Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 417
Totale: 417
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: coppermine
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: News
21: Home
22: Search
23: Home
24: coppermine
25: Home
26: Home
27: Home
28: Your Account
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: News
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: News
43: Search
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: coppermine
49: Home
50: Home
51: Forums
52: coppermine
53: Home
54: coppermine
55: Home
56: Home
57: Home
58: News
59: Home
60: Home
61: coppermine
62: Home
63: Home
64: coppermine
65: News
66: Home
67: coppermine
68: Home
69: Home
70: News
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Stories Archive
76: coppermine
77: coppermine
78: Home
79: Your Account
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Search
86: Search
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: coppermine
93: Home
94: Stories Archive
95: Search
96: Home
97: Home
98: Home
99: Search
100: Home
101: Home
102: Home
103: News
104: Home
105: Stories Archive
106: Home
107: coppermine
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Stories Archive
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: News
118: coppermine
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: News
124: Home
125: Home
126: coppermine
127: coppermine
128: Home
129: coppermine
130: Home
131: coppermine
132: coppermine
133: Forums
134: Home
135: Home
136: coppermine
137: News
138: Search
139: coppermine
140: Home
141: News
142: News
143: Home
144: Home
145: News
146: Home
147: Home
148: News
149: News
150: Home
151: Home
152: coppermine
153: coppermine
154: Search
155: Home
156: Home
157: Home
158: Forums
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: News
164: Home
165: Search
166: Home
167: Search
168: Home
169: Home
170: Home
171: coppermine
172: Search
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: News
179: Home
180: Home
181: News
182: Home
183: News
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: coppermine
191: News
192: Stories Archive
193: Home
194: Home
195: coppermine
196: Home
197: Search
198: Home
199: Search
200: Home
201: Home
202: coppermine
203: News
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Stories Archive
218: Home
219: News
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: News
237: coppermine
238: Home
239: coppermine
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home
245: News
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: coppermine
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: coppermine
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: coppermine
266: Home
267: Home
268: Home
269: coppermine
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Forums
275: Home
276: Home
277: News
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Home
288: Home
289: Home
290: Forums
291: Home
292: Home
293: Home
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: Stories Archive
299: Home
300: Home
301: Stories Archive
302: News
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: News
311: coppermine
312: Home
313: Home
314: Search
315: Home
316: Forums
317: Stories Archive
318: coppermine
319: News
320: Stories Archive
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: Home
327: Your Account
328: News
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: News
336: Home
337: Home
338: Home
339: News
340: Home
341: News
342: Home
343: Home
344: Home
345: Home
346: Search
347: Home
348: Home
349: coppermine
350: Home
351: Home
352: Search
353: Forums
354: Home
355: News
356: News
357: coppermine
358: News
359: Home
360: News
361: Home
362: Home
363: Home
364: Home
365: Home
366: Home
367: Home
368: Search
369: coppermine
370: Home
371: Home
372: News
373: Home
374: News
375: Your Account
376: Home
377: Search
378: Home
379: Home
380: Home
381: Home
382: Home
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: Home
391: Home
392: coppermine
393: Home
394: Search
395: Home
396: Home
397: Home
398: Home
399: Home
400: Home
401: Home
402: Home
403: Stories Archive
404: coppermine
405: Home
406: Home
407: Home
408: Home
409: Home
410: Home
411: coppermine
412: Your Account
413: Home
414: Home
415: Home
416: Home
417: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9048
  · Viste: 1924121
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Gli angeli nel Novecento
Gli angeli nel Novecento
Postato da Grazia01 il Martedì, 15 febbraio @ 18:57:48 CET (5308 letture)
ARTE II
Parte precedente

Gli angeli nel Novecento

Se con il XIX secolo l'interpretazione dell'immagine angelica è diventata più libera, ricostruita nei suoi tratti tradizionali dopo la parentesi neoclassica, con il Novecento si entra nel pieno di un periodo di sperimentazioni e di novità. L'idea dell'essere di femminea bellezza dalle grandi ali, come quello che potrebbe apparire lungo il ciglio della strada nell'opera L'amore alla fonte della vita dipinta da Segantini nel 1896, è destinata a scomparire dall'orizzonte creativo dei grandi artisti.


Giovanni Segantini, L'amore alla fonte della vita,
Civiche Raccolte d'Arte, Museo Belgioioso, Milano.
L’angelo di Segantini è reso come un essere dotato di femminea bellezza.




Particolare con l'angelo



Gli amanti

Questi, infatti, cercano soluzioni diverse che, volutamente, siano tese al rinnovo della tradizione, con il fine di cogliere questo o quell'aspetto del complesso universo angelico. Allora si capisce perché un acquerellista come James Tissot, con il suo Agar e l'angelo nel deserto (1896-1900, The Jewish Museum, New York) , abbia inaugurato suggestive soluzioni etnografiche.




James Tissot, Annunciation (1890), The Brooklyn Museum, New York.



Segnato da una crisi mistica deflagrata nella sua anima nel bel mezzo del successo, il pittore francese decise d'inaugurare un soggiorno decennale in Palestina ove poter studiare, capire e riproporre in termini nuovi la figura dell'angelo. Qui l'angelo è un palestinese che veste di lino e di stringhe di cuoio.


Verso nuove scelte rivoluzionarie

La conquista delle nuove frontiere artistiche nel XX secolo aiuta a inaugurare tattiche espressive che aggiungono valore e significato alla figura dell'angelo. È il caso, poco dopo il primo decennio del secolo, di Gaetano Previati, che, con La creazione della luce (1913, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma), applica il divisionismo alla figura celeste la quale se ne avvantaggia nell'intimo. Se, infatti, i teologi avevano spesso concordato sul fatto che gli angeli erano stati creati nel momento stesso in cui Dio aveva detto «Sia la luce!», essendo essi stessi esseri di luce, bisogna convenire che Previati dà forma e immagine a questo concetto rendendolo, grazie al divisionismo, assai più chiaro di quanto non avrebbe potuto fare un trattato di teologia.



Gaetano Previati, La creazione della luce, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma.
La ricerca divisionista sul colore e sulla luce trova una coerente applicazione nella raffigurazione di queste creature celestiali.


Tuttavia, non erano ancora queste le scelte rivoluzionarie che avrebbero rifondato l'immagine stessa dell'angelo, sia pure senza incidere sull'immutata tradizione corrente, quella più largamente diffusa . Si pensi a Paul Klee che iniziò a occuparsi di questo tema nello stesso anno in cui Previati dipinse la sua opera e terminò il suo pellegrinaggio grafico e spirituale nel 1940 quando scomparve. Per comprendere il significato degli angeli del pittore svizzero, realizzati con un tratto di fil di ferro segnato in punta di matita, bisogna liberarsi di tutte le categorie e i parametri che fin qui abbiamo incontrato. La creatura di Klee, infatti, è la metafora della condizione umana e della sua difficoltà a elevarsi verso un'idea spirituale che, semmai, può essere ritrovata nella sapienza dei bambini portatori di un innato e profondo sapere delle cose.



Gaetano Previati, Putti con ghirlanda, collezione privata.
Autore dei principi scientifici del divisionismo, Previati si cimenta anche in temi cari alle tradizioni del secolo precedente.



Nasce, perciò, un'immagine di angelo diversa, che non è bella perché la sua è una condizione in fieri, come spiega il titolo di un disegno del 1934, ossia in continuo divenire verso una meta che non è definita. Ora, tutto questo il pittore svizzero lo esprime con gli stessi mezzi grafici che utilizzerà per le opere che lo hanno reso famoso, sicché è lui in prima persona che aggiunge valore alla rappresentazione dell'angelo. È dunque questa la novità del Novecento per quel che riguarda il nostro tema: l'abbandono della tradizione codificata a vantaggio di un apporto personale e sentito. In altre parole è come se ciascun pittore dicesse la propria preghiera con il pennello. Di certo, Marc Chagall, con i suoi angeli visionari, leggeri come nuvole di colore, ha saputo esporre le proprie preghiere, ma altrettanto hanno fatto il Rouault bituminoso e materico e il nostro Osvaldo Licini, che del tema dell'angelo decaduto ha fatto il suo baluardo poetico, al confine fra geometria e colore.



Marc Chagall, Sogno di una notte d'estate, Musée de Grenoble, Grenoble.
La chiave onirico-fantastica con la quale il pittore russo interpreta la realtà trova nella figura dell'angelo un soggetto ideale.





ANGELO EBREO - 1916
COLLEZIONE PRIVATA

Quando realizza l'Angelo ebreo, De Chirico si è trasferito da un anno a Ferrara, dove firma importanti opere metafisiche e sperimenta nuovi soggetti ispirati alla religione tra cui Le due sorelle (angelo ebraico) e Venerdì Santo.

L’affastellamento degli oggetti disegnati con puntigliosa precisione grafica, anche se per nulla riconoscibili, vuole suggerire la magia di un mistero che si alimenta di forme ambigue, come la mandorla nera sul foglio, opportunamente sistemata in modo da suggerire un occhio. Del resto, in questo stesso anno, l'artista dipinge Le due sorelle (angelo ebraico), due tipici manichini di De Chirico, i cui occhi, almeno in uno dei due, sono l'immagine stessa del baratro interiore.




ANNUNCIAZIONE - 1932
CIVICO MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA, MILANO

Si tratta di uno dei dipinti più originali di Savino, già a cominciare dal formato, che è quello di un pentagono regolare, e pare ricordare un pertugio visivo attraverso il quale si può sbirciare nella casa di Maria dove secondo l'apostolo Luca avvenne l’annunciazione.




LA MADONNA DEL VILLAGGIO - 1936
MUSEE NATIONAL MARC CHAGALL, NIZZA

L'artista - di religione e cultura ebraica, ma con una grande apertura verso la spiritualità cristiana – ha dedicato molte opere ai temi religiosi, ispirati a episodi del Vecchio Testamento.
Nelle sue opere grande spazio è riservato alla figura angelica.

L'ICONOGRAFIA dell'angelo in Chagall è proteiforme perché assume aspetti diversi, dall'uomo con le ali al puttino alato nudo, all'adulto che vola fra le nuvole. Il richiamo alla semplicità e alla purezza dello spirito, in questo caso, è assicurato, poi, dalla presenza di una mucca che vola e suona il violino: un'immagine onirica, che ci trasporta in una dimensione magica.
LA MADONNA appare come una sposa dalla morbida veste bianca che ha in braccio il Bambino e viene baciata sulla testa da un angelo che pencola dall'alto, come fosse un funambolico trapezista dell'anima. Un mondo immaginario e fantastico, quello che ci propone Chagall, come sospeso nel sogno.
IN BASSO, la massa terrea del villaggio di cui la Madonna pare essere l'anima e la protettrice. Tutte le case sono scure, salvo il campanile che è bianco e pare il faro che illumina verso la meta nella lunga navigazione della vita.



Angelo ribelle su fondo giallo - 1950-52
MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA, MILANO


L'avventura dell'astrattismo inizia per Osvaldo Licini nel 1935 e prosegue con coerenza, attraverso scelte intelligenti e interessanti, fino alla realizzazione, negli anni Cinquanta del XX secolo, della serie dedicata alle Amalasunte e agli Angeli.
LA FORMA DELL'ANGELO di Licini è, in questo caso, ma anche in altre opere della stessa serie, estremamente dinamica, come dimostra la falcata che sembra scavalcare il mondo dell'essere e quello del non essere. Tipica della poetica di Licini, la presenza di numeri stilizzati che conferiscono al corpo dell'angelo una dimensione universale.



Angels - 1986
COLLEZIONE PRIVATA


La Pop Art, che prende spunto dalle cose di tutti i giorni, dalla lattina di Campbell’s (la minestra in scatola americana) alla bandiera degli Stati Uniti o ancora alla lattina di Coca-Cola, non disdegna la figura dell'angelo, anche se la svuota di ogni contenuto religioso.
LA GRAFICA ADOTTATA da Warhol in quest'opera sconfina con quella del fumetto come dimostrano il contorno nero che disegna i due angioletti-puttini e il colore rosa pastello, piatto e omogeneo. Potrebbero essere, questi angioletti, due decalcomanie da applicare sulla macchina o sul frigorifero di casa.
LA FIGURA DELL'ANGELO, ingentilita ulteriormente dalla presenza del fiore è soltanto l'immagine di una tradizione popolare che sopravvive nel tumultuoso XX secolo quasi come una sorta di superstizione.

FINE

fonte: I grandi temi della pittura - De Agostini






"Gli angeli nel Novecento" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre ARTE II

Articolo più letto relativo a ARTE II:
Gli angeli nel Novecento

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 7 letture ]
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 12 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 28 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 31 letture ]
 Mattino di settembre [ 0 commenti - 32 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy