che incoraggiò gli irlandesi ad armarsi contro l’Inghilterra, non vollero credere che tanta vis polemica provenisse da quella delicata cantafavole. La sua passione per il confronto e la critica letteraria la condusse alla fondazione di un salotto culturale a Dublino ed in seguito anche di uno a Londra mentre trasmise al figliolo Oscar la passione per la scrittura e la poesia . Era un'abile conversatrice e i suoi ricevimenti erano avvenimenti importanti per la società dublinese. Da grande esperta del folklore, Jane Wilde ricercò nelle tradizioni orali, nelle dicerie popolari, nelle memorie della sua gente, la prova di un’irriducibile originalità culturale. Dopo la morte del marito lasciò Dublino e raggiunse a Londra i figli Willie e Oscar, che all'epoca cominciava a raccogliere consensi nei circoli letterari. Durante la detenzione in carcere di suo figlio Oscar si ammalò di bronchite e chiese di vedere il figlio Oscar un’ultima volta, permesso che verrà a lei negato lasciando Wilde in un prostrante dolore.




"Tre mesi passano e mia madre muore. Nessuno sapeva come profondamente io la amassi ed onorassi. La sua morte fu terribile per me, ma io, già signore del linguaggio , non ho parole per esprimere la mia angoscia e la mia vergogna.[...] Meglio di Wordsworth so quello che egli intendeva, dicendo:
" Il dolore è costante, oscuro e buio
e ha la natura dell' Infinità".



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Buone Feste
Postato da Grazia01 il Martedì, 22 dicembre @ 21:45:23 CET (3618 letture)
Messaggi II






Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UTOPIA
Postato da Grazia01 il Sabato, 19 dicembre @ 22:23:58 CET (478 letture)
Poesie e racconti di Ballerini Miriam II









UTOPIA

Di nuovo il calendario
si è sfogliato, instancabile
stacanovista di giorni.
Intorno la gente non cambia,
sempre ha quel dito indice puntato
in una pantomima di risibile distanza.
Vorrei un Natale dove
il Dio di tutti lo si riconosca di tutti Dio.
Perché può parlarci da vari pseudonimi,
ma gli occhi coi quali ci guarda
appartengono allo stesso sguardo.
Allora eccolo appeso ad una croce,
a piedi nudi in una moschea.
Ebreo o indù,
buddista in tonaca arancione.
Tanti volti, tanti nomi,
ma un solo cuore che spera
nella fratellanza dei suoi
figli diversi.

© Miriam Ballerini


Felice Natale e ottimo anno nuovo.
Miriam e Aldo

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


NATALE A REGALPETRA
Postato da Grazia01 il Sabato, 12 dicembre @ 21:55:31 CET (533 letture)
Racconti IV









NATALE A REGALPETRA
di Leonardo Sciascia



Le feste di Natale sono finite. Non per tutti sono state gioiose e ricche. Non tutti sono andati in montagna a sciare. A Regalpetra, che si trova in Sicilia, qualche anno fa le cose andavano come ce le descrive questo grande scrittore siciliano .E da allora, non vi sono stati molti mutamenti …

- Il vento porta via le orecchie - dice il bidello.
Dalle vetrate vedo gli alberi piegati come nello slancio di una corsa.
I ragazzi battono i piedi, si soffiano sulle mani cariche di geloni.
L’aula ha quattro grandi vetrate: damascate di gelo, tintinnano per il vento come le sonagliere di un mulo.
Come al solito, in una paginetta di diario, i ragazzi mi raccontano come hanno passato il giorno di Natale:
tutti hanno giuocato a carte, a scopa, sette e mezzo e ti-vitti (ti ho visto :un gioco che non consente la minima distrazione); sono andati alla messa di mezzanotte, hanno mangiato il cappone e sono andati al cinematografo.
Qualcuno afferma di aver studiato dall’alba, dopo la messa, fino a mezzogiorno; ma è menzogna evidente.
In complesso tutti hanno fatto le stesse cose; ma qualcuno le racconta con aria di antica cronaca:"La notte di Natale l’ho passata alle carte, poi andai alla Matrice che era piena di gente e tutta luminaria, e alle ore sei fu la nascita di Gesù".
Alcuni hanno scritto,senza consapevole amarezza, amarissime cose:
"Nel giorno di Natale ho giocato alle carte e ho vinto quattrocento lire e con questo denaro prima di tutto compravo i quaderni e la penna e con quelli che restano sono andato al cinema e ho pagato il biglietto a mio padre per non spendere i suoi denari e lui lì dentro mi ha comprato sei caramelle e gazzosa".
Il ragazzo si è sentito felice, ha fatto da amico a suo padre Pagandogli il biglietto del cinema…
Ha fatto un buon Natale. Ma il suo Natale io l’avrei voluto diverso, più spensierato.
"La mattina del Santo Natale - scrive un altro – mia madre mi ha fatto trovare l’acqua calda per lavarmi tutto".
La giornata di festa non gli ha portato nient’altro di così bello. Dopo che si è lavato e asciugato e vestito, è uscito con suo padre "per fare la spesa". Poi ha mangiato il riso col brodo e il cappone.
"E così ho passato il Santo Natale".


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Tra l’anno 2015 e 2016
Postato da Grazia01 il Sabato, 12 dicembre @ 20:25:52 CET (509 letture)
Le poesie di Pegaso III









Tra l’anno 2015 e 2016


L’uomo ricorda quando è nato il Bambino
25 dicembre di un nuovo mondo
non è leggenda ma antica memoria
ora sento campane, suonano al vento
un suono oggi senza senso
indifferenti le note risuonano d’echeggi
loro non sanno di un profondo mutamento.


Guarda, l’ultima all'orizzonte è la mia stella
sotto la sua luce scrivo tutte le mie poesie
la stella da sempre è li, non sa chi sono
ugualmente mi compiaccio della sua approvazione
viali di salici carichi d’acqua
dai rami lievemente scorrono gocce
come lacrime bagnano questo mio tempo
è inutile aggiungere anche le mie
solo la storia lo può fare.


Non posso fermare il tempo
confesso: m’è scivolata una lacrima
mentre vi stringo, miei Cari, sento che
siete il mio meraviglioso specchio
chiudo gli occhi rincorro ogni attimo
una delicata linea dove riempio anche i vuoti.

Di certo ci saranno molti giorni nuovi
dove il sole rincorre la notte
dove il mio cuore cesserà di battere
no importa se il sonno s’allunga nell'eterno
nell'esistere colmerò tutti miei sogni
in concentrici cerchi s’allargano sull'acqua
da dove lentamente si leva velata foschia
che sale in cielo dissolvendosi nello spazio che sovrasta.


Bruno Gasparri



Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


RICORDI DI NATALE
Postato da Grazia01 il Sabato, 12 dicembre @ 19:57:52 CET (491 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II








RICORDI DI NATALE



Ricordo la neve gelata negli angoli delle finestre,

ricordo un passero sul davanzale

chiedere le briciole per il pranzo di Natale.

Ricordo otto piedini davanti alle brace del focolare,

ricordo le faville silenziose salire nel buio del camino.

Avevo pochi amici pastori e qualche pecorella

con tre gambe.

Eppure quei bimbi li vedevo bene dall’angolo

sopra la legnaia :

sono il Presepio e ricordo tutto.



r.chesini

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


LA CASA SULL'ALBERO
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 dicembre @ 19:28:59 CET (530 letture)
Poesie di Baldo Bruno








LA CASA SULL'ALBERO



Un luccichio affiorava tra le fronde del giardino , l'elmetto correva di qua e di là e Marco con la sua spada sembrava un generale che passava in rassegna il suo esercito.
-Bellissima! Non pensavo di essere così bravo! Mi sento orgoglioso per quello che ho fatto ma devo ammettere che è stato un lavoro faticoso !
Ormai il dado era tratto.
Una voce dal balcone chiamava Marco a pieni polmoni, ciò lo ricondusse alla realtà : era l'ora di pranzo e smise di galoppare con la sua fantasia per annusare quel buon odore che veniva dalla cucina.
Erano da poco passate le tre del pomeriggio , i quaderni del generale erano ancora nella cartella e nemmeno le raccomandazioni della professoressa di italiano erano servite…il pensiero andava lì , alla sua creazione , nient'altro in quel momento poteva attirare l'attenzione di Marco. Aveva compiuto da poco tredici anni e con la tre sorelline non andava d'accordo , era stato costretto ad un simile lavoro su quell'albero perché la casa era troppo piccola e le gemelline non lo lasciavano in pace. Almeno lassù avrebbe potuto divertirsi giocando alla guerra con i suoi soldatini senza essere disturbato.
- Meravigliosa...meravigliosa - continuava a dire pensando a quello che avrebbe fatto lassù.
Quella casa sull'albero sembrava veramente un lavoro solido e forse poteva invitare anche un suo amico in quel paradiso lontano dagli schiamazzi delle sorelle.
Le cose ,però , non andarono per il verso giusto. Era di sera quando il demonio si scatenò : i tuoni erano come delle cannonate ed i fulmini si susseguivano a ripetizione illuminando il cielo come se fossero dei fuochi d'artificio. Marco era là , alla finestra, attaccato ai vetri ; la madre lo richiamava per fargli spegnere la luce ma le furie del vento combattevano contro di lui : - Vigliacco ! Vigliacco!
Queste voci tuonavano nelle sua mente e teneva la sua spada tra le mani . Chissà che avrebbe fatto il generale quella sera ?
Purtroppo per un destino fatale un fulmine cadde proprio sull'albero del giardino incenerendo la casa di legno appena completata.
Era affranto , sembrava un cane bastonato , la sua spada era là a terra e lui sul letto ad occhi aperti con qualche lacrima che non riusciva a staccarsi dalle sue guance ; quelle perle cadevano lentamente ,come la neve, e si depositavano dolcemente sul suo cuscino che stringeva fortemente per la rabbia.La notte passò così…e neanche il giorno lo scosse più di tanto.
I genitori erano preoccupati. Marco non riusciva a rassegnarsi e a pranzo i bocconi gli scendevano giù con forza ; nemmeno nello studio riusciva a concentrarsi per la delusione subita , anzi la madre da diversi giorni lo stava accompagnando a scuola fino alla porta come se fosse un moccioso di sei anni.Il padre , però, aveva capito tutto e alla fine , dopo un colloquio con la moglie, prese un'importante decisione : avrebbe comprato una casa nuova e Marco avrebbe avuto una cameretta tutta per sé.
Il ragazzo non poteva credere ai suoi occhi ma una cosa era certa : aveva dei genitori meravigliosi.

Baldo Bruno

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I MONACI E IL SECCHIO
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 dicembre @ 19:22:39 CET (551 letture)
Racconti IV







I MONACI E IL SECCHIO

Uno dei monaci del monastero di Sceta commise una grave mancanza, e così fu chiamato l'eremita più saggio perché potesse giudicarla. L'eremita si rifiutò, ma i monaci insistettero tanto che lui finì per andare. Prima, però, prese un secchio e lo forò in vari punti. Poi, lo riempì di sabbia e s'incamminò verso il convento. Il superiore, vedendolo entrare, gli domandò che cosa fosse.
"Sono venuto a giudicare il mio prossimo - disse l'eremita -. I miei peccati stanno scorrendo dietro di me, come scorre la sabbia di questo secchio. Ma, siccome non mi guardo alle spalle e non mi rendo conto dei miei stessi peccati, sono stato chiamato a giudicare il mio prossimo!"
I monaci allora rinunciarono alla punizione all'istante.

PAULO COELHO

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ascoli Piceno
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 dicembre @ 17:59:06 CET (497 letture)
Racconti IV







Ascoli Piceno

Il modo migliore per iniziare la giornata è affacciarsi dalla finestra della casa dei miei genitori ad Ascoli Piceno.
Il paesaggio è straordinario e, per me che vivo a Milano tra cemento e palazzi, piuttosto insolito.
Mi piace starmene tranquillo a osservare il fiume Tronto che scorre nel bosco. Subito dopo faccio colazione, sempre la stessa da anni e sempre a casa: un bicchiere di latte freddo con il Nesquik sciolto dentro e una ciambella.
Non esco volentieri e nella mia città natale vengo soprattutto per ricaricare le batterie.
Piazza del Popolo ad Ascoli Piceno è una delle più belle piazze d'Italia. Mi piace perché è un salotto a cielo aperto dall'eleganza straordinaria.
Quattro passi di notte, tra le "rue" del centro storico di Ascoli Piceno che formano il fitto e antichissimo reticolato cittadino e le torri medievali, simbolo del potere delle famiglie nobiliari del capoluogo piceno. Hanno un fascino incredibile.
Io ci andavo da ragazzino; ora che sono diventato una celebrità non esco molto di casa.
Mi rilassa stare sul palco. In realtà sono sempre all'erta e in agitazione. Il lavoro che svolgo, la composizione musicale, avviene prima di tutto nella mia testa, e questo significa che non stacco mai, salvo quando - appunto - mi esibisco in concerto. Sento l'attenzione del pubblico, che è grandissima, e l'interesse prepotente per l'arte e per tutto ciò che è nuovo e fresco.
La Sacher? Non ne vado pazzo, a causa della marmellata... preferisco i bignè al cioccolato del Caffè Meletti di Ascoli, in piazza del Popolo.
Mi rilassa mangiare una fetta di torta al cioccolato poco prima di esibirmi.
Non trovo niente che non mi piaccia di Ascoli: è bella, raccolta, la si gira bene.
Una volta pensavo che non offrisse molte opportunità musicali, ma poi mi sono reso conto che non era possibile chiedere tanto a un luogo così tranquillo e misurato. Dovevo spostarmi io, a New York e a Milano, dove vivo oggi.
Ascoli è una città che nel suo passato ha dichiarato guerra a tutti, persino a Roma, nel 98 d. C., due anni prima che la radesse al suolo.
Questo spirito combattivo rende gli ascolani gente simpatica e particolarmente buffa.
Di Ascoli mi piace l'essenzialità della sua architettura medievale, con le sue torri semplici e squadrate che mi suggeriscono l'idea di fierezza e grandezza del passato. E poi trovo che gli ascolani abbiano uno straordinario senso dell'umorismo: cattivo al punto giusto, esilarante e straordinariamente graffiante.

Giovanni Allevi


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le stelle
Postato da Grazia01 il Sabato, 05 dicembre @ 18:21:19 CET (539 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II









Le stelle


Le stelle sono là

dove gli sguardi degli innamorati

s'incontrano

là dove il pensiero si affievolisce

là dove la fede ingigantisce

là dove l'uomo impuro

non arriva.



r.chesini



--
Postato da IP: 93.34.87.84
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ogni giorno nasce un poeta : 29 novembre
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 novembre @ 22:25:18 CET (581 letture)
Ricerche d'autore




Giuseppe Colli
scrittore e poeta italiano, nato il 29 novembre del 1924.

Nel secondo dopoguerra fu uno dei più intraprendenti artefici della ricostruzione culturale torinese, partecipando alla fondazione di alcune associazioni, collaborando a vari giornali con articoli di argomento letterario, artistico, storico, e fondando (1952) il periodico letterario Il Solitario (a significare la solitudine creativa dello scrittore) che sotto la sua direzione si meritò la collaborazione e il plauso dei più importanti scrittori dell’epoca.
Negli stessi anni esordì come poeta e scrittore con vari volumi di poesia e prosa. Contemporaneamente alla sua attività di scrittore diresse l’ufficio stampa della casa editrice S.E.I., della quale più tardi assunse l’incarico di redattore capo. Per tale editrice il Colli diresse alcune enciclopedie di cultura e un dizionario italiano e varie collane di narratori italiani per le scuole, Giuseppe Colli ha sinora pubblicato cinque raccolte di poesie e diciotto libri in prosa. La sua attività letteraria è ancor oggi impegnata a testimoniare la vitalità della sua vocazione di scrittore, che ha dato un importante contributo alla letteratura italiana, alla cultura e alla editoria regionale piemontese. Al Monferrato, sua indimenticata terra di origine, il Colli dedicò un libro storico-artistico e descrittivo che riscosse larghi consensi critici. Per tale volume, nel 1970, gli venne concesso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri un Premio della Cultura.
Le sue opere di poesia comprendono : Il cielo dell’isola (edizioni Momenti, 1950); La voce muta (Ed . La cittadella, 1968); L’età breve (Ed. Rattero, 1950); Poesia a due voci (Società editrice internazionale, 1951); Ricerca d’approdo (Ed.Vallecchi, 1965).





La barca a vela

Solca il mare
la barca
a vela,
come il vomere
la terra,
e la variopinta tela
gonfia
di vento,
si piega
ad ogni soffio
più violento
quasi volesse fuggire,
volare lontano,
come un solitario gabbiano.

Giuseppe Colli



Fraternità

lo non vorrei
udire mai
piangere
nessuno,
perché ogni dolore
mi fa male
al cuore,
aperto
per consolare
ogni fratello
triste. ..
lo vorrei
su tutte le bocche
scorgere il sorriso,
in tutte le pupille
la sincerità,
sentire in tutti i cuori
la speranza,
in ogni mano la fraternità.
lo vorrei avere
ogni fratello amico,
compagno
nella gioia e nel dolore,
e amare
con lo stesso cuore
la vita,
dura, eppure cosi bella.

Giuseppe Colli




Il 29 novembre 1926 nacque anche il poeta e drammaturgo algerino Jean Sénac.


(Beni Saf, Algeria, 1926-Algeri 1973). Pubblicò le sue prime poesie nel 1945, ispirandosi a A. Rimbaud e a P. Verlaine. Aderì in seguito alla causa della liberazione algerina militando attivamente nella clandestinità. Le poesie di quel periodo sono raccolte in Matinales de mon peuple (1961). Preoccupazioni più personali emergono in Avant corps (1968). Le sue ultime pubblicazioni postume sono le raccolte poetiche Vivant (1981), Dérision et Vertige (1983), L'homme poème (1983) e il romanzo Ebauche du Père (1989).






La bellezza era qui, per il primo offerente, a portata di mano,

Vulnerabile e selvaggia, un frutto in equilibrio
Tra lo sguardo e la fame.
E io
Degli uccelli, degli ucceli
In picchiata, le parole prendevano
I loro sandali per camminare.
Rivoluzione,
Che bel mattino!
Ho visto il popolo più bello della terra
Sorridere al frutto e ho visto il frutto che si offriva.

Perché il frutto, se lo inviti alle feste dell’uomo,
Accorre.
Brilla come una pupilla.
Tu pensi che stia nel disordine, lui nuota con bracciate ordinate.

Ascolta il riccio di mare, la medusa

Che si mostrano per difendersi:
Una melodia dello spazio- e il cosmonauta risponde.
Il tuo cuore non scoppia di gioia, si arrotonda, si smussa.




Estratto di una poesia di Jean Sénac
traduzione di Andrea Verga

Se cantare il mio amore è amare il mio paese,
io sono un combattente che non nega.
Indosso il cuore il suo nome come un mazzo di ortiche,
io condivido il suo letto e cammino il suo no.


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Senza tempo
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 novembre @ 19:55:22 CET (736 letture)
Le poesie di Pegaso III










Senza tempo


Al vento ho affidato la voce

l’utile arpeggio l’avvolge

folletti gioiosi danzano

mentre Lei sull’altalena dondola, dondola

solo il vento la spinge.



Un gioco di un tempo ora sogna una donna

lo sguardo s’allunga tra il verde e fiori

poi cattura le stelle per i suoi desideri

come d’incanto il senso dell’eterno sovrasta

dove Io del tutto maestro

in cielo dipingo il sole fermo nel tempo

il blu del mare e spumeggianti onde

per condurti sull’isola dove l’amore

non ha tempo per morire.


Bruno Gasparri


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il 26 novembre del 1922 nacque Charles M. Schulz
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 novembre @ 20:24:03 CET (539 letture)
Ricerche d'autore





« Se poesia vuol dire capacità di portare tenerezza, pietà, cattiveria a momenti di estrema trasparenza, come se vi passasse attraverso una luce e non si sapesse più di che pasta sian fatte le cose, allora Schulz è un poeta »
(Umberto Eco, introduzione alla prima raccolta in italiano dei Peanuts)




Charles Monroe Schulz (Minneapolis, 26 novembre 1922 – Santa Rosa, 12 febbraio 2000) è stato un fumettista statunitense, conosciuto in tutto il mondo per aver creato le strisce dei Peanuts. Nasce, coma abbiamo visto, a Minneapolis nel Minnesota, cresce a Saint Paul. Figlio unico di Carl Schulz, nato in Germania, e Dena Halverson, nata in Norvegia.[1] Fu lo zio che gli diede (al terzo giorno di vita) il soprannome "Sparky" dal cavallo Spark Plug del fumetto Barney Google di Billy DeBeck.
Schulz amava disegnare e talvolta rappresentava il cane di famiglia, Spike, con particolari inusuali. Nel 1937, Schulz disegnò un'immagine di Spike e la spedì a Ripley's Believe It or Not!; il disegno venne pubblicato da Robert Ripley con la didascalia "A hunting dog that eats pins, tacks and razor blades is owned by C. F. Schulz, St. Paul, Minn." e "Drawn by 'Sparky'"(C.F. erano le iniziali di suo padre Carl Fred Schulz). Frequentò la scuola elementare Richards Gordon a St. Paul, saltando due semestri: in questo modo, quando frequentò la scuola superiore anni dopo, si trovò ad essere il più piccolo della classe. Questo potrebbe spiegare il suo carattere schivo e timido.



Schulz alle superiori, 1940

Alle superiori gli furono rifiutati dei disegni da pubblicare sull'annuario della scuola. Sessanta anni dopo, nell'atrio della stessa scuola è stata posta una statua alta un metro e ottanta che raffigura Snoopy. Dopo la morte della madre, nel 1943, fu arruolato e mandato a Camp Campbell in Kentucky. Due anni dopo fu mandato in Europa per combattere nella Seconda guerra mondiale. Dopo aver lasciato l'esercito nel 1945, lavorò come insegnante. Fu anche predicatore laico di una Chiesa protestante.

La sua prima striscia a fumetti con cadenza regolare fu pubblicata nel 1947 dal St. Paul Pioneer Press, e si intitolava Li'l Folks. Anche il Saturday Evening Post accettò di pubblicare alcune vignette dei Li'l Folks. Fu in queste strisce che apparve per la prima volta Charlie Brown, così come un cane somigliante a Snoopy. Nel 1950 Schulz propose i suoi lavori alla United Features Syndicate, e i Peanuts furono pubblicati per la prima volta il 2 ottobre 1950. Per breve tempo disegnò anche una striscia ispirata allo sport chiamata It's Only a Game (1957-1959), aiutato anche dal suo amico e già collaboratore per i Peanuts Jim Sasseville, ma la serie non prese piede e fu chiusa.





Con l'andare degli anni, i Peanuts divennero uno dei fumetti più popolari di tutti i tempi. Parte della sua esperienza viene riflessa nei Peanuts attraverso le somiglianze con Charlie Brown, il personaggio principale; alcuni esempi:
anche il padre di Schulz era barbiere e sua madre casalinga
anche Schulz da piccolo aveva un cane (il suo cane Spike però era un pointer)
anche Schulz era timido e introverso
la ragazzina dai capelli rossi di Schulz era Donna Johnston, con cui aveva avuto una relazione. Schulz le chiese di sposarlo, ma lei rifiutò. Rimasero comunque sempre amici.
Schulz, pur essendo un cristiano convinto, si sposò due volte: la prima volta nel 1951 con Joyce Halverson dalla quale ebbe cinque figli e divorziò nel 1972 ed, in seguito, con Jean Forsyth Clyde che sposò nel 1973 e con la quale visse il resto della vita.
Il padre di Schulz morì nel 1966 mentre era andato a trovarlo, lo stesso anno in cui il suo studio in California bruciò in un incendio.



Nel novembre 1999 Schulz ebbe un ictus; più tardi gli venne diagnosticato un cancro. A causa della chemioterapia e per il fatto che non riusciva a leggere o vedere con chiarezza, il 14 dicembre 1999 annunciò il suo ritiro, all'età di settantasette anni. Schulz morì il 12 febbraio 2000 a Santa Rosa in California a causa di un attacco cardiaco. Il giorno dopo fu pubblicata la sua ultima striscia, in cui lasciava a Snoopy il compito di congedarsi dai suoi lettori con queste parole:

« "Cari amici,
ho avuto la fortuna di disegnare Charlie Brown e i suoi amici per quasi cinquant'anni. È stata la realizzazione del sogno che avevo fin da bambino. Purtroppo, però, ora non sono più in grado di mantenere il ritmo di lavoro richiesto da una striscia quotidiana. La mia famiglia non desidera che i Peanuts siano disegnati da qualcun altro, quindi annuncio il mio ritiro dall'attività. Sono grato per la lealtà dei miei collaboratori e per la meravigliosa amicizia e l'affetto espressi dai lettori della mia "striscia" in tutti questi anni. Charlie Brown, Snoopy, Linus, Lucy... non potrò mai dimenticarli...
Charles Schulz" »




(corriere.it, 13 febbraio 2000)

Schulz ha richiesto nel suo testamento che i personaggi dei Peanuts rimanessero genuini e che non si disegnassero nuove strisce basate sulle sue creature. Peanuts è stato pubblicato per quasi cinquant'anni praticamente senza interruzioni ed è apparso su 1600 quotidiani in 75 paesi. Fino ad oggi le sue volontà sono state rispettate, e le vecchie strisce continuano a essere ripubblicate su quotidiani e riviste. Il quotidiano londinese The Times lo ha ricordato, il 14 febbraio 2000, con un necrologio che terminava con la seguente frase: "Charles Schulz leaves a wife, two sons, three daughters, and a little round-headed boy with an extraordinary pet dog". ("Charles Schulz lascia una moglie, due figli, tre figlie e un piccolo bambino dalla testa rotonda con uno straordinario cane"). Dal 17 agosto 2002 il museo a lui dedicato a Santa Rosa è aperto al pubblico.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 26 novembre 1864 nacque Herman Gorter
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 novembre @ 20:11:12 CET (472 letture)
Ricerche d'autore


Il 26 novembre 1864 nacque Herman Gorter



Herman Gorter (Wormerveer 1864 - Bruxelles 1927), poeta olandese,
fu uno degli esponenti più importanti del movimento dei Tachtigers (Ottantisti) che
puntava a un rinnovamento in senso impressionista e naturalista della letteratura.
Raggiunse il successo con il lungo poema Mei (Maggio), a cui seguì la raccolta Verzen (Versi),
dove l'enfasi data al colore e alla sonorità della parola si accompagna a una sorprendente ricerca linguistica.

Traduzione di Maurizio Brancaleoni



Gli alberi ondeggiano sulle colline

Gli alberi ondeggiano sulle colline
chiome silenziose nella nebbia
chiara luce soave di primavera.
La torre con il suo viso
al centro continua solenne a segnare le ore,
immagina ore, ore, ore che passano –
è da soffocare
in questi istanti,
non posso più sopportare
l'irritante risata,
soffoco
in questo folle, chiaro, solenne istante.



Di notte poi la vita le appare lucente e rossa

Di notte poi la vita le appare lucente e rossa,
quando petali di rosa volteggiano nel rosso lucente
nero brillante tra le mura, la camera rosso lago
e i giacimenti di sangue lago zampillano.

Come boccioli di rosa lei si sente crescere
occhi chiusi, fresco rosso sanguigno,
la sua testolina fiorita come campane rosse
di rose in un rosaio rosso intenso, così intenso.

La mattina quando si sveglia le rimane ancora
il desiderio che sia sempre e mai finita.

Herman Gorter

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nato il 26 novembre 1731 - William Cowper
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 novembre @ 19:44:59 CET (1203 letture)
Ricerche d'autore








William Cowper, poeta inglese nacque il 26 novembre del 1731 e morì il 25 aprile del 1800

Figlio di un ecclesiastico, da giovane si dedicò per un breve periodo all'avvocatura.
La natura di William Cowper, soggetta fin dall'infanzia a crisi depressive che lo portarono ad un tentato suicidio nel 1763 ed a un biennio trascorso in manicomio, e ad un forte senso del peccato tipicamente calvinista, lo portò ad abbandonare la vita di città potendo così riallacciarsi alla antica tradizione anti-urbana e anti-cortigiana della poesia latina di Orazio, grazie ad un soggiorno presso l'ambiente rurale di Huntingdon.
Tuttavia nell'opera Verses supposed to be written by Alexander Selkirk, during his abode in the island of Juan Fernandez, il poeta manifestò profondo timore di fronte alla solitudine e la presenza della divinità e di poca consolazione; sebbene nel suo regno Selkirk non abbia rivali, egli non ha nemmeno «...society, friendship and love». Nella poesia troviamo anche violente accuse all'ingiustizia e all'oppressione coloniale, che comprende ovviamente il tema della schiavitù. Negli anni immediatamente successivi, Cowper pubblicò le due sue opere più famose, ossia The diverting history of John Gilpin (La spassosa storia di John Gilpin, 1782) e The task (Il compito, 1785), ispirate dalla sua compagna Lady Austen. Nell'opera poetica (6 libri) The Task, a sfondo moralistico, politico e religioso, la denuncia di Cowper si estese anche alla povertà in Inghilterra, alla corruzione di Londra e alle tendenze belligeranti dei popoli. Se lo stile e i toni in alcuni passi mostrarono qualche influenza sia miltoniana sia di Alexander Pope, nell'insieme le liriche di Cowper si caratterizzarono per l'immediatezza del suo gusto epistolare





Le nubi che temete così tanto
sono colme di misericordia»
Ci ha guidato attraverso il fuoco.
Dio agisce in maniera misteriosa,
Per realizzare le sue meraviglie;
Fissa i suoi passi nel mare,
E cavalca la tempesta.
Dalle sue insondabili miniere
D’invincibile abilità,
Custodisce splendidi disegni,
E compie la sua sovrana volontà.
Voi santi impauriti, attingete nuovo coraggio,
Le nubi che temete così tanto
Sono colme di misericordia e si dissolveranno
In benedizioni sul vostro capo.
Non si giudichi il Signore col senno umano,
Confidate in lui per la sua grazia;
Dietro una torva provvidenza
Egli cela un sorriso radioso.
I suoi disegni presto si realizzeranno,
Svelandosi ad ogni istante;
Il bocciolo può avere un sapore amaro,
Ma dolce sarà il frutto.
Il sorriso nascosto di Dio
Di certo erra la cieca incredulità,
Scrutando invano l’opera divina;
Dio è l’unico interprete di se stesso,
E a suo tempo tutto svelerà





Pioppo

Hanno abbattuto i pioppi, addio all’ombra
e al mormorio del fresco colonnato,
il vento piu' non gioca ne' canta tra le foglie,
la loro immagine piu' l’Ouse non riceve.
Dodici anni fa scoprii un giorno
l’amato boschetto e la riva dei pioppi,
e ora nell’erba sono affondati,
e sedile mi fa chi ombra mi diede.
Il merlo fuggito ad altro riparo,
tra noccioli ha trovato rifugio alla calura,
piu' non risuona la sua dolce voce
sulla scena che tanto mi aveva incantato.
Brevi scompaiono i miei anni,
presto coi pioppi dovro' giacere,
una zolla sul petto, una pietra sul capo,
prima che un bosco sul posto rinasca.
La vista m’invita, piu' d’ogni altra cosa,
a meditare sugli effimeri piaceri umani:
la vita e' sogno, ma il piacere si consuma
piu' rapido del respiro di un uomo.


William Cowper

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ghianda
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 novembre @ 22:43:36 CET (459 letture)
Poesie e prosa di Gibran II








In un campo ho veduto una ghianda: sembrava così morta, inutile.
E in primavera ho visto quella ghianda mettere radici e innalzarsi,
giovane quercia verso il sole.
Un miracolo, potresti dire:
eppure questo miracolo si produce mille migliaia di volte nel sonno di ogni autunno
e nella passione di ogni primavera.
Perchè non dovrebbe prodursi nel cuore dell'uomo?

Gibran

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie in milanese di Mario Migliavacca
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 novembre @ 20:33:11 CET (757 letture)
Milano mia I









ALL 'AMICO CLAUDIO

Riessi no a capi
se l'è avarizia
o se l'è pigrizia

Quand a g 'ho besogn
el rizettari

tiri semper tardi
che nOn gh 'è pari

Ma pazienza
gh'è semper
ona provvidenza


"con sommo gaudio"
la mia provvidenza
la se ciama "Claudio"

A dit grazie, car amis
a l'è on poo trop pocch

Per sto servizi
el Signor
el te daga tanti benefizzi

pas e salut
che per la verità
ti je propri meritaa





LA PARTENZA DEL TRENO


Ai soreii, alle dame, ai barelier, volontari dell'U.N.I.T.A.L.S.I. che per
la loro granda dedizion hin la testimonianza viva e continua del
Miracolo di Lourdes.


Che confusion
in su quell bastion:
la par una gincana
li su el scalo
de Porta Romana.

Machin che va e che ven
un de fa de S. Ouintin
per trova el post che convien
per malaa e pelegrin.

Ghe vor pazienza
per capi se l'è
l'ariv o la partenza:
la gioia e el fervour
però, a hinn semper quei
de gent che se voren ben
come fradeii.

Se brazzen su
se basen a ripetizion
se fan un badalucch de compliment
se troven minga cambia
anca se un an a l'è passaa.

Con la divisa
lustra e ben stirada
soreii e barelier
paren pront per una sfilada.

Le dame, quei che gris g'han i caveii
cont la scuffia
paren pusseé bei: "
i tosan invece, "poverine"
cont la divisa
Cl hin propri un poo "bruttine".

Mario Migliavacca





commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Natale è lontano
Postato da Grazia01 il Martedì, 17 novembre @ 21:02:41 CET (621 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno








Manca più un mese a guardare il calendario. Ma facendo due passi tra vetrine dei negozi e prodotti in vendita nei supermercati, è ufficialmente già Natale. In molte strade sono state già montate le luminarie e un po’ ovunque si possono acquistare le decorazioni per albero e presepe, dalle palle di ogni dimensione ai casalinghi a tema. Lucine ma anche piatti, tovaglie, tazze e bicchieri rigorosamente rossi, oro o bianchi e decorati con renne e babbi Natale. Dalla grande distribuzione di bricolage e attrezzatura per casa e giardino, ai supermercati, passando per i negozi del centro e non solo, molte vetrine sono già allestite in tema di fiocchi e pacchetti. E che dire degli scaffali dei supermarket che mettono in bella mostra pandori e panettoni, torroni e ogni tipo di cioccolata, cotechini e zamponi. La carta del Natale un po’ ovunque viene giocata in anticipo. Effetto della crisi che per far ripartire i consumi si muove quest’anno per tempo. Della serie, nessuno venga colto impreparato. Anche perché se per Natale ogni famiglia in media dovrebbe spendere un po’ meno di 400 euro, è importante iniziare a mettere da parte i risparmi e intanto farsi un’idea di quello che vorremmo acquistare.
Non solo, con l’ultima domenica di novembre comincerà il tour de force fino al 25 dicembre. A me danno fastidio questi sfavillii anticipati, ogni anno prima. Va bene, il commercio..., speriamo almeno che un po' di giovani trovino lavoro in questo periodo.

Grazia

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sfide
Postato da Grazia01 il Lunedì, 16 novembre @ 18:01:49 CET (472 letture)
Le poesie di Pegaso III














Sfide

Cerco parole per replicare immagini,
emergono e scompaiono
semplicemente per lasciare posto ad altre
fugaci istantanei fotogrammi
sempre trascengono la realtà.

L'immagine diventa parola
nasce per narrare la storia
la maggior parte è biografia
la stessa si afferma nell'estinzione
comunicando notizia quando è già trascorsa.

Aleggia nel passato
riemergendo non è più la stessa
il presente la corrompe
resta solo una fragile sensazione.

Il tempo deve mantenersi in movimento
non replica mai se stesso
solo il ricordo cerca di farlo
parole/immagini esistono
ne certifica il loro trascorrere.

In questo modo il "narrarsi"
diventa dramma, felicità e tristezze
eredità acquisite, insegnamenti
esperienze vissute da altre vite
con esse l'attimo iberna si perde
nei limiti invalicabili delle capacità.

Così razionalizzo sfide
il divenire in un esistere
oltre il luogo dell'essere
supera il coniugare
passato, presente e futuro.

Bruno Gasparri

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Oggi mi hanno dichiarato guerra.
Postato da Grazia01 il Domenica, 15 novembre @ 11:25:51 CET (776 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







Oggi mi hanno dichiarato guerra.
Hanno usato il nome di Dio e del Profeta per giustificare l’ingiustificabile. Da afroeuropea e da musulmana io non ci sto.

‪#‎Notinmyname‬ dice un famoso slogan, e oggi questo slogan lo sento mio come non mai. Sono stufa di essere associata a gente che uccide, massacra, stupra, decapita e piscia sui valori democratici in cui credo e lo fa per di più usando il nome della mia religione. Basta! Non dobbiamo più permettere (lo dico a me stessa, ai musulmani e a tutti) che usino il nome dell’islam per i loro loschi e schifosi traffici.

Vorrei che ogni imam in ogni moschea d’Europa lo dicesse forte e chiaro. Sono stufa di veder così sporcato il nome di una religione. Non è giusto. Come non è giusto veder vilipesi quei valori di convivenza e pace su cui è fondata l’Unione europea di cui sono cittadina. Stufa di vedere ogni giorno, da Parigi a Peshawar, scorrere sangue innocente. E ho già il voltastomaco per i vari xenofobi che aspettano al varco. So già che ci sarà qualcuno che userà questo attentato contro migranti e figli di migranti per qualche voto in più. C’è sempre qualche avvoltoio che si bea delle tragedie.

È così a ogni attentato.

A ogni disgrazia cresce il mio senso di ansia e di frustrazione. A ogni attentato vorrei urlare e far capire alla gente che l’islam non è roba di quei tizi con le barbe lunghe e con quei vestiti ridicoli. L’islam non è roba loro, l’islam è nostro, di noi che crediamo nella pace. Quelli sono solo caricature, vorrei dire. Si vestono così apposta per farvi paura. È tutto un piano, svegliamoci.

Per questo dico che mi hanno dichiarato guerra.
Anzi, ci hanno dichiarato guerra.

* Igiaba Scego *

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


13 novembre, stragi per le strade di Parigi
Postato da Grazia01 il Sabato, 14 novembre @ 22:54:22 CET (626 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno






C’è anche una volontà di potenza dei piccoli, quella dell’attentatore isolato, del minuscolo gruppo terroristico, di colui che getta una bomba dove c’è folla perché muoia il maggior numero possibile di gente innocente, in una banca, in un treno affollato, nella sala d’aspetto di una stazione. È volontà di potenza di chi si riconosce in questa auto-apologia: «Io, piccolo uomo insignificante e oscuro, uccido l’uomo importante, un protagonista del nostro tempo e in quanto lo uccido sono più potente di lui; oppure uccido in un solo colpo molti uomini insignificanti e oscuri come me, ma assolutamente innocenti; uccidere un colpevole è un atto di giustizia, uccidere un innocente è la suprema manifestazione della volontà di potenza».

Norberto Bobbio, Elogio della mitezza, 1994

Sgomento e terrore a Parigi

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Nell’uovo [ 0 commenti - 8 letture ]
 A tutte le donne [ 0 commenti - 8 letture ]
 "Fazzoletti Rossi" di Maria Facci [ 1 commenti - 29 letture ]
 Milano [ 0 commenti - 20 letture ]
 A volte [ 0 commenti - 14 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 21
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy