Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 231
Totale: 231
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: News
03: News
04: Home
05: Home
06: Home
07: coppermine
08: News
09: coppermine
10: Home
11: Home
12: Stories Archive
13: Home
14: Home
15: News
16: Home
17: coppermine
18: coppermine
19: Home
20: Home
21: News
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: coppermine
27: coppermine
28: Home
29: Home
30: News
31: Home
32: coppermine
33: Home
34: coppermine
35: Search
36: Home
37: coppermine
38: News
39: Home
40: News
41: coppermine
42: News
43: Home
44: coppermine
45: Search
46: Home
47: Home
48: coppermine
49: Home
50: coppermine
51: Home
52: Search
53: coppermine
54: coppermine
55: Home
56: Home
57: Home
58: coppermine
59: coppermine
60: coppermine
61: News
62: Home
63: Home
64: Home
65: coppermine
66: Home
67: Home
68: News
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Stories Archive
74: coppermine
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Statistics
80: Home
81: News
82: coppermine
83: coppermine
84: Home
85: coppermine
86: coppermine
87: coppermine
88: coppermine
89: Home
90: coppermine
91: coppermine
92: News
93: Home
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: Search
99: Search
100: coppermine
101: News
102: Home
103: News
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: News
110: News
111: News
112: News
113: Home
114: Home
115: coppermine
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: coppermine
121: News
122: coppermine
123: Home
124: Home
125: Home
126: coppermine
127: Stories Archive
128: Home
129: Forums
130: Home
131: Home
132: Stories Archive
133: Search
134: Home
135: coppermine
136: Home
137: coppermine
138: Home
139: coppermine
140: Home
141: Home
142: coppermine
143: Home
144: Home
145: coppermine
146: Stories Archive
147: Stories Archive
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: News
153: coppermine
154: Home
155: coppermine
156: Home
157: coppermine
158: Home
159: coppermine
160: coppermine
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: coppermine
168: Home
169: coppermine
170: coppermine
171: Home
172: Search
173: coppermine
174: News
175: Statistics
176: News
177: Search
178: coppermine
179: coppermine
180: Statistics
181: Home
182: Home
183: coppermine
184: Stories Archive
185: News
186: Home
187: Home
188: News
189: Search
190: Home
191: coppermine
192: coppermine
193: Stories Archive
194: Search
195: Home
196: coppermine
197: Home
198: Home
199: Home
200: coppermine
201: Home
202: Search
203: coppermine
204: Home
205: coppermine
206: Home
207: coppermine
208: Stories Archive
209: coppermine
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Stories Archive
215: Home
216: coppermine
217: Search
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: coppermine
225: Stories Archive
226: Home
227: Home
228: coppermine
229: Home
230: Home
231: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8601
  · Viste: 1336148
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Prima notte di Luigi Pirandello
Prima notte di Luigi Pirandello
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 17 ottobre @ 13:01:45 CEST (1824 letture)
Racconti e poesie di Pirandello PRIMA NOTTE



- Quattro camice, quattro lenzuola, quattro sottane,
quattro, insomma, di tutto.
E quel corredo della figliuola, messo su, un filo oggi, un filo domani, con la pazienza d'un ragno, non si stancava di mostrarlo alle vicine.
- Roba da poverelli, ma pulita.


Con quelle povere mani sbiancate e raspose, che sapevano ogni fatica, levava dalla vecchia cassapanca d'abete, lunga e stretta che pareva una bara, piano piano, come toccasse l'ostia consacrata, la bella biancheria, capo per capo, e le vesti e gli scialli doppi di lana: quello dello sposalizio, con le punte ricamate e la frangia di seta fino a terra; gli altri tre, pure di lana, ma più modesti; metteva tutto in vista sul letto, ripetendo, umile e sorridente:
- Roba da poverelli... - e la gioja le tremava nelle mani e nella voce.
- Mi sono trovata sola sola, - diceva. - Tutto con queste mani, che non me le sento più.
lo sotto l'acqua, io sotto il sole; lavare al fiume e in fontana; smallare mandorle,
raccogliere ulive, di qua e di là per le campagne; far da serva e da acquajola ...
Non importa. Dio, che ha contato le mie lagrime e sa la vita mia, m'ha dato forza e
salute. Tanto ho fatto, che l'ho spuntata; e
- Ah sì, bell'impiego! bell'impiego!
Qui era !'intoppo: Mamm'Anto' lo aveva capito fin da principio: nella qualità
dell'impiego del Chìrico.
E una bella giornata di maggio aveva invitato alcune vicine - lei, poveretta! - a una
scampagnata lassù, sull'altipiano sovrastante il paese.
Don Lisi Chìrico, dal cancello del piccolo, bianco cimitero che sorge lassù, sopra il
paese, col mare davanti e la campagna dietro, scorgendo la comitiva delle donne, le aveva invitate a entrare.
- Vedi? Che cos'è? Pare un giardino, con tanti fiori ... - aveva detto Mamm'Anto' a
Marastella, dopo la visita al camposanto.
- Fiori che non appassiscono mai. E qui, tutt'intorno, campagna.
Se sporgi un po' il capo dal cancello, vedi tutto il paese ai tuoi piedi; ne senti il
rumore, le voci ...
E hai visto che bella cameretta bianca, pulita, piena d'aria?
Chiudi porta e finestra, la sera; accendi il lume; e sei a casa tua: una casa come
un'altra. Che vai pensando?
E le vicine, dal canto loro:
- Ma si sa! E poi, tutto è abitudine; vedrai: dopo un pajo di giorni, non ti farà più
impressione,
I morti, del resto, figliuola, non fanno male; dai vivi devi guardarti.
E tu che sei più piccola di noi, ci avrai tutte qua, a una a una.
Questa è la casa grande, e tu sarai la padrona e la buona guardiana.
Quella visita lassù, nella bella giornata di maggio, era rimasta nell' anima di
Marastella come una visione consolatrice, durante gli undici mesi del fidanzamento: a essa s'era richiamata 'col pensiero nelle ore di sconforto, specialmente al sopravvenire della sera, quando 1'anima le si oscurava e le tremava di paura.
S'asciugava ancora le lagrime, quando don Lisi Chìrico si presentò su la soglia con 'due grossi cartocci su le braccia - quasi irriconoscibile.
- Madonna! - gridò Mamm'Anto'. - E che avete fatto, santo cristiano?
- lo? Ah sì... La barba ... - rispose don Lisi
con un sorriso squallido che gli tremava smarrito sulle larghe e livide labbra nude.
Ma non s'era solamente raso, don Lisi: s'era anche tutto incicciato, tanto ispida e forte aveva radicata la barba in quelle gote cave, che or gli davano l'aspetto d'un vecchio capro scorticato.
- lo, io, gliel'ho fatta radere io, - s'affrettò a intromettersi, sopravvenendo tutta
scalmanata, donna Nela, la sorella dello sposo, grassa e impetuosa.
Recava sotto lo scialle alcune bottiglie, e parve, entrando, che ingombrasse tutta quanta la stanzuccia, con quell'abito di seta verde pisello, che frusciava come una fontana.
La seguiva il marito, magro come don Lisi, taciturno e imbronciato.
- Ho fatto male? - seguitò quella, liberandosi dello scialle. - Deve dirlo la sposa.
Dov'è?
Guarda, Lisi: te lo dicevo io? Piange ...
Hai ragione, figliuola mia. Abbiamo troppo tardato.
Colpa sua, di Lisi. «Me la rado? Non me la rado?»
Due ore per risolversi. Di' un po', non ti sembra più giovane cosi?
Con quei pelacci bianchi, il giorno delle nozze ...
- Me la farò ricrescere, - disse Chirico interrompendo la sorella e guardando triste la giovane sposa.
Sembro vecchio lo stesso e, per giunta, più brutto.
- L'uomo è uomo, asinaccio, e non è né bello né brutto! - sentenziò allora la sorella
stizzita. -
Guarda intanto: l'abito nuovo! Lo incigni adesso, peccato!
E cominciò a dargli manacciate su le maniche per scuoterne via la sfarinatura delle paste ch'egli reggeva ancora nei due cartocci.
Era già tardi; si doveva andar prima al Municipio, per non fare aspettar 1'assessore, poi in chiesa; e il festino doveva esser finito prima di sera.
Don Lisi, zelantissimo del suo ufficio, si raccomandava, tenuto su le spine specialmente dalla sorella intrigante e chiassona, massime dopo il pranzo e le abbondanti libazioni.
- Ci vogliono i suoni! S'è mai sentito uno sposalizio senza suoni? Dobbiamo ballare!
Mandate per Sidoro l'orbo ... Chitarre e mandolini!
Strillava tanto, che il fratello dovette chiamarsela in disparte.
- Smettila, Nela, smettila! Avresti dovuto capido che non voglio tanto chiasso.
La sorella gli sgranò in faccia due occhi così. - Come? Anzi! Perché?
Don Lisi aggrottò le ciglia e sospirò profondamente: - Pensa che è appena un anno che quella poveretta ...
- Ci pensi ancora davvero? - lo interruppe donna
Nela con una sghignazzata.
- Se stai riprendendo moglie! Oh povera Nunziata!
- Riprendo moglie, - disse don Lisi socchiudendo gli occhi e impallidendo, - ma non
voglio né suoni né balli.
Ho tutt'altro nel cuore.
E quando parve a lui che il giorno inchinasse al tramonto, pregò la suocera di disporre tutto per la partenza.
- Lo sapete, debbo sonare l'avemaria, lassù.
Prima di lasciar la casa, Marastella, aggrappata al collo della madre, scoppiò di nuovo a piangere, a piangere, che pareva non la volesse finir più.
Non se la sentiva, non se la sentiva di andar lassù, sola con lui.
- T'accompagneremo tutti noi, non piangere, - la confortava la madre. - Non piangere, sciocchina!
Ma piangeva anche lei e piangevano anche tant'altre vicine.
- Partenza amara!
Solo donna Nela, la sorella del Chirico, più rubiconda che mai, non era commossa:
diceva d'avere assistito a dodici sposalizi e che le lagrime alla fine, come i confetti,
non erano mancate mai.
- Piange la figlia nel lasciare la madre; piange la madre nel lasciare la figlia.
Si sa! Un altro bicchierotto per sedare la commozione, e andiamo via ché Lisi ha fretta.
Si misero in via. Pareva un mortorio, anziché un corteo nuziale.
E nel vederlo passare, la gente, affacciata, alle porte, alle finestre, o fermandosi per via, sospirava: - Povera sposa!
Lassù, sul breve spiazzo innanzi al cancello, gl'invitati si trattennero un poco, prima di prender commiato, a esortare Marastella a far buon animo.
Il sole tramontava, e il cielo era tutto rosso, di fiamma, e il mare, sotto, ne pareva
arroventato.
Dal paese sottostante saliva un vocio incessante, indistinto, come d'un tumulto lontano, e quelle onde di voci rissose vanivano contro il muro bianco, grezzo, che cingeva il cimitero perduto lassù nel silenzio.
Lo squillo aereo argentino della campanella sonata da don Lisi per annunziar l'ave, fu come il segnale della partenza per gli invitati.
A tutti parve più bianco, udendo la campanella, quel muro del camposanto.
Forse perché l'aria s'era fatta più scura.
Bisognava andar via per non far tardi.
E tutti presero a licenziarsi, con molti auguri alla sposa.
Restarono con Marastella, stordita e gelata, la madre e due fra le più intime amiche.
Su in alto, le nuvole, prima di fiamma, erano divenute ora fosche, come di fumo.
- Volete entrare? - disse don Lisi alle donne, dalla soglia del cancello.
Ma subito Mamm'Anto' con una mano gli fece segno di star zitto e d'aspettare.
Marastella piangeva, scongiurandola tra le lagrime di riportarsela giù in paese con sé.
- Per carità! per carità!
Non gridava; glielo diceva così piano e con tanto tremore nella voce, che la povera mamma si sentiva strappare il cuore.
Il tremore della figlia - lei lo capiva - era perché dal cancello aveva intraveduto
l'interno del camposanto, tutte quelle croci là, su cui calava l'ombra della sera.
Don Lisi andò ad accendere il lume nella cameretta, a sinistra dell'entrata; volse
intorno uno sguardo per vedere se tutto era in ordine, e rimase un po' incerto se
andare o aspettare che la sposa si lasciasse persuadere dalla madre a entrare.
Comprendeva e compativa. Aveva coscienza che la sua persona triste, invecchiata, imbruttita, non poteva ispirare alla sposa né affetto né confidenza: si sentiva anche lui, il cuore pieno di lagrime.
Fino alla sera avanti s'era buttato ginocchioni a piangere come un bambino davanti a una crocetta di quel camposanto, per licenziarsi dalla sua prima moglie.
Non doveva pensarci più. Ora sarebbe stato tutto di quest'altra, padre e marito insieme; ma le nuove cure per la sposa non gli avrebbero fatto trascurare quelle che da tant'anni si prendeva amorosamente di tutti coloro, amici o ignoti, che dormivano lassù sotto la sua custodia.
Lo aveva promesso a tutte le croci in quel giro notturno, la sera avanti.
Alla fine Marastella si lasciò persuadere a entrare.
La madre chiuse subito la porta quasi per isolar la figlia nell'intimità della cameretta, lasciando fuori la paura del luogo.
E veramente la vista degli oggetti familiari parve confortasse alquanto Marastella.
- Su, levati lo scialle, - disse Mamm'Anto'.
Aspetta, te lo levo io. Ora sei a casa tua ...
- La padrona, - aggiunse don Lisi, timidamente, con un sorriso mesto e affettuoso.
- Lo senti? - riprese Mamm'Anto' per incitare il genero a parlare ancora.
- Padrona mia e di tutto, - continuò don Lisi. - Lei deve già saperlo.
Avrà qui uno che la rispetterà e le vorrà bene come la sua stessa mamma.
E non deve aver paura di niente.
- Di niente, di niente, si sa! - incalzò la madre. - Che è forse una bambina più?
Che paura! Le comincerà tanto da fare, adesso.
È vero? È vero?
Marastella chinò più volte il capo, affermando; ma appena Mamm'Anto' e le due vicine si mossero per andar via, ruppe di nuovo in pianto, si buttò di nuovo al collo della madre, aggrappandosi.
Questa, con dolce violenza si sciolse dalle braccia della figlia, le fece le ultime raccomandazioni d'aver fiducia nello sposo e in Dio, e andò via con le vicine piangendo anche lei.
Marastella restò presso la porta, che la madre, uscendo, aveva raccostata, e con le mani sul volto si sforzava di soffocare i singhiozzi irrompenti, quando un alito d'aria schiuse un poco, silenziosamente, quella porta.
Ancora con le mani sul volto, ella non se n'accorse: le parve invece che tutt'a un tratto - chi sa perché le si aprisse dentro come un vuoto delizioso, di sogno;
sentì un lontano, tremulo scampanellio di grilli, una fresca inebriante fragranza di
fiori.
Si tolse le mani dagli occhi: intravide nel cimitero un chiarore, più che d'alba, che
pareva incantasse ogni cosa, là immobile e precisa.
Don Lisi accorse per richiudere la porta.
Ma, subito, allora, Marastella, rabbrividendo e restringendosi nell'angolo tra la porta e il muro, gli gridò:
- Per carità, non mi toccate!
Don Lisi, ferito da quel moto istintivo di ribrezzo, restò.
- Non ti toccavo, - disse. - Volevo richiudere la porta.
- No, no, - riprese subito Marastella, per tenerlo lontano. - Lasciatela pure aperta. Non ho paura!
- E allora? - balbettò don Lisi, sentendosi cader le braccia.
Nel silenzio, attraverso la porta semichiusa, giunse il canto lontano d'un contadino che ritornava spensierato alla campagna, lassù, sotto la luna, nella frescura tutta impregnata dell'odore del fieno verde, falciato da poco.
- Se vuoi che passi, - riprese don Lisi avvilito, profondamente amareggiato, - vado a richiudere il cancello che è rimasto aperto.
Marastella non si mosse dall'angolo in cui s'era ristretta. Lisi Chìrico si recò
lentamente a richiudere il cancello; stava per rientrare, quando se la vide venire
incontro, come impazzita tutt'a un tratto.
- Dov'è, dov'è mio padre? Ditemelo! Voglio andare da mio padre.
- Eccomi, perché no? è giusto; ti ci condùco,
- le rispose egli cupamente. -
Ogni sera, io faccio il giro prima d'andare a letto.
Obbligo mio. Questa sera non lo facevo per te. Andiamo.
Non c'è bisogno di lanternino. C'è la lanterna del cielo.
E andarono per i vialetti inghiaiati, tra le siepi di spigo fiorite.
Spiccavano bianche tutt'intorno, nel lume della luna, le tombe gentilizie e nere per
terra, con la loro ombra da un lato, come a giacere, le croci di ferro dei poveri.
Più distinto, più chiaro, veniva dalle campagne vicine il tremulo canto dei grilli e, da lontano, il borboglio continuo del mare.
- Qua, - disse il Chìrico, indicando una bassa, rustica tomba, su cui era murata una
lapide che ricordava il naufragio e le tre vittime del dovere.
- C'è anche lo Sparti, - aggiunse, vedendo cader Marastella in ginocchio innanzi alla tomba, singhiozzante.
- Tu piangi qua, lo andrò più là; non è lontano.
La luna guardava dal cielo il piccolo camposanto su l'altipiano.
Lei sola vide quelle due ombre nere su la ghiaia gialla d'un vialetto presso due tombe, in quella dolce notte d'aprile.
Don Lisi, chino su la fossa della prima moglie, singhiozzava:
- Nunzia', Nunzia', mi senti?

Luigi Pirandello

da "Novelle"
Fabbri Editore






"Prima notte di Luigi Pirandello" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti e poesie di Pirandello

Articolo più letto relativo a Racconti e poesie di Pirandello:
Il treno ha fischiato di Luigi Pirandello

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Mi chiedi parole. [ 0 commenti - 11 letture ]
 La famiglia [ 0 commenti - 9 letture ]
 Superluna nella notte del 3 dicembre [ 0 commenti - 35 letture ]
 Avevi sangue finto [ 3 commenti - 63 letture ]
 William Adolphe Bouguereau [ 0 commenti - 38 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy