Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 253
Totale: 253
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: coppermine
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: coppermine
09: Home
10: News
11: Home
12: Home
13: Home
14: Search
15: coppermine
16: Home
17: News
18: Topics
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Statistics
24: Home
25: Home
26: Home
27: News
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: News
35: Home
36: Stories Archive
37: Home
38: News
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: News
44: Home
45: Home
46: Stories Archive
47: Home
48: Home
49: coppermine
50: Home
51: News
52: News
53: Home
54: Home
55: coppermine
56: News
57: Home
58: Home
59: coppermine
60: Home
61: News
62: Home
63: Home
64: Your Account
65: Home
66: Home
67: coppermine
68: Home
69: Home
70: Search
71: Home
72: Stories Archive
73: Home
74: Home
75: coppermine
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: coppermine
87: News
88: News
89: Home
90: Home
91: Home
92: coppermine
93: Stories Archive
94: Stories Archive
95: News
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: coppermine
103: Forums
104: News
105: Home
106: Home
107: News
108: Home
109: Home
110: Home
111: coppermine
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Your Account
120: Home
121: Home
122: Forums
123: Home
124: coppermine
125: Home
126: coppermine
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: coppermine
134: Home
135: coppermine
136: coppermine
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: News
143: News
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: News
154: Home
155: News
156: Your Account
157: Home
158: Home
159: Search
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: coppermine
165: Search
166: Home
167: Home
168: Home
169: News
170: Home
171: Home
172: Home
173: Search
174: Your Account
175: Forums
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Stories Archive
183: coppermine
184: News
185: Forums
186: Home
187: Home
188: Forums
189: Stories Archive
190: Home
191: News
192: Forums
193: Home
194: coppermine
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: coppermine
201: Home
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: coppermine
212: Home
213: Search
214: Home
215: News
216: Home
217: Home
218: Home
219: News
220: coppermine
221: coppermine
222: Home
223: Search
224: News
225: Home
226: Home
227: coppermine
228: Home
229: Home
230: News
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: News
236: Forums
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Statistics
251: Home
252: Home
253: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9049
  · Viste: 1924122
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Rifugio
Postato da Letty il Giovedì, 17 ottobre @ 21:33:02 CEST (537 letture)
Le poesie di Letty - II






Chi lo sa se esiste un rifugio per amori sperduti,
se magari da qualche parte c’è qualcuno che li trova e li accoglie per curare le ferite...
chi lo sa se esiste un posto dove ogni pensiero si va a nascondere,
quel tanto che basta per poter raccogliere le forze e ripartire...
io credo che ce l’abbiamo in fondo all’anima un posto così,
buio, tetro, umido... senza porte né finestre.

Letty

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Tu
Postato da Letty il Giovedì, 17 ottobre @ 21:31:45 CEST (803 letture)
Le poesie di Letty - II










C'è sempre qualcosa che trapela dai tuoi sguardi distratti
e che viene colto dai cacciatori di farfalle
tu non vedi
eppure son lì che cercano te
tra la folla degli anonimi
c'è una pietra preziosa che brilla per sbaglio
che resta impigliata
fra sogni di porcellana
e fiabe di cartapesta
tra un tramonto e un'alba insonnolita
qualcuno ti trova
qualcuno ti cerca
qualcuno ti perde
qualcuno ti dimentica.

Letty
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Se nessuno...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 16 ottobre @ 18:31:05 CEST (1038 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno







Se nessuno ci avesse mai toccato saremmo infermi.
Se nessuno ci avesse mai parlato saremmo muti.
Se nessuno ci avesse mai sorriso e guardato saremmo ciechi.
Se nessuno ci avesse mai amato non saremmo persone.


Paul Baudiquey
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UN MESTO SORRISO DI NUVOLA
Postato da rosarossa il Mercoledì, 16 ottobre @ 07:44:24 CEST (772 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX







UN MESTO SORRISO DI NUVOLA

Mesto il sorriso di una nuvola nel cielo
appare e la sua tristezza
nell’aria espande.
Un cupo colore
presenta il serioso autunno che si avanza.
L’estate, da sempre ospite del sole
si rifugia nell’infuocata sfera, poi scompare!
Lascia la terra brulla, solitarie le spiagge
melanconico, e crespo,
il grande mare.
Imponenti maestosi i monti si
adeguano al grigiore
salutano l’autunno
che il suo lavoro comincia a programmare.
Pazienti attendono l’inverno che fra breve,
li vestirà di candido mantello
e le piste intorno, di ovattata neve.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Non perderò mai la fede...
Postato da Grazia01 il Martedì, 15 ottobre @ 20:27:06 CEST (1626 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI








Non perderò mai la fede, né la speranza, ma a volte mi sento vacillare.
Quando vedo e sento di tante miserie umane, di tragedie che si susseguono
e rendono piccoli i miei guai quotidiani, che pure mi fanno soffrire,
allora mi chiedo perché? Perché tanto dolore? Vorrei capire fino in fondo il senso della vita,
e specialmente il senso di quelle vite che si spengono tra enormi sofferenze,
prima ancora di aver capito se ci sia una vita diversa.
Scusate si vi rattristo, ma desideravo condividere questa sensazione.
Una sensazione d’impotenza e d’inadeguatezza che non so risolvere
e tanta pietà .

Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Amami
Postato da Letty il Martedì, 15 ottobre @ 19:29:50 CEST (903 letture)
Le poesie di Letty - II









Amami se puoi, per scelta non per abitudine
Amami se puoi, quando piove, tra il grigio e l'umido di quelle giornate spente
Amami se puoi, quando soffia troppo vento e si porta via i profumi e ti lascia solo
Amami se puoi, se vuoi, se credi
Amami come se fossi quell'ultimo anelito che ti lega ai sogni di una vita
lasciami attaccata alla speranza che io possa restare comunque anche quando tutto sparirà e non avrà più senso nemmeno ricordare.
Amami... lo stesso.
Come faccio io.
Da sempre.


Letty

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Demons
Postato da Letty il Martedì, 15 ottobre @ 19:27:50 CEST (693 letture)
Le poesie di Letty - II









Scrivere di me... sembra facile quando le parole ti vengono davvero.
Scrivo di me sempre perché ogni giorno mi parlo incessantemente.
Ci sono pensieri che non posso spegnere, pensieri che mi accompagnano e mi tornano.
Le anime in tumulto sono vulcani di parole, ricordi, sentimenti, sospiri...
Ho bisogno di scriverle ovunque, sono i miei demoni da esorcizzare, che quando decidono di scatenarsi posso correre ovunque, tanto mi raggiungono e mi fanno male.
E io con quel dolore scrivo... scrivo... scrivo a prezzo della mia povera anima.

Letty

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Poesie di Raffaele Sammarco
Postato da Grazia01 il Lunedì, 14 ottobre @ 21:50:48 CEST (1106 letture)
Ricerche d'autore


Raffaele Sammarco, scrittore, poeta ed insegnante italiano.
Varapodi 14 ottobre 1866 – Reggio Calabria, 8 giugno 1931)




A se stesso

O mio cuore infelice,
datti pace oramai.
Il tanto vaneggiar,
dimmi, che giova?
O cuore mio, non sai
il proverbio che dice:
bene perduto più non si ritrova?
Nostro tempo felice passò.
Giorni di sol, per sempre addio!
Candidi soli de l'età mia nova,
su voi sceso è l'oblio.



Primo amore

Agile ell'era, giovinetta e bella,
viso di un cherubino innamorato,
limpidi e neri gli occhi di gazzella
e la bocca parea fior di granato;
onde dolce e soave la favella
e il respiro ne usciva profumato,
quando al nome gentile rispondea
de la più bella giovinetta ebrea.



Idillio

O misero colui che le dolcezze
dei campi ignora, e cosa indegna estima
di cittadino abitator la terra
bella d'erbe feconda e opimi còlti!.

Raffaele Sammarco

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.4


Buon fine settimana
Postato da Grazia01 il Sabato, 12 ottobre @ 07:51:52 CEST (603 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno









…Ma adesso che viene la sera
e il buio mi toglie il dolore dagli occhi
e scivola il sole al di la delle dune
a violentar le notti…

Da Il testamento di Tito di Fabrizio De Andrè

Buon fine settimana

Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi
Postato da Grazia01 il Giovedì, 10 ottobre @ 16:58:35 CEST (4164 letture)
Video
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sergej Aleksandrovi Esenin poeta russo
Postato da Grazia01 il Giovedì, 10 ottobre @ 16:55:53 CEST (562 letture)
Ricerche d'autore


Sergej Aleksandrovi Esenin





Che notte!

Che notte! lo non posso.
Non riesco a ubriacarmi.
C’è un tale lume di luna!
É come se ancora custodissi
Nell’anima la giovinezza perduta.

Amica dell’estati ormai fredde,
Non chiamare il giuoco amore,
Meglio che questo lume di luna
Filtri sul mio guanciale.

Lascia che i tratti guastati
Esso disegni arditamente:
Tu non potrai disamare
Così come non hai saputo amare.

Amare si può solo una volta,
E tu mi sei lontana
Perché invano ci chiamano i tigli,
Coi piedi affondati nei mucchi di neve.

Io so e lo sai anche tu
Che in questo azzurro riflesso lunare,
In questi tigli non ci sono fiori:
Su questi tigli c’è neve e brina.

Che più non ci amiamo da tempo,
Tu non mi ami, io ne amo un’altra
E a tutti e due è indifferente
Giocare in un amore a buon mercato.

Ma anche se mi abbracci e accarezzi
Coi baci di un’astuta passione,
Il cuore eternamente sogni il maggio
E colei che per sempre io amo.

Amore mio! perdonami, perdonami,
Niente io ho trascurato,
Ma ciò che ho più caro sul cammino
É quello che per me è irripetibile.
Irripetibili siamo tu e io.
Morremo ed altri dopo noi verranno.
Ma saranno sempre diversi:
Non sono tuo ormai, tu non sei mia.

Sergej Aleksandrovi Esenin

Leggi Tutto... | 12337 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Louis-Philippe Dalembert - poeta nato ad Haiti
Postato da Grazia01 il Lunedì, 07 ottobre @ 20:55:07 CEST (1927 letture)
Ricerche d'autore






Louis-Philippe Dalembert




Stagioni

A volte i miei sensi cercano
l’uomo
dietro le parole
l’uomo di burrasca e di sismi ardenti
dietro l’invisibile delle stanze
di nebbia
da quale pioggia scrivere
i rumori che urtano il mio corpo
all’avvicinarsi dell’invisibile
da quale nube spenta dire l’essere
aggrappato ai suoi ricordi
a volte
fu un eterno fanciullo dell’estate
che avrebbe voluto conoscere l’uomo
di bufere e di sismi taciuti
ma questo slancio dell’essere
nell’aldilà di me stesso
nell’aldilà di noi stessi
impercettibile
fluire che confonde le stagioni
del dire
quale parola lo strazio
quale parola quest’uomo dell’inverno
sconosciuto all’infanzia?
a volte
posta al di sopra dei proiettili
valzer dell’inconsumabile follia
una seggiola di paglia
ai piedi di un acagiù marino




Io non ho mai detto papà


Io non ho mai detto papà
e non lo dirò mai
io non ho oggi
più vergogna di dirlo
il tempo è passato
in cui stringevo la tua assenza
nelle pieghe
del mio imbarazzo
del mio pudore vasto e secco
come un abbraccio paterno

il tempo è passato
ma mi capita ancora
di cercare questa parola
o un’altra che le somigli
ciò mi capita a volte
al volgere di un incubo
o perché non ho saputo
sconfiggere le tenebre
sotto i miei passi
e quando la mia mano crede di trovarlo
è per richiudersi
sulla polvere
dei miei balbettii
echi vuoti dei miei passi d’uomo

non ho mai detto papà
e non lo dirò mai
io non ho più
vergogna di dirlo
il tempo è passato
oggi a chi dirlo?
queste voci sorde dell’assenza
dietro la loro maschera di noncuranza
queste tenebre di un blu abissale
il timore del vuoto anche
nessun braccio mai
sarà abbastanza forte
per rinviarli
al grido primario

io non ho foto d’ infanzia
insieme non ne avremo mai
di te io non ho che questo cliché
del matrimonio dove i miei sogni orfani
tracciavano invano
il colore del tuo sorriso
il tempo è passato
in cui temevo la sua assenza
il tempo è passato
io l’ ho poi ritrovato
negli occhi di mio figlio




Témoignage

Un giorno
ho spinto le porte
dell’alba
e mi sono seduto
sotto una veranda
di fronte al mare caraibico
con per unica compagna
una piccola sedia di paglia
che inganno a intervalli
che inganno a volte
le sere di acquazzoni violenti
quando i lampi
hanno cessato il loro dialogo
con una sedia a dondolo
di paglia e le stelle aspre
di un rum di canna

e là
di fronte al mare
i nostri conciliaboli muti
aspettano ogni volta
di ritornare all’infanzia
del suo vagabondaggio
all’adolescenza anche
delle sue utopie che tardano ad estinguersi

un giorno
ho spinto le porte dell’alba
da allora vedo il mondo
attraverso i suoi raggi
pallidi d’ombra e blu di notte
senza le effusioni
delle mie ferite

quel giorno
di fronte al mare caraibico
ho sognato
di una poesia

che da nessuna parte comincia
o allora dall’infanzia
e da nessuna parte finisce

jacmel, 13/07/2006
Leggi Tutto... | 3715 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Non si può...
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 ottobre @ 21:02:07 CEST (842 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno






Non si può smettere di soffrire così come non si può smettere di amare solo perché lo si vuole.
Però si può provare a pensare a ciò che ci rende sereni anziché angosciati,
fare cose che ci diano gioia anziché dolore.
Con il tempo, la serenità e la gioia prevarranno sulla sofferenza.
E se anche non avremo smesso del tutto di soffrire, perché alcuni dolori non scompaiono mai del tutto,
se non altro avremo imparato a essere felici nonostante le ferite ancora aperte.

Simona Barè Neighbors



Buonanotte e buona settimana
Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


E’UNA BELVA
Postato da rosarossa il Venerdì, 04 ottobre @ 16:12:34 CEST (905 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX








E’UNA BELVA

Pari a una feroce belva che morde un corpo
lasciando un’inguaribile ferita,
la delusione di un amor che credi vero,
non trova cure, non può guarire, punge l’anima.
ferisce il cuore,
brucia e corrode per l’intera vita!

Rosa Rossa
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Una rosa
Postato da Grazia01 il Giovedì, 03 ottobre @ 20:24:49 CEST (647 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II







Una rosa

cercavo una rosa

ti ho presa per mano

ho trovato delle spine

non mi parlavi

non avevi voce

ma per me eri un libro aperto

sul quale era scritto il mio destino.

Nelle mani sento dolore

e non gioia

ma se guardo il fiore

vedo il mio futuro.

Così non mollo la presa

ed incomincio a leggere

il libro della mia vita.

Ama e sarai amato

anche se le rose

hanno petali, foglie e spine.




r.chesini 05.10.2013

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Omaggio alla perfezione della saggezza
Postato da Grazia01 il Giovedì, 03 ottobre @ 18:07:55 CEST (648 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno






Omaggio alla perfezione della saggezza, l'amorevole, la santa.

Ricordate, la verità è bella. La verità è bellezza perché la verità è una benedizione. La verità non può essere brutta e la bruttezza non può essere vera, la bruttezza è illusoria. Quando vedi una ,persona brutta non lasciarti illudere dalla sua bruttezza; cerca un po' più in profondità e troverai nascosta una bella persona. Non lasciarti illudere dalla bruttezza: è una tua interpretazione. La vita è bella, la verità è bella, l'esistenza è bella - non conosce alcuna bruttezza. È amorevole, è femminile, è santa. Ma ricordate, 'santa' non secondo il senso che comunemente si intende - come se appartenesse all'altro mondo, come se fosse sacra in opposizione al mondano e al profano, no. Tutto è santo, non esiste niente che possa essere definito mondano o profano. Tutto è sacro, perché ogni cosa è animata dal Tutto.

Osho
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Riflessioni di Dacia Maraini
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 02 ottobre @ 19:16:26 CEST (741 letture)
Riflessioni III








La felicità non la si riconosce mai quando la si sta vivendo, ma sempre dopo. E’ una consapevolezza postuma. Si dice sempre: Ah com'ero felice! Mai: Ah come sono felice! Segno che la felicità è misteriosa e difficile da riconoscere mentre la stiamo vivendo. Molto chiara invece e riconoscibile salta fuori come rimpianto. Il che fa dubitare della sua reale esistenza. Perseguire un sogno penso sia un modo di riempire la vita. Non credo che rispetto all'universo la nostra piccola vita abbia un senso. Siamo noi che, con umiltà, (a volte anche con certezze pericolosamente e presuntuosamente assolute), con paura, con fiducia, con poesia, diamo un senso alla nostra vita. Ma tutto quello che viene dopo e prima rimane un grande mistero.

Dacia Maraini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Francisca Aguirre poetessa spagnola
Postato da Grazia01 il Martedì, 01 ottobre @ 20:53:09 CEST (648 letture)
Ricerche d'autore



Poesie di Francisca Aguirre




I trecento scalini


Tutto era calmo nella casa spenta.
Fino al giorno seguente, dio sa fino a quando
il silenzio regnava come un idolo antico.
Non funzionavano le leggi del traffico,
quelle imprescindibili ordinanze
che bisogna rispettare per circolare nel corridoio.
È come se la notte proponesse una tregua,
come se spegnendo la luce si spegnesse il pericolo.
Ascolto. Niente. Tacciono tutti unanimi.
Guardare il buio è comportarsi da morto:
gli occhi vanno dal nero che ci abita
al nero che ci avvolge.
Siamo gli spenti, gli assenti,
quelli che affastellano il tempo sui loro polsi;
siamo gli uditori del silenzio
e quel silenzio è come un tunnel per dove solo avanza il
tempo.
Non vedere, senza essere cieco, è sprofondare nel tempo.

(traduzione di Raffaella Marzano)




Nero incendio

La notte è con me.
Dopo un giorno dal cielo torbido e ragnato
ho guardato d’un tratto alla finestra
e ho visto il nero incendio.
Come è irreale e sorprendente a volte ciò che conosciamo.
In quale modo strano
di colpo siamo vivi.
In quale modo subdolo e pacato
di colpo siamo morti.
Qualcuno che in quest’ombra mi denunci,
qualcuno che in questa notte mi difenda,
qualcuno che mi faccia da garante,
qualcuno che mi pieghi alla sua impotenza,
qualcuno, un volto, ma subito.

(Traduzione: Emilio Coco)



Non confondetevi

E quando ormai non resterà più nulla
avrò sempre il ricordo
di ciò che non si compì mai.
Quando mi guarderanno con aspra pietà
avrò sempre
ciò che la vita non poté offrirmi.
Credetemi:
tutto ciò che pensate sia stato disastro e perdita
non è stato altro che ipotesi.
E quando ormai non resterà più nulla
avrò sempre quel che mi fu negato.
Non confondetevi: con quel che mai ho avuto
posso riempire il mondo palmo a palmo.
Tanta paura avevate da non accorgervi
della ricchezza che si nasconde nella perdita.
Sventurati,
ben poca cosa è il vostro profitto
se non avete mai perso nulla.
Io sì che ho perduto:
io, come il naufrago,
ho tutta la terra che mi aspetta.

Francisca Aguirre

(Traduzione di Raffaella Marzano)

Leggi Tutto... | 947 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nicole Brossard poetessa canadese
Postato da Grazia01 il Lunedì, 30 settembre @ 20:20:28 CEST (990 letture)
Ricerche d'autore








Quaderni di rose e civiltà

Poema per capire come
ci si possa piegare
ad un’idea
sfiorando coi capelli il fondo del silenzio

qualunque sia il mese qualunque la ferita
o il tenero colore del meriggio
tu anneghi nella
lingua la lingua e il suo salato mormorio

non ti scordare di voltare pagina
ad ogni gesto libero
perché l’ombra non cada
sulla facciata della solitudine

ancora certi giorni ancora io
aggiungo qualche cosa alla sostanza
dei volti conosciuti. Collare di memoria
e di animale salvato dall’abisso,
visto di spalle, collare: il verbo essere.

Nicole Brossard

(Traduzione: Paolo Ruffilli)
Leggi Tutto... | 5169 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Eugenio Montejo - poeta venezuelano
Postato da Grazia01 il Domenica, 29 settembre @ 20:19:03 CEST (1108 letture)
Ricerche d'autore






Scrivo sul tardi


Scrivo sul tardi. È mezzanotte.
Ignoro quando ho percorso questa strada,
come sono arrivato qui dove mi trovo, cosa cercavo.
La Croce del Sud s’è già spostata al centro
della raggiante solitudine notturna.
Di niente qui sono sicuro, neppure di questi galli
che tutt’intorno si sgolano.
Scrivo sul tardi. Cantano troppo i galli,
cantano per Esculapio, per Socrate, per Cristo
e per il vecchio Eduardo,
che continuamente svegliano nella sua tomba
affinché distribuisca adesso le sue grida
come se fossero le briciole di un lampo.

Eugenio Montejo





La terra girò per avvicinarci


La terra girò per avvicinarci
girò su se stessa e dentro di noi
fino ad unirci finalmente in questo sogno,
come fu scritto nel Simposio.
Passarono notti, nevi, solstizi;
passò il tempo in minuti e millenni.
Un carro che andava a Ninive arrivò a Nebraska.
Un gallo cantò lontano dal mondo.
La terra girò musicalmente
con noi a bordo;
non cessò di girare un solo istante,
come se tanto amore, tanto miracolo
fosse solo un adagio già scritto molto tempo fa
tra le partiture del Simposio.

Eugenio Montejo

Leggi Tutto... | 1925 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mahmoud Darwish, la voce della Palestina
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 settembre @ 21:15:42 CEST (751 letture)
Ricerche d'autore






Ho un cielo al di là del cielo per tornare

Ho un cielo al di là del cielo per tornare, ma continuo
a lustrare il metallo di questo luogo, vivo
un’ora che scruta l’ignoto. So che il tempo
non sarà mio alleato per due volte, so che dal mio vessillo
uscirò uccello che non si posa sugli alberi del giardino,
uscirò dalla mia pelle tutta, e scenderanno
dalla mia lingua alcune parole d’amore
per la poesia di Lorca, che abiterà nella mia camera da letto.
Vede quel che ho visto della luna beduina.
Uscirò cotone dal mandarlo sulla schiuma del mare.
L’esule è passato portando settecento anni di cavalli.
L’esule è passato di qui per andare oltre. Dopo poche rughe
del mio tempo, uscirò esule dalla Siria e dall’Andalusia.
Questa terra non è il mio cielo, ma questa sera è la mia sera,
ho le chiavi, i minareti, le lanterne.
Possiedo me stesso. Sono Adamo dei due paradisi,
due volte perduti.
Cacciatemi dolcemente,
uccidetemi rapidamente,
sotto il mio uliveto,
insieme a Lorca…

Mahmoud Darwish






L’ultima sera in questa terra

L’ultima sera in questa terra
Nell’ultima sera in questa terra recisi i nostri giorni
dagli arbusti, contiamo le costole che porteremo
e quelle che lasceremo. Là, nell’ultima sera a nulla diremo
addio, non troveremo il tempo per la nostra fine…
Ogni cosa resta immutata, ma il luogo trasforma
i nostri sogni e gli ospiti.
All’improvviso non siamo più capaci di ironia,
e il luogo è pronto ad accogliere il nulla.
Qui nell’ultima sera godremo dei monti avvolti di nubi:
conquista, conquista e riconquista.
Un tempo antico affida al tempo nuovo le chiavi delle
nostre porte.
“Entrate nelle nostre dimore, conquistatori,
bevete il nostro vino, al ritmo semplice delle
muwashshahât. Di notte siamo la mezzanotte, non
c’è alba che un cavaliere porta, arriva nell’ultimo richiamo
alla preghiera…
Il nostro tè è verde e caldo: bevetelo! I nostri pistacchi
sono freschi: mangiateli!
I letti verdi in legno di cedro: cedete al sonno!
Dopo questo lungo assedio, dormite sulle piume
dei nostri sogni: entrate nelle lenzuola,
essenze sparse su porte e specchi a profusione.
Entrate! E noi usciamo tutti.
A breve quando saremo in paesi lontani,
cercheremo la nostra storia nella vostra .”
Alla fine ci chiederemo:
“L’Andalusia era lì o qui? In terra o in versi?”






Poesia strofica arabo-andalusa

Ho un cielo al di là del cielo
Ho un cielo al di là del cielo per tornare, ma continuo
a lustrare il metallo di questo luogo, vivo
un’ora che scruta l’ignoto. So che il tempo
non sarà mio alleato per due volte, so che dal mio vessillo
uscirò uccello che non si posa sugli alberi del giardino,
uscirò dalla mia pelle tutta, e scenderanno
dalla mia lingua alcune parole d’amore
per la poesia di Lorca, che abiterà nella mia camera da letto.
Vede quel che ho visto della luna beduina.
Uscirò cotone dal mandarlo sulla schiuma del mare.
L’esule è passato portando settecento anni di cavalli.
L’esule è passato di qui per andare oltre. Dopo poche rughe
del mio tempo, uscirò esule dalla Siria e dall’Andalusia.
Questa terra non è il mio cielo, ma questa sera è la mia sera,
ho le chiavi, i minareti, le lanterne.
Possiedo me stesso. Sono Adamo dei due paradisi,
due volte perduti.
Cacciatemi dolcemente,
uccidetemi rapidamente,
sotto il mio uliveto,
insieme a Lorca…




In un giorno come questo

In un giorno come questo, nell’oscura navata
della chiesa… nel pieno splendore femmineo,
nell’anno bisestile, nell’eterno incontro
del verde e del nero profondo di questa mattina
nell’incontro della forma e del contenuto, del mistico e del materiale,
sotto l’ampia pergola, nell’ombra effimera
si estende l’immagine del senso, in questo luogo sensibile,
incontrerò la mia fine e il principio
e dirò: Maledetti. Prendetemi e lasciate
il cuore tenero della realtà a sciacalli voraci
Dico: non sono cittadino
né profugo
voglio una sola cosa, null’altro,
una sola cosa:
una morte semplice e serena
in un giorno come questo
nell’ombroso angolo dei gigli
per ripagarmi, tanto o poco
di una vita contata nei
minuti
o nelle migrazioni.
Voglio morire in un giardino
né più, né meno.

Leggi Tutto... | 7371 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il potere di uno sguardo
Postato da Grazia01 il Sabato, 28 settembre @ 20:34:47 CEST (879 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI








Il potere di uno sguardo


Preparo le parole,
le allineo accuratamente,
in modo lucido, coerente,
convincente,
mi sento calma
fiduciosa in un sereno chiarimento,
poi incontro quello sguardo,
tra l'annoiato e l'ironico,
le parole si fermano,
tornano indietro
si aggrovigliano
e arrivano tutte insieme,
premono nella mente,
escono disordinate, squilibrate,
con voce acuta e sgradevole.
Ogni premessa è svanita
davanti a quegli occhi
la battaglia è persa,
ancora una volta.

Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


E'IL MESE DI LUGLIO
Postato da rosarossa il Venerdì, 27 settembre @ 19:21:41 CEST (812 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX







E’ IL MESE ODI LUGLIO

Sono nonna Luana, il mio nipotino Marco fra pochi giorni compie sei anni, comincio a pensare cosa potrebbe gradire come regalo un bimbo della sua età. Essendo una giornata gradevole sia atmosferica, sia come predisposizione personale, ho pensato che sarebbe opportuno uscire per fare degli acquisti e guardare le vetrine già addobbate con i nuovi arrivi per le imminenti vacanze estive. Affascinata da un prendisole molto colorato e originale nel modello, poiché nonostante l’avanzata età, preferisco un abbigliamento un po’ particolare, entro nel negozio ed esco col mio pacchettino molto soddisfatta dell’acquisto. Mentre tornavo a casa passeggiando, sono stata attratta dagli alberi e dalla frescura di un vicino parco. Poiché a casa avevo già sistemato quanto c’era da fare e mancava più di un’ora per il pasto di mezzogiorno, mi sono accomodata in una panchina del parco a riposare rinviando al giorno dopo l’acquisto del regalino del bimbo. Ho tirato fuori dalla borsetta la biografia di Francesco Petrarca, personaggio che amo tanto, è carismatico e profondo, mi piace conoscere la sua vita e i suoi scritti. Perciò porto sempre con me qualcosa di lui da leggere nei momenti di riposo. Quando mi sto preparando per il rientro a casa, vedo una signora che a passi svelti mi viene incontro. E’ una delle mie ex amichette di gioventù e anche compaesana. In un primo momento non l’avevo riconosciuta, da circa cinque anni non ci incontravamo. Arrivata a pochi metri da me, ho conosciuto Adele, quindi l’inevitabile affettuoso abbraccio quando ci s’incontra con amici di vecchio tempo, Poi anche senza volerlo, chiacchierando vengono fuori i soliti ricordi della gioventù lasciata ormai alle spalle, si cercano, si rivangano le cose più assurde per intavolare discorsi, tirare a lungo l’intrattenimento e come spesso capita fra vecchi amici, si arriva al punto che da una parte o dall’altra comincia a sfuggire qualche confidenza recente. Allora il colloquio diventa sempre più interessante; e si starebbe in chiacchiere per ore incuranti del tempo che rapidamente scorre. Dal resto, si dice; che le donne sono curiose e chiacchierone. Sarà vero? Non lo so. Quel che è certo, abbiamo concordato di rivederci il giorno dopo e uscire insieme, anche per soddisfare le nostre reciproche curiosità fino in fondo. Sicuramente penso che andare a ritroso fra ricordi d’infanzia e di gioventù sia una ventata di primavera della nostra vita che rinfresca seppure nel ricordo, gli anni verdi. Sarà per tutti come io penso, oppure è solo una mia impressione? Io ho maturato con l’esperienza, che nulla bisogna eludere di quanto possa fare bene alla nostra psiche. Il sole incandescente del mese di luglio cominciava a diventare insopportabile.
]
Leggi Tutto... | 9114 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'Abbazia di Chiaravalle
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 settembre @ 19:06:46 CEST (674 letture)
ARTE II



L’ABBAZIA DI CHIARAVALLE





Venne fondata da San Bernardo nel 1125, nel territorio allora denominato Rovegnano,
con l'ausilio di numerosi monaci provenienti dal monastero francese di Clairvaux.
Dapprima retta da un semplice padre priore, nel 1138 ebbe già un abate proprio, il monaco Brunone.





I monaci lavoravano assiduamente la terra, dando vita ad alcuni appezzamenti agricoli,
bonificando al tempo stesso l'intera area e risanandola da molte paludosità
grazie a ingegnosi sistemi di irrigazione.




Il monastero si ingrandì in tempi assai rapidi e riuscì ad annettersi diversi possedimenti,
tra cui quelli di Vicomaggiore e di Consonno.



Nel 1139, con bolla del papa Innocenzo II, venne sottomesso all'abbazia anche il monastero di San Pietro di Cerreto,
nel Lodigiano. Della prima costruzione non rimane traccia.




Tra il 1150 e il1160 iniziò la costruzione dell'attuale chiesa, uno dei primi esempi di architettura gotica in Italia,
che si protrasse per circa settanta anni. Nel maggio del 1221, il vescovo di Milano, Enrico I da Settala,
consacrò la chiesa dedicandola a Santa Maria di Rovegnano, poi Chiaravalle.



Leggi Tutto... | 2018 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La nostra meta
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 settembre @ 21:13:27 CEST (753 letture)
Poesie e altro di Hesse II








La nostra meta non è di trasformarci l'un l'altro,
ma di conoscerci l'un l'altro e d'imparar a vedere e a rispettare nell'altro
ciò che egli è: il nostro opposto e il nostro completamento.

Hermann Hesse

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Equinozio
Postato da Grazia01 il Lunedì, 23 settembre @ 08:09:33 CEST (822 letture)
Scienze


Equinozio


Scientificamente l’equinozio non è altro che una conseguenza del moto di rotazione terrestre rispetto al sole. Si tratta di due istanti precisi durante i quali i raggi del sole risultano perpendicolari sia all’asse di rotazione che all’equatore terrestre, il che permette di illuminare tutta la parte del globo esposta al sole allo stesso modo. Durante questi due giorni il sole sorge esattamente a est e tramonta esattamente a ovest e, cosa più importante, se non si tiene conto della rifrazione, la durata del giorno è la medesima della notte.



Nel Regno Unito il giorno dell’equinozio viene utilizzato per calcolare la ricorrenza del festival del raccolto, celebrato la domenica della luna piena più vicina all’equinozio di settembre.
Ma è il mondo del paganesimo e dell’esoterico a trovare nel giorno dell’equinozio un punto di riferimento: il sole entra infatti in Bilancia, segno dell’equilibrio, riporta al significato latino del nome equinozio, che ricorda come questi siano gli ultimi giorni in cui le forze si bilanciano, mentre a seguire l’oscurità vincerà per i successivi sei mesi sulla luce, facendo riposare la Natura e l'uomo.



Nella tradizione iniziatica questo momento rappresenta un passaggio, un tempo per la meditazione, per rivolgersi all’interno, durante il quale la separazione tra ciò che è visibile e ciò che invisibile si assottiglia sin quasi a scomparire.
Diversi anche i miti, soprattutto celtici, che si legano a questa giornata. Nella memoria di queste antiche popolazioni, infatti, l’equinozio autunnale veniva festeggiato con il nome di Mabon, il giovane dio della vegetazione e dei raccolti. Indicato col nome di Maponus nelle iscrizioni romano-britanne, è figlio di Modron lsa, dea madre. Rapito tre notti dopo la sua nascita, venne imprigionato per lunghi anni fino al giorno in cui venne liberato da Culhwch, cugino di Re Artù. A causa del soggiorno ad Annwn, Mabon rimase giovane per sempre.
Il suo rapimento è poi l’equivalente celtico del rapimento greco di Persefone, figlia della dea Demetra, che regolava i cicli vitali della terra, condotta agli inferi dal dio Ade per farne sua sposa. La leggenda racconta che Demetra, come segno di lutto e fin quando non riebbe sua figlia, rese impossibile il germogliare delle sementi e delle pianti e rese sterile la terra.
A questo proposito, si dice che proprio oggi sia la giornata ideale per concepire un figlio, che passerà i primi sei mesi freddi protetto nel ventre materno e vedrà la luce al termine della primavera, la stagione del risveglio e del pieno fulgore della Natura.

Fonte pensiero spensierato



Buon Autunno a tutti!

Grazia
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


SPERANZA VANA
Postato da rosarossa il Domenica, 22 settembre @ 19:54:00 CEST (1115 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX






SPERANZA VANA

Spesso le tue promesse hanno riempito di vuoto
gli spazi dell’anima!
In questo vuoto inciso ho la speranza
che finché vivrò sempre in corsa sarà
credendo di raggiungere
l’ambita fonte che non ha mai raggiunto
e mai raggiungerà!

Rosarossa

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ultimo giorno d'estate
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 settembre @ 19:39:48 CEST (895 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno





Te ne accorgi la sera, che l’estate sta scivolando via senza far rumore,
e stasera finisce proprio, è l'ultima sera, quando ci sveglieremo saremo in autunno.
Non cambierà molto, avremo solo la consapevolezza che anche per quest'anno
la stagione del sole e delle vacanze è proprio finita.
Ciao estate, sei stata un po' capricciosa, ma ti voglio bene,
da il benvenuto al nobile autunno che sta arrivando
e che ci regalerà giorni romantici e dolcemente malinconici.

Leggi Tutto... | 1312 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


PRELUDIO AUTUNNALE
Postato da rosarossa il Sabato, 21 settembre @ 07:59:36 CEST (659 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX








PRELUDIO AUTUNNALE

Statuari, imponenti gli alberi
nel preludio autunnale, le verdi
foglie tentano ancora di esibire
coscienti che fra non molto
le amate foglie si devono staccare;
intirizziti mesti e spogli poi restare!
Allo spirar dei primi venti si muovono
tremanti di paura,
Nuvole scure e minacciose vedono avanzare
capiscono che l’autunno è già arrivato,
e per loro giunta è il tempo di dormire, riposare.


Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Spontanietà
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 18 settembre @ 19:16:03 CEST (842 letture)
Un pensiero, un poesia al giorno






L'amore non è un'esercitazione, la vita non ha bisogno di esercitazioni. La vita dev'essere vissuta in completa innocenza. La vita non è una commedia - non hai bisogno di prepararti, non hai bisogno di fare delle prove per viverla. Lascia che la vita accada così come accade e sii spontaneo.

Osho

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 13 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 13 letture ]
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 13 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 29 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 33 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy