Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 207
Totale: 207
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: coppermine
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: News
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: News
20: News
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: News
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: News
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: coppermine
43: News
44: News
45: News
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: News
52: Home
53: Home
54: Home
55: Stories Archive
56: Home
57: Home
58: News
59: coppermine
60: Stories Archive
61: Home
62: coppermine
63: Search
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Search
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: coppermine
74: Home
75: coppermine
76: coppermine
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: coppermine
84: Home
85: Home
86: Home
87: coppermine
88: Home
89: Home
90: News
91: News
92: Home
93: News
94: Home
95: News
96: Home
97: News
98: News
99: News
100: Home
101: Forums
102: coppermine
103: coppermine
104: Home
105: Statistics
106: coppermine
107: coppermine
108: Home
109: Stories Archive
110: Home
111: coppermine
112: Home
113: coppermine
114: News
115: News
116: News
117: Search
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Topics
123: Home
124: Search
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: News
132: Home
133: Home
134: coppermine
135: Home
136: Home
137: Home
138: coppermine
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: coppermine
148: Home
149: Home
150: coppermine
151: coppermine
152: Home
153: News
154: Home
155: Search
156: Home
157: Stories Archive
158: Home
159: Home
160: Home
161: coppermine
162: Home
163: Home
164: Home
165: coppermine
166: News
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: coppermine
172: Home
173: Search
174: coppermine
175: News
176: Home
177: Home
178: News
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: coppermine
184: Home
185: News
186: News
187: Home
188: Home
189: News
190: Home
191: Home
192: Home
193: Home
194: News
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Search
200: Home
201: Home
202: Home
203: coppermine
204: coppermine
205: Home
206: Home
207: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8795
  · Viste: 1530908
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Petr Král nacque il 4 settembre del 1941
Petr Král nacque il 4 settembre del 1941
Postato da Grazia01 il Venerdì, 04 settembre @ 21:34:55 CEST (2246 letture)
Ricerche d'autore



La poesia resta una creazione oltre la ragione e la realtà,
però passa nel corpo dell’autore, attraverso di esse.
La ragione che va oltre la ragione assume in sé quegli
“integratori emotivi” che la qualificano.





Petr Král nacque a Praga il 4 settembre del 1941.
E' uno scrittore e poeta ceco, è un classico vivente della letteratura ceca.
Poeta, saggista e traduttore studia drammaturgia all’Accademia cinematografica FAMU
di Praga e nel 1968, dopo l’invasione russa, emigra a Parigi.
Nel 1986 riceve il premio Claude Sernet per la raccolta di poesie
Pour une Europe bleue (Per un’Europa blu, 1985).
Tra le numerose sue raccolte possiamo ricordare Dritto al grigio (Právo na šedivou, 1991),
Continente rinnovato (Staronový kontinent, 1997), Per l’angelo (Pro Anděla, 2000)
e Accogliere il lunedì (Přivítat pondělí, 2013).
È anche autore di prosa e curatore di varie antologie di poesia ceca e francese
e nel 2002 ha curato e tradotto per Gallimard Anthologie
de la poésie tcheque contemporaine 1945-2002 (2002).
Importante è anche la sua attività di critico letterario, cinematografico e d’arte;
è autore di saggi e articoli sul cinema, contributore alla famosa rivista Positif
ed ha pubblicato due volumi sulle comiche mute.





Tutto sul crepuscolo


Il giorno va spegnendosi malinconico sul duomo lontano,
i motociclisti con un unico movimento s’incurvano sotto gli alberi
verso la notte, ricotti dall’antica fiaccola –
e la prima stella è una lacrima, diamante grippato
nel velluto azzurro dell’attimo e del suo rovescio, della tomba
interiore e del silenzio sui dispersi,
che ancora indugia sul bosco bruciato.

Il giorno va spegnendosi sul duomo lontano,
i motociclisti con un unico movimento s’incurvano verso la notte,
la prima stella è una lacrima.
Sul duomo in lontananza, dolce, malinconica,
con un unico movimento s’incurva sotto gli alberi come verso
il fondo della grotta,
lacrima amara ma ossessiva nel velluto azzurro dell’attimo
e del suo rovescio.

Il giorno si spegne, va spegnendosi sulla cupola lontana, come se
l’ora più luminosa
avesse lontana all’orizzonte, sul fondo rosato della gola un sapore
dolce, la visione della Roma mancante,
che la malinconica estende dietro se stessa.
Con un’unica incurvatura sotto gli alberi del boulevard, con un
unico nitrito animalesco,
che sale dalla sella oscurante; come rovinano qui su di noi,
ricotti dall’antica fiaccola,
ci uniscono nonostante l’estraneità delle sue macchine solo con
la grotta familiare della notte
sul fondo di noi stessi. La prima stella è una lacrima, diamante
grippato
nel velluto azzurro dell’attimo e del suo rovescio, tomba interiore a
silenzio dei dispersi
che indugia sul bosco bruciato. Sotto gli alberi nell’esilio del
boulevard la notte che va spandendosi non è
più di un sollievo temporaneo dall’abbraccio dell’ombra meridiana.




Caduta

E in ogni bottiglia vuota
c’è ancora una goccia. Col tuo pettine e il sapone

dalla valigia rovesciata cadono anche le spille nere
della forcina, che vedi per la prima volta. Da quale tasca persino segreta

dl cosmo deserto – L’esile forcina non toglie
o aggiunge nulla, appena un trattino di ferro tra il giorno e la notte,

tra la pelle morbida e la pelliccia minacciosa
del mondo. Senza di essa però qui manca

una virgola per la redenzione. Pace con lei e con te.
Tu e la forcina nella stessa giornata vuota.





Evo moderno


Gli eroi sono andati via;
al loro posto infila il corridoio
soltanto il sospiro di spettri di flanella,
nel cassetto a ricordo dell’antica gloria del corpo
soltanto un ciuffo di peli dimenticato.

Niente allori, maschere dorate di collera o benevolenze divine:
solo un busto stinto senza faccia all’angolo della mensola,
scarabocchiato rapidamente dal gesso della paura.

La breccia del fulmine passa senza fretta
per la grigia pietra del ponte

I lampioni sono comunque tornati all’imbrunire,
per continuare a vegliare le stoffe nel silenzio dei negozi.





Paese di naufragi

Siamo qui entrambi, ma allo scorcio; per metà in ciò che c’è qui,
per metà in ciò che manca,
senza pressione: condividiamo un dormiveglia, la completezza
del vuoto incagliato tra i rami sulle nostre teste,
la gloria, che ci evita con discrezione,
finché non si riversa, intera e senza macchia,
anche attraverso l’orizzonte dei corpi.

Ancora all’ombra della costruzione orfana cadiamo soltanto a lungo
verso il bordo delle nostre convinzioni, ai piedi del silenzio
fiammeggiante dall’alto nello sguardo opposto, nel volto nudo
colto dal crepuscolo serale
nell’imbarazzo dell’incompletezza.
A tratti un libro riposto o un pettine si freddano nella polvere.
Sull’erba del terrapieno bruciato, sulla sella della collinetta vicina
il vuoto intanto si accresce – di cicatrice in cicatrice –
nella nuova casa chiara.







Avanguardia


Il leggero trotterellare di uno scroscio di pioggia solo a volte portò
sollievo al bosco,
finché quello riaprì le sale al sole e nel suo fulgore
dietro di noi s’impietrì glorioso, trattenne il suo respiro pastello
in ogni albero e siepe, grigiastro, rosato, vellutatamente ingiallito,
finché ci guidò con lo sguardo l’intera
massa iridescente, la folla leggermente serrata.
Di nuovo ci veniva chiesto
solo un lontano stupore, le gesta di testimoni, coi quali come su un
antico dipinto
per un attimo ci ritirammo sorpresi a margine del percorso
davanti al tronco di un albero rovesciato, sepolta metropoli spiantata
con la terra tra le radici;
null’altro che immemorabile pesantezza e sopra qua e là già
l’ignota leggerezza
della luce che sale attraverso la verde spuma, la lieve punteggiatura
delle foglie nuove –
Camminavo per ultimo, eravate davanti a me
solo le fresche silhouette, vicine, presentite, le vostre graffiature
oscure nella pioggerella d’oro ignoto
facevano strada, celavano il traguardo, io riconoscente
dietro di voi, avrei voluto procedere così in eterno, lame d’oro,
d’umido, la verdeggiante notte
oltre gli alberi, oltre la tempesta, sorseggiare la vostra risata col
mio silenzio,
leggere nella lucentezza d’un tratto il nero spoglio
dei vostri tratti, vicino, deserto come io stesso, già in eterno in
quell’attimo
lì sotto gli alberi e in nessuno dei luoghi





Primavera-di-Praga

Quello che sta pagando
ed uscendo dal locale
dove non lascia nulla solo con niente in tasca
senza cicatrici con anticipo
o con ritardo
esce in orario non tiene nulla nella cornice
della porta mentre la pulisce lievemente
con la spalla languida
Senza grassi appena orlato
dal resto della luce
è soltanto una risata ciò che manca
nella sala alle spalle
Bisbiglii ai tavoli calcoli semplici
sono dietro di lui flaccido strascico Esce tutti i problemi
ancora in sua attesa
Irradiato dal buio desertico
che gli sbadiglia accomodante vi aggiunge già la firma
la scava arruffa
con la testa Dapprima vi sveglia le piazze nude
quello che sta uscendo
per bere dalle cantine dell’attimo

Petr Krá

traduzioni di Antonio Parente








"Petr Král nacque il 4 settembre del 1941" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Ricerche d'autore

Articolo più letto relativo a Ricerche d'autore:
Poesie di Tito Balestra

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Mandala [ 0 commenti - 16 letture ]
 Buon Agosto [ 0 commenti - 27 letture ]
 Luglio in poesia [ 0 commenti - 25 letture ]
 Ibisco, storia di un fiore [ 0 commenti - 27 letture ]
 Vacanza ad Antibes - Juan les Pins [ 1 commenti - 69 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy