Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 471
Totale: 471
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: coppermine
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: News
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: coppermine
25: Home
26: Home
27: Your Account
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Search
50: Home
51: Home
52: Home
53: Forums
54: Home
55: coppermine
56: coppermine
57: Home
58: Forums
59: Topics
60: Home
61: Home
62: Home
63: News
64: News
65: Home
66: Home
67: coppermine
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Stories Archive
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: coppermine
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: coppermine
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: News
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: News
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: Search
122: Home
123: Home
124: Home
125: News
126: Home
127: Home
128: Home
129: Search
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Surveys
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: News
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Your Account
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: Forums
177: Home
178: Home
179: Home
180: coppermine
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: coppermine
192: Search
193: Home
194: Home
195: Home
196: News
197: Home
198: Home
199: Home
200: coppermine
201: Home
202: Home
203: Home
204: Search
205: Home
206: Home
207: Search
208: Home
209: Home
210: Home
211: coppermine
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Search
221: Home
222: News
223: Home
224: coppermine
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Forums
231: Home
232: Search
233: Home
234: Home
235: News
236: Home
237: coppermine
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Stories Archive
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: Home
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Statistics
275: Home
276: Home
277: Home
278: Home
279: coppermine
280: Home
281: Stories Archive
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Home
288: Home
289: News
290: Home
291: Home
292: Home
293: coppermine
294: Forums
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: Home
300: Home
301: Search
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: coppermine
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: Home
316: Home
317: Home
318: Home
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: coppermine
327: Home
328: Home
329: Search
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: Home
337: Home
338: Home
339: Home
340: Home
341: Home
342: Home
343: Home
344: Home
345: Home
346: coppermine
347: Home
348: Home
349: Home
350: coppermine
351: Home
352: News
353: Home
354: Home
355: Home
356: Home
357: Home
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: Home
364: Home
365: coppermine
366: Home
367: Home
368: Home
369: Home
370: coppermine
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: Home
376: Home
377: News
378: Home
379: Home
380: Search
381: Home
382: Home
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: coppermine
391: Home
392: News
393: Home
394: coppermine
395: Home
396: Statistics
397: Home
398: Home
399: Home
400: Home
401: Home
402: Statistics
403: Home
404: Home
405: Home
406: Stories Archive
407: Home
408: Home
409: Home
410: Stories Archive
411: Home
412: Home
413: Home
414: Home
415: Home
416: Home
417: Home
418: Home
419: Home
420: Home
421: Home
422: Home
423: Home
424: coppermine
425: Home
426: Home
427: Home
428: coppermine
429: Home
430: Home
431: Home
432: Home
433: Home
434: Forums
435: Home
436: Home
437: Stories Archive
438: Home
439: Home
440: Home
441: Home
442: Home
443: Home
444: Home
445: Home
446: Home
447: Home
448: Home
449: Home
450: Home
451: Home
452: Stories Archive
453: Home
454: Home
455: Home
456: Home
457: Home
458: Home
459: News
460: Home
461: News
462: Home
463: Home
464: Home
465: Search
466: coppermine
467: Home
468: Home
469: Home
470: Home
471: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9054
  · Viste: 1924125
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Moreta Polo
Moreta Polo
Postato da Paolo il Mercoledì, 31 ottobre @ 14:25:49 CET (7579 letture)
Le opere di Paolo III
“I love you as I love my family, as I love our unborn children, as I love what I love most in the world [..] Always remember”



Dal film ‘Per chi suona la campana’.
Di libertà non ce n’era neanche l’ombra, anche se nel sostantivo richiamano lo stato privo di un monarca. Quanto all’aggettivo: senza dubbio, l’acqua aveva un suo ruolo determinante. Dalla terra, però, arrivò il loro padrone definitivo e totale. Nella loro storia, ebbero un popolo dedito all’avventura del commercio; rischiando sempre di trovarsi in mezzo ad avventure più grandi di loro. Erano le repubbliche marinare.


*



-I WISH I WAS IN THE LAND OF VINE (modificato da Dixieland)-
I turisti Americani che s’inerpicano, per poco, sulle cenge a precipizio sul Tirreno bevono Tennessee whiskey con l’acqua, servito dalle grotte adibite a bar. I loro colleghi tedeschi faticano più volentieri, alle prese con i tornanti; poi si arrendono nelle stesse grotte e per loro sono gli amati boccali con la birra. Il turismo è la sussistenza, in tempi nei quali non si parla di ricchezza, per AMALFI. Quando cadde Roma, la città fu comandata dai vescovi. Questi la consegnarono a Costantinopoli, e i preti poterono continuare dire la loro. Erano colti, quei suoi cittadini che avevano scritto le Tavole, che dovevano servire nella navigazione. Ben presto, i saraceni diedero fastidio a quei commerci di broccati così fini, ma gli Amalfitani avevano troppo spirito partenopeo per perdere la pazienza. Era di Ravello, proprio da quelle parti, uno che – nel Decamerone di Boccaccio – perde la propria nave con il contenuto perché assalito dai pirati. Non era troppo sorpreso, perché anche lui prima aveva rubato quella stessa nave. Ora, non sorprendetevi neppure voi se vi dico che quei ‘pirati’ erano Genovesi. Il nostro si salva comunque, e manda pure dei soldi alla donna di Corfù che lo aveva aiutato. Termina i suoi giorni ‘onorevolmente’ nella sua patria, che termina i suoi giorni nella seconda metà dell’anno Mille. Appena insediato, il giovane duca Giovanni II rivela che la sua terra è in balìa dei Salernitani ai quali non può opporsi. Onesto e saggio, almeno lui, se ne va. Il suo ducato diventa de facto un protettorato Normanno e dovrà essere difeso anche dagli scatenati Pisani: gli Amalfitani, decisamente, erano più signorili. Se ne vedranno ancora delle belle, prima che nel luglio 1139 quella bella terra diventi anche de jure parte del regno di Ruggero II di Sicilia.




*
-DAR’S BUCK- BARLEY BEERS AN ‘ICHNUSA’ BOTTLE MAKES YOU FAT OR A LITTLE FATTER-
Dante ce l’aveva particolarmente con loro. Erano facili al tradimento, che porta diritti nel peggio che l’Inferno del Poeta può offrire. Tuttavia, i Pisani sono i marinari del Sacro Romano Imperatore. Hanno il loro porto Pisano, che il delta dell’Arno piano piano ricopre, così che ora non sai nemmeno bene dove si trovasse. Come con il Mississippi, che si sbaglia a fare sempre la stessa strada; puoi addormentarti sulla sua riva del Missouri per svegliarti all’indomani nello stesso posto che, ora, è dell’Illinois. Se dal mare risali l’Arno lungo uno dei suoi rami, ti ritrovi a PISA, come la leggenda racconta abbiano fatto i soliti saraceni nel 1005. Kìnzica Sismondi dormiva nella sua casa di mercanti, e lei aveva l’udito fine per sentirli arrivare. Magari erano suoi compaesani quei saraceni del Musetto, ma oramai la ragazza era pisana in servizio permanente. Così, lei va a svegliare il magistrato di turno e la città è salva: a Pisa ci tengono moltissimo – alla ragazza, oltre che a salvarsi-. E’ una città seria nella quale tengono molto anche alle leggi: qui non si parla di duchi, ma di magistrati appunto e le tavole sono quelle della Legge. Nella vicina Sardegna, i Pisani hanno feudi e anche là c’è quella passione per la giustizia; i loro monarchi sono chiamati Giudici e l’Isola è divisa in quattro Giudicati. Nel 1251 è podestà a Pisa, - sarebbe un magistrato anche lui, come a dire l’odierno sindaco -, il conte Tomazo della Cierra. Ecco un comes dell’Imperatore: nel 1965, avrebbe ricevuto l’investitura sulla riva del Potomac. Dicono che, dopo troncatura iniziale del nome, anche da uno come il suo si può giungere a quello di Mazzarello. I titoli nobiliari si tramandano e, se uno non demerita, continua la tradizione. Certo che della tradizione di un altro podestà, come il conte Ugolino della Gherardesca, non si sente affatto bisogno. Nel 1284, dopo avere malamente partecipato alla battaglia della Melòria persa contro Genova, con i traffici del caso s’insedia al governo di Pisa. Le terre Pisane non sono mica sue, ma lui cede parte di quelle a Lucca e Firenze; poi, lui stesso è tradito dal suo vescovo. Dante racconta come ora il conte si trovi in altre acque: quelle gelide e infernali dell’Antènora, in degna compagnia del suo prèsule. Nel 1288, il conte ebbe una fine terrena tragica quanto nota, contrappuntata dalla voce degli Innocenti – quattro parenti giovinetti – che furono con lui imprigionati nella torre della fame. Fin troppo presto, il cattivo esempio del conte fu seguito dal genero Chiano marito di Giacomina della Gherardesca, divenuto giudice di Arborèa – cioè Oristano e dintorni – intorno al 1300. Quello scellerato genero aveva già avuto figli illegittimi quando era minorenne; e la maggiore età non gli aveva portato maggiore giudizio. Ai Pisani, Chiano regalò terre Sarde –con una miniera d’argento – che furono vendicate dai suoi sudditi ammazzando il loro monarca. Mentre il cattivo giudice giaceva con la sua lingua mozzata, secondo un costume locale che si adattava a tipi come lui; la Giacomina giaceva per le doglie del parto, che purtroppo non furono seguite da lieto evento. La sua bimba Giovanna non sopravvisse, e la contessa ebbe pure il dispiacere che diventassero giudici i suoi figliastri: il consiglio non aveva permesso che lei succedesse al marito. Il Papa aveva già diplomaticamente predisposto quanto accadde il 19 giugno 1324: gli Aragonesi ebbero la Sardegna dai Pisani e i Giudicati furono soppressi. Il 13 febbraio 1329, approfittando del passaggio di quello a Pisa, la contessa ricorreva a Ludovico il Bavaro per ottenere in successione almeno i beni patrimoniali del marito. Qui, più che Giacomina, Pirandello dovrebbe scrivere di pensarci quel Sacro Romano Imperatore. In compenso, la contessa potrebbe ispirarsi alle opere della biblica Dèbora, ottimo Giudice. Ultimo tradimento a Pisa: il 6 ottobre 1406, con regolare rogito, la città fu svenduta a Firenze; giustamente, i suoi cittadini vi si opposero fino all’ultimo. Quando si vive in una Città così bella, a finire da servi, si fa sempre in tempo.



*
- TO GENOA LAND I’M BOUND TO TRABBLE -
Calendimaggio, cioè il primo del mese, dell’anno 1000: i Dalmati si ribellano agli Slavi. Chi chiamano in loro aiuto? Qualcuno che aveva bisogno dei loro boschi per fare legna, oltre che di loro stessi per arruolarli nei marines. La Serenissima VENEZIA: almeno alcuni, la volevano. Lo Stato nato nella Laguna aveva avuto origine qualche secolo prima. Caduta Roma, in Italia arrivavano in molti, in troppi, e s’insediavano i Longobardi. Orso Ipato fu il loro primo Doge e ci fu la dipendenza da Costantinopoli. Venezia non ha la felice disposizione della Capitale Romana d’Oriente, e si rode dall’invidia. Fa le Crociate e sbaglia Sepolcro: il 17 luglio 1203, invece di liberare quello Santo, assalta proprio Costantinopoli. I difensori di quella Città finiscono alle loro ordinarie sepolture. Ci saranno anni, nei quali neppure sull’Acropoli di Atene si potrà stare tranquilli. Nel 1687, i Turchi avevano preso il posto degli Imperiali quali oggetti dell’ostilità veneziana. Per sloggiarli dalla Città Greca dove stavano, anche il Partenone si prese qualche cannonata della Serenissima. Anche se non disdegnava la metodologia Colonialista, quello Veneziano era uno Stato rispettoso del lavoro. Era uno Stato organico, anche se teneva l’Aristocrazia ben salda al governo. Tuttavia, era riconosciuto il senso dei suoi ordinamenti e, insieme a un po’ d’istruzione, si sviluppavano le idee. A Marco Polo, venne quella di girare l’Oriente. Nei Regni Tartari, si respirava con maggiore energia e si trovavano cose interessanti, oltre che utili e inusuali. Trovavi l’ossido di zinco: senza, non sapevi come curare una congiuntivite e poi ti tenevi i danni. Ancora oggi è una cura che va bene e costa poco; purtroppo, non sono cose di moda. Dal 1298, per la lettura è disponibile il suo libro: il Milione, titolo arrivato con un’altra aferesi; i Polo erano noti come discendenti dell’Emilione. Nel 1474, Venezia manda la Sua Cittadina Caterina Cornèr a Cipro. Ms Cornèr sposa Lusignano e diventa Regina dell’Isola. Nel 1842, Donizetti le dedica un’opera lirica, con attenzione al suo problematico amore per Gerardo; non fedelissima alla realtà. Se vuoi sapere come si fa quando l’Amor Tuo è nei guai, è meglio che leggi la Figlia del Capitano di Puskin. Dopo che Lady Cornèr è rimasta vedova e Regina per lascito, scoppiano disordini: alcuni locali vorrebbero mantenere il loro potere; la Sovrana è troppo legata alla sua Patria d’origine. Sua Altezza mantiene il Regno, ma non oltre il limite sostenibile e quindi rientra nella Sua Città, lasciando Cipro al diretto controllo della Serenissima. Unica nella storia della Sua Nazione, e con speciale provvedimento, i maggiorenti parrucconi la nominano ‘Figlia Adottiva della Repubblica’, amante delle arti e amata dal popolo. Che cosa era successo a un’altra figlia, il 26 febbraio 1325, nel veneziano Campo San Vitale? Un maleducato aveva insultato e, perfino, percosso Donna Moreta. Alla cara ragazza, da un anno appena era morto il papà: per gli amici, lui si chiamava Marcolino e tutti loro, di cognome, sono Polo. Il tribunale sbatte l’insolente in galera per due mesi. Ad Atene, quando avevano baciato sua figlia per strada, Pisistrato aveva commentato: “Se punisco un audace che vuole bene a mia figlia, che cosa dovrò fare a chi le vuole male?” A volte a qualcuno, starsene al fresco, non può fare che bene. Bene o male che sia, il 17 ottobre 1797, Napoleone Bonaparte liquida la Serenissima: la ricordiamo ancora nelle vivaci commedie di Goldoni, sempre ricca di belle ragazze.
*



- IN GENOA LAND I’LL TAKE MY STAND TO LIVE AND DIE IN GENOA –
C’era una volta a Costantinopoli un sobborgo adottato dai Genovesi, si chiamava Gàlata – in suo onore, oggi si chiama così il museo del mare in via Gramsci. Recita un cartello: vieni a bordo di una galea. Non prendetelo alla lettera: non risolve il problema della disoccupazione, in compenso svuota le carceri. Un rematore incatenato non incide sul costo del lavoro e, con quasi una battaglia navale il mese, facilmente non avrà il problema della pensione. Almeno, spesso si vinceva. Quando non se le suonava con le sue sorelle marinare, GENOVA faceva volentieri le Crociate perché poi otteneva basi commerciali duty free. In Andalusìa, aveva avuto Almerìa e Tortosa ma, nel 1148, non era riuscita a difenderle dagli attacchi nemici. In più, aveva avuto un sacco di spese per la guerra ed era entrata in una crisi finanziaria. Gli amministratori disonesti sono una calamità ma, con quelli incapaci, è anche peggio. Vittorio Pertusio fu un grande sindaco: purtroppo, i suoi colleghi hanno abbattuto il promontorio di San Benigno e distrutto via Madre di Dio. Si oscilla da un polo all’altro. Dante mette Branca Doria all’Inferno, come traditore dei parenti e ancora prima che sia morto, in contumacia. Andrea Doria fa carriera nella travagliata Italia dove, nel giugno 1528, comanda una flotta alleata dei Francesi con i quali assedia Napoli. La città partenopea è controllata dagli Spagnoli di Carlo V, il Sacro romano Imperatore; Andrea fa il ribaltone, si direbbe oggi, e passa dalla parte dell’assediato risultato poi vincitore. Non mancano precedenti e successive analogie: i coloni della Lanterna vendono al Turco il passaggio da Gàlata – di nuovo lei – per la presa di Costantinopoli del 1453. Nel 1547, non si riposano neppure a Capodanno: Fiesco vorrebbe festeggiare facendo la festa all’Andrea; nel 1783, il medico militare Schiller ne caverà una tragedia inquieta e insolita. A Genova, è difficile pensare a un contrasto tra emuli di optimates e populares nell’Antica Roma: c’è un contrasto più prosaico per delle case. Il Fiesco era dovuto starsene per un po’ a Montoggio, lontano dall’amata Porta Soprana, dove l’Andrea si era messo a spadroneggiare. Per tornare e finire male con la sua congiura, Fiesco poteva restare in quell’angolo nordorientale del Genovesato: il vertice di quello è nella vicina e ospitale Torriglia; vi troverete degli ottimi funghi nella stagione e i canestrelli per tutto l’anno. Comunque, Genova è sostanzialmente filo francese perché è sciovinista. Per chi viene dalla mia campagna originaria, c’è sempre qualcosa di meglio da fare a Genova che dalle sue parti. Qui si va a scuola, c’è gente più civile, si trovano le merci; a non chiedergli troppo, neppure il Banco di San Giorgio è così male. Ci sono gruppetti che si chiamano ‘Compagne’, nelle quali più o meno si fa quello che fanno gli altri: se non volete farlo, basta che non lo diciate in giro. Sarebbe meglio se uno conoscesse un lavoro e avesse voglia di farlo. Se da San Rocco di Camogli uno scende a San Nicolò di Capodimonte, trova una chiesa della metà del 1200. Nell’assolato e isolato silenzio, vi si legge che i frati di San Rufo sono scappati per sfuggire alle incursioni saracene. Scendete ancora un poco, verso la costa, e non riuscirete neppure a togliervi le scarpe per fare un bagno in mare. E’ tutto uno strapiombo. Laddove c’è slargo: ci sono spunzoni, rocce taglienti e, a fior d’acqua, i mìtili. Valutate le possibilità di attracco, vi sentirete al sicuro dalle incursioni. Speriamo che i Padri Domenicani si occupino meglio di Santa Maria di Castello. Nell’incertezza, invece che di nautica, ho seguito un corso di Sergio Casaleggio [maestro locale di alpinismo, n.d.A.] Santa Caterina Fieschi Adorno è un modello di carità alla fine del 1400; da tutto quanto possiede a poveri e malati che assiste. Tra le ragazze che abbiamo incontrato, è giusto parlare anche di chi l’amore l’ha distillato dal mondo che rischiava d’inaridire. Non è dai contrasti che nascono le gioie dello spirito, ma dalle metamorfosi. Il 3 gennaio 1815, Genova già commissariata è consegnata al Savoia; pochi ci fanno caso. “Altro comfort fa per noi ora, altro sconforto”, commenterebbe Montale, anche lui nato qui in Corso Dogali. Io, invece, vi scrivo con Dickens: “To begin my life with the beginning of my life, I record that I was born” in Saint Peter of the Sands, Genoa township.



Ora,
sempre io, vi saluto con queste mie due terzine:
Per lui: faccia un po’ quello che vuole;
se non ha chi lo conforti, è colpa sua.
Io per la via Roma ho consumato le mie suole,
le belle ragazze ho incontrato negli androni;
come dicono i ragazzi che studiano alle scuole:
se uno ascolta, impara bene le lezioni.
Pensate che l’equipaggio della Santa Maria era sul punto di liquidare Cristoforo Colombo il Grande – nato proprio qui -. Era poco prima di avvistare la terra: il Navigatore non li aveva mica riportati a Itaca – quelli l’avrebbero subito perduta-. Quella terra era nuova davvero ed era, solo, l’America.
*

- THE LORD IS MARCHING ON. GLORY, GLORY, HALLELUJAH! -
1947, Carol dice a Rip: “I understand. What you’re saying: women are made to be loved”. E’ nel film Dead Reckoning, calcolo della posizione, termine marinaro. Ero arrivato alla maggiore età sotto il segno della Neoavanguardia: può darsi che ne abbia derivato l’uso delle citazioni, almeno senza ripetizioni. Da For Whom the Bell Tolls del 1943, a Woman of Straw del 1964: nel primo si sacrifica il giovanotto Robert; nel secondo, il vecchio Charles; entrambi stufi d’imbrogli. Preferisco che lo facciano loro, piuttosto che le ragazze: nella maturità, vivo sotto le stelle del Nuovo Dolce Stil Novo.

APPENDICE
“We haven’t been reaching Genoa since 2004. We could join to the International Brigades for Scottish freedom: I didn’t believe in it, either, but…” said Willie.
“Down at the fish market you couldn’t hear anybody because it’s over and so you as quiet as a mouse…” answered Vera.
“That was Sylvester the cat, which skipped, as well as Bobby the player who moved from Inverness to Córdoba. Genoa fare thee well.”
“Spain? If I was Maria, would you be in love with me as well as Robert? Hemingway’s bell, you know.”
“More and more. Actually, Bob got married in Saint Nicholas, really. In May 1937, between Madrid and Segovia, I wouldn’t shot Navarre cavalryman with his Sacred Heart medal. We’d be Catholic Catalan, anyway. We wouldn’t annoy Trotskyists in Barcelona a month later, either.”
“Well, we couldn’t join Mexican Revolutionaries. That’s odd! From France to Mexico, which was going to get unchristianized.”
“Never mind. Emiliano Zapata got into Mexico city behind Our Lady of Guadalupe’s banner.”
“Behind Virgin of the Rocks, Genoese are moaner: moo moo moo [onomatopoeic].”
“Don’t give a damn of puppet government stuff. Let’s have two Single Malt Scotch drops: it tastes earthy, quite good. One more Genoa in the drink…so let’s have one more drink, shall we? Two drops. With one water drop.”
“You know a profession, and are going to leave a girl in who knows where.”
“You’re apart, in me.”
Isabella read the dialogue. She sat in her chair: moved ahead; the edge stimulated her. She returned in the former position; crossed her legs and, always performing her down there, jeans stitches stimulated her again.
Moreta had just come back home. She heard his husband Ranuzzo coming, and everything got fast. She stood up, and took her skirt off. He already walked into the room; she already had opened the zipper behind, and was slipping the sweater off, before, along her arms. He headlong stripped himself of something and took a seat. She didn’t wear the bra and, straddling’ him, sat again; her short petticoat sensibly uplifted as she was into strong contact with him. They were hard times and one needed a good as well as clever wife.
“I believe that God liked our return ‘cause all around the world nobody looked for His Creation more than Mark, son of Nicholas Polo, noble and great citizen of the town of Venice” (From ‘The Million’).

Giuseppe Paolo Mazzarello, M.D..






"Moreta Polo" | Login/Crea Account | 2 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Moreta Polo (Voto: 1 )
di Grazia01 il Mercoledì, 31 ottobre @ 20:50:55 CET
Che lavoro! Sorriso

| Parent


Toggle Content Links Correlati

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 2


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sera d’ottobre [ 0 commenti - 9 letture ]
 Rotonda terra [ 0 commenti - 9 letture ]
 Verso Luino [ 0 commenti - 9 letture ]
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 27 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 89 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy