Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 178
Totale: 178
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: News
03: Home
04: Stories Archive
05: Forums
06: Home
07: Home
08: News
09: Home
10: Your Account
11: News
12: Home
13: Home
14: News
15: coppermine
16: Home
17: Home
18: News
19: Home
20: Stories Archive
21: Stories Archive
22: Home
23: Home
24: coppermine
25: Home
26: coppermine
27: coppermine
28: Home
29: Home
30: Stories Archive
31: coppermine
32: coppermine
33: Home
34: coppermine
35: Your Account
36: Stories Archive
37: Home
38: News
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: coppermine
44: News
45: Home
46: coppermine
47: News
48: News
49: coppermine
50: coppermine
51: Home
52: Search
53: Home
54: Search
55: News
56: Home
57: Home
58: Home
59: Search
60: Search
61: News
62: Home
63: News
64: Home
65: coppermine
66: Home
67: Home
68: Home
69: News
70: Search
71: Your Account
72: Home
73: News
74: News
75: Home
76: Search
77: Your Account
78: coppermine
79: coppermine
80: Search
81: Home
82: News
83: News
84: coppermine
85: Home
86: coppermine
87: Forums
88: coppermine
89: Home
90: Statistics
91: News
92: coppermine
93: Home
94: Stories Archive
95: coppermine
96: coppermine
97: coppermine
98: coppermine
99: coppermine
100: Search
101: coppermine
102: News
103: coppermine
104: Home
105: Stories Archive
106: Stories Archive
107: Home
108: Top
109: coppermine
110: Home
111: Stories Archive
112: Home
113: Home
114: Home
115: Groups
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: coppermine
122: Home
123: News
124: Home
125: Stories Archive
126: Home
127: Home
128: News
129: News
130: Home
131: News
132: Stories Archive
133: Home
134: News
135: Home
136: Home
137: Stories Archive
138: Search
139: Home
140: News
141: Home
142: Search
143: News
144: Home
145: Search
146: Search
147: News
148: Stories Archive
149: Home
150: News
151: Home
152: Statistics
153: Home
154: Stories Archive
155: News
156: News
157: coppermine
158: coppermine
159: Home
160: coppermine
161: News
162: coppermine
163: Home
164: News
165: coppermine
166: Home
167: Home
168: News
169: News
170: Stories Archive
171: Home
172: coppermine
173: News
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924736
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Centenario della morte di Lev Tolstoj
Centenario della morte di Lev Tolstoj
Postato da Grazia01 il Sabato, 06 novembre @ 20:30:59 CET (48638 letture)
Letture varie III

Appartengo alla categoria degli alienati tranquilli.

Chi sono io? Uno dei quattro figli di un tenente colonnello in pensione, rimasto orfano a sette anni, allevato da donne e da estranei e che, senza aver ricevuto alcuna educazione mondana né intellettuale, a diciassette anni è entrato nel mondo. Non ho grandi ricchezze né un posto particolarmente brillante in società, e soprattutto manco di principi.


Non ho amici influenti, non conosco il saper vivere, ma ho un amar proprio smisurato. Sono brutto, rozzo, sporco e maleducato, nel senso mondano della parola. Sono irascibile, fastidioso, intollerante e timido come un bambino. Sono un rusticone. Ciò che so, l'ho imparato da solo, male, a spizzichi, senza ordine; ed è ben poca cosa. Sono intemperante, indeciso, incostante, stupidamente vanitoso ed espansivo come tutti i deboli. Non sono coraggioso. La mia pigrizia è tale che l'ozio è diventato per me un'esigenza. Sono onesto, nel senso che amo il bene, sono scontento di me quando me ne allontano e vi ritorno con piacere. Eppure c'è una cosa che io amo assai più del bene: la gloria. Sono così ambizioso che se dovessi scegliere tra la gloria e la virtù temo che sceglierei la prima. Manco di modestia, certamente. È questa la ragione per cui appaio timido dal di fuori ma sono orgoglioso di dentro. lo sono il malato numero uno di quell'ospedale per pazzi che è la mia casa di Jàsnaja Poljàna. Temperamento sanguigno. Categoria degli alienati tranquilli. La mia follia consiste nel credere di poter cambiare con le parole la vita degli altri. Sintomi generali: sono scontento dell'attuale regime; rimprovero il mondo intero, eccettuato me stesso; sono Volubile e irritabile, senza riguardo per chi mi sta ad ascoltare. Spesso, dopo l'eccitazione e il furore, cado in uno stato di ipersensibilità lacrimevole, poco naturale. Sintomi particolari: mi occupo di lavori manuali, lucido e fabbrico scarpe, falcio l'erba, e cosi via.
Riguardando la mia vita, esaminandola dal punto di vista del bene e del male che ho fatto, m'accorgo che tutta la mia lunga esistenza si può dividere in quattro periodi: quel primo tempo poetico, meraviglioso, innocente, radioso dell'infanzia fino ai quattordici anni. Poi quei venti anni orribili di grossolana depravazione al servizio dell'orgoglio, della vanità e soprattutto del vizio. Il terzo periodo, di diciotto anni, va dal matrimonio fino alla mia rinascita spirituale: il mondo potrebbe anche qualificarlo come morale, perché in quei diciotto anni ho condotto una vita familiare onesta e regolata, senza cedere a nessuno dei vizi che l'opinione pubblica condanna. Tutti i miei interessi però erano limitati alle preoccupazioni egoistiche per la mia famiglia, il benessere, il successo letterario e tutte le soddisfazioni personali. Infine il quarto periodo è quello che sto vivendo adesso, dopo la mia rigenerazione morale; di questo non vorrei cambiare nulla, se non le cattive abitudini che ho contratto nei periodi precedenti.

Lev Tolstòj

Da: Diario, 7 luglio 1854;
Appunto scherzoso del 1873; Ricordi, 1903-1906.





I suoi ultimi giorni

Nella notte tra il 27 e il 28 ottobre 1910, a 82 anni, Tolstoj fugge dalla casa in cui è sempre vissuto, a 12 chilometri da Tula. Treno, calesse, traghetto, di nuovo treno, di tappa in tappa, in cerca di pace e di libertà da una moglie ossessiva. Alle 3 del mattino del 31 ottobre, un’altra partenza, prima in carrozza poi in treno, diretto verso Sud, vera meta della fuga. Durante il viaggio si sente male. Dopo molte insistenze si lascia convincere a scendere e viene ricoverato in casa del capostazione di Astàpovo. Qui morirà il 7 novembre, circondato dai figli e dalle autorità locali. Nel centenario della scomparsa, l’attenzione torna a concentrarsi sul grande scrittore russo. Un film, The last station, girato da Michael Hoffmann è appena uscito nelle sale italiane, ispirato all’omonimo romanzo di Jay Parini ora tradotto da Bompiani, oltre a due volumi che arrivano in questi giorni in libreria: Tolstoj è morto di Vladimir Pozner (Adelphi) e La fuga di Tolstoj di Alberto Cavallari, edito da Einaudi negli Anni 80 e ora ripubblicato da Skira con un ricco apparato di immagini storiche. Nel testo di Cavallari, di cui qui proponiamo le prime pagine, sono in corsivo le frasi testuali che lo stesso Tolstoj ha dedicato alla sua fuga nei diari e nella corrispondenza di quei giorni, come pure quelle tratte dai diari dei testimoni diretti e dal saggio biografico Tolstoj di Viktor Sklovskij.


La sera del 27 ottobre 1910 il conte Tolstoj si coricò verso le 11,30. La vecchia casa di Jasnaja Poljana era silenziosa, immersa nel buio freddo di un inverno precoce. Era già caduta la neve, la pioggia aveva infangato la campagna, vapori di umidità velavano il parco, lo stagno, i boschi di frassini che danno il nome al più vicino villaggio Jàsenki, la terra nera della steppa che si stende in tutto il governatorato di Tula, la strada del Sud che taglia la steppa macchiata di foreste. Il buio cancellava tutto, compreso il cielo dove quell’anno era passata la cometa di Halley, portatrice di sventure.

Lev Nikolaevic Tolstoj non sapeva che sarebbe stata l’ultima sua sera nella casa dov’era nato, cresciuto, invecchiato, e dove aveva compiuto in agosto 82 anni. Prima di coricarsi, s’era fermato nello studio ricapitolando la giornata trascorsa in uno dei suoi diari. Negli ultimi tempi ne teneva tre: uno ufficiale, uno segreto, che nascondeva negli stivali perché la moglie non lo leggesse, uno disordinato su taccuini e fogli sparsi. Scrivendo a lume di candela aveva concluso il bilancio della giornata con queste parole: Nulla da segnalare; anche se ciò sembra triste, in effetti è un bene. Essendo in quel periodo la sua vita tempestosa, piena di giornate nere, dominata da una crisi familiare più grave delle precedenti, gli parve di aver vissuto una giornata dopotutto normale.

Infatti, si era alzato assai presto, aveva camminato nel parco, aveva ritoccato una lettera per sua moglie Sof’ja sul solito tema della loro crisi coniugale, aveva lavorato a un saggio «Sul socialismo» che non gli piaceva più, aveva pensato a un testo che doveva redigere sulla pena di morte. Si era sentito senza energia intellettuale: ma non gli era mancata l’energia fisica, e aveva cavalcato a lungo con Dusàn Makovickij, il medico personale slovacco che da sei anni stava a Jasnaja Poljana seguendolo ovunque. La cavalcata su «Delire» era stata difficile: aveva percorso sedici verste, attraversato un profondo burrone scosceso, un ruscello ghiacciato, risalendo l’altra riva ancora più scoscesa; ma s’era ritrovato alla fine «con l’illusione d’ogni giorno, cioè di non essere vecchio». Poi aveva cenato, aveva letto Siutaïev, un manoscritto di Gastiaev, guardato la posta, apprezzato la bella lettera di un khokhol ucraino, Ivan Diomidovic Ovdonk, ricevuta tramite Certkòv, il suo amico più fedele, capo dei «tolstojani», suo controllore ideologico e antagonista di sua moglie So’fja. Per quanto la preparazione di un’ennesima lettera a Sof’ja confermasse la gravità della loro crisi, la presenza di un’ossessione quotidiana, non aveva accumulato particolari tensioni. Spenta la candela dello studio, passato nella camera da letto accanto, a mezzanotte già dormiva.

Lev Tolstoj dormì fino alle tre di notte. Poi si svegliò, e come le notti precedenti sentì che un uscio si apriva, intese dei passi. Le notti precedenti non aveva mai guardato in direzione della porta della stanza, stavolta lo fece, e vide attraverso le fessure che c’era una vivida luce nel suo studio, percepì un frusciare di carte. Era sua moglie Sof’ja che cercava, che probabilmente leggeva qualcosa. Prima di andare a letto gli aveva chiesto, anzi imposto, di non chiudere le porte che dividevano la sua stanza, lo studio, la stanza di Lev. Voleva dormire con le porte aperte, in modo da sentire ogni minima mossa di lui. Notte e giorno voleva percepire i suoi movimenti, le sue parole, tenerlo sotto controllo.

Lev Tolstoj sentì ancora dei passi, poi il cauto aprirsi di una porta, poi lei che passava, e ciò gli procurò un irresistibile disgusto, un sentimento di rivolta. Tentò di riaddormentarsi, non riuscì, si rigirò per un’ora, accese una candela, si tirò a sedere sul letto, e a questo punto la porta si aprì, apparve sua moglie chiedendogli «come stava», meravigliandosi della candela accesa nella camera.
Sof’ja rimase pochi secondi nel rettangolo della porta. Per quanto fosse la principale protagonista della vicenda che Tolstoj stava vivendo, fece solo un’apparizione fuggevole, come accade alle comparse. Aveva sessantasei anni, era ingrassata, miope, ma era molto più giovane di lui ed era rimasta ancora bella. La sua voce era alta, chiara, come quella delle cantanti. Nei quarantotto anni di matrimonio l’aveva amato con passione, l’aveva detestato, era stata generosa e dispotica; ma si sentiva sempre giovane, ancora lo voleva, imponendogli il suo amore-possesso fino a perseguitarlo. Ma Tolstoj non fece nemmeno in tempo a fissare nella memoria quest’ultima immagine notturna di sua moglie, subito sparita. Avvertì che disgusto e rivolta aumentavano, si sentì soffocare, si contò le pulsazioni, 97 battiti, non poté più restare a letto. S’alzò, prese la decisione di andarsene da Jasnaja Poljana. Si era prodotto in lui lo choc che lo forzava a farlo [...].

Ora era venuto il momento; e nel silenzio della notte Tolstoj cominciò a scrivere una lettera a Sof’ja, stavolta definitiva. Non la stese subito, prima tracciò una bozza sui taccuini. Cancellò, aggiunse, cancellò ancora, e scrisse questo testo: «Sono partito da... [cancellatura]. La mia partenza ti farà dispiacere. Me ne rammarico, ma cerca di capire e credimi che non potevo agire diversamente. Mi è divenuta insopportabile la mia situazione, quella di un uomo che ha coscienza di quanto gli pesi la vita [dei ricchi tra i miserabili... cancellatura] eppure continua a vivere in queste criminali condizioni di lusso insensato in mezzo alla miseria di tutti coloro che lo circondano. Faccio soltanto quello che fanno di solito i vecchi, migliaia di vecchi, gente prossima alla morte [che se ne vanno ancora più lontano dalle condizioni più consone al loro stato d'animo... cancellatura] e me ne vado. Quasi sempre essi vanno nei conventi, e anch’io ci andrei [aggiunta: in un monoastero] se credessi in ciò in cui si crede nei monasteri. Ma non credendoci, me ne vado [semplicemente.... cancellatura] in solitudine. Mi è indispensabile essere solo. Ti prego, non cercarmi, non venire da me se saprai dove sono. Il tuo arrivo non farebbe che rendere più penosa la tua condizione e la mia. Addio [compagna di 48 anni della mia vita... cancellatura] io ti ringrazio dei tuoi 48 anni di vita onesta passati con me, delle cure che hai avuto per me e per i ragazzi [ti prego rassegnati alla situazione nella quale ti pone la mia parteza e non ricordarmi male... cancellatura]. Ti prego di perdonarmi tutti gli errori che ho compiuto verso di te mentre io ti perdono quelli che hai compiuto verso di me; e ti prego di accettare subito la nuova situazione in cui ti pone la mia partenza da casa, di non avere sentimenti cattivi per me, come io non ne ho per te. Se tu vuoi farmi sapere qualcosa, trasmettilo a Saša, lei saprà dove sono, benché le abbia fatto promettere di non dirlo a nessuno».

ALBERTO CAVALLARI






"Centenario della morte di Lev Tolstoj" | Login/Crea Account | 1 commento
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Centenario della morte di Lev Tolstoj (Voto: 1 )
di Paolo il Domenica, 07 novembre @ 19:06:15 CET
'Non avere sentimenti negativi per me, come io non ne ho per te': fu un grande scrittore, non c'è che dire.

| Parent


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Letture varie III

Articolo più letto relativo a Letture varie III:
Centenario della morte di Lev Tolstoj

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 27 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 23 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 30 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 496 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 72 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 26
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy