Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 512
Totale: 512
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: News
06: News
07: Home
08: coppermine
09: coppermine
10: News
11: Home
12: News
13: Home
14: Home
15: coppermine
16: Home
17: Home
18: News
19: Home
20: Home
21: Home
22: Stories Archive
23: coppermine
24: Home
25: Home
26: coppermine
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: News
32: coppermine
33: News
34: News
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: News
42: Home
43: Home
44: Stories Archive
45: Home
46: Home
47: Home
48: News
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Search
55: Home
56: Home
57: Home
58: News
59: News
60: Search
61: Home
62: Home
63: News
64: News
65: News
66: Forums
67: Home
68: Home
69: coppermine
70: coppermine
71: Home
72: coppermine
73: Home
74: News
75: Home
76: Home
77: News
78: Home
79: Home
80: Search
81: Home
82: Stories Archive
83: Home
84: Home
85: News
86: News
87: Home
88: coppermine
89: coppermine
90: Home
91: Home
92: Home
93: News
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: News
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: News
110: Home
111: Home
112: Home
113: coppermine
114: News
115: News
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Search
121: Home
122: Your Account
123: Home
124: Home
125: News
126: Home
127: Home
128: Home
129: coppermine
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: News
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: News
143: Home
144: News
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: coppermine
150: Stories Archive
151: Home
152: Home
153: News
154: Forums
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: coppermine
162: Home
163: Home
164: Home
165: News
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: News
171: Home
172: Home
173: Home
174: News
175: Home
176: Home
177: News
178: Home
179: Home
180: News
181: Home
182: Stories Archive
183: Home
184: Home
185: News
186: Home
187: Home
188: News
189: Home
190: Home
191: coppermine
192: Home
193: Home
194: coppermine
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Stories Archive
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: News
211: Home
212: Home
213: Home
214: News
215: coppermine
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Stories Archive
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: News
228: Home
229: Home
230: Forums
231: Home
232: coppermine
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: Home
238: Home
239: News
240: Home
241: Home
242: Home
243: Forums
244: Home
245: Home
246: News
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: News
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: News
268: Home
269: Home
270: Search
271: Home
272: Home
273: News
274: News
275: Home
276: News
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Home
288: News
289: Home
290: Home
291: Home
292: News
293: Home
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: coppermine
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: Home
304: News
305: Home
306: News
307: Home
308: News
309: News
310: Home
311: Your Account
312: Home
313: Home
314: Home
315: Home
316: Stories Archive
317: Home
318: Home
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: Home
327: coppermine
328: Home
329: Home
330: Stories Archive
331: Home
332: News
333: News
334: Home
335: Home
336: Home
337: Search
338: coppermine
339: Home
340: Home
341: Home
342: Home
343: Home
344: Home
345: Home
346: coppermine
347: Home
348: Home
349: Stories Archive
350: Home
351: Home
352: News
353: Home
354: Home
355: Stories Archive
356: Home
357: Home
358: Home
359: Home
360: Home
361: News
362: Home
363: Search
364: Home
365: Home
366: Home
367: News
368: Home
369: Home
370: coppermine
371: Home
372: Home
373: News
374: coppermine
375: Home
376: Home
377: coppermine
378: News
379: Home
380: Home
381: News
382: Home
383: Stories Archive
384: coppermine
385: News
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: Home
391: News
392: News
393: News
394: Home
395: News
396: Home
397: Home
398: Home
399: coppermine
400: Home
401: Home
402: News
403: Home
404: Home
405: Home
406: News
407: Home
408: Home
409: News
410: Home
411: Home
412: News
413: Home
414: Home
415: Search
416: Home
417: Home
418: Home
419: Home
420: Home
421: Home
422: coppermine
423: Home
424: Home
425: Home
426: Home
427: Home
428: Home
429: Home
430: Home
431: coppermine
432: News
433: Home
434: Home
435: Home
436: News
437: Home
438: Home
439: Home
440: coppermine
441: Home
442: Home
443: coppermine
444: News
445: Home
446: Home
447: Home
448: News
449: Home
450: Home
451: Home
452: Home
453: Home
454: Stories Archive
455: Home
456: News
457: Home
458: Home
459: Home
460: Home
461: News
462: Home
463: Stories Archive
464: Home
465: Home
466: Home
467: Stories Archive
468: Home
469: Stories Archive
470: Home
471: Home
472: News
473: Home
474: coppermine
475: News
476: Home
477: News
478: Search
479: Stories Archive
480: Home
481: Search
482: Stories Archive
483: Home
484: News
485: coppermine
486: News
487: Home
488: Home
489: Home
490: Home
491: Home
492: Home
493: Home
494: Home
495: Home
496: News
497: Home
498: Stories Archive
499: Home
500: News
501: Home
502: Search
503: coppermine
504: Home
505: Home
506: Home
507: Home
508: Home
509: News
510: News
511: Home
512: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9054
  · Viste: 1924125
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › I personaggi di Verga: umiliati e offesi
I personaggi di Verga: umiliati e offesi
Postato da Grazia01 il Giovedì, 02 giugno @ 19:00:32 CEST (1334 letture)
Racconti di Verga

I protagonisti delle novelle e dei romanzi maggiori del Verga sono sempre dei Vinti, degli umiliati e offesi. Perché? C'è forse nello scrittore siciliano una precisa polemica sociale, tesa a identificare i colpevoli, a proporre terapie risanatrici? Forse. Ma subito si rileva che l'antagonista negativo, il nemico da distruggere, quasi non presenta fisionomia, è confuso nelle sfumature delle vicende. Chi vuole scoprire e dare un volto agli oppressori, ai malvagi, deve leggere tra le righe, coglierli di sorpresa; Hanno nomi neutri: soprastanti, fattori, gentiluomini, guardie e tutto il nostro prossimo; sono le bestie, il mare, la roba, la malaria, la giustizia. E la roba, la terra e la giustizia sono del padrone. Possesso assoluto, il suo.




Questo principio nessuno osa respingerlo, nessuno lo mette in dubbio, neppure chi ne è vittima rassegnata. Il fattore maltratta Jeli perché lo stellato è finito giù nel burrone: «Non so chi mi tenga dallo stenderti per terra accanto a quel puledro che valeva assai più di te, con tutto il battesimo porco che ti diede quel prete ladro », E a Pasqua, quel fattore manda «tutti gli uomini della fattoria a confessarsi, nella speranza che pel timor di Dio non rubassero più.». A Rosso Malpelo il padrone della cava dà due soldi per tanta fatica «e in coscienza erano anche troppi per Malpelo, un monellaccio che nessuno avrebbe voluto vederselo davanti». I compagni di fatica lo angariano, lo insultano: ma a lui sembra tutto naturale. Per i poveracci, come per gli asini, non c'è molta scelta: o non venire al mondo («Ma se non fosse mai nato sarebbe stato meglio»), oppure tirare avanti a badi late. Questa è la morale che il rosso rifila a Ranocchio, un disgraziato che sta peggio di lui, suo amico e vittima: come le bestie da soma appunto, che l'uomo di fatica accarezza e bastona («gli faceva animo alla sua maniera, sgridandolo e picchiandolo»). A don Liborio, medico, non rimorde certo la coscienza nel godersi la moglie di un altro: anzi, costui «ci aveva il suo vantaggio», avrebbe dovuto considerarsi un beneficato. Il «benefattore» bussava ogni sera alla porta di casa, come per una visita di routine, «prima d'andare al caffè, a far la sua partita di tressette». Nella prefazione a I Malavoglia e a tutto il ciclo dei Vinti, il Verga dà un nome al male dei suoi eroi e degli uomini, un nome astratto, mitologico:«la conquista del benessere ». È dunque la speranza e la lotta per il meglio, cioè per la vita, che travolge tutti, i deboli come i forti. Perché i vincitori di oggi sono i vinti di domani. A padron 'Ntoni e ai suoi il male appare sotto le spoglie di un prosaico carico di lupini, nel mare che li inghiotte, in una folla di mediocri o inetti o malvagi senza colpa. La mano che ha mosso l'ingranaggio del destino è poi quella di un villano di paese, ricco quanto gretto, lo zio Crocifisso, che tutti chiamavano Campana di legno. Brav'uomo anche lui, che aiutava tutti, cominciando dai parenti: «Quando vado a giornata da lui (dice il figlio della Locca) mi dà mezza paga, e senza Vino, perché siam parenti», Gli tien mano compare Tino Piedi papera, che però riesce a essere spiritoso quanto l'altro è piagnucoloso («Lo fa per tuo bene, per non farti ubriacare ...») e tutta la schiera delle autorità, i perni dell'ordine costituito, i brigadieri «che stanno a guardia della roba dei galantuomini». Padron 'Ntoni non ce l'ha con alcuno, né con zio Crocifisso, né col compare, né col destino. Con nessuno: tutti fanno la loro parte, per vivere; e tutti, per mangiare, predano chi non può difendersi, il debole in agonia. Sono le leggi dell'esistenza, che anche i Malavoglia rispettano e temono. Alessi e Nunziata, i due scampati al naufragio, che hanno risalito a poco a poco la china, saranno i giudici implacabili di 'Ntoni: non gli allungano una mano per aiutarlo, lo guardano scomparire in silenzio, come all'esecuzione decisa da un re misterioso. Nelle Rusticane e nel Mastro-don Gesualdo i centri del potere, le forze che ributtano a mare i deboli, che calpestano le mani che cercano l'appiglio, escono dalla luce mitica, si presentano al sole di tutti i giorni. Li introduce «il Reverendo», che è «tutt'uno col giudice e col capitan d'armi, e il re Bomba gli mandava i capponi a Pasqua e a Natale »; la sua forza sta negli arnesi della confessione: «li teneva in mano e se cascava in peccato poteva darsi l'assoluzione da sé». Varianti di questo signore feudale, con tanto di benedizione di Dio, e maledizione degli uomini, sono il canonico Lupi, don Gianmaria, e anche Vito Scardo nella sua tenace e paziente scalata al saio cappuccino al «mestiere che fa per me». Lo aveva scritto anche il Manzoni: la scelta dell'uomo è tra fare un torto e il subirlo. E la morale spicciola che lo zio Masi, l'accalappiaporci comunale, fa a comare Santa, che lo supplica di lasciarle la porcellina: «Questo è l'ordine del sindaco ... Se vi lascio la porcellina, perdo il pane». Come lui, don Licciu Papa, compari, guardie, notai, speziali e re. Anche il sovrano, nonostante la corona, non è più bello o piu buono degli altri. Si prende i ragazzini per la leva quando sono buoni a guadagnarsi il pane; caccia la gente in prigione o sulla forca o dove gli pare; o magari, con una sola parola, ti manda via contento. Poi, da un giorno all'altro, lo cambiano, ma per i poveri tutto procede allo stesso modo. Ma qualche volta, la massa si scuote: forse quando si Vergogna di chiudere gli occhi sui propri guai e decide di cancellare d'un colpo la vigliaccheria di sempre. Allora scoppia la rivoluzione. Mastro-don Gesualdo ne sconta due,e tutti ce l'hanno con lui, e la roba lo fa diventare uno sporco borbonico. La terza rivoluzione è quella del 1860: la vivono e scontano i protagonisti di Libertà. La folla fa giustizia degli affama-popolo, degli oppressori, galantuomini e loro lacchè: il barone, il prete, lo sbirro, il guardiaboschi, «il figliuolo del notaio, un ragazzo di undici anni, biondo come l'oro», la baronessa e i suoi bambini, anche il lattante. Giustizia è fatta, e la libertà viene per tutti, anche se qualcuno pretende di sostituirsi ai morti nelle prepotenze. Ma ecco arriva il generale a fare la sua, di giustizia. Tanto per chetare le acque «ordinò che gliene fucilassero cinque o sei, Pippo, il nano, Pizzanello, i 'primi che capitarono. Il taglialegna, mentre lo facevano inginocchiare addosso al muro del cimitero, piangeva come un ragazzo, per certe parole che gli aveva dette sua madre ... ». Poi il processo, dopo «tre anni di prigione e senza vedere il sole»: sul banco degli accusati «la povera gente», sugli scanni della giustizia i soliti «galantuomini». Lo scetticismo politico del Verga si delinea nitido e coerente in ogni sua pagina, nella continua, desolante sconfitta dell'uomo. La dialettica sociale, le guerre, le rivoluzioni sono il prezzo del progresso: lo pagano tutti.

Fonte: I giganti della letteratura






"I personaggi di Verga: umiliati e offesi" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti di Verga

Articolo più letto relativo a Racconti di Verga:
MALARIA di Giovanni Verga

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sera d’ottobre [ 0 commenti - 12 letture ]
 Rotonda terra [ 0 commenti - 10 letture ]
 Verso Luino [ 0 commenti - 10 letture ]
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 31 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 94 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy