Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 175
Totale: 175
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Stories Archive
03: coppermine
04: News
05: News
06: Home
07: coppermine
08: coppermine
09: Home
10: News
11: coppermine
12: News
13: Home
14: coppermine
15: Home
16: Search
17: coppermine
18: Home
19: Home
20: Home
21: Stories Archive
22: coppermine
23: News
24: Stories Archive
25: coppermine
26: coppermine
27: Home
28: Home
29: News
30: Home
31: Search
32: Home
33: Home
34: coppermine
35: coppermine
36: coppermine
37: News
38: coppermine
39: coppermine
40: coppermine
41: News
42: Forums
43: Forums
44: Home
45: coppermine
46: News
47: Home
48: Stories Archive
49: coppermine
50: Home
51: coppermine
52: Home
53: Home
54: News
55: Stories Archive
56: News
57: News
58: News
59: coppermine
60: News
61: coppermine
62: Home
63: coppermine
64: Home
65: Home
66: Home
67: Stories Archive
68: News
69: coppermine
70: Forums
71: Search
72: coppermine
73: Home
74: Home
75: Search
76: Home
77: coppermine
78: coppermine
79: coppermine
80: Search
81: News
82: Home
83: Home
84: coppermine
85: Stories Archive
86: coppermine
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: News
93: Stories Archive
94: coppermine
95: Search
96: Home
97: coppermine
98: Home
99: Home
100: Home
101: coppermine
102: coppermine
103: coppermine
104: Home
105: News
106: Home
107: coppermine
108: Forums
109: Home
110: coppermine
111: Home
112: Search
113: Home
114: Home
115: coppermine
116: News
117: coppermine
118: Home
119: Home
120: coppermine
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: Home
125: Home
126: coppermine
127: coppermine
128: coppermine
129: Home
130: coppermine
131: coppermine
132: Statistics
133: Home
134: Forums
135: coppermine
136: coppermine
137: Home
138: Home
139: News
140: coppermine
141: Home
142: Home
143: coppermine
144: News
145: Home
146: Home
147: News
148: coppermine
149: News
150: Home
151: News
152: Search
153: Home
154: coppermine
155: News
156: Stories Archive
157: coppermine
158: coppermine
159: Stories Archive
160: Stories Archive
161: Home
162: Home
163: News
164: coppermine
165: News
166: Stories Archive
167: News
168: News
169: coppermine
170: News
171: Home
172: Search
173: coppermine
174: Home
175: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8547
  · Viste: 1290756
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Le nove vite del gatto
Le nove vite del gatto
Postato da Grazia01 il Giovedì, 10 aprile @ 08:45:39 CEST (1130 letture)
Leggende e fiabe  I

Le nove vite del gatto

Un vecchio gatto, emerito matematico ma molto distratto e incredibilmente pigro, sonnecchiava all'entrata del tempio. Ogni tanto, socchiudeva un occhio per contare le mosche dei dintorni e ripiombava quasi subito nella sua dolce letargia.
Shiva passò di là per caso. Meravigliato dalla grazia tutta naturale che l'animale aveva comunque conservato, malgrado la pinguedine accumulata durante i lunghi ozi, il Signore del Mondo gli chiese:
«Chi sei e che cosa sai fare?».


Senza nemmeno socchiudere le palpebre, il felino borbottò:
«Sono un vecchio gatto, molto sapiente, e so contare alla perfezione».
«Magnifico! E fino a che numero riesci a contare?»
«Vediamo un po' ... posso contare fino all'infinito!»
«In questo caso, fammi un piacere. Conta per me, amico mio, conta ... »
Il gatto si stirò, sbadigliò, poi, con fare scontroso, cominciò:
«Uno ... due ... tre ... quattro ... ».
Ogni numero veniva pronunciato con una voce sempre più fioca e vaga. Al sette, il vecchio gatto era quasi addormentato. Al nove, ormai russava, immerso in un sonno beato.
«Poiché sei capace di contare soltanto fino al nove» decretò il grande Shiva, sovrano delle Sfere celesti, «io ti concedo nove esistenze.» E fu da quel giorno che i gatti ebbero nove vite.
Ma Shiva, che era anche un raffinato filosofo, meditò a lungo. Il vecchio gatto saggio gli aveva assicurato che sarebbe stato in grado di 'contare fino all'infinito. Certo, si era fermato al numero nove e poi si era addormentato profondamente. Ebbene, il sonno, senza nome, senza forma e senza pensiero logico, non era forse una prefigurazione dell'infinito?
Allora Shiva completò il suo decreto: al termine delle nove vite, il gatto avrebbe avuto accesso direttamente alla felicità suprema.



Nel corso della sua prima vita, il gatto deve dedicarsi essenzialmente alla caccia per rendere i suoi denti aguzzi e i suoi artigli ben affilati, deve imparare a correre veloce, ad arrampicarsi sugli alberi più alti e a tenersi in equilibrio su una grondaia. Deve inoltre sviluppare alcune qualità quali 1'astuzia e la malizia, oltre all' arte dell'inganno e della truffa.
La sua seconda vita è interamente consacrata al riposo: sbadiglia, si stira, sonnecchia, interrompendo le sue abituali attività solo per divorare in un boccone un merlo presuntuoso, un sorcio distratto o un topo malaticcio.
La sua terza incarnazione è scandita dal rispetto di determinati rituali. Ogni giorno il gatto deve compiere gesti precisi e ripetere pause ben determinate. Deve scegliere il posto che occuperà nel corso del mattino, della sera e poi della notte. Imparare a girare più volte su se stesso, per rendere omaggio ai quattro punti cardinali. Iniziarsi al tracciato degli itinerari che percorrerà. E poi, sopra ogni cosa, deve dedicarsi al rito sofisticato del gioco con le sue prede: dopo averle azzannate, deve far finta di lasciarle scappare, per riacciuffarle in extremis, lasciarle di nuovo libere, il tempo di una fuggevole speranza, per poi riagguantarle, ghermirle ancora ansimanti, tenerle nelle fauci, allargare la stretta, gettarle lontano con un tocco della zampa per balzare subito su di loro e divorarle golosamente - becco, piume, peli, ossa, coda, in un boccone.
Nella sua quarta esistenza, il gatto fa voto di povertà. Libero e solitario, batte la campagna ed esplora la città, osservando con occhio critico gli uomini, i loro strani costumi, i loro modi aberranti, la loro follia molto spesso suicida. Generalmente, è costretto a mendicare il cibo. In questa vita, pratica assiduamente lo yoga dei gatti, le cui posizioni più note sono: lo stiramento, con zampe in avanti, posteriore alzato e coda in verticale; la schiena ad arco; e l'attesa, con le zampe ripiegate, le pupille semichiuse e un' espressione perfidamente innocente e falsamente indifferente.
La sua quinta vita si svolge in comunità. Vivendo tra orde di gattacci, più o meno selvatici, elegge il suo domicilio tra le rovine, nei giardini pubblici o nei sotterranei. Questa esperienza di gruppo gli permette di identificarsi in un essere assai singolare, unico e assai poco adatto a frequentare altre creature.
Nella sua sesta incarnazione; il gatto può essere ormai considerato un saggio, un guru perfetto. Deve allora cercarsi un discepolo tra gli umani. Abitualmente mette gli occhi su un intellettuale, un artista, un bibliotecario oppure su un animo assai romantico e sensibile. Ma a volte, preferisce una nonna ben paffuta e golosa che gli prepara con cura ottimi bocconcini, in una vecchia casa, piena di morbidi cuscini e di angoli bui.
La settima vita è il momento dei grandi interrogativi. Per esempio, da dove vengono tutti i riflessi che nel corso dell' estate danzano sui muri e come agguantarli? A quale insolente e curiosa creatura appartengono quei fili di lana o quei pezzi di corda che spesso si attorcigliano sul pavimento o sulla moquette? Perché le mosche si accaniscono così tanto a voler passare attraverso i vetri? Perché, a volte, il cielo si mette a tuonare, a tossire e a ruggire come una grossa bestia feroce a cui hanno pestato la coda? Simili enigmi e prodigi finiscono per turbare anche le menti meglio temprate, da cui derivano alcuni brevi eccessi di follia, nel corso dei quali il gatto si mette a saltare sul posto, con il pelo tutto dritto e poi si lancia in una corsa frenetica e caotica. Conclude questa settima vita in uno stato di profonda prostrazione.
Nel corso dell' ottava esistenza, si avvicina ai simboli fondamentali. Come quello del cerchio formato dal suo cesto. O quello della verticalità, grazie a tutti i soprammobili e a tutti quei piccoli oggetti che si esercita a far cadere dal tavolo o dalla credenza. li simbolo dell' orizzontalità entra in lui grazie a tutte quelle bestiole che spia per intere ore, ventre a terra. E, soprattutto, il simbolo del passaggio da un livello normale della coscienza a un livello superiore: la preziosa gattaiola.
Nella nona e ultima tappa, il gatto percepisce chiaramente la vanità di tutte le cose e l'irrilevanza di ogni grande interrogativo. Solo allora niente gli sembrerà più importante o più urgente di un buon sonnellino. In pratica, trascorre il suo tempo dormendo e accede così all'illuminazione definitiva.
Taluni gatti, segnatamente tibetani, scelgono per compassione di continuare il ciclo delle incarnazioni, per poter prodigare i loro insegnamenti a quegli imbecilli degli umani. Vengono chiamati «bodhi-gatti-sattva».


l Dalla espressione indiana, bodhisattva, composta di due parole: bodhi che significa saggio e sattva, stato, qualità.
Essa viene usata per coloro che hanno ormai raggiunto tutti i gradi della perfezione. (N.d.T.)


Da "Racconti che fanno le fusa"
di Julia Deuley





"Le nove vite del gatto" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Leggende e fiabe I

Articolo più letto relativo a Leggende e fiabe I:
Leggenda di Capodimonte di Matilde Serao

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il 12 ottobre... [ 1 commenti - 29 letture ]
 Auguri e congratulazioni Miriam [ 0 commenti - 19 letture ]
 Il 9 ottobre del 1983 nacque Mario de Andrade [ 0 commenti - 29 letture ]
 Poesie sulla spranza [ 0 commenti - 43 letture ]
 La donna che voglio diventare [ 1 commenti - 43 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy