Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 88
Totale: 88
Chi è online:
 Visitatori:
01: Stories Archive
02: Stories Archive
03: Search
04: Forums
05: coppermine
06: Home
07: Home
08: News
09: Home
10: Home
11: News
12: Home
13: Forums
14: News
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: coppermine
31: Home
32: Home
33: Home
34: News
35: coppermine
36: Home
37: Home
38: Home
39: Stories Archive
40: Home
41: Home
42: coppermine
43: Home
44: Home
45: coppermine
46: Home
47: coppermine
48: Home
49: Home
50: coppermine
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: coppermine
58: coppermine
59: Home
60: Home
61: Stories Archive
62: coppermine
63: coppermine
64: Forums
65: Forums
66: Home
67: Home
68: Home
69: coppermine
70: Search
71: Home
72: Forums
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Stories Archive
78: coppermine
79: Home
80: News
81: Home
82: Home
83: coppermine
84: coppermine
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9085
  · Viste: 1925851
  · Voti: 432
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › La casa
La casa
Postato da Grazia01 il Martedì, 09 giugno @ 11:01:52 CEST (1569 letture)
Racconti I
La casa di cui parlo appartiene a persone che un tempo erano ricche e sono poi cadute in rovina. Ogni giorno la sua miseria si accresce di nuovi particolari. L'intonaco si stacca dalle pareti, i passeri saltellano sul vecchio pavimento e sbattono le ali nella polvere; le colombe si raggruppano nella cappella come nembi di nuvole in un cielo temporalesco.

Nessuno ha fatto caso al battente della porta verso nord, che si è spezzato precipitando; nessuno si cura dell'altra imposta che, come una vedova colpita dal dolore, è continuamente percorsa dal vento.
E' una casa con tre cortili, ma solo cinque stanze sono abitate, mentre le altre restano chiuse.
E' simile a un vecchio per il quale il ricordo del passato rappresenta ormai tutta la vita, e il momento presente non conta.
Con l'intonaco scrostato che mette a nudo i mattoni, la casa sta vicino alla strada come un pazzo che, immobile e coperto di stracci, non si cura né di se stesso né degli altri.
Una mattina presto udii un pianto di donna provenire da quella casa. Seppi poi che l'ultimo figlio di quella famiglia, un ragazzo che viveva facendo l'attore in una compagnia di dilettanti, era morto all'età di diciotto anni.
Le donne piansero per qualche giorno, poi la famiglia scomparve.
Da allora tutte le stanze rimasero chiuse, solo quell'unica imposta verso nord non fu chiusa né si ruppe: percossa dal vento batteva sempre come un cuore impaurito.
Poi un giorno, di pomeriggio, udii delle grida di bambini nella casa. Osservando di sfuggita nella veranda vidi che una veste femminile dal bordo rosso pendeva ad asciugare.


Dopo tanto tempo degli inquilini sono venuti dunque ad abitare almeno una parte della casa, ma sembra che sia una famiglia povera con molti figli. La moglie indolente s'annoia e bastona i piccoli, che piangono rotolandosi sul pavimento. Una serva di mezza età lavora sempre e litiga con la padrona minacciando di abbandonarla, ma poi rimane.
Su questo lato della casa vengono fatte piccole riparazioni ogni giorno.
Le fessure dei vetri sono state chiuse con la carta e hanno messo dei sostegni di bambù dove la ringhiera della veranda si era spezzata. La finestra cadente della camera da letto è stata rinforzata con dei mattoni e hanno imbiancato le pareti, senza riuscire tuttavia a far scomparire del tutto le macchie.
In un vaso sulla terrazza c'è una pianta malaticcia di croton, che sembri si vergogni d'essere nata e vicino a lei s'innalza un arbusto di aswatha (*), spuntato dal pavimento rosso, che sembra irridere la pianticella.
Grande è ora la povertà, come grande fu un tempo la ricchezza. I piccoli espedienti di una mano femminile cercano di coprire la decadenza, che si rivela comunque.
Nessuno però si è mai curato di quella stanza abbandonata nell'ala nord della casa. Flagellata dal vento la sua unica imposta si muove come un infelice che si percuota il petto per il dolore.

R.TAGORE






"La casa" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti I

Articolo più letto relativo a Racconti I:
Le stagioni

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Con il tempo ho imparato... [ 0 commenti - 10 letture ]
 Sognare [ 0 commenti - 9 letture ]
 addio Casatea [ 0 commenti - 82 letture ]
 Milano mia [ 0 commenti - 43 letture ]
 COME MUORE UN ANZIANO OGGI? [ 1 commenti - 72 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 27
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy