Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 212
Totale: 212
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: Home
03: Home
04: Home
05: coppermine
06: Home
07: coppermine
08: coppermine
09: coppermine
10: coppermine
11: Home
12: News
13: Home
14: Search
15: Home
16: News
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: News
22: News
23: News
24: Search
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: coppermine
32: coppermine
33: Home
34: Home
35: coppermine
36: Home
37: Home
38: News
39: Home
40: Home
41: coppermine
42: Home
43: Home
44: Search
45: Home
46: Home
47: Home
48: coppermine
49: Home
50: Home
51: Stories Archive
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: coppermine
60: coppermine
61: Home
62: Home
63: Search
64: Home
65: coppermine
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: coppermine
72: coppermine
73: Home
74: coppermine
75: Home
76: Home
77: Home
78: coppermine
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: News
84: Home
85: coppermine
86: coppermine
87: Home
88: Home
89: Home
90: Stories Archive
91: News
92: Home
93: Home
94: coppermine
95: Home
96: Stories Archive
97: coppermine
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: coppermine
102: Home
103: Home
104: coppermine
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: coppermine
110: News
111: Home
112: Home
113: coppermine
114: Home
115: Home
116: Search
117: Home
118: Home
119: Home
120: Home
121: Stories Archive
122: coppermine
123: Home
124: coppermine
125: coppermine
126: Home
127: Home
128: Home
129: coppermine
130: Home
131: coppermine
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: coppermine
137: Home
138: coppermine
139: Home
140: coppermine
141: Home
142: Home
143: coppermine
144: Home
145: coppermine
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: News
153: News
154: Home
155: coppermine
156: Home
157: Home
158: coppermine
159: Home
160: Home
161: coppermine
162: coppermine
163: Home
164: coppermine
165: Home
166: coppermine
167: Home
168: News
169: Home
170: Home
171: News
172: Home
173: coppermine
174: Home
175: News
176: Home
177: News
178: coppermine
179: coppermine
180: coppermine
181: Home
182: Home
183: Home
184: coppermine
185: Home
186: Home
187: coppermine
188: Home
189: News
190: Home
191: News
192: Home
193: coppermine
194: Home
195: Home
196: Home
197: coppermine
198: Search
199: coppermine
200: Home
201: Home
202: coppermine
203: coppermine
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8706
  · Viste: 1428927
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Dopo le vacanze
Dopo le vacanze
Postato da Grazia01 il Martedì, 18 dicembre @ 18:23:25 CET (778 letture)
Racconti II

Dopo le vacanze

Il risveglio è lento, e poi a lungo resta a poltrire.
Esplorandosi, qualche volta accarezzandosi.
Quando Chiara si alza la colazione è già lì, da scegliere: la pizza lucida d'olio, il miele e le marmellate, il prosciutto tagliato spesso, i biscotti storti fatti in casa, pieni di sapore.
Si lava, sceglie gli abiti da indossare. Si trucca solo quando è già completamente vestita.
Quella nel piccolo paese d'Abruzzo è una vacanza di tutti i sensi.


Vacanza perché c'è chi si preoccupa di prepararle cose buone ogni giorno, quando in casa vige la regola che quel che viene in tavola si mangia ed è quasi sempre qualcosa che non le piace, qualcosa da cui preferisce astenersi, anche quando la fame le dà piccole strette allo stomaco. In ogni caso, ha capito che non sarà un po' di cibo in più ad aggiungerle rotondità, e dunque non vale la pena sforzarsi.
Vacanza perché nessuno controlla i suoi risvegli, che stia a letto poco o tanto non c'è chi lo noti, e ancor meno chi la sgridi per questo imputandole pigrizia o poltroneria. Le dicono "riposati!", e le augurano di metter su un po' di carne. Anche dormendo.
Vacanza perché qui può truccarsi, giocare con la pelle, i colori e gli sguardi.
Vacanza perché qui può appartenere al mondo di chi, più grande di lei di qualche anno, raccoglie: la sua condizione di cittadina la rende speciale, la invitano a ogni ballo e ogni gita. Qui è al riparo dalle critiche alle sue forme eccessivamente acerbe, dal fascino che le compagne di scuola già sanno amministrare e lei no,. dalle competizioni in cui non è capace di misurarsi. Non si chiede perché questo accade, e ancor meno se ci siano differenze fra le persone che lei frequenta qui e quelle che la circondano, in città, undici mesi all' anno: semplicemente, qui può comportarsi più liberamente, e le sembra sia questo a renderla più forte.
Si ballano tanghi e valzer e molti balli lenti, in paese, malgrado un primo affacciarsi del cha-cha-cha. Chiara ha imparato a lasciarsi andare fra le braccia del cavaliere di turno, e lo sfregarsi più ampio dei corpi nel casquè ha smesso di darle imbarazzo. Il gonfiarsi nei pantaloni, di cui talvolta si accorge, le dà un piccolo senso di potere, e la incuriosisce.
Dopo i balli la sera tardi, quando va a dormire, la stanchezza delle gambe la fa sentire viva, presente, desiderata. Il suo mondo, le sue ambizioni non guardano al di là del prossimo ballo, della prossima gita.
Coglie la competizione fra i maschi che la invitano a ballare o scherzano al bar. Non pensa di avere il diritto di intervenire, di favorire un possibile vincitore.
Quando una sera Walter la invita a ballare tante volte di seguito, e c'è chi ha la faccia scura, lei si limita ad accettare: benché la sua camicia le sembri di cattivo gusto, e l'odore del suo sudore più forte e acido di altri.
Ora nelle feste Walter la stringe forte a sé, con un gesto proprietario che lei asseconda. E prima viene a prenderla .a casa, e arrivano tenendosi per mano.
Da soli non sono mai, c'è il paese intorno con tanti occhi.
TI giorno prima che Chiara parta, Walter le regala la canzone che tutti ascoltano in maniera ossessiva, Il cielo in una stanza. Chiede di rivedersi in città: per avere un cielo più grande sopra di sé.
, In città è tutto più difficile. La libertà ha confini stretti. Per incontrarsi telefonate clandestine, accordi complicati. E ci vuole una menzogna, dire a casa che si studia con un' amica e ritagliare un' ora o poco più in un parco, con 1'ansia del tempo che corre e la preoccupazione per 1'eventualità, in verità piuttosto remota, di essere scoperta. Ma quel segreto la eccita, le colorisce le guance e le accelera il passo: anche lei ha il suo appuntamento con un ragazzo, ora. Prima era un incontrarsi tutti i giorni che poteva essere perfino involontario, adesso 1'incontro difficile li costruisce coppia.
Pensava che lui si sarebbe presentato con un fiore, magari anche colto dal prato: invece Walter ha le mani vuote, libere. La guida verso un gruppo di alberi, al riparo dagli occhi severi dei passanti. La stringe a sé con braccia dure, non c'è tango o valzer ora a rendere facile la prossimità. Senza musica, non c'è tenerezza nei gesti di lui; solo quell'atteggiamento di possesso che ora la infastidisce e la imbarazza. L'odore aspro del sudore, è ancora estate.
La guarda negli occhi, le prende il mento, le guarda la bocca, la avvicina a sé, la bacia. Aprendole la bocca, forzandole i denti, facendole sentire la propria lingua e cercando la sua: un'intrusione, e intanto spinge il bacino contro di lei, premendola contro un albero che potrebbe sporcare di resina il suo abito.
Gliel' avevano detto, che era così, se n'era parlato tanto fra amiche. A Chiara era rimasto dentro un grumo di incredulità, che non si scioglie neanche ora, mentre accade. Non le piace. Le viene in mente che è molto antigienico.
Subito dopo è tardi, e ci sono tutti i buoni motivi per andare via. Walter vorrebbe ancora, lei gli si rifiuta: «Ma perché?» chiede lui, stupito. Ferito in un percorso che ormai ritiene di poter dare per scontato.
«Perché è tardi» dice lei scostandosi, e si avvia.
Le mette un braccio attorno alle spalle, ci si può baciare anche camminando. Lei volta il viso, se lo sente in fiamme e ha bisogno di pensare, di ritrovarsi. Di lavarsi i denti e la bocca.
«Ma guarda che mica ci sei solo tu, al mondo» le lancia contro lui, nemico per delusione. E le labbra scoprono i denti in un ghigno, ferino.
Chiara comincia a camminare in fretta e poi a correre, Walter non la segue: forse le urla dietro qualcosa, lei fa in modo di non sentire.
Dev' essere a causa dell' autobus ballonzolante e molto affollato: un gran mal di testa, un malessere generale che le taglia le gambe. È più facile, a casa, dire che è quello il motivo per cui preferisce andare a letto senza cenare, subito, sottraendosi a sguardi che teme possano leggerle in faccia la novità.
Allo specchio si guarda a lungo, le sembra che la sua faccia sia cambiata. Si lava i denti con un' energia e una cura inusuali, sciacqua la bocca passando l'acqua da una guancia all' altra più volte.
Walter non la cercherà più. Chiara non ne sentirà la mancanza, troppo complicato inserirlo nella sua vita. Di quella questione di come ci si bacia, la lingua, il mescolarsi della saliva - dovrà persuadersi, grado a grado, e comincerà anche a piacerle. Come una cicatrice, resterà dentro di lei l'avversione per le camicie brutte, e per il sudore acido dei maschi.

Clara Sereni
Da “Il lupo mercante”






Argomenti associati

Racconti IPoesie e racconti di Ballerini Miriam IILe poesie di Letty - IIRacconti IIIRacconti di Doris Lessing

"Dopo le vacanze" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti II

Articolo più letto relativo a Racconti II:
Ricordo di caccia

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il Po tra storia e leggenda [ 0 commenti - 21 letture ]
 Perdendomi nel tramonto [ 0 commenti - 18 letture ]
 RISUSCITAMI [ 0 commenti - 17 letture ]
 Dedicate alla mia adorata amica Dolly [ 0 commenti - 36 letture ]
 Luisa Anzoletti nacque a Trento il 9 aprile del 1863 [ 0 commenti - 38 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy