Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 208
Totale: 208
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Search
08: Home
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: coppermine
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Contact
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Surveys
25: coppermine
26: Stories Archive
27: News
28: Home
29: coppermine
30: Home
31: Search
32: Home
33: Home
34: Home
35: News
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Stories Archive
45: Home
46: Search
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: coppermine
54: News
55: Home
56: Search
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: News
62: Home
63: News
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: Stories Archive
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Search
75: Home
76: Home
77: Stories Archive
78: News
79: Home
80: Home
81: Your Account
82: Home
83: Search
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: News
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Stories Archive
95: Home
96: Home
97: Home
98: News
99: Home
100: Home
101: Stories Archive
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: coppermine
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Forums
113: Home
114: Home
115: Statistics
116: News
117: Home
118: Stories Archive
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: Home
125: Your Account
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: coppermine
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: News
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: News
150: Home
151: News
152: coppermine
153: Home
154: Home
155: Home
156: Search
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Stories Archive
163: coppermine
164: Stories Archive
165: Search
166: Home
167: Home
168: Home
169: Stories Archive
170: Home
171: Stories Archive
172: Home
173: News
174: Home
175: Home
176: Home
177: News
178: Your Account
179: Forums
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: News
188: Home
189: Home
190: coppermine
191: Search
192: Home
193: coppermine
194: News
195: coppermine
196: Home
197: coppermine
198: Home
199: Home
200: Home
201: News
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: News
207: Home
208: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9054
  · Viste: 1924125
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Poesie di Tahar Ben Jelloun
Postato da Grazia01 il Giovedì, 14 aprile @ 18:54:36 CEST (10228 letture)
Poesie sulla vita II
All'alba il dolore è stanco

All'alba il dolore è stanco
il corpo si abbandona sulla terra umida.
Lento dalla ferita sorge il sole
mentre la notte ha già preso il largo su una scialuppa
di fortuna.
Forse questa giornata approderà su un colle
e gli uomini si chineranno a raccogliere
frutti di generazioni mandate al sacrificio.





Sono venuto nel tuo paese con il cuore in mano
Espulso dal mio,
Un pò volontariamente e un pò per bisogno
Sono venuto,
Siamo venuti per guadagnarci da vivere,
Per salvaguardare la nostra sorte,
Guadagnare il futuro dei nostri figli,
L'avvenire dei nostri anni già stanchi,
Guadagnarci una prosperità
che non ci faccia vergognare,
Il tuo paese non lo conoscevo
E' un immagine...
Un miraggio, credo, ma senza sole...
Siamo arrivati qui ad informare,
con un canto di follia nella testa...
E già la nostalgia e i frammenti del sogno...
Sopravviviamo tra l'officina
o il cantiere e i pezzi del sogno
Il nostro cibo, la nostra dimora
Dura l'esclusione
Rara la parola rara la mano tesa.


Dalle ceneri

Quel corpo che già fu un corpo
non si attarderà più
sulle rive del Tigri o dell’Eufrate
raccolto da una pala che non avrà ricordo
di dolore alcuno
messo in un sacco di palstica nero
quel corpo che già fu un’anima,
un nome e un volto
ritorna alla terra delle sabbie
rifiuto e assenza.

Quella terra avida di acqua
non ha avuto che il sangue
per irrigare il grande silenzio
quel deserto afflitto ha aperto le trincee del sonno.
E in un baleno gli uomini
si sono riversati dentro a migliaia
la pelle scorticata
una candela accesa vegliata all’interno
della gabbia toracica defunta.
Un poco di cielo abitava quei corpi votati all’oblio.
Una coperta di sabbia è stata deposta
su quei sacchi neri da una mano metallica.
Niente si muove più.
Neanche i ricordi ardenti dei primi amori.
Nemmeno l’uccello sconosciuto venuto da un
giorno lontano per la preghiera dei morti. E’ nero
e immobile, con gli occhi bruciati, eterno.

Quel corpo che già fu parola
non guarderà più il mare pensando a Omero.
Non si è spento. E’ stato raggiunto da una scheggia
di cielo che gli ha spezzato la voce e il respiro.
Questi cristalli mescolati alla sabbia
sono le ultime parole pronunciate da quegli uomini
senz’armi.

Facce annerite da un fuoco che non trema.
Pagina di una vita calcinata
come un segreto illeggibile.
Lo sguardo, lentamente strappato dal volto: è
un sottile foglio di carta, bello e resistente, inquietante
e leggero: un velo tra la vita e la nostra morte:
un silenzio che trattiene qualche granello di sabbia.
Le facce lavate dallo stesso fuoco breve e preciso
non sono più facce.
La traccia del ricordo di un volto è sepolta
in quegli stessi sacchi neri.
Il disordine e la disfatta hanno confuso i giorni
e gli sguardi.

Quel corpo che già fu una risata
adesso brucia.
Ceneri portate via dal vento fino al fiume
e l’acqua le riceve come resti
di lacrime felici.
Ceneri di una memoria in cui traluce una piccola
vita molto semplice, una vita senza storia, con
un giardino, una fontana e qualche libro.
Ceneri di un corpo scampato alla fossa comune
offerte alla tempesta delle sabbie.

Quando si alzerà il vento quelle ceneri
si andranno a posare sugli occhi dei vivi.
E quelli senza saperne niente
camineranno trionfanti con un po’ di morte
sul viso.
Innumerevoli sono i segnali
che si svuotano della loro acqua
laggiù, nell’estremo tumulto
sul bordo di un cimitero in movimento.

In questo paese i morti viaggiano
come le statue e le fiamme.
Portano gli occhiali
e tendono le braccia bruciacchiate
per prendere il volo.
Dicono che sono diventati invisibili
e vanno offrendo ai vivi gli anni di vita
che ancora restano loro.
Quanti anni sparsi in quel modo sul deserto:
un secolo e oltre.
Vite da raccogliere come sciacalli impagliati
vite che tremano nel dire:
«La morte non è così fatale
come la notte che è l’ombra del sole».


Qui si consuma la disfatta delle parole

Qui si consuma la disfatta delle parole
la bilancia le ha pesate
l'aria le ha ripulite
la mano le ha ordinate
il libro le ha raccolte
in un gruppo di famiglia ispido
dove le lingue sciogliendosi litigano
dove i poeti ubriachi, in estasi
strappano con le penne il velo
sceso dal cielo
a coprire come una maschera la verità.


Tahar Ben Jelloun



Breve biografia dell'autore


Nato a Fes, in Marocco,nel 1944, ha trascorso la sua adolescenza a Tangeri e ha compiuto gli studi di filosofia a Rabat, dove ha scritto in francese le sue prime poesie, raccolte in Hommes sous linceul de silence (1971). In Marocco ha insegnato filosofia, ma a causa dell'arabizzazione dell'insegnamento (e non essendo egli abilitato alla pedagogia in lingua araba), nel 1971 si è trasferito a Parigi dove tre anni dopo ha ottenuto un dottorato in psichiatria sociale sulla confusione mentale degli immigrati ospedalizzati, che verrà pubblicata col titolo L'estrema solitudine. La sua esperienza di psicoterapeuta sarà anche riversata nel romanzo La Réclusion solitaire (La reclusione solitaria, 1976). Nel frattempo ha continuato a scrivere, sempre esclusivamente in lingua francese, collaborando regolarmente col quotidiano Le Monde. Il primo romanzo, Harrouda è del 1973. Oggi è padre di quattro figli. È molto noto in Italia per i suoi numerosi romanzi e per i suoi articoli. Con il Premio Goncourt assegnatogli per "La Nuit sacrée" nel 1987, è divenuto lo scrittore straniero francofono più conosciuto in Francia. Interviene con dibattiti e articoli sui problemi della società, soprattutto sul problema della periferia urbana e del razzismo. Con il libro Il razzismo spiegato a mia figlia e per il profondo messaggio che tale libro ha trasmezzo, gli è stato conferito dal segretario delle Nazioni Unite il Global Tolerance Award. Nel 2006 ha vinto il Premio Internazionale TRIESTE-POESIA. Le sue opere più importanti sono:"Creatura di sabbia" (1987);"Nadja"(1996);"Ospitalità francese"(1984)






"Poesie di Tahar Ben Jelloun" | Login/Crea Account | 1 commento
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Poesie di Tahar Ben Jelloun (Voto: 1 )
di Marhiel il Venerdì, 15 aprile @ 14:54:01 CEST
Grazie... è l'eterno calvario che riserva la chiusura delle menti a chi invece ha sguardi lunghi ad intravedere l'umano desiderio di libertà e solidarietà! Quindi nuovamente grazie a te Grazia che rendi possibile la lettura e a Tahar Ben Jelloun che con parole così importanti illumina coscienze!

| Parent

Ciao


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Poesie sulla vita II

Articolo più letto relativo a Poesie sulla vita II:
Poesie di Tahar Ben Jelloun

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 4.2
Voti: 5


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Sera d’ottobre [ 0 commenti - 8 letture ]
 Rotonda terra [ 0 commenti - 8 letture ]
 Verso Luino [ 0 commenti - 8 letture ]
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 25 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 88 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy