Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 104
Totale: 104
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: News
06: Home
07: Home
08: Home
09: Search
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: News
16: Home
17: Home
18: Stories Archive
19: Home
20: Home
21: Home
22: Forums
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: coppermine
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: News
44: Home
45: coppermine
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: coppermine
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Forums
58: Home
59: Home
60: Home
61: News
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: News
76: Home
77: Home
78: News
79: coppermine
80: Stories Archive
81: Home
82: Home
83: Statistics
84: Stories Archive
85: News
86: Home
87: Statistics
88: Stories Archive
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: News
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9081
  · Viste: 1925363
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Pensieri XIX * Giacomo Leopardi
Pensieri XIX * Giacomo Leopardi
Postato da Grazia01 il Venerdì, 22 ottobre @ 15:35:36 CEST (2139 letture)
Poesie di Leopardi e altre opere I




Pensieri XIX


XIX.

V'ha alcune poche persone al mondo, condannate, a riuscir male cogli uomini in ogni cosa, a cagione che, non per inesperienza né per poca cognizione della vita sociale, ma per una loro natura immutabile, non sanno lasciare una certa semplicità di modi, privi di quelle apparenze e di non so che mentito ed artifiziato, che tutti gli altri, anche senza punto avvedersene, ed anche gli sciocchi, usano ed hanno sempre nei modi loro, e che è in loro e ad essi medesimi malagevolissimo a distinguere dal naturale.




Quelli ch'io dico, essendo visibilmente diversi dagli altri, come riputati inabili alle cose del mondo, sono vilipesi e trattati male anco dagl'inferiori, e poco ascoltati o ubbiditi dai dipendenti: perché tutti si tengono da più di loro, e li mirano con alterigia. Ognuno che ha a fare con essi, tenta d'ingannarli e di danneggiarli a profitto proprio più che non farebbe con altri, credendo la cosa più facile, e poterlo fare impunemente: onde da tutte le parti è mancato loro di fede, e usate soverchierie, e conteso il giusto e il dovuto. In qualunque concorrenza sono superati, anche da molto inferiori a loro, non solo d'ingegno o d'altre qualità intrinseche, ma di quelle che il mondo conosce ed apprezza maggiormente, come bellezza, gioventù, forza, coraggio, ed anche ricchezza. Finalmente qualunque sia il loro stato nella società, non possono ottenere quel grado di considerazione he ottengono gli erbaiuoli e i facchini. Ed è ragione in qualche modo; perché non è piccolo difetto o svantaggio di natura, non potere apprendere quello che anche gli stolidi apprendono facilissimamente, cioè quell' arte che sola fa parere uomini gli uomini ed i fanciulli: non potere, dico, non ostante ogni sforzo. Poiché questi tali, quantunque di natura inclinati al bene, pure conoscendo la vita e gli uomini meglio di molti altri, non sono punto, come talora paiono, più buoni di quello che sia lecito essere senza meritare l'obbrobrio di questo titolo; e sono privi delle maniere del mondo non per bontà, o per elezione propria, ma perché ogni loro desiderio e studio d'apprenderle ritorna vano. Sicché ad essi non resta altro, se non adattare 1'animo alla loro sorte, e guardarsi soprattutto di non voler nascondere o dissimulare quella schiettezza e quel fare naturale che è loro proprio: perché mai non riescono così male, né così ridicoli, come quando affettano l'affettazione ordinaria degli altri.

Giacomo Leopardi

Biografia






"Pensieri XIX * Giacomo Leopardi" | Login/Crea Account | 1 commento
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Pensieri XIX * Giacomo Leopardi (Voto: 1 )
di Paolo il Venerdì, 22 ottobre @ 17:53:17 CEST
Parole di un genio.

| Parent


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Poesie di Leopardi e altre opere I

Articolo più letto relativo a Poesie di Leopardi e altre opere I:
Il passero solitario

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Milano mia [ 0 commenti - 28 letture ]
 COME MUORE UN ANZIANO OGGI? [ 1 commenti - 55 letture ]
 Sono triste senza un motivo. Perchè? [ 0 commenti - 210 letture ]
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 53 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 49 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 27
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy