Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 168
Totale: 168
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Search
05: Home
06: Home
07: News
08: Home
09: Home
10: News
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Forums
16: Home
17: coppermine
18: News
19: Home
20: Home
21: Home
22: News
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: coppermine
28: Home
29: Forums
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Stories Archive
36: Home
37: Search
38: Home
39: Home
40: News
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Forums
46: News
47: Home
48: News
49: coppermine
50: Home
51: coppermine
52: Forums
53: coppermine
54: coppermine
55: coppermine
56: Home
57: Home
58: Home
59: News
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Stories Archive
65: Home
66: Home
67: coppermine
68: Home
69: Home
70: Home
71: Stories Archive
72: News
73: Home
74: coppermine
75: Home
76: Home
77: coppermine
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Stories Archive
83: Home
84: Home
85: Home
86: News
87: Statistics
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Search
93: Home
94: Home
95: Forums
96: Home
97: coppermine
98: Home
99: Statistics
100: Home
101: Search
102: News
103: News
104: Home
105: Home
106: News
107: Search
108: Forums
109: coppermine
110: Search
111: Home
112: coppermine
113: Home
114: Home
115: coppermine
116: Stories Archive
117: Search
118: News
119: Stories Archive
120: Home
121: coppermine
122: Search
123: Home
124: Forums
125: Home
126: Stories Archive
127: News
128: Home
129: Forums
130: coppermine
131: Home
132: Home
133: coppermine
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Stories Archive
139: Home
140: News
141: Home
142: Home
143: Home
144: News
145: News
146: News
147: Statistics
148: Home
149: Home
150: News
151: Search
152: News
153: Home
154: Home
155: News
156: coppermine
157: Search
158: Home
159: Tell a Friend
160: coppermine
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: News
168: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9078
  · Viste: 1925354
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Il 2 febbraio: Festa della candelora
Il 2 febbraio: Festa della candelora
Postato da Grazia01 il Sabato, 02 febbraio @ 19:00:25 CET (70099 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno
Che cos’è la festa della Candelora e perché la si celebra il 2 febbraio?
Già nel Medioevo a Milano si teneva la solenne processione con le candele per ricordare la Presentazione di Gesù al Tempio, avvenuta 40 giorni dopo la sua nascita.
I proverbi legati alle previsioni sul bello o cattivo tempo

di Sara Regina




"A la Candelora de l’inverna semm foera", recita l’antico proverbio milanese. Ma che cos’è la festa della Candelora, e perché la si celebra il 2 febbraio? La parola Candelora deriva dal latino festum candelarum, festa delle candele. La Chiesa cattolica celebra in questa data la Purificazione di Maria Vergine e la Presentazione di Gesù al Tempio, avvenuta 40 giorni dopo la sua nascita, come prescritto dalla legge di Mosè e narrato nel Vangelo di Luca (Lc 2, 22-39). Contando 40 giorni a partire dal 25 dicembre, si arriva appunto al 2 febbraio.Il Vangelo di Luca narra che i genitori di Gesù, quando compì 40 giorni, lo portarono al Tempio per offrire in sacrificio una coppia tortore o di giovani colombi, come prevedeva la legge mosaica per la «purificazione» della madre di un maschio primogenito, nel caso di una famiglia povera, qual era quella del falegname di Nazaret: «Se non ha mezzi da offrire un agnello, prenderà due tortore o due colombi: uno per l’olocausto e l’altro per il sacrificio espiatorio» (Lv 12, otto).

Nel Tempio di Gerusalemme Maria e Giuseppe, sempre secondo il racconto di Luca, incontrarono Simeone: «un uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d’Israele». E dalle parole di Simeone, che benedice Dio alzando il bambino tra le braccia, si ricava la spiegazione dell’uso delle candele: «Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola, perché i miei occhi han visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli, luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele». Le candele sono dunque simbolo di Cristo, «luce per illuminare le genti».

A Milano, all'interno del Grande Museo del Duomo, tra le sale del Tesoro, si conserva l’icona della «Madonna dell’Idea» (che probabilmente sta per "eidon", dal greco: "immagine"), preziosa opera di Michelino da Besozzo, capolavoro del Quattrocento. Sulla tavola è raffigurata, da un lato, la «Madonna con Bambino in trono» attorniata da angeli, e dall'altro appunto la «Presentazione di Gesù al Tempio».

Anticamente a Milano il 2 febbraio si svolgeva una processione che prevedeva il trasporto dell’arca della «Madonna dell’Idea» dalla basilica di Santa Maria Maggiore alla Chiesa di Santa Maria Beltrade. Il rito è narrato nel testo trecentesco Beroldus sine ecclesiae ambrosianae mediolanensis Kalendarium et ordines saec. XII ed è raffigurato in un prezioso bassorilievo risalente alla II metà del XII sec., ora al Museo Archeologico del Castello Sforzesco.

Oggi la processione nel Duomo di Milano parte dall’altare della Madonna dell’Albero: qui vengono benedette le candele distribuite ai canonici e ai fedeli. Anche sulla sommità a cuspide dell’Idea viene acceso un grosso cero. La celebrazione vigiliare si è svolta quest’anno la sera del 1° febbraio: l’arcivescovo Mario Delpini ha presieduto alle 17.30 l’eucarestia nella Festa della Presentazione del Signore, che coincide con la XXIII Giornata mondiale della Vita consacrata, alla presenza dei consacrati della diocesi di Milano. La celebrazione è stata preceduta dalla benedizione delle candele e dalla processione dei concelebranti, delle rappresentanti della Vita Consacrata femminile e dei Fratelli oblati con le candele e l’icona della Madonna dell’Idea.

Tradizionalmente la processione della Candelora era considerata la festa della fine dell’inverno e i milanesi, guardando il cielo, cercavano di pronosticare quanto lontana fosse la primavera: "A la Candelora de l’inverna semm foera, ma se pioeuv o tira vent per quaranta dì semm dent". Insomma, se il tempo è brutto il 2 febbraio, per altri quaranta giorni c’è poco da sperare.






"Il 2 febbraio: Festa della candelora" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Un pensiero, una poesia al giorno

Articolo più letto relativo a Un pensiero, una poesia al giorno:
Estate

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sono triste senza un motivo. Perchè? [ 0 commenti - 12 letture ]
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 37 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 33 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 40 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 685 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 27
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy