Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 769
Totale: 769
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Your Account
03: Home
04: News
05: Statistics
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: coppermine
19: Stories Archive
20: News
21: Forums
22: Home
23: Stories Archive
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: coppermine
30: Home
31: Forums
32: News
33: Home
34: Home
35: Home
36: Forums
37: Home
38: Home
39: Home
40: Search
41: Home
42: Home
43: Your Account
44: Home
45: Home
46: Home
47: coppermine
48: Home
49: coppermine
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Forums
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: coppermine
60: Home
61: coppermine
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: coppermine
76: News
77: Home
78: Home
79: Home
80: Forums
81: Home
82: News
83: Home
84: Home
85: coppermine
86: Home
87: Stories Archive
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Forums
93: coppermine
94: Home
95: Home
96: Home
97: coppermine
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: Home
102: Your Account
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Forums
108: Home
109: coppermine
110: Home
111: Home
112: Forums
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: coppermine
121: Home
122: Stories Archive
123: Home
124: coppermine
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: News
132: Home
133: Forums
134: Home
135: Home
136: coppermine
137: Home
138: Search
139: Home
140: Home
141: coppermine
142: Home
143: Home
144: Home
145: Forums
146: coppermine
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Search
156: Home
157: Search
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: coppermine
170: Home
171: coppermine
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: coppermine
177: Forums
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: News
190: Home
191: Forums
192: Home
193: Home
194: Home
195: Stories Archive
196: Home
197: coppermine
198: Forums
199: coppermine
200: Home
201: Home
202: coppermine
203: Home
204: Home
205: Stories Archive
206: Search
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: News
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Forums
217: Home
218: News
219: News
220: Forums
221: coppermine
222: Home
223: Home
224: coppermine
225: coppermine
226: Home
227: coppermine
228: Home
229: Home
230: coppermine
231: Home
232: Home
233: News
234: coppermine
235: Stories Archive
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: coppermine
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: coppermine
248: Home
249: Home
250: Home
251: Stories Archive
252: Stories Archive
253: Home
254: coppermine
255: Home
256: Home
257: Home
258: coppermine
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: coppermine
268: News
269: coppermine
270: Home
271: coppermine
272: coppermine
273: Home
274: Home
275: Home
276: Home
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: coppermine
286: Home
287: coppermine
288: Home
289: Home
290: Stories Archive
291: Home
292: Home
293: News
294: Home
295: Home
296: coppermine
297: Home
298: Home
299: coppermine
300: Home
301: coppermine
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: News
308: Home
309: Home
310: Home
311: News
312: Home
313: coppermine
314: Home
315: Home
316: Home
317: Home
318: Home
319: Home
320: Home
321: News
322: Home
323: Forums
324: Home
325: coppermine
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: News
337: Home
338: Home
339: Home
340: Home
341: Home
342: Forums
343: Home
344: Home
345: Home
346: News
347: Home
348: Home
349: Home
350: Home
351: Home
352: Home
353: Home
354: Home
355: coppermine
356: Stories Archive
357: Home
358: Home
359: Home
360: Home
361: coppermine
362: Home
363: Home
364: coppermine
365: Home
366: Home
367: Home
368: coppermine
369: Home
370: Home
371: Forums
372: Home
373: Home
374: Home
375: Stories Archive
376: coppermine
377: Home
378: coppermine
379: Home
380: Home
381: Home
382: Home
383: Home
384: Home
385: Your Account
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: News
391: Forums
392: coppermine
393: coppermine
394: Home
395: Home
396: Home
397: Home
398: Home
399: Home
400: Home
401: Home
402: Home
403: Home
404: Home
405: Home
406: Home
407: Home
408: Home
409: Home
410: Home
411: Home
412: Home
413: Home
414: Home
415: Home
416: Home
417: Home
418: coppermine
419: News
420: Home
421: Home
422: Home
423: coppermine
424: Home
425: Home
426: Home
427: Home
428: Home
429: Home
430: Home
431: News
432: coppermine
433: Home
434: Home
435: Home
436: Home
437: Home
438: Forums
439: Home
440: Search
441: coppermine
442: Forums
443: Home
444: Home
445: Home
446: Home
447: Home
448: Home
449: Home
450: Home
451: Home
452: Home
453: Home
454: Home
455: Home
456: Search
457: Home
458: Home
459: coppermine
460: Home
461: Home
462: Home
463: Home
464: News
465: Stories Archive
466: Home
467: Home
468: Home
469: Forums
470: Home
471: Home
472: Home
473: coppermine
474: Home
475: Home
476: Home
477: Home
478: coppermine
479: Home
480: Home
481: Home
482: Home
483: Forums
484: News
485: Home
486: Home
487: Home
488: Home
489: Home
490: Home
491: News
492: coppermine
493: Home
494: coppermine
495: coppermine
496: Home
497: Home
498: Forums
499: Home
500: Home
501: Home
502: Your Account
503: Home
504: Home
505: Home
506: Home
507: News
508: Home
509: Home
510: Home
511: Home
512: Home
513: Home
514: Home
515: coppermine
516: Search
517: Home
518: Home
519: Your Account
520: Home
521: Stories Archive
522: coppermine
523: Home
524: Search
525: Home
526: Home
527: Home
528: Home
529: Home
530: Home
531: Home
532: Home
533: Home
534: Home
535: Home
536: coppermine
537: Topics
538: Home
539: News
540: Home
541: Home
542: Statistics
543: Home
544: Home
545: Stories Archive
546: Home
547: Stories Archive
548: Your Account
549: Home
550: News
551: Home
552: Home
553: Home
554: News
555: coppermine
556: Home
557: Home
558: Home
559: Home
560: coppermine
561: Home
562: Home
563: Home
564: Home
565: coppermine
566: coppermine
567: Home
568: Your Account
569: Home
570: Home
571: Home
572: Home
573: Home
574: Home
575: Home
576: Home
577: Home
578: Home
579: Home
580: Home
581: Home
582: Search
583: Home
584: Home
585: Home
586: Stories Archive
587: Home
588: coppermine
589: Home
590: Home
591: Home
592: Home
593: Home
594: Home
595: Home
596: coppermine
597: Home
598: Home
599: coppermine
600: Home
601: Home
602: Search
603: Your Account
604: Home
605: Home
606: coppermine
607: Home
608: Home
609: Home
610: Home
611: Home
612: Home
613: Home
614: Search
615: Home
616: coppermine
617: Home
618: Forums
619: Home
620: Home
621: Home
622: News
623: Home
624: News
625: News
626: Home
627: Home
628: coppermine
629: Home
630: Stories Archive
631: Forums
632: Home
633: Home
634: Search
635: Stories Archive
636: Home
637: Home
638: coppermine
639: Home
640: Home
641: coppermine
642: News
643: Home
644: Home
645: Home
646: Home
647: Home
648: coppermine
649: Home
650: Home
651: Home
652: coppermine
653: Search
654: Home
655: Home
656: Home
657: Home
658: Home
659: Home
660: Search
661: Home
662: Home
663: Home
664: coppermine
665: Home
666: Home
667: Home
668: Home
669: Home
670: Home
671: Search
672: Home
673: Home
674: Home
675: Home
676: Home
677: Statistics
678: News
679: Stories Archive
680: Home
681: coppermine
682: Home
683: Home
684: Home
685: Home
686: Forums
687: Home
688: Search
689: Home
690: Home
691: Home
692: Home
693: Home
694: coppermine
695: Home
696: Home
697: coppermine
698: Home
699: Home
700: Home
701: Home
702: Stories Archive
703: Home
704: Home
705: Home
706: Home
707: coppermine
708: coppermine
709: Home
710: coppermine
711: Home
712: Home
713: Home
714: Home
715: Home
716: Home
717: Home
718: News
719: Home
720: Home
721: Home
722: coppermine
723: Surveys
724: Home
725: Home
726: Home
727: Home
728: Home
729: Home
730: Home
731: Stories Archive
732: News
733: Home
734: Stories Archive
735: coppermine
736: coppermine
737: Home
738: Home
739: Home
740: News
741: Home
742: Home
743: Topics
744: News
745: Home
746: Home
747: Home
748: coppermine
749: Home
750: Home
751: Home
752: Home
753: coppermine
754: coppermine
755: Home
756: Home
757: Home
758: coppermine
759: Home
760: coppermine
761: Home
762: coppermine
763: Home
764: Home
765: coppermine
766: Home
767: News
768: News
769: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9013
  · Viste: 1924030
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Benvenuti in Casatea.com
Postato da Antonio il Sabato, 11 marzo @ 14:34:11 CET (68123 letture)
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il campanile di Curon
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 03 marzo @ 18:40:41 CET (8 letture)
Un pensiero al giorno
Il campanile di Curon o campanile di Resia, la cui base è sommersa dalle acque, è situato nel lago di Resia, in Val Venosta, in Alto Adige.
Il lago di origine artificiale ha sommerso diverse abitazioni, risparmiando il campanile medievale, risalente al 1300 circa.
Tutto questo accadde nel 1950 nonostante gli abitanti fossero contrari.
Il campanile di Curon è diventato la particolarità del lago che attira ogni anno numerosi turisti, fotografi e instagramer.
Si narra che la notte d’inverno sia possibile ancora ascoltare il suono delle campane ormai perdute.
Con le temperature rigide il lago di Curon si ghiaccia ed è possibile raggiungere il campanile a piedi.


Leggi Tutto... | 792 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


In riva al mare
Postato da Grazia01 il Martedì, 23 febbraio @ 19:06:33 CET (9 letture)
Un pensiero al giorno

E' uno scienziato, medico, filosofo, alchimista del quattrocento, Paracelso, che ci spiega perché adoriamo stare in riva al mare.
“Il luogo dove vi è più energia al mondo è quello dove l’elemento acqua si unisce all’elemento terra.
In riva al mare, al Sole, dove anche l’elemento fuoco è presente, l’energia è ancora maggiore. A cui si unisce la forza dell’aria, data dal vento”.
Insomma la riva del mare come il luogo dove si concentrano i 4 elementi del mondo.


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


I miei figli dimenticheranno
Postato da Grazia01 il Domenica, 21 febbraio @ 16:32:34 CET (24 letture)
Riflessioni III

Il tempo è un animale strano. Somiglia a un gatto, fa come gli pare. Ti guarda sornione e indifferente, scappa via quando lo implori di fermarsi e rimane immobile se pure lo preghi, per favore, di andare. A volte ti azzanna mentre fa le fusa, oppure ti raspa con la sua lingua ruvida. Ti graffia mentre ti sta baciando. Il tempo, piano piano, mi solleverà dalla fatica estenuante di avere dei figli piccoli. Dalle notti senza sonno e dai giorni senza requie. Dalle mani grassocce che ininterrottamente si aggrappano, mi scalano, mi tirano, mi frugano senza ritegno e senza remore. Dal peso che riempie le mie braccia e piega la mia schiena. Dalle voci che mi chiamano e non ammettono ritardi, attese, esitazioni.
Leggi Tutto... | 2842 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La triaca
Postato da Grazia01 il Domenica, 21 febbraio @ 10:46:41 CET (13 letture)
Scienze
In attesa dei vaccini, per il virus si potrebbe tornare al farmaco più famoso di tutti i tempi: la triaca (o terìaca) dal greco θηριακή thēriakḗ, cioè antidoto, oppure secondo alcuni dal sanscrito táraca dove tár significa "salva".
E' un preparato farmaceutico dalle supposte virtù miracolose di origine antichissima. Sebbene con molte variazioni di ricetta, questo elettuario è stato utilizzato per secoli, addirittura fino all'inizio del XX secolo. Secondo la terminologia in uso attualmente, la Teriaca dovrebbe definirsi un "polifarmaco”, forse il primo e più antico: è capace di combattere i “veleni” prodotti nell’organismo umano dalle malattie , di alleviare i “fastidi” dello stomaco, della testa, della vista, dell’udito, di conciliare il sonno, di rinvigorire e allungare la vita. Probabilmente i Romani la ripresero partendo dall'antidoto universale di Mitridate.





Particolare della bottega di uno speziale, un affresco del castello di Issogne (Valle d'Aosta)
Leggi Tutto... | 1812 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Quando la tempesta sarà finita
Postato da Grazia01 il Martedì, 16 febbraio @ 20:12:02 CET (16 letture)
Un pensiero al giorno


Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu
come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo.
Anzi non sarai neanche sicuro che sia finita per davvero.
Ma su un punto non c'è dubbio.
Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai più lo stesso che vi è entrato.

Kafka

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Scegli di avvicinarti a quelli che cantano
Postato da Grazia01 il Martedì, 16 febbraio @ 10:33:46 CET (25 letture)
Un pensiero al giorno


Scegli di avvicinarti a quelli che cantano,
raccontano storie, si godono la vita e hanno
la gioia negli occhi. Perchè la gioia è contagiosa.

P.Coelho
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ho lavorato nel “Palazzo”
Postato da Grazia01 il Lunedì, 15 febbraio @ 18:54:08 CET (18 letture)
Un pensiero al giorno
Ho lavorato nel “Palazzo”, occupando la “poltrona” più importante. Ma tra i corridoi e gli uffici di Palazzo Chigi, anche alla fine delle giornate più dure e dopo le scelte più gravose, ho sempre avvertito l’orgoglio, l'onore e la responsabilità di rappresentare l'Italia.
Sono grato a Voi cittadini per il sostegno e l'affetto, che ho avvertito forti e sinceri in questi due anni e mezzo. Ma vi sono grato anche per le critiche ricevute: mi hanno aiutato a migliorare, rendendo più ponderate le mie valutazioni e più efficaci le mie azioni.



Leggi Tutto... | 2082 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il nostro gioco del calcio
Postato da Paolo il Mercoledì, 13 gennaio @ 18:57:08 CET (38 letture)
Le opere di Paolo III
"Secondo le disposizioni di resa che abbiamo imposto alla città di Atene, ora ne inizieremo la demolizione delle mura"
(Dall'inizio del film "Socrate" di Roberto Rossellini, 1970)
Il nostro gioco del calcio comprende il periodo degli studi liceali a Genova, all'Istituto Arecco, negli anni '70.


Leggi Tutto... | 2332 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Poesie di Giuseppe Conte
Postato da Grazia01 il Venerdì, 18 dicembre @ 19:56:29 CET (50 letture)
Ricerche d'autore

Un giorno se mi leggerà

Un giorno se mi leggerà il lettore del
terzo millennio, saprà che c’erano gli
alberi e i desideri, le palme e i pini, e gli
eucalipti dalle foglie a quarto di luna, e le
rose: chi non voleva più soffrire, e chi
voleva amare tutto, chi di se
stesso faceva dono e dei poemi
violenti e lontani erano, semplice e
deboli.




Leggi Tutto... | 14626 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Poesie di Andrea Zanzotto
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 16 dicembre @ 19:45:42 CET (33 letture)
Ricerche d'autore





Medusa in un freddo luglio


Carissima coetanea,
già brillante beltà,
eri nitida anziana
fin poco tempo fa.
È giunto poi l'alzaimer
a trasformarti in smalto.

Ma ieri, mentre un poco
di sole, in meteogioco
scintillò su nell' alto,
qualcuno ricordò:
«Domani si fa festa
è il 14/7!»
e la tua voce estrania
d'improvviso intonò
«Allons enfants de la patrie»;
cantammo insieme a te
e più versi che i nostri
la tua vivida gola partorì.

Allons enfants - affrettati o vittoria
su un carro d'astrociti e di neuroni,
rifiorisci memoria
su tutte le tue dannazioni.



Stanza immaginata o intravista

Raggi d’emblema e – santificato – incipiente autunno
Lesività combinate, fattive
ma ributtate da sempre, e uscite
in vero, altissimo silenzio!
Lampada accesa ogni oggetto s’illustra
Per una divina desuetudine
E prepotenza,
nessun tempo è mai passato
ogni tempo – unicamente – verrà
Nulla in più da attendere, da nessun
clivo o frattura
da nessuna memoria né semenza
Là sta l’idea, consistenza, renitenza
Là fu, mai fu, là – unicamente – accogliere .

Leggi Tutto... | 3927 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Se ne vanno
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 novembre @ 20:21:11 CET (31 letture)
Un pensiero al giorno





Se ne vanno. Mesti, silenziosi, come magari è stata umile e silenziosa la loro vita, fatta di lavoro, di sacrifici.
Se ne va una generazione, quella che ha visto la guerra, ne ha sentito l’odore e le privazioni, tra la fuga in un rifugio antiaereo e la bramosa ricerca di qualcosa per sfamarsi.
Se ne vanno mani indurite dai calli, visi segnati da rughe profonde, memorie di giornate passate sotto il sole cocente o il freddo pungente. Mani che hanno spostato macerie, impastato cemento, piegato ferro, in canottiera e cappello di carta di giornale.
Se ne vanno quelli della Lambretta, della Fiat 500 o 600, dei primi frigoriferi, della televisione in bianco e nero.
Ci lasciano, avvolti in un lenzuolo, come Cristo nel sudario, quelli del boom economico che con il sudore hanno ricostruito questa nostra nazione, regalandoci quel benessere di cui abbiamo impunemente approfittato.
Se ne va l’esperienza, la comprensione, la pazienza, la resilienza, il rispetto, pregi oramai dimenticati.
Se ne vanno senza una carezza, senza che nessuno gli stringesse la mano, senza neanche un ultimo bacio.
Se ne vanno i nonni, memoria storica del nostro Paese, patrimonio dell'intera umanità.
L’Italia intera deve dirvi GRAZIE e accompagnarvi in quest’ultimo viaggio con 60 milioni di carezze.
( Fulvio Marcellitti)

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Via Domiziana
Postato da Paolo il Martedì, 06 ottobre @ 08:32:16 CEST (55 letture)
Le opere di Paolo III
L'amico Gino Versetti è regista e, di lui, ho visto tre cortometraggi: “L'ora letale”, “Le recluse” (rinvenibile su Youtube) e “Uno di noi”. Nell'ultimo, recita anche in una piccola parte. Ispirato dalla sua attività, ho abbozzato la seguente sceneggiatura della quale un amico psichiatra ha abbozzato un'interpretazione. Tuttavia, il lettore si faccia la sua idea.


Leggi Tutto... | 921 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il cuore mi batte troppo forte
Postato da Grazia01 il Giovedì, 25 giugno @ 17:36:31 CEST (160 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI




Il cuore mi batte troppo forte
non ho paura della morte
ho paura della paura
quel ragno che mi avvolge
m'imprigiona la mente
intorno vedo il caos
nella mancanza di coerenza
nella gente senza pazienza
nel vociare nei rumori.
Per difendermi mi spengo
troppo a lungo troppo spesso
senza lotta senza rabbia
senza orgoglio ne vigore.

Sono un misero vaso vuoto
una foglia che trema al vento.
Senza nessuna dignità, ma tento.


Grazia

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ombra
Postato da triskell il Mercoledì, 17 giugno @ 18:47:47 CEST (68 letture)
Le poesie e i racconti di *Triskell* IV
Io non c'entro nulla.
Il mio corpo non è che
dimora di demoni e dei.


*Triskell*



Leggi Tutto... | 147 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La rabbia senza l'orgoglio
Postato da Grazia01 il Domenica, 14 giugno @ 16:37:13 CEST (120 letture)
Un pensiero al giorno




In questi giorni guardando la pioggia scrosciante durante i tanti temporali ho pensato che sarebbe stato bello se tutta quell'acqua invece di fare danni potesse pulire tutto, questo virus che non ci dà pace, ma non solo, dovrebbe cancellare tutte le cattiverie, le disonestà, le infamità, che anche in questo periodo sono state commesse. Come in tutti i disastri ci sono quelli che ne approfittano, giocando sulla pelle degli altri senza coscienza e senza pietà. Questo virus oltre ad uccidere una generazione di nonni, tra immani sofferenze e soli, ha creato ancora più poveri, quelli che già lo erano sono allo stremo, e ce ne sono di nuovi.
E c'è chi ha speculato, sulle mascherine, sui dispositivi sanitari per medici e infermieri, su presidi necessari a salvare vite, sui tamponi su tutto quello che permetteva di lucrare.
Ed è inutile chiedersi se questi hanno una coscienza, loro si vantano di essere furbi, "o approfitti delle occasioni o sei un perdente", così pensano e se ne vantano e se la ridono come successe nei dopo terremoti.
Non so se qualcuno di voi guarda il programma televisivo Report, io lo seguo da quando c'era la Gabanelli, ma ogni volta mi arrabbio perché se solo fosse vera la metà di quello che dicono, ci sarebbe da fare una rivoluzione, invece no, tutti zitti, tutti sereni. Quelli che hanno in mano il potere, fingono di litigare ma poi si danno man forte. Il mondo va così, alcuni mi dicono che è sempre stato così. Allora non siamo una Democrazia, siamo il paese dei campanelli.

Grazia
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La vita al tempo del covid 19
Postato da Grazia01 il Venerdì, 12 giugno @ 18:42:04 CEST (104 letture)
Un pensiero al giorno
Gli interminabili 69 giorni del lockdown. Una storia infinita o manca solo il finale?
Il 9 marzo e il 18 maggio 2020 sono due date che ritroveremo nei libri di storia e rimarranno un ricordo indelebile nella nostra mente

E’ la sera del 9 marzo e Giuseppe Conte annuncia agli italiani che “purtroppo tempo non ce n’è”. Troppi malati, troppi morti. Perciò dal 10 marzo, un nuovo decreto e lockdown. Parola dal suono duro per dire che il Paese si chiude e si ferma, tranne i servizi essenziali. Il giorno dopo l’Organizzazione mondiale della sanità sentenzia: è pandemia. L’Italia sceglie una doppia quarantena forzata fino al 3 aprile, poi estesa al 13. Ma questa emergenza, raccontata con numeri e grafici inizia molto prima. Per il mondo e per chi ha seguito da subito la diffusione del virus, la prima mappa che ha provato a tracciare il virus che da lì a breve avrebbe investito tutto il mondo arriva da una università americana con sede a Baltimora, Maryland.


Leggi Tutto... | 9179 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


INFANZIA LONTANA
Postato da claudiocisco il Mercoledì, 20 maggio @ 09:37:28 CEST (98 letture)
Poesie sulla vita III





Storia d’una infanzia lontana
ricognizione di un mondo
pietrificato nei ricordi.
È il canto della memoria
che si eleva
è profondo, sentito, cercato.
In esso
si rincorrono
gli attimi che hanno lasciato una traccia.
Rivivono anch’essi
insieme alle cose, alle persone familiari
ai sogni di più remote stagioni.
La memoria mi appare così
come immagine sovrapposta al presente
e i suoi impulsi,
ritornando dal passato,
s’intrecciano sinfonicamente,
trovano una finale armonia.


Claudio Cisco


in foto: io, i miei compagni di classe ed il mio caro maestro Giuseppe Merenda.
Scuola elementare Tommaso Cannizzaro in Messina. Anni passati dal 1970 al 1975.
Claudio Cisco è quello in basso a sinistra, nella prima fila, dal punto di osservazione di chi guarda la foto.
Imbarazzato

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ezio Bosso ci ha lasciato
Postato da Grazia01 il Sabato, 16 maggio @ 19:27:41 CEST (60 letture)
In ricordo


Non tutti sanno che Ezio Bosso, oltre ad essere un compositore,
pianista e direttore d’orchestra di fama internazionale,
possedeva anche un’altro raro talento: quello della scrittura.
In questa poesia ha commentato il periodo difficile in cui viviamo




Io li conosco i domani che non arrivano mai”

Io li conosco I domani che non arrivano mai
Conosco la stanza stretta
E la luce che manca da cercare dentro

Io li conosco i giorni che passano uguali
Fatti di sonno e dolore e sonno
per dimenticare il dolore

Conosco la paura di quei domani lontani
Che sembra il binocolo non basti

Ma questi giorni sono quelli per ricordare
Le cose belle fatte
Le fortune vissute
I sorrisi scambiati che valgono baci e abbracci

Questi sono i giorni per ricordare
Per correggere e giocare
Si, giocare a immaginare domani

Perché il domani quello col sole vero arriva
E dovremo immaginarlo migliore
Per costruirlo

Perché domani non dovremo ricostruire
Ma costruire e costruendo sognare

Perché rinascere vuole dire costruire
Insieme uno per uno

Adesso però state a casa pensando a domani

E costruire è bellissimo
Il gioco più bello
Cominciamo…

Ezio Bosso

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La trama di "Kim" di Rudyard Kipling
Postato da Paolo il Sabato, 16 maggio @ 12:21:45 CEST (77 letture)
Le opere di Paolo III
“Quattro dei suoi sostituti padri – il mercante di cavalli Mahbud Ali, Creighton, Lurgan, e Hurree Babu – favoriscono l'inserimento di Kim nel servizio segreto, mentre il Lama, con i fondi monastici, paga per la sua istruzione Europea al college di San Saverio.”
(Patrick Parrinder “Nazione e Romanzo: il Romanzo Inglese dalle sue Origini ai Giorni Nostri”)


Leggi Tutto... | 7794 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Circolo di Lettura Vaccheria Nardi: Antonio Scurati
Postato da Grazia01 il Venerdì, 15 maggio @ 11:43:08 CEST (149 letture)
Letture varie III
Come posso convincere mia moglie che, mentre guardo fuori dalla finestra, sto lavorando? — si chiedeva Joseph Conrad al principio del secolo scorso. Io, invece, mi chiedo: come posso spiegare a mia figlia che, quando guardo fuori dalla finestra, vedo la fine di un’epoca? L’epoca in cui lei è nata ma che non conoscerà, l’epoca del più lungo e svagato periodo di pace e prosperità goduto dalla storia dell’umanità. Vivo a Milano, fino a ieri la più evoluta, ricca e brillante città d’Italia, una delle più desiderabili al mondo. La città della moda, del design, dell’Expo. La città dell’aperitivo, che ha regalato al mondo il Negroni sbagliato e la happy hour e che oggi è la capitale mondiale del Covid-19, il capoluogo della regione che da sola conta trentamila contagi accertati e tremila morti. Un tasso di letalità del 10 per cento, le bare accatastate davanti ai padiglioni degli ospedali, una pestilenza vaporosa che aleggia sulle guglie del suo Duomo come sulle città maledette delle antiche tragedie greche. Le sirene delle ambulanze sono diventate la colonna sonora dei nostri giorni; le nostre notti sono tormentate da uomini adulti che frignano nel sonno: «Cosa c’è, ti senti bene?»; «Niente, non è niente, torna a dormire». Migliaia dei loro amici, parenti, conoscenti tossiscono fino a sputare sangue, da soli, fuori da ogni statistica e da qualsiasi assistenza, nei letti dei loro monolocali arredati da architetti di grido. Se, in questo istante, guardo fuori dalla finestra, vedo un povero minimarket gestito con ammirevole laboriosità da immigrati cingalesi. Fino a ieri era una singolare anomalia in questo quartiere semicentrale, e a suo modo elegante, una nota stonata. Oggi è un luogo di pellegrinaggio. In coda per il pane davanti alle sue vetrine spoglie, vedo uomini e donne che fino a ieri lo disdegnavano perché sprovvisto della loro marca preferita di crusca. Sostano, sorretti dalla disciplina dello scoramento, a un metro di distanza l’uno dall’altro, al tempo stesso minacciosi e minacciati, con mascherine di fortuna, ricavate da brandelli di tessuto con il quale, fino a ieri, proteggevano le piante esotiche dei loro terrazzi, garze sfilacciate che pendono dai loro volti con la malinconia floscia di scampoli di un’epoca finita.


Leggi Tutto... | 13189 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La vita è come un caleidoscopio
Postato da Grazia01 il Giovedì, 07 maggio @ 19:13:59 CEST (54 letture)
Un pensiero al giorno




La vita è come un caleidoscopio perennemente cangiante: un piccolo cambiamento, e tutti i disegni e le configurazioni si alterano. Una lite con un amico rimescola e sposta altre quindici relazioni, le nostre vite sono collegate come in un gioco di domino. Un momento tutto sembra pieno e perfetto, il momento successivo accade un incidente o ci ammaliamo. Ormai abituati a vivere da soli, incontriamo qualcuno e ci innamoriamo profondamente. Andiamo in una direzione quando appare un ostacolo imprevisto e dobbiamo bruscamente cambiare strada. Improvvisamente, sorprendentemente, ci ritroviamo in una vita diversa.
Sharon Salzberg
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La solitudine è tra noi
Postato da Grazia01 il Lunedì, 04 maggio @ 16:37:50 CEST (75 letture)
Un pensiero al giorno


In queste settimane abbiamo riscoperto il valore etico della socialità. Ci manca il contatto fisico con la gente, un abbraccio, una carezza. Ognuno di noi cerca di sopperire a questa mancanza, chi con una videochiamata e chi cantando a squarciagola dal balcone l’azzurro di Celentano. Questa crisi sociale, tuttavia, presenta due facce della medaglia.

Da un lato evidenzia la straordinaria solidarietà dell’essere umano, che necessita della collettività in quanto da sempre animale sociale; dall'altro sottolinea l’amara avversione alla solitudine, frutto della sempre maggiore mancanza di riflessione. Nel febbraio del 1993 una emergente Laura Pausini vinceva la categoria «Novità» del festival di Sanremo con la canzone intitolata «La solitudine». Una delle strofe recita: «La solitudine è tra di noi». Questa frase racchiude, secondo me, un concetto importante e profondo anche se espresso con la leggerezza di una ragazza in cerca della realizzazione artistica. La solitudine, infatti, si mischia tra di noi poiché è intrinseca alla natura umana. L’individuo tenta di eludere questa sensazione convinto di poter sfuggire ad una condizione che, invece, è inevitabilmente parte dell’esistenza.

Leggi Tutto... | 4936 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


LA LEGGE DEL SERPENTE
Postato da claudiocisco il Lunedì, 04 maggio @ 15:30:48 CEST (82 letture)
Psicologia e salute I


“Amatevi, gente del mondo intero, amatevi sempre ed in qualunque modo; l’amore, qualsiasi forma assuma, è sempre benedetto ed è sinonimo di felicità. Non bisogna mai aver paura di amare ma di odiare. Credete nell’amore universale, quello vero, incondizionato che non ha sesso né differenze d’età. E’ questa la vera libertà da difendere a tutti i costi e non esiste cosa più bella al mondo di sentirsi veramente liberi di amare chiunque: maschi con maschi, donne con donne, vecchi con giovani, ciascuno libero di tirare fuori la propria sessualità con le sue forme, inclinazioni e gusti. Un rapporto affettivo anche al di fuori del matrimonio che in fondo è solo un contratto che non può legare o sostituire un sogno. Non esiste ciò che chiamano < >, è un inganno inventato dai falsi moralisti e soprattutto dalla chiesa che giudica senza conoscere l’amore fisico, un artificio creato per anestetizzare le coscienze e neutralizzate l’istinto sessuale che invece è un meraviglioso dono che la natura ha regalato agli uomini, non solo per procreare: un piacere naturale che annulla il dolore e attenua lo stress psicofisico. L’unica devianza sessuale semmai è la castità, non vi è infatti nessun motivo per praticarla restando puri, lasciamola ai preti e alla suore, contenti loro! In fondo se due esseri umani si amano o fanno sesso consapevolmente e volontariamente, che male fanno? Dov'è il peccato? Che bigottismo parlare di fornicazione, sostenere con presunzione di verità e senza alcuna prova o fondamento che l’arte erotica è demoniaca, procurando così assurdi sensi di colpa, tabù, complessi, frustrazioni e a volte persino impotenza o frigidità. Perché tornare indietro al Medioevo, alla caccia alle streghe, a bruciare nel rogo o a lapidare, secondo antiche tradizioni contenute in delle scritture definite sacre dagli uomini, scritte da loro stessi ed attribuite a Dio? Gli esseri umani per trovare uno scopo alla propria esistenza e per vincere ancestrali paure hanno creato Dio e non viceversa. Evviva quindi i matrimoni gay e le unioni civili, simboli di emancipazione e di civiltà, del resto si può essere credenti e praticare l’omosessualità, le due cose non sono incompatibili, l’amore non può essere colpevolizzato perché è “amore”, la parola più importante che esista. Se un uomo sente di sposare un altro uomo ed è felice così, perché non concretizzare questo desiderio? Lo Stato dovrebbe mantenersi laico rispettando anche chi eventualmente non crede e si professa ateo, non si può imporre a nessuno di avere fede seguendo le regole della chiesa. E poi ognuno è diverso da un altro, è unico, con i suoi propri gusti. La diversità è un valore da tutelare e difendere, è una vera ricchezza perché rende la vita più varia e colorata, meno scontata e massificante. La nostra esistenza è così breve, la morte arriverà prima di quanto ci si aspetti, annientando definitivamente tutto. Allora perché non vivere intensamente anche la propria sessualita?”
Leggi Tutto... | 897 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


ELEMENTARE SAGGIO SULLE DEVIANZE SESSUALI
Postato da claudiocisco il Lunedì, 04 maggio @ 15:27:47 CEST (74 letture)
Psicologia e salute II



Premetto di non essere un sessuologo né uno psicanalista, non sono neanche laureato, quindi, non avrei nessun titolo o qualifica per potermi esprimere. Non mi ritengo neppure un saggista per crearmi eventualmente un alibi. Ciò non mi impedisce però, di scrivere con sincerità e nella massima umiltà, il mio pensiero. Lungi da me l’idea di voler imporre verità o dogmi, o di ergermi a giudice. Sono piuttosto spinto, come sempre del resto, dalla mia creatività irrefrenabile, che ormai reclama spazi in qualunque direzione o competenza. Non ho pretese di nessun tipo, tento solo di tirare fuori la mia idea in merito, ciascuno è libero di condividerla o meno. Il tema che sto per trattare è delicato, è riguarda nello specifico le inclinazioni sessuali, fuori dalla norma. Non mi riferisco alle “perversioni sessuali” (sadismo, masochismo, feticismo, scambismo ecc…); suddette patologie richiederebbero infatti un’attenzione particolare vista la loro stretta correlazione con i demoni d’impurità. Ma piuttosto prendo in considerazione quelle inclinazioni sessuali assai diffuse e che coinvolgono parecchi soggetti (omosessuali, pedofili, gerontofili). Io ne parlo per esperienza e per conoscenza diretta, e non, lo sottolineo ancora, per preparazione scientifica. Comincio col dirvi che la radice, almeno all’inizio, non è diabolica, cioè i demoni d’impurità non sono la causa che spinge l’uomo verso l’uomo, la donna verso la donna, il giovane verso il vecchio, l’adulto sull’adolescente o il bambino. Ma allora perché esistono questi gusti particolari? Cercherò di spiegarlo in maniera semplice, direi elementare. L’uomo è stato creato da Dio a sua immagine e somiglianza e il suo spirito ha in sé l’essenza dell’immortalità. Ma, per adattarsi a questa valle di lacrime che è la terra, è costretto a chiudere la sua spiritualità dentro un involucro di carne che è la materia. Quindi la fisicità corporea è soggetta ad imperfezioni e difetti. Dio ha creato il corpo umano con minuziosa attenzione, ogni organo ha la sua specifica funzione, una vera opera d’arte. Ma la natura umana, in quanto fragile, può sin dalla nascita essere guastata. Così c’è chi nasce con un lieve difetto, chi con un altro più accentuato, chi, per fortuna, nasce sano, ed è la maggioranza. Non voglio essere frainteso. Sgombro subito il campo dall’idea che chi ha orientamenti sessuali non conformi alla norma, sia secondo me, malato o patologico. Non si tratta di una malattia fisica, il soggetto deviato è sano come tutti. Il problema è genetico, nasce con la venuta al mondo, cioè omosessuali, pedofili, gerontofili si nasce e non ci si diventa e, al 99 per cento dei casi, ci si rimani fino alla morte. Ma cercherò di essere più chiaro, permettetemi però di farvi un esempio tanto banale, quanto efficace. Immaginate una autovettura che esce dalla fabbrica con i fari obliqui, orientati in maniera direi schizofrenica, in varie direzioni. La macchina è perfettamene funzionante, basta girare la chiave e si mette in moto. Solo che il guidatore, senza avere colpa, vedrà illuminate determinate visuali, mentre le altre rimarranno buie. Questa situazione è la stessa che accade a chi ha una devianza sessuale. La sfera relativa all’istinto sessuale del soggetto, che fisicamente è perfettamente sano come la macchina, è orientata esclusivamente verso persone dello stesso sesso o di età differente a secondo dell’inclinazione. Cioè nella mente del soggetto deviato, il gusto sessuale va esclusivamente verso l’oggetto desiderato, escludendo qualunque altro, proprio come il faro che illumina una zona e lascia buia un’altra. La cosa grave consiste nel fatto che l’intensità sessuale del deviato non è simile a quella che scatta tra uomo e donna, ma molto più forte, a volte perfino incontrollabile. Ora, se il corpo umano fosse una macchina, basterebbe andare dall’elettrauto per risolvere il problema. Purtroppo non è così per l’essere umano che è molto più complsso. E’ chiaro che i soggetti che nascono così, saranno i primi ad essere attaccati dai demoni d’impurità che, svolgendo il loro compito specifico, li spingono a non credere in Dio, ad allontanarsi dalla chiesa, ad accettarsi per come sono quasi con orgoglio, a non seguire la Parola di Dio che santifica solo l’amore tra uomo e donna, coronandolo con la procreazione. Senza l’aiuto di Dio e senza la presenza dello Spirito Santo, per i demoni sarà vittoria. Io lo so che dal punto di vista legale non si possono mettere sullo stesso piano omosessualità e pedofilia ma la radice è uguale, cambia solo la direzione del faro, per tornare alla macchina. Il soggetto deviato è talmente affascinato dall’oggetto desiderato, da giustificarne perfino di esserne innamorato, considerandolo normale, perché qualunque cosa piaccia assai, uno se ne innamora. Questa è la folle logica di chi re(edited) normale ciò che non lo è né per Dio né per la natura. Del resto basta guardare l’anatomia dell’uomo e della donna per comprendere che sono stati creati per stare insieme. Auguro di cuore a tutti questi soggetti di pregare moltissimo e di mettere le proprie vite nelle mani di Dio che li ama tantissimo e sa bene i loro problemi. Sarà Lui a guidare la vostra vita anche se non avverrà il miracolo.


Indiavolato o Arrabbiatissimo

Claudio Cisco

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IN PUNTO DI MORTE
Postato da claudiocisco il Lunedì, 04 maggio @ 15:26:21 CEST (49 letture)
Racconti IV


Separato dal mio corpo, come sospeso nell'aria, vigile e cosciente senza però poter comunicare con esseri umani, vedo dall'alto il mio involucro di carne, esanime, quasi abbandonato, circondato da medici, e mi fa quasi pena osservarlo: Come ho potuto sopportare di essere imprigionato dentro quel corpo debole come straccio, limitando tutta la mia immensa potenzialità spirituale? Eppure al tempo stesso comprendo, pur non avendo la benché minima voglia di rientrare dentro quel guscio, che fin quando ero all'interno, esso aveva la stessa importanza d’un cofanetto, contenente una collana preziosa di inestimabile valore. La collana infatti, è importante quanto il cofanetto perché è contenuta dentro, e se si perde il cofanetto, si smarrisce anche la collana. Ma una volta che la si tira fuori, il suo contenitore non serve più. Così è il corpo umano
fin quando un essere creato da Dio vive in esso, è tempio dello Spirito Santo, prezioso quanto l’anima. La sensazione che avverto, riferendomi alla visione di quello che era il mio corpo fisico, è quella di essermi tolto di dosso un abito, un po’ come la tuta spaziale, che è fatta solo per permettere all'astronauta di vagare nello spazio, ma non è la sua vera pelle, solo un adattamento all'ambiente. E’ davvero piacevole e surreale quello che mi sta succedendo; la cosa più bella è che non avverto più dolori, sofferenze, esigenze fisiche e mi trovo in uno stato di profondo benessere, slegato da tutto ciò che è materia. Contemporaneamente rivedo come in dimensione tridimensionale, scorrere il film di tutta la mia vita, dalla nascita sino ad ora, ma con occhi di verità e giustizia, come se io fossi spettatore e giudice di me stesso, soffrendo per gli errori commessi e provando gioia per quanto fatto di buono. E’ sorprendente come tutto sia stato accuratamente registrato, anche la più impercettibile parola, ed io ora posso ascoltare ogni dialogo e ogni discorso come fossero amplificati. Posso rivedere tutto: situazioni, immagini, persone care. Da questa incredibile visione, mi rendo conto di essere da sempre seguito con minuziosa attenzione, e direi con amorevole cura; nella vita non si è mai soli, anche quando lo si crede, ed io ora lo so. Poi, d’improvviso, mi sento chiamare, ma solo col pensiero, senza udire una voce specifica; sono tranquillo, capisco di essere in buone mani, di potermi fidare. Vengo trasportato da una forsa sconosciuta ed amica, lascio la camera dell’ospedale ed entro in un tunnel, che solo all’inizio mi procura una leggera paura, poi, intravedo l’uscita, ritorno sereno e curioso. Una volta fuori, vedo luce, luce, e ancora luce. Sento amore, amore, e ancora amore. Mi sento amato. Sono immerso in una condizione di pura libertà, avverto pace ed un senso di immortalità. Vi è una frase nel Vangelo, che io sento forte in me perché rispecchia perfettamente quello che provo. Sono le parole che Gesù disse sulla croce prima di morire: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito!”. Ora io comprendo più che mai, che il mio spirito è nelle mani di Dio. Ma lo era anche quando vivevo nel corpo, sulla terra, solo che non ne intuivo la profondità e il vero significato. La vita, sia quella fisica, sia quella spirituale, è tutta un miracolo, se l’uomo potesse finalmente rendersene conto! I meravigliosi colori che vedo sono talmente belli che non si possono descrivere, ma sono colori diversi da quelli terrestri. Così come i suoni e i canti che odo. Vedo ma non con gli occhi, sento ma non con le orecchie, comunico con il Padre ma non con la voce: L’amore è troppo forte per poterlo quantificare, la libertà troppo sconfinata per poter scorgere orizzonti, tutto sa di eternità. E’ un luogo senza fine, sa di cielo.
So che saranno molti quelli che non mi crederanno, ma sono sereno ugualmente, so che ci arriveranno anche loro.


Claudio Cisco

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'ULTIMA SPERANZA
Postato da claudiocisco il Lunedì, 04 maggio @ 15:24:35 CEST (58 letture)
Biografie VIII




Arrivare a 56 anni e rendersi conto, con una lacrima agli occhi, di non essere mai realmente cresciuto. E’ come se l’anima si rifiutasse di allinerasi con il lento declino del corpo. Sento lo spirito crescere impetuosamente fortificandosi progressivamente fino a sembrare scollegato dalla materia. Mi nasce dentro una serenità appagante che rimette in discussione il mio io spingendomi ad analizzare tutta quanta la mia vita, distesa su una prospettiva ad ampio raggio. E’ molto dolce guardare il mio passato con gli occhi nuovi di adesso. Uno sguardo che si connette prima con l’infanzia, con i suoi teneri giochi, le mitiche fiabe, la disarmante ingenuità. Poi si apre all’adolescenza con le sue infinite paure, l’eterno conflitto tra il desiderio di crescere ed evadere e la voglia di rimanere bambino. E con quella età lontana, mi sembra quasi di rivivere l’emozione per l’innocenza del mio primo bacio, le mattinate passate a scuola con i miei compagni, le uscite spensierate con gli amici, e con esse quella illusoria certezza di sentirmi eterno, di considerarmi eroe con un futuro davanti tutto da vivere. I miei pensieri ormai del tutto invasi di ricordi, improvvisamente focalizzano la mia attenzione sull’immagine della ragazza che è stata il mio primo vero amore, zoommando sui lineamenti bambineschi del suo viso: Quante promesse non mantenute! Quanti sogni e speranze naufragate! Dolci ricordi e tristi rimpianti si fondono insieme, in una danza simile più ad un rito di morte che ad una sinfonia di rimembranze. Questo suggestivo viaggio con la mente si sofferma adesso sulla figura di mia madre, ricordo sempre vivido; una donna attaccata morbosamente a me, ma d’un amore sincero, grande, direi esclusivo nei miei confronti. Un sentimento tanto forte da non averlo potuto avere da nessun’altra persona nel corso di tutta la mia vita. Anche mio padre si insinua nei miei pensieri, buffo e strano come non mai: quante cose avrei voluto chiedergli senza mai aver avuto il coraggio di farlo! E ancora ecco spuntare le mie due sorelle molto più grandi di me, forse avrei potuto aprirmi, dare loro di più. Con un sussulto inaspettato che scuote la mia anima, giungo col pensiero in quell’età importante dove si compiono le scelte che contano nella vita e che condizionano l’intera esistenza, mi riferisco alla famiglia da creare e al lavoro da svolgere. Proprio lì, in quel periodo fondamentale, io vedo tanto buio, buio fitto e nient’altro! Ansie, inibizioni, paure immotivate, errori continui, un’arresa senza reagire. Come vorrei in questo momento che una fantasiosa macchina del tempo mi ra(edited)e e mi trasportasse con sé, proprio in quegli anni difficili della mia vita, così sofferti! Sicuramente sarei in grado di rimediare, guidato dalla maturità spirituale del mio presente. Ma non c’è mai il tempo di trovare il tempo per fermare il tempo! Ma forse tutto è destino, era scritto che dovevo comportarmi esattamente in quel modo perché la sofferenza genera sensibilità, e la sensibilità produce arte. Penso che non sarei mai diventato scrittore o poeta senza mai aver sperimentato inquietudine e tormento. Forse essere rimasto completamente solo era previsto come se io stesso fossi un predestinato. Riprendono ancora i miei pensieri a volare sulle ali della creatività che è in me e comprendo di non aver mai trovato una mia collocazione in questa vita, forse perché vivo da sempre sospeso tra cielo e terra, anzi molto più proiettato nell’altra vita che in quella terrena. E’ mancata anche, quella donna che da sempre avrei voluto con me, verso la quale indirizzare tutta la ricchezza di sentimenti, chiusa a chiave nello scrigno del mio cuore, e sentire poi la sua anima respirare unita alla mia. Non ho mai sperimentato la grande gioia di veder nascere una piccola creatura, dono di Dio e più bel regalo che la vita possa offrire, e poi vederla crescere man mano e sentirmi chiamare papà. Ed ora, dopo che questo tempo è trascorso velocissimo piombandomi addosso come un ciclone, senza che io stesso me ne rendessi conto, senza nemmeno avermi dato il tempo di riflettere e di piangere, io sono qui davanti ad uno specchio, al quale non posso più fingere. Cristallizzato nei pensieri, in quest’età più vicina al crepuscolo dell’esistenza che all’alba di nuove prospettive, affido alla fede nel mio Signore l’ultima speranza che, con la Sua presenza, non è più convivenza col malessere di notti insonni senza risposte, ma apertura verso nuovi orizzonti, certi di eternità.


Claudio Cisco



Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste Triste
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Liriche (di Claudio Cisco)
Postato da claudiocisco il Lunedì, 04 maggio @ 15:23:02 CEST (57 letture)
Leggende e fiabe  I




LA VITA E L’AMORE


La vita umana,
perennemente sospesa tra mistero e fede,
sempre in bilico ed appesa ad un filo,
non è altro che una corsa inconsapevole verso la morte,
lungo un affascinante e doloroso percorso di crescita,
scandito da vivide emozioni e nebulose paure.
La zingara fortuna
ne condizionerà la sorte.
L’amore,
come infinite doglie che sperano in un parto,
altro non è che la continua ricerca di noi stessi nell’altro sesso,
adolescente desiderio d’una attesa senza fine
che non troverà mai
appagamento e realizzazione.
L’uomo come la donna,
nasce,cresce e muore solo.


Leggi Tutto... | 2999 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gli anziani e la pandemia
Postato da Grazia01 il Giovedì, 23 aprile @ 08:45:48 CEST (74 letture)
Un pensiero al giorno IL MANIFESTO

Ci si scandalizza oggi per questa strage di anziani, per questa poca cura dei corpi deboli che ha dimostrato tutti i suoi limiti perché non al centro delle attenzioni delle politiche, perché marginalizzata e confidata al profitto.Di fronte alla pandemia si scopre, come fosse una novità, che siamo tutti dipendenti dalla cura, che tutti dobbiamo essere riprodotti da qualcuno, che ciascuno di noi ha in sé la debolezza del vivente, che da soli non ce la facciamo


Leggi Tutto... | 10059 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Aiutare gli altri anche quando si ha paura per la propria incolumità.
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 22 aprile @ 16:54:18 CEST (63 letture)
Un pensiero al giorno
"Lascialo", urlava a Sean il suo terrore. "Lascialo. Corri!Corri!"
Saul strisciava verso di lui, con la faccia coperta di sangue e gli occhi fissi sul suo volto. "Sean!"
"Lascialo!Lascialo!
Ma c'era speranza su quel pietoso viso insanguinato, e le dita di Saul artigliavano l'erba fino alle radici, mentre si trascinava in avanti.
Era al di là di ogni ragionevolezza. Ma Sean tornò indietro.
Spronato dal terrore, trovò la forza di sollevare Saul e di correre con lui.
Odiandolo come non aveva mai odiato prima, Sean trasportò barcollando il compagno verso il fosso di drenaggio. La tensione nervosa rallentava il ritmo del tempo e gli parve di correre per un'eternità. "Maledetto" disse a Saul, odiandolo...Poi il terreno gli mancò sotto i piedi. Caddero insieme nel fossato...
"Grazie, Sean". Improvvisamente Courteney si accorse che gli occhi del compagno erano pieni di lacrime e la cosa lo imbarazzò. Distolse lo sguardo.
"Grazie...per essere tornato a prendermi".



WILBUR SMITH - La voce del tuono
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ciao


Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il campanile di Curon [ 0 commenti - 8 letture ]
 In riva al mare [ 0 commenti - 9 letture ]
 I miei figli dimenticheranno [ 0 commenti - 24 letture ]
 La triaca [ 0 commenti - 13 letture ]
 Quando la tempesta sarà finita [ 0 commenti - 16 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy