Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 338
Totale: 338
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: Stories Archive
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: coppermine
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Stories Archive
34: Home
35: News
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: News
44: Home
45: Search
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: coppermine
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Search
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Stories Archive
88: News
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: News
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Stories Archive
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: News
141: coppermine
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: coppermine
163: Home
164: Home
165: Home
166: Forums
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Search
191: Home
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: coppermine
209: News
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Stories Archive
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: News
233: Home
234: Home
235: Home
236: Forums
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: coppermine
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Your Account
260: Home
261: Home
262: Home
263: coppermine
264: Home
265: Home
266: Home
267: Home
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Stories Archive
273: Home
274: Home
275: Home
276: Home
277: Your Account
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Home
288: Home
289: News
290: Home
291: Home
292: Home
293: Home
294: Stories Archive
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: Home
300: News
301: Stories Archive
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Stories Archive
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: Home
316: Home
317: News
318: Home
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: coppermine
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: News
337: Home
338: Search

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9064
  · Viste: 1924419
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Louis-Philippe Dalembert - poeta nato ad Haiti
Louis-Philippe Dalembert - poeta nato ad Haiti
Postato da Grazia01 il Lunedì, 07 ottobre @ 20:55:07 CEST (1978 letture)
Ricerche d'autore






Louis-Philippe Dalembert




Stagioni

A volte i miei sensi cercano
l’uomo
dietro le parole
l’uomo di burrasca e di sismi ardenti
dietro l’invisibile delle stanze
di nebbia
da quale pioggia scrivere
i rumori che urtano il mio corpo
all’avvicinarsi dell’invisibile
da quale nube spenta dire l’essere
aggrappato ai suoi ricordi
a volte
fu un eterno fanciullo dell’estate
che avrebbe voluto conoscere l’uomo
di bufere e di sismi taciuti
ma questo slancio dell’essere
nell’aldilà di me stesso
nell’aldilà di noi stessi
impercettibile
fluire che confonde le stagioni
del dire
quale parola lo strazio
quale parola quest’uomo dell’inverno
sconosciuto all’infanzia?
a volte
posta al di sopra dei proiettili
valzer dell’inconsumabile follia
una seggiola di paglia
ai piedi di un acagiù marino




Io non ho mai detto papà


Io non ho mai detto papà
e non lo dirò mai
io non ho oggi
più vergogna di dirlo
il tempo è passato
in cui stringevo la tua assenza
nelle pieghe
del mio imbarazzo
del mio pudore vasto e secco
come un abbraccio paterno

il tempo è passato
ma mi capita ancora
di cercare questa parola
o un’altra che le somigli
ciò mi capita a volte
al volgere di un incubo
o perché non ho saputo
sconfiggere le tenebre
sotto i miei passi
e quando la mia mano crede di trovarlo
è per richiudersi
sulla polvere
dei miei balbettii
echi vuoti dei miei passi d’uomo

non ho mai detto papà
e non lo dirò mai
io non ho più
vergogna di dirlo
il tempo è passato
oggi a chi dirlo?
queste voci sorde dell’assenza
dietro la loro maschera di noncuranza
queste tenebre di un blu abissale
il timore del vuoto anche
nessun braccio mai
sarà abbastanza forte
per rinviarli
al grido primario

io non ho foto d’ infanzia
insieme non ne avremo mai
di te io non ho che questo cliché
del matrimonio dove i miei sogni orfani
tracciavano invano
il colore del tuo sorriso
il tempo è passato
in cui temevo la sua assenza
il tempo è passato
io l’ ho poi ritrovato
negli occhi di mio figlio




Témoignage

Un giorno
ho spinto le porte
dell’alba
e mi sono seduto
sotto una veranda
di fronte al mare caraibico
con per unica compagna
una piccola sedia di paglia
che inganno a intervalli
che inganno a volte
le sere di acquazzoni violenti
quando i lampi
hanno cessato il loro dialogo
con una sedia a dondolo
di paglia e le stelle aspre
di un rum di canna

e là
di fronte al mare
i nostri conciliaboli muti
aspettano ogni volta
di ritornare all’infanzia
del suo vagabondaggio
all’adolescenza anche
delle sue utopie che tardano ad estinguersi

un giorno
ho spinto le porte dell’alba
da allora vedo il mondo
attraverso i suoi raggi
pallidi d’ombra e blu di notte
senza le effusioni
delle mie ferite

quel giorno
di fronte al mare caraibico
ho sognato
di una poesia

che da nessuna parte comincia
o allora dall’infanzia
e da nessuna parte finisce

jacmel, 13/07/2006






Oh leïla

Mia sorella mio amore
mia isola mia leggenda
fiume dell’eterno ritorno
miraggio in deserto di erranza
che mai non si estingue
isola bilancia
tra fuoco e acqua
isola siepe di fuoco
sotto vento che infrange
la potenza del mare
nel rovescio del giorno
l’ombra si costella di luce
il tuo corpo
nella tenda del desiderio
riflessi d’alba e d’acqua
che trillano la notte
e il mio sguardo
in ibrido di te stessa
nel rovescio del giorno
mia sorella mio amore
(di) quale ombra scintilla
la luce
isola in una notte
attraversata di sole
isola che ferma il vento
ai miei occhi di nomade
blu
il cielo e la terra
nei tuoi negantisi
dove spogliarsi se non
nel ritorno delle onde
si cancella l’orizonte dell’essere
in noi si cancella
ciò che rimane
oh voluttà

versione italiana in “Dieci poesie (Errance)”.
Quaderni di via Montereale, 4. Pordenone, 2000.




Duna

Duna d’una
bellezza che radicano
il tempo e le leccate
del vento
mani di sabbia in pioggia d’ire
oh labbra
che fischia(no) il caldo e
l’orrore
in stralunamento di adorazione
cuori flessi
in delirio d’assenza
bufera oh nuvola
quali radici se non di sabbia
nel vento movendo
duna/ove
muoiono passi
usati
e poi laggiù
alla fine del tempo
scintilla l’acqua
sfidando lo spazio

(deserto di assuan, 12/6/1995)






Louis-Philippe Dalembert nasce l’8 dicembre 1962 a Port-au-Prince, Haiti. Grande viaggiatore, i suoi recapiti si susseguono e non sono mai gli stessi. Uomo-tartaruga, come si definisce lui stesso, Dalembert trascina il suo sogno di ritorno al paese natio dall’Europa all’Africa del Nord, dal Medio Oriente all’Africa Nera, passando per le Americhe el Nord e del Sud, e per gli altri paesi dei Caraibi.
Per otto anni (1986-94) fissa la sua base a Parigi dove realizza gli studi universitari mentre svolge ogni genere di lavori prima di approdare al giornalismo, professione che già esercitava ad Haiti nei difficili anni che precedettero la caduta di Duvalier (Baby Doc). Come tanti altri giornalisti dell’epoca fu oggetto di minacce – dormiva fuori casa una notte su due – finché la radio dove lavorava fu chiusa e lui decise di partire e tentare sorte all’ estero.
Durante questi avvenimenti, e ancor più negli anni dell’erranza, lo sorregge l’attività di scrittore, in particolare la poesia. Grazie ad essa, soggiorna una prima volta a Roma nel 1994-95 ospite della prestigiosa Villa Medici. Dopo una decina d’anni trascorsi all’estero, finalmente il ritorno tanto desiderato. Ma, tra disinganno e delusione, il ritorno al paese natio non dura più di un anno. Un viaggio di vari mesi sulle Ande lo aiuta ad allontanarsi dalla politica. Fruitore di una borsa di residenza UNESCO-Aschberg, soggiorna a lungo a Gerusalemme, da dove visita per la seconda volta la Palestina, l’Egitto e la Giordania, regione che influisce notevolmente sulla sua poesia.
Louis-Philippe Dalembert, è diplomato alla Scuola Normale Superiore di Port-au-Prince, diplomato alla Scuola Superiore di Giornalismo di Parigi ed è autore di una tesi di dottorato in letteratura comparata sullo scrittore cubano Alejo Carpentier (Université Paris III-Sorbonne Nouvelle). Alla Dall’ottobre 1997 Louis-Phlippe Dalembert è stato Vicesegretario Culturale dell’Istituto Italo-Latino-americano di Roma.
Ora vive a Parigi.






"Louis-Philippe Dalembert - poeta nato ad Haiti" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Ricerche d'autore

Articolo più letto relativo a Ricerche d'autore:
Poesie di Octavio Paz

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Nell’uovo [ 0 commenti - 7 letture ]
 A tutte le donne [ 0 commenti - 8 letture ]
 "Fazzoletti Rossi" di Maria Facci [ 1 commenti - 29 letture ]
 Milano [ 0 commenti - 17 letture ]
 A volte [ 0 commenti - 13 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 21
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy