Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 208
Totale: 208
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Search
04: News
05: coppermine
06: coppermine
07: coppermine
08: coppermine
09: coppermine
10: coppermine
11: coppermine
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Search
17: coppermine
18: Home
19: Home
20: coppermine
21: coppermine
22: Home
23: coppermine
24: Home
25: Your Account
26: Your Account
27: Stories Archive
28: News
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Stories Archive
34: News
35: Your Account
36: Home
37: Home
38: coppermine
39: News
40: Home
41: coppermine
42: Stories Archive
43: Search
44: Stories Archive
45: coppermine
46: Home
47: Home
48: coppermine
49: coppermine
50: Home
51: Home
52: Stories Archive
53: News
54: Stories Archive
55: News
56: coppermine
57: coppermine
58: coppermine
59: Home
60: Home
61: Forums
62: News
63: Home
64: Home
65: Groups
66: Home
67: Home
68: coppermine
69: Your Account
70: Your Account
71: coppermine
72: coppermine
73: Search
74: coppermine
75: Home
76: Stories Archive
77: coppermine
78: Search
79: Search
80: Stories Archive
81: Home
82: Forums
83: News
84: coppermine
85: coppermine
86: News
87: Home
88: Home
89: Home
90: Search
91: coppermine
92: Statistics
93: coppermine
94: Your Account
95: coppermine
96: Home
97: coppermine
98: coppermine
99: coppermine
100: Search
101: coppermine
102: Stories Archive
103: Your Account
104: coppermine
105: Stories Archive
106: coppermine
107: coppermine
108: Home
109: Home
110: Stories Archive
111: Home
112: Home
113: News
114: Home
115: News
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: coppermine
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: Your Account
125: coppermine
126: Stories Archive
127: Home
128: coppermine
129: Search
130: coppermine
131: Home
132: coppermine
133: coppermine
134: coppermine
135: Your Account
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: coppermine
143: coppermine
144: Home
145: Home
146: Home
147: coppermine
148: Home
149: Home
150: Home
151: coppermine
152: Home
153: coppermine
154: Home
155: coppermine
156: Forums
157: coppermine
158: coppermine
159: coppermine
160: Home
161: Home
162: Forums
163: coppermine
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: News
173: Home
174: coppermine
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home
179: Search
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: coppermine
188: Home
189: Home
190: coppermine
191: Home
192: Home
193: Home
194: coppermine
195: Home
196: Home
197: Home
198: coppermine
199: Search
200: Home
201: coppermine
202: Home
203: News
204: coppermine
205: Home
206: News
207: coppermine
208: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924524
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Il 29 maggio 1927 nacque Pier Luigi Bacchini, poeta italiano
Il 29 maggio 1927 nacque Pier Luigi Bacchini, poeta italiano
Postato da Grazia01 il Domenica, 29 maggio @ 20:43:23 CEST (461 letture)
Ricerche d'autore


Poesie di Pier Luigi Bacchini




Non doratevi, già segretamente aurate


Non doratevi, già segretamente aurate,
non arrugginite, non raggrinzite
quanto un piccolo pugno,
disseccato; restate sempreverdi
finte immortali, simili all'altamente profumata
- e nemmeno sfrangiata
di fronte al vento, coriacea e lucente -
alla regale magnolia, con i semi amaranto;
o alle conifere montane
le antiche cenozoiche.
Non diventate trasparenti, sempre più,
telari lisi
già scarse nel mese d'ottobre,
con nostalgie infinitesimali, un po' indeterminate
come i fischi d'un treno distante
e collegi là in fondo, dentro la foschia
- spazzini sotto muretti erbati,
irrealtà, quasi un disturbo visivo
che nell'intimo spaventa
con l'immagine talvolta
che la materia
d'improvviso scompaia.


Ma tutte le sfumate gradazioni
i delicati intrecci,
gl'inudibili crepitii particellari
sarebbero stati inutili: lo sperpero
d'un Dio, la sua noia.
E ogni minimo sgretolamento, tipo il trascurabile uragano,
il ferro sciolto nel magma,
dicono la fatica
dall'origine
e la tremenda concretezza del mondo,
- senza via di scampo per noi.




ELICA

Quanta folla nel vento
se l’ascolti dal camino notturno
si pensa a quelli di sopra
nelle stanze da letto.
La vita
non si sa come sia sorta. Fancis Crick
ci dice che sia caduta dagli spazi
già avvolta ad elica.
Se avvicini uno specchio
alla bocca del dormiente
il vetro si appanna. Allora con molta facilità
ci si ricorda di una propria colpa.

Per il bosco, adesso, o lungo il Rio
il più innocuo cespuglio assume forme strane,
come se invisibili divinità
dessero manate selvagge all’erbaspagna, al frumento:
anche gli animali stanno acquattati, e si stringono
alle covate.





LAVORO LAVORO

Le persone inchiodate nei loro cappotti -
in stanghe di luce, cristalli
lungo le stazioni.
Teste scosse
sul treno. E l’aurora

con emissioni cromatiche, frange, finte
esplosioni d’arancia,
nubi sbranate.
Tra pali neri. Alcune teste
sugli schienali.

Ma vi sono indimenticabili giorni nella vita

quando si vive
a livello biologico. Come la donna,
che teneramente fa tremare anche i vecchi,
che raccattano spremute ghiandole germinali.
Anche una donna matura, un poco patita
in viso, pallida
così abbandonata ancora. E come illogica allora la morte
nell’inforcatura. I rami bianche ora si velano.
Mi piace
se piove lungo una strada, con un po’ di sole
l’asfalto diventa azzurro, specchia.
Ma vi sono desideri impossibili.

(da Contemplazioni meccaniche e pneumatiche, 2005)



IL MIO STRUMENTARIO

Questo arto, la mano,
è la mia psiche dalle cinque dita,
non è come una conchiglia gettata e ripresa
e rigettata da un’onda
di un mare primordiale
per una bacheca.
E anche la mia lingua,
che supera la chiostra dei tuoi denti
come un animale erettile e marino,
e a lungo

ci si unisce nel seme -

Io ridico parole con il grido
di cetacei tornati dall’oceano

o col loro silenzio di mandrie
arenate sulla spiaggia -

le ascolto inconsapevole,
risalite dagli umidi secreti, filtrazioni
lungo lo speco
tiepido del midollo.

E molte molecole mi nutrono
ogni giorno, dalle mille evoluzioni
radiazioni sperdute, piante morte
e comete polverizzate -
e molte molecole mi curano
con tenerezze materne
sebbene con effetti collaterali,
replicando l’arcaico formulario
del mondo
- di natura sintetica ed erboristica
per correggere le nostre anomalie – padre, madre, -
incolpevoli, i deficit
percettivi,
vestibolari e tiroxina
ed acetilcolina…
E se mi avessero inoculato
un qualche ml in più o in meno
dopandomi
non andrei lungo i viali con lampioni d’autunno
per la città
nella loro simmetrica malinconia, e non sarei
un poeta da pubblicare.



IN VILLA

Il processo notturno
sulle creste occidentali
conserva un trasparente chiaro,

e ancora mostra i poderosi dorsi
del pianeta.
Come peli ruvidi nelle forre d’un volto maschile
spuntano nelle vallette le querce
gli olmi e le varie acacie dei boschi:
lente d’ingrandimento su vegetazioni di barbe -
si acquietano, microrganismi dermici, le gazze
e i picchi che battono i duri becchi sui tronchi.

E mentre la luna
fa passare veloci spettri lungo il Rio Campanara,
gli spezzettati lombrichi muovono e impastano
sostanze organiche,
e a orari stabiliti per la grande valle di destra
romba distante il treno del mare.
La rifrazione atmosferica ritarda l’avvento.
Ma nella pianura, a oriente,
fa quasi notte, con smagliature di fumo
e fasce di sonno. Ecchimosi.
Apparenze di stelle inesistenti. Altre esistenti
non si vedranno. Tane, dova lavorano morbide pellicce,
grotte, nidi, tumuli di formiche
popolano il globo e le lampade laggiù di paesi e città
accecano le stelle.



IL VISITATORE

Questo giardino
difeso inutilmente
dagli spini di maclura. Anche i cani
li temono, le volpi. E il più furioso cinghiale
ha sanguinato.
Ho salvie rosse, un ricadente cedro.
E la fatica delle cicale
che si tramuta in canto. Sento passare il meridiano
accanto a me, tiepido anch’esso, portando aromi d’erbe
per molte terre, e resine
del nord su colori diversi;
e il filo del parallelo
che tenero lo incide. Nomi di fumi e venti,
e le altitudini, che declinano verso il mare.
Ho tenerezze animali
tra i cespugli – ma uno verrà
come il sorriso più benevolo
e una mano sudata.
Schricchiolii di passi sulla ghiaia.

(da Canti territoriali, 2009).








Pier Luigi Bacchini (Parma, 29 maggio 1927 – Medesano, 5 gennaio 2014) è stato un poeta italiano.
Originario di Parma, in cui risiede fino al 1993, vive sulle prime colline di Medesano. Debutta sul palcoscenico della poesia italiana nel 1954, con la raccolta Dal silenzio d'un nulla. Pubblica Canti familiari (1968), Distanze fioriture (1981) e Visi e foglie, con cui si aggiudica il Premio Viareggio. Con Scritture vegetali (1999, Premio S. Pellegrino) gli orizzonti poetici di Bacchini si aprono a una poesia nuova e ricca di suggestioni: l'approccio scientifico al mondo naturale, di ascendenza lucreziana, è tradito dall'utilizzo del lessico specifico della botanica e della medicina.
Bacchini indaga l'universo, ne analizza la struttura geometrica, cantando l'infinitamente piccolo e l'infinitamente grande, in una poesia che non è tuttavia priva di una tensione metafisica e di un afflato visionario. Nel 2003 pubblica Cerchi d'acqua, una raccolta di haiku e tanka, edita da Garzanti, in cui il poeta si misura con la brevità e la limpidezza della verso orientale. In Contemplazioni meccaniche e pneumatiche (2005) Bacchini riprende e amplia le principali tematiche delle raccolte precedenti, riscoprendo un nuovo sentimento del tempo.
Al 2009 risalgono i Canti territoriali (il titolo è un «termine etologico a indicare i canti amorosi e guerreschi degli uccelli»), in cui il poeta canta la varietà delle specie animali, vegetali e minerali, i vuoti siderali e le distese equoree, la tensione della storia che si risolve nell'abbraccio ricompositivo del tempo naturale, simboleggiato dal mare, e sfuma nel mito. L'universo bacchiniano si popola di forme fluttuanti e policrome, che spiccano per vivacità e colore sullo sfondo di un paesaggio primordiale. Ponendosi sul solco di una linea poetica già consolidata, Bacchini si interroga sulla scienza, lasciando trapelare l'idea che essa, lungi dallo svelare il segreto della natura, ne accresce anzi il mistero e il fascino (La campagna ha segreti / nonostante la botanica e gli studi topografici, / e si popola di solitudini, specie di notte, / o al sole ammattito di luglio).
Nel Settembre 2010 con i Canti territoriali si aggiudica il Premio Brancati. Nel 2013 la casa editrice Mondadori lo celebra pubblicando, nella prestigiosa collana degli "Oscar", Poesie, volume che raccoglie, nella forma di opera omnia bacchiniana, l'intera sua produzione poetica. Si spegne il 5 gennaio 2014, all'età di ottantasette anni.
fonte wikipedia







"Il 29 maggio 1927 nacque Pier Luigi Bacchini, poeta italiano" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Ricerche d'autore

Articolo più letto relativo a Ricerche d'autore:
Poesie di Octavio Paz

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 17 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 16 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 16 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 275 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 59 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 25
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy