Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 240
Totale: 240
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: coppermine
07: News
08: Search
09: coppermine
10: News
11: News
12: coppermine
13: Your Account
14: Home
15: News
16: Home
17: coppermine
18: News
19: News
20: coppermine
21: coppermine
22: coppermine
23: News
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: News
29: News
30: Home
31: Stories Archive
32: Home
33: News
34: Home
35: Home
36: Home
37: coppermine
38: coppermine
39: News
40: Home
41: coppermine
42: News
43: Home
44: Statistics
45: Search
46: Home
47: Stories Archive
48: Home
49: coppermine
50: News
51: Home
52: Home
53: coppermine
54: Your Account
55: Home
56: News
57: Home
58: coppermine
59: Home
60: coppermine
61: Home
62: Home
63: coppermine
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Stories Archive
69: coppermine
70: coppermine
71: Home
72: coppermine
73: Home
74: coppermine
75: Search
76: coppermine
77: News
78: Home
79: coppermine
80: Home
81: coppermine
82: coppermine
83: coppermine
84: coppermine
85: Home
86: Home
87: Stories Archive
88: coppermine
89: coppermine
90: coppermine
91: coppermine
92: News
93: coppermine
94: coppermine
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Stories Archive
100: coppermine
101: News
102: coppermine
103: Stories Archive
104: Search
105: News
106: Home
107: News
108: Home
109: coppermine
110: News
111: Home
112: coppermine
113: News
114: coppermine
115: News
116: coppermine
117: coppermine
118: News
119: Home
120: Statistics
121: coppermine
122: Home
123: Home
124: Stories Archive
125: News
126: coppermine
127: News
128: Home
129: Stories Archive
130: coppermine
131: Home
132: Stories Archive
133: News
134: Home
135: News
136: Home
137: Home
138: Home
139: coppermine
140: Home
141: News
142: News
143: News
144: Home
145: News
146: Home
147: coppermine
148: Home
149: coppermine
150: Home
151: coppermine
152: Home
153: coppermine
154: Stories Archive
155: Home
156: coppermine
157: Home
158: News
159: Home
160: Home
161: coppermine
162: Home
163: Home
164: coppermine
165: Home
166: Home
167: News
168: News
169: Topics
170: Your Account
171: News
172: Home
173: Home
174: Home
175: coppermine
176: coppermine
177: Home
178: coppermine
179: News
180: Home
181: coppermine
182: News
183: coppermine
184: Topics
185: Home
186: News
187: coppermine
188: coppermine
189: coppermine
190: coppermine
191: Search
192: Home
193: News
194: Home
195: News
196: News
197: Home
198: coppermine
199: coppermine
200: Home
201: News
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: News
207: News
208: Your Account
209: Home
210: Home
211: Home
212: News
213: Home
214: coppermine
215: coppermine
216: News
217: News
218: Home
219: News
220: coppermine
221: Forums
222: coppermine
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: News
229: News
230: coppermine
231: Stories Archive
232: Home
233: Home
234: News
235: Stories Archive
236: Stories Archive
237: Home
238: Home
239: Home
240: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8601
  · Viste: 1336148
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Diario di viaggio - Le Gole del Verdon
Diario di viaggio - Le Gole del Verdon
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 04 giugno @ 20:14:37 CEST (3338 letture)
Natura e capolavori nel mondo

continua da...

Secondo giorno

Partiamo presto, il traffico a Tolone è scarso, è domenica e la città dorme ancora. La nostra meta sono le
Gole del Verdon



Sui paesaggi del Verdon, Marc Guitenny ha scritto:

Per un paese è come per un uomo; quando al primo incontro si apre la porta del sublime, lo si vuole conoscere meglio, per amarlo meglio. In un autunno che aveva sparso l'oro e la porpora della stagione, ultimi fuochi dell'estate così ho conosciuto il Verdon. In quest’aspra regione delle gole, che custodisce scritta nel gigantesco caos delle sue falesie, la storia e la nascita del mondo, a Moustiers-SainteMarie, tappa d'arte, di poesia e di leggenda, nascosta in quest’oasi d’acqua e di verde che si apre sulla valle, ora lago SainteCroix. Il legame comune è il fiume. Ora ruscello, ora torrente, ha nutrito le rive con la sua linfa e i suoi straripamenti, dando origine, nel corso dei millenni, alle [/url]Continua daimmagini presenti. L'acqua, sorgente di vita ... L'acqua segreta e misteriosa proveniente da molto lontano, forse dal paese delle nevi attraverso le montagne, sgorga sul fianco di una collina soleggiata. Da nessun’altra parte le sorgenti sono più amate, più desiderate che in questo paese dalle stagioni cocenti. Sulla crosta rocciosa della HauteProvence, sono la vita, il seme, la fecondità. L'acqua, sorgente di vita, riunisce gli uomini attorno alle sue fonti, delimita con la sua presenza l'ubicazione del villaggio, che incastonato di case dorate, si arrampica a spirale all’assalto del cielo. In questi paesaggi di grandezza ed armonia, quando la natura provoca quest’incontro del limo dal sole e dall'acqua, è perché forse voluto qui un angolo del paradiso terrestre. Si può allora evocare le prime parole della Genesi: all'inizio Dio creò il cielo e la terra; nel blu del Firmamento egli posò il sole dai raggi di miele, la luna e le stelle per la notte del pastore. Egli scavò gli oceani, i fiumi ed i torrenti. Piantò fra gli alberi meravigliosi, l'olivo per i rami di pace, le piante e i fiori ricchi di colore e di profumo. Poi tutti gli animali della terra, i pesci dei Fumi e gli uccelli del cielo. Egli inviò la pioggia, per soffocare la sete e nutrire le sorgenti, il vento carico delle pene raccolte sulla angoscia del mondo e che culla i rami, ed anche il mistral che inclina il paesaggio verso il mare spazzando il cielo dai resti delle nuvole. Un giorno, infine, vicino ad una sorgente, creò l'uomo che si aggrappa alla terra, gli strappa il nutrimento e comincia, come il fiume, il suo lungo cammino che l'ha condotto fino a noi.



Queste fantastiche gole si sono formate in centinaia di milioni di anni, ed ecco come:


I tempi geologici

L'Era primaria. 500 milioni di anni fa e nel corso di 300 milioni di anni, la Provenza emerge lentamente contemporaneamente all'Italia, appoggiandosi sulla catena ercinica che taglia L'Europa dall'Esterel e dai Maures, alla Bretagna e alla Boemia. L'Era secondaria (125 milioni di anni fa): durante il primo periodo detto triasico, la Provenza comincia a cedere. Nel secondo periodo detto giurassico conclude l'abbassamento. La scarsa profondità delle acque nella regione del Verdon favorisce la nascita di calcari corallini. Infine, il terzo periodo detto Cretaceo, vede la lenta risalita dei fondali sotto la pressione del sollevamento dei Pirenei. Durante l'Era terziaria, per 70 milioni di anni, si avvia il sollevamento delle Alpi che respinge il mare verso sud e si innalzano delle colline parallele che si appoggiano sui massicci del Maures e dell'Esterel.Nel corso dell'era quaternaria (2 milioni di anni), grandi precipitazioni piovose sulle Alpi raschiano il giovane e gigantesco ammasso montagnoso di tutta la sua terra, trascinando nei torrenti i materiali strappati al passaggio per rigettarli nelle valli, il che ha formato, fra l'altro, l'altipiano di Valensole. Pieno di tutti i prodotti di erosione, il torrente straripa con violenza inaudita dal suo letto troppo stretto. Scava le grotte, penetra nei sotterranei, rimuove le rocce, rompe le volte, oltrepassa gli ostacoli. Lo sprofondamento del continente tirreniano che apre la conca mediterranea, trascina le correnti verso il sud svuotando i mari interni della Provenza. In questo scenario dantesco, dopo aver fatto saltare le barriere di Castillon e di Castellane, dopo aver bulinato le barre dì SaintJean, le chiuse di Chasteuil, modella il paesaggio e si presenta davanti alle gole.



Il torrente

Il Verdon, ora domato, affluente della Durance, nella quale confluisce a sud di Manosque, ha la sorgente verso Barcelonette nelle Alpi dell’Alta Provenza. Esso occupa nel tratto più bello, il fondo delle magnifiche Gole, le più famose delle quali formano il gran Canon. Lo spettacolo è impressionante e può essere paragonato, sebbene più modestamente, al Colorado. Il torrente ha trovato il percorso attuale alla fine dell'era quaternaria in questa fenditura gigantesca scavata come una piaga nell'altopiano calcareo, approfittando di una frattura geologica naturale e corrodendo, nel corso di milioni d’anni, gli ostacoli alla corsa verso il mare. Per utilizzare questa faglia, ha dovuto rodere la base delle falesie, trascinando e portando avanti i ciottoli, dilagare le sue acque, rompere gli argini, erodere le pareti, far saltare le minime debolezze della roccia, aiutato in questo lavoro dai cambiamenti climatici fra cui il disgelo del periodo glaciale. Tutti questi sconvolgimenti hanno dato origine, alla fine dell'era quaternaria, al paesaggio grandioso che noi oggi conosciamo.
Il tratto del Verdon, si estende da Castellane al Lago SainteCroix, ossia per una distanza di 40 km, che comprende il gran canyon (20 km), il quale dal Point sublime a Aiguines stringe il torrente fra falasie che raggiungono fino a 700 m di strapiombo.
La pendenza media è dell’1% più o meno evidente nel tragitto. La portata è debole da 8 m3 a 30 m3 a seconda che le dighe di Castillon e Castellane, costruite a monte, abbiano regolarizzato il flusso. Prima di queste opere, durante il periodo delle piene, la portata raggiungeva gli 800 m3 ed è certo che questa non era che una pallida immagine del volume d'acqua durante i periodi delle grandi precipitazioni che gli hanno permesso questo impressionante lavoro d’erosione. E' probabile che la strettezza delle gole, che frenava lo scorrimento delle acque, abbia obbligato il Verdon a cercare dei passaggi sotterranei, alcuni dei quali, dopo essersi riuniti sotto l'altipiano di Canjures, alimentavano la risorgiva di Fontaine l'Eveque, ora prigioniera del lago. Nel corso della sua traversata delle Gole, il Verdon riceve le acque dell'Artuby e di numerose sorgenti e risorgive e, in periodo di piogge, le acque di ruscellamento e di ritenzione degli altipiani delle PreAlpi.

Lungo il tragitto ci fermiamo per un caffè in un paese di cui non ricordo il nome, e notiamo una "patisserie" con l'effigie di Fernandel pitturata sulla facciata dell'edificio.



Ricomincia a piovere e temiamo che la nostra gita sia rovinata, ma il paesaggio è davvero incantevole malgrado il maltempo.



Ha smesso di piovere e ci fermiamo a Castellane.

Venendo dalla Costa azzurra per Grasse o dalla Savoia per Digne, dalla route de Napoléon, Castellane è una porta naturale di accesso alle Gorges e la sua storia è legata alla regione per la sua posizione d’incrocio strategico. La città è famosa per il dirupo che domina la città da 184 m di altezza sul quale è costruita la cappella NotreDame du Roc, edificata sui resti di un’antica costruzione romana. Questa rupe fu fortificata e servì da rifugio agli abitanti dell’antica città di « Salinoe » ai tempi delle invasioni barbariche. Divenuta troppo piccola per la popolazione, la città si allargò ai piedi della falesia, difesa da una cinta che si ricollegava alle difese della rupe. Dalla piazza si può vedere sulla collina una torre pentagonale, vestigia dell’antica fortificazione. La Basilica SaintVictor merita una visita. La città, felicemente situata nella valle del Verdon, ospita, sempre più, villeggianti nei numerosi alberghi e nei piacevoli campeggi lungo il Verdon.
Vi si possono fare delle belle passeggiate verso la diga a monte (Castillon, Chaudanne) e nelle Alpi della Haute-Provence. Da Castellane, il giro ci riconduce al Pont de Soleils attraverso una strada che segue i meandri del fiume. Lasciando la città si scorge, impigliate nella crosta delle falasie, le rocce dolomitiche di Cadières de Brandis come vecchie muraglie di un castello in rovina, poi le barre di SaintJean e le chiuse di Chasteuil modellate dal torrente, a strapiombo sulla strada che fiancheggia il Verdon. Castellane è oggi un luogo di villeggiatura privilegiato. Numerosi alberghi e campeggi lungo il Verdon, offrono possibilità di soggiorno dalla primavera all'autunno. Un clima solare, paesaggi superbi, attività per il tempo libero lungo le rive del lago, tutta una panoplia di proposte di vacanza in mezzo ad una natura protetta.



Qui s'intravede la cima della Cappella Notre-Dame du Roc appollaiata sulla cima di una roccia come una sentinella benevola. L’edificio attuale è del 1703. E’ raggiungibile costeggiando le vestigia del recinto della città che risalgono al XIV secolo. Le mura con la Torre Pentagonale fortificata da piombatoie.



La Chiesa Saint-Victor costruita dai monaci dell’Abbazia Saint-Victor di Marsiglia alla fine del XII secolo.

Entriamo nella Chiesa Saint-Victor, e seguiamo per un po' la Santa Messa, è strano come sia difficile pronunciare le preghiere nella propria lingua sentendole in lingua francese. Non posso scattare fotografie durante la funzione anche se la meraviglia dell'interno lo meriterebbe. Giriamo poi per Castellane curiosando nei vari negozietti di souvenir, svettano a decine i sacchettini di lavanda, grosse cicale colorate di vari materiali che riproducono il verso, qui molto in voga, saponette e saponi di Marsiglia ed oggetti in ceramica.



Più avanti ci fermiamo in un bel ristorantino dove ci servono pietanze deliziose, degne, finalmente della buona nomea della cucina francese.

La strada che serpeggia fra Castellane e il Pont de Soleils si restringe poco a poco sulle gole. Lasciando Castellane, le rupi delle Cadières di Brandis si innalzano sulla falesia come rovine di un vecchio castello. La scada segue i meandri del Verdon, s’infila sotto le chiuse di Chasteuil fino al ponte di Soleils ; da quest’incrocio, la strada dà accesso alla corniche sublime per Trigance e prosegue per Comps, che è un'altra porta delle gole (Draguignan e la costa). Dopo l'attraversamento dell'altipiano a 1000 m di altitudine, la strada dei « balcons », fra bei paesaggi, raggiunge la zona delle gole. Di fronte all'ansa della Mesda, dei belvedere molto bene piazzati offrono del fondo, vertiginose « vedute », mentre sull'altra riva, si scorge molto più in alto, il canaletto della route des cretes. Il Verdon non è riuscito a rompere la falesia e aggira l'ostacolo. Dalla Mescla, una strada tracciata in una macchia di bosso, conduce ad Artuby il cui ponte in cemento, ad una sola arcata, attraversa con eleganza i 110 m di strapiombo. Una sosta permette la scoperta del torrente che brontola nel fondo delle gole 100 m più in basso. Un sentiero che si arrampica sull'altopiano conduce a vasti orizzonti sull'Artuby e alla cima del Collet Barris che domina la route des Cretes.

E' su questo ponte che vediamo un impianto per il salto con l'elastico, ed un coraggioso che si getta in un volo che sembra non finire mai.



Dall'Artuby, il sentiero sale sul margine della gola al Col de Fayet (935 m), il cui tunnel scavato in cima alla falesia dà sulla « Baume aux Boeufs » e sul défilé des Baumes Fères (Baume = grotta, Fères = bestie selvagge).
Da questa zona elevata, il giro scende verso i Cavaliers, gigantesca falesia che cade in verticale fino al Verdon che scorre 300 m più giù.
Se oggi la realizzazione di quest'opera ci sembra banale, al momento della costruzione considerata una prodezza della tecnica.
Il ponte, sostenuto da una sola arcata sulla voragine, ha aperto la via alla corniche sublime, il più bel giro delle gole.



A monte di Castellane, il Verdon, dal colle d'Allos e Colmar, drena delle valli a carattere alpino prima del suo arrivo a Salamandre; da questo paese, dei bacini d'invaso e delle dighe hanno formato dei laghi artificiali che hanno contribuito notevolmente alla bellezza dei paesaggi. Alla fine del giro, sotto il Galetas, il Verdon sfugge alla morsa della gole per raggiungere il lago sotto il ponte d'Aiguines; questo percorso offre una bellissima vista sulla distesa d'acqua e ci conduce vicino al lago e a Moustiers SainteMarie
che costituisce la tappa fondamentale del viaggio.

Ed eccoci a Moustiers Sainte-Marie

Giono che ha decantato così bene la Provenza ne parla così: "Bruscamente, dopo una svolta della strada, si entra a Chatelet, una sera in cui si sarebbe recitato in modo spettacolare la Passione di Arnould Greban. Ecco Betlemme, ecco il Golgota sognati da Hubert Robert, e vicino a voi, ai bordi della strada, le praterie, i salici piangenti, le sorgenti, i ruscelli. E qui ambientava la sua mitologia ... la messa in scena deve essere costata un occhio della testa. »

Moustiers, tappa di poesia, di arte, e di leggende, nascosta in questo paradiso di sorgenti, di sole e di vegetazione, splendidamente posizionata fra Draguignan, Castellane e Manosque vi ospita, oasi di riposo all'uscita delle gole del Verdon o del lago Sainte-Croix.Ascoltiamo la sua storia: per la sua posizione privilegiata,
Moustiers deve accogliere molto presto l'habitat di una popolazione religiosa e profana. La vicinanza di Riez, capoluogo di colonia romana, le fa conoscere l'occupazione, sebbene in quest'epoca nessuna vera e propria città non sia ancora menzionata; tuttavia il periodo della « Pax Romana» ha favorito certamente i primi insediamenti in questo paese relativamente fertile in rapporto agli altipiani circostanti. Nel 454 St Maxime, vescovo di Riez, proveniente da Lerins, si fa raggiungere da una colonia di monaci. Essi trovano asilo nelle grotte calcare e scavate dalla natura ai piedi delle falesie, succedendo forse ad occupanti dell'epoca preistorica. Vi si sistemano senza dubbio degli edifici religiosi e delle costruzioni necessarie alla vita monastica. Da questi primi occupanti stanziali deriva il nome della città: MonasteriumMoustiers. Solo nel XV secolo gli è accostato il nome SainteMarie. Con la fioritura della vita religiosa nasce in questo periodo il culto di N.D. de Beauvoir (Notre-Dame d'Entre Roches) a seguito della costruzione della Cappella fra i due speroni di roccia a strapiombo.



Il lago Sainte Croix
Lasciando Moustiers e il suo scenario in direzione di Riez, si prende a sinistra la strada di Sainte Croix che sale a tornanti per raggiungere l'altopiano della lavanda o di Valensole.



Abbandonando il paesaggio di Moustiers, la strada scopre ben presto la distesa d'acqua che si allarga 200 m più in giù: il lago che copre una superficie di 2 500 ettari con una portata di 767 milioni di m3 alimenta per mezzo della diga l'industria di Sainte Croix, con una potenza di 136 000 kW e producendo circa 160 milioni di kW/h all'anno. Sainte Croix du Verdon è il paese che ha dato il nome al lago in seguito alla diga costruita sul suo territorio. E' arrampicato 50 m al di sopra della distesa d'acqua di fronte a Bauduen sull' altra riva, disponendo a terrazze le sue case costruite con ciottoli. Dalla strada a tornanti che domina il villaggio, i tetti dorati si stagliano sul lago. Lungo la strada recentemente aperta, la faglia geologica ci mostra i ciottoli ricoperti di terra, strappati dai monti alpini dal torrente. nel corso dell'era quaternaria.

Percorriamo tutto l'itinerario, costeggiamo il "gran canon", ed incontrando ad ogni svolta, e sono tantissime, panorami mozzafiato, il sole ha fatto capolino e possiamo vedere anche i laghi in tutto il loro splendore.

Torniamo a Tolone verso le 20, ceniamo, questa volta più celermente (la qualità del cibo non è nemmeno stasera di nostro gradimento) e poi tentiamo di nuovo un giro per Tolone, peccato che abbia ricominciato a piovere....ma non importa è stata una magnifica giornata.

continua...






"Diario di viaggio - Le Gole del Verdon" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Natura e capolavori nel mondo

Articolo più letto relativo a Natura e capolavori nel mondo:
Chiesa di Santa Caterina a Formiello

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Mi chiedi parole. [ 0 commenti - 11 letture ]
 La famiglia [ 0 commenti - 9 letture ]
 Superluna nella notte del 3 dicembre [ 0 commenti - 35 letture ]
 Avevi sangue finto [ 3 commenti - 63 letture ]
 William Adolphe Bouguereau [ 0 commenti - 38 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy