Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: floVj
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 234

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 40
Totale: 40
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: News
03: coppermine
04: Search
05: coppermine
06: News
07: coppermine
08: coppermine
09: Home
10: coppermine
11: Search
12: Home
13: News
14: Search
15: coppermine
16: News
17: Search
18: Search
19: Search
20: Statistics
21: Home
22: coppermine
23: coppermine
24: Home
25: Search
26: coppermine
27: coppermine
28: Forums
29: Search
30: coppermine
31: Stories Archive
32: coppermine
33: Search
34: coppermine
35: Search
36: Home
37: coppermine
38: News
39: Stories Archive
40: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 170
 Immagini: 7584
  · Viste: 476732
  · Voti: 429
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Benvenuti in Casatea.com
Postato da Antonio il Sabato, 11 marzo @ 15:34:11 CET (5601 letture)
Casatea.com





Cliccando sull'icona tonda a destra dell'articolo
saranno visibili altre pubblicazioni sullo stesso argomento

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


4 luglio
Postato da Grazia01 il Sabato, 04 luglio @ 19:11:02 CEST (12 letture)
Un pensiero al giorno





Durante la giornata del 4 luglio, tutti gli americani seguono un rituale preciso, che solitamente si realizza con la partecipazione alle parate mattutine proposte dalle grande città. Per questa ricorrenza, gli uffici federali, le poste e le banche restano chiuse, mentre nelle basi militari, a mezzogiorno in punto, vengono sparati tanti colpi di pistola quanti sono gli Stati appartenenti agli USA: in questo modo si realizza il saluto militare cosiddetto Salute to the Union, che ricorda le primissime celebrazioni dell’Independance Day del 1777, quando vennero sparati tredici colpi di pistola (all’epoca erano solo 13 le colonie facenti parti del neonato Stato Americano ndr), una volta al mattino ed un’altra al tramonto, a Bristol, nel Rhode Island.




La sera, invece, c’è grande attesa per gli irrinunciabili fuochi d’artificio che illuminano la notte di tutte le città americane, dove seguendo le note dell’inno americano The Star – Spangled Banner, partono le batterie luminose fra i canti commossi intonati con la mano sul cuore.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Come ci si sente da vecchi?
Postato da Grazia01 il Sabato, 04 luglio @ 12:59:11 CEST (5 letture)
Un pensiero al giorno





L'altro giorno, una ragazza giovane mi ha chiesto: - cosa provi nell'essere vecchio?-
Mi ha sorpreso molto la domanda, dato che non mi sono mai ritenuto vecchio. Quando la ragazza ha visto la mia reazione, immediatamente si è dispiaciuta, ma le ho spiegato che era una domanda interessante. E poi ho riflettuto, ho pensato che invecchiare è un regalo.
A volte mi sorprende la persona che vedo nel mio specchio. Ma non mi preoccupo di lei da molto tempo. Io non cambierei nulla di quello che ho per qualche ruga in meno ed un ventre piatto. Non mi rimprovero più perché non mi piace spolverare, o perché non mangio alcune "cose" . Mi sento finalmente nel mio diritto di essere disordinato, stravagante e trascorrere le mie ore contemplando i fiori.
Ho visto alcuni cari amici andarsene da questo mondo, prima di aver goduto della libertà che viene con l'invecchiare.
A chi interessa se scelgo di leggere o passeggiare sotto la Luna?
A chi interessa se ballo da solo ascoltando la musica anni 70?
E se dopo voglio piangere per un Amore perduto?
E se cammino sulla spiaggia in costume da bagno, portando a spasso il mio corpo rinsecchito e mi tuffo fra le onde lasciandomi da esse cullare, nonostante gli sguardi di quelli che Mi vedono troppo magro.
È vero che attraverso gli anni il mio cuore ha sofferto per la perdita di una persona cara, ma è la sofferenza che ci dà forza e ci fa crescere. Un cuore che non si è rotto, è sterile, e non saprà mai della felicità di essere imperfetto. Sono orgoglioso e grato di aver vissuto abbastanza per far ingrigire i miei capelli e per conservare il sorriso della mia giovinezza, di quando ancora non c'erano solchi profondi sul mio viso.
Orbene, per rispondere alla domanda con sincerità, posso dire: - Mi piace essere vecchio, perché la vecchiaia mi rende più saggio, più libero! -
So che non vivrò per sempre, ma mentre sono qui, voglio vivere secondo il Mio cuore. Non voglio lamentarmi per ciò che non è stato, né preoccuparmi di quello che sarà. Nel tempo che rimane, semplicemente amerò la vita come ho fatto fino ad oggi, il resto lo lascio a Dio.

Domenicoantonio Veneziano De Vita
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il lago di Misurina
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 01 luglio @ 22:11:36 CEST (27 letture)
Leggende e fiabe  I





La leggenda del Lago di Misurina

A qualche chilometro da Cortina, si trova il lago di Misurina che, insieme ai più importanti e bei gruppi dolomitici, costituisce una delle punte di diamante di questa zona. La location di questo specchio d’acqua naturale, incastonato tra le Tre Cime di Lavaredo a nord, dai Cadini ad est e dal Marmarole e del Sorapis a sud, è tanto affascinante quanto la storia che sta dietro la sua origine.
Vuole la leggenda che un tempo, a capo della zona che si estende tra le Tofane e le Tre Cime di Lavaredo, vi fosse un potente e forte re chiamato Sorapis. Il sovrano rimasto vedovo, aveva una figlia di nome Misurina, per la quale nutriva un affetto ed una devozione inestimabili. Misurina era una ragazzina viziata e capricciosa, perennemente scontenta e sempre alla richiesta di qualcosa di nuovo. Nonostante ciò Sorapis, che adorava la figlia, non esitava mai ad accontentarla e ad assecondare i suoi atteggiamenti, i quali le venivano puntualmente perdonati perché attribuiti alla mancanza della mamma.



Un giorno Misurina venne a conoscenza dell’esistenza di una fata che viveva sulla cima del Monte Cristallo, la quale possedeva uno specchio magico che permetteva di leggere i pensieri delle persone. Ovviamente la ragazzina non esitò un istante a chiedere e a supplicare il padre perché l’accompagnasse sulle pendici del monte. E così fu, Sorapis condusse la sua bambina al cospetto della fata con l’obiettivo di farsi consegnare ad ogni costo lo specchio incantato. La fata fece di tutto per dissuadere il re e Misurina dall’avere lo specchio, ma alla fine, di fronte alle lacrime di Sorapis, non potè fare altro che acconsentire a cedere il suo prezioso oggetto a Misurina. Anche gli specchi magici però hanno un prezzo, ed in questo caso era molto alto. Sul monte Cristallo, la fata possedeva un bellissimo giardino pieno di fiori di ogni tipo, questi però appassivano sempre precocemente per l’eccesso di sole, così, come compenso per lo specchio magico, questa richiese che Sorapis si trasformasse in una montagna che avrebbe avuto lo scopo di tenere all’ombra il variopinto giardino fiorito. Misurina era talmente felice di tenere tra le mani il suo nuovo gioco che non si scompose minimamente all’idea di non rivedere più suo padre che in quello stesso momento si stava trasformando in un’enorme montagna con alberi al posto dei capelli e crepacci al posto delle rughe. Accecata dall’avidità, Misurina non si accorse di essere a centinaia di metri dal suolo e guardando a terra perse i sensi e cadde nel vuoto sotto lo sguardo inerme di Sorapis che non si era ancora trasformato del tutto. Il dolore per la morte della figlia che era la sua unica ragione di vita, spinse il re ad un pianto disperato, le cui lacrime formarono due grandi ruscelli che scorrendo verso valle andarono a modellare quello che oggi noi conosciamo come il lago di Misurina. Per quanto riguarda lo specchio, questo si infranse tra le rocce ed i suoi mille frammenti finirono nel lago, alle cui sponde diedero i riflessi multicolore che ancora oggi tingono i pensieri e la fantasia di coloro che ammirano le sue acque cristalline.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Luglio
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 01 luglio @ 08:18:23 CEST (17 letture)
Messaggi II







commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ci sarò
Postato da Grazia01 il Martedì, 30 giugno @ 21:02:21 CEST (11 letture)
Un pensiero al giorno










E ricordati, io ci sarò.
Ci sarò su nell'aria.
Allora ogni tanto, se mi vuoi parlare,
mettiti da una parte, chiudi gli occhi e cercami.
Ci si parla.
Ma non nel linguaggio delle parole. Nel silenzio.

Tiziano Terzani

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La nave di San Pietro e San Paolo
Postato da Grazia01 il Domenica, 28 giugno @ 22:28:12 CEST (14 letture)
Un pensiero al giorno





LA BARCA DI SAN PIETRO.


Consiste nell’usanza di porre, nella notte
fra il 28 e il 29 giugno
(festività dei santi Pietro e Paolo),
un contenitore di vetro riempito
d’acqua su un prato e nel far colare
nell’acqua un albume d’uovo.

Al mattino seguente si dovrebbero
trovare nell’acqua delle strutture,
formate dall’albume, che ricordano
le vele di una nave.

In considerazione di come apparivano
le “vele” si poteva trarre buono o
cattivo auspico di come sarebbe
stata l’annata agraria.

Il Santo, passando, avrebbe soffiato
nel fiasco facendo apparire la sua barca.




Al mattino i bambini correvano a prendere
il contenitore dove l’albume si era disposto
formando la chiglia, gli alberi maestri, e le vele.

Certo, ce ne vuole di fantasia, ma i più
piccoli si immaginavano le funi, le onde e persino
il vento che gonfiava le vele; c’è chi ci
vedeva addirittura il Santo arrampicato
sul pennone dell’albero più alto, impegnato
a scrutare l’orizzonte.


Domani mattina vedrò come è venuta la mia nave.
Buonanotte

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nati il 26 giugno - Giovanni Giudici
Postato da Grazia01 il Venerdì, 26 giugno @ 22:14:49 CEST (31 letture)
Ricerche d'autore


Poesie di Giovanni Giudici





IL BENESSERE

Quanti hanno avuto ciò che non avevano:
un lavoro, una casa – ma poi
che l’ebbero ottenuto vi si chiusero.
Ancora per poco sarò tra voi.



DAL CUORE DEL MIRACOLO

Parlo di me, dal cuore del miracolo:
la mia colpa sociale è di non ridere,
di non commuovermi al momento giusto.
E intanto muoio, per aspettare a vivere.
Il rancore è di chi non ha speranza:
dunque è pietà di me che mi fa credere
essere altrove una vita più vera?
Già piegato, presumo di non cedere.




La vita in versi

Metti in versi la vita, trascrivi
Fedelmente, senza tacere
Particolare alcuno, l'evidenza dei vivi.

Ma non dimenticare che vedere non è
Sapere, né potere, bensì ridicolo
un altro voler essere che te.

Nel sotto e nel soprammondo s'allacciano
Complicità di visceri, saettando occhiate
D'accordi. E gli astanti s'affacciano

Al limbo delle intermedie balaustre:
Applaudono, compiangono entrambi i sensi
Del sublime - l'infame, l'illustre.

Inoltre metti in versi che morire
E' possibile più che nascere
E in ogni caso l'essere è più del dire.





Questo caro sgomento

L'infanzia dalle lunghe calze nere
Logorate ai ginocchi sugli spigoli
Dei banchi, l'infanzia delle preghiere
Assonnate ogni sera, delle nere

Albe dei morti, della litania
Di zoccoli cristiani sul selciato,
L'infanzia che m'ha dato
Questo caro sgomento mio d'esistere...





Una

Una che si svestiva con molta docilità
deponendo in bell’ordine gli indumenti
uno sull’altro senza alcuna impudicizia
e tuttavia senza il minimo dramma di pudore

Ma appena commentando con ironia e con tenerezza
primo perché sapeva essere quello il rituale
e poi perché la pazienza è nelle donne virtù
che più di noi le frena sulla china della morte

Una che conosceva tutte le lingue del silenzio
e per questo soffriva gli errori delle parole
anche se la parola non è essenza
ma paura d’assenza nell’uomo che le parla

Una che amava il sole e l’oro
e per questo portava tutto il grigio dei doveri
come chi per mancanza di denaro abbia lasciata
sul banco la bella cosa a lungo soppesata.


Leggi Tutto... | 34179 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


IL DESTINO DI NASCERE DONNA Rosarossa
Postato da rosarossa il Venerdì, 26 giugno @ 09:35:23 CEST (19 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX









IL DESTINO DI NASCERE DONNA

Mio Dio
che severo un dì dicesti:
Tu donna partorirai con gran dolore!
Chiedendogli perdono
accettasti con fede il suo castigo,
mentre Lui saliva glorioso al trono.
Donna quanto ti costa l'amore!
Dall'uomo sottomessa, bistrattata e
nel terrore, per la famiglia
fosti sempre tutto fare;
non so dire se per scherno o verità
ti chiamarono l'angelo del focolare.
Sanguinose lotte hai combattuto
per conquistare dignità, valore
e con l'uomo metterti alla pari.
Convinta di essere dalla legge tutelata,
abbracciasti i doveri imposti
senza mai obbiettare,
convinta e rassegnata.
Ma i tuoi diritti dove son rimasti
appiccicati? Tuttora a l'uomo!
Che s'impone ancora
rabbioso e con molto fastidio e
tu donna, poverina!
Cos'hai hai conquistato?
la modernità,del...
femminicidio!

Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Gocce di sole
Postato da Grazia01 il Venerdì, 26 giugno @ 09:19:01 CEST (24 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI







Gocce di sole


Gocce di sole
miele sul viso
dolce calore
invita al sorriso

Magiche notti
di mille stelle
lunghe giornate
dorata la pelle

Volo di stormi
nel cielo sereno
una preghiera
prima di sera

Nuovi profumi
di tempi passati
zucchero e sale
come pensieri

Tenera estate
ancora leggera
promesse di vita
che sembra infinita.


Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pensando al cielo...
Postato da Grazia01 il Martedì, 23 giugno @ 22:01:00 CEST (23 letture)
Un pensiero al giorno








Spleen


Quando il cielo basso e greve pesa come un coperchio
Sullo spirito che geme in preda a lunghi affanni,
E versa abbracciando l'intero giro dell'orizzonte
Una luce diurna più triste della notte;

Quando la terra è trasformata in umida prigione,
Dove come un pipistrello la Speranza
Batte contro i muri con la sua timida ala
Picchiando la testa sui soffitti marcescenti;

Quando la pioggia distendendo le sue immense strisce
Imita le sbarre di un grande carcere
Ed un popolo muto di infami ragni
Tende le sue reti in fondo ai nostri cervelli,

Improvvisamente delle campane sbattono con furia
E lanciano verso il cielo un urlo orrendo
Simili a spiriti vaganti senza patria
Che si mettono a gemere ostinati

E lunghi trasporti funebri senza tamburi, senza bande
Sfilano lentamente nella mia anima vinta; la Speranza
Piange e l'atroce angoscia dispotica
Pianta sul mio cranio chinato il suo nero vessillo.

Baudelaire





Gli artisti possono colorare il cielo di rosso perché sanno che è blu.
Noi che non siamo artisti dobbiamo colorare le cose come realmente sono,
o la gente potrebbe pensare che siamo stupidi.

Jules Feiffer




E ogni pausa è cielo in cui mi perdo,
serenità d’alberi a chiaro della notte.

Salvatore Quasimodo

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Luciano Folgore nacque il nato il 18 giugno 1888
Postato da Grazia01 il Giovedì, 18 giugno @ 11:59:24 CEST (61 letture)
Ricerche d'autore






Silenzio

Il cielo
è diventato una nube,
vedo oscurarsi le tube
non vedo 1'ombrello,
ma odo sul mio cappello
di paglia,
da venti dracme e cinquanta
la gocciola che si schianta,
come una bolla,
tra il nastro e la colla.
Per Giove, piove
sicuramente,
piove sulle matrone
vestite di niente,
piove sui bambini
recalcitranti,
piove sui mezzi guanti
turchini,
piove sulle giunoni,
sulle veneri a passeggio,
piove sovra i catoni,
e, quello ch'è peggio,
piove sul tuo cappello
leggiadro,
che ieri ho pagato,
che oggi si guasta;
piove, governo ladro!

E piove soprattutto
sul tuo cappello distrutto
mutato in setaccio,
che ieri ho pagato
che adesso è uno straccio,
o Ermïone
che scordi a casa l'ombrello
nei giorni di mezza stagione.





Tutta nuda

Te,
nuda dinanzi la lampada rosa,
e gli avori, gli argenti, le madreperle,
pieni di riflessi della tua carne
dolcemente luminosa.

Un brivido nello spogliatoio di seta,
un mormorio sulla finestra socchiusa,
un filo d'odore,
venuto dalla notte delle acacie aperte,
e una grande farfalla che ignora
che intorno a te
non si bruciano le ali,
ma l'anima.





L’Alba

Gli orti di Barga stavano, pervasi
da un lieve freddo, lieve, così lieve
che a dirlo non faceva freddo, quasi.
Brina? Sì, no. V'era un biancor di neve,
un presso a poco, un nulla, una chimera
e qualche schiocco nella strada breve.
A un tratto parve che dal ciel piovesse
un po' di guazza, ma non piovve affatto,
com'uno che dicesse e non dicesse.




Musa vagabonda

Se morissi una notte all' improvviso
no, non vorrei salire in paradiso.
Il paradiso è un sito
troppo fuori di mano,
un infinito pieno d'infinito,
un lontano lontano, assai lontano.
Giunti lassù si perde la nozione
delle cose terrestri e vi si oblia
oltre il dolore e la malinconia
i fatti, le disgrazie, le persone,
che ci han rotto le scatole e avverrebbe
ch' angeli o santi si perdonerebbe
coloro che ci diedero fastidio
fino al delirio o fino al suicidio.
Invece io chiedo in premio dei miei mali
non la beatitudine, ma il modo
di vendicarmi a fondo di quei tali.
Vorrei morto di fresco entrare a un tratto
nel corpo del mio gatto,
del mio gatto siamese,
dal muso nero e gli occhi di turchese,
che passa tutto il giorno
ad acciuffar le mosche
che gli ronzano intorno.
Perché dentro le mosche prigioniere,
ci stan l' anime perse dei noiosi
che turbarono sempre i miei riposi.
Ah che rara fortuna, oh che piacere
dar la caccia alle mosche dopo morto!
Spero che Dio, supremo giustiziere,
se ne ricordi e non mi faccia torto.

Luciano Folgore


Leggi Tutto... | 2060 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


BAOBAB
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 17 giugno @ 11:48:34 CEST (48 letture)
Scienze





Baobab

Chiamato dagli Africani "Albero Magico", "Albero Farmacista" e "Albero della Vita", il nome Baobab deriverebbe dal nome arabo “bu- hibab”, (il frutto dai molteplici semi).





Questo immenso e poderoso simbolo dell'Africa che sembra unire il cielo alla terra, fornisce agli uomini, nutrimento e rimedio a molti disturbi e malattie di vario genere.
Ancora sconosciuti al grande pubblico, i frutti e le foglie del Baobab sono stati ampiamente studiati e analizzati dai ricercatori di ogni parte del mondo ed esiste su questa pianta una vastissima letteratura medica tanto da essere definita "Una pianta per il futuro".

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Stupore
Postato da Grazia01 il Lunedì, 15 giugno @ 12:18:49 CEST (39 letture)
Un pensiero al giorno










Gli uomini hanno cominciato a filosofare,
ora come in origine, a causa della meraviglia:
mentre da principio restavano meravigliati
di fronte alle difficoltà più semplici,
in seguito, progredendo a poco a poco,
giunsero a porsi problemi sempre maggiori.

Aristotele


Finché saremo capaci di stupirci e di essere curiosi,
saremo sempre giovani.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


la musica
Postato da Grazia01 il Lunedì, 15 giugno @ 12:12:39 CEST (31 letture)
Un pensiero al giorno








]



La musica rinnova la nostra giovinezza stimolando la nostra meraviglia.
La capacità di meravigliarsi è stata definita la facoltà umana più significativa,
perché in essa è nata la nostra arte, la nostra scienza, la nostra religione.


Ralph Washington Sockman


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


TVB. Rosarossa
Postato da rosarossa il Lunedì, 15 giugno @ 12:06:34 CEST (38 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX









TVB.

Tre lettere alfabetiche,
ma parlano d'amore
sigillate in una perla segreta,
nascosta
nel profondo
in un angolo di cuore.
L'anima che tutto conosce e tutto spia
aggiunge ancora un raggio di splendore.
Rompe il buio nella solitudine,
scalda il cuore e fa tanta compagnia,
lenisce il dolore, carezza, consola e
della vita illumina la via.

Rosarossa

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Piove
Postato da Grazia01 il Lunedì, 15 giugno @ 12:00:06 CEST (28 letture)
Poesie tematiche III








La pioggia è vita;
la pioggia è la discesa del cielo sulla terra;
senza la pioggia, non ci potrebbe essere vita.

John Updike





Piovono voci di donne
come se fossero morte anche nel ricordo
Anche voi piovete
meravigliosi incontri della mia vita
o goccioline
E quelle nuvole impennate
cominciano a nitrire un intero universo di città auricolari
Senti se piove
mentre il rimpianto e lo sdegno piangono una musica antica
Ascolta cadere i legami che li tengono in alto e in basso.

Guillaume Apollinaire





...La mia anima ha la tristezza della pioggia serena,
tristezza rassegnata di cosa irrealizzabile,
ho all’orizzonte una stella accesa
e il cuore mi impedisce di contemplarla.
O pioggia silenziosa che gli alberi amano
e sei al piano dolcezza emozionante:
da’ all’anima le stesse nebbie e risonanze
che lasci nell’anima addormentata del paesaggio!

Federico Garcìa Lorca




Inspirando la frescura umida e l’odore di pane
della terra che da tempo aspettava la pioggia,
guardò i giardini e i boschi che correvano via,
i campi gialli di segale,
le strisce ancora verdi dell’avena
e i solchi neri con le macchie
verde scuro delle patate in fiore.
Tutto pareva ricoperto da una vernice:
il verde diventava più verde,
il giallo più giallo,
il nero più nero.
– Ancora, ancora! – diceva Nechljudov,
lieto dei campi, dei giardini e degli orti
che riprendevano vita
sotto la pioggia benefica.

Lev Tolstoj



Ascoltavo la pioggia
domandare al silenzio
quale fragile ardore
sillabava e moriva.
L’infinito tendeva
ori e stralci di rosso
profumando le pietre
di strade lontane.
Mi abitavano i sogni
odorosi di muschio
quando il fiume impetuoso
scompigliava l’oceano.
Ascoltavo la pioggia
domandare al silenzio
quanti nastri di strade
annodavano il cuore.
E la pioggia piangeva
sciugandosi al vento
sopra tetti spioventi
di desolati paesi.

Alda Merini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ci sono dei momenti...
Postato da Grazia01 il Sabato, 06 giugno @ 10:19:13 CEST (37 letture)
Riflessioni III










“Ci sono momenti che vanno e vengono come luci di natale che si accendono e si spengono....ci sono strade dentro alla tua testa che conosci a memoria ma ogni volta ti stupiscono ..sensi unici che nascono e muoiono ..semafori che fanno quel cazzo che vogliono..lampioni che spariscono e tu ti ritrovi in un secondo contromano confuso e spento..eppure ieri era tutto logico e ovvio..
Ci sono giorni che mai finiscono pieni di rotonde dove attimi bastardi e ubriachi di nostalgia ti rubano la precedenza e ti investono e le cinture di sicurezza che metti ai tuoi pensieri mica servono..non puoi proteggerti da certi ricordi perché non puoi mettere un freno ai tuoi sogni..puoi ignorarli, puoi addormentarli..ma ci sono certe notti dalle quali non sfuggi in cui ti ritrovi solo a guardare luci di natale che si accendono e si spengono sui tuoi dubbi..ci sono momenti in cui l’on e off non sei tu che li scegli o forse sono solo incroci davanti ai quali ti fermi..e aspetti…e in lontananza senti il fischio di quel famoso treno…magari sei ancora in tempo……corri!"

4tu



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Parole violentate
Postato da Letty il Venerdì, 05 giugno @ 18:53:38 CEST (43 letture)
Le poesie di Letty - II









Parole violentate


Povere parole violentate.
Dove nascono certe parole c'è il dolore, il pianto.
Sono pesanti e cadono a terra.
C'è chi ha la cura di raccoglierle e lanciarle al cielo
sembrano cristalli ma sono lacrime
Ognuna di loro si incastona nel mantello della notte diventando una stella
Nessuno può strappare un fiore dal cielo senza sporcarsi le mani...
Nessuno!


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


ETERNO FIORE
Postato da rosarossa il Venerdì, 05 giugno @ 18:50:39 CEST (44 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX











ETERNO FIORE

Il fiore dell'amicizia
mai perderà
profumo e colore,
se coltivato con sani principi
e innaffiato di sincero amore
sempre perdurerà!
Lo troveremo profumato
fresco ancora bello
nell'eternità.

Rosarossa


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 5 giugno del 1898 nasceva Garcia Lorca
Postato da Grazia01 il Venerdì, 05 giugno @ 12:26:29 CEST (47 letture)
Poesie di Lorca



Anniversario della nascita di Federico Garcia Lorca






FEDERICO GARCIA LORCA


Il poeta spagnolo per eccellenza nacque a Fuente Vaqueros nel 1898.
Bambino vivace, fu costretto ad alcune interruzioni
nello studio a causa di gravi problemi di salute.
Riuscì comunque ad iscriversi all’università e a conseguire la laurea.
All'inizio degli anni Venti si traferì a Madrid,
dove si formò grazie ai contatti con artisti
del calibro di di Dalì, Buñuel ed in particolare Jimenez.
Contemporaneamente si dedicò alla scrittura di opere teatrali
i cui esordi furono accolti con una certa freddezza.
Dopo la laurea, attraverso le prime esperienze di lavoro
si formò in modo più preciso l'impegno sociale del poeta,
con la creazione di gruppi teatrali autonomi la cui attività era finalizzata
allo sviluppo culturale della Spagna.
Nel 1936, poco prima dello scoppio della guerra civile,
Garcia Lorca redasse e firmò, assieme a Rafael Alberti
ed altri 300 intellettuali spagnoli un manifesto d'appoggio al Frente Popular,
che apparve sul giornale comunista Mundo Obrero il 15 febbraio.
Il 17 luglio 1936 scoppiò l'insurrezione militare contro il governo della Repubblica
ed iniziò la guerra civile spagnola.
Il 19 agosto Federico García Lorca venne rapito e portato a Viznar,
dove venne brutalmente assassinato senza alcun processo.
Delle sue opere, quella universalmente nota è il
"LLanto por la muerte de Ignacio Sánchez Mejías".







Gazzella dell'amore imprevisto

Nessuno capiva il profumo
Dell'oscura magnolia del tuo ventre.
Nessuno sapeva che martirizzavi
Un colibrì d'amore fra i tuoi denti.

Mille cavallini persiani dormivano
Sulla piazza con la luna della tua fronte,
Mentre per quattro notti io stringevo
La tua vita, nemica della neve.

Fra i gessi e i gelsomini, il tuo sguardo
Era un pallido ramo di sementi.
Cercai, per darti, nel mio cuore
Le lettere d'avorio che dicono sempre

Sempre, sempre: giardino della mia agonia,
Il tuo corpo fuggitivo per sempre,
Il sangue delle tue vene nella mia bocca.
La tua bocca senza luce per la mia morte.





Ancora ti amerò

Pronuncio il tuo nome
nelle notte buie,
quando gli astri vanno
a bere alla luna
e dormono gli alberi
delle foreste cupe.
Ed io mi sento vuoto
di passione e di musica.
Orologio impazzito che canta
morte ore antiche.

Pronuncio il tuo nome
e in questa notte buia,
il tuo nome suona
più lontano che mai.
Più lontano delle stelle,
più dolente della spiaggia quieta.

Ancora ti amerò
come allora? Quale colpa
ha il mio cuore?
Se si alza la nebbia
quale nuova passione m'attende?
Sarà tranquilla e pura?
Potessero le mie mani
sfogliare la luna!





Cordova


Cordova.
Lontana e sola.

Cavallina nera, grande luna,
e olive nella mia bisaccia.
Pur conoscendo le strade
mai più arriverò a Cordova.

Nel piano, nel vento
cavallina nera, luna rossa.
La morte mi sta guardando
dalle torri di Cordova.

Ahi, che strada lunga!
Ahi, la mia brava cavalla!
Ahi, che la morte mi attende
prima di giungere a Cordova!

Cordova,
lontana e sola.





Tanto vivere

Tanto vivere...
perchè?
Il sentiero è noioso
e non c'è amore sufficiente.
Tanta fretta...
perchè?
Per prendere la barca
che non va in nessun luogo.
Amici, tornate!
Tornate alla vostra sorgente.
Non versate l'anima dispersa
nella coppa della Morte.






Io pronuncio il tuo nome

Io pronuncio il tuo nome
nelle notti oscure,
quando giungono gli astri
a bere nella luna,
e dormono i rami
delle fronde occulte.
Ed io mi sento vuoto
di passione e di musica.
Folle orologio che canta
antiche ore defunte.

Io pronuncio il tuo nome
in questa notte oscura,
e il tuo nome mi suona
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle
e più dolente della mite pioggia.

Ti amerò come allora
qualche volta? Che colpa
ha commesso il mio cuore?
Se la nebbia si scioglie
quale nuova passione mi aspetta?
Sarà tranquilla e pura?
Se potessi sfogliare
con le dita la luna!!


FEDERICO GARCIA LORCA


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La vita continua
Postato da Grazia01 il Giovedì, 04 giugno @ 14:01:36 CEST (47 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II






La vita continua



Mi piace ricordare il passato

perché è più vero.

Ricordo un amico

ma mai uno solo.

L’amicizia era sincera, bastava

uno sguardo,

un sorriso,

un ciao,

ed il cuore si apriva per ricevere

e pronto a donare.

Peccato che non torni più

perché è passato e niente è più.

Ma ora ci sei tu : così il presente vive

di nuova luce , nuove speranze,

nuove certezze, nuove parole,

nuovi sorrisi.

Il rumore lieve della vita si muove

su un filo sottile così come camminano

le stelle e la luna sopra noi formando

una luce intermittente chissà dove e per chi

La vita è nei tuoi occhi

e lì è la mia pace

mentre rumoreggiano gli anni

e come piombo pesano le pene ed i pensieri

mentre il deserto della solitudine

inghiotte le persone che lo abitano.



r.chesini

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il 28 maggio del 1922 nacque José Craveirinha
Postato da Grazia01 il Giovedì, 28 maggio @ 20:19:34 CEST (37 letture)
Ricerche d'autore



José Craveirinha, poeta mozambicano, era nato il 28 maggio del 1922




Con questa bellissima poesia del poeta mozambicano José Craveirinha,
vorrei rendere omaggio a tutte le persone, donne e uomini,
africani e non solo, che continuano a girare le terre,
l’Europa compresa rendendo omaggio all’Africa
raccontando delle esperienze vissute in Africa.
La loro voce è il TAMBURO che piu’ di ogni altro rimane il piu’ antico
e il piu’ autentico strumento di comunicazione
e di narrazione della cultura africana.
Possa la testimonianza di questi concittadini (ormai tantissimi)
aprire le menti e gli sguardi di molte altre persone
verso questa Terra che è l’Africa.






Voglio essere tamburo


Il tamburo è vecchio di gridare
Oh, vecchio dio degli uomini
lasciami essere tamburo
Corpo e anima solo tamburo
Solo tamburo che grida nella calda notte dei tropici.
Non fiore nato nel bosco della disperazione
non fiume che scorre verso il mare della disperazione
non lancia temperata al vivo fuoco della disperazione
E nemmeno poesia forgiata nel dolore rosso della disperazione.
Niente.
Solo tamburo vecchio da gridare alla luna piena della mia terra
Solo tamburo di pelle conciata al sole della mia terra
Solo tamburo scavato nei duri tronchi della mia terra.
Io
Solo tamburo che spezza l’amaro silenzio della Mafalala
Solo tamburo vecchio da sedere alla festa della mia terra
Solo tamburo perduto nelle tenebre della notte perduta.
Oh! vecchio dio degli uomini
io voglio essere tamburo
e non fiume
e non fiore
e non lancia per ora
e nemmeno poesia
Solo tamburo che echeggia come la canzone della forza e della vita
Solo tamburo giorno e notte
notte e giorno solo tamburo
fino alla consumazione della grande festa dei negri!
lasciami essere essere tamburo
solo tamburo.





José Craveirinha che è morto nel 2003 è stato uno dei piu’ grandi poeti africani
di lingua portoghese.
Una delle voci semplicemente piu’ ascoltate del Mozambico
anche e soprattutto durante la lunga guerra civile
di questo simpatico paese africano e dopo l’assassinio del presidente
e leader movimento socialista mozambicano Samora Machel
avvenuto il 19 ottobre 1986.
Josè è figlio di un portoghese e di una mozambicana.
Ha pubblicato diversi scritti, tra cui Cantico a un Dio di catrame nel 1966.
Anno in cui il poeta subi’ un interdetto politico.
Ha collaborato con diverse testate giornalistiche come
“O Brado africano e noticias oppure Vos de ciacao Africana fin dalla giovane età.
José ha conosciuto l’esperienza del carcere della polizia portoghese
dal 1965 al 1969 per le sue prese di posizione.
E’ stato insignito del premio letterario Camoes nel 1990.
Per noi rimane uno degli esempi di letterato africano impegnato
con e per la popolazione africana.


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 28 maggio del 1877 nacque Oscar Vadislas de Lubicz Milosz
Postato da Grazia01 il Giovedì, 28 maggio @ 20:14:06 CEST (59 letture)
Ricerche d'autore


Nel preambolo la poesia appare come compagna dell’uomo sin dalle origini,
sin dai riti magici degli abitatori delle caverne; come “ordinatrice di archetipi”;
come – ed è questa per me la definizione più importante –
“inseguimento appassionato del Reale”

(Oscar Vladislas de Lubicz Miłosz, Qualche parola sulla poesia)





In un paese d’infanzia...

In un paese d’infanzia ritrovata in lacrime,
In una città di morti battiti di cuore
(Battiti dal frastuono cullante,
Battiti d’ala degli uccelli nunzi di morte,
Sciabordii d’ala nera sulle morte acque).
In un passato fuori dal tempo, in preda a sortilegio,
I cari occhi a lutto dell’amore ardono ancora
Di un fuoco lento di rosso minerale, di un triste sortilegio;
In un paese d’ infanzia ritrovata in lacrime…
– Ma il giorno piove sulla vacuità di tutto.
Perché mi hai sorriso nell’antica luce?
E perché e come avete potuto riconoscermi
Voi strana ragazza dalle palpebre di arcangelo,
Dalle ridenti, illividite, sospiranti palpebre,
Edera di notte estiva sulla luna delle pietre?
E perché e come, non avendo mai conosciuto
Né il mio volto né il mio lutto, né la miseria
Dei giorni, mi hai così di colpo riconosciuto
Tu mite, musicale, brumosa, pallida, cara,
Per la quale morire nella grande notte delle tue palpebre?
– Ma il giorno piove sulla vacuità di tutto.
Quali parole, quali musiche terribilmente antiche
Fremono in me per la tua irreale presenza,
Cupa colomba dei giorni lontani, mite, bella,
Quali musiche ti fanno eco nel sonno?
Sotto quale fogliame di arcaica solitudine,
In quale silenzio, quale melodia o quale voce
Di bambino malato ritrovarvi, oh bella,
Oh casta, oh musica ascoltata nel sonno?
– Ma il giorno piove sulla vacuità di tutto.

Oscar Vladislas de Lubicz-Milosz

(Traduzione di Massimo Rizzante)





da “Cantico della primavera”

Alzati, cara testa! Guarda, bel viso!
Tutto è fiducia, incanto, riposo.

La giovane ape,
figlia del sole,
vola in esplorazione nel mistero del frutteto.

Vieni, dolce viso …
Scosterò la chioma del salice,
guarderemo nella valle.
Si piega il fiore, l’albero stormisce:
son ebbri di fragranza.

E la città, anch’essa, è bella nell’azzurro del tempo:
le torri
sono come donne che guardino
arrivare l’amato in lontananza.

La colomba dalle belle zampe scende a bere alla fontana:
come si mostra bianca nell’acqua fresca!
Si direbbe che canti nel mio cuore novello.
Eccola lontana …



O viandante, sii nostro ospite, fermati!
Troverai quiete sotto il nostro tetto.
I gravosi progetti che hai, s’assopiranno
Al mormorare aèreo del viale.
Avrai per cibo, pane, miele e latte.
Ti terremo nascosto agli affanni.
C’è una bella camera appartata
nella nostra dimora; verdi ombre vi entrano
dalla finestra aperta su un giardino
pieno d’incanto, solitudine e acqua.
Egli ascolta … si ferma …
Com’è bello il mondo, benamata, com’è bello il mondo!


Leggi Tutto... | 7190 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 28 maggio del 1779 nacque Thomas Moore,
Postato da Grazia01 il Giovedì, 28 maggio @ 20:09:38 CEST (35 letture)
Ricerche d'autore




Thomas Moore nacque a Dublino il 28 maggio del 1779.
Originario di una famiglia con la passione rivoluzionaria,
fu uno dei primi cattolici ad essere ammesso al Trinity College nel 1794.
Nel 1803 fu ufficiale civile alle Bermuda, dove rimase per un anno,
poi tornò in Inghilterra dopo aver viaggiato in America e Canada.
Di ritorno, pubblicò una raccolta di odi, poesie e epistole, in cui criticava l’America.
Nel 1819 Moore fu condannato alla prigione a causa dei debiti:
il suo deputato alle Bermuda era, in realtà, il colpevole,
ma la colpa cadde interamente su Moore,
che lasciò l’Inghilterra con Lord John Russell per visitare l’Italia.
Moore tornò solo nel 1822, quando i debiti erano stati completamente ripagati.
Nel 1824 Moore ereditò le memorie di Byron, ma,
secondo alcune fonti le bruciò insieme all’editore John Murray,
presumibilmente per proteggere l’amico.
Diversamente, invece, Leslie Marchand dice nella sua biografia di Byron,
che fu Moore a tentare di distogliere Murray
dall’intento di bruciare le carte dell’amico e infatti ne salvò alcune pagine dal fuoco.
E proprio grazie a questi manoscritti di Byron,
Moore scrisse Letters and Journals of Lord Byron (1830).
Nel 1835 Moore ricevette una pensione letteraria e pubblicò The Fudges in England.
La sua amicizia con il compatriota eroico Robert Emmett
ha prodotto alcune scritture che incoraggiano ardentemente
la causa della libertà irlandese.
Il poeta, dopo la morte di Emmet, compose un’elegia commovente,
When he who adores thee, basata sulle parole dei martiri per la libertà.
Moore fu per tutta la vita un valente musicista e un copioso scrittore
capace di slanci lirici e dotato di notevole umore satirico.
La morte lo colse nel 1852.




L'ultima rosa dell'estate

Traduzione dall'inglese di Mario Rapisardi (1862)


Che fai, rosa deserta in su lo stelo,
Mandando effluvi al cielo?
Più il prato non s'infiora
Di tue compagne, che l'està scolora:
Nè fiore alcuno, ovunque il guardo giri,
Giunge a' tuoi le sue tinte e i miei sospiri!

Ti lascerò da tutti abbandonata
Sul gambo relegata?
Oh, no. Pietoso invece io ti disfioro...
Raggiungi gli altri fior, dormi con loro!
Là, dove sparsi il prato
Morti li accoglie, t'è il dormir più grato.

Deh, ma potrò pur io morir repente,
Quando le gioie spente
D'ogni affetto gentil tutte saranno?
Quando dal luminoso
Astro i raggi d'amor s'oscureranno,
Potrò aver come te pronto riposo?

Oh, allor che a' sogni dell'april degli anni
Sieguono i disinganni...
Quando, d'amor ogni legame infranto,
Sol ci rimane il pianto...
Chi vuol, chi può restar deserto in questa
Tomba del nostro cor, landa funesta?


Thomas Moore

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Evviva Casatea
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 27 maggio @ 09:19:08 CEST (56 letture)
Messaggi II









Siamo in continua escalation, grazie
grazie a chi passa di qui anche senza essere iscritto
grazie a chi arricchisce Casatea con le sue opere

Statistica Mensile per 2015

Mese Pagine Viste
Gennaio 1668676
Febbraio 1303381
Marzo 2674326
Aprile 4189440
Maggio 4702293

....e maggio non è ancora finito!





Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


SOLITUDINE Rosarossa
Postato da rosarossa il Mercoledì, 27 maggio @ 08:56:20 CEST (53 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX









SOLITUDINE

Una vita sola!
Un'automa vagante sperduto nel nulla.
Ho cercato la fede per nascere ancora.
Ho pregato il Divino per sentirmi viva.
Ha accolto la prece fatta col cuore
sorretto il fardello che più non reggevo
ascoltato il pianto, capito il mio duolo
mi è stato vicino, alimentando il coraggio,
mi ha dato la speme. A questo amore
grande e sincero professo il mio credo e
mi sento protetta felice e sicura.
Mai disperare, ma solo pregare. Il
solo conforto che ogni anima invoca arriva
solo mandato dal cielo!


Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Non ho bisogno di tempo
Postato da Grazia01 il Sabato, 23 maggio @ 21:43:55 CEST (38 letture)
Ricerche d'autore








Non ho bisogno di tempo

Non ho bisogno di tempo
per sapere come sei:
conoscersi è luce improvvisa.
Chi ti potrà conoscere
là dove taci, o nelle
parole con cui tu taci?
Chi ti cerchi nella vita
che stai vivendo, non sa
di te che allusioni,
pretesti in cui ti nascondi.
E seguirti all'indietro
in ciò che hai fatto, prima,
sommare azione a sorriso,
anni a nomi, sarà
come perderti. Io no.
Ti ho conosciuto nella tempesta.
Ti ho conosciuto, improvvisa,
in quello squarcio brutale
di tenebra e luce,
dove si rivela il fondo
che sfugge al giorno e alla notte.
Ti ho visto, mi hai visto, ed ora,
nuda ormai dell'equivoco,
della storia, del passato,
tu, amazzone sulla folgore,
palpitante di recente
ed inatteso arrivo,
sei così anticamente mia,
da tanto tempo ti conosco,
che nel tuo amore chiudo gli occhi,
e procedo senza errare,
alla cieca, senza chiedere nulla
a quella luce lenta e sicura
con cui si riconoscono lettere
e forme e si fanno conti
e si crede di vedere
chi tu sia, o mia invisibile


Pedro Salinas

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


vi perdono, ma inginocchiatevi
Postato da Grazia01 il Sabato, 23 maggio @ 19:22:30 CEST (43 letture)
Messaggi II








COSI' ROSARIA HA RACCONTATO DOLORE E VERITA'


ROMA - "Avete perduto, uomini senza onore. State perdendo pure i figli che guardano le vostre mani sporche di sangue. Il disprezzo vi sommergerà. Forse siete in tempo per non farvi odiare dai vostri stessi figli. Io vi perdono, ma inginocchiatevi". Così, con una lunga Lettera ai mafiosi inizia il diario di Rosaria Schifani, moglie di Vito Schifani, uno dei tre agenti di scorta uccisi insieme al giudice Falcone. Il suo dolore, la sua cronaca privata di una tragedia pubblica, le parole di ira ma anche di perdono rivolte ai nemici, agli assassini ai mafiosi, sono state raccolte in un libro Vi perdono ma inginocchiatevi, scritto insieme al giornalista Felice Cavallaro, edito da "Tullio Pironti". Ma prima di rivolgersi ai mafiosi, Rosaria Schifani si rivolge al figlio, il bimbo che aveva solo quattro mesi quando il padre Vito è stato ucciso. Ecco alcuni stralci della lettera che appare nelle prime pagine del libro. "Amore mio, Antonino Emanuele, il tuo papà ti ha amato per quattro mesi, i primi della tua vita, gli ultimi della sua... Papà non c' è più perché l' ha ucciso la mafia, una sera di maggio, con un micidiale ordigno azionato per eliminare un giudice buono che lui difendeva, Giovanni Falcone... Vorrei spiegarti cos' è la mafia, ma prima debbo capire io... Ho cercato la verità, la meta è ancora lontana... E io vorrei vincere. Per te, amore mio". Poi la lettera pubblica, la lettera ai nemici. "Dico a voi, mafiosi, convinti di essere i padroni della vita e della morte senza capire che siete solo cadaveri in cammino verso l' inferno, colpevoli davanti a Dio e colpevoli davanti agli uomini per aver distrutto le vostre stesse esistenze, per aver trasformato in un campo di guerra la terra dei vostri figli spargendo odio, tanto odio, come quello esploso il 23 maggio 1992 nella strage dell' autostrada dove, per uccidere Giovanni Falcone, avete commesso l' errore più grande, perché tappando cinque bocche, ne avete aperto cinquanta milioni, come hanno scritto i bambini, i compagni di scuola dei vostri figli...". "Dico a voi politici dalla faccia sporca. Siete voi lo Stato? A cosa lo avete ridotto?". "Dico a voi, donne della mafia, madri snaturate che vendete a Satana le coscienze dei vostri figli in cambio di effimere comodità...". "Voi mafiosi, voi corrotti siete nei guai, braccati nelle vostre stesse case, perché i vostri figli, guardandovi negli occhi, faranno scattare l' odio per il padre". "Io invito al perdono... ma chiedo alle belve di inginocchiarsi e agli uomini di agire per fare vera giustizia".
21 novembre 1992


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 21 maggio del 1867 nacque Sebastiano Satta
Postato da Grazia01 il Giovedì, 21 maggio @ 20:34:10 CEST (62 letture)
Ricerche d'autore


Il 29 novembre del 1914, a soli quarantasette anni, moriva a Nuoro il poeta e scrittore
Sebastiano Satta,




dopo un lungo periodo di immobilità dovuta a una paralisi che lo aveva colpito in giovane età.
Sebbene non considerato un personaggio di fama nazionale, ha di certo lasciato il segno nella sua terra,
la Sardegna, che lo ha amato e ancora lo ama per la sua grande vicinanza agli umili, al popolo,
alle persone semplici ma anche a quelle così fiere e coraggiose da ribellarsi alle regole non riconosciute.
Nato a Nuoro nil 21 maggio del 1867, Sebastiano Satta durante la sua breve vita
non nascose mai la sua comprensione e simpatia nei confronti dei banditi,
ovvero di coloro che per sfuggire a una giustizia in cui non credevano si davano alla latitanza,
nascondendosi nelle aspre e dure montagne della sua Barbagia. Li considerava non veri fuorilegge
bensì uomini oppressi e incompresi, costretti a trasformarsi in animali randagi
o ad agire contro una legge che non gli apparteneva.
Laureatosi in giurisprudenza a ventisette anni, fu un grande avvocato,
un poeta che ci ha lasciato significativi versi sulla sua terra,
ma anche un giornalista molto attivo: fondò infatti il quotidiano La Via,
la rivista La Terra dei Nuraghes, e scrisse articoli sia per i periodici isolani che per quelli della penisola,
compreso Il giornale d’Italia”.



Non fu di certo un uomo fortunato, poiché non solo vide la morte della sua primogenita Raimonda,
ancora neonata, ma colpito da paralisi a soli quarantun’anni, dovette lasciare l’avvocatura
perché oramai impossibilitato anche a parlare. Fu il suo amore per la scrittura
a mantenerlo vivo intellettualmente fino alla fine: influenzato da Pascoli e Carducci
– da lui tanto amati – e dalla sua visione personale della cultura barbaricina,
ci ha lasciato splendide poesie dedicate alla sua prima figlia, alla sua gente,
alla realtà isolana di quegli anni da lui considerati “anni di sconforto e di tenebra,
quando gli ovili erano deserti e tremende e tragiche suonavano le monodie delle prefiche,
e l’animo era smarrito e percosso da sciagure e odî nefandi”.



Sebastiano Satta ha spesso rivendicato per il suo popolo una maggiore giustizia sociale. In questa sua poesia i banditi appaiono come uomini colpiti dalla sventura, esclusi dalla convivenza con gli altri e, per questo, intristiti. Nella sera di Natale, che è un'occasione di festa e di incontro per chi vive normalmente (nei paesi si celebrano i riti religiosi, nelle case le famiglie si riuniscono per la cena tradizionale), i banditi si accorgono più dolorosamente di essere condannati ad una vita solitaria e furtiva sui monti.
L'immagine del Monte Spada ci permette di collocare le figure in un ambiente preciso e reale.. siamo nella zona montuosa del Gennargentu, nella Barbagia, una delle regioni interne più povere e desolate della Sardegna.




Banditi
da Canti barbaricini

Incappucciati, foschi, a passo lento
tre banditi ascendevano la strada
deserta e grigia, tra la selva rada
dei sughereti, sotto il ciel d'argento.

Non rumori di mandre, o voci, il vento
agitava per l'àlgida contrada.
Vasto silenzio. In fondo, Monte Spada
ridea bianco nel vespro sonnolento.

O vespro di Natale! Dentro il core
ai banditi piangea la nostalgia
di te, pur senza. udirne le campane:
e mesti eran, pensando al buon odore
del porchetto e del vino, e all'allegria
del ceppo nelle lor case lontane.



Questo giovane cavallo è presentato con immediatezza nello splendore del suo manto pezzato e in tutta la sua focosa baldanza. Nessuno fra i giovani, pur coraggiosi, ha l'ardire di cavalcarlo; un vecchio allora afferra la criniera, balza sulla groppa e il puledro galoppa via fremente. li: una descrizione piena di vigore e di immagini balenanti.


Il poledro


Maraviglia a vederlo! la cervice
stellante tra la nitida criniera
erse il poledro, schiusa la narice
ai soffi ardenti della primavera.
Nessun dei giovinetti, audace schiera
di ardimenti e di prove sfidatrice,
osava premer quella groppa nera
come il tormento e correr la pendice.
Gloria a chi primo lo cavalca! - disse
il vecchio: ai giovinetti tremò il cuore:
allor nella criniera gli confisse
egli l'artiglio e, saldo in groppa come
un drago, sparì via col corridore
dritto il bel capo tra le grigie chiome.

E' un canto in esaltazione della vita e si chiama appunto ditirambo in rimembranza degli antichi componimenti bacchici. Si sente nelle varie strofe un fremito di libertà e di gioia che trova nel richiamo d'amore un motivo popolare di indubbia efficacia e lo riveste di note nuove ed eleganti nella loro semplicità.



Ditirambo di giovinezza

Date l’acquavite alle mani,
Prendete la tasca e lo schioppo
E andiamo. Ohilà! che galoppo,
Che rombo tra l’urlo dei cani!

Prenderemo i cavalli che a frotte
Corron nitrendo le tanche,
Gli figgerem nel collo le branche,
Li avventeremo contro la notte.

Versatemi il vin di Marreri
Che mi apre le vene del cuore.
O donna, apparecchia i taglieri,
E poi… Hutalabi! col corridore.

Ho un sogno nell’anima torva,
O uccellin mio di primavera!
Vo’ traversar la Costera,
Vo’ entrar nell’aspra Bonorva.

Là nella chiesa, sul coro,
Vi è una santa d’oro, vi è!
Voglio portarti quella Santa d’oro:
Ruberò la Madonna per te!






A Vindiicino


Questa poesiola, dedicata da Sebastiano Satta al proprio figliolo Vindicino, è una deliziosa favola con cui il poeta sardo spiega al bambini perché cade la neve.Il grillo chiamato scherzosamente « zio », smette improvvisamente il suo verso all'alzarsi delle fredde nebbie, mentre un diavolino spenna le colombe del cielo e ne fa cadere le soffici piume che si trasformano in larghi fiocchi di neve. Dalla lettura di questi agili versi pare sprigionarsi la soave musica dei canti popolari sardi, mentre la nostra fantasia accompagna lo sguardo trasognato del piccolo che segue l'inatteso spettacolo della neve.



Zio Grillo nella vallata
ha smarrito gli agresti
pifferi tra la bruma.

Zio Grillo nella vallata. ..
Vedi? Il diavolo spiuma
le colombe celesti
e fa la nevicata.


Sebastiano Satta

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 4 luglio [ 0 commenti - 12 letture ]
 Come ci si sente da vecchi? [ 0 commenti - 5 letture ]
 Il lago di Misurina [ 0 commenti - 27 letture ]
 Luglio [ 0 commenti - 17 letture ]
 Ci sarò [ 0 commenti - 11 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58

benvenuto giorgio
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ott 31, 2011 at 00:02:00


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Crea il tuo sito online | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy