Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 180
Totale: 180
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: coppermine
04: coppermine
05: Home
06: Forums
07: News
08: Home
09: Forums
10: Home
11: News
12: Home
13: Home
14: Home
15: Topics
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Contact
23: Your Account
24: coppermine
25: News
26: coppermine
27: coppermine
28: Forums
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: News
34: Home
35: Home
36: Home
37: coppermine
38: News
39: Stories Archive
40: News
41: Home
42: News
43: Home
44: coppermine
45: Home
46: coppermine
47: Search
48: Home
49: Home
50: Forums
51: Home
52: News
53: News
54: News
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Stories Archive
62: coppermine
63: News
64: Home
65: coppermine
66: Home
67: Home
68: News
69: Home
70: Home
71: Home
72: News
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: coppermine
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: coppermine
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: News
89: Home
90: Home
91: Home
92: News
93: Home
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: News
98: Home
99: Home
100: Home
101: Forums
102: Home
103: Home
104: coppermine
105: Stories Archive
106: News
107: Home
108: coppermine
109: coppermine
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: News
115: Home
116: News
117: Home
118: Home
119: Home
120: News
121: News
122: Home
123: Home
124: coppermine
125: coppermine
126: Home
127: News
128: Search
129: coppermine
130: Home
131: Home
132: Search
133: Home
134: News
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: Stories Archive
143: Home
144: Home
145: Home
146: News
147: Home
148: News
149: Home
150: Stories Archive
151: Home
152: News
153: Home
154: coppermine
155: News
156: News
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Topics
163: News
164: Home
165: coppermine
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: News
172: coppermine
173: Home
174: Home
175: Home
176: Forums
177: News
178: Home
179: coppermine
180: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9069
  · Viste: 1924459
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Beau Geste e la Medicina nostrana
Beau Geste e la Medicina nostrana
Postato da Paolo il Domenica, 07 luglio @ 18:23:54 CEST (104024 letture)
Le opere di Paolo III
“L'amore di un uomo per una donna sorge e cala come la luna...ma l'amore di un fratello verso un fratello è costante come le stelle e dura quanto la Parola del Profeta” (Proverbio Arabo)


A più riprese il cinema si è occupato di questo tema, anche parodisticamente: io mi riferirò alla versione del 1939. L'inizio e la fine della storia di Beau Geste si svolgono nel Regno Unito, la sua maggiore e centrale parte nel Maghreb. I tre fratelli bambini Geste , Beau è il maggiore, vivono in un maniero Britannico. Non hanno i genitori e sono allevati da Lady Brandon: ben vestiti, educati e...tra qualche segreto. Con loro c'è la bambina Isobel, pupilla di Patricia Brandon, che s'innamorerà di uno di loro: John. La zia non possiede, ma custodisce nel castello, uno zaffìro di gran valore chiamato Blue Water. Di altri valori o rendite, non traspaiono segni: all'inizio di ogni storia, bisognerebbe sempre chiedersi di che cosa vivono i protagonisti. Il tempo passa, i bambini crescono: sono tutti giovanotti, quando chiedono di potere vedere per l'ultima volta il gioiello di famiglia. Lo zaffìro, infatti, dovrà ritornare al legittimo proprietario che ne ha chiesto la restituzione. Una notte, sono tutti riuniti con la Brandon e lo zaffìro quando manca la luce. Al ritorno dell'illuminazione, lo zaffìro è sparito. In mancanza dello zaffìro, allo sfortunato proprietario si potrebbe cantare: “Tiens voila du boudin” (Eccoti del sanguinaccio). Propongono di ritrovarsi tutti alla mattina successiva, lasciando il tempo a chi ha trafugato il gioiello di rimetterlo al proprio posto. Alla mattina, Beau è sparito, lasciando una confessione scritta dove annuncia che si darà alla bella vita in luoghi ameni con il ricavato del furto. In realtà, i fratelli intuiscono dove possa essersi rifugiato, così come intuiscono che sotto ci deve essere qualcosa d'altro. John e Digby Geste non hanno bisogno dei social per ritrovare loro fratello Beau e, così, eccoli tutti e tre a servire nella Legione Straniera di stanza in Maghreb. Là si canta appunto: “Tiens voila du boudin, pour les Belges y'en a plus, ce sont des tireurs au ...” con qualche licenza poetica. Una incerta giovinezza si spenderà in incerti scenari: dove trovare una nuova comunità e un campo di battaglia. Sul posto il tenente Martin giace sul letto di malattia e confida, in mancanza di altri, a quella carogna del sergente Markoff: “When I was a little boy, I thought soldiers always died in battles. I didn't know there were so many soldiers...and so few battles...and so many fevers.” Alla fine del film, invece, Miss Brandon commenterà: “Beau Geste...gallant gesture. We didn't name him wrong, did we?” Magari non nobile, ma almeno opportuno sarebbe stato il gesto di curare un poco il tenente , invece di lasciarlo morire con Markoff badante. Gli eventi precipitano: gli Arabi attaccano un fortino e, sebbene decimati, lo espugnano. Beau cade nella difesa del presidio e, nelle concitate fasi successive, Digby ci resta secco suonando la tromba d'ordinanza per segnalare l'arrivo del nemico e compiendo, pure lui, un “beau geste” in tonalità musicale. Il solo John ritornerà in patria nel maniero e, alla sua maniera, così risponderà al maggiordomo che gli chiederà dei fratelli: “Non torneranno.” Di questo racconto ho quindi rivelato l'inizio e il finale, senza tutte le spiegazioni che si trovano nel mezzo. John si avvia alle nozze con Isobel, almeno qualcosa di buono succede; Lady Brandon pronuncia le già citate parole conclusive sui gesti nobili, confermando che chi è dedito a qualche imbroglio lo è anche a fare proclami. In questa storia il caso ha pesato molto, ma la Medicina non si pratica solo valutando una successione di eventi. Dai testi sulle Crociate, si apprende che il sultano Saladino non sopportava chi non aveva princìpi religiosi e, ai suoi tempi, era difficile incontrare qualcuno che non li avesse anche tra i nemici. La Medicina non muove solo guerra alle malattie: talora dovrebbe assecondare il migliore equilibrio tra uomo, ambiente e natura. La Medicina nostrana è influenzata dai progressi mondiali, con i loro elevati costi, ma non ha grandi possibilità di finanziamento. Si possono formare buoni medici con costi relativamente contenuti, ma ci vuole una cultura adeguata e una politica saggia, conformi alle attese di un popolo consapevole e paziente. I nostri eroi sono stati in Africa ma, ora, dall'Africa o da altri continenti, arrivano nuovi interpreti e si fermano da noi. Questi stranieri costituiscono una legione a cultura paternalistica e semplificata: il loro innesto non aumenta le disponibilità finanziarie ma l'esigenza di rendere funzionale l'assistenza medico-chirurgica di base. Prestazioni ad altissimo costo, se non addirittura sperimentali, hanno inoltre bisogno di essere esercitate a lungo perché il personale acquisisca la pratica adeguata. Certo una macchina che svolga questa prestazioni e richieda poca applicazione umana per il suo funzionamento può prescindere dal precedente requisito ma, si sa, una macchina odierna con tutta la sua componente elettronica esige continui aggiornamenti e pone interrogativi di durata. Per ora la Medicina nostrana, d'imponente, mostra solo il controllo telematico degli atti e la raccolta dati. Solo poche regioni nostrane a produttività adeguata possono adeguatamente investire nella sanità; di fatto sono un'enclave in territorio nostrano, gestiscono i pazienti complessi delle altre regioni e presentano loro il conto. Le avventure dei tre orfanelli ci hanno portato lontano nel tempo e, poi, fino ai giorni nostri. Come ieri per loro, quello che accade oggi in Nord Africa...e di là sui mari...e nei Paesi più in su ci rimanda a quello che trascende le contingenze umane e “dura quanto la Parola del Profeta”.
Giuseppe Paolo Mazzarello






"Beau Geste e la Medicina nostrana" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Se saprai starmi vicino [ 0 commenti - 14 letture ]
 Indovinami, indovino [ 0 commenti - 26 letture ]
 il tempo [ 0 commenti - 14 letture ]
 Buone Feste [ 0 commenti - 13 letture ]
 La notte si era accasxiata [ 0 commenti - 22 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 23
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy