Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 181
Totale: 181
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: coppermine
03: Home
04: Stories Archive
05: Home
06: Home
07: News
08: Home
09: News
10: Home
11: coppermine
12: News
13: Forums
14: Home
15: coppermine
16: Home
17: Forums
18: coppermine
19: Your Account
20: Home
21: Home
22: News
23: Home
24: Home
25: News
26: coppermine
27: Stories Archive
28: Home
29: Home
30: Forums
31: coppermine
32: Home
33: News
34: Home
35: News
36: Forums
37: Home
38: coppermine
39: Forums
40: Home
41: Search
42: Home
43: Home
44: Home
45: Stories Archive
46: Home
47: Home
48: Home
49: News
50: News
51: Stories Archive
52: Home
53: Home
54: Home
55: News
56: News
57: Statistics
58: Stories Archive
59: coppermine
60: Home
61: Home
62: News
63: News
64: Stories Archive
65: Search
66: News
67: Stories Archive
68: News
69: News
70: Stories Archive
71: News
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: News
77: Home
78: Home
79: coppermine
80: Surveys
81: News
82: Stories Archive
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Search
88: Home
89: Home
90: News
91: Search
92: Home
93: News
94: Stories Archive
95: News
96: Home
97: News
98: Home
99: Home
100: Stories Archive
101: coppermine
102: Home
103: Home
104: Statistics
105: News
106: coppermine
107: Search
108: News
109: Forums
110: Home
111: News
112: News
113: Search
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: coppermine
119: Search
120: Home
121: Home
122: News
123: Home
124: News
125: Stories Archive
126: Search
127: Home
128: Home
129: coppermine
130: News
131: Home
132: News
133: Home
134: Home
135: Stories Archive
136: News
137: coppermine
138: Home
139: Stories Archive
140: coppermine
141: News
142: Home
143: Stories Archive
144: News
145: Home
146: Stories Archive
147: Home
148: Home
149: News
150: Stories Archive
151: Home
152: Search
153: Home
154: Home
155: coppermine
156: News
157: Home
158: Home
159: Stories Archive
160: News
161: Home
162: Stories Archive
163: Search
164: coppermine
165: Home
166: News
167: Home
168: Home
169: Home
170: Stories Archive
171: Search
172: News
173: Home
174: Home
175: News
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: News
181: Topics

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9078
  · Viste: 1925354
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Il 9 maggio 1938 nacque Charles Simić
Il 9 maggio 1938 nacque Charles Simić
Postato da Grazia01 il Sabato, 09 maggio @ 11:52:19 CEST (637 letture)
Ricerche d'autore








Charles Simić (vero nome Dušan Simić) (Belgrado, 9 maggio 1938) è un poeta statunitense, di origine serba. Iniziò la propria carriera nella prima metà degli anni settanta con uno stile letterario minimalista, nel tempo divenuto sempre più riconoscibile. Scrive di diversi argomenti, dal jazz all'arte alla filosofia. Nel 1990 è stato insignito del Premio Pulitzer per la poesia per l'opera The World Doesn't End.




Viaggiare




Mi tramuto in un sacco.
Un vecchio stracciaiolo
mi porta fuori all'alba.
Ci trasciniamo curvi.


Ecco qui, dice, la cravatta blu,
un uomo l'ha scalata mentre gli stava al collo.
Ora lassù singhiozza
perché non sa come calarsi giù.


Ma io non dico niente, cosa può dire un sacco?


Ecco qui, dice, il cappotto.
Il suo nome è Achab, i suoi sono i nostri stracci.
È in cerca del sarto che lo ha fatto.
Vuole strappare via tutti i suoi fili neri.


Ma io non dico niente, cosa può dire un sacco?


Ecco qui, dice, un paio di stivali,
mentre andavano a fondo, mentre andavano sotto
la loro vita videro in un lampo,
dovunque andremo si aggrapperanno a noi.


Ma io non dico niente, cosa può dire
un sacco rigonfio di stoppa fino al collo?





Paesaggio con grucce




Così tante grucce. Ora persino la luce del giorno
ne ha bisogno, persino il fumo che sale su. E le baracche –
una per cliente – che sene vanno
in fila indiana, con difficoltà,


dicevo, con un dannato sforzo...
e, dietro, gli alberi sul punto d'inciampare,
e le formiche sulle grucce giocattolo,
e il vento sulle grucce fantasma.


Non riesco a trovare pace qui intorno:
il pane sui suoi arti artificiali,
una bambola su una sedia a rotelle, senza testa,
e mia madre, proprio lei, che adopera i coltelli
come grucce mentre s'accoscia per pisciare.





Occhi cuciti con gli spilli




Quanto sodo lavori la morte
nessuno lo sa quanto lunga
sia la sua giornata.
Le stira la biancheria
il consorte lasciato a casa.
Le belle figlie
le apparecchiano la tavola per cena.
I vicini giocano
a pinnacolo in cortile
o bevono la birra
seduti sui gradini. E la morte
frattanto, in città,
in angoli remoti cerca
qualcuno con una brutta tosse,
ma l'indirizzo è, chissà perché, sbagliato,
nemmeno la morte può scovarlo
fra tutte quelle porte sprangate.
E comincia a cadere la pioggia.
l'aspetta una lunga notte di vento.
Non ha nemmeno un giornale
per coprirsi il capo, nemmeno
un gettone per chiamare chi si consuma,
l'uomo assonnato che piano si spoglia
e nudo si distende sul letto
dal lato che spetta alla morte.






Ragazzo prodigio

Sono cresciuto chino
su una scacchiera.


Amavo la parola scaccomatto.


Il che sembrava impensierire i miei cugini.


Era piccola la casa,
accanto a un cimitero romano.
I suoi vetri tremavano
per via di carri armati e caccia.


Fu un professore di astronomia in pensione
che m'insegnò a giocare.


L'anno, probabilmente, il '44.


Lo smalto dei pezzi che usavamo,
quelli neri,
era quasi del tutto scrostato.


Il re bianco andò perduto,
dovemmo sostituirlo.


Mi hanno detto, ma non credo che sia vero,
che quell'estate vidi
gente impiccata ai pali del telefono.


Ricordo che mia madre
spesso mi bendava gli occhi.
Con quel suo modo spiccio d'infilarmi
la testa sotto la falda del soprabito.


Anche negli scacchi, mi disse il professore,
i maestri giocano bendati,
i campioni, poi, su diverse scacchiere
contemporaneamente.







Così



Di diavoli azzurri
la più azzurra progenie.
mia moglie.


Dissi,
come Pascal
mia mogli eccelle
nel contemplare abissi.


Le sue ginocchia
ancora ricordano
la scala di marmo
di una contessa russa.


Tempo addietro a Parigi
raccoglieva le cicche
fuori dai caffè alla moda
per suo padre, disoccupato.


O nel Nuovo Mondo,
nuda davanti all'arcigno
dottore e all'infermiera,
con un soffio al cuore.


Tuttavia infila
l'estremità di un filo nero,
inumidita di saliva,
nell'occhio immobile dell'ago,
dodici ore al giorno.
Una sarta sublime,
un duro mestiere per la schiena
e la vista.


Nelle buie domeniche d'inverno
arduo mettere a fuoco
lettere e parole straniere
sui libri di testo della scuola serale.


Orecchie delle pagine ripiegate con cura,
brani evidenziati,
tutti quelli su uomini linciati, incatramati di piume,
sui roghi delle streghe –


davanti a una tazza di caffè –
quello nero che fanno gli zingari
quando si siedono a fissar la pioggia,
con le labbra che appena si muovono.





Salmo




Ci hai messo un bel po' a deciderti,
oh Signore, su questi pazzi
che governano il mondo. Arrivano dovunque
e i loro artigli devono averti spaventato.


Uno di loro mi scovò con la sua ombra.
Il giorno si era fatto freddo. Ondeggiai
fra il terrore e il coraggio
nell'angolo più buio della stanza di mio figlio.


Ho cercato con i miei occhi, Te in cui non credo.
Ti impegni a rendere graziosi i fiori,
a far sì che gli agnelli non smarriscano la madre,
o forse nemmeno di questo ti curi?


Era primavera. Gli assassini con un'aria sportiva
e allegra, e le tue divinità
al loro fianco per accertarsi
che i nostri addii venissero pronunciati bene.





Al tizio del piano di sopra




Capo di tutti i capi dell'universo.
Signor so-tutto, burattinaio intrigante,
e qualsiasi altra cosa tu sappia fare.
Avanti, smazza i tuoi zero questa notte.
Intingi nell'inchiostro code di comete.
Graffetta la notte con luci di stelle.


Meglio per te sarebbe leggere nei fondi di caffè,
o sfogliare l'Almanacco dell'Agricoltore.
Ma no! Ti piace darti arie,
e coltivare la tua rinomata serenità
mentre siedi alla grande scrivania
con niente di niente nel vassoio
della corrispondenza in arrivo o in partenza,
e tutta quell'eternità disseminata intorno.


non ti fa accapponare la pelle
sentirli supplicare in ginocchio,
farfugliando tenere parole come se tu
fossi una bambola gonfiabile a grandezza naturale?
Di' loro di rimettersi in sesto e andare a letto.
Basta fingerti troppo occupato per notarlo.


Le tue mani sono vuote e così i tuoi occhi.
Niente su cui apporre la tua firma,
anche se tu sapessi quale nome darti,
o credessi a quelli che continuo a inventare
mentre per te scarabocchio quest'appunto nel buio.


Charles Simic'







"Il 9 maggio 1938 nacque Charles Simić" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Ricerche d'autore

Articolo più letto relativo a Ricerche d'autore:
Poesie di Octavio Paz

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sono triste senza un motivo. Perchè? [ 0 commenti - 13 letture ]
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 38 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 34 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 43 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 696 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 27
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy