Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 246
Totale: 246
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: coppermine
03: Home
04: News
05: Home
06: Home
07: Home
08: coppermine
09: News
10: Home
11: coppermine
12: Home
13: Forums
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: News
20: Home
21: Forums
22: News
23: Stories Archive
24: Stories Archive
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Stories Archive
30: News
31: News
32: Home
33: coppermine
34: Home
35: News
36: News
37: News
38: Home
39: Home
40: Your Account
41: Forums
42: News
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: coppermine
48: News
49: News
50: coppermine
51: News
52: coppermine
53: Home
54: coppermine
55: News
56: Forums
57: News
58: Home
59: News
60: Stories Archive
61: Home
62: Home
63: Your Account
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Stories Archive
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: coppermine
78: Home
79: Home
80: News
81: News
82: Home
83: coppermine
84: Search
85: News
86: Search
87: Home
88: News
89: Home
90: Search
91: Home
92: coppermine
93: Home
94: News
95: Forums
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Stories Archive
101: Forums
102: Home
103: News
104: Home
105: coppermine
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: coppermine
113: News
114: Home
115: Home
116: Stories Archive
117: Home
118: Home
119: Home
120: Forums
121: News
122: News
123: coppermine
124: coppermine
125: Home
126: Home
127: Home
128: News
129: Home
130: Tell a Friend
131: Home
132: News
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Forums
141: News
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: News
148: Home
149: Home
150: Forums
151: News
152: coppermine
153: Stories Archive
154: Home
155: Home
156: Home
157: coppermine
158: Home
159: News
160: News
161: News
162: Home
163: Home
164: Home
165: coppermine
166: News
167: News
168: Home
169: Home
170: News
171: Home
172: Home
173: Home
174: Stories Archive
175: Home
176: Home
177: News
178: Home
179: Stories Archive
180: News
181: Home
182: Stories Archive
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: coppermine
188: Home
189: coppermine
190: coppermine
191: coppermine
192: Home
193: Home
194: Home
195: News
196: Your Account
197: Home
198: Home
199: Stories Archive
200: Home
201: News
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: News
209: coppermine
210: Home
211: Home
212: News
213: News
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Stories Archive
222: Your Account
223: Forums
224: Home
225: Home
226: News
227: Stories Archive
228: Home
229: coppermine
230: Home
231: News
232: News
233: Forums
234: Home
235: Home
236: News
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: News
242: Stories Archive
243: Home
244: coppermine
245: coppermine
246: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9063
  · Viste: 1924415
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › LE PIACE SALIERI?
LE PIACE SALIERI?
Postato da Grazia01 il Martedì, 07 settembre @ 19:24:51 CEST (1525 letture)
Racconti II



LE PIACE SALIERI?

La giovane donna del palco numero 6 era graziosissima. Guardava nervosa il teatro che si riempiva. Aspettava qualcuno. Era sola e dava segni di insofferenza. Il ventaglio non trovava pace nelle sue mani sottili e le stecche di avorio venivano aperte e chiuse con discontinuità. Quando si sporgeva dalla balconata, lasciava intravedere un seno di madonna rinascimentale, schivo ma voluttuoso. Lo ammirò un signore che da parecchi minuti stava osservando i movimenti della giovane col suo binocolo da teatro.


Costui era seduto in un palchetto dello stesso ordine proprio di fronte a quello dell' affascinante signora. Vestiva di nero, era alto, gracile e di un pallore senza speranza. Lei lo ravvisò e ne seguì un cenno di saluto. Poi, avvampò in viso per l'imbarazzo.
Sonò il primo gong. Erano passate le ventuno e l' opera La grotta di Trofonio stava per iniziare. Lo stridio degli strumenti crebbe e così pure il trambusto causato dagli incolti che amano tardare. Fu in quegli attimi che Antonio, così si chiamava il signore vestito di nero, vide entrare un uomo brutto e sgraziato nel palco numero 6. Mise a fuoco il binocolo per osservarlo meglio. Pareva l'immagine stessa della sgradevolezza: piccolo, obeso, mezzo pelato, con la testa sproporzionata nei confronti del corpo. In più, sudava come un facchino, ma - a dispetto di quest' ultimo - portava al mignolo della mano destra un magnifico solitario. L' unica cosa che lo salvava era l'eleganza, un'eleganza non sobria, bensì sfacciata.
La graziosa occupante del palco numero 6 accolse quell' uomo con un gelido sorriso. Lui la baciò sulla guancia, quindi si accomodò sulla poltroncina. Un leggero battimano annunciò l'ingresso del direttore d'orchestra.
Il primo atto fu accolto tiepidamente dal pubblico. La trama del dramma giocoso non era delle migliori. Chi entrava nell'antro del mago e filosofo Trofonio poteva cambiare l'umore da serio a sereno e viceversa. Plistene, uomo di pensiero e ricco di brio, innamorato di Dori, una delle figlie di Aristone, fu il primo a sottoporsi alla prova. Poi toccò ad Artemidoro, un pedissequo imitatore di Socrate e di Platone, promesso a Ofelia, l'altra figlia di Aristone.
L' effetto che ne sortì fu disastroso. I due, ritornati dalle rispettive morose, dettero vita a divertentissimi contrasti, che generarono alfine aspre discussioni e prevedibili litigi.
La bella musica di Salieri sostenne, finché poté , la scipitezza della vicenda resa scandalosa da un libretto senza alcuna verve.
Appena le luci si riaccesero, Antonio si alzò in piedi e, con la scusa di applaudire i cantanti, puntò lo sguardo sul palco numero 6, giusto in tempo per vedere che il ricco d'un giorno, così definì malignamente il rivale, l'elegantone brutto come il peccato, venendogli in mente non a caso un'altra opera del Maestro di Legnago, se ne stava andando con aria strafottente. Si armò di coraggio e, in pochi minuti, fu dalla donna.
" Ciao. " le disse.
Lei batté le ciglia sensualmente, abbozzando un mezzo saluto.
" Con chi te la fai adesso? " volle sapere Antonio.
" L'hai visto tu stesso. "
" Meriteresti di meglio. Di', non ti vergogni? "
" Ha i soldi. E tanti. " ribatté la sua ex compagna.
" Qual è il suo nome? "
" Wolfang Amadé. "
" Me l' immaginavo. " borbottò in tono dimesso Antonio.
La donna aprì il ventaglio maliziosamente.
" Le sue industrie petrolifere gli fruttano miliardi. " precisò.
L' uomo dal pallore senza speranza strinse i pugni. Capì di essere un fallito, una nullità rispetto al nuovo re del petrolio. La sua piccola azienda era stata spazzata via dal novello magnate come una foglia dal vento autunnale. Debiti, operai licenziati, ufficiali giudiziari, un processo, quindi l' interdizione. E lei? La graziosa occupante del palco numero sei? Oh, lo aveva subito piantato in asso! Ella apparteneva a quel tipo di donna che non può rinunciare al lusso, pur a scapito dell' amore. Ma che cos' è l' amore? Esiste veramente? Si può ancora essere amati ?
Wolfang Amadé ritornò. Masticando un chewing gum, agitava un pieghevole della stagione teatrale. Guardò l'intruso con sprezzante distacco. Antonio si era alzato, ma i due evitarono di stringersi la mano. La donna rimase statuaria.
" Le piace Salieri? " gli domandò l' uomo vestito di nero.
Wolfang Amadé palesò tutta la sua grettezza.
" La ritengo musica di bassa lega, un esclusivo diletto di bande paesane. "
E aggiunse :
" Sono venuto qui solo per assistere a un fiasco. "
Antonio non perse il controllo di sé e replicò:
" Salieri è stato un grande compositore e oggi la critica lo sta giustamente rivalutando."
L' altro non fu della stessa opinione.
" Ancora due serate così e ritornerà nel dimenticatoio. " sogghignò beffardo.
" Non lo credo. " polemizzò Antonio. " Il pubblico sta apprezzando l' opera. "
Un colpo di gong pose fine alla discussione. Grappoli di persone animarono la platea. L' uomo vestito di nero si inchinò prima di accomiatarsi.
" Ma lei chi è, mi scusi? " si sentì chiedere da Wolfang Amadé.
" Un amico di Gloria. " disse caustico prima di chiudere la porta del palchetto.
Il secondo atto si aprì con Aristone che, informato degli ultimi avvenimenti, propose alle figlie di cambiare i propri innamorati per fare trionfare di nuovo la pace, ma tale idea fu rifiutata. Allora sia Plistene che Artemidoro, ignorando completamente che anche le loro donne erano entrate nella grotta, si sottoposero di nuovo all'incantesimo. Risultato: punto e da capo.
Trofonio, intanto, rivolto al pubblico, si lamentava che i giovani non capissero che la virtù e la saggezza non si trovavano mai agli estremi, bensì nel mezzo. Uno voleva imporsi su tutti i sapienti, l' altro godere di ogni piacere.
Dori e Ofelia, per potersi riconciliare coi loro morosi, dovettero entrare un'altra volta nell' antro del mago. Trofonio, nell'epilogo, predisse il futuro a tutti, ma nessuno volle più a che fare con lui. Lo stesso Aristone, al quale l'incantatore filosofo aveva mostrato la porta della magia, dopo avere deciso di non oltrepassarla onde evitare ulteriori guai, si allontanò dalla grotta.
Antonio pensò che la ripetizione dell' incantesimo non poteva essere né un accorgimento artistico né tanto meno drammatico, ciò nonostante Salieri era riuscito brillantemente a celare una simile debolezza con una musica piena di idee e vivacissima, utilizzando gli strumenti a fiato in maniera magistrale.
Gli applausi furono più calorosi che alla fine del primo atto. L' opera era sostanzialmente piaciuta. Scroscianti battimani per il basso, un cantante scozzese, e per il direttore d' orchestra, al quale fu riconosciuto il merito di avere proposto un lavoro assai raro e non certo di repertorio.
L' uomo vestito di nero si rallegrò del discreto successo dell' opera e quando il sipario calò e la gente cominciò a lasciare il teatro, si rimise a sedere sulla poltroncina del suo palco. Quello contrassegnato col numero 6 era già vuoto. Fece in tempo soltanto a vedere la sgradevole figura di Wolfang Amadé che si allontanava in grande fretta.
Una profonda tristezza invase Antonio. Chiuse gli occhi, attendendo che il teatro si vuotasse. La tenda rossa, quella del sipario, separava la finzione dalla realtà. O quest' ultima era ingannevole? Per un po' rimase unico attore e spettatore. Poi, a malincuore, dovette andarsene.
Fuori, tra gli orchestrali che discutevano davanti al bar degli artisti, udì un violinista dire: " Non è stato Salieri a uccidere Mozart, ma Puskin a uccidere Salieri. "
Antonio sorrise e mantenne il suo passo. Nei pressi di casa, si ricordò di dovere restituire la marsina. Ci avrebbe pensato l'indomani. Chissà , poi , quando gli sarebbe capitata di nuovo l' occasione di mettere piede in un teatro ...
" Maledetto Mozart! " borbottò.

Stelvio Mestrovich






"LE PIACE SALIERI?" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti II

Articolo più letto relativo a Racconti II:
Dente di leone

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 A tutte le donne [ 0 commenti - 7 letture ]
 "Fazzoletti Rossi" di Maria Facci [ 1 commenti - 16 letture ]
 Milano [ 0 commenti - 16 letture ]
 A volte [ 0 commenti - 9 letture ]
 Il giorno diventò piccolo [ 0 commenti - 11 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy