Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 219
Totale: 219
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Forums
05: Home
06: Home
07: coppermine
08: coppermine
09: Forums
10: Home
11: Home
12: News
13: News
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: News
19: coppermine
20: News
21: Home
22: News
23: coppermine
24: coppermine
25: Home
26: Home
27: News
28: Forums
29: News
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: coppermine
35: Home
36: coppermine
37: Home
38: Home
39: coppermine
40: Stories Archive
41: Home
42: Home
43: News
44: coppermine
45: News
46: Home
47: Home
48: News
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: coppermine
58: Home
59: Home
60: Home
61: Forums
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: coppermine
67: Home
68: Home
69: Contact
70: Stories Archive
71: News
72: Home
73: Stories Archive
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Your Account
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: coppermine
89: Home
90: Home
91: Home
92: News
93: coppermine
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Stories Archive
99: Home
100: Stories Archive
101: Home
102: News
103: Home
104: Home
105: News
106: Home
107: News
108: Home
109: Home
110: News
111: Stories Archive
112: Contact
113: coppermine
114: Home
115: News
116: News
117: News
118: Search
119: Home
120: Home
121: coppermine
122: coppermine
123: Home
124: Stories Archive
125: Home
126: Your Account
127: coppermine
128: Home
129: Home
130: Stories Archive
131: Home
132: Your Account
133: Home
134: Home
135: Forums
136: Home
137: Home
138: News
139: Stories Archive
140: Home
141: coppermine
142: Home
143: Home
144: Home
145: News
146: Home
147: Home
148: News
149: Search
150: Home
151: coppermine
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: coppermine
162: Home
163: Home
164: News
165: Home
166: coppermine
167: coppermine
168: coppermine
169: Your Account
170: Your Account
171: Home
172: Home
173: Forums
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: coppermine
179: Home
180: Home
181: Home
182: Your Account
183: News
184: Home
185: Home
186: coppermine
187: coppermine
188: Stories Archive
189: coppermine
190: Home
191: Home
192: Home
193: Home
194: Home
195: News
196: News
197: Stories Archive
198: Home
199: Home
200: Home
201: Search
202: Home
203: News
204: Home
205: Home
206: News
207: Home
208: coppermine
209: Home
210: Home
211: News
212: Home
213: News
214: coppermine
215: Stories Archive
216: Home
217: News
218: Stories Archive
219: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924523
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Cane e padrone
Postato da Grazia01 il Lunedì, 15 gennaio @ 20:57:58 CET (876 letture)
Racconti II




Come suggerisce il Dottor Paolo, per attinenza al mio pensierino, propongo un pezzetto del racconto di Mann





Chi ha o ha avuto un cane deve assolutamente leggere Cane e padrone, questo breve racconto di Thomas Mann. E’ una lettura serena dove l’acutezza di analisi dell’autore, destinata di solito a scandagliare anime tormentate, è rivolta al rapporto di amicizia col proprio cane. Lo scrittore ci narra come Bauschan, un bracco di non pura razza (viene definito dal veterinario del racconto «bracco bastardo»), sia entrato a far parte della propria famiglia e della propria quotidianità e ci parla, all'occorrenza con piacevole ironia, dei gesti, delle azioni e dei fatti che sono tipici della convivenza con l’animale.



Quando la bella stagione fa onore al proprio nome e il cinguettar degli uccelli è riuscito a svegliarmi di buon’ora, perché il giorno precedente l’avevo terminato a tempo debito, mi piace, prima di colazione, camminar senza cappello per mezz’oretta all’aperto, nel viale davanti alla casa, oppure negli ampi prati, per respirare qualche boccata della fresca aria mattutina avanti d’immergermi nel lavoro, e per partecipare un po’ alle gioie del limpido mattino. Poi, sui gradini, che portano all’uscio di casa, lancio un fischio modulato su due note, simile alla melodia iniziale del secondo movimento della sinfonia incompiuta di Schubert, un segnale che si può considerare pressappoco come la musica a un nome di due sillabe. Un istante dopo, mentre continuo a camminare verso la porta del giardino, si ode lontano, in principio appena percettibile, nondimeno sempre più vicino e più chiaro, un leggero scampanellio, come quello che può risultare dallo sbattere d’una medaglietta contro le borchie metalliche d’un collare; e, quando mi volto, vedo Bauschan in piena corsa svoltare all’angolo posteriore della casa e precipitarsi su di me quasi intendesse buttarmi a terra. Per la fatica, ritira un po’ il labbro inferiore così da scoprire due o tre dei suoi incisivi, che luccicano d’un bianco splendido al sole mattutino.
Viene dalla cuccia che si trova lì dietro, sotto l’impiantito della veranda sostenuta da pilastri, e dove forse, fino al bisillabo fischio, si è fatto un breve pisolino mattinale dopo una notte passata tra mille avvenimenti. La cuccia è fornita di tende di stoffa ruvida e ricoperta di paglia, per cui accade che qualche fuscello resti attaccato al pelo di Bauschan, per giunta arruffato un po’ dal giacere, oppure gli si vada addirittura a ficcare tra le unghie delle zampe: uno spettacolo che ogni volta mi ricorda il vecchio conte Moor, visto un tempo, durante una rappresentazione singolarmente realistica, uscire dalla torre della fame con un fuscello di paglia tra due dita calzate dei suoi poveri piedi. Senza volere mi giro di fianco verso l’irruente, in posizione difensiva, perché’ la sua pseudo-intenzione di passarmi tra i piedi e di farmi cadere ha potenza illusoria infallibile. All’ultimo momento però, e immediatamente prima dell’urto, riesce a frenare e a deviare, cosa che dimostra il suo autocontrollo tanto fisico che psichico; a questo punto, senza abbaiare perché’ fa uso parsimonioso della sua voce sonora ed espressiva, prende ad eseguire intorno a me una sconvolta danza di saluto composta di saltelli, di smoderato scodinzolio, che non si limita allo strumento espressivo destinato a questo scopo, cioè la coda, ma coinvolge tutta la parte posteriore fino alle costole, e di contrazioni inanellanti del corpo e pure di capriole scattanti e centrifughe cui si aggiungono giri sul proprio asse, esibizioni tutte che lui però usa sottrarre ai miei sguardi, eseguendole sempre, dovunque io mi volti, dalla parte opposta alla mia.
Tuttavia nell’istante in cui mi chino e tendo la mano, eccolo all’improvviso, con un salto, accanto a me, il corpo premuto al mio stinco, fermo come una statua: si regge appoggiato di traverso, le forti zampe puntate sul terreno, il muso alzato verso di me, così che mi guarda negli occhi alla rovescia e dal basso in alto, e la sua immobilità, mentre gli accarezzo la spalla tra parole buone e a mezza voce, emana attenzione e eccitamento uguali a quelli della frenesia precedente…”

Thomas Mann

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mi sei mancata
Postato da Grazia01 il Sabato, 13 gennaio @ 19:08:58 CET (10438 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno





Arrivi a casa, il cane ti si precipita contro.
‘Dove sei stata? Mi sei mancata così tanto.
Mi sei mancata, mancata, mancata.
Ti voglio bene, ti amo. Cosa c’è nella borsa?
Un biscottino per me? Oh, ti prego fammi leccare il tuo viso.
Oh, fammi mordicchiare i tuoi guanti.

Sei a casa.. hai un cane!

Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Non mi conoscono
Postato da Grazia01 il Venerdì, 12 gennaio @ 18:56:58 CET (1298 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno







A differenza di tutti gli essere che popolano la terra, l'uomo pensa, e ogni pensiero gli racconta la sua totale estraneità alla terra.
"Gettato nell'infinita immensità degli spazi che ignoro e che non mi conoscono, provo spavento", dice Pascal,
e non allude all'infinità degli spazi cosmici, ma alla loro ignoranza alla vicenda umana:"Non mi conoscono".
L'indifferenza della terra, la sua estraneità all'evento umano che ospita a sua insaputa, e a cui invia solo un messaggio di solitudine.

Umberto Galimberti


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Così si va
Postato da Grazia01 il Martedì, 09 gennaio @ 23:44:36 CET (656 letture)
Testi canzoni II








Così si va
senza una lacrima o un rimpianto,
chiudendo gli occhi in un incanto
nel tempo come eternità:

Così si va
dribblando Dio con una finta,
con un esame di coscienza
dell’altra mia felicità:

Così si va
dando la mano a due bambine
baciate all’ultimo confine
e dirle non vi lascio qua,

Spiegando a Dio
che in questo solitario viaggio
di paura e di coraggio
non esiste mai un addio;

Ci si innamora dell’amore
e non si torna indietro mai,
ci si innamora di parole,
lampi che illudono persone
che non moriranno mai

Ci si innamora dell’amore
e tutto il resto è niente sai,
e ti dimentichi il dolore
e sai che dove tu sei stato
è ancora e sempre dove vai

Così si va,
ridendo al foglio di congedo,
mostrando all’angelo che vedo
che la mia vita è questa qua

Si va così
sapendo che mi terrò dentro
la pioggia, il sole, il mare e il vento
tutta la mia fragilità

Così si va,
perché chi è stato lo è per sempre
in un magnifico presente
per chi vive e chi lo sa

Si va così,
perché il passato è lì davanti
e la tua vita è quel che senti
e che nessuno ruberà

Ci si innamora dell’amore
e non si torna indietro mai,
ci si innamora di parole
lampi che illudono persone
che non moriranno mai

Ci si innamora dell’amore
che è stato tutto e niente sai
ci si innamora dell’amore
il solo disperato vivere che hai

Ci si innamora dell’amore
cantando voci in un silenzio,
dolce impigliato sentimento
in questa mia felicità

Così si va
mica contando i giorni,
mica contando i sogni,
che non torneranno più

Così si va,
a testa alta e col sorriso
di chi ha già visto il paradiso
in una donna senza età

Ci si innamora dell’amore
e non si torna indietro mai,
ci si innamora dell’amore
il solo disperato vivere che hai,

Ci si innamora dell’amore
cantando voci in un silenzio,
dolce impigliato sentimento
in questa mia felicità

Ci si innamora dell’amore
che è stato tutto e niente sai
la sola scusa di vivere che hai

Roberto Vecchioni




commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'orchestra di un temporale
Postato da spalato il Martedì, 09 gennaio @ 12:41:45 CET (6898 letture)
Le poesie e i racconti di Spalato








L'orchestra di un temporale


Comincia tutto con una leggera brezza
che suona flauti e gli alberi ballano il valzer,
Destra, sinistra, destra, destra, gira, gira, gira.
Il ritmo cresce e il vento comincia a suonare le trombe
tra i rami spogli di alberi tristi e infreddoliti
e le nuvole cominciano a mandare effetti speciali
illuminando il cielo con lampi solitari
ma subito dopo le nuvole cominciano a suonare i tamburi.
Il cigolio di una porta che si apre e chiude
aiutata dal vento suona il violino piangente.
Si aggiungere anche la pioggia
con un leggero suono del tamburello
e balla il tip tap sui tetti ben lavati e scintillanti.
Il ritmo cresce e ognuno di loro vuole essere il solista;
aumentano il suono per farsi sentire sopra gli altri.
Il ballo infernale fa cadere alcuni alberi dalla stanchezza
e i lampi illuminano il cielo a giorno.
E' un finimondo.
Il frastuono è così forte che nessuno sente neanche se stesso.
Dopo alcune ore la pioggia con i suoi tamburelli
è la prima a cedere e smette di ballare il tip tap.
Anche i tamburi delle nuvole abbassano il volume
e si allontanano oltre l'orizzonte.
Si zittiscono anche le trombe del vento
e rimane solo la leggera brezza con il suo flauto
che fa ballare gli alberi sfiniti, quasi un addormentamento lento.
Un ultimo lampo in lontananza illumina
due gocce ritardatarie cadere dall'albero.
Tip.
Tap

Spalato

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Una realtà non ci fu data
Postato da Grazia01 il Martedì, 09 gennaio @ 12:37:18 CET (740 letture)
Racconti e poesie di Pirandello







Una realtà non ci fu data
e non c'è,
ma dobbiamo farcela noi,
se vogliamo essere:
e non sarà mai una per tutti,
una per sempre,
ma di continuo e infinitamente mutabile.

Luigi Pirandello

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Auguri
Postato da Grazia01 il Martedì, 02 gennaio @ 11:27:15 CET (4050 letture)
Messaggi II
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gennaio
Postato da Grazia01 il Martedì, 02 gennaio @ 11:23:58 CET (1597 letture)
Poesie tematiche III








Il giorno più corto è passato, e qualunque intemperia ci porti il mese di gennaio e febbraio,
almeno notiamo che le giornate si allungano. Minuto per minuto si allungano là fuori.
Ci vogliono alcune settimane prima che ci si renda conto del cambiamento.
È impercettibile come la crescita di un bambino, giorno dopo giorno,
fino a quando arriva il momento in cui, con una specie di felice sorpresa,
ci rendiamo conto che siamo in grado di stare fuori casa al crepuscolo per un altro quarto d’ora prezioso.

(Vita Sackville-West)

Oreste Ferrari (1890-1962) invita a guardare questo mese attraverso le mimose della Liguria:





Siete mai stati sulle colline
belle e ridenti, di Bordighera,
quando gennaio, nelle mattine
chiare e nelle ore pomeridiane,
ha già un tepore di primavera?
Sui poggi aprichi, sui molli clivi
e sui declivi delle costiere,
tra i verdi opimi placidi ulivi
splendon le nuvole gaie e leggere,
fatte di buccole d’oro e odorose,
delle mimose gonfie di sole
e del respiro della marina.
Cantate a gara con le campane
squillanti a festa dalle lontane
chiese dei borghi, calde parole
d’amore, o trepide nuvole, accese
da un dolce miele solare, scese
forse dal cielo questa mattina,
ora impazienti che giunga sera
per risalirvi, poi tramontare
insieme al sole nel glauco mare.


Leggi Tutto... | 1881 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ti amerò un giorno di dicembre
Postato da Letty il Martedì, 26 dicembre @ 18:51:09 CET (6945 letture)
Le poesie di Letty - II








Ti amerò in un giorno di dicembre senza sole e senza cielo
Ti amerò come fosse la prima volta
Ti guarderò e niente altro avrà senso se non te
Ti amerò
Il giorno in cui tutto nasce e tutto muore
E sarà quel giorno, quello speciale
Ma ora non ho tempo sai?
C'è un filo d'erba che mi chiama
fra poco pioverà e dobbiamo festeggiare la fine di una siccità
la fine di un nero dolore che non mi faceva respirare!
Ti amerò
domani
dopo essere sbocciata in qualcosa di meraviglioso
che non so
e che tu non saprai mai


Letty

Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il Natale di Martin
Postato da Grazia01 il Martedì, 26 dicembre @ 18:45:53 CET (664 letture)
Racconti IV






Il Natale di Martin
di Leone Tolstoj


In una certa città viveva un ciabattino, di nome Martin Avdeic. Lavorava in una stanzetta in un seminterrato, con una finestra che guardava sulla strada. Da questa poteva vedere soltanto i piedi delle persone che passavano, ma ne riconosceva molte dalle scarpe, che aveva riparato lui stesso. Aveva sempre molto da fare, perché lavorava bene, usava materiali di buona qualità e per di più non si faceva pagare troppo.
Anni prima, gli erano morti la moglie e i figli e Martin si era disperato al punto di rimproverare Dio. Poi un giorno, un vecchio del suo villaggio natale, che era diventato un pellegrino e aveva fama di santo, andò a trovarlo. E Martin gli aprì il suo cuore.
- Non ho più desiderio di vivere - gli confessò. - Non ho più speranza.
Il vegliardo rispose: « La tua disperazione è dovuta al fatto che vuoi vivere solo per la tua felicità. Leggi il Vangelo e saprai come il Signore vorrebbe che tu vivessi.
Martin si comprò una Bibbia. In un primo tempo aveva deciso di leggerla soltanto nei giorni di festa ma, una volta cominciata la lettura, se ne sentì talmente rincuorato che la lesse ogni giorno.
Leggi Tutto... | 6750 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Auguri
Postato da Grazia01 il Sabato, 23 dicembre @ 23:00:15 CET (4824 letture)
Messaggi II



Con affetto e simpatia
vi auguro un sereno Natale

Grazia
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IL SALICE
Postato da Grazia01 il Sabato, 23 dicembre @ 20:34:31 CET (753 letture)
Poesie di Achmatova








IL SALICE

Io crebbi in un silenzio arabescato,
in un'ariosa stanza del nuovo secolo.
Non mi era cara la voce dell'uomo
ma comprendevo quella del vento.
Amavo la lappola e l'ortica,
e più di ogni altro un salice d'argento.
Riconoscente, lui visse con me
la vita intera, alitando di sogni
con i rami piangenti la mia insonnia.
Strana cosa, ora gli sopravvivo.
Lì sporge il ceppo, e con voci estranee
parlano di qualcosa gli altri salici
sotto quel cielo, sotto il nostro cielo.
Io taccio....come se fosse morto un fratello

ACHMATOVA ANNA

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La Chiesa del Gesù a Genova
Postato da Paolo il Sabato, 23 dicembre @ 20:21:19 CET (13085 letture)
Le opere di Paolo III




A Genova c'è la Chiesa del Gesù: si trova nella centrale piazza Matteotti. Originariamente, nel Medioevo, era sorta prima dei campi che digradavano verso il mare e dedicata a Sant'Ambrogio. Questo ci riporta a Milano, non solo per quel Santo Patrono, ma proprio perché fu costruita da Milanesi. Quindi si chiama Chiesa del Gesù, di Sant'Ambrogio e, giusto per entrarci ancora di più con i nostri pensieri, di Sant'Andrea. Ora è frequentata da molti giovani e, per questo, immagino che una storia già raccontata potrebbe essere rivissuta proprio lì. La storia è quella scritta da Joseph Roth: fu pubblicata postuma nel 1939 con il titolo “La leggenda del Santo bevitore”. Ermanno Olmi ne ha anche tratto un bellissimo film.
Leggi Tutto... | 2512 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IL MIO CAMMINO SPIRITUALE
Postato da claudiocisco il Sabato, 23 dicembre @ 20:15:30 CET (996 letture)
Le poesie e i racconti di Claudio Cisco

IL MIO CAMMINO SPIRITUALE

L’INCONTRO CON LA MADONNA:

TESTIMONIANZA DI FEDE




E’ bellissimo per me poter parlare della Madre celeste, scrivere con sincerità di pensiero quello che Lei rappresenta per me, il modo attraverso il quale trasmette gioia, dona pace, regala serenità; è sicuramente una testimonianza importante che può servire agli altri, anche a chi, per sola curiosità, si sta soffermando in questo momento nella lettura. Il mio cammino spirituale è stato molto tormentato e assai complesso, quasi impossibile da raccontare in poche righe perché frutto di emozioni intime, uniche ed indimenticabili, invase dal male prima e consolate dal bene dopo, ma, nonostante tutto, vorrei provare ugualmente ad essere il più possibile coinciso e sintetico, concentrando in poco spazio ciò che meriterebbe un libro intero per la grandezza dei sentimenti da narrare. Premetto che mi trovavo distante mille anni luce da Dio e dalla sua volontà, sconoscevo l’importanza della sua parola con i suoi insegnamenti; praticamente lontano dai sacramenti, non seguivo affatto una vita cristiana, collocandomi in una posizione di disinteresse verso la chiesa che per me era come se non esistesse.
Leggi Tutto... | 13507 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IMITAZIONE
Postato da Grazia01 il Lunedì, 18 dicembre @ 12:15:50 CET (868 letture)
Poesie di Leopardi e altre opere II









IMITAZIONE



Lungi dal proprio ramo,
povera foglia fragile,
dove vai tu? Dal faggio
là dov'io nacqui, mi divise il vento.

Esso, tornando, a volo
dal bosco alla campagna,
dalla valle mi porta alla montagna.
Seco perpetuamente
vo pellegrina, e tutto l'altro ignoro.

Vo dove ogni altra cosa,
dove naturalmente
va la foglia di rosa,
e la foglia d'alloro.


Giacomo Leopardi


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Mi chiedi parole.
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 dicembre @ 20:02:52 CET (609 letture)
Poesie di Quasimodo








Mi chiedi parole. Ma il tempo
precipita come un masso sulla mia anima
che vuole certezze, e più non ha sillabe
da offrire se non quelle silenziose
del sangue legate al tuo nome,
o mia vita, mio amore senza fine.

Salvatore Quasimodo


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La famiglia
Postato da Grazia01 il Lunedì, 11 dicembre @ 17:41:40 CET (1059 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno






La vita di famiglia perde ogni libertà e bellezza
quando si fonda sul principio dell'io ti do e tu mi dai.

Henrik johan ibsen

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Superluna nella notte del 3 dicembre
Postato da Grazia01 il Domenica, 03 dicembre @ 18:42:36 CET (1352 letture)
Argomenti vari I
Superluna nella notte del 3 dicembre: è l’unica visibile del 2017.
Appare più grande del 7%




La seconda saluterà il 2018 nel cielo del 2 gennaio e il 31 gennaio sarà la volta della Luna Blu, come è tradizionalmente chiamata la seconda luna piena dell’anno

Quella del 3 dicembre è la notte della Superluna. L’unica visibile del 2017. E’ una Luna piena che appare nel cielo circa il 7% più grande e il 16% più brillante perché si trova nel punto della sua orbita ellittica più vicino alla Terra (perigeo). Questo è accaduto altre quattro volte nel corso dell’anno, ma si trattava di Lune nuove ed era perciò impossibile vederle.
Leggi Tutto... | 1965 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Avevi sangue finto
Postato da Letty il Martedì, 28 novembre @ 19:04:17 CET (5248 letture)
Le poesie di Letty - II









Avevi sangue finto
non fatto come il mio
non era un fiume a precipizio questa passione
il tuo sfiorarmi era impulso
mero e infimo
di chi accarezza pelli e non anime
di chi penetra e conquista
di chi morde ma non assapora
Avevi sangue finto
non come il mio
che ancora sgorga da quello squarcio di falsa tenerezza
che resta dentro quando, tremando, mi dico che ti odio

Letty

Leggi Tutto... | 5 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


William Adolphe Bouguereau
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 novembre @ 13:56:09 CET (808 letture)
ARTE II Dedicato a tutte le donne nel mondo





William Adolphe Bouguereau (pittore francese)
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La presunzione
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 novembre @ 13:54:07 CET (1071 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno








La presunzione è la nostra malattia naturale e originaria. (... ) È per la vanità di questa stessa immaginazione che egli si uguaglia a Dio, che si attribuisce le prerogative divine, che trasceglie e separa se stesso dalla folla delle altre creature, fa le parti agli animali suoi fratelli e compagni, e distribuisce loro quella porzione di facoltà e di forze che gli piace. Come può egli conoscere, con la forza della sua intelligenza, i moti interni e segreti degli animali? Da quale confronto fra essi e noi deduce quella bestialità che attribuisce loro?
Michel De Montaigne

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Cristo che appare
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 novembre @ 13:52:21 CET (964 letture)
ARTE II

Cristo che appare a Maria Maddalena nella tomba vuota,
artista sconosciuto
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A mio padre in sogno
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 novembre @ 13:51:03 CET (742 letture)
Ricerche d'autore








A mio padre in sogno

Sorridi un poco e te ne vai pensoso.
E ad un tratto con lacrime mi chiedo
quanto tempo è che al petto non ti stringo
non afferro da amico quelle braccia.
La memoria ha insensibili naufragi.
Scolora come il cielo di settembre
sotto il vento si popola di nubi.
Te ne vai. Quante cose all’improvviso
mi ritrovo da dirti… E resto muto.
Ma perché nell’istante che mi volto
non sei più là? Ci sono tante cose
da dirsi… Ed io ti chiamo ancora, e credo
che non può certo, questo, essere un sogno

Alessandro Parronchi

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dio è nelle cose di ogni giorno
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 novembre @ 13:49:51 CET (720 letture)
Ricerche d'autore






Dio è nelle cose di ogni giorno


Dio è nelle cose di ogni giorno:
nei magazzini d’ortofrutta, nelle fabbriche
nel caos degli incontri calcistici
nel boccale di birra di un chiosco
Nella noia, nelle lacrime scorate
nelle lettere di un’offesa amorosa
nei recessi delle querce bibliche
nel tremito della carne esangue di paura
l’umile colcosiano osserva
la Sua tenda di tessuto fine
nello studio ha impastato i Suoi colori
un pittore dalla vista acuta
chi è Costui? Un Padre dai tanti volti
dentro occhiute cattedrali
o un bambino che gioca
con una nuova stella del mattino?

Sergej Georgievič Stratanovskij

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Definizione di amore
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 novembre @ 13:48:42 CET (820 letture)
Ricerche d'autore





Definizione di amore

Strano, considerando quanto sull’amore
è stato scritto, che nessuno lo abbia detto
dove l’amore signoreggia: non nel sesso,
né nel volere il bene degli altri,
ma nell’occupare tutto il tempo a cena,
in apparenza assorti nel discorso,
a cercare invero di far prendere coraggio
alla mano affinché oltrepassi l’invisibile spada
sulla tovaglia e tocchi un dito in equilibrio sul tessuto.
A un giovane curato di una parrocchia di West Cork
fu detto che sua madre era gravemente ammalata
e che lui doveva venire a casa a Boherbue
(di fatto era già morta, ma l’intendimento era
di attenuare il colpo). Corse in auto mezzo Kerry
spericolatamente, per schiantarsi e lì morire
nella bella valle di Glenflesk.
Così avvenne, per quel suo fantasticare vano
di toccarle un’ultima volta le dita della mano.

Bernard O'Donoghue

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Dio non ha pietà
Postato da Grazia01 il Sabato, 25 novembre @ 13:47:11 CET (1044 letture)
Poesie di Achmatova






Dio non ha pietà


Dio non ha pietà di mietitori e ortolani,
cadono sghembe piogge tintinnando,
screziano i larghi manti alle acque
che già specchiavano il cielo.
Prati e campi in un regno subacqueo,
cantano, cantano liberi rivi,
sui rami enfiati scoppiano le prugne
e le erbe, piegate, imputridiscono.
E attraverso la fitta grata d’acqua
scorgo il tuo caro viso,
il parco tacito, il chiosco cinese
e la tonda veranda innanzi casa.

Anna Achmatova

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Siediti al sole
Postato da Grazia01 il Sabato, 18 novembre @ 14:13:11 CET (702 letture)
Poesie di Pessoa





Siediti al sole.
Abdica e sii re di te stesso.

Fernando Pessoa

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Friedrich-von-Amerling
Postato da Grazia01 il Sabato, 18 novembre @ 14:10:32 CET (630 letture)
ARTE II



Amerling, Friedrich von - Ritrattista, nato il 14 aprile 1803 a Vienna, studiò in quell'Accademia, con Hubert Maurer, dal 1816 fino al 1824; poi, per breve tempo all'Accademia di Praga, con Joseph Bergler; si recò quindi a Londra, frequentando per quasi un anno Thomas Lawrence, il quale influì grandemente sul suo stile; ed infine, a Parigi lavorò con Horace Vernet.
Nel 1828 si fissò di nuovo a Vienna e divenne il ritrattista di quella aristocrazia; ma soggiornò anche in Italia (1831-32, 1836, 1840-43), sostando più lungamente a Roma, a Firenze e a Venezia; nel 1885 viaggiò la Grecia e l'Oriente. Morì a Vienna il 15 gennaio 1887.
Fu operosissimo.
Le migliori opere sue si conservano nella Galleria del XIX secolo a Vienna. Si dice dipingesse, durante la sua lunga esistenza, un migliaio di ritratti.
Alla Galleria degli Uffizî esiste il suo autoritratto
Friedrich-von-Amerling.





commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mare nostro
Postato da Grazia01 il Sabato, 18 novembre @ 14:07:59 CET (1139 letture)
Poesie e prosa di Erri De Luca







Mare nostro che non sei nei cieli
e abbracci i confini dell’isola e del mondo,
sia benedetto il tuo sale,
sia benedetto il tuo fondale.
Accogli le gremite imbarcazioni
senza una strada sopra le tue onde,
i pescatori usciti nella notte,
le loro reti tra le tue creature,
che tornano al mattino con la pesca
dei naufraghi salvati.
Mare nostro che non sei nei cieli,
all’alba sei colore del frumento,
al tramonto dell’uva di vendemmia,
ti abbiamo seminato di annegati
più di qualunque età delle tempeste.
Mare nostro che non sei nei cieli,
tu sei più giusto della terraferma,
pure quando sollevi onde a muraglia
poi le abbassi a tappeto.
Custodisci le vite, le visite cadute
come foglie sul viale,
fai da autunno per loro,
da carezza, da abbraccio e bacio in fronte
di madre e padre prima di partire.

Erri De Luca







Qua devi pensare solo alla montagna e a te, non devi portare pesi oltre quello dello zaino e il tuo.
Questo è un posto che pretende tutto [... ] Se questa salita, ora e adesso, non è la sola cosa che t'importa, non ce la puoi fare.
Questo è un posto insaziabile, vuole tutto e spesso neanche basta

Erri De Luca




Il male è irreparabile e non c’è modo di risanare un torto qualunque cosa si faccia dopo.
Non c’è rimedio al di fuori di non commetterli e non commetterli è opera la più ardua e segreta in mezzo al mondo




Due
Quando saremo due saremo veglia e sonno
affonderemo nella stessa polpa
come il dente di latte e il suo secondo,
saremo due come sono le acque, le dolci e le salate,
come i cieli, del giorno e della notte,
due come sono i piedi, gli occhi, i reni,
come i tempi del battito
i colpi del respiro.
Quando saremo due non avremo metà
saremo un due che non si può dividere con niente.
Quando saremo due, nessuno sarà uno,
uno sarà l'uguale di nessuno
e l'unità consisterà nel due.
Quando saremo due
cambierà nome pure l'universo
diventerà diverso.

Erri De Luca

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Incidente stradale
Postato da Grazia01 il Venerdì, 10 novembre @ 23:31:11 CET (836 letture)
Racconti e poesie di José Saramago







Incidente stradale

Vago, segreto, estraneo e camuffato
nel solito viavai della città,
svolto angoli e mi fermo separato,
aspettando me stesso o la metà
che, ignara, è rimasta dall’altro lato.
E lettere bastarde metto a fianco
di tutti i cruciverba del giornale,
urlo un avvertimento, orripilato,
verso la luce rossa del semaforo
e tocco, come brace, il suol bagnato.
Resta indietro il mio abito stracciato,
che sanguina da squarci e cuciture,
di corsa arriva il sarto convocato,
mentre io nella mente me la rido,
vivo, segreto, estraneo e camuffato.

Jose' Saramago


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 12 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 13 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 13 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 227 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 54 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 25
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy