Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 510
Totale: 510
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Stories Archive
09: coppermine
10: Home
11: coppermine
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: News
20: coppermine
21: Home
22: Home
23: Topics
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: coppermine
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Stories Archive
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: News
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: coppermine
48: Home
49: Home
50: Search
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Search
57: Home
58: Home
59: Search
60: Home
61: Home
62: coppermine
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: News
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Stories Archive
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: coppermine
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: Stories Archive
92: coppermine
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: coppermine
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: coppermine
109: Home
110: News
111: Home
112: Statistics
113: Home
114: Home
115: coppermine
116: Home
117: News
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: News
126: Home
127: Home
128: Home
129: Stories Archive
130: Home
131: Home
132: Stories Archive
133: coppermine
134: Home
135: Home
136: Home
137: News
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: coppermine
143: Home
144: Home
145: Home
146: News
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: coppermine
154: Home
155: coppermine
156: Home
157: Home
158: coppermine
159: Home
160: Home
161: Stories Archive
162: Home
163: Home
164: Forums
165: News
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: News
176: News
177: News
178: Home
179: News
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: News
185: Home
186: Home
187: Home
188: Stories Archive
189: Home
190: Stories Archive
191: News
192: Home
193: Home
194: Home
195: News
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Surveys
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: News
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: News
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: News
232: Home
233: Home
234: Home
235: coppermine
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: News
243: Home
244: Home
245: Home
246: Stories Archive
247: Home
248: Home
249: News
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Search
258: News
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Stories Archive
264: Home
265: Home
266: Home
267: Home
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Search
273: News
274: Home
275: Home
276: Home
277: Home
278: coppermine
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Home
288: coppermine
289: Home
290: Home
291: Home
292: Home
293: Home
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: News
300: Home
301: coppermine
302: News
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: Home
313: Your Account
314: Search
315: Home
316: Home
317: Home
318: Home
319: Home
320: News
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: News
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: Home
337: Home
338: Home
339: News
340: Home
341: Home
342: Home
343: News
344: Home
345: Search
346: Home
347: Home
348: News
349: Home
350: Stories Archive
351: Home
352: Home
353: coppermine
354: Home
355: Home
356: coppermine
357: Home
358: Home
359: Home
360: Search
361: Home
362: Stories Archive
363: Home
364: Home
365: Home
366: coppermine
367: Home
368: Home
369: Home
370: Home
371: Home
372: Stories Archive
373: Home
374: Home
375: Home
376: News
377: Home
378: Home
379: Home
380: Home
381: coppermine
382: Home
383: Home
384: News
385: Home
386: Home
387: Home
388: News
389: Home
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: coppermine
395: Home
396: Home
397: Home
398: Home
399: Home
400: Home
401: Home
402: Home
403: Home
404: Stories Archive
405: News
406: Home
407: Home
408: Home
409: Home
410: Home
411: Home
412: Stories Archive
413: Home
414: Home
415: coppermine
416: coppermine
417: Home
418: Home
419: Home
420: Home
421: Home
422: Home
423: Search
424: Home
425: Home
426: Home
427: Home
428: Home
429: Home
430: News
431: Home
432: Home
433: Home
434: Home
435: News
436: Home
437: Home
438: Stories Archive
439: Home
440: Home
441: coppermine
442: Home
443: Home
444: Home
445: Home
446: Home
447: Home
448: coppermine
449: Home
450: Home
451: Home
452: Home
453: Home
454: Home
455: Stories Archive
456: Forums
457: Home
458: Home
459: Home
460: Home
461: Home
462: Home
463: coppermine
464: Home
465: Home
466: Home
467: Home
468: Home
469: Home
470: Home
471: Home
472: Home
473: coppermine
474: Home
475: Home
476: Stories Archive
477: Home
478: Home
479: Home
480: Home
481: Home
482: Home
483: Home
484: Home
485: Home
486: Home
487: Search
488: Home
489: News
490: Home
491: coppermine
492: Home
493: Home
494: Home
495: Home
496: Home
497: coppermine
498: coppermine
499: Home
500: Home
501: Home
502: Home
503: Home
504: coppermine
505: Home
506: News
507: Home
508: News
509: Search
510: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9054
  · Viste: 1924125
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Letteratura, Nobel 2007 a Doris Lessing
Letteratura, Nobel 2007 a Doris Lessing
Postato da Antonio il Giovedì, 11 ottobre @ 23:08:35 CEST (1640 letture)
I Nobel della letteratura I Letteratura, Nobel 2007a Doris Lessing
La motivazione: cantrice delle esperienze femminili, con potere visionario ha osservato una civiltà divisa.


Doris Lessing (Ansa)

Era fuori dalla lista dei papabili di quest'anno ma Doris Lessing era da tempo in odore di Nobel: un riconoscimento atteso da decenni.
E ora alla veneranda età di 88 anni (li compirà tra qualche giorno, il 22 ottobre) quando di ritorno da una mattinata di compere le è stato riferito che finalmente è arrivato, tra l'emozione e la sopresa, le è uscito un «Oh Cristo!»


La scelta dei quindici saggi dell'Accademia di Svezia (mancavano i due dissidenti) è caduta sulla scrittrice inglese nata in Iran e cresciuta in Africa (nel 1925 la sua famiglia si trasferì nella colonia inglese della Rhodesia del Sud, l'odierno Zimbabwe, dove ha vissuto tra i cinque e i 30 anni).
La motivazione: «Una cantrice delle esperienze femminili, che con scetticismo, fuoco e potere visionario ha osservato una civiltà divisa» .
Si tratta della 34esima donna a vincere un Nobel e l'undicesima a ottenere quello per la letteratura nei 106 anni del premio.

LA SUA AFRICA - Le sue opere sulla vita nell'Africa inglese sono piene di compassione sia per le infruttuose vite dei coloni britannici sia per le sfortune degli indigeni: a partire da «L' erba canta» (1950), il suo primo romanzo, autobiografico, che racconta il fallimento di una coppia di bianchi che si oppone alla società coloniale (il romanzo, considerato uno dei migliori inglesi del dopoguerra, è in catalogo oggi da Baldini Castoldi Dalai).
Nei romanzi degli anni Cinquanta e dei primi anni Sessanta narra dell’Africa e critica apertamente l’ingiustizia del sistema di potere dei bianchi, e per questo è stata bandita da Zimbabwe e Sudafrica nel 1956.
A più riprese la scrittrice ha condannato la corruzione del regime di Mugabe: «E' un disastro, in Zimbabwe sta morendo un'intera generazione di Aids ho amici che ogni settimana partecipano ad un funerale».

ICONA FEMMINISTA - A darle notorietà è stato «Il taccuino d'oro» pubblicato nel 1962: è il romanzo che la fece entrare anche nella rosa dei possibili candidati al Nobel.
Un diario, protagonista Anna Wulf, donna che cerca una via d'uscita dal caos, dall'ipocrisia e dallo stordimento della sua generazione.
Un libro considerato un classico della letteratura femminista da molti critici ma non dall'autrice.
Quando una volta le chiesero perché, rispose: «Quello che le femministe vogliono da me è qualcosa che loro non hanno preso in considerazione perché proviene dalla religione. Vogliono che sia loro testimone. Quello che veramente vorrebbero dirmi è "Sorella, starò al tuo fianco nella lotta per il giorno in cui quegli uomini bestiali non ci saranno più"» disse al New York Times nel 1982.
E più di recente, in un'intervista al Corriere della Sera: Anna Wulf voleva «vivere come un uomo», ma oggi le donne sono «presuntuose, farisaiche» e «spaventano gli uomini».
Secondo la Lessing, che pure è diventata un'icona del movimento femminista, gli uomini sono «continuamente vilipesi ed insultati» dalle donne, continuamente colpevolizzati per i crimini commessi dal loro sesso.
Per lei le donne si dovrebbero concentrare sul cambiamento di quelle leggi obsolete che le riguardano, invece di disperdere «molte energie» in insulti inutili a danno dei maschi.

L'ULTIMO ROMANZO A 85 ANNI - Dopo alcuni romanzi di fantascienza che la allontanarono dalla rosa dei papabili per il Nobel, nel 1984 è tornata al realismo con «I diari di Jane Somers» (Feltrinelli).
Nel 2002 è uscito «Il sogno più dolce» (Feltrinelli).
L'ultimo libro lo ha pubblicato tre anni fa, a 85 anni: «Le nonne» (Feltrinelli), dove racconta l'amore fra donne mature e giovani ragazzi che prende spunto da «una storia vera che un ragazzo mi ha raccontato» ha spiegato al Corriere.
«In America si è parlato addirittura di incesto di cui non c'è traccia nel mio libro.
La cosa che mi sembra più interessante invece è che molte donne italiane hanno deciso di non avere più figli.
Una volta Kurt Vonnegut diceva che la ragione per cui le donne non volevano più figli è che erano stanche di vederseli portare via dalla guerra. Che sia ancora così?».

MEMORIE - Tra i suoi libri più famosi ci sono anche «Memorie di una sopravvissuta» (Memoirs of a survivor, 1974), «Racconti» (Stories, 1978) e soprattutto il ciclo di romanzi intitolato «Canopous in Argos: archivi» (Canopous in Argos: archives, 1980), che sono ambiziosi e suggestivi annali di mondi futuri, in cui letteratura tradizionale e fantascienza si intrecciano.

GIOVINEZZA TURBOLENTA - A cinque anni fu portata in Rhodesia, oggi Zimbabwe, dai genitori che tentavano (invano) l'avventura coloniale.
Entrò in collegio ma ne scappò a 13 anni quando pubblicò in Sud Africa i due primi racconti.
A 15 era già fuori casa, a 19 sposata, subito madre di due figli, e pochi anni dopo di nuovo sola, a Salisbury.
Indomita, insofferente, incontrò al Left Book Club, circolo di comunisti, Gottfried Lessing: lo sposò, e pure da lui ebbe un figlio, Peter.
Un disastro: lei era comunista («Allora tutti lo erano: non si conoscevano altre persone»), ma si ravvide vivendo con un vero comunista.
Nel 1949 prese Peter e venne a Londra: trentenne, era di nuovo libera.

MAI NEUTRALE - Doris Lessing è una di quelle scrittrici che non si sono mai sottratte ai giudizi, anche drastici e impegnativi.
«Non credo che il cow-boy Bush libererà il mondo dal terrorismo» ha avuto occasione di dire parlando della guerra in Iraq.
Sono state «isteriche», a suo parere, le reazioni americane all'11 settembre e domandandosi il perché di tali reazioni:
«In fondo gli americani sono nati dalla guerra e hanno avuto un conflitto civile violentissimo».
Quanto ai grandi movimenti Lessing, dimostrando di avere più fiducia nell'individuo che nelle grandi organizzazioni, ha detto di non crederci più:
«Credo all'impegno di breve periodo di piccoli gruppi su temi specifici.
I movimenti per la pace, la guerra, contro gli armamenti, semplicemente non funzionano.
È una leggenda che io sia una specie di Giovanna D'Arco.
Quando rifletto sul passato, oggi non vedo i grandi imperi e i dittatori, ma solo i piccoli individui, e le cose straordinarie che sanno realizzare».

LA VECCHIAIA - «Donna cinica» come si definisce, ha sempre parlato della vecchiaia con distacco: «vantaggi - ha detto - non ne ha nessuno. L'invecchiamento è una questione di aspettative degli altri nei nostri confronti.
In Pakistan nel 1986 ho incontrato donne che potevano essere mie figlie e che avevano l'aspetto di trisavole perchè la società si aspettava questo.
Ora ci si aspetta che non si invecchi mai.
Il vero momento in cui si invecchia è quando si tirano i remi in barca».
Vecchio, ha avuto occasione di dire, significa «stupido e incapace.
C'e sempre qualcuno da condannare o da ghettizzare.
Come specie siamo ancora molto tribali: noi siamo buoni, gli altri cattivi».

Approfondimento
corriere.it






Argomenti associati

I Nobel della letteratura I

"Letteratura, Nobel 2007 a Doris Lessing" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre I Nobel della letteratura I

Articolo più letto relativo a I Nobel della letteratura I:
Harold Pinter - Nobel 2005

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sera d’ottobre [ 0 commenti - 9 letture ]
 Rotonda terra [ 0 commenti - 9 letture ]
 Verso Luino [ 0 commenti - 8 letture ]
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 27 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 89 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy