Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 230
Totale: 230
Chi è online:
 Visitatori:
01: Forums
02: News
03: Home
04: Home
05: Home
06: Search
07: Home
08: Home
09: Home
10: coppermine
11: Forums
12: Search
13: coppermine
14: coppermine
15: coppermine
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: coppermine
25: Search
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Forums
31: Home
32: coppermine
33: Home
34: Forums
35: Search
36: coppermine
37: Stories Archive
38: Home
39: Search
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: News
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Statistics
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: News
63: Home
64: Home
65: Home
66: Forums
67: Home
68: Home
69: Home
70: coppermine
71: coppermine
72: Stories Archive
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Private Messages
81: coppermine
82: Home
83: Home
84: Home
85: coppermine
86: News
87: Search
88: Home
89: Home
90: coppermine
91: coppermine
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Forums
97: Home
98: Stories Archive
99: Search
100: Stories Archive
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Forums
106: Home
107: Home
108: Your Account
109: Home
110: News
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: coppermine
117: coppermine
118: Home
119: Home
120: Search
121: Home
122: Home
123: Home
124: Stories Archive
125: News
126: coppermine
127: Search
128: Home
129: Home
130: Home
131: Your Account
132: coppermine
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Forums
138: Home
139: Home
140: coppermine
141: Home
142: Home
143: coppermine
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Forums
149: Search
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: coppermine
158: coppermine
159: Home
160: Home
161: Home
162: Stories Archive
163: Home
164: Search
165: coppermine
166: Forums
167: Home
168: Home
169: Home
170: News
171: coppermine
172: Your Account
173: Private Messages
174: coppermine
175: Home
176: coppermine
177: Home
178: Home
179: News
180: Home
181: Home
182: Stories Archive
183: Home
184: Home
185: News
186: Home
187: Home
188: coppermine
189: Home
190: Home
191: Home
192: Search
193: Home
194: Search
195: Home
196: coppermine
197: Home
198: Home
199: News
200: coppermine
201: Home
202: Forums
203: News
204: coppermine
205: Forums
206: coppermine
207: Home
208: Home
209: coppermine
210: Home
211: coppermine
212: Home
213: Home
214: Stories Archive
215: Home
216: coppermine
217: Home
218: News
219: Stories Archive
220: Home
221: News
222: Home
223: coppermine
224: Home
225: Home
226: Home
227: Stories Archive
228: Home
229: Home
230: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8987
  · Viste: 1912689
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Poesie d'autore I

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

Il 12 giugno del 1906 nacque Sandro Penna
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 12 giugno @ 14:59:54 CEST (46507 letture)
Poesie d'autore I


Sandro Penna (Perugia, 12 giugno 1906 – Roma, 21 gennaio 1977) è è considerato uno dei poeti più importanti del Novecento.




I suoi capolavori sono brevi, fulminanti versi «di sapienza oracolare, di lenta impronta epica» diceva Cesare Garboli. Pier Paolo Pasolini lo chiamava “ribelle assoluto” e lo paragonava a Rimbaud. Parlando di sé, Sandro Penna diceva di essere intriso da “una strana gioia di vivere anche nel dolore”. Era un poeta appartato e atipico rispetto alle linee dominanti della poesia novecentesca. Studiò in modo irregolare fino al diploma in ragioneria, e nel 1929 si trasferì a Roma, dove trascorrerà gran parte della sua vita, svolgendo lavori saltuari (dal commesso in libreria all’allibratore, dal commerciante di libri rari al correttore di bozze). Negli anni Trenta entrò in contatto con alcuni importanti intellettuali dell’epoca, tra cui Eugenio Montale, e collaborò con prestigiose riviste vicine all’Ermetismo come «Il Frontespizio» e «Letteratura». Nel 1939, grazie all’interessamento di Umberto Saba e Sergio Solmi, pubblicò a Firenze il suo primo libro, Poesie, e nel 1957 vincerà il Premio Viareggio con Le ceneri di Gramsci del carissimo amico Pier Paolo Pasolini. Seguono altre raccolte, tra cui Una strana gioia di vivere (1956) e Croce e delizia (1958). Nel 1970 esce un’edizione di Tutte le poesie che raccoglie la sua produzione con l’aggiunta di numerosi inediti. Penna, che in questi ultimi anni vive una discreta notorietà e un adeguato riconoscimento critico, ha sempre vissuto lontano dai circuiti letterari, “sempre gelosissimo della sua selvatica solitudine” 1, anche a causa della sua omosessualità, che ritorna in modo centrale nei suoi testi poetici. Sandro Penna muore in povertà a Roma nel 1977.

Le caratteristiche della poesia di Penna

La caratteristica più evidente della poesia di Penna consiste nella sua natura monotematica. Il tema unico della poesia di Penna è l’amore, cantato con costanza lungo tutta la sua produzione. Un amore rappresentato nella sua immediatezza e fisicità, lontano dalle implicazioni esistenziali e persino trascendenti tipiche di tanta poesia lirica. Più precisamente, tutte le poesie di Penna sembrano variazioni sullo stesso tema, il desiderio omoerotico, quasi sempre indirizzato verso ragazzi; si tratta di un tema quasi del tutto estraneo alla tradizione poetica e culturale del Novecento italiano e che può essere casomai collegato alla letteratura del mondo classico.



Felice chi è diverso
essendo egli diverso.
Ma guai a chi è diverso
essendo egli comune.

Leggi Tutto... | 3438 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Perchè mancavi
Postato da Grazia01 il Lunedì, 27 luglio @ 20:42:32 CEST (2786 letture)
Poesie d'autore I







Perchè mancavi



Perché mancavi, nelle lunghe sere
meditai la bestemmia insensata
che il mondo era uno sbaglio di Dio,
io uno sbaglio nel mondo.
E quando, davanti alla morte,
ho gridato di no da ogni fibra,
che non avevo ancora finito,
che troppo ancora dovevo fare,
era perché mi stavi davanti,
tu con me accanto, come oggi avviene,
un uomo una donna sotto il sole.
Sono tornato perché c’eri tu.

PRIMO LEVI


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Alì dagli Occhi Azzurri
Postato da Grazia01 il Venerdì, 24 aprile @ 19:34:46 CEST (6529 letture)
Poesie d'autore I









Alì dagli Occhi Azzurri


Alì dagli Occhi Azzurri
uno dei tanti figli di figli,
scenderà da Algeri, su navi
a vela e a remi.Saranno
con lui migliaia di uomini
coi corpicini e gli occhi
di poveri cani dei padri
sulle barche varate nei Regni della Fame. Porteranno con sè i bambini,
e il pane e il formaggio, nelle carte gialle del Lunedì di Pasqua.
Porteranno le nonne e gli asini, sulle triremi rubate ai porti coloniali.
Sbarcheranno a Crotone o a Palmi,
a milioni, vestiti di stracci
asiatici,e di camicie americane.
Subito i Calabresi diranno,
come da malandrini a malandrini:
" Ecco i vecchi fratelli,
coi figli e il pane e formaggio!"
Da Crotone o Palmi saliranno
a Napoli, e da lì a Barcellona,
a Salonicco e a Marsiglia,
nelle Città della Malavita.
Anime e angeli, topi e pidocchi,
col germe della Storia Antica
voleranno davanti alle willaye.



Essi sempre umili
essi sempre deboli
essi sempre timidi
essi sempre infimi
essi sempre colpevoli
essi sempre sudditi
essi sempre piccoli,
essi che non vollero mai sapere, essi che ebbero occhi solo per implorare,
essi che vissero come assassini sotto terra, essi che vissero come banditi
in fondo al mare, essi che vissero come pazzi in mezzo al cielo,
essi che si costruirono
leggi fuori dalla legge,
essi che si adattarono
a un mondo sotto il mondo
essi che credettero
in un Dio servo di Dio,
essi che cantavano
ai massacri dei re,
essi che ballavano
alle guerre borghesi,
essi che pregavano
alle lotte operaie...

Pier Paolo Pasolini


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Fiori, vi amo!
Postato da Malfatti il Giovedì, 06 marzo @ 14:30:16 CET (3022 letture)
Poesie d'autore I








Fiori, vi amo!
Senza di voi
la vita non
avrebbe colori.

La vostra
dolcezza
zucchera
l'amaro dei
giorni tristi.

La vostra
tenerezza
rende la vita
meno dura
e più allegra.

I vostri
profumi e
colori intensi
m'invadono
cuore e anima.

Fiori, vi amo!
senza di voi
il mondo
sarebbe ancor
più triste.


~Jean-Paul Malfatti



Fonte: Poesia


Fonte: Frase

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


RACCOLTA DI CHIOCCIOLE - di Giuseppe Bonaviri
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 settembre @ 19:41:08 CEST (3074 letture)
Poesie d'autore I






RACCOLTA DI CHIOCCIOLE

Dopo che piovve abbondantissimamente
sull'altopiano in sassi crisopazi
e cantò la civetta dall'albero millicucco,
i due ragazzi e le tre bambine
andarono in cerca - con lumelli
di luna nel paniere -
di chiocciole, lumachelle e grilli.
Orlando giovane paladino errante
addormentato nella casa
per la finestrella mandava fortissimo
lo scintillio delle armi. La madre
dei ragazzi per l'aperta campagna
già in sera pregava la terra
e l'onnipotente Dio Macone.


Giuseppe Bonaviri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Balcone di Maurizio Cucchi
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 14 settembre @ 19:26:03 CEST (3204 letture)
Poesie d'autore I






Balcone
Seduto come un vecchio sul balcone
guardavo con invidia le volate
e poi le ricopiavo sul pavimento rosso.
Lei, forse offesa per la mia luna, mi diceva:
"Non c'è la mamma, ma è per poco.
Sembra che qui sei sulle spine,
ma perché?"

Perché c'è un arco chiaro, un'ala enorme
che ci tocca dentro, e io divento
quest'abulia sospesa e questo guscio
pieno di fessure.


Maurizio Cucchi
Leggi Tutto... | 2115 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il rogo dei libri di Bertolt Brecht
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 settembre @ 09:18:52 CEST (4868 letture)
Poesie d'autore I





Il rogo dei libri



Quando il regime ordinò che in pubblico fossero arsi
i libri di contenuto malefico e per ogni dove
furono i buoi costretti a trascinare
ai roghi carri di libri, un poeta scoprì
- uno di quelli al bando, uno dei meglio - l'elenco
studiando degli inceneriti, sgomento, che i suoi
libri erano stati dimenticati. Corse
al suo scrittoio, alato d'ira
e scrisse ai potenti una lettera.
Bruciatemi!, scrisse di volo, bruciatemi!
Questo torto non fatemelo! Non lasciatemi fuori! Che forse
la verità non l'ho sempre, nei libri miei, dichiarata? E ora voi
mi trattate come fossi un mentitore! Vi comando:
bruciatemi!


Bertolt Brecht
(trad. di F.Fortini)



Purtroppo la storia dei libri messi all'indice anche senza il rogo, continua, a gennaio se ne parlò ma non fu diffusa la notizia in televisione (ad eccezione forse del Tg3) e poco se ne è parlato sulla carta stampata, non ne sò molto di più per cui mi astengo dal commentare oltre, solo mi pare ormai evidente che in questo paese sia in atto la sistematica censura di quelle voci che si levano contro "il potere".
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Io scrivo di Orhan Pamuk
Postato da Grazia01 il Venerdì, 09 settembre @ 08:32:38 CEST (3750 letture)
Poesie d'autore I


Io scrivo



Io scrivo perché sento il bisogno innato di scrivere!
Scrivo perché non posso fare un lavoro normale, come gli altri.
Scrivo perché voglio leggere libri come quelli che scrivo.
Scrivo perché ce l’ho con voi, con tutti.
Scrivo perché mi piace star seduto in una stanza a scrivere tutto il giorno.
Scrivo perché posso sopportare la realtà soltanto trasformandola.[/
Scrivo perché tutto il mondo conosca il genere di vita che abbiamo vissuto,
che viviamo io, gli altri, tutti noi a Istambul, in Turchia.
Leggi Tutto... | 2462 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La memoria dei bambini di Silvio Ramat
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 settembre @ 16:33:54 CEST (3173 letture)
Poesie d'autore I







La memoria dei bambini


La memoria dei bambini,
finch'è intera, trattiene fotogrammi
che in un anno o anche meno, sotto l'ombra
della vita, saranno puro oblio.
Leggi Tutto... | 841 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Lode della dialettica di Bertolt Brecht
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 settembre @ 12:24:45 CEST (3210 letture)
Poesie d'autore I








Lode della dialettica


L'ingiustizia oggi cammina con passo sicuro.
Gli oppressori si fondano su diecimila anni.
La violenza garantisce: Com'è, così resterà.
Nessuna voce risuona tranne la voce di chi comanda
e sui mercati lo sfruttamento dice alto: solo ora io comincio.
Ma fra gli oppressi molti dicono ora:
quel che vogliamo, non verrà mai.
Leggi Tutto... | 565 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Valfrancesca di Bonaviri
Postato da Grazia01 il Martedì, 16 agosto @ 21:40:46 CEST (3187 letture)
Poesie d'autore I



Valfrancesca

Camminavamo lungo le acque verdi del Liri,
fra gli arbusti bassi e i ciottoli levigati
su cui saltavano le rane.
Tu mi indicavi una donna che lavava
curva in una insenatura scintillante
e non sentivi che il tuo giovane cuore di donna
alitava sui pioppi dalle molte foglie e sull’erba dei prati.
Ci tenevamo per mano e in una radura
in cui cresceva solo qualche macchia di rovo
vedemmo una grande ruota
che con le sue palette apriva l’acqua
in un ventaglio di piccole onde
con un giro perenne di morte e di vita.
Tu mi dicesti: “Bello”
e restasti chiusa nella tua contemplazione d’amore
e non vedesti che sulla superficie uguale del fiume
si levavano gli uccelli della sera
che cantavano un loro cupo triste canto.


Giuseppe Bonaviri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IO VIVERE VORREI ADDORMENTATO
Postato da Grazia01 il Martedì, 21 giugno @ 08:17:07 CEST (3949 letture)
Poesie d'autore I






IO VIVERE VORREI ADDORMENTATO

Io vivere vorrei addormentato
entro il dolce rumore della vita.

Sandro Penna



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


TRAMONTO
Postato da Anonimo il Sabato, 15 gennaio @ 14:30:42 CET (3333 letture)
Poesie d'autore I






TRAMONTO


E, con l’ultima
carezza,
il sole accecò
il mare!


ROCCO GIUSEPPE TASSONE - GIOIA TAURO

POESIA VINCITRICE DI MOLTI CONCORSI LETTERARI
TRA CUI ANASSILAOS E PAGINE RIBELLI

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Cammino fra polveri e macerie di Pebbe Costa
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 23 giugno @ 18:35:34 CEST (3390 letture)
Poesie d'autore I



Cammino fra polveri e macerie



Cammino fra polveri e macerie
guardo colori e braci
affascinato e stordito
cerco di capire cosa accada


Leggi Tutto... | 509 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A Pier Paolo Pasolini
Postato da Grazia01 il Giovedì, 30 ottobre @ 21:51:12 CET (3274 letture)
Poesie d'autore I Ieri ho postato una famosa poesia di Pasolini oggi posto una poesia dedicata a lui
da una poetessa dalla vita travagliata come la sua
Amelia Rosselli





A Pier Paolo Pasolini
da Pagine corsare"


E posso trasfigurarti,
passarti ad un altro
sino a quell’altare
della Patria che tu chiamasti
puro…
Leggi Tutto... | 953 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


UNO DEI TANTI EPILOGHI - Pier Paolo Pasolini
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 ottobre @ 16:10:46 CET (3363 letture)
Poesie d'autore I



UNO DEI TANTI EPILOGHI

Ohi, Ninarieddo, ti ricordi di quel sogno ...
di cui abbiamo parlato tante volte ...
lo ero in macchina, e partivo solo, col sedile
vuoto accanto a me, e tu mi correvi dietro;

Leggi Tutto... | 1618 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Tempo di Rosita Copioli
Postato da Antonio02 il Mercoledì, 01 ottobre @ 19:04:16 CEST (3923 letture)
Poesie d'autore I Tempo

Tempo, tempo, non mi lasciare
con le mani vuote, tu che sei


Leggi Tutto... | 493 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Piccola stanza di Eros Olivotto
Postato da Grazia01 il Martedì, 06 maggio @ 21:55:49 CEST (3624 letture)
Poesie d'autore I Piccola stanza



Quando mi chiederai una poesia,
nella piccola stanza dove noi
leggiamo, a volte per ore, senza


Leggi Tutto... | 302 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.5


Danzerò per te di Elena Gastaldi
Postato da Grazia01 il Martedì, 15 aprile @ 09:01:36 CEST (3434 letture)
Poesie d'autore I Danzerò per te

Danzerò per te,
come oggi la pioggia danza sulla terra
e la rende fertile.


Leggi Tutto... | 1143 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un avanzo di civiltà industriale di Margherita Guidacci
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 09 aprile @ 20:42:32 CEST (3207 letture)
Poesie d'autore I

Un avanzo di civiltà industriale

L'acqua bassa vicina alla riva
dove galleggiano
legni marci uniti ad angoli strani
da chiodi rugginosi
e dove si rovesciano i rifiuti
Leggi Tutto... | 1841 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La voce a te dovuta di Pedro Salinas
Postato da Antonio il Giovedì, 10 gennaio @ 14:02:54 CET (3246 letture)
Poesie d'autore I La voce a te dovuta
di Pedro Salinas

Se mi chiamassi, sì,
se mi chiamassi.
Io lascerei tutto,
tutto io getterei:


Leggi Tutto... | 603 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


Dopo la festa di S. Marsak
Postato da Antonio il Mercoledì, 26 dicembre @ 16:03:59 CET (3417 letture)
Poesie d'autore I

Dopo la festa
di S. Marsak

L'abete si rannuvola. Fa buio.
Le fiammelle scoppiettano spegnendosi,
e un altro abete attraverso la brina
guarda nella finestra il giardino nevoso.
Leggi Tutto... | 287 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IMPRESSION DU MATIN di OSCAR WILDE
Postato da Grazia01 il Domenica, 25 marzo @ 23:32:07 CEST (4227 letture)
Poesie d'autore I

Il notturno del fiume azzurro e oro
Si tramutò in armonia di grigio;
Un barcone di fieno color ocra
Si staccò dalla riva: fredda e muta

La nebbia gialla dilagò strisciando
Dai ponti, sin che i muri delle case
Parvero divenire ombre, e San Paolo
Enorme bolla sopra la città.
Leggi Tutto... | 385 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4


VIAGGIATORE D'OMBRA di Dario Bellezza
Postato da Grazia01 il Sabato, 24 marzo @ 13:58:01 CET (3324 letture)
Poesie d'autore I

Dura legge sapere che niente
potrà consolare il niente assoluto
che ci divora lontano dal mare,
nelle sabbie ardenti, o nell'acque
sospirose di una fontana fresca
e salutare. Niente, dirò,
fra pietre immemoriali
che laggiu, nella passeggiata
mattutina, sedendomi
su uno scalino
di una scala lunga
come quella di Giacobbe
guardo.
Leggi Tutto... | 308 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ritorna di André François Villon
Postato da Grazia01 il Giovedì, 22 marzo @ 14:48:46 CET (3447 letture)
Poesie d'autore I

Ritorna
ritorna almeno
una volta
con quella luce di Venezia
negli occhi.

Ritorna
solo una volta ancora
senza parole
soltanto con la tenerezza
che accese quel fuoco
devastante.

Ritorna
non per testimoniare
la mia esistenza bruciata!

Ritorna
non per vendetta
ma per portare sollievo
al dolore brutale
del tuo abbandono.


André François Villon
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Frutti dell'attesa di Ugo Ronfani
Postato da Grazia01 il Giovedì, 22 marzo @ 14:34:51 CET (3375 letture)
Poesie d'autore I

Ti vedo minuscola, forte e lontana
stagliata in un blocco di vento, polena
dai capelli d'alghe e guance di luna.
È di madreperla la notte, di questi tremori
che increspano il tempo: frutti dell'attesa
nel giardino d'inverno del nostro amore
dove l'albero piu fragile è protetto dal gelo.
Leggi Tutto... | 779 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Se per un istante - Gabriel Garcia Marquez
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 07 giugno @ 08:16:14 CEST (5706 letture)
Poesie d'autore I Se per un istante Dio si dimenticherà che sono una marionetta di
stoffa e mi regalerà un pezzo di vita,
probabilmente non direi tutto quello che penso,
ma in definitiva penserei tutto quello che dico. Darei valore alle
cose, non per quello che valgono, ma per quello che significano.

Dormirei poco, sognerei di più, andrei quando gli altri si fermano,
starei sveglio quando gli altri dormono, ascolterei quando gli altri
parlano e come gusterei un buon gelato al cioccolato!!

Se Dio mi regalasse un pezzo di vita, vestirei semplicemente,
mi sdraierei al sole lasciando scoperto non solamente il mio corpo
ma anche la mia anima.
Dio mio, se io avessi un cuore, scriverei il
mio odio sul ghiaccio e aspetterei che si sciogliesse al sole.

Dipingerei con un sogno di Van Gogh sopra le stelle un poema di
Benedetti e una canzone di Serrat sarebbe la serenata
che offrirei alla luna.
Irrigherei con le mie lacrime le rose, per sentire il dolore delle
loro spine e il carnoso bacio dei loro petali.

Dio mio, se io avessi un pezzo di vita non lascerei passare un solo
giorno senza dire alla gente che amo, che la amo.
Convincerei tutti gli uomini e le donne che sono i miei favoriti e
vivrei innamorato dell'amore.

Agli uomini proverei quanto sbagliano al pensare che smettono
di innamorarsi quando invecchiano,
senza sapere che invecchiano quando
smettono di innamorarsi.
A un bambino gli darei le ali,
ma lascerei che imparasse a volare da solo.

Agli anziani insegnerei che la morte non arriva con la vecchiaia ma
con la dimenticanza. Tante cose ho imparato da voi, gli Uomini!
Ho imparato che tutto il mondo ama vivere sulla cima della montagna,
senza sapere che la vera felicità sta nel risalire la scarpata.
Ho imparato che quando un neonato stringe con il suo piccolo
pugno, per la prima volta, il dito di suo padre,
lo tiene stretto per sempre.

Ho imparato che un uomo ha il diritto di guardarne un altro
dall'alto al basso solamente quando deve aiutarlo ad alzarsi.
Sono tante le cose che ho potuto imparare da voi, ma realmente, non
mi serviranno a molto, perché quando mi metteranno dentro quella
valigia, infelicemente starò morendo.
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Ho sognato di volare - Dacia Maraini
Postato da Grazia01 il Martedì, 25 aprile @ 16:37:18 CEST (12854 letture)
Poesie d'autore I

Ho sognato di volare
tante volte in una
una volta in tante,
leggera sopra i tetti
con un sospiro di gioia nera
posandomi sui cornicioni
seduta in bilico su un comignolo
quanto quanto quanto
ho camminato sulle vie
ariose dell'orizzonte
fra nuvole salate e raggi di sole
un gabbiano dal becco aguzzo
un passero dalle piume amare
erano le sole compagnie
di una coscienza addormentata
vorrei saper volare
ancora in sogno ancora,
come una rondine,
da una tegola all'altra
e poi sputare sulle teste
dei passanti e ridere
della loro sorpresa, piove?
O sono lacrime di un Dio ammalato?
Volo ancora, ma nelle tregue del sonno
il piede non più leggero
scivola via, una mano si aggrappa
alla grondaia che scappa
vorrei volando volare
e riempire di allegrie
le spine del buio.

Dacia Maraini
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 4.44


I miei giorni - Dacia Maraini
Postato da Antonio il Giovedì, 13 aprile @ 19:15:07 CEST (3732 letture)
Poesie d'autore I

I miei giorni
color delle ortensie
sotto portici ombrosi
e terrazze di lino,
ho a lungo abitato
dalle parti della desolazione
ora mi par di mangiare chicchi d'uva
troppo dolce rubandola alle vespe
torno a cercare quelle ombre
e trovo solo delle brillanti fotografie.

Dacia Maraini
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Se amando troppo - Dacia Maraini
Postato da Antonio il Giovedì, 13 aprile @ 18:54:16 CEST (5735 letture)
Poesie d'autore I

Se amando troppo
si finisce
per non amare affatto
io dico che
l'amore è una amara finzione
quegli occhi a vela
che vanno e vanno
su onde di latte
casa si nasconde mio Dio
dietro quelle palpebre azzurre
un pensiero di fuga
un progetto di sfida
una decisione di possesso?
La nave dalle vele nere
gira ora verso occidente
corre su onde di schiuma
fra ricci di neve
e gabbiani affamati
so già che su quel ponte
lascerò la scarpa, un dente
e buona parte di me.

Dacia Maraini
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il cuore mi batte troppo forte [ 0 commenti - 56 letture ]
 L'ombra [ 0 commenti - 17 letture ]
 La rabbia senza l'orgoglio [ 0 commenti - 37 letture ]
 La vita al tempo del covid 19 [ 0 commenti - 41 letture ]
 INFANZIA LONTANA [ 0 commenti - 23 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 18
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy