Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 187
Totale: 187
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: News
03: Home
04: Search
05: News
06: News
07: Home
08: Home
09: News
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Forums
15: Home
16: coppermine
17: News
18: Home
19: coppermine
20: Home
21: Home
22: Search
23: coppermine
24: Search
25: Home
26: Home
27: Home
28: coppermine
29: News
30: News
31: News
32: Home
33: Home
34: Home
35: coppermine
36: Search
37: Forums
38: Stories Archive
39: Home
40: Stories Archive
41: Search
42: News
43: News
44: News
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: News
50: Home
51: Home
52: News
53: Home
54: coppermine
55: Surveys
56: coppermine
57: News
58: News
59: Home
60: Home
61: News
62: coppermine
63: Home
64: Home
65: coppermine
66: coppermine
67: Home
68: News
69: Stories Archive
70: Home
71: Home
72: Stories Archive
73: Home
74: News
75: Home
76: Home
77: News
78: News
79: Home
80: Forums
81: coppermine
82: Stories Archive
83: Home
84: coppermine
85: Home
86: Home
87: News
88: News
89: Home
90: coppermine
91: Home
92: News
93: News
94: Stories Archive
95: coppermine
96: Home
97: News
98: Search
99: coppermine
100: coppermine
101: News
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: News
108: News
109: News
110: Home
111: coppermine
112: News
113: News
114: Home
115: Home
116: Home
117: coppermine
118: coppermine
119: Search
120: coppermine
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: News
127: Home
128: Home
129: Search
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: News
135: Your Account
136: Forums
137: News
138: News
139: Home
140: coppermine
141: coppermine
142: Home
143: Home
144: Search
145: News
146: Home
147: Home
148: Search
149: Forums
150: coppermine
151: Forums
152: Home
153: News
154: Home
155: coppermine
156: Forums
157: coppermine
158: coppermine
159: Search
160: Search
161: News
162: Stories Archive
163: News
164: Home
165: Stories Archive
166: News
167: Home
168: News
169: coppermine
170: Forums
171: Home
172: Home
173: Search
174: Forums
175: Home
176: Surveys
177: Stories Archive
178: News
179: coppermine
180: Home
181: Home
182: Search
183: Home
184: coppermine
185: Home
186: Home
187: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924712
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Rudyard Kipling - Nobel 1907
Postato da Antonio il Domenica, 03 dicembre @ 14:30:55 CET (1766 letture)
I Nobel della letteratura I

La canzone dell'umanità

Come Omero, Kipling (1865-1936) credeva nella Musa, che chiamava Dèmone. A somiglianza del soldato, lo scrittore doveva aspettare e obbedire. Soprattutto mai sfruttare il successo, «peccato che perdette Napoleone e qualche altro». Intorno a pochi titoli noti, si stende la sua opera, che è un continente quasi sconosciuto e meravigliosamente vario. Kipling, nato a Bombay, credette nell'Impero britannico e nel «fardello dell'uomo bianco». Quella fede conta poco rispetto al fondale multietnico che la vita gli compose intorno, e che per noi non ha il sapore del passato, piuttosto quello di un incipiente futuro.


Giovanni Mariotti
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Natale da bambina
Postato da Grazia01 il Domenica, 03 dicembre @ 10:52:34 CET (1056 letture)
Le poesie e altro di Grazia III

L'aspettavo davvero il mio Gesù Bambino,
tra l’odore di resina e di mandarino.
L’abete era vero, gli addobbi erano tanti.
di noci e di frutti con carte luccicanti.
Di cartapesta era il mio presepe,
coi pezzetti di muschio come siepe.
Chiedevo dei doni piuttosto piccolini
pezzi di cioccolato e un paio di guantini
Che emozione quei regali nel mattino,
lasciati dal Bimbo, di fianco al mio lettino!
E alla Messa di Natale, compunta ed attenta,
ringraziavo il Signore ed ero contenta.


Grazia
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LE FACCE
Postato da Tony-Kospan il Domenica, 03 dicembre @ 10:29:35 CET (1215 letture)
Post di Tony Kospan I Ecco un altro classicissimo enigma...

chi lo conosce già può attendere a dar la risposta

per far partecipare le amiche e gli amici che volessero cimentarsi...

Se volete... potete anche porre delle domande
ma non e' detto che possa rispondere.



Un giorno due sorelle hanno deciso di fare ordine in capannone in fondo al prato.

Dopo varie ore di faticoso lavoro, spostando casse e rimuovendo ragnatele, verso sera rientrano in casa.

Una di esse ha la faccia sporca di fuliggine mentre l'altra l'ha completamente pulita.

Tuttavia, mentre la seconda corre in bagno a strofinarsi il viso con il sapone, la prima va tranquillamente in camera a cambiarsi l'abito per uscire la sera.

Come mai?


Tony Kospan
Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Floyd "Big Bang" Gottfredson
Postato da spalato il Sabato, 02 dicembre @ 23:10:08 CET (2232 letture)
Argomenti vari II

Con queste parole d'affetto, Rota sintetizza l'importanza di Gottfredson nel panorama Disney internazionale.

Posso dire che, personalmente, lo considero il più grande artista Disney di tutti i tempi! Ho cercato di sintetizzare in tre parole il mio pensiero, paragonando Floyd Gottfredson al Big Bang, l'esplosione primordiale che ha dato origine all'universo: nel nostro caso, a... quello disneyano. Dobbiamo tutti riconoscenza a questo impareggiabile disegnatore: i lettori, per le splendide storie che ha realizzato, e i disegnatori, anche per gli insegnamenti che hanno potuto trarre dal suo lavoro (Marco Rota)
Il suo esordio è in una storia noir scritta con lo stesso zio Walt e disegnata con Win Smith e molto probabilmente con Hardie Gramatky. Quindi viene lasciato come unico signore e padrone delle strisce topoliniane.
Leggi Tutto... | 4268 bytes aggiuntivi | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 1


Pippo (il mio personaggio preferito)
Postato da spalato il Sabato, 02 dicembre @ 23:05:18 CET (6274 letture)
Argomenti vari III

Pippo (in inglese Goofy) è uno dei personaggi di primo piano nell'universo immaginario di Walt Disney. Abita a Topolinia ed è il migliore amico di Topolino. È un cane antropomorfico, alto, dinoccolato, goffo e vestito da contadino; è sbadato, smemorato, disordinato e bislacco, e quindi rappresenta la controparte ideale del razionale ed efficiente Mickey Mouse.
Leggi Tutto... | 6639 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3


Per il mio cuore
Postato da Grazia01 il Sabato, 02 dicembre @ 13:51:40 CET (1796 letture)
Poesie di Neruda II

Per il mio cuore basta il tuo petto,
per la tua libertà bastano le mie ali.
Dalla mia bocca arriverà fino in cielo
ciò che stava sopito sulla tua anima.

E' in te l'illusione di ogni giorno.
Giungi come la rugiada sulle corolle.
Scavi l'orizzonte con la tua assenza.
Eternamente in fuga come l'onda.

Ho detto che cantavi nel vento
come i pini e come gli alberi maestri delle navi.
Come quelli sei alta e taciturna.
E di colpo ti rattristi, come un viaggio.

Accogliente come una vecchia strada.
Ti popolano echi e voci nostalgiche.
Io mi sono svegliato e a volte migrano e fuggono
gli uccelli che dormivano nella tua anima.


Pablo Neruda
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Trentamila luci e una stella
Postato da Grazia01 il Sabato, 02 dicembre @ 09:50:21 CET (1074 letture)
Attualità I

Acceso il Rockefeller Center

È alto 27 metri, pesa 9 tonnellate, ha un diametro di 13 metri, è illuminato da 30 mila luci e in cima ha una stella fatta di 2.500 cristalli Swarovski del peso complessivo di 250 chilogrammi. È l'albero di Natale 2006 del Rockefeller Center di New York uno dei più famosi al mondo. Da tre giorni, dopo una cerimonia inaugurale trasmessa in tv in diretta nazionale, brilla sulla piazza del Rockefeller Center vegliato da due angeli di cristallo. Resterà acceso fino all'8 di gennaio. Quella di quest'anno è stata la settantaquattresima cerimonia di inaugurazione da che la tradizione esiste: oramai l'albero è un'istituzione. Ogni Natale il giardiniere capo del Rockefeller Center viaggia per gli Stati Uniti in cerca dell'abete perfetto: tutti possono candidare il proprio, se pensano di avere un albero delle dimensioni giuste, basta fargli una foto con accanto una persona (per dare un'idea dell'altezza) e spedirla al Rockefeller Center. L'.albero di quest'anno viene da Ridgefield, Connecticut.


corsera
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dare valore alle cose
Postato da Pino il Venerdì, 01 dicembre @ 23:08:02 CET (1382 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni II

Se solo per un istante Dio si dimenticasse che sono una marionetta di pezza
e mi regalasse un pezzo di vita, probabilmente non direi tutto ciò che penso,
ma in definitiva penserei tutto ciò che dico.
Darei valore alle cose, non per ciò che valgono, ma per ciò che significano.


Buonanotte.
Pino.
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un computer al tempo dei greci.
Postato da Grazia01 il Venerdì, 01 dicembre @ 21:45:30 CET (1194 letture)
Invenzioni e origini III

ROMA - Seguire i movimenti del Sole e della Luna attraverso le costellazioni dello Zodiaco, predire le eclissi, tracciare il moto dei pianeti e l'orbita irregolare della Luna nel cielo: questa, secondo una dettagliata analisi descritta su Nature, era la funzione del Meccanismo di Antikythera, un antichissimo macchinario greco a ingranaggi risalente al 65 a.C.

Per gli autori, un gruppo di ricerca internazionale, coordinato da Mike Edmunds e Tony Freeth dell'universita' britannica di Cardiff, lo studio rileva che il meccanismo e' molto piu' sofisticato di quanto ritenuto finora, tanto che per l'epoca puo' essere definito un vero e proprio computer. Inoltre, dimostra "lo straordinario potenziale tecnologico dei greci, perso con l'impero romano". Il Meccanismo di Antikythera fu trovato nel 1900 da alcuni pescatori di spugne nel relitto naufragato di un'antica nave, nel fondale mare davanti all'isola di Antikythera, fra il Peloponneso e Creta. Fra gli oggetti a bordo vi erano i frammenti di una custodia di legno e bronzo contenente oltre 30 ingranaggi.
Leggi Tutto... | 1938 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.5


E' Natale, vietati i luoghi comuni
Postato da Antonio il Venerdì, 01 dicembre @ 13:59:37 CET (3689 letture)
Letture varie I

Si avvicina Natale. E con il Natale si avvicinano i soliti discorsi sul Natale, le solite geremiadi sul Natale che non è più quello di una volta, i soliti lamenti sullo spirito natalizio oramai smarrito. Si preparano stuoli di commentatori, elzeviristi, opinionisti, maestri del pensiero per convincere i lettori e gli ascoltatori che il Natale che tutti stanno
per vivere è qualcosa di inautentico e di artificioso e che non ha più nessun rapporto con quell'evento meraviglioso
e miracoloso che ebbe luogo una notte di migliaia di anni fa in una grotta di Betlemme.
Leggi Tutto... | 2266 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Tra ogni ben di Dio sogni di essere sola lì
Postato da Grazia01 il Venerdì, 01 dicembre @ 13:29:54 CET (1017 letture)
Letture varie I

La fiera dell'artigianato? Bisogna farsi coraggio e affrontarla, meglio se nelle prime ore di apertura, nella speranza che non tutti i visitatori la pensino allo stesso modo. Dentro si trova, infatti, un'immensa grotta delle meraviglie, dove l'offerta smisurata di ogni ben di Dio che vagamente abbia a che fare con l'artigianato - dal pane nero della Val Venosta fino ai mobili thailandesi passando per monili indiani e zoccoli olandesi - può anche far girare la testa.
Leggi Tutto... | 1126 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


OMBRE E SILENZI
Postato da Tony-Kospan il Venerdì, 01 dicembre @ 10:24:31 CET (5910 letture)
Le poesie di Tony-Kospan I



Dall'ombra e dal silenzio
solo nascono
ombre nuove e nuovi silenzi.

E quando la parola infin riappare,
lingue diverse ormai balbettano,
orecchie sorde ormai non ascoltano,
occhi ciechi ormai non guardano.

Delle care emozioni la memoria,
muta anch'essa e senza gloria,
sperduta ancora vive
sempre meno... in pagine brillanti,
... o dispersa in chat di pochi istanti.

L'ombra del tempo.. poi,
a quella dei silenzi ..........
lentamente s'aggiunge….
e l'affetto ... antico,
dalla polvere coperto,
ai cuori ormai lontani
adesso più non giunge.

Solo l'orgoglio, cattivo amico
e delle ombre e dei silenzi padre,
duro rimane, triste e vivo,
come il carattere nostro,
troppo forte intenso e schivo.

Tony Kospan
Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 3.5


Ecco perché il Web 2.0 non sarà una bolla
Postato da Antonio il Giovedì, 30 novembre @ 15:03:28 CET (1083 letture)
Attualità I

Il Web 2.0 è il nuovo campo di battaglia su cui si affrontano start-up, giganti di internet e gruppi di media tradizionali. La posta in gioco: gli internauti e la pubblicità che continuano a crescere a ritmi vertiginosi. In questa seconda età del Web, che sembra aver raggiunto la maturità, non passa giorno senza accordi, alleanze, acquisizioni milionarie. Un film già visto alla fine del secondo MiIlennio. Ma, oggi come allora, si tratta di una bolla destinata a scoppiare?
Leggi Tutto... | 1003 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Quando Dio sembra lontano
Postato da Grazia01 il Giovedì, 30 novembre @ 14:24:03 CET (1070 letture)
Letture varie I

Un paio di anni fa ero in viaggio per tornare a Bergamo; c’era un temporale molto brutto a Napoli e molti voli erano stati cancellati. Il mio sembrava di no, così feci la coda per l’imbarco.
Saliti sull’aereo sembrava venisse la fine del mondo: tuoni, lampi, vento e grandine circondavano l’aereo e noi seduti non sapevamo cosa pensare.
Il pilota cercava di rassicurarci e nonostante il cattivo tempo partimmo in orario.
Leggi Tutto... | 1221 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Solo per oggi
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 novembre @ 16:11:07 CET (1179 letture)
Natale - pensieri, poesie, racconti *

Solo per oggi crederò fermamente,
nonostante le apparenze contrarie,
che la Provvidenza di Dio si occupi di me
come se nessun altro esistesse al mondo.

Solo per oggi avrò cura del mio aspetto;
non alzerò la voce, sarò cortese nei modi,
non criticherò nessuno,
non pretenderò di migliorare nessuno se non me stesso.

Solo per oggi compirò una buone azione e non lo dirò a nessuno.

Solo per oggi dedicherò dieci minuti
a qualche buone lettura ricordando che,
come il cibo è necessario al corpo,
così la buona lettura alla vita dell’anima.

Solo per oggi non avrò timori.
Non avrò paura di godere
Ciò che è bello e di credere alla bontà.

Solo per oggi mi farò un programma:
forse non lo seguirò a puntino ma lo farò
e mi guarderò da due malanni: la fretta e l’indecisione.

Posso ben fare per dodici ore ciò che mi sgomenterei
Se pensassi di doverlo fare per tutta la vita.


Preghiera di Papa Giovanni XXIII
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I giardini nascosti
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 novembre @ 15:57:12 CET (1240 letture)
Poesie sulla natura e l'universo

Amo la libertà de' tuoi romiti
vicoli e delle tue piazze deserte,
rossa Pavia, città della mia pace.
Le fontanelle cantano ai crocicchi
con chioccolìo sommesso: alte le torri
sbarran gli sfondi, e, se pesante ho il cuore,
me l'avventano su verso le nubi.
Guizzan, svelti, i tuoi vicoli, e s'intrecciano
a labirinto; ed ai muretti pendono
glicini e madreselve; e vi s'affacciano
alberi di gran fronda, dai giardini
nascosti. Viene da quel verde un fresco
pispigliare d'uccelli, una fragranza
di fiori e frutti, un senso di rifugio
inviolato, ove la vita ignara
sia di pianto e di morte. Assai più belli
i bei giardini, se nascosti: tutto
mi pare più bello, se lo vedo in sogno.
E a me basta passar lungo i muretti
caldi di sole; e perdermi ne' tuoi
vicoli che serpeggian come bisce
fra verzure d'occulti orti da fiaba,
rossa Pavia, città della mia pace.


Ada Negri

da Il dono,
Mondadori, Milano, 1936
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UNA SIMPATICA MEDITAZIONE DI WOODY ALLEN ...
Postato da Tony-Kospan il Martedì, 28 novembre @ 20:09:04 CET (2987 letture)
Pensieri, aforismi e citazioni I La cosa piu' ingiusta della vita è come finisce.

Voglio dire: la vita è dura e impiega la maggior parte del nostro tempo...

Cosa ottieni alla fine? La morte.

Che significa ! Che cos'è la morte ?

Una specie di bonus per aver vissuto?

Credo che il ciclo vitale dovrebbe essere del tutto rovesciato.

Bisognerebbe iniziare morendo, così ci si leva subito il pensiero.

Poi in un ospizio dal quale si viene buttati fuori perchè troppo giovani.

Ti danno una gratifica e quindi cominci a lavorare e per quarant'anni, fino a che sarai sufficientemente giovane per goderti la pensione Seguono, feste, alcool, erba ed il liceo.

Finalmente cominciano le elementari, diventi bambino, giochi e non hai responsabilità, diventi un neonato, ritorni nel ventre di tua madre, passi i tuoi ultimi nove mesi galleggiando e finisci il tutto con un bell'orgasmo !

Woody Allen



Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Angeli
Postato da Grazia01 il Martedì, 28 novembre @ 18:19:17 CET (1366 letture)
Poesie e altro di Dickinson

Non posso essere sola,
mi viene a visitare
una schiera di ospiti,
non sono registrati,
non usano la chiave,
non han né vesti, né nomi,
né climi, né almanacchi,
ma dimore comuni,
proprio come gli gnomi,
messaggeri interiori
ne annunciano l'arrivo,
invece la partenza
non è annunciata, infatti
non sono mai partiti.


Emily Dickinson
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La stanza delle conchiglie
Postato da Miriam il Martedì, 28 novembre @ 14:19:40 CET (1480 letture)
Recensioni III Anche in quest’alba chiara
nella mia testa
è sempre primavera.


Leggi Tutto... | 2496 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Innamorati di Milano
Postato da Grazia01 il Lunedì, 27 novembre @ 21:41:38 CET (1528 letture)
Milano mia I

Sono le nebbie di un tempo? Charles Dickens, nel suo viaggio a Milano (correva l'anno 1844), trovò una nebbia così fitta che «la guglia del famoso Duomo poteva anche essere a Bombay, per quel che se ne vedeva». Dovette tornare l'anno dopo, in estate, in una giornata azzurra, celeste benedizione per la Lombardia: il Duomo gli si parò davanti con grazia. Poi Dickens prese la via del ritorno, verso Londra. E scrisse: «Presto Milano rimase dietro di noi alle cinque del mattino; e prima che la statua dorata posta in cima alla guglia della cattedrale si perdesse nell'azzurro del cielo, le Alpi, in una meravigliosa confusione di creste e di picchi maestosi, di nubi e di neve, torreggiavano sul nostro cammino». Nebbie, marmi, montagne, cieli azzurrissimi.....
Leggi Tutto... | 2519 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Orgasmo totale - singolare esperimento
Postato da Antonio il Lunedì, 27 novembre @ 17:25:07 CET (1173 letture)
Attualità I

Un pianeta devastato dalle guerre può essere salvato dall'energia orgonica? Lo pensano i promotori di un singolarissimo esperimento a metà tra provocazione e pseudoscienza: “Global Orgasm”, ovvero un orgasmo di massa che dovrà avere luogo il 22 dicembre, nella magica notte del solstizio invernale (Sol Invictus) nei modi che ciascuno dei partecipanti, uomo o donna, vorrà adottare.
L'esperimento, lanciato via internet, ha già conquistato le colonne di Wired.
Leggi Tutto... | 1979 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La grande potenza creativa del male d'amore
Postato da Grazia01 il Lunedì, 27 novembre @ 10:45:09 CET (1177 letture)
Riflessioni di Francesco Alberoni I

Quante volte mi hanno domandato:«Come si fa a guarire di mal d'amore, smettere di soffrire se ti sei innamorato e non vieni ricambiato?». Per rispondere ricordiamo che noi ci innamoriamo quando, stanchi del nostro attuale modo di essere, vogliamo realizzare altre nostre potenzialità e siamo pronti a ricominciare. Allora ci innamoriamo di chi ci fa intravedere la nuova futura possibile vita. Così si accende il processo di «stato nascente» in cui noi trasfiguriamo tanto il mondo che la persona amata.
Leggi Tutto... | 2036 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


OH NINFA DEL WEB...
Postato da Tony-Kospan il Domenica, 26 novembre @ 20:59:50 CET (1573 letture)
Le poesie di Tony-Kospan I

E' sera o è notte?
Ride nel cielo la luna
bianca come lo schermo!

Vieni!
Stammi vicina!
Non temere!
Dammi la mano!
Tra le mail e le chat
ci nascondiamo!

Oh dolce Ninfa del web
dall'uggioso mondo reale
scappiamo...
ed ai giovani sogni
torniamo!

Ecco verde ci appare un laghetto,
oh... d'intima chat ha l'aspetto!

Sulle sue rive ... felici sostiamo
ed al suono di silenti usignoli
"quasi un batter di tastiere"
le nostre ... anime uniamo
e virtualmente... godiamo!

Tony Kospan
Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ENIGMA DI QUESTO WEEK END...
Postato da Tony-Kospan il Sabato, 25 novembre @ 20:19:58 CET (1119 letture)
Post di Tony Kospan I

L'HOTEL

I signor Bianchi e il signor Rossi, due importanti uomini d'affari,
hanno prenotato due camere nello stesso albergo.
Stanno entrambi al terzo piano e le due camere sono vicine.
E' notte e il signor Rossi e' beatamente immerso nei sogni.
Il signor Bianchi non riesce invece a prendere sonno nonostante sia stanchissimo.
Decide quindi di telefonare al collega e dopo pochi secondi abbassa la cornetta
e si sdraia sul letto addormentandosi subito.

Come si puo' spiegare questo strano fatto?
Leggi Tutto... | 435 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mondo ... chat
Postato da Tony-Kospan il Sabato, 25 novembre @ 20:12:19 CET (1495 letture)
Le poesie di Tony-Kospan I

Nella notte virtuale
vedo anime in pena
dall'incerta identità
vagare di chat in chat
in cerca di qualcosa
che forse non sanno.

Vedo donne curiose
di vivere nuove sensazioni
d'aprire il cuore a nuove emozioni
esser timide eppur audaci……
Leggi Tutto... | 933 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sesso e amore
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 novembre @ 14:26:52 CET (1306 letture)
Riflessioni di Francesco Alberoni I

Nel racconto La signora col cagnolino, di Cechov, a Jalta un uomo ha un’avventura con una signora. Poi si sente spinto a cercarla di nuovo, la trova a Mosca: s’innamora, s’innamorano. E Cechov scrive: «Essi si perdonavano a vicenda ciò di cui si vergognavano nel loro passato, si perdonavano tutto nel presente e sentivano che quell'amore li aveva mutati entrambi».
Lo stato nascente dell'innamoramento è l'unico momento in cui gli innamorati sono avidi di conoscere tutto della vita dell'altro e l'accettano qualunque essa sia, anche se ha avuto debolezze, errori, anche se ha ammazzato. Si perdonano tutto. Ma se uno dei due non dice una parte essenziale di ciò che ha vissuto, in seguito non potrà più farlo e dovrà recitare per sempre, perdendo così la meravigliosa spontaneità che l'amore gli aveva donato.


Francesco Alberoni
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'uso della virgola
Postato da Antonio il Sabato, 25 novembre @ 14:15:59 CET (1924 letture)
Argomenti vari I

C'è chi, con una, virgola, ha fatto i soldi. E' il caso di Lynne Truss, autrice del bestseller Eats, ShootsandLeaves(2003).Il titolo descrive le azioni di un pistolero ("Mangia, spara e se ne va"). Basta levare la virgola (Eats shoots and /eaves), e racconta le abitudini di un panda ("Mangia germogli e foglie).

NON SEMPRE LA VIRGOLA ha conseguenze così drammatiche: ma spesso aiuta a chiarire il discorso, e quindi la vita. È il fante dell'interpunzione, un segno umile ma fondamentale. È duttile, ma non può far tutto. Non può, per esempio, separare il soggetto dal predicato («Marco, guarda i capelli della moglie e si spaventa»), né il predicato dall'oggetto («Marco guarda, i capelli della moglie ... »). Non deve precedere una relativa limitativa («La moglie mostrò al marito i capelli, che aveva appena rovinato») mentre è comune prima d'una relativa esplicativa («La moglie, che era stata da un parrucchiere incosciente, spaventò il marito Marco»).
Leggi Tutto... | 1522 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La sera di festa
Postato da Grazia01 il Venerdì, 24 novembre @ 20:57:00 CET (1541 letture)
Poesie e prosa di Gibran I

Venne la sera e l'oscurità scese sulla città, nei palazzi e nelle case s'accesero le luci, e la popolazione uscì per le strade indossando abiti nuovi per la festa e avendo sul viso un'espressione rilassata e serena. In pochi minuti i loro respiri affannosi vennero quasi resuscitati dal profumo del cibo e delle bevande.
Camminavo da solo, isolato e lontano dalla folla e dal rumore, pensando alla persona di cui si stava celebrando la festa.
Ripensavo ai tempi gloriosi in cui, nato povero, visse isolato e morì in croce.
Ripensavo al fuoco che aveva acceso in ogni cuore in un piccolo villaggio della Siria, fuoco che si librava attraverso secoli e civiltà ...
Quando giunsi ai giardini pubblici mi sedetti su di una panchina a osservare, attraverso i rami spogli degli alberi, le strade affollate e ad ascoltare i canti che venivano cantati dalle persone che seguivano la processione della gioia e della libertà ...
Dopo un'ora, oppresso da pensieri e ricordi, mi voltai e vidi accanto a me un uomo che recava un bastone, con la cui punta tracciava linee per terra.
Pensai: "È una persona che ama la solitudine come me."
Poi lo osservai attentamente e mi accorsi che nonostante gli abiti visibilmente vecchi e i capelli arruffati, incuteva timore e rispetto ... e come se si fosse accorto che lo stavo osservando attentamente, si voltò verso di me e con voce profonda e calma disse: "Buonasera."
Ricambiai il saluto: "Che Iddio ti conceda una sera felice."
Leggi Tutto... | 3449 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


In ricordo di Philippe Noiret
Postato da Antonio il Venerdì, 24 novembre @ 13:49:55 CET (1152 letture)
In ricordo

«Ci soffiava sempre le parti più belle»
La prima volta che mi soffermai sulla bravura di Philippe Noiret fu quando lo vidi in "Il delitto di Thérèse Desqueiroux " alla Mostra di Venezia del '62. L'avevo già notato in qualche film e sapevo che sulla scena aveva affiancato Jean Vilar e tuttavia mi colpì la calda segnalazione di Romolo Valli: «Nel film guardati Noiret, accidenti quanto è bravo! E poi si sente che ha letto il romanzo di Mauriac!». C'era una certa rassomiglianza fisica fra Philippe e Romolo, ma avevano tante altre cose in comune:entrambi capaci di spaziare dal comico al drammatico, ormai affermati in teatro e scalpitanti alle porte del cinema. Incontrandosi chissà quante cose avrebbero avuto da dirsi, però non so se sia mai avvenuto. E mentre Valli continuò a seguire la carriera del collega con viva partecipazione, forse vedendo nella sua ascesa qualcosa di propiziatorio per sé, accadde il contrario. Romolo ebbe le sue soddisfazioni, molti film, qualche premio, ma rimase un nome di teatro; e intanto Noiret, divenuto un divo, scendeva sempre più spesso in Italia «a soffiarci le più belle parti» (ancora parole di Romolo, meno entusiasta). Il mio amico coltivava il sogno di impersonare il dottor Fadigati, il tragico protagonista omosessuale di "Gli occhiali d'oro" di Bassani. Tentò di spingere questo progetto presso vari produttori, ma non ne venne a capo. Andò a finire che Fadigati lo fece stupendamente Noiret, con la regia di Giuliano Montaldo; e, ironia della sorte, a Romolo quell'amarezza fu risparmiata perché nel 1987 non era più tra i vivi.

Tullio Kezich
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Desiderata
Postato da Grazia01 il Venerdì, 24 novembre @ 11:18:16 CET (1164 letture)
Letture varie I

Va' serenamente in mezzo al rumore e alla fretta
e ricorda quanta pace ci puo' essere nel silenzio.

Finche' e' possibile senza doverti arrendere conserva
i buoni rapporti con tutti.

Di' la tua verita' con calma e chiarezza, e ascolta gli altri,
anche il noioso e l'ignorante, anch'essi hanno una loro storia da raccontare.
Evita le persone prepotenti e aggressive, esse sono un tormento per lo spirito.
Leggi Tutto... | 2225 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 20 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 21 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 26 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 435 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 67 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 26
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy