Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: Ricciotenero
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 223

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 470
Totale: 470
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: News
07: Home
08: Home
09: Home
10: coppermine
11: Home
12: Topics
13: Home
14: coppermine
15: coppermine
16: Home
17: News
18: Your Account
19: Home
20: Home
21: Forums
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: coppermine
27: News
28: News
29: Statistics
30: coppermine
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: News
41: Home
42: coppermine
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: coppermine
49: Home
50: News
51: Home
52: Home
53: coppermine
54: Home
55: coppermine
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: coppermine
66: coppermine
67: Home
68: Home
69: coppermine
70: Home
71: Home
72: Home
73: News
74: Home
75: News
76: coppermine
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: coppermine
92: Home
93: coppermine
94: Home
95: News
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: coppermine
106: Home
107: coppermine
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: coppermine
113: Home
114: Home
115: coppermine
116: coppermine
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: Home
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: coppermine
133: Home
134: Home
135: Home
136: coppermine
137: Home
138: Home
139: coppermine
140: coppermine
141: coppermine
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: coppermine
148: Home
149: Stories Archive
150: Home
151: coppermine
152: coppermine
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: coppermine
169: coppermine
170: Home
171: Home
172: Home
173: coppermine
174: Home
175: Home
176: Stories Archive
177: Home
178: Home
179: Search
180: Home
181: Home
182: Home
183: coppermine
184: coppermine
185: Home
186: Search
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: coppermine
192: Home
193: Home
194: coppermine
195: coppermine
196: Search
197: coppermine
198: Home
199: Home
200: News
201: Home
202: coppermine
203: Home
204: coppermine
205: coppermine
206: Your Account
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: coppermine
221: coppermine
222: coppermine
223: News
224: Home
225: Home
226: Statistics
227: Home
228: Home
229: coppermine
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: Home
238: Stories Archive
239: Home
240: Home
241: Home
242: Home
243: Statistics
244: Home
245: coppermine
246: Home
247: coppermine
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: coppermine
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Search
262: News
263: Home
264: coppermine
265: coppermine
266: Home
267: Home
268: Search
269: Stories Archive
270: Home
271: Home
272: Home
273: coppermine
274: Home
275: Home
276: coppermine
277: Home
278: Home
279: Stories Archive
280: Home
281: Home
282: coppermine
283: Home
284: Home
285: Home
286: coppermine
287: Home
288: Home
289: Home
290: Home
291: Home
292: Home
293: Home
294: Home
295: News
296: News
297: Home
298: News
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: Home
304: Home
305: Search
306: Home
307: Search
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: coppermine
313: coppermine
314: Home
315: Home
316: Home
317: Home
318: Home
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: Home
327: Home
328: News
329: coppermine
330: Home
331: Home
332: Your Account
333: Search
334: Home
335: coppermine
336: Home
337: Home
338: Stories Archive
339: Home
340: Home
341: coppermine
342: Home
343: Home
344: News
345: Search
346: Home
347: Home
348: Home
349: Home
350: coppermine
351: coppermine
352: coppermine
353: Home
354: Home
355: Home
356: Search
357: Home
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: Home
364: Home
365: coppermine
366: Home
367: Home
368: coppermine
369: coppermine
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: coppermine
376: Stories Archive
377: Home
378: Home
379: Home
380: coppermine
381: Home
382: Home
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Your Account
389: Home
390: Your Account
391: Home
392: Home
393: Home
394: Search
395: Home
396: Home
397: Home
398: Home
399: Home
400: News
401: coppermine
402: Home
403: Home
404: Home
405: Home
406: Home
407: coppermine
408: Home
409: Home
410: coppermine
411: Home
412: Home
413: Home
414: Home
415: Home
416: Home
417: coppermine
418: Home
419: Home
420: Home
421: Home
422: Home
423: Home
424: Home
425: Home
426: Home
427: Home
428: coppermine
429: Home
430: Home
431: Home
432: Home
433: Home
434: Home
435: Home
436: Home
437: Home
438: Home
439: Home
440: Home
441: Home
442: Home
443: Your Account
444: Home
445: Home
446: Home
447: coppermine
448: Search
449: Home
450: Home
451: Home
452: coppermine
453: Home
454: Home
455: coppermine
456: Home
457: Home
458: Your Account
459: Home
460: Home
461: Home
462: Home
463: Home
464: Statistics
465: Home
466: Home
467: Your Account
468: Home
469: coppermine
470: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 168
 Immagini: 7412
  · Viste: 412553
  · Voti: 429
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Benvenuti in Casatea.com
Postato da Antonio il Sabato, 11 marzo @ 15:34:11 CET (5438 letture)
Casatea.com





Cliccando sull'icona tonda a destra dell'articolo
saranno visibili altre pubblicazioni sullo stesso argomento

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Neve
Postato da Letty il Giovedì, 26 marzo @ 19:19:48 CET (18 letture)
Le poesie di Letty - II








NEVE

Sei freddo.
Sei di quella coltre gelida che tocca e annichilisce.
Dovrei coprirmi, ma mi avvolgi.
Se amore sei, di bianco sei fatto.

Letty


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


25 marzo - Anniversario della morte di Novalis
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 marzo @ 22:28:02 CET (20 letture)
Ricerche d'autore


Anniversario della morte








Novalis (pseudonimo di Georg Friedrich Philipp Freiherr von Hardenberg; (Schloss Oberwiederstedt,2 maggio 1772 – Weißenfels, 25 marzo 1801) è stato un poeta, teologo, filosofo e scrittore tedesco. Fu uno dei più importanti rappresentanti del romanticismo tedesco prima della fine del Settecento e creatore del fiore azzurro, ovvero il nontiscordardimé, uno dei simboli più durevoli del movimento romantico.




Nato e cresciuto in una famiglia estremamente cristiana e solitaria, divenne ben presto appassionato di religione e prolifico autore di poesie dal contenuto mistico e filosofico, dotate d'uno stile sentimentale e amoroso originalissime per la sua epoca. Viene considerato uno dei precursori della letteratura moderna.





La sensibilità romantica di Novalis, pseudonimo artistico di Georg Philipp Friedrich von Hardenberg, tocca il suo apice nel ciclo di poesie Inni alla Notte, sei parti di lunghezze variabili che rappresentano il percorso sentimentale, filosofico e mistico del poeta tedesco, pubblicati nel 1800.

Novalis contrappone il giorno e la luce all’oscura notte, come dimensione infinita, in cui il sentimento per l’amata morta diventa eterno. Ricerca la notte nel mondo sensibile, ma solo attraverso una visione sulla tomba dell’amata entrerà in contatto con il regno dell’oscurità. Il poeta diventa l’annunciatore del legame che intercorre tra il mondo della luce e quello della notte, l’unica dimensione che libererà l’uomo dal dolore e che rappresenta la vera vita. Novalis risolve così il dualismo vita/morte tramite la forza dell’amore e della fede: è Cristo infatti il supremo annunciatore, e solo con lui l’uomo supera la paura della morte. Nell’ultimo inno, la morte viene accolta con piena gioia dal poeta che varca le porte dell’eternità accompagnato dalla sua amata e da Cristo.




L’Inno III, che riportiamo di seguito, canta il dolore del poeta che affranto piange sulla tomba dell’amata Sophie. Ad un tratto si spezza il legame con la vita terrena, rappresentato dalla nascita e lo spirito del poeta si eleva nel regno della notte: la visione dell’amata ha aperto a Novalis le porte del mondo soprasensibile. Il poeta vive in pienezza l’esperienza della vita oltre la tomba.



Novalis, Inno III – Inni alla Notte

Un giorno che versavo amare lacrime, che la mia speranza si dileguava dissolta in dolore, e io stavo solitario vicino all’arido tumulo, che nascondeva in angusto oscuro spazio la forma della mia vita – solitario, come non era mai stato nessuno, incalzato da un’angoscia indicibile – senza forse, non più che l’essenza stessa della miseria. Come mi guardavo attorno in cerca d’aiuto, non potevo proseguire né arretrare, e mi aggrappavo alla vita sfuggente, spenta, con nostalgia infinita – allora venne dalle azzurre lontananze: – dalle alture della mia beatitudine un brivido crepuscolare – e d’un tratto si spezzò il cordone della nascita, il vincolo della luce. Si dileguò la magnificenza terrestre e il mio cordoglio con essa – confluì la malinconia in un nuovo imperscrutabile mondo – tu estasi della notte, sopore del cielo ti posasti su di me – la contrada si sollevò poco poco; sopra la contrada aleggiava il mio spirito sgravato e rigenerato. Il tumulo divenne una nube di polvere – attraverso la nube vidi i tratti trasfigurati dell’amata. Nei suoi occhi era adagiata l’eternità – io afferrai le sue mani e le lacrime divennero un legame scintillante non lacerabile. Millenni dileguarono in lontananza, come uragani. Al suo collo piansi lacrime d’estasi per la nuova vita. – Fu il primo, unico sogno – e solo d’allora sentii eterna, inalterabile fede nel cielo della notte e nella sua luce, l’amata.

(Novalis, Inni alla Notte e Canti Spirituali. Traduzione di Roberto Fertonani, a cura di Virginia Cisotti, Mondadori, Milano 1982)




Un bambino è un amore diventato visibile.
Novalis




L'acume geniale è l'uso acuto dell'acume
(Novalis, Frammenti - Rizzoli, 1976)





NOVALIS – TRA LE MILLE ORE FELICI

Autore: Novalis (Georg Friedrich von Hardenberg) -
Tra le mille ore felici
che ho trascorso nella vita,
una sola in me resta per sempre:
quella in cui tra mille dolori
io sentii nel profondo del cuore
chi per noi morì di passione.
Il mio mondo era in frantumi
come se un verme lo avesse corroso,
vizza la fioritura del mio cuore;
ogni bene che avevo e che sognavo
nella vita era chiuso in una tomba,
qui stavo ancora per il mio tormento.
Piangevo sempre, anelando a fuggire
lontano, e in segreto mi torturavo,
davanti a me solo angoscia e inganno:
la pietra del sepolcro all’improvviso
come dall’alto mi fu sollevata,
e si dischiuse nell’intimo il cuore.
Chi ho visto, e chi alla sua mano
mi apparve, non chieda nessuno,
questo soltanto vedrò in eterno;
e questa sola, tra tutte le ore
della mia vita, serena e aperta
starà per sempre, come le mie piaghe.




NOVALIS – CHI TI HA GUARDATA

Autore: Novalis (Georg Friedrich von Hardenberg) -
Chi ti ha guardata una volta, irretito
non sarà mai dalla rovina, o Madre;
da te lontano, cede alla tristezza,
ti amerà sempre con passione ardente,
e la memoria in lui della tua grazia
resta il più alto volo del suo spirito.
Mi volgo a te con devozione immensa,
tu già conosci quello che mi manca.
Sii tenera con me, Madre soave,
dammi un segno di gioia, finalmente.
Tutta la mia esistenza in te riposa,
resta vicino a me solo un istante.
Più volte nei miei sogni ti ho veduta
così bella, e nell’intimo amorosa;
il piccolo dio che avevi tra le braccia
voleva muoversi a pietà del compagno;
ma tu tornasti, levando il tuo sguardo
sublime, tra le nuvole in tripudio.
Me infelice! che cosa ti ho mai fatto?
Pieno di nostalgia, ti prego ancora;
non sono il luogo dove la mia vita
trova pace, le tue cappelle sante?
Regina benedetta,
prenditi questo cuore e questa vita.
Lo sai, regina amata,
che sono tutto interamente tuo.
Non ho goduto già da lungo tempo
nel segreto del cuore la tua grazia?
Quando ero ancora ignaro di me stesso
succhiavo il latte al tuo beato seno.
Sei stata accanto a me infinite volte,
guardavo a te con gioia di fanciullo;
mi tendeva le mani – perché un giorno
potesse ritrovarmi – il tuo bambino.
Con dolce e tenero sorriso – oh tempo
di paradiso! – un bacio tu mi davi.
Questo beato mondo ora è lontano,
e già da tempo il lutto mi accompagna,
perdutamente ho continuato a errare:
dunque ho peccato in modo così grave?
Fanciullo, tocco l’orlo del tuo manto,
svegliami tu da questo grave sogno.
Solo un fanciullo può guardarti in viso,
con fiducia aspettare il tuo soccorso;
allora sciogli il vincolo degli anni,
ch’io ritorni com’ero, il tuo bambino.
Vivono in me la fedeltà, l’amore
mio di fanciullo, da quel tempo d’oro.



NOVALIS – NON SO CHE PIANGERE…

Autore: Novalis (Georg Friedrich von Hardenberg) -
Non so che piangere, piangere sempre:
oh, se potesse una volta soltanto,
una sola, apparirmi da lontano!
Santa tristezza! Durano eterni
le mie lacrime e i miei patimenti;
potessi impietrire qui sull’istante.
Lo vedo sempre soltanto soffrire,
lo vedo spirare pregando in eterno.
Oh, non si spezzi questo mio cuore,
e le mie palpebre più non si chiudano;
io questa gioia – di sciogliere in pianto
tutto me stesso – non l’ho meritata.
Perché non c’è nessuno che pianga?
Così dileguarsi dovrà il suo nome?
Forse d’un tratto il mondo è morto?
Non potrò attingere più fiducioso
dai suoi occhi l’amore e la vita?
Veramente per sempre egli è morto?
Morto, – che cosa può significare?
Oh, ditemelo dunque voi sapienti,
dite il senso che può, che deve avere.
Egli è muto, e tacciono tutti,
nessuno in terra il luogo mi rivela
dove il mio cuore potrà ritrovarlo.
Non c’è un luogo qui sulla terra
che possa ancora rendermi felice,
tutto è come un torbido sogno.
Anch’io sono spirato con lui;
e vorrei già, nel sotterraneo spazio
con lui deposto, riposare in pace.
Poiché suo padre e mio tu sei,
vieni e raccogli accanto alle sue
queste mie ossa, senza indugiare.
Sulla sua tomba, che sarà presto
verde, leggero soffierà il vento,
trasmutando l’umana sembianza.
Sarebbero cristiani, se il suo amore
conoscessero a fondo, tutti gli uomini,
dimentichi di quello che non conta;
e amando tutti soltanto quell’Uno,
con me sarebbero uniti nel pianto
fino a dissolversi in amaro dolore.




Novalis - Inni alla notte

II

Deve il mattino sempre ritornare?
La potenza terrestre avrà mai fine?
Consuma un vano affaccendarsi il volo
celeste della notte. E mai l'offerta
segreta dell'amore
arderà in eterno?
Fu misurato alla luce il suo tempo;
ma il regno della notte è senza tempo
e senza spazio. - Eterno dura il sonno.
Sonno santo -
non fare troppo raramente lieti
i consacrati alla notte
in questa terrestre
quotidiana fatica.
Soltanto i folli non ti riconoscono
e di te nulla sanno se non l'ombra
che tu spandi su noi pietosamente
nel crepuscolo
della notte vera.
Non ti sentono
nel flutto d'oro del grappolo -
nell'olio miracoloso
del mandorlo, e nel latice bruno
del papavero.
Non sanno
che tu adombri il tenero seno
della vergine e il suo grembo fai cielo -
non indovinano
che uscita da antiche leggende
tu avanzi e schiudi i cieli,
portando la chiave
dei soggiorni beati,
silenzioso araldo
di misteri infiniti.

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La spontaneità.
Postato da Grazia01 il Lunedì, 23 marzo @ 20:41:26 CET (20 letture)
Un pensiero al giorno







L'educazione deve promuovere l'indipendenza interiore e l'individualità de bambino, il suo sviluppo e la sua integrità.
Nella nostra civiltà, tuttavia, l'educazione, troppo spesso, produce l'eliminazione della spontaneità.
La dimenticanza, nel senso di anestetizzare la propria ragione, è l'obiettivo di ristabilire l'unità interiore.
Il mio centro è dentro di me.
L'amore infantile segue il principio: amo perché sono amato.
L'amore maturo segue il principio: sono amato perché amo.
L'amore immaturo dice: Ti amo perché ho bisogno di te.
L'amore maturo dice: Ho bisogno di te perché ti amo.
"Innamorarsi": l'imprevista caduta delle barriere che esistevano fin a quel momento fra due estranei.
Chiunque abbia la possibilità di studiare l'effetto di una madre dotata di genuino amore per se stessa,
può vedere che non c'è niente di più utile che dare a un bambino l'esperienza di ciò che è amore,
gioia, felicità, che solo può ricevere il bambino amato da una madre che ama se stessa.

ERICH FROMM

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Buon lunedì
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 marzo @ 22:25:35 CET (21 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI





Chi soffre della “sindrome malinconica della domenica sera?
E’ la stessa sensazione che si prova quando qualcosa di piacevole sta per finire.
E’ la sensazione che proviamo quando sul finire di una bellissima serata trascorsa con gli amici,
guardiamo l’orologio, e sappiamo già che di lì a poco li saluteremo…
e per quanto ci verrebbe da sperare che quel momento duri in eterno,
sappiamo con assoluta certezza che quelle lancette, avanzeranno ancora e ancora…
e anche che tutto passerà. Il fatto che domani sia lunedì è un’evidenza,
il fatto che sarà faticoso, è un pensiero nella testa,
che ha solo l’effetto di stancare ancora prima di iniziare.
E sono questi pensieri non il giorno della settimana in sé,
che appesantiscono.

Buonanotte e buonissimo lunedì
Grazia

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ogni giorno nasce un poeta - nati il 22 marzo - Billy Collins
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 marzo @ 14:16:15 CET (43 letture)
Ricerche d'autore




Una poesia disanimata sembra un ossimoro, una contraddizione in termini.
Una poesia non può non avere un’anima; magari è nascosta, ma ce l’ha.
Allora a volte succede che per farla venir fuori certe persone
prendono la poesia e la spiegano, le tolgono le pieghe, l’appiattiscono.
Insomma: la spianano passandole sopra il ferro da stiro della spiegazione.
Così l’anima (che ha a che fare con il vento, con il greco ànemos) scappa via,
e sull’asse da stiro
o sul banco di scuola restano le parole inanimate, prive del soffio vitale che le riempiva, che dava loro spessore,
che le rendeva casse di risonanza che suonavano in armonia, con i loro ritmi e i loro respiri.
Dopo il trattamento, le parole giacciono inermi, sotto vuoto: brandelli di un corpo fatto a pezzi, sul tavolo dell’anatomista.



Contro gli squartatori di versi scrive alcune poesie Billy Collins, popolare come pochi altri negli Stati Uniti,
nato nel 1941 a New York,
poeta laureato del Congresso degli Stati Uniti nei primi anni 2000, ed ora anche in Italia.
Ecco la sua “Introduzione alla poesia” (ripresa dalla prima raccolta di Collins uscita in italiano,
A vela, in solitaria, intorno alla stanza, tr. F. Nasi, Medusa, Milano 2006, p. 13):



Chiedo loro di prendere una poesia
e di tenerla in alto controluce
come una diapositiva a colori

o di premere un orecchio sul suo alveare.

Dico loro di gettare un topo in una poesia
e osservarlo mentre cerca di uscire,

o di entrare nella stanza della poesia
e cercare a tentoni l’interruttore sul muro.

Voglio che facciano sci d’acqua
sulla superficie di una poesia e salutino
con la mano il nome dell’autore sulla spiaggia.

Ma la sola cosa che loro vogliono fare
è legarla con una corda a una sedia
e torturarla finché non confessi.

La picchiano con un tubo di gomma
per scoprire che cosa davvero vuol dire.




In modo simile, nella poesia “Lo sforzo” (tratta da Balistica, tr. it. F. Nasi, Fazi, Roma, 2011, pp. 139-141),
Collins mette alla berlina la faciloneria e la banale tracotanza con cui spesso ci arroghiamo il diritto di spiegare le cose,
senza invece prenderci il tempo per semplicemente ascoltarle.

C’è nessuno che voglia unirsi a me
nel lanciare alcuni sassi verso
quegli insegnanti che amano porre la domanda:
“Che cosa sta cercando di dire il poeta?”

come se Thomas Hardy e Emily Dickinson
si fossero sforzati ma alla fine avessero fallito:
disgraziati incapaci di parlare, che altro non erano,
con la penna in bocca a guardare fuori dalla finestra in attesa d’un idea.

Sì, sembra che Whitman, Amy Lowell
e tutti gli altri potessero solo tentare e fallire,
ma noi nella classe di Inglese della terza ora della prof Parker
qui al Liceo di Springfield ce la faremo

con l’aiuto di questi questionari di comprensione
a dire quel che il povero poeta non riusciva a dire,
e faremo tutto questo prima
dell’orgia dell’insalata di uova e tonno nota come pranzo.

Stasera, tuttavia, io sono quello che cerca
di dire che cosa significa questa assenza,
noi due che dormiamo e ci svegliamo sotto due diversi tetti.
L’immagine di questo vaso di fiori recisi,

non del nostro giardino, non aiuta.
E lo stesso vale per quel piatto singolo,
la lampada solitaria, e il tempo là fuori che preme il volto
contro queste finestre nuove, la pioggia leggera e il gelo del mattino.

E allora lascerò che sia la prof Parker,
che sta picchiettando con un gesso la lavagna,
e i suoi studenti – alcuni con la mano alzata,
altri trasandati con i loro cappellini portati a rovescio –

a capire quel che sto cercando di dire
su questo posto in cui mi trovo
e di farlo prima che suoni la campanella di mezzogiorno
e sia sguinzagliato il tornado di polpette di carne.





Sono versi che arrivano direttamente, senza bisogno di molte mediazioni, anche se,
a dire il vero, qui già una mediazione c’è stata, ed è quella del traduttore,
che spera di avere fatto meno guai possibile.
Ma traduttori a loro modo sono anche i lettori ad alta voce dei versi,
a partire dallo stesso Billy Collins,
che riempie con i suoi reading i teatri degli Stati Uniti o i suoi lettori-interpreti,
dall’attore Bill Murray,
ai numerosi dilettanti che testimoniano un affetto per quei versi riraccontandoli, come possono, nelle tante clip fatte in casa su youTube.





E interpreti sono anche quelli che cercano di riscrivere i versi, non con altre parole, ma con i tratti di una matita,
e forme di un disegno, le immagini catturate da una fotografia.
La letteratura è piena di esempi altissimi di poeti che si sono cimentati con la descrizione di quadri o oggetti d’arte:
dalla descrizione dello scudo di Achille dell’Iliade ai quadri di De Chirico nelle poesie di Mark Strand. Ma l’ecfrasi,
ll tentativo cioè di un’arte di riprodurre con i propri strumenti e le proprie istituzioni un’opera prodotta in un altro sistema artistico,
avviene non solo dall’immagine alla parola, ma anche nell’altra direzione: dalla parola all’immagine, dal raccontare con le parole (“telling”),
al mostrare con immagini ferme o in movimento (“showing”).
Siamo nel campo apertissimo dell’adattamento, così ricco e presente nel nostro tempo, come ha mostrato Linda Hutcheoncon un bel libro,
ora tradotto in italiano (Teoria degli adattamenti, tr. it. G.V. Distefano, Armando, Roma,2011).
Con i nuovi mezzi elettronici questa interazione è ancora più accentuata e diffusa, e coinvolge anche la poesia,
aiutandola ad uscire dal recinto claustrofobico e mortifero in cui a volte certo accademismo un po’ snob e autoreferenziale la confina.



Billy Collins è stato coprotagonista di un progetto suggeritogli dal Sundance Channel,
il network televisivo via cavo americano promotore di tanto cinema indipendente. Collins,
come racconta lui stesso
in un bel video tradotto con i sottotitoli da Daniele Buratti,
registrò cinque suoi testi che vennero poi riscritti in immagini da specialisti dell’animazione.
Nel video Collins racconta come ci si possa imbattere involontariamente in queste poesie animate,
senza avere il tempo di dispiegare gli anticorpi antipoesia che certe imposizioni scolastiche ci hanno costretto a sviluppare:
e soprattutto ci mostra questi filmati.
Non sono spiegazioni delle poesie. Semmai le accompagnano, o meglio, si integrano con esse, non come “riduzioni”,
ma come contrappunto dei versi in un nuovo oggetto, che sta a sé, così come il Decameron di Pasolini sta a sé,
senza avere alcuna intenzione di essere una spiegazione della raccolta di novelle di Boccaccio.

Rovistando fra le animazioni di Collins su youTube ne ho trovate altre non presentate dal poeta nel video citato. Ne vedete qui alcune, con il testo di una mia possibile traduzione, nella speranza che anche questo aiuti a non perdersi d’animo di fronte alla Poesia.




Attraversando a piedi l’Atlantico

Aspetto che la folla del giorno di festa lasci la spiaggia
prima di salire sull’onda.
Ora attraverso l’Atlantico a piedi
e penso alla Spagna,
attento alle balene, ai pennacchi di vapore.

Sento l’acqua che sostiene il mio peso in movimento.
Questa notte dormirò sulla sua superficie cullante.

Ma intanto provo a immaginare come
debba sembrare tutto questo ai pesci là sotto:
il fondo dei miei piedi che appare, scompare.

(da Billy Collins, A vela, in solitaria, intorno alla stanza, tr. it. F. Nasi, Medusa, Milano, 2006, p. 11)




Ora e allora

Questo poeta della dinastia Sung è davvero infelice.
Il vento sospira,
un cigno solitario passa là in alto,
e lui è solo nella sua barchetta, sull’acqua.
Se soltanto apprezzasse quanto me
la vita nella Cina dell’undicesimo secolo:
niente cartoni a tutto volume alla televisione,
niente musica dal camioncino dei gelati,

solamente il richiamo di molti uccelli
e lo scorrere regolare dell’orologio ad acqua.

(La poesia, con qualche variante e con il titolo Lu Yung,
è pubblicata in Billy Collins, Balistica, tr.it. F. Nasi, Fazi, Roma, 2011, p. 231)




Senza Tempo

Di corsa, in questa mattina di un giorno feriale,
do un colpo di clacson mentre passo accanto al cimitero
dove sono sepolti i miei genitori
uno accanto all’altro, sotto una lastra liscia di granito.
Poi, per tutto il giorno, penso a lui che si tira su
e mi lancia un’occhiata
di familiare disapprovazione,
mentre mia madre, con calma, gli dice di rimettersi giù.

(Billy Collins, Nine Horses, Random House, New York, 2002, p. 101)




La sigaretta migliore

Ce ne sono molte che mi mancano,
dopo aver gettato dal finestrino dell’auto l’ultima,
scintillante, lungo la strada, una notte, anni fa.

Quelle canoniche, naturalmente:
dopo aver fatto sesso, le due punte luminose
ora luci di un’unica nave;
alla fine di una lunga cena
con altro vino in arrivo
e un cerchio di fumo che fluiva nel lampadario;
o su una spiaggia bianca
stretta fra le dita ancora bagnate dalla nuotata.

Così agrodolci queste punteggiature
di fiamma e gestualità;
ma le migliori erano in quelle mattine
quando qualche piccola cosa
cominciava a prendere forma
alla macchina da scrivere,
il sole che brillava alle finestre,
con Berlioz, magari, in sottofondo.
Andavo in cucina per un caffè
e tornavo alla pagina,
ripiegata nel rullo,
me ne accendevo una e sentivo
il secco afflusso mescolarsi al gusto scuro del caffè.

Poi diventavo la locomotiva di me stesso
che lasciava dietro di sé, mentre tornavo al lavoro,
piccoli sbuffi di fumo
indici del progresso,
segni di laboriosità e pensiero,
il segnale che diceva al diciannovesimo secolo
che avanzava.
Quella era la sigaretta migliore,
quando fumante entravo nello studio
pieno di speranze vaporose
e me ne stavo lì, in piedi,
con la grande lampada del mio volto
che illuminava le parole disposte in linee parallele.

(Billy Collins, Sailing Alone Around the Room,
Random House, New York, 2001, pp. 55-56)




Oggi

Se mai ci fosse un giorno di primavera così perfetto,
reso ancor più bello da una calda brezza intermittente,

da spingerti a spalancare
tutte le finestre di casa,

e ad aprire la porticina della gabbia del canarino,
anzi, a rimuoverla dallo stipite,

un giorno in cui i vialetti di freschi mattoni
e il giardino che scoppia di peonie

sembrassero incisi nella luce del sole
da farti venir voglia di prendere

un martello per il fermacarte di vetro
del tavolino del salotto

e liberare così gli abitanti
dal cottage coperto di neve

perché possano uscire
tenendosi per mano e ammirare

questa cupola più grande azzurra e bianca,
be’, oggi sarebbe proprio un giorno così.

(Billy Collins, Nine Horses, cit., pp. 39-40)


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Amore e desiderio
Postato da Grazia01 il Domenica, 22 marzo @ 13:40:55 CET (35 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II










Amore e desiderio


Dare e ricevere amore

è un tesoro

sempre presente dentro di me

ma aspetto di sentirti

non solo di vederti

per donarlo a te.

Ma se l’amore è verso tutti

perché lo dono solo a te ?

perché non vedo l’altro lato 

della medaglia dove c’è scritto : libertà ?

l’amore è un cercarsi guardandosi negli occhi

ed è come la luna : se non cresce cala !

A questo mondo niente succede per caso

tutto è collegato

e se ami e la cerchi , incomincia 

un dialogo pieno di armonia

fino a giungere al desiderio di lei

del suo essere donna completando così

il vero amore.

Come può esserci amore senza desiderio ?



Chesini Roberto

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


ZEFIRO DI PRIMAVERA
Postato da rosarossa il Sabato, 21 marzo @ 11:21:11 CET (38 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX












ZEFIRO DI PRIMAVERA

Sola sul terrazzo a meditare in compagnia
d’ indomabili pensieri la solitudine funge da padrona.
Zefiro sibilando, s’inoltra fra fronde e rami del viale
carezza quasi furtivamente i miei capelli,
m’invita a guardare verso il cielo.
Vedo un corteo di nuvolette bianche, azzurre e rosa,
sento un forte profumo di viole,
mi cingono raggi di luce e di sole,
serenità e dolcezza avverto in cuore ,
grande emozione!
All’improvviso un brivido m’assale mi tuffo
in quell’abbraccio di calore
poi guardo intorno e vedo
la bella primavera che sorride!
Il suo arrivo porta sempre
luce gioia, un filo di speranza e di calore,
un palpito d’amore e
alberi e campi adorna di bellezza e
di splendidi profumati fiori.

Rosarossa

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Benvenuta primavera
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 marzo @ 09:43:39 CET (26 letture)
Messaggi II








La Primavera, ancora un pò incerta e titubante sta facendo il suo ingresso.
E' strano ma anche con tutte le comodità e le distrazioni che abbiamo durante l' inverno,
uscirne è una festa come secoli fa' quando le ragioni erano molte.
Sarà una sensazione atavica, sarà l'età ma la fine dell'inverno è motivo,
per me, di serenità e speranza, malgrado tutto e tutti.
Con il risveglio della natura mi pare che si alleggeriscano i pensieri.

Buona primavera





Primavera,
dolce suono di colori accesi,
piacevole gusto,
del vento tra i capelli.

Stephen Littleword, Poesie





Le dolci brezze si sono risvegliate
spirano e sussurrano giorno e notte
si muovono ovunque
aria fresca nuovo suono
ora povero cuore non temere
ora tutto, tutto deve cambiare.
Il mondo diventa più bello ogni giorno
e non si sa cosa diventerà.
La fioritura non accenna a finire
e fiorisce anche la valle più profonda.
Ora povero cuore dimentica il tuo tormento.
Ora tutto, tutto deve cambiare

Ludwig Uhland, Fede nella primavera





Ed ecco sul tronco
si rompono le gemme:
un verde più nuovo dell’erba
che il cuore riposa.

Salvatore Quasimodo




Primavera

Sarà un volto chiaro.
S’apriranno le strade
sui colli di pini
e di pietra….
I fiori spruzzati
di colore alle fontane
occhieggeranno come
donne divertite: Le scale
le terrazze le rondini
canteranno nel sole.

Cesare Pavese





Torna ad ondeggiare al vento
la sciarpa azzurra della primavera;
dolce, impregnata di presentimento
scorre un’aria leggera.
Le violette sognano la vita
già prossima a sbocciare.
Senti, lontano, un’arpa tintinnare?
Primavera,sei tu,ti ho sentita!

E.Morike




Passò lieve il vento di primavera
sul declivio della collina.
Indugiò con le sue dita calde
fra petali ed erba.
Arrossirono i papaveri
nella voglia d’estate
Il vento non se ne accorse.

Mariella Bernio




commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nati oggi 17 marzo - Olga Orizco
Postato da Grazia01 il Martedì, 17 marzo @ 13:20:58 CET (22 letture)
Ricerche d'autore










Olga Orozco, vero nome Olga Noemí Gugliotta nacque a Toay, il 17 marzo 1920 e morì a Buenos Airesm il 15 agosto 1999, è stata una poetessa, scrittrice e giornalista argentina. Ha subito l'influenza di Rimbaud, Nerval, Baudelaire, Milosz e Rilke.




Madre

Madre: è la tua creatura abbandonata che ti chiama,
che abbatte la notte con un grido e la getta ai tuoi piedi come
un sipario calato
affinché tu non rimanga là, dall’altra parte,
dove riesci soltanto con le tue mani di cieca a decifrarmi
in mezzo a un muro di fantasmi fatti di cieca argilla.
Madre: neanch’io ti vedo,
perché adesso sei coperta dalle gelide ombre del tempo minore
e la distanza massima,
e io non so cercarti,
forse perché non ho saputo imparare a perderti.
Ma sono qui, sul mio piedistallo spaccato dal fulmine,
divenuta statua di sabbia,
manciata di ceneri perché tu scriva su di me il segnale,
i segni mediante i quali torneremo a capirci.
Sono qui, con i piedi impigliati nelle radici del mio sangue
in lutto,
senza poter andare avanti.
Allora cercami tu, in mezzo a questo bosco allucinato
dove ogni scricchiolio è il tuo gemito;
i colpi d’ala, una richiesta d’esilio che mi sfugge;
ogni cristallo di neve è un frammento della tua eternità,
e ogni bagliore il lume che accendi affinché io non mi perda nei
cunicoli di questo mondo.
E tutto si confonde.
E la tua vita e la tua morte si mescolano con le mie come le
maschere negli incubi.
E non so dove sei.
Invano ti invoco in nome dell’amore, della pietà o del perdono,
come chi accarezza un talismano,
una pietra che racchiude quella goccia di sangue rappreso
capace di risorgere nel più impossibile dei sogni.
Niente. Solamente un artiglio di feroce tristezza che apre la tela
di altri anni
per riscoprire un tavolo dove tagli il pane di ogni giorno,
una stanza dove lisci con le pazienti mani quelle grinze
che mi incidono l’anima di febbre e di terrore,
un salone che a un tratto si fa bello per il rito di guardarti
passare
avvolta in un alone di fiera tenerezza,
un letto in cui torni dalla morte solo per non darci troppo
dolore.
No. Io non voglio guardare.
Non voglio imparare di nuovo il nome della gioia nel momento
stesso in cui il suo volto è deturpato dagli enormi buchi,
né sentire che il tuo corpo ferma ancora quella disperata
corrente che lo porta via,
un’altra volta ancora,
per circondarmi come fosse per sempre di conforto e d’addio.
Non voglio sentire il rumore del vetro che si infrange,
né i cani che abbaiano alle bende sinistre,
né vedere come non ci sei.
Madre, madre, chi divide il tuo sangue dal mio?,
cos’è questo che si spezza come una corda tesa che batte nelle
viscere?,
che grande pianeta infausto rovescia la sua ombra sopra tutti gli
anni della mia vita?
Oh, Dio! Tu eri tutto quel che sapevo di quel dimenticato paese
da cui provengo,
eri come il rifugio nella lontananza,
come un battito nelle tenebre.
Dove cercare adesso la chiave sepolta dei miei giorni?
Chi interrogare sull’indecifrabile mistero delle mie ossa?
Chi mi ascolterà se tu non mi ascolti?
E nessuno mi risponde. E ho paura.
Le stesse paure di questi trent’anni.
Perché giorno dopo giorno qualcuno si maschera e gioca dentro
di me alle allucinazioni e alla morte.
Io gli cammino accanto e spingo con la sua mano quest’ultima
porta,
quella che la mia nascita non riuscì a chiudere
e che io stessa sorveglio vestita con un abito da sentinella
funeraria.
Lo sai? Sono arrivata molto lontano questa volta.
Ma nel coro di voci che suonano come un mare sepolto
Non c’è quella voce di foglia cupa sempre lacerata dall’amore o
dalla collera;
nelle processioni che improvvisamente s’accendono come
lampade fulminee
non vedo illuminarsi quel colore di spuma dorata sotto il sole;
non c’è nessuna raffica che mi bruci gli occhi col tuo odore
di resina;
nessun calore mi circonda con quella compassione che hai dato
alle mie ossa.
Allora, dove sei?, chi ti impedisce di venire?
So che se tu potessi accarezzeresti la mia testa d’orfana.
Eppure so inoltre che non puoi essere ancora tu sola,
qualcuno che persevera nella propria memoria,

l’imbalsamata attorno alla quale girano come corvi i poveri
brandelli di lutto da essa alimentati.
E se anche rispetti la tremenda condanna di non poter accorrere
al mio appello,
altrove senza dubbio organizzi di nuovo la famiglia,
o metti in ordine le mie ombre,
o tagli quei rami di brina che ornano il tuo grembo per lasciarli
accanto a me un giorno,
o cerchi di cucire con un filo infinito la grande ferita del mio
cuore.


Olga Orozco


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Orchidee tra mito e leggenda
Postato da Grazia01 il Domenica, 15 marzo @ 10:54:12 CET (46 letture)
Ecologia e ambiente I





L'orchidea: mito e leggenda
di Lady Lu




Le orchidee hanno sempre avuto un grande fascino e solleticato la fantasia di chi ha avuto il coraggio di perdersi nella loro essenza avvolta dal mistero. Le lunghe radici carnose, i petali che paiono quasi rivestiti di una luminosa brinatura fatata, la particolare semplicità del loro frutto hanno accresciuto l'enigmaticità di questo fiore straordinario.



In Sardegna è possibile ammirare delle rare specie di orchidee selvatiche, hanno dimensioni molto ridotte rispetto alle orchidee esotiche che siamo abituati a vedere, ma nel loro essere piccole emanano una grazia e un'armonia senza eguali. Il mistero che le avvolge è presente nelle diverse leggende che si raccontano da numerosi secoli. Tra di esse vi è la leggenda greca di Orchis.




Secondo gli antichi greci la prima orchidea prese vita dalla metamorfosi di Orchis. Orchis era un giovanotto bellissimo e focoso, figlio di una ninfa, dalla quale aveva ereditato la leggiadria, e di un satiro, il quale gli trasmise la libido.


In occasione di festeggiamenti in onore del Dio Bacco, il giovane Orchis aveva tentato di insidiare una sacerdotessa. Si trattava di un atto sacrilego e nonostante Orchis credette di essere immune per nascita dalla punizione contro gli abusi causati da desiderio di onnipotenza, fu condannato e dato in pasto a belve feroci.




Gli Dei dell'olimpo allora decisero di intervenire e fecero in modo che dai pochi resti mortali di Orchis nascesse una piantina esile ma meravigliosa che nella parte sotterranea, lontano dagli sguardi dei curiosi, si sviluppava un apparato che riproduceva quello anatomico maschile, che era stato causa della sua fine.



Ecco che da questa metamorfosi venne coniato il termine "orchis" che significa testicolo.
Vi sono anche altre leggende legate all'orchidea, tra cui quella della scarpetta di Venere. Si racconta che la Dea, invaghitasi di Adone, aveva cominciato a percorrere montagne e selve insieme a lui e un giorno perse uno dei suoi calzari.



Dopo una tempesta un giovine ritrovò la scarpetta della Dea ma prima che questi potesse toccarla essa si trasformò in un'esile piantina, un'orchidea, il cui petalo centrale assunse il colore dorato della scarpetta di Venere.



Oltre a tali leggende legate alla bellezza e alla sensualità nel nord Europa l'orchidea, per la struttura e le sembianze del suo apparato radicale, ha alimentato delle leggende più oscure e macabre.



La radice di alcune specie ricorda una mano, per cui tale straordinario fiore viene anche chiamato "la mano della morta" o la "mano della vergine morta" perché considerato come le mani di una giovane vergine che dopo aver pianto calde lacrime sulla tomba del fratello è stata trasformata da Dio in questo splendura-delle-orchidee_Ovido esemplare floreale.




Le orchidee sono avvolte dal mito e dai racconti ma vengono impiegate da sempre anche in ambito esoterico e sono protagoniste di superstizioni e credenze religiose.
Avevo letto (se non sbaglio) che nel San Salvador erano proprio le orchidee i fiori che adornavano i luoghi in cui venivano effettuati sacrifici umani.


Pare che nel centro e sud America si usasse porre un'orchidea dai colori chiari e tenui, perlopiù bianca, sul tetto della chiesa evitando che qualcuno la togliesse.
L'accostamento di tale fiore alla sfera sensuale nonché a quella sessuale lo ha fatto ritenere da tempi ormai molto lontani, efficace nella cura della sterilità femminile.




Le specie sono davvero numerosissime, tra di esse se trova una ritenuta cibo dei satiri (e da cui prende il nome) i cui bulbi se ingeriti con del vino rosso sarebbero un potente afrodisiaco.
Parrebbe possa essere impiegata in magia in alcune pozioni anche insieme a miele e muschio, ma qui lascio la parola a chi è più esperto.
Essa è un esemplare unico nell'universo, simbolo di armonia e di perfezione spirituale.



Per chi serba il cuore di un'Orchidea,
Le paludi sono rosa a giugno.

Emily Dickinson




L'orchidea

Si apre il mattino e squarcia l'incanto
sopra questo cortile di pietra,
dove primogenita e fonte
la brezza notturna evapora
come i sogni,
lasciando questo cielo plumbeo
fatto di mistero
come fosse nel grembo di una madre.
L'orchidea e il suo spirito
nutre l'occhio
nell'eco di mezzo dì
e si trasforma in domanda,
la cui risposta sazia
i commensali del tempo perduto.


Vincenzo Iannarilli


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Donna
Postato da Grazia01 il Sabato, 07 marzo @ 20:23:09 CET (59 letture)
Poesie tematiche III






Se Dio non avesse fatto la donna, non avrebbe fatto il fiore.
Oscar WildeOscar Wilde




Quando si scrive delle donne bisogna intingere la penna nell'arcobaleno
e asciugare la pagina con la polvere delle ali delle farfalle.
Denis DiderotDenis Diderot




Alda Merini ha dedicato delle bellissime poesie alle donne,
vi propongo le più belle che potete dedicare alle vostre amiche,
alle mamme, sorelle, nonne, vicine di casa, colleghe…
a tutte le donne che vi ispirano e vi stimolano a migliorare.




A tutte le donne

Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l'emancipazione.
Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d'amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra
e innalzi il tuo canto d'amore.





Il regno delle donne

Cè un regno tutto tuo
che abito la notte
e le donne che stanno lì con te
son tante, amica mia,
sono enigmi di dolore
che noi uomini non scioglieremo mai.
Come bruciano le lacrime
come sembrano infinite
nessuno vede le ferite
che portate dentro voi.
Nella pioggia di Dio
qualche volta si annega
ma si puliscono i ricordi
prima che sia troppo tardi.

Guarda il sole quando scende
ed accende d'oro e porpora il mare
lo splendore è in voi
non svanisce mai
perché sapete che può ritornare il sole.
E se passa il temporale
siete giunchi ed il vento vi piega
ancor più forti voi delle querce e poi
anche il male non può farvi del male.

Una stampella d'oro
per arrivare al cielo
le donne inseguono l'amore.
Qualche volta, amica mia,
ti sembra quasi di volare
ma gli uomini non sono angeli.
Voi piangete al loro posto
per questo vi hanno scelto
e nascondete il volto
perché il dolore splende.
Un mistero che mai
riusciremo a capire
se nella vita ci si perde
non finirà la musica.

Guarda il sole quando scende
ed accende d'oro e porpora il mare
lo splendore è in voi
non svanisce mai
perché sapete che può ritornare il sole
dopo il buio ancora il sole.
E se passa il temporale
siete prime a ritrovare la voce
sempre regine voi
luce e inferno e poi
anche il male non può farvi del male.




Ci sono donne

Ci sono donne che prendono i loro morti
e li aggrovigliano ai loro capelli
e ne fanno sontuosi monili
per il secondo e il terzo matrimonio.
Ci sono donne che vivono
di questa carneficina
e non sentono i palpiti del cuore
che emana dalla loro morte.
Così ci sono giovani pallidi
che solo per il fatto di essere sangue
si credono novellatori o poeti.
Invece la felicità della poesia non va toccata
né dai morti né dagli adulteri.
E’ felice il poeta quando si muove ridente
attraverso il tuo bacio d’amore
che è un saliscendi di morte
che è un abbandono di vita.
Chi non sa amare non sa fare poesia
e chi non sa morire non sa rivivere.
Così nessuno che non sia stato ferito
dal proprio nemico potrà toccare
i vertici della pietà. Non esiste
una battaglia d’amore
e neanche una sconfitta
Esiste solo un’angelica guerra
che l’uomo fa a se stesso
credendo in un fratello azzurro
vestito tutto di nero.

ALDA MERINI

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Promesse vane
Postato da rosarossa il Domenica, 01 marzo @ 21:46:15 CET (50 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX










PROMESSE VANE

Chi fa promesse sapendo di non mantenere
delude e strazia i cuore di chi
Perdutamente ama e in loro crede!

Rosarossa

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Benvenuto Marzo
Postato da Grazia01 il Domenica, 01 marzo @ 21:33:23 CET (46 letture)
Poesie tematiche III













Per San Benedetto
la rondine sotto il tetto.
Per l'Annunziata è finita l'invernata.
Se Marzo non marzeggia,
Aprile non verdeggia.






Sapienza popolare

Gelo
marzolino
rattrista
il contadino.

Quando canta il merlo
siamo fuori dall'inverno.

Marzo sbirro
e banderuola
prende il verno
per la gola.

Marzo molle,
gran per tre zolle.
Marzo asciutto
gran da per tutto.





Marzo ti voglio bene

Marzo, ti voglio bene.
E sai perchè?
Perchè sei birichino
e, quasi quasi, rassomigli a me.
Anche tu fai capricci:
vieni col sole,
con le primule belle
e le odorose viole.
Poi, ti rabbui, Marzo,
e in un momento
tu butti giù dal cielo
e neve e pioggia e vento...
Ma io ti voglio bene,
perchè, fra un raggio d'oro
e una nuvola nera,
tu porti Primavera.




Marzo


Gli alberi nudi come croci
metton gemme e piccole voci;
il passero riveste il suo oro
e saltella sui rami dorati;
la lucertola spunta da un foro
del muro, con occhi sgranati;
il lombrico si torce e si stira
come un serpente... E la terra gira:

Diego Valeri



Che dice la pioggerellina di marzo?


Che dice la pioggerellina
di marzo, che picchia argentina
sui tegoli vecchi
del tetto, sui bruscoli secchi
dell'orto, sul fico e sul moro
ornati di gèmmule d'oro?
Passata è l'uggiosa invernata,
passata, passata!
Di fuor dalla nuvola nera,
di fuor dalla nuvola bigia
che in cielo si pigia
domani uscirà Primavera
guernita di gemme e di gale,
di lucido sole,
di fresche viole,
di primule rosse, di battiti d'aie,
di nidi,
di gridi
di rondini, ed anche
di stelle di mandorlo, bianche...
Ciò dice la pioggerellina
di marzo che picchia argentina
sui tegoli vecchi
del tetto, sui bruscoli secchi
dell'orto, sul fico e sul moro
ornati di gèmmule d'oro.
Ciò canta, ciò dice;
e il cuor che l'ascolta è felice.

Angiolo Silvio Novaro


Il poeta ascolta il leggero rumore della pioggia picchiettante sul tetto della sua casa
e sulle piante del giardino, piene di gemme. Il ticchettìo della pioggia sottile, che cade in marzo,
sembra parlare al cuore di chi l'ascolta.
Ciò che dice è un canto lieto ed esultante per l'arrivo della primavera.
La pioggia che d'inverno è noiosa ed insistente, in primavera sembra allegra e piacevole perchè è sottile,
fa bene alle piante, alla campagna e dura poco.




Marzo

E' arrivato marzo bello,
con il sole e con l'ombrello,
e ha portato vento e fiori,
rondinelle e raffreddori.
Benvenuto, marzo matto!
lo con te vo' fare un patto:
se mi porti il tempo bello
io ti canto uno stornello.

B. Marini




Marzo e la speranza


Col marzo e col sereno,
dentro ogni fibra, il senso della vita
torna freschezza. -Tocchi
rigermogliano anche gli sterpeti
.della tristezza, e fuor da l'aridume
in minuscoli scrignetti, tutte le
le ricchezze
della nuova vegetazione.

F. Faifofer


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un treno può nasconderne un altro[
Postato da Grazia01 il Venerdì, 27 febbraio @ 23:53:47 CET (48 letture)
Ricerche d'autore










Un treno può nasconderne un altro

(cartello di un passaggio a livello in Kenya)

In una poesia, un verso può nasconderne un altro,
come a un passaggio a livello, un treno può nascondere un altro treno.
Ovvero, se aspetti per attraversare
i binari, aspetta un momento
almeno dopo che il primo treno è passato. E così quando leggi
aspetta di aver letto il verso successivo
dopo di che puoi andare avanti con la lettura.
In una famiglia una sorella può nasconderne un’altra.
Così, quando le fai la corte, è meglio averle entrambe sott’occhio
altrimenti vieni a trovarne una, ma potresti innamorarti dell’altra.
Un padre o un fratello possono nascondere l’uomo,
se sei una donna, che stavi aspettando di amare.
Così davanti a qualcosa c’è sempre dell’altro
come le parole stanno davanti agli oggetti, ai sentimenti e alle idee.
Un desiderio può nasconderne un altro. E la reputazione di una persona può nascondere
la reputazione di un’altra persona. Un cane può nascondere l’altro
Su un prato, così se scappi dal primo non è detto che tu sia al sicuro;
Un lillà può nascondere l’altro e poi tanti altri lillà e sull’Appia
Antica una tomba
può nascondere un certo numero di altre tombe. In amore, un rimprovero può nasconderne un altro,
una piccola lamentela può nasconderne una più grande.
Un’ingiustizia può nascondere l’altra -- un coloniale può nasconderne un altro,
Una vistosa uniforme rossa un’altra e un’altra ancora, un’intera fila. Un bagno
può nascondere un altro bagno
come quando, dopo il bagno, si esce sotto la pioggia.
Un’idea può nasconderne un’altra: la vita è semplice
nasconde la vita è incredibilmente complessa, come nella prosa di Gertrude Stein
una frase nasconde l’altra ed è pure un’altra frase. E in laboratorio
un’invenzione può nascondere un’altra invenzione,
una sera può nasconderne un’altra, un’ombra, un nido di ombre.
Una d’un rosso scuro o una blu o una viola -- questo è un quadro
di qualcuno che copia Matisse. Uno aspetta ai binari che passino,
questi doppi nascosti o, talvolta, queste somiglianze. Un gemello identico
può nascondere l’altro. E possono essercene dentro anche di più! L’ostetrica
fissa la Valle del Var. Vivevamo lì, io e mia moglie, ma
una vita ha nascosto un’altra vita. E adesso lei se ne è andata e io sono qui.
Una moglie vivace nasconde una figlia goffa. La figlia a sua volta
nasconde la propria figlia vivace. Sono in
una stazione ferroviaria e la figlia tiene una borsa
più grande della borsa della madre e riesce a nasconderla.
Offrendosi di prendere la borsa della figlia ci si ritrova ad affrontare
quella della madre
e si deve portare, anche quella. Così un autostoppista
può deliberatamente nascondere l’altro e anche una tazza di caffè
un’altra, finché uno si innervosisce. Un amore può nascondere un altro amore
o lo stesso amore
come quando “Ti amo” all'improvviso suona falso e si scopre
che l’amore migliore è rimasto dietro, come quando “Sono pieno di dubbi”
nasconde “Sono certo di qualcosa ed è che”
e anche un sogno può nasconderne un altro come è noto, da sempre. Nel
Giardino dell’Eden
Adamo ed Eva possono nascondere i veri Adamo ed Eva.
Gerusalemme può nascondere un’altra Gerusalemme.
Quando arrivi a qualcosa, fermati per lasciarla passare
così puoi vedere cos’altro c’è. A casa, non importa dove,
anche i binari interni rappresentano un pericolo: un ricordo
di certo ne nasconde un altro, dal momento che il ricordo è proprio questo,
l’eterna successione inversa delle entità contemplate. Leggendo
Un viaggio sentimentale guardati attorno
quando hai finito, cerca Tristram Shandy, per vedere
se sta lì, dovrebbe esserci, e anche migliore
e più profondo e fino a quel momento nascosto come Santa Maria Maggiore
può essere nascosta da altre chiese simili a Roma. Un marciapiede
può nasconderne un altro, come quando ti ci addormenti e
una canzone nasconde un’altra canzone; un martellio al piano di sopra
nasconde il battito dei tamburi. Un amico può nasconderne un altro, ti siedi ai
piedi di un albero
con uno e quando ti alzi per andartene ce n’è un altro
con cui avresti preferito stare a parlare. Un insegnante,
un dottore, un’estasi, una malattia, una donna, un uomo
possono nasconderne altri. Fa’ una pausa per lasciar passare il primo.
Tu pensi, Adesso è sicuro attraversare e vieni colpito dal successivo. Può
essere importante
aver atteso almeno un momento per vedere cos'era già lì.

Kenneth Koch




(trad. di Giovanni Catalano)


Kenneth Koch nacque il 27 febbraio del 1925
era poeta, sceneggiatore e romanziere statunitense († 2002)

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 26 febbraio 1802 nacque Victor Hugo
Postato da Grazia01 il Giovedì, 26 febbraio @ 22:00:07 CET (53 letture)
Poesie e opere di Victor Hugo






Il 26 febbraio del 1802 nacque a Besançon, Victor Hugo.
E' stato un poeta, drammaturgo, saggista, scrittore, aforista, artista visivo, statista,
politico e attivista per i diritti umani francese, considerato il padre del Romanticismo in Francia.
Morì il 22 maggio del 1885, a Parigi.





Faccio tutto ciò che posso

Faccio tutto ciò che posso
perché il mio amore
non ti disturbi,
ti guardo di nascosto,
ti sorrido quando non mi vedi.
Poso il mio sguardo
e la mia anima ovunque
vorrei posare i miei baci:
sui tuoi capelli,
sulla tua fronte,
sui tuoi occhi,
sulle tue labbra,
ovunque le carezze
abbiano libero accesso.







L'uomo e la donna

L'uomo è la più elevata delle creature.
La donna è il più sublime degli ideali.
Dio fece per l'uomo un trono, per la donna un altare.
Il trono esalta, l'altare santifica.

L'uomo è il cervello. La donna il cuore.
Il cervello fabbrica luce, il cuore produce amore.
La luce feconda, l'amore resuscita.
L'uomo è forte per la ragione.
La donna è invincibile per le lacrime.
La ragione convince, le lacrime commuovono.

L'uomo è capace di tutti gli eroismi.
La donna di tutti i martìri.
L'eroismo nobilita, il martirio sublima.
L'uomo ha la supremazia.
La donna la preferenza.
La supremazia significa forza;
la preferenza rappresenta il diritto.

L'uomo è un genio. La donna un angelo.
Il genio è incommensurabile;
l'angelo indefinibile.
L'aspirazione dell'uomo è la gloria suprema.
L'aspirazione della donna è la virtù estrema.
La gloria rende tutto grande; la virtù rende tutto divino.

L'uomo è un codice. La donna un vangelo.
Il codice corregge, il vangelo perfeziona.
L'uomo pensa. La donna sogna.
Pensare è avere il cranio di una larva;
sognare è avere sulla fronte un'aureola.

L'uomo è un oceano. La donna un lago.
L'oceano ha la perla che adorna;
il lago la poesia che abbaglia.
L'uomo è l'aquila che vola.
La donna è l'usignolo che canta.
Volare è dominare lo spazio;
cantare è conquistare l'Anima.

L'uomo è un tempio. La donna il sacrario.
Dinanzi al tempio ci scopriamo;
davanti al sacrario ci inginocchiamo. Infine:
l'uomo si trova dove termina la terra,
la donna dove comincia il cielo.






Non si vede nulla all'esterno di questo fuoco che mi brucia il cuore?




Dunque è sufficiente un solo miserabile pensiero a rendere un uomo debole e pazzo!




Ahimè! Se la vittoria non è rimasta nelle mie mani, la colpa è di Dio,
che non ha fatto l'uomo e il demonio di pari forza.





Non guardare il volto

Non guardare il volto
fanciulla, guarda il cuore.
Il cuore di un bel giovane è spesso deforme.
Ci sono cuori in cui l'amore non si conserva.

Fanciulla, l'abete non è bello,
non è bello come il pioppo,
ma d'inverno mantiene le foglie.

Ahimè! A che serve dir questo?
Chi non è bello ha il torto di esistere;
la bellezza ama solo la bellezza.
Aprile volge le spalle a Gennaio.

La bellezza è perfetta.
La bellezza può tutto.
La bellezza è la sola cosa che non esiste a metà.

Il corvo vola solo di giorno.
Il gufo vola solo di notte.
Il cigno vola notte e giorno.


Victor Hugo


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La tenerezza in un saluto della sera
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 febbraio @ 21:15:50 CET (62 letture)
Letture varie III







Da dietro i vetri della finestra, guardava il susseguirsi delle stagioni attraverso i colori del suo giardino. Guardava le acque calme del lago e la cornice di montagne dalle creste ancora innevate e lo sguardo abile giungeva all’orizzonte, fino al promontorio della Rocca. Guardava il vento spostare le nuvole, mentre la luce calda del tramonto accompagnava il calare della sera.
Davanti alla sua casa passava una sentiero sterrato che s’inerpicava fino alla borgata superiore del paese, intersecando più volte, con ponticelli di legno, il ruscelletto che scendeva a valle; ormai, però, in pochi lo percorrevano. Nonostante ciò, il viottolo era ben sistemato e, nella bella stagione, si fregiava di piccoli fiori, quasi a voler allietare la dura salita.
Nel tardo pomeriggio di una giornata di primavera, scendevano, a passo spedito, tre persone, due donne e un uomo, con gli zaini in spalla. Una delle donne teneva tra le mani un fiore che serbava con la stessa cura con cui si custodisce un tesoro. Vide, da lontano, che qualcuno guardava dalla finestra affacciata al lago e rallentò il passo. Quando si trovò nei pressi dell’abitazione, con un sorriso, fece un cenno di saluto con la mano, in direzione della finestra.
L’anziana donna, stentava a credere che quel gesto fosse rivolto proprio a lei; tuttavia sorrise.
La giovane donna, allora, ripeté il cenno agitando con più energia la mano, come a far notare che quel saluto fosse rivolto proprio in direzione della finestra. E la vecchina, resasi conto, sorrise felice e prese ad agitare anch’ella la mano verso quella sconosciuta, tanto carina da volerla salutare nonostante non sapesse chi fosse.
La giovane donna si commosse e lasciò che una lacrima le rigasse il viso.
Era evidente la gioia dell’anziana signora che continuò a sorridere alla donna con il fiore, fino a quando la vide partire.
Il mondo, da dietro i vetri della finestra, non è sempre uguale. Il lago, le montagne, le nuvole, tutto cambia al ritmo delle stagioni; ma spesso l’abitudine ci fa vedere sempre le medesime cose.
Quando si arriva alla sera della vita, forse non si percepiscono più i cambiamenti, ma un semplice gesto di saluto può contrastare la consuetudine, per donare un momento di serenità a chi di sorridere non ne ha più la voglia.

Marilena

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il segreto dell'amore
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 febbraio @ 13:44:48 CET (50 letture)
Un pensiero al giorno








Il segreto dell'amore è fare quotidianamente qualche piccola azione per fare felice la persona che ami: un'azione servizievole o un piccolo regalo, una parola di apprezzamento o un affettuoso, inaspettato, sorriso.
Swami Sivananda

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Miriam Ballerini
Postato da Grazia01 il Sabato, 21 febbraio @ 15:10:02 CET (54 letture)
Messaggi II
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Nati oggi 17 febbraio-Gustavo Adolfo Bécquer e Rocco Lentini
Postato da Grazia01 il Martedì, 17 febbraio @ 22:39:21 CET (77 letture)
Ricerche d'autore


Oggi 17 febbraio nacquero Gustavo Adolfo Becquer, poeta
e Rocco Lentini pittore.



Oggi la terra e i cieli mi sorridono.
Oggi arriva nella mia anima il sole.
Oggi l'ho vista...
... l'ho vista e mi ha guardato.
Oggi credo in Dio!





"Che cos'è la poesia?", dici mentre fissi
la mia pupilla con la tua pupilla blu.
"Che cos'è la poesia? E tu me lo domandi?
Poesia... sei tu!"






Tu eri l'uragano e io l'alta torre

Tu eri l'uragano e io l'alta torre che sfida il suo potere:
dovevi schiantarti o abbattermi...
Non è potuto essere!
Tu eri l'Oceano e io la eretta roccia
che salda attende il suo ondeggiare:
dovevi rifrangerti o sradicarmi!
Non è potuto essere!
Bella tu, io altero;
abituati l'una a travolgere, l'altro a non cedere;
il sentiero stretto, inevitabile lo scontro...
Non è potuto essere!





La mia vita e una petraia
fiore che tocco si sfoglia
poiché nel mio cammino mortale
qualcuno va seminando il male
affinché io lo raccolga.



I sospiri sono aria, e vanno verso l'aria.
Le lacrime son acqua, e vanno al
mare.
Dimmi donna: quando l'amore si dimentica
sai tu deve va?




Io so un inno immenso e strano
che annuncia nelle notti dell'anima un'aurora,
e queste pagine sono di quell'inno
cadenze che l'aria dilata nell'ombra.

Io vorrei scriverlo, dell'uomo
dominando la ribelle, meschina lingua,
con parole che fossero ad un tempo
sospiri e risate, colori e musica.

Ma è inutile lottare; non c'è scrittura
che possa racchiuderlo, e a malapensa - oh mia bella! -
tenendo fra le mie mani le tue,
potrei, all'orecchio, cantarlo a te sola.




Come vive quella rosa che hai appuntato
sul tuo cuore?
Mai prima d'ora contemplai sulla terra
nel vulcano un fiore.





Per uno sguardo un mondo;
Per un sorriso un cielo;
per un bacio... non so che ti darei per un bacio.





Come un libro aperto
leggo nel fondo dei tuoi occhi.
Perchè la bocca sorride se gli occhi la smentiscono?
Piangi. Non vergognarti di confessare che mi amasti.
Piangi. Nessuno vede.
Guarda. Io sono un uomo, eppure piango.

Gustavo Adolfo Bécquer

Leggi Tutto... | 4578 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


UN TENUE VENTO
Postato da rosarossa il Lunedì, 16 febbraio @ 21:43:06 CET (66 letture)
Le poesie e i pensieri di Rosarossa IX









UN TENUE VENTO

Un tenue soffio di vento sfiora il mio cuore,
sussurra il tuo nome mi porta un messaggio
di gioia e di speme
poi senza parlar lontano vola.
Vaga nel cielo limpido di primavera e
manda al suo posto
un raggio di sole che
non ferisce, non arde, ma .
mentre tremo d’emozione scalda e consola.
E’ quell’amore muto che parlar non può,
carezza dolcemente,
nel pensiero si ferma e tace.
Prigioniero nel suo palpitante scrigno,
quieto, in silenzio assoluto; soffre e giace!

Rosarossa


Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Tu lo sai
Postato da Grazia01 il Lunedì, 16 febbraio @ 13:43:18 CET (81 letture)
Le poesie e i pensieri di r.chesini II









Tu lo sai



Nuvole nere bussano alla porta

quando ancora debole è il desiderio

e tu ben sai che la misura dell’amore

è amore senza misura.

Non esiste l’amore facile

né a buon mercato.

Il suo prezzo è il sacrificio

tu lo sai

allora guardami

così da scoprire nei tuoi occhi

quella luce piena di desiderio. .

Così dal cielo le nere nuvole

faranno cadere non gocce d’acqua

ma lacrime di gioia.


chesini roberto

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L'importanza dell'umore
Postato da Grazia01 il Domenica, 15 febbraio @ 20:39:32 CET (56 letture)
Psicologia e salute III





l buon umore è uno strumento potentissimo che abbiamo a disposizione per poterci aprire all'esterno attraverso la nostra creatività. Quando siamo di buon umore anche la nostra salute ne trae giovamento. Il buon umore nasce spontaneamente nel nostro cervello, che necessita di continuo nutrimento affinché possa restare sano, vigile e produttivo. Il nostro cervello è composto da tessuti nervosi in grado di rigenerarsi ogni giorno ed i pensieri positivi rappresentano la linfa necessaria per la produzione di miriadi di sostanze chimiche che sono alla base di questo rinnovamento. Le stesse sostanze secrete alimentano a loro volta il buon umore.
Di contro, ciò che allontana il buon umore è il troppo cerebralismo, che genera dubbi, domande, calcoli, modelli, ansie e brucia letteralmente neuroni, danneggiando il tessuto cerebrale.



Quando siamo di pessimo umore mettiamo in circolo del veleno ed esponiamo il nostro organismo al rischio di contrarre malattie. L'odio e la rabbia sono sentimenti che ledono più chi le prova, piuttosto che coloro ai quali quei sentimenti sono indirizzati. Quindi, prima di arrabbiarci e provare sentimenti profondamente tristi e negativi, chiediamoci prima se questi valgono la nostra salute. Un'ottimo modo per garantirci la nostra buona dose giornaliera di ottimismo (e di salute), è quello di far contento il corpo, risvegliando i nostri sensi. Le sensazioni che il nostro corpo ci può donare attraverso l'esplicazione delle funzioni fisiologiche, quali dormire, mangiare, fare l'amore… sono molto più forti ed efficaci nell'attivare le aree cerebrali del benessere e del buon umore.



Alcuni consigli: Dormire bene e nella giusta quantità ci permette di eliminare meglio le scorie e, al risveglio, di trovare soluzione a problemi che ci attanagliano… "il sonno porta consiglio".

Dare spazio all'eros accende la Vita. Fare l'amore è la funzione che più ci lega all'energia vitale perché crea immediatamente una cascata di ormoni legati al piacere, al buon umore e al benessere.

Il cibo ed il buon umore hanno uno stretto legame. Le prelibatezze per il palato stimolano un piacere molto profondo, tale da essere assimilato all'orgasmo. Inoltre, raccogliersi in piacevole compagnia attorno ad una tavola imbandita è spesso motivo di gioia e divertimento.



La via della tattilità è la strada verso un benessere spesso dimenticato. Il tocco della persona amata o un massaggio eseguito da mani esperte esplicano un'azione benefica su muscoli e articolazioni e raggiungono il centro dell'individuo risvegliando i sensi. Attraverso il contatto con il corpo dell'altro, ci si rilassa, ci si abbandona completamente e l'umore migliora.

Praticare dello sport scegliendo quello più adatto a se stessi. Liberare il corpo attraverso il movimento tiene lontano i pensieri pressanti. Mentre il nostro corpo "lavora", il nostro cervello fa pulizia di tutte le zavorre mentali che lo attanagliano. A tale scopo può tornare molto utile ascoltare della musica: la nostra mente sarà così distratta ed il tempo scorrerà piacevolmente in maniera quasi impalpabile.




Cristina Bartoli Dottoressa in Discipline Piscosociali
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Sull'amore
Postato da Grazia01 il Sabato, 14 febbraio @ 21:39:26 CET (70 letture)
Poesie tematiche III



||





Il volersi bene si costruisce. Ma l’amore quello vero, no.
L’amore lo senti immediato, non ha tempo. É dire “ti sento”.
Un contatto di pelle, un abbraccio, un bacio. Mantenersi,
il mio verbo preferito, tenersi per mano.
Ti può bastare per la vita intera, un attimo, un incontro.
Rinunciarvi è folle, sempre e comunque.”
Erri De Luca



Le anime hanno un loro particolar modo d'intendersi, d'entrare in intimità, fino a darsi del tu, mentre le nostre persone sono tuttavia impacciate nel commercio delle parole comuni, nella schiavitù delle esigenze sociali. Han bisogni lor proprii e le loro proprie aspirazioni le anime, di cui il corpo non si dà per inteso, quando veda l'impossibilità di soddisfarli e di tradurle in atto. E ogni qualvolta due che comunichino fra loro così, con le anime soltanto, si trovano soli in qualche luogo, provano un turbamento angoscioso e quasi una repulsione violenta d'ogni minimo contatto materiale, una sofferenza che li allontana, e che cessa subito, non appena un terzo intervenga. Allora, passata l'angoscia, le due anime sollevate si ricercano e tornano a sorridersi da lontano.”
Luigi Pirandello



Gli bastò un interrogatorio insidioso, prima a lui e poi alla madre,
per constatare un'ennesima volta che i sintomi dell'amore sono gli stessi del colera.”
Gabriel Garcí­a Márquez



L'amore vero è così: non ha nessuno scopo e nessuna ragione,
e non si sottomette a nessun potere fuorché alla grazia umana.
Elsa Morante





Forse, io amo in lei la natura, la personificazione di quanto c'è di bello nella natura;
ma non è che io abbia una volontà mia propria: attraverso me,
c'è ad amarla non so quale forza elementare, la creazione intera;
tutta la natura infonde quest'amore nell'anima mia, e mi dice: ama!”
Leo Tolstoy





Sei la mia schiavitù sei la mia libertà
Sei la mia carne che brucia
come la nuda carne delle notti d’estate
Sei la mia patria
Tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi
Tu, alta e vittoriosa
Sei la mia nostalgia
di saperti inaccessibile
Nel momento stesso
in cui ti afferro.

Nâzım Hikmet




Eravamo insieme, il resto del mondo l'ho scordato
Walt Withman

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Parole inutili
Postato da Grazia01 il Lunedì, 09 febbraio @ 18:50:58 CET (67 letture)
Le poesie e altro di Grazia VI








Parole inutili


Vorrei poter cancellare le parole inutili
Le frasi ricorrenti
che ammalano la mente.
Il tempo passa, cambiano i visi,
I toni delle voci,
ma le parole tornano uguali.
Ipocrisie costruite a vantaggio di alcuni
per confondere i pensieri di molti
favole per bambini grandi
che vi si aggrappano per calmare
il malumore, senza crederci,
ma per continuare a campare.

Grazia



commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


questo è il tempo
Postato da Almina il Domenica, 08 febbraio @ 22:36:11 CET (77 letture)
Le poesie di Almina Madau II


Questo è il tempo
tra ciò che era
e ciò che sarà



Leggi Tutto... | 613 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Milano mia
Postato da Grazia01 il Domenica, 08 febbraio @ 22:07:59 CET (75 letture)
Milano mia I


Vivo Milano da quando sono nata e più la esploro più la adoro. Sarà che con il sole è stupenda, sarà che sui Navigli la gente che incontri sembra sempre esser piena di storie da raccontare, sarà che in questa città ci sono le mie radici, sarà che qui mi sono innamorata e ho costruito la mia famiglia e la mia vita.







E poi c’è la poesia. A Milano si respira poesia. E anche una semplice passeggiata in una domenica sera con l'aria gelata mentre i sospiri formano nuvolette e le parole arrivano sussurrate attraverso la sciarpa, può regalarti una piccola dose di magia.
Camminando per Brera, tra chiacchiere e battibecchi, puoi vedere sui muri frasi di poeti rivoluzionari e ti torna in mente una poesia di Alda Merini, dedicata a questa piccola grande città:

Per Milano

Non è che dalle cuspidi amorose
crescano i mutamenti della carne,
Milano benedetta
Donna altera e sanguigna
con due mammelle amorose
pronte a sfamare i popoli del mondo,
Milano dagli irti colli
che ha veduto qui
crescere il mio amore
che ora è defunto.
Milano dai vorticosi pensieri
dove le mille allegrie
muoiono piangenti sul Naviglio.



Buonanotte e buona settimana

Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il 5 febbraio del 1804 nacque a Jakobstad, Johan Ludvig Runeberg
Postato da Grazia01 il Giovedì, 05 febbraio @ 21:22:21 CET (76 letture)
Ricerche d'autore





Il 5 febbraio del 1804 nacque a Jakobstad, Johan Ludvig Runeberg, un poeta e scrittore finlandese di lingua svedese, considerato il poeta nazionale della Finlandia. Runeberg studiò prima nelle città di Vaasa e Oulu, poi alla Reale Accademia di Åbo, dove divenne amico di Johan Vilhelm Snellman e Zacharias Topelius. I suoi studi vertevano principalmente sui classici latini e greci.
Molti dei suoi poemi parlano della vita rurale in Finlandia. Il più famoso di essi è Bonden Paavo ("il contadino Paavo", Saarijärven Paavo in finlandese), che parla di un piccolo proprietario terriero del povero villaggio di Saarijärvi e della sua determinazione e fede incrollabile nella provvidenza di fronte ad un clima rigido e ad anni di pessimi raccolti. È costretto ad aggiungere due parti di corteccia nel pane per evitare di morire di fame e condivide il poco che ha con i suoi vicini.
L'opera più conosciuta di Runeberg è Fänrik Ståls sägner ("La storia dell'alfiere Stål"), Vänrikki Stoolin tarinat in finlandese, scritta tra il 1848 e il 1860. Viene considerato il più importante poema epico finlandese dopo il Kalevala. Narra della Guerra di Finlandia del 1808-09 contro la Russia. Nella guerra la Svezia perse la Finlandia, che diventò un Granducato dell'Impero Russo. Il poema che è composto da episodi, enfatizza la comune umanità di entrambe la parti in conflitto, lodando in particolare l'eroismo dei finnici. La poesia che apre l'opera, Vårt land, ("La nostra Terra"), Maamme in finlandese, diventò l'inno nazionale finlandese. Runeberg viene celebrato il 5 febbraio di ogni anno.( morì il 6 maggio del 1877)











Il primo bacio
Questa poesia, compresa nella raccolta "Dikter" del 1833,
è stata musicata nel 1900 da Jean Sibelius in forma di Lieder, op. 37 n.1.

traduzione in italiano di Piero Pollesello

La stella della sera sedeva sul bordo di una nuvola d’argento
e nel crepuscolo laggiù da un boschetto una ragazza le chiese:
“Dimmi, stella della sera, cosa si dice in cielo
quando qualcuno dona il primo bacio alla persona amata?”
E la timida figlia del cielo rispose:
“Gli angeli celesti in schiera guardano in terra
vedendo in quel momento il riflesso della loro propria luce;
solo la Morte volge lo sguardo altrove e piange”.





La sorgente
(dalla raccolta Dikter II, 1833)
Traduzione di Piero Pollesello

O sorgente, siedo alle tue rive
e guardo come il corteo di nuvole,
guidate da mano invisibile,
si riflette nelle tue onde tremule.

Ecco, una nube appare e si infiamma rossa
come il sorriso di un bocciolo di rosa.
Ma, addio! Così presto mi dice addio
per non tornare più.

Un’altra ne vedo arrivare
ancora più rilucente e bella!
Oh, se ne va’ anche questa, altrettanto in fretta,
e, volubile, sparisce

E ancora una! Ma questa non vuole andarsene
e segue lenta il suo corso;
o sorgente, ora il cielo è scuro
e la sua ombra ti rabbuia

Quando ti vedo così, o sorgente
penso alla mia anima:
a quanti cieli dorati
ha dovuto dire addio,

a quanti cieli pesanti e tristi
hanno gettato su di te una notte fonda,
e sono venuti all'improvviso,
ma se ne sono andati così lentamente.

E anche se lo so bene
come se ne siano venuti o andati,
so che sono solo stati cieli vuoti
che si riflettevano nella mia anima.

La luce e le ombre del tuo specchio d’acque
hanno dipeso da essi! -
o sorgente, quando finirà questo gioco?
quando le tue acque avranno pace?

Johan Ludvig Runeberg


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Prendere sonno
Postato da Grazia01 il Martedì, 03 febbraio @ 13:57:03 CET (69 letture)
Un pensiero al giorno








Avere una fervida immaginazione è un gran dono.
Di notte, tuttavia, non è sempre un vantaggio, soprattutto se non ti permette di prendere sonno
.
Leggere un buon libro prima di dormire ti permette di espandere la mente
su argomenti che ti distraggono dal quotidiano.

Oppure pensa a qualcosa di noioso.
Concentrarti su qualcosa di molto comune può aiutarti a rallentare il flusso dei pensieri.
È particolarmente utile focalizzarsi su qualcosa di molto lontano dalla tua testa;
per esempio, il dito mignolo del piede. Pensa al mignolo, e solo al mignolo.
Se per caso i tuoi pensieri iniziano a divagare, riprendi il pensiero del mignolo immediatamente.

A tutti serve un abbraccio prima di dormire.
E se non hai qualcuno accanto, c'è sempre una persona che abbracci col pensiero.

Lo sapevi che se ti addormenti pensando ad una persona, quella ti sognerà durante la notte?

Grazia



Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Battesimo
Postato da brunouk il Domenica, 01 febbraio @ 23:10:14 CET (75 letture)
Le poesie di Pegaso I











Battesimo



Chiaro ora appare
nel grigio ricordo del tempo che trascorre
nell’attimo sfuggente
due vite, come d’incanto
il bivio l’attende.

Gesù la sua mano tende
chi crede la pace l’amore
nel cuore estende.

Il rito d’appartenenza
siglato con pura acqua
sulla fronte scorre
ora la vita di luce risplende
lode è il canto vibra nell’aria
ora chiaro il bivio appare
due piccole lacrime come rugiada
si posano su un fiore
d’improvviso vento il suo profumo
in aria fa volare.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Neve [ 0 commenti - 18 letture ]
 25 marzo - Anniversario della morte di Novalis [ 0 commenti - 20 letture ]
 La spontaneità. [ 0 commenti - 20 letture ]
 Buon lunedì [ 0 commenti - 21 letture ]
 Ogni giorno nasce un poeta - nati il 22 marzo - Billy Collins [ 0 commenti - 43 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58

benvenuto giorgio
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ott 31, 2011 at 00:02:00


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Crea il tuo sito online | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy