Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 237
Totale: 237
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: News
03: Home
04: Home
05: Home
06: News
07: coppermine
08: Home
09: coppermine
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Forums
16: Home
17: Home
18: coppermine
19: Home
20: Home
21: coppermine
22: Home
23: coppermine
24: Home
25: Home
26: Home
27: coppermine
28: News
29: Home
30: Home
31: News
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: coppermine
37: News
38: Home
39: Home
40: coppermine
41: Home
42: coppermine
43: Home
44: Home
45: Home
46: News
47: Search
48: Home
49: Home
50: coppermine
51: Home
52: coppermine
53: Statistics
54: News
55: Home
56: Forums
57: coppermine
58: News
59: Home
60: coppermine
61: coppermine
62: coppermine
63: News
64: Home
65: News
66: Home
67: Home
68: coppermine
69: Home
70: Home
71: coppermine
72: coppermine
73: coppermine
74: News
75: News
76: Home
77: Search
78: Home
79: coppermine
80: Topics
81: Search
82: News
83: News
84: Forums
85: Home
86: coppermine
87: Home
88: News
89: Home
90: coppermine
91: Home
92: coppermine
93: Home
94: coppermine
95: coppermine
96: coppermine
97: News
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: coppermine
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: coppermine
108: Home
109: Home
110: coppermine
111: Home
112: Home
113: Home
114: Search
115: Home
116: News
117: coppermine
118: News
119: News
120: News
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: coppermine
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: coppermine
132: Home
133: Home
134: Home
135: Topics
136: Home
137: Home
138: Forums
139: Home
140: Home
141: Stories Archive
142: Forums
143: Home
144: News
145: Home
146: Stories Archive
147: coppermine
148: Home
149: News
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: coppermine
155: Home
156: coppermine
157: coppermine
158: Home
159: coppermine
160: News
161: Home
162: coppermine
163: Home
164: Home
165: coppermine
166: Home
167: Home
168: coppermine
169: Home
170: coppermine
171: Stories Archive
172: News
173: Home
174: Home
175: Home
176: Stories Archive
177: Home
178: Home
179: News
180: News
181: Home
182: Home
183: coppermine
184: coppermine
185: Home
186: coppermine
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: coppermine
192: Home
193: coppermine
194: coppermine
195: Stories Archive
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: coppermine
201: Home
202: News
203: coppermine
204: News
205: News
206: coppermine
207: News
208: coppermine
209: Home
210: News
211: Home
212: News
213: Forums
214: News
215: Home
216: Home
217: Home
218: coppermine
219: Home
220: Home
221: Home
222: News
223: coppermine
224: News
225: Home
226: coppermine
227: Search
228: coppermine
229: Home
230: Home
231: Home
232: coppermine
233: News
234: Home
235: News
236: coppermine
237: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8640
  · Viste: 1354609
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Degas, il primo esploratore della danza.
Degas, il primo esploratore della danza.
Postato da Grazia01 il Giovedì, 19 aprile @ 20:24:39 CEST (2825 letture)
ARTE II




Cosa c’è nelle pieghe? Nelle pieghe dei costumi e dei corpi delle ballerine disegnate e dipinte da Degas? A suscitare questo interrogativo è la mostra “Degas e la danza: immaginando il movimento” (titolo originale “Degas and the ballett: picturing the movement”, in corso alla Royal Academy of Arts di Londra.
Nel sontuoso catalogo vi è una citazione da Baudelaire: «La danza è la poesia delle braccia e delle gambe, è la materia graziosa e terribile che si anima e si abbellisce attraverso il movimento». Spesso, nelle composizioni di Degas in cui sono raffigurate più danzatrici, i passi, le posture e i gesti delle ballerine hanno la formalità quasi geometrica delle lettere di un qualche alfabeto, mentre i loro corpi e le loro teste, che formano quelle lettere, sono recalcitranti, sinuosi e individuali. «La danza è la poesia delle braccia e delle gambe…».





Degas era ossessionato dall’arte della danza classica perché gli diceva qualcosa sulla condizione umana in generale. Non era un ballettomane alla ricerca di un mondo alternativo in cui evadere. La danza gli offriva uno schermo sul quale poteva scoprire, dopo molta ricerca, alcuni segreti umani.
L’esposizione londinese rivela efficacemente il parallelismo tra l’opera originalissima di Degas, lo sviluppo della fotografia, l’invenzione della macchina da presa e le nuove scoperte scientifiche (dovute alla fotografia e al cinema) riguardanti le sequenze con cui il corpo umano e quello animale si muovono e agiscono. Il galoppo di un cavallo, il volo di un uccello, eccetera.
Senza dubbio Degas era incuriosito da queste innovazioni e se ne servì, ma a mio parere quel che lo ossessionava era più prossimo a ciò che ossessionava Michelangelo o Mantegna. Tutti e tre erano affascinati dall’attitudine umana al martirio. Tutti e tre si domandavano se non fosse proprio quell’inclinazione a definire il genere umano. La qualità umana che Degas ammirava di più era la resistenza.



Avviciniamoci. Disegno dopo disegno, pastello dopo pastello, dipinto dopo dipinto, i contorni delle sue figure danzanti diventano, a un certo punto, cupamente insistenti, intricate, brumose. Può succedere attorno a un gomito, un calcagno, un’ascella, al muscolo di un polpaccio, alla collottola. In quel punto l’immagine si fa scura e quella tenebra non ha niente a che vedere con nessuna ragionevole ombra. È in primo luogo frutto del continuo correggere, modificare e di nuovo correggere la disposizione precisa dell’arto, della mano o dell’orecchio in questione da parte dell’artista. La matita o il pennello annota, ritocca, annota un’altra volta con maggior enfasi il contorno che avanza o che arretra di un corpo in perenne movimento, e la velocità è cruciale.
Eppure queste «oscurità» fanno pensare anche all’oscurità di pieghe o fenditure; acquistano una funzione espressiva tutta loro. Di cosa si tratta? Avviciniamoci ancora di più. La ballerina classica controlla e muove il suo intero, indivisibile corpo, ma i suoi movimenti più plateali riguardano le braccia e le gambe, alle quali possiamo pensare come a un paio di gambe e un paio di braccia. Due coppie che condividono lo stesso tronco.



Nella vita di tutti i giorni le due coppie e il busto vivono e agiscono affiancati, condiscendenti, contigui, uniti da un’energia centripeta.Tuttavia, per contrasto, nella danza classica le coppie sono separate, l’energia del corpo è spesso centrifuga e ogni centimetro quadro di carne diventa tesa da una sorta di solitudine. Le pieghe o fenditure scure di queste immagini esprimono la solitudine avvertita da un segmento di arto o del torso che, quando non è impegnato nel ballo, è abituato alla compagnia, a essere toccato da altre parti del corpo, ma quando danza è costretto a cavarsela da solo. Le oscurità esprimono il dolore di una simile disconnessione e la resistenza necessaria a colmarla con l’immaginazione. Donde la grazia e la crudezza cui Baudelaire si riferiva dicendo «graziosa e terribile».
Adesso osservate gli studi di danzatrici durante una breve pausa, in particolare quelli che Degas realizzò nell’ultimo periodo di vita. Sono tra le immagini più paradisiache che io conosca, eppure sono tutt’altro che un Giardino dell’Eden. Forse erano la ricompensa immaginata da Degas. In pausa, gli arti delle ballerine si riuniscono. Un braccio riposa lungo tutta l’estensione di una gamba. Una mano ritrova un piede per toccarlo, le dita della prima in perfetta armonia con quelle del secondo. Le loro molteplici solitudini sono per un istante cessate. Un mento riposa su un ginocchio. La contiguità è beatamente ristabilita. Spesso i loro occhi sono semichiusi e i volti paiono distaccati come se rievocassero una trascendenza. La trascendenza che stanno ricordando è ciò a cui mira l’arte della danza: che l’intero, tormentato corpo della ballerina diventi una cosa sola con la musica.
Quel che lascia stupefatti è che le immagini di Degas siano riuscite a rendere questa esperienza silenziosamente. Con le pieghe, ma senza suono.

John Berger
traduzione di Maria Nadotti






"Degas, il primo esploratore della danza." | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre ARTE II

Articolo più letto relativo a ARTE II:
Gli angeli nel Novecento

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Femminicidio [ 1 commenti - 26 letture ]
 Thomas Edison [ 0 commenti - 22 letture ]
 Cane e padrone [ 0 commenti - 27 letture ]
 Mi sei mancata [ 3 commenti - 37 letture ]
 Non mi conoscono [ 0 commenti - 25 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy