Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 164
Totale: 164
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Search
03: Forums
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: News
09: Stories Archive
10: Home
11: coppermine
12: coppermine
13: Home
14: News
15: News
16: Home
17: Forums
18: Home
19: Search
20: Home
21: Home
22: News
23: News
24: News
25: Home
26: Home
27: Home
28: News
29: coppermine
30: News
31: coppermine
32: Home
33: Home
34: Your Account
35: Search
36: News
37: Home
38: Home
39: Forums
40: Home
41: News
42: Search
43: News
44: Home
45: Home
46: Home
47: coppermine
48: Home
49: Home
50: Home
51: coppermine
52: Home
53: News
54: Home
55: Forums
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: News
62: coppermine
63: Statistics
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: coppermine
72: Home
73: Home
74: Home
75: News
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Search
81: Search
82: Home
83: News
84: Home
85: News
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: News
92: coppermine
93: Home
94: News
95: Home
96: News
97: Home
98: News
99: Stories Archive
100: Home
101: Search
102: Stories Archive
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: coppermine
108: News
109: coppermine
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: News
116: Search
117: Home
118: Home
119: Forums
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: coppermine
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Stories Archive
135: Home
136: Home
137: News
138: coppermine
139: Home
140: coppermine
141: Home
142: News
143: coppermine
144: Home
145: Home
146: News
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: coppermine
152: Search
153: Home
154: Home
155: Forums
156: coppermine
157: Home
158: Home
159: Search
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9069
  · Viste: 1924459
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Ogni giorno nasce un artista...
Ogni giorno nasce un artista...
Postato da Grazia01 il Sabato, 17 novembre @ 20:21:38 CET (749 letture)
Ricerche d'autore




Il 17 novembre del 1773 nacque il poeta Csokonai Vitéz Mihály .
Propongo due sue poesie e alcuni dipinti di pittore italiano Giuseppe Mascarini,
nato il 17 novembre del 1877



Richiesta rispettosa


Mi consuma il fuoco ardente
di questo immenso amore,
la medicina per la mia ferita
sei tu, bellissima piccola rosa!

Il vivace brillare dei tuoi occhi
è come fuoco che illumina l'alba,
cacciano via i miei pensieri
le tue lucide labbra.

Rispondi con parole angeliche
alla mia richiesta,
con mille baci d'ambrosia
ti pagherò per la risposta.

(Tartózkodó kérelem, 1803 )



Alla Speranza

Fata Morgana,
che inganni i mortali,
sembri divinità,
Speranza cieca, falsa!
Ti crea l'infelice
e ti adora come protettore.
Perchè mi inganni ancora?
Perchè mi sorridi?
Perchè il buon umore finto
mi instilli?
Resta dove sei,
mi hai sollecitato,
ti ho creduto
e mi hai ingannato!



Nel mio giardino
hai piantato narcisi,
con ruscelli freschi
hai inaffiato i miei alberi,
mi hai coperto
con mille fiori
e la felicità
celestiale mi donavi.
Ogni mattina i miei pensieri
volavano come api verso i fiori.
Mi mancava solo una cosa
per la felicità completa,
il cuore di Lilla ho chiesto
e me l'ha dato il cielo.

Ma ahimè, i miei fiori
si sono appassiti,
alberi verdi e ruscelli
si sono essiccati.
La mia gioia di primavera
divenne tristezza d'inverno,
tutto il bello che avevo
ora è di un altro, immeritato.
Oh, magari mi fosse
rimasta Lilla, solo lei,
ora non mi lamenterei,
tra le sue braccia
i miei pensieri
dimenticherei
e gli onori e la fama
non desiderei.

Lasciami, Speranza,
lasciami in pace,
tanto questo dolore
mi uccide.
Sento che la mia forza
mi abbandona,
l'anima il cielo,
il corpo la terra desidera.
Per me, il prato è disadorno,
il campo è bruciato,
il boschetto è riarso,
il sole è scomparso.
Belle melodie armoniose,
fantasie colorate,
gioia, speranza, Lilla,
addio a tutte!


Csokonai Vitéz Mihály
(A reményhez , 1803 )






Biografia del poeta

Studiò nel collegio della sua città natale, e si dedicò dapprima alla traduzione in ungherese volgare della Batracomiomachia e poi alla realizzazione di un dramma satirico intitolato il Tempefoi (1793).



Csokonai Vitéz Mihály

Dopo aver soggiornato un anno a Sárospatak, feudo protestante, per partecipare ad un corso di giurisprudenza, si trasferì a Bratislava, prima di vagabondare per quattro anni in varie località transdanubiane. In questo periodo compose alcuni poemi caratteristici, come Az igazság diadalma ("La vittoria della giustizia") (1799), composto per celebrare la conquista di Mantova dei francesi. Rilevanti furono anche il poema filosofico A lélek halhatatalnsága ("L'immortalità dell'anima"), scritto in occasione del decesso di una nobildonna ed il poema eroicomico Dorottya ("Dorotea"), in cui l'autore ci propose uno spaccato della vita dei nobili campagnoli. La lirica amorosa si caratterizzò per la mescolanza di elementi popolareschi, immagini realistiche e spunti arcadici. Csokonai compose anche un buon numero di canzonette popolari.





Giuseppe Mascarini nacque, da genitori milanesi, a Bologna il 17 novembre 1877. Leggiamo dalla biografia scritta dalla figlia:
“La prima infanzia – seppure rattristata dalla mancanza del padre – trascorse serena a Milano in una famiglia tipicamente milanese. Alla madre erano vicini numerosi parenti: i nonni, una zia nubile, un bisnonno nato nel 1807 prezioso custode di antiche tradizioni e memorie.
I famigliari – anche se in modi diversi – erano legati all’ambiente artistico e in particolare alla Scala. La zia Felicita in gioventù aveva cantato in diverse opere e amava soprattutto la “Luisa Miller” di Verdi : si commuoveva infatti fino alle lacrime ogni volta che udiva la romanza ”…quando le sere al placido chiaror d’un ciel stellato…” romanza che le riportava il ricordo e la voce di un mai dimenticato lontano amore.
Amici della famiglia erano musicisti, coreografi, danzatrici , compositori e fra questi il brasiliano Maestro Gomez , l’autore di “Guarany” che a Milano aveva vissuto per anni e aveva sposato la pianista milanese Adelina Peri che era un’amica della famiglia Mascarini. Era pertanto naturale che in un ambiente così costituito, la futura scelta del giovane Giuseppe di dedicarsi alla pittura non avrebbe trovato opposizioni.“
E così fece.
Terminati nel 1894 gli studi intrapresi al collegio Silvio Pellico di Legnano, Mascarini si iscrisse all’Accademia di Brera che frequentò a partire dal 1895.
I suoi primi maestri furono Filippo Carcano, Vespasiano Bignami per la figura e Giuseppe Mentessi per la prospettiva.
L’attitudine per la pittura e il disegno e la costanza nell’applicazione non tardarono a dare i loro frutti e vennero premiate con il conferimento di medaglie: nel 1895 premio per la prospettiva, nel 1896 per il disegno di figura . Nel 1897 – a soli 20 anni – dipinse un ritratto del bisnonno che gli meritò grandi lodi da Vespasiano Bignami che avrà per lui, anche negli anni a venire, parole di incoraggiamento e stima.



foto tratta dalla Biografia dell'Artista

Nello stesso anno partecipò, forse per la prima volta, ad un’esposizione collettiva alla Famiglia Artistica con tre quadri che ottennero una lusinghiera critica anche sul Corriere della Sera nell’edizione del 24 dicembre.
Nel 1898 partecipò alle esposizioni di Brera e già nel 1900 l’Accademia lo nominò suo Socio Onorario per la “meritata rinomanza di benemerito delle Arti”. Vespasiano Bignami nell’ottobre del 1908 su “ Il Secolo” commenterà così un ritratto esposto alle esposizioni di Brera:
”…con un ritratto notevole per grandiosità di stile e armonica sobrietà di toni si fa molto onore il giovane Giuseppe Mascarini. Questo ritratto e il paesaggio montanino da lui presentato in luglio al concorso Fumagalli, lo dimostrano in sensibile progresso. Allora e adesso i suoi dipinti furono discussi dalle Commissioni giudicatrici e contestarono la supremazia ai competitori fortunati. Il Mascarini ne tragga conforto a spiegare con fede costante le intime energie e a guardare sempre avanti , poiché la maratona dell’Arte si corre a distanze infinite, senza traguardo”. Il ritratto menzionato era quello di Maria Luisa Grubicy – figlia di Alberto Grubicy – opera che nel 1912 otterrà l’ambito onore di essere esposta al Salone di Parigi con favorevoli critiche di Louis Paillard sul “Petit Journal” del 2 maggio 1912. Mascarini dipinse tutta la vita …finchè la morte lo colse, improvvisamente, nel suo studio di Milano il 3 novembre 1954.
PS: citiamo questo episodio perchè ci può aiutare a comprendere l’uomo fin qui raccontato:

Mascarini nel bel mezzo della propria vita, ormai separato dalla prima moglie, incontrò una fanciulla, bella e intelligente e di trent’anni più giovane: si chiamava Lucilla e veniva da Vicenza, dove aveva perduto la mamma amatissima all’età di undici anni e dopo il nuovo matrimonio del padre non aveva più avuto una vera famiglia, trascorrendo l’adolescenza ospite di diversi parenti. A cinquantaquattro anni Giuseppe Mascarini, in seconde nozze con Lucilla divenne padre di una bambina: Carla Maria, l’autrice proprio della bibliografia da cui stiamo attingendo tutte queste informazioni.

Essa scive di lui:
“Un padre affettuoso ma senza eccessive sdolcinature. Trova ridicolo essere chiamato papà e vuole che gli si dica “padre” e così è. Un padre che memore dell’educazione ottocentesca ricevuta , non indulge a vizi o capricci, ma sa farsi amare per la sua imprevedibile fanciullesca allegria, un padre che affascina con i più strani e misteriosi racconti , che conduce la figlia nelle campagne milanesi, allora appena al di fuori dai capolinea dei tram, e la lascia scorazzare liberamente fra prati e rogge mentre lui dipinge con il cavalletto piazzato fra i campi di grano felicemente immerso nell’ispirazione del momento.
Di quegli anni è “La mietitura” attualmente nell’Aula Magna della facoltà di Agraria all’Università degli Studi di Milano“.






"Ogni giorno nasce un artista..." | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Ricerche d'autore

Articolo più letto relativo a Ricerche d'autore:
Poesie di Octavio Paz

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Se saprai starmi vicino [ 0 commenti - 14 letture ]
 Indovinami, indovino [ 0 commenti - 26 letture ]
 il tempo [ 0 commenti - 14 letture ]
 Buone Feste [ 0 commenti - 13 letture ]
 La notte si era accasxiata [ 0 commenti - 22 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 23
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy