Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 74
Totale: 74
Chi è online:
 Visitatori:
01: Forums
02: Home
03: Search
04: Home
05: News
06: Home
07: Home
08: Home
09: News
10: coppermine
11: Home
12: Stories Archive
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Search
18: coppermine
19: News
20: Home
21: News
22: Search
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: coppermine
28: Search
29: Forums
30: Home
31: News
32: coppermine
33: News
34: coppermine
35: Home
36: Stories Archive
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: News
42: News
43: Search
44: Home
45: Forums
46: Home
47: Stories Archive
48: Statistics
49: Home
50: Home
51: Home
52: News
53: Home
54: News
55: Search
56: Stories Archive
57: Stories Archive
58: Home
59: Home
60: News
61: coppermine
62: News
63: Stories Archive
64: coppermine
65: Home
66: coppermine
67: Home
68: Home
69: Home
70: coppermine
71: Home
72: News
73: Home
74: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9063
  · Viste: 1924418
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › L'attesa - Miriam Ballerini
L'attesa - Miriam Ballerini
Postato da Grazia01 il Sabato, 13 maggio @ 18:32:28 CEST (1499 letture)
Poesie e racconti di Ballerini Miriam

Sono qui seduto e aspetto.
Sono morto da due anni e ancora nessuno si è accorto della mia assenza. Il mio corpo è sdraiato sul letto,
in una condizione pietosa e io, l'anima, gli sto seduta accanto, in attesa.
Sono morto all'età di 75 anni, a causa di un infarto.
E' stato improvviso, mi ha colto impreparato, nel sonno.
Non ho avuto il tempo di raccogliere nulla nella valigia per questo lungo viaggio. Infatti, morendo,
credevo che mi sarebbe toccato il più bel viaggio della mia vita, in un posto che ci è dato vedere solo con gli occhi chiusi.
Invece, mi hanno detto di sedere qui e di aspettare, finché qualcuno si fosse accorto della mia scomparsa.
Ogni tanto mi affaccio alla finestra a guardare la vita scorrere in questa grande città,
forse troppo grande, ormai, per un singolo individuo.
E pensare che abito in un palazzo con 25 famiglie, e non c'è nessuno a cui sia venuto da chiedersi
il perché di tutto questo silenzio proveniente dal mio appartamento.
La mia vita è stata lunga, anche se al momento di andarsene,
ci si guarda in giro per accertarsi che non si abbia tralasciato di fare qualcosa;
anche solo di lavare i piatti della sera prima, come banale scusa per restare.
Da giovane ho visto la miseria coi miei occhi, ritrovandomela nel piatto, cenando con minestra e lacrime.
Eppure, se posso sbilanciarmi, quando io ero solo un ragazzino coi calzoni corti e le sbucciature alle ginocchia,
nessuno sarebbe stato lasciato a morire da solo.
C'era sempre il vicino, un parente, qualcuno con meno soldi di te a tenderti una mano,
sporca per il lavoro della giornata in fabbrica, o nei campi, quanto la tua.
C'erano di quei profumi nell'aria: di fiori, di cibo, di verde, di sole, di letame;
sì, anche quello era un profumo in confronto a questo smog, abile come la mano di un borsaiolo.
Noi bambini si giocava di già lavorando, raccogliendo le pigne per la stufa a legna, o aiutando i nonni negli orti.
Eravamo tanto piccoli tutt'occhi, avidi di vita, curiosi e affamati.
Nel mio scheletro si nota una frattura saldata alla meno peggio.
E' qui, nel braccio. Me la sono procurata a nove anni, cadendo da un albero mentre rubavo le ciliegie.
Dopo essere caduto mi sono rialzato e via!
Di corsa, con alle calcagna il contadino che se mi avesse preso, me le avrebbe suonate di santa ragione!
I nostri torti erano tutto lì.
Mentre, adesso, tempo di cultura e di civiltà, iniziano già a cinque anni a dire parole
che io arrossirei nel pronunciarle ora che ne ho (avevo), 75.
Ho anche io due figli, maschi, assomigliano alla madre.
Era una bellissima donna la mia Marta.
E' venuta a trovarmi subito dopo la mia morte; lei, come tanta altra gente che, in questa avventura, mi ha preceduto.
E' morta dieci anni fa e, da allora, la nostra famiglia si è sciolta. I figli, di già sposati, se ne sono andati a stare lontano.
Io ho forse rinfacciato una volta di troppo il loro abbandono nei miei riguardi; loro, sentendosi colpevoli per questo,
ma anche sicuri di avere diritto di vivere la propria vita a modo loro, mi hanno sbattuto, infine, la porta in faccia.
Forse ci siamo pensati in tutto questo tempo, ma siamo sempre stati tre stupidi uomini orgogliosi,
così, nessuno di noi ha mai voluto fare il primo passo. Spero solo che almeno fra loro si parlino.
Gli amici che incontravo tutti i giorni al bar, quelli con cui sedersi intorno a un tavolo,
scommettendo un litro di vino giocando a carte, sono venuti a cercarmi tre giorni dopo la mia morte. Non ricevendo risposta,
Carmelo, che quando parla sputacchia tutti, ha detto: "Avrà fatto pace coi figli".
E Angelo, a cui tremano le mani reggendo le carte da gioco, ha risposto: "Sarà così".
Non li biasimo, ma quello che mi rattrista è che non mi hanno più cercato.
Non si sono mai domandati se fosse da me partire così, senza dire niente a nessuno e, soprattutto, non tornare più.
E così sono passati due anni dalla mia dipartita.
A volte squillava il telefono, prima che ne staccassero i fili per il mancato pagamento delle bollette.
Avrei voluto partecipare al mio funerale, con la morbosa curiosità che si ha un po' tutti,
per vedere chi ci ha voluto davvero bene e chi faceva finta.
A me è bastato restarmene qui, abbandonato con un cadavere ogni giorno più inguardabile, per capire.
***
Mi hanno trovato.
Quando ho sentito abbattere la porta, ho pianto.
Sono entrati due Vigili del fuoco e dietro l'amministratore.
L'ho guardato coprirsi il viso con la mano, soffocando un: "Mio Dio, che odore".
Cosa si aspettava? Che lo accogliessi ricoperto da petali di rosa?
Dopo avermi spedito varie ingiunzioni di pagamento, perché era da due anni che non pagavo l'affitto,
si sono decisi a venire a dare un'occhiata all'appartamento.
Gli inquilini hanno detto che ero una persona poco socievole, nessuno mi conosceva bene.
La realtà è che ero un vecchio, un vecchio solo.
Finalmente è stato celebrato il funerale; il prete, un ragazzo giovane, ha rimproverato la società.
E sia, mandiamoli tutti a letto senza cena.
Ora posso andarmene in pace.
Vorrei poter avere ancora il dono della parola, per raccontare la mia storia; o le mani,
per poter trascrivere quanto sia stato penoso il tempo in compagnia della mia solitaria attesa.
Ma, alle persone sensibili basterà ascoltare, al di sopra dei rumori del traffico, delle fabbriche,
del chiaccherio della gente, per udire la mia voce.


© by Miriam Ballerini

(Vincitore del II premio assoluto per la narrativa inedita al concorso internazionale A.U.P.I. 2004)

http://groups.msn.com/qlarlho801erm4ekf41ttn06e0





Argomenti associati

Poesie e racconti di Ballerini MiriamPoesie e racconti di Ballerini Miriam II

"L'attesa - Miriam Ballerini" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Poesie e racconti di Ballerini Miriam

Articolo più letto relativo a Poesie e racconti di Ballerini Miriam:
L'abbandono

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 4.85
Voti: 7


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 A tutte le donne [ 0 commenti - 7 letture ]
 "Fazzoletti Rossi" di Maria Facci [ 1 commenti - 24 letture ]
 Milano [ 0 commenti - 16 letture ]
 A volte [ 0 commenti - 9 letture ]
 Il giorno diventò piccolo [ 0 commenti - 11 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 21
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy