Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 84
Totale: 84
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: Search
03: Home
04: Home
05: News
06: News
07: News
08: coppermine
09: Home
10: coppermine
11: Forums
12: Home
13: Search
14: Home
15: Home
16: Stories Archive
17: Search
18: Home
19: Home
20: coppermine
21: Home
22: Home
23: Home
24: News
25: Home
26: Home
27: Forums
28: coppermine
29: Home
30: Home
31: coppermine
32: Search
33: Forums
34: Stories Archive
35: Home
36: coppermine
37: Home
38: Stories Archive
39: Home
40: Statistics
41: Home
42: News
43: Home
44: coppermine
45: Home
46: News
47: Search
48: Home
49: Home
50: News
51: News
52: coppermine
53: Home
54: Home
55: Home
56: News
57: Home
58: Home
59: Search
60: News
61: Stories Archive
62: Stories Archive
63: Home
64: Home
65: Stories Archive
66: News
67: Home
68: Home
69: News
70: coppermine
71: News
72: coppermine
73: Home
74: Stories Archive
75: Home
76: Home
77: News
78: Home
79: Home
80: coppermine
81: News
82: Home
83: coppermine
84: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9021
  · Viste: 1924041
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › LA PIOGGIA
LA PIOGGIA
Postato da Grazia01 il Domenica, 06 gennaio @ 02:20:16 CET (8744 letture)
POESIE TEMATICHE I°

La pioggia ...è questo il tema poetico proposto da Tony per questa domenica
amo la pioggia, ovviamente non quella fastidiosa delle strade affollate
con gli ombrelli che si infilano dappertutto
amo osservarla attraverso i vetri, oppure da un punto riparato,
mi genera una sensazione di liberazione
di fresco, di pulizia anche interiore
il suo rumore, se non è un forte temporale, mi infonde un senso di pace
e adoro anche l'aroma della terra bagnata........



oltre ai testi di alcune poesie ho inserito anche quelli di due famose vecchie canzoni



Piove sulla città
di Sandro Penna

Piove sulla città. Piove sul campo
ove incontrai, nel sole, il lieto amico.
Ei, nell'età gentile, ha il cuore vago.
E a me certo non pensa. Ma innocenti
peccati in me la pioggia riaccende.



Piove nel sonno mio
di Sandro Penna

Piove nel sonno mio, piove sul fiume
ove rimpicciolito il grande amico
aspetta tutto pieno di parole.



La pioggia
di Alberto Teodori

Piove sull'asfalto,
piove sul mio cuore,
piove sulla devastante prateria sconfinata del mio animo,
e so, che sino a quando non ti rivedrò,
saranno tempeste che graviteranno a lungo sul luogo d'ombra,
senza che luce possa lenire il vuoto che sopporto.
Di più mi farà paura il diluvio che arriverà
se la tua presenza tarderà a farsi presente.
Ma la pioggia autunnale è così benigna
che oso sperare che la lontananza
accresca il sapore melodioso del ricordo che,
solo conta nella tua assenza,
e come rende fertile la terra, l'acqua piovana,
così gli istanti trascorsi siano concime
che illumini il buio che trovo senza di te.




Piove
(Domanico Modugno)

Mille violini suonati dal vento
Tutti i colori dell'arcobaleno
vanno a fermare la pioggia d'argento
ma piove piove
sul nostro amor...
Ciao ciao bambina
un bacio ancora
e poi per sempre
ti perderò
Come una fiaba
l'amore passa
C'era una volta
poi non c'è più!
Cos'è che trema
sul tuo visino
E' pioggia o pianto?
Dimmi cos'è
Vorrei trovare
parole nuove
ma piove piove
sul nostro amor
Ciao ciao bambina
non ti voltare
non posso dirti
rimani ancor
Vorrei trovare
parole nuove
ma piove piove
sul nostro amor!
Ma piove piove
sul nostro amor!



Barbara
di JACQUES PREVERT

Ricordati Barbara
Pioveva senza sosta quel giorno su Brest
E tu camminavi sorridente
Serena rapita grondante
Sotto la pioggia
Ricordati Barbara
Come pioveva su Brest
E io ti ho incontrata a rue de Siam
Tu sorridevi
Ed anch'io sorridevo
Ricordati Barbara
Tu che io non conoscevo
Tu che non mi conoscevi
Ricordati Ricordati quel giorno ad ogni costo
Non lo dimenticare
Un uomo s'era rifugiato sotto un portico
E ha gridato il tuo nome
Barbara
E sei corsa verso di lui sotto la pioggia
Grondante rapita rasserenata
E ti sei gettata tra le sue braccia
Ricordati questo Barbara
E non mi rimproverare di darti del tu
lo dico tu a tutti quelli che amo
Anche se una sola volta li ho veduti
Io dico tu a tutti quelli che si amano
Anche se non li conosco
Ricordati Barbara
Non dimenticare
Questa pioggia buona e felice
sul tuo volto felice
Su questa città felice
Questa pioggia sul mare
Sull'arsenale
Sul battello d'Ouessant
Oh Barbara
Che coglionata la guerra
Che ne è di te ora
Sotto questa pioggia di ferro
Di fuoco d'acciaio di sangue
E l'uomo che ti stringeva tra le braccia
Amorosamente
è morto disperso o è ancora vivo
Oh Barbara
Piove senza sosta su Brest
Come pioveva allora
Ma non è più la stessa cosa e tutto è crollato
E' una pioggia di lutti terribili e desolata
Non c'è nemmeno più la tempesta
Di ferro d'acciaio e di sangue
Soltanto di nuvole
Che crepano come cani
Come i cani che spariscono
Sul filo dell'acqua a Brest
E vanno ad imputridire lontano
Lontano molto lontano da Brest
Dove non vi è piú nulla.



la pioggia
( Gigliola Cinquetti)

Sul giornale ho letto che
il tempo cambiera',
le nuvole son nere in cielo
e che i passeri lassu'
non voleranno piu'.
Chissa' perche'?
Io non cambio mai
no, non cambio mai,
puo' cadere il mondo ma,
ma che importa a me.
La pioggia
non bagna il nostro amore
quando il cielo è blu,
la pioggia,
la pioggia non esiste
se mi guardi tu.
Butta via l'ombrello amor
che non serve piu',
non serve piu'
se ci sei tu.
Il termometro va giu',
il sole se ne va,
l'inverno fa paura a tutti
ma c'e' un fuoco dentro me
che non si spegnera'
lo sai perche'?
Io non cambio mai
no, non cambio mai,
puo' cadere il mondo ma,
ma che importa a me.
La pioggia
non bagna il nostro amore
quando il cielo è blu,
la pioggia,
la pioggia non esiste
se mi guardi tu.
Butta via l'ombrello amor
che non serve piu',
la pioggia,
la pioggia non esiste
se mi guardi tu.
Butta via l'ombrello amor
che non serve piu',
La pioggia
non bagna il nostro amore
quando il cielo è blu,
il cielo e' blu.
il cielo e' blu.



Per questa prima domenica del 2008
vi auguro una pioggia di baci, di gioia e di serenità



Grazia











LA PIOGGIA IN POESIA... IN MUSICA E... NON SOLO... (2011)
a cura di Tony Kospan


Forse ci sono pochi fenomeni naturali... amati ed odiati...
come la pioggia


che in quest'autunno che va a terminare
ahimé ci ha dato in modo esagerato il peggio di sé
aiutata in ciò dall'incuria e dall'insipienza umana.


No... non pensiamo solo ai problemi ed ai fastidi che ci dà...
quando ci allaga la città... o quando ci infradicia le ossa...
ma anche a quanto essa è indispensabile per l'agricoltura... e la natura...







Il nostro Pianeta infatti senza la pioggia... avrebbe ben poca vita.


E' perfino bella ed allegra poi la pioggerella d'estate...
che cessando ci fa rigodere il calore e la luce del sole.




Omaggio alla pioggia – Claude Théberge



Infine la pioggia poi ha anche valore di lavacro... di purificazione...
sia reale... lavando il mondo...
che figurato... quale catarsi dalle incrostazioni emotive...
che accumuliamo nei nostri giorni...


Quelle che seguono sono le poesie prescelte quest'anno...
e tra esse segnalo la mitica PIOGGIA NEL PINETO di D'Annunzio
e come sempre mi piacerebbe leggere quelle che sul tema...
amate voi...







LA PIOGGIA PARLA
Terenzio Formenti

Parla la pioggia
talvolta
un parlottare fitto fitto
talaltra
un sommesso brusio
parla di mari
fiumi
torrenti
parla di nubi
vento
nebbia
rugiada
parla la pioggia
e
le cose
rispondono...
in silenzio






Miglioramento del tempo – Claude Théberge



DOPO LA PIOGGIA
Gianni Rodari

Dopo la pioggia viene il sereno
brilla in cielo l'arcobaleno:
è come un ponte imbandierato
e il sole vi passa, festeggiato.
E' bello guardare a naso in su
le sue bandiere rosse e blu.
Però lo si vede - questo è il male -
soltanto dopo il temporale.
Non sarebbe più conveniente
il temporale non farlo per niente ?
Un arcobaleno senza tempesta
questa sì che sarebbe festa.
Sarebbe una festa per tutta la terra
fare la pace prima della guerra.




Un giorno di pioggia a Parigi – Gustave Caillebotte


PIOGGIA
F.Garcia Lorca

O pioggia silenziosa, senza burrasca
e senza vento,
pioggia serena e pacifica di campi
e di dolce luna:
pioggia buona e pacifica, vera pioggia
quando amorosa e triste cadi sopra le case.







TEMPORALE
Neruda

Tuona sopra i pini
La nube densa sgrana le sue uve,
cade l’acqua da tutto il cielo vago,
il vento scioglie la sua trasparenza,
si riempiono gli alberi di anelli,
di collane, di lacrime fuggenti.
Goccia a goccia
la pioggia si raccoglie
ancora sulla terra.
Un solo tuono vola
sopra il mare e i pini,
un tuono opaco, oscuro,
un movimento sordo:
si trascinano
i mobili del cielo.
Di nube in nube cadono
i pianoforti delle altezze,
gli armadi celesti,
le sedie e i letti cristallini.
Tutto è trascinato dal vento.
Canta e racconta la pioggia.







LA PIOGGIA E' CADUTA TUTTO IL GIORNO
James Joyce

La pioggia è caduta tutto un giorno.
Oh, vieni tra gli alberi madidi.
Le foglie giacciono fitte sul viale
Dei ricordi.
Nel viale dei ricordi sosteremo
Un poco e poi ci lasceremo.
Vieni, amore, dove io possa parlarti
Intimamente.







LA PIOGGIA NEL PINETO
G. D'Annunzio

Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole più nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.
Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove su i pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
t'illuse, che oggi m'illude,
o Ermione.
Odi? La pioggia cade
su la solitaria
verdura
con un crepitío che dura
e varia nell'aria
secondo le fronde
più rade, men rade.
Ascolta. Risponde
al pianto il canto
delle cicale
che il pianto australe
non impaura,
nè il ciel cinerino.
E il pino
ha un suono, e il mirto
altro suono, e il ginepro
altro ancóra, stromenti
diversi
sotto innumerevoli dita.
E immersi
noi siam nello spirto
silvestre,
d'arborea vita viventi;
e il tuo volto ebro
è molle di pioggia
come una foglia,
e le tue chiome
auliscono come
le chiare ginestre,
o creatura terrestre
che hai nome
Ermione.
Ascolta, ascolta. L'accordo
delle aeree cicale
a poco a poco
più sordo
si fa sotto il pianto
che cresce;
ma un canto vi si mesce
più roco
che di laggiù sale,
dall'umida ombra remota.
Più sordo e più fioco
s'allenta, si spegne.
Sola una nota
ancor trema, si spegne,
risorge, trema, si spegne.
Non s'ode voce del mare.
Or s'ode su tutta la fronda
crosciare
l'argentea pioggia
che monda,
il croscio che varia
secondo la fronda
più folta, men folta.
Ascolta.
La figlia dell'aria
è muta; ma la figlia
del limo lontana,
la rana,
canta nell'ombra più fonda,
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su le tue ciglia,
Ermione.
Piove su le tue ciglia nere
sìche par tu pianga
ma di piacere; non bianca
ma quasi fatta virente,
par da scorza tu esca.
E tutta la vita è in noi fresca
aulente,
il cuor nel petto è come pesca
intatta,
tra le pàlpebre gli occhi
son come polle tra l'erbe,
i denti negli alvèoli
con come mandorle acerbe.
E andiam di fratta in fratta,
or congiunti or disciolti
(e il verde vigor rude
ci allaccia i mallèoli
c'intrica i ginocchi)
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su i nostri vólti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
m'illuse, che oggi t'illude,
o Ermione.







Auguro a voi tutti una domenica sotto la pioggia sì...
ma solo di baci e di fiori...






PER IL POST CON COLORI E MUSICHE
E PER LE NOVITA' DEL BLOG
CLIKKA QUI GIU'...

IL MONDO DI ORSOSOGNANTE











L'argomento poetico di questa domenica è














Piove sulla città. Piove sul campo
ove incontrai, nel sole, il lieto amico.
Ei, nell'età gentile, ha il cuore vago.
E a me certo non pensa. Ma innocenti
peccati in me la pioggia riaccende.

Sandro Penna







LA PIOGGIA
di Paolo Carbonaio

Amo la pioggia,
le gocce come chicchi di grano
che rimbalzano sull'asfalto,
creano anelli nelle pozzanghere,
scorrono come lacrime sui vetri
e cadono indecise dai monumenti.

Amo sentirle tamburellare
sui tendoni dei caffè,
sugli ombrelloni,
sui miei capelli.

Amo ascoltare la pioggia
scorrere nelle grondaie,
scomparire in rivoli
come serpi nei tombini,
bagnare il mondo,
lustrare i metalli,
inzuppare i vasi di fiori.

Amo la pioggia che si fa beffe
della gente e del traffico,
diverte i bambini, irrita gli adulti
e se ne frega
degli impegni altrui.

Amo la pioggia
che mi bagna le mani,
mi scorre sul viso,
mi inzuppa le scarpe,
che prima di cadere
profuma l'aria
avvisandomi che viene
a lavarmi di dosso
i pensieri tristi.








Spleen
di Baudelaire

Quando il cielo basso e greve pesa come un coperchio
Sullo spirito che geme in preda a lunghi affanni,
E versa abbracciando l'intero giro dell'orizzonte
Una luce diurna più triste della notte;

Quando la terra è trasformata in umida prigione,
Dove come un pipistrello la Speranza
Batte contro i muri con la sua timida ala
Picchiando la testa sui soffitti marcescenti;

Quando la pioggia distendendo le sue immense strisce
Imita le sbarre di un grande carcere
Ed un popolo muto di infami ragni
Tende le sue reti in fondo ai nostri cervelli,

Improvvisamente delle campane sbattono con furia
E lanciano verso il cielo un urlo orrendo
Simili a spiriti vaganti senza patria
Che si mettono a gemere ostinati

E lunghi trasporti funebri senza tamburi, senza bande
Sfilano lentamente nella mia anima vinta; la Speranza
Piange e l'atroce angoscia dispotica
Pianta sul mio cranio chinato il suo nero vessillo.








GIA' LA PIOGGIA E' CON NOI
di SALVATORE QUASIMODO


Già la pioggia è con noi,
scuote l’aria silenziosa.
Le rondini sfiorano le acque spente
presso i laghetti lombardi,
volano come gabbiani sui piccoli pesci;
il fieno odora oltre i recinti degli orti.

Ancora un anno è bruciato,
senza un lamento, senza un grido
levato a vincere d’improvviso un giorno.







Poesia-pioggia
di Carla Piccinini


La poesia è pioggia gentile
che disseta e ristora.
La voce sua piana
placa e conforta;
racconta storie d'amore,
alimenta sogni nel cuore.

Può essere anche tempesta
Con fulmini e tuoni,
bufera di acqua e di vento
che schianta ed abbatte
ma la sua violenza
lava ed irrora la terra
e ripulisce il cielo.

La poesia, come la pioggia,
non ha senso dei limiti:
segue la sua natura
vorrebbe però sempre
donare e cantare.

Voglia di vento
Vorrei sferze di vento
per sgombrare il cielo
e destarmi dal sopore.

Vorrei la sua fresca follia
nel mondo oppresso
da sogni caduti.

Vorrei il suo volo
per cacciare le nubi
da menti e cuori.

Vorrei la sua libertà
per sciogliere i miei lacci
e partire verso nuovi mondi.






Gente non convinta
di Cesare Pavese


Questa pioggia che cade per piazze e per strade,
e in caserma e in collina, va tutta sprecata.
Domattína le piante saranno lavate,
lungo i viali, e il cortile in caserma bel molle,
da sfangarci al ginocchio: i lavori che fanno in città
sembran tutti quest'acqua che cade sui tetti.

(Fuori, piova nel buio per tutte le strade,
finirà che domani per terra c'è l'erba).

Si è veduto stasera venire giù l'acqua
per i fossi, in collina, e la terra ingiallita
dalle foglie e dal fango. Ma, sopra il sentore
della terra, uno sterile tanfo di fiori
che succhiavano l'acqua, e tra i fiori, le ville
che grondavano pioggia. Soltanto dall'altro versante,
arrivare sul vento un sentore di vigna.

(Fuori, piova nel buio per piazze e per strade,
non importa: c'è un vino che viene a scaldarci
di un calore che ancora domani sapremo cos'è).

C'è un odore di pietra nel vento bagnato,
e per terra, soltanto rotaie. Le donne che passano
le conosce nessuno. Le donne in città
sono sempre diverse e non servono a niente.
Nel casino, là sì che gli odori son buoni
e le donne son brave. Ma vivono come in caserma
anche loro e il lavoro che fanno è una stupidità.

(Non importa. le donne verranno a scaldarci
di un calore che ancora domani sapremo cos'è).




Vi auguro una buona domenica
con o senza pioggia

Grazia














LA PIOGGIA POESIE E NON SOLO
a cura di Tony Kospan

Forse ci sono pochi fenomeni naturali… amati ed odiati… come la pioggia… che in quest’autunno, che ormai vola verso la fine, non ci ha dato tregua…

Eppure la pioggia, se appena ci pensiamo, è assolutamente necessaria alla vita del nostro pianeta come il sole… l'aria… etc…





Oltre a ciò la pioggia ha anche l'effetto di pulizia… di lavacro… sia reale che figurato… sulla Terra e dentro di noi…

La pioggia poi quando termina ci regala uno dei fenomeni naturali tra i più affascinanti e sognanti che esistano l'arcobaleno…






Infine mi entusiasma sempre questo Canto Navajo che in pochissimi sublimi e nel contempo semplici versi
accomuna simbolicamente la pioggia ed i suoi effetti sulla natura al perpetuarsi della vita umana…



LA PIOGGIA-BAMBINO
Canto Navajo

Nella Donna-Sorgente ancora una volta,
cade una goccia dell’Uomo-Acqua,
dà vita, all’incontro, alla Pioggia-Bambino






Non sono moltissime le poesie a lei dedicate e quelle che seguono sono quelle prescelte stavolta.
Segnalo quella originalissima di Bukowski, grande poeta americano del 900, che a me sembra quasi un quadro d'arte moderna associato a classiche note…

Come sempre mi piacerebbe leggere le poesie che sul tema, vostre o di altri autori, amate voi…






LA PIOGGIA
Paolo Carbonaio

Amo la pioggia,
le gocce come chicchi di grano
che rimbalzano sull'asfalto,
creano anelli nelle pozzanghere,
scorrono come lacrime sui vetri
e cadono indecise dai monumenti.
Amo sentirle tamburellare
sui tendoni dei caffè,
sugli ombrelloni,
sui miei capelli.
Amo ascoltare la pioggia
scorrere nelle grondaie,
scomparire in rivoli
come serpi nei tombini,
bagnare il mondo,
lustrare i metalli,
inzuppare i vasi di fiori.
Amo la pioggia che si beffa
della gente e del traffico,
diverte i bambini, irrita gli adulti
e se ne frega
degli impegni altrui.
Amo la pioggia
che mi bagna le mani,
mi scorre sul viso,
mi inzuppa le scarpe,
che prima di cadere
profuma l'aria
avvisandomi che viene
a lavarmi di dosso
i pensieri tristi.





GIA' LA PIOGGIA
Salvatore Quasimodo

Già la pioggia è con noi,
scuote l’aria silenziosa.
Le rondini sfiorano le acque spente
presso i laghetti lombardi,
volano come gabbiani sui piccoli pesci;
il fieno odora oltre i recinti degli orti.
Ancora un anno è bruciato,
senza un lamento, senza un grido
levato a vincere d’improvviso un giorno.


PIOVE
Paul Verlaine

Piove su tutte le strade
e piove nel fondo al mio cuore:
non so, non so da dove
giunge questo languore.
Sonoro bruir della piova
per le zolle, sopra le ardesie;
a un cuor che dolce s'accora
oh dolce bruir della piova!
Questo pianger da dove mi viene?
Inganno? E quale? Nessuno.
Eppure nel cuore che geme
da dove, da dove mi viene?
E come duole un dolore
senza radice alcuna.
Odio non c'è, non c'è amore:
e tanta è la pena del cuore.





LA PIOGGIA
Alberto Teodori

Piove sull'asfalto,
piove sul mio cuore,
piove sulla devastante prateria sconfinata del mio animo,
e so, che sino a quando non ti rivedrò,
saranno tempeste che graviteranno a lungo sul luogo d'ombra,
senza che luce possa lenire il vuoto che sopporto.
Di più mi farà paura il diluvio che arriverà
se la tua presenza tarderà a farsi presente.
Ma la pioggia autunnale è così benigna
che oso sperare che la lontananza
accresca il sapore melodioso del ricordo che,
solo conta nella tua assenza,
e come rende fertile la terra, l'acqua piovana,
così gli istanti trascorsi siano concime
che illumini il buio che trovo senza di te.





PIOGGIA
Charles Bukowski

Un'orchestra sinfonica.
Scoppia un temporale,
stanno suonando un'ouverture di Wagner
la gente lascia i posti sotto gli alberi
e si precipita nel padiglione
le donne ridendo, gli uomini ostentatamente calmi,
sigarette bagnate che si buttano via,
Wagner continua a suonare, e poi sono tutti
al coperto. Vengono persino gli uccelli dagli alberi
ed entrano nel padiglione e poi c'è la Rapsodia
Ungherese n. 2 di Lizst, e piove ancora, ma guarda,
un uomo seduto sotto la pioggia
in ascolto. Il pubblico lo nota. Si voltano
a guardare. L'orchestra bada agli affari
suoi. L'uomo siede nella notte nella pioggia,
in ascolto. Deve avere qualcosa che non va,
no?
è venuto a sentire
la musica.





Auguro dunque a tutti una bella domenica sotto una pioggia di...
baci e fiori…
aspettando di leggere le poesie amate da voi...





TONY KOSPAN

PER IL POST CON COLORI E MUSICHE E PER LE NOVITA' DEL BLOG
CLIKKA QUI GIU'...
IL MONDO DI ORSOSOGNANTE





Amo il suono della pioggia che picchietta sulla strada, sui tetti, contro i vetri, la guardo dalla finestra e mi trasmette un senso di soluzione, come se quella pioggia fosse lo sfogo di un pianto troppo a lungo trattenuto, lacrime che lavano le strade, dissetano la terra, purché sia pioggia dolce, gentile, che bagna e scorre senza fare male.



Piove sulla città. Piove sul campo
ove incontrai, nel sole, il lieto amico.
Ei, nell'età gentile, ha il cuore vago.
E a me certo non pensa. Ma innocenti
peccati in me la pioggia riaccende.

Sandro Penna



Pioggia

Pioggia fiacca, pioggia estiva
dai cespugli rumoreggia, rumoreggia dagli alberi.
Com'è bello e benedetto
sognare ancora a sazietà.

Fuori a lungo me ne stetti nella luce,
desueta mi è quest'onda:
dimorare nel proprio intimo
da nessuna terra estranea essere attratto.

Niente desidero. niente bramo,
accenno lievi canti infantili,
stupido a casa sono approdato
nella vaghezza calda dei sogni.


Cuore, come sei lacerato dalle ferite,
come sprofondi cieco e beato
di non pensare, di non sapere,
solo alitare, solo sentire.

Hermann Hesse



PAESAGGIO

Il campo
di ulivi
s'apre e si chiude
come un ventaglio.
Sopra l'uliveto
v'è un cielo sommerso
e una pioggia oscura
d'astri gelati.
Tremano giunco e penombra
sulla riva del fiume.
L'aria grigia s'increspa.
Gli ulivi
son carichi
di gridi.
Uno stormo
d'uccelli prigionieri,
che muovon le lunghissime
code nel buio.

Federico Garcia Lorca





Nella pioggia

Sguardi distratti e assenti.
Migliaia di pensieri
monadi solitarie
in cammino verso mete sconosciute
nel caos della città
bagnata dalla pioggia.

Un bambino lascia cadere una moneta
nella scatola di cartone
ai piedi di una donna
che siede a terra
e reca in braccio un neonato che dorme.

alessandra



Pioggia

La città sferzata dall’incessanti piogge
allontana il ricordo delle calde spiagge
che solo un mese fa ci scaldavan la pelle
ci coloriva e noi, apparivamo più belle.

Ora l’umidità s’insinua nelle stanze
scende dai vetri, disegnando danze,
schizzi e strisce lucenti e lacrimanti
nella strada incolori ombrelli gocciolanti.

Si appannano le giornate di grigio e di noia,
nostalgia, strisciante malinconia che ingoia
che entra inaspettata già dal mattino
al primo sbadiglio col caffè sul piattino.

Sei partito, lontano, sei tu che mi manchi
ti aspetto ogni sera, con gli occhi già stanchi
nel tuo abbraccio un diluvio diventava allegria,
ora aspetto che il tempo passi e mi porti via.

Grazia



Pioggia

La poesia è pioggia gentile
che disseta e ristora.
La voce sua piana
placa e conforta;
racconta storie d'amore,
alimenta sogni nel cuore.

Può essere anche tempesta
Con fulmini e tuoni,
bufera di acqua e di vento
che schianta ed abbatte
ma la sua violenza
lava ed irrora la terra
e ripulisce il cielo.

La poesia, come la pioggia,
non ha senso dei limiti:
segue la sua natura
vorrebbe però sempre
donare e cantare.

Voglia di vento
Vorrei sferze di vento
per sgombrare il cielo
e destarmi dal sopore.

Vorrei la sua fresca follia
nel mondo oppresso
da sogni caduti.

Vorrei il suo volo
per cacciare le nubi
da menti e cuori.

Vorrei la sua libertà
per sciogliere i miei lacci
e partire verso nuovi mondi.

Carla Piccinini



Piogge di primavera
di G. Flaubert

Mentre cammini, una nuvola si apre
all'improvviso, viene giù acqua.
La pioggia, però, finisce quasi subito.
Allora, camminando sul selciato
della città, si vedono le strade scintillare
sotto il sole.



Pioggia di Marzo
di Giosuè Carducci

Ecco l'acqua che scroscia
e il tuon che brontola:
porge il capo il vitel
da la stalla umida
la gallina scotendo
l'ali strepita,
profondo nel verzier
sospira il cuculo
ed i bambini sopra
l'aia saltano.



Vi auguro una felice domenica
sotto una pioggia di gioie







LA PIOGGIA... POESIE E NON SOLO
a cura di Tony Kospan




Forse ci sono pochi fenomeni naturali... amati ed odiati... come la pioggia...
No... non pensiamo solo ai fastidi che ci dà... ma anche a quanto essa è indispensabile per l'agricoltura... e la Natura...

La sua indispensabile funzione di ristoro e di lavacro...
ha sempre avuto anche ampi significati simbolici...
a partire dall'idea che le gocce siano le lacrime di chi non c'è più...
o un dono del cielo per lavare le brutture del mondo...





Bella questa poetica immagine dei Navajo...

LA PIOGGIA-BAMBINO
Nella Donna-Sorgente ancora una volta,
cade una goccia dell'Uomo-Acqua,
dà vita, all'incontro, alla Pioggia-Bambino.

Una cosa è certa...

Se vuoi vedere l'arcobaleno... devi sopportare la pioggia
Dolly Parton





Queste sono le poesie (originale come sempre quella di Bukowski)
con cui vi auguro una domenica sotto una pioggia di baci
e come sempre mi piacerebbe leggere quelle che amate voi...






LA PIOGGIA E' CADUTA TUTTO IL GIORNO
James Joyce

La pioggia è caduta tutto un giorno.
Oh, vieni tra gli alberi madidi.
Le foglie giacciono fitte sul viale
Dei ricordi.
Nel viale dei ricordi sosteremo
Un poco e poi ci lasceremo.
Vieni, amore, dove io possa parlarti
Intimamente.





LA PIOGGIA PARLA
Terenzio Formenti

parla la pioggia
talvolta
un parlottare fitto fitto
talaltra
un sommesso brusio
parla di mari
fiumi
torrenti
parla di nubi
vento
nebbia
rugiada
parla la pioggia
e
le cose
rispondono...
in silenzio





DOPO LA PIOGGIA
Gianni Rodari

Dopo la pioggia viene il sereno
brilla in cielo l'arcobaleno:
è come un ponte imbandierato
e il sole vi passa, festeggiato.
E' bello guardare a naso in su
le sue bandiere rosse e blu.
Però lo si vede - questo è il male -
soltanto dopo il temporale.
Non sarebbe più conveniente
il temporale non farlo per niente ?
Un arcobaleno senza tempesta
questa sì che sarebbe festa.
Sarebbe una festa per tutta la terra
fare la pace prima della guerra.


PIOGGIA
Charles Bukowski

Un'orchestra sinfonica.
scoppia un temporale,
stanno suonando un'ouverture di Wagner
la gente lascia i posti sotto gli alberi
e si precipita nel padiglione
le donne ridendo, gli uomini ostentatamente calmi,
sigarette bagnate che si buttano via,
Wagner continua a suonare, e poi sono tutti
al coperto. vengono persino gli uccelli dagli alberi
ed entrano nel padiglione e poi c'è la Rapsodia
Ungherese n. 2 di Lizst, e piove ancora, ma guarda,
un uomo seduto sotto la pioggia
in ascolto. il pubblico lo nota. si voltano
a guardare. l'orchestra bada agli affari
suoi. l'uomo siede nella notte nella pioggia,
in ascolto. deve avere qualcosa che non va,
no?
è venuto a sentire
la musica.





TEMPORALE
Neruda

Tuona sopra i pini
La nube densa sgrana le sue uve,
cade l’acqua da tutto il cielo vago,
il vento scioglie la sua trasparenza,
si riempiono gli alberi di anelli,
di collane, di lacrime fuggenti.
Goccia a goccia
la pioggia si raccoglie
ancora sulla terra.
Un solo tuono vola
sopra il mare e i pini,
un tuono opaco, oscuro,
un movimento sordo:
si trascinano
i mobili del cielo.
Di nube in nube cadono
i pianoforti delle altezze,
gli armadi celesti,
le sedie e i letti cristallini.
Tutto è trascinato dal vento.
Canta e racconta la pioggia.






CIAO DA TONY KOSPAN

SE TI VA DI LEGGERE IL POST CON SFONDI E MUSICHE... IN TEMA...
CLIKKA QUI GIU'

IL MONDO DI ORSOSOGNANTE

CIAO DA TONY KOSPAN


Amo guardare la pioggia attraverso i vetri,
protetta dal tepore della mia casa,
anche se m’infonde una lieve tristezza, tanto assomiglia a un pianto del cielo.
Ma è un pianto necessario, che nutre la terra e pulisce le strade, e quindi l’amo
quando è una buona e tenera pioggia, che non esagera e non diventa uragano.



LA PIOGGIA
di Paolo Carbonaio

Amo la pioggia,
le gocce come chicchi di grano
che rimbalzano sull'asfalto,
creano anelli nelle pozzanghere,
scorrono come lacrime sui vetri
e cadono indecise dai monumenti.

Amo sentirle tamburellare
sui tendoni dei caffè,
sugli ombrelloni,
sui miei capelli.

Amo ascoltare la pioggia
scorrere nelle grondaie,
scomparire in rivoli
come serpi nei tombini,
bagnare il mondo,
lustrare i metalli,
inzuppare i vasi di fiori.

Amo la pioggia che si fa beffe
della gente e del traffico,
diverte i bambini, irrita gli adulti
e se ne frega
degli impegni altrui.

Amo la pioggia
che mi bagna le mani,
mi scorre sul viso,
mi inzuppa le scarpe,
che prima di cadere
profuma l'aria
avvisandomi che viene
a lavarmi di dosso
i pensieri tristi.



Colore di pioggia e di ferro
di Salvatore Quasimodo

Dicevi:morte, silenzio, solitudine;
come amore, vita. Parole
delle nostre provvisorie immagini.
E il vento s'è levato leggero ogni mattina
e il tempo colore di pioggia e di ferro
è passato sulle pietre,
sul nostro chiuso ronzio di maledetti.
Ancora la verità è lontana.
E dimmi, uomo spaccato sulla croce,
e tu dalle mani grosse di sangue,
come risponderò a quelli che domandano?
Ora, ora: prima che altro silenzio
entri negli occhi, prima che altro vento
salga e altra ruggine fiorisca.



Buona domenica

Grazia




Forse ci sono pochi fenomeni naturali... amati ed odiati...come la pioggia... che in quest'inizio d'inverno non ci sta dando tregua...



No... non pensiamo solo a quanto essa ci dà fastidio...
quando ci infradicia le ossa... ma anche a quanto essa è indispensabile per l'agricoltura... e la Natura...

Il nostro Pianeta... senza la pioggia... infatti morirebbe in breve tempo...



LA PIOGGIA-BAMBINO
Canto Navajo

Nella Donna-Sorgente ancora una volta,
cade una goccia dell'Uomo-Acqua,
dà vita, all'incontro, alla Pioggia-Bambino.



E' bella ed allegra poi la pioggerella d'estate... ed inoltre... quando finalmente essa finisce e torna il sole ce lo godiamo tanto... ma tanto di più...


La pioggia poi ha però anche valore di lavacro... sia reale... lavando il mondo... che figurato... quale catarsi... purificazione... ripulendoci dalle incrostazioni... che accumuliamo nella nostra vita...

Dunque vi auguro una domenica sotto una pioggia di baci e di fiori...




LA PIOGGIA PARLA
Terenzio Formenti

parla la pioggia
talvolta
un parlottare fitto fitto
talaltra
un sommesso brusio
parla di mari
fiumi
torrenti
parla di nubi
vento
nebbia
rugiada
parla la pioggia
e
le cose
rispondono...
in silenzio



LA PIOGGIA
Jorge Luis Borges

Bruscamente la sera si è schiarita
perché già cade la pioggia minuziosa.
Cade o è caduta.
La pioggia è una cosa
che senza dubbio succede nel passato.
Chi la sente cadere ha recuperato
il tempo in cui la sorte fortunata
gli rivelò un fiore chiamato rosa
e lo strano colore del rosso.
Questa pioggia che acceca i vetri
rallegrerà in sperdute periferie
le nere uve di una pergola in un
patio che non esiste più. La bagnata
sera mi porta la voce, la voce desiderata,
di mio padre che ritorna e che non è morto.



TEMPORALE
Pablo Neruda

Tuona sopra i pini
La nube densa sgrana le sue uve,
cade l’acqua da tutto il cielo vago,
il vento scioglie la sua trasparenza,
si riempiono gli alberi di anelli,
di collane, di lacrime fuggenti.
Goccia a goccia
la pioggia si raccoglie
ancora sulla terra.
Un solo tuono vola
sopra il mare e i pini,
un tuono opaco, oscuro,
un movimento sordo:
si trascinano
i mobili del cielo.
Di nube in nube cadono
i pianoforti delle altezze,
gli armadi celesti,
le sedie e i letti cristallini.
Tutto è trascinato dal vento.
Canta e racconta la pioggia.



LA PIOGGIA E' CADUTA TUTTO IL GIORNO
James Joyce

La pioggia è caduta tutto un giorno.
Oh, vieni tra gli alberi madidi.
Le foglie giacciono fitte sul viale
Dei ricordi.
Nel viale dei ricordi sosteremo
Un poco e poi ci lasceremo.
Vieni, amore, dove io possa parlarti
Intimamente.


CIAO DA TONY KOSPAN
IL MONDO DI ORSOSOGNANTE
(il mio blogghino)



Stavolta il tema delle nostre poesie domenicali è un tema... proprio... naturale... naturale...
e certo ancor di più d'inverno... la... pioggia

che può però esser vista anche in senso figurato...
ed a nessuno sfugge la sua importanza...
per la salute della nostra Terra...

E' altresì importante la pioggia in senso astrattto
come momento di catarsi, di lavacro e di purificazione certamente importante per la salute della nostra anima...

E' con queste poesie che vi auguro quindi
una domenica da vivere
sotto una pioggia di baci e di fiori...




DOPO LA PIOGGIA
- Gianni Rodari -

Dopo la pioggia viene il sereno
brilla in cielo l'arcobaleno:
è come un ponte imbandierato
e il sole vi passa, festeggiato.
E' bello guardare a naso in su
le sue bandiere rosse e blu.
Però lo si vede - questo è il male -
soltanto dopo il temporale.
Non sarebbe più conveniente
il temporale non farlo per niente ?
Un arcobaleno senza tempesta
questa sì che sarebbe festa.
Sarebbe una festa per tutta la terra
fare la pace prima della guerra.

PIOGGIA
- F. Garcia Lorca -

O pioggia silenziosa, senza burrasca
e senza vento,
pioggia serena e pacifica di campi
e di dolce luna:
pioggia buona e pacifica,
vera pioggia
quando amorosa e triste
cadi sopra le case.




IL VENTO E' UN CAVALLO
- Pablo Neruda -

Il vento è un cavallo:
senti come corre
per il mare, per il cielo.
Vuol portarmí via: senti
come percorre il mondo
per portarmi lontano.
Nascondimi, tra le tue braccia
per questa notte sola,
mentre la pioggia rompe
contro il mare e la terra
la sua bocca innumerevole.
Senti come il vento
mi chiama galoppando
per portarmi lontano.
Con la tua fronte sulla mia fronte,
con la tua bocca sulla mia bocca,
legati i nostri corpi
all'amore che ci brucia,
lascia che il vento passi
senza che possa portarmi via.


LA PIOGGIA E' CADUTA TUTTO IL GIORNO
- James Joyce -

La pioggia è caduta tutto un giorno.
Oh, vieni tra gli alberi madidi.
Le foglie giacciono (edited) sul viale
Dei ricordi.
Nel viale dei ricordi sosteremo
Un poco e poi ci lasceremo.
Vieni, amore, dove io possa parlarti
Intimamente.



Orso Tony - Tony Kospan
kospan@msn.com











LA PIOGGIA IN POESIA... IN MUSICA E... NON SOLO... (2011)
a cura di Tony Kospan


Forse ci sono pochi fenomeni naturali... amati ed odiati...
come la


che in quest'autunno che va a terminare
ahimé ci ha dato in modo esagerato il peggio di sé
aiutata in ciò dall'incuria e dall'insipienza umana.


No... non pensiamo solo ai problemi ed ai fastidi che ci dà...
quando ci allaga la città... o quando ci infradicia le ossa...
ma anche a quanto essa è indispensabile per l'agricoltura... e la natura...







Il nostro Pianeta infatti senza la pioggia... avrebbe ben poca vita.


E' perfino bella ed allegra poi la pioggerella d'estate...
che cessando ci fa rigodere il calore e la luce del sole.




Omaggio alla pioggia – Claude Théberge



Infine la pioggia poi ha anche valore di lavacro... di purificazione...
sia reale... lavando il mondo...
che figurato... quale catarsi dalle incrostazioni emotive...
che accumuliamo nei nostri giorni...


Quelle che seguono sono le poesie prescelte quest'anno...
e tra esse segnalo la mitica PIOGGIA NEL PINETO di D'Annunzio
e come sempre mi piacerebbe leggere quelle che sul tema...
amate voi...







LA PIOGGIA PARLA
Terenzio Formenti

Parla la pioggia
talvolta
un parlottare fitto fitto
talaltra
un sommesso brusio
parla di mari
fiumi
torrenti
parla di nubi
vento
nebbia
rugiada
parla la pioggia
e
le cose
rispondono...
in silenzio






Miglioramento del tempo – Claude Théberge



DOPO LA PIOGGIA
Gianni Rodari

Dopo la pioggia viene il sereno
brilla in cielo l'arcobaleno:
è come un ponte imbandierato
e il sole vi passa, festeggiato.
E' bello guardare a naso in su
le sue bandiere rosse e blu.
Però lo si vede - questo è il male -
soltanto dopo il temporale.
Non sarebbe più conveniente
il temporale non farlo per niente ?
Un arcobaleno senza tempesta
questa sì che sarebbe festa.
Sarebbe una festa per tutta la terra
fare la pace prima della guerra.




Un giorno di pioggia a Parigi – Gustave Caillebotte


PIOGGIA
F.Garcia Lorca

O pioggia silenziosa, senza burrasca
e senza vento,
pioggia serena e pacifica di campi
e di dolce luna:
pioggia buona e pacifica, vera pioggia
quando amorosa e triste cadi sopra le case.







TEMPORALE
Neruda

Tuona sopra i pini
La nube densa sgrana le sue uve,
cade l’acqua da tutto il cielo vago,
il vento scioglie la sua trasparenza,
si riempiono gli alberi di anelli,
di collane, di lacrime fuggenti.
Goccia a goccia
la pioggia si raccoglie
ancora sulla terra.
Un solo tuono vola
sopra il mare e i pini,
un tuono opaco, oscuro,
un movimento sordo:
si trascinano
i mobili del cielo.
Di nube in nube cadono
i pianoforti delle altezze,
gli armadi celesti,
le sedie e i letti cristallini.
Tutto è trascinato dal vento.
Canta e racconta la pioggia.



LA PIOGGIA E' CADUTA TUTTO IL GIORNO
James Joyce

La pioggia è caduta tutto un giorno.
Oh, vieni tra gli alberi madidi.
Le foglie giacciono fitte sul viale
Dei ricordi.
Nel viale dei ricordi sosteremo
Un poco e poi ci lasceremo.
Vieni, amore, dove io possa parlarti
Intimamente.







LA PIOGGIA NEL PINETO
G. D'Annunzio

Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole più nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.
Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove su i pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
t'illuse, che oggi m'illude,
o Ermione.
Odi? La pioggia cade
su la solitaria
verdura
con un crepitío che dura
e varia nell'aria
secondo le fronde
più rade, men rade.
Ascolta. Risponde
al pianto il canto
delle cicale
che il pianto australe
non impaura,
nè il ciel cinerino.
E il pino
ha un suono, e il mirto
altro suono, e il ginepro
altro ancóra, stromenti
diversi
sotto innumerevoli dita.
E immersi
noi siam nello spirto
silvestre,
d'arborea vita viventi;
e il tuo volto ebro
è molle di pioggia
come una foglia,
e le tue chiome
auliscono come
le chiare ginestre,
o creatura terrestre
che hai nome
Ermione.
Ascolta, ascolta. L'accordo
delle aeree cicale
a poco a poco
più sordo
si fa sotto il pianto
che cresce;
ma un canto vi si mesce
più roco
che di laggiù sale,
dall'umida ombra remota.
Più sordo e più fioco
s'allenta, si spegne.
Sola una nota
ancor trema, si spegne,
risorge, trema, si spegne.
Non s'ode voce del mare.
Or s'ode su tutta la fronda
crosciare
l'argentea pioggia
che monda,
il croscio che varia
secondo la fronda
più folta, men folta.
Ascolta.
La figlia dell'aria
è muta; ma la figlia
del limo lontana,
la rana,
canta nell'ombra più fonda,
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su le tue ciglia,
Ermione.
Piove su le tue ciglia nere
sìche par tu pianga
ma di piacere; non bianca
ma quasi fatta virente,
par da scorza tu esca.
E tutta la vita è in noi fresca
aulente,
il cuor nel petto è come pesca
intatta,
tra le pàlpebre gli occhi
son come polle tra l'erbe,
i denti negli alvèoli
con come mandorle acerbe.
E andiam di fratta in fratta,
or congiunti or disciolti
(e il verde vigor rude
ci allaccia i mallèoli
c'intrica i ginocchi)
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su i nostri vólti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
m'illuse, che oggi t'illude,
o Ermione.







Auguro a voi tutti una domenica sotto la pioggia sì...
ma solo di baci e di fiori...






PER IL POST CON COLORI E MUSICHE
E PER LE NOVITA' DEL BLOG
CLIKKA QUI GIU'...

IL MONDO DI ORSOSOGNANTE







Stavolta il tema delle nostre poesie domenicali è un tema... naturale...
la Pioggia...



[img]http://tkfiles.storage.msn.com/x1pPHu2K6HCG6oEkwcTlOws31Mr5MaAZExc9KmRNDPq5dRuh_cd7Z3-uxRKWn4AAUOtqt669Ki_tOPQlqBE80abkW

SyiNEtRGpjyMmVolHi7Co[/img]

che può però esser vista anche in senso figurato...e/o romantico...


Certo questo strano inverno-semi primaverile di pioggia ce ne sta
facendo vedere davvero poca...
ma a nessuno sfugge la sua importanza...
per la salute della natura che ci circonda...


Ma altresì è importante la pioggia in senso astratto come momento
di catarsi e di purificazione certamente
per la salute del nostro animo...



E' con queste poesie che vi auguro quindi una domenica da vivere
sotto una pioggia d'amore... di baci e di fiori...




LA PIOGGIA-BAMBINO
Canto Navajo

Nella Donna-Sorgente ancora una volta,
cade una goccia dell'Uomo-Acqua,
dà vita, all'incontro,
alla Pioggia-Bambino.



LA PIOGGIA
Paolo Carbonaio

Amo la pioggia,
le gocce come chicchi di grano
che rimbalzano sull'asfalto,
creano anelli nelle pozzanghere,
scorrono come lacrime sui vetri
e cadono indecise dai monumenti.
Amo sentirle tamburellare
sui tendoni dei caffè,
sugli ombrelloni,
sui miei capelli.
Amo ascoltare la pioggia
scorrere nelle grondaie,
scomparire in rivoli
come serpi nei tombini,
bagnare il mondo,
lustrare i metalli,
inzuppare i vasi di fiori.
Amo la pioggia che si beffa
della gente e del traffico,
diverte i bambini, irrita gli adulti
e se ne frega
degli impegni altrui.
Amo la pioggia
che mi bagna le mani,
mi scorre sul viso,
mi inzuppa le scarpe,
che prima di cadere
profuma l'aria
avvisandomi che viene
a lavarmi di dosso
i pensieri tristi.


VESTITA DI PIOGGIA
Bruno Gasparri

Vestita di pioggia
soffiata dal vento
sulla pelle calda
dall'amore accesa
rossa la tua bocca
avida di baci
lieve sboccia in un sorriso.
Sulle voluttuose labbra
sensuale soffio alita
occhi lucenti
dalla passione ardenti
brilla eterna luce di stella
timida goccia scorre
tra la valle del seno
trepida vibra
scossa dal battito scomposto del cuore
s' unisce in un amplesso
al rivolo che scorre
sul capace vellutato ventre
tra le cosce roventi,
nel vergine antro indugia
s'infrange in mille gocce
come velo di sposa
lieve ai piedi si posa
lasciando il tuo corpo
vestito di pioggia.


LA PIOGGIA NEL PINETO
Gabriele D'Annunzio

Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole più nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.
Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove su i pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
t'illuse, che oggi m'illude,
o Ermione.
Odi? La pioggia cade
su la solitaria
verdura
con un crepitío che dura
e varia nell'aria
secondo le fronde
più rade, men rade.
Ascolta. Risponde
al pianto il canto
delle cicale
che il pianto australe
non impaura,
nè il ciel cinerino.
E il pino
ha un suono, e il mirto
altro suono, e il ginepro
altro ancóra, stromenti
diversi
sotto innumerevoli dita.
E immersi
noi siam nello spirto
silvestre,
d'arborea vita viventi;
e il tuo volto ebro
è molle di pioggia
come una foglia,
e le tue chiome
auliscono come
le chiare ginestre,
o creatura terrestre
che hai nome
Ermione.
Ascolta, ascolta. L'accordo
delle aeree cicale
a poco a poco
più sordo
si fa sotto il pianto
che cresce;
ma un canto vi si mesce
più roco
che di laggiù sale,
dall'umida ombra remota.
Più sordo e più fioco
s'allenta, si spegne.
Sola una nota
ancor trema, si spegne,
risorge, trema, si spegne.
Non s'ode voce del mare.
Or s'ode su tutta la fronda
crosciare
l'argentea pioggia
che monda,
il croscio che varia
secondo la fronda
più folta, men folta.
Ascolta.
La figlia dell'aria
è muta; ma la figlia
del limo lontana,
la rana,
canta nell'ombra più fonda,
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su le tue ciglia,
Ermione.
Piove su le tue ciglia nere
sìche par tu pianga
ma di piacere; non bianca
ma quasi fatta virente,
par da scorza tu esca.
E tutta la vita è in noi fresca
aulente,
il cuor nel petto è come pesca
intatta,
tra le pàlpebre gli occhi
son come polle tra l'erbe,
i denti negli alvèoli
con come mandorle acerbe.
E andiam di fratta in fratta,
or congiunti or disciolti
(e il verde vigor rude
ci allaccia i mallèoli
c'intrica i ginocchi)
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su i nostri vólti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
m'illuse, che oggi t'illude,
o Ermione.


Felicissima domenica dall'Orso...- Tony Kospan





"LA PIOGGIA" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre POESIE TEMATICHE I°

Articolo più letto relativo a POESIE TEMATICHE I°:
EMOZIONI

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Attenzione alle anime intense, profonde e antiche [ 0 commenti - 13 letture ]
 I dialetti [ 0 commenti - 9 letture ]
 La trama di "Ettore Fieramosca" di Massimo d'Azeglio [ 0 commenti - 19 letture ]
 ROGGIA VECCHIA (detta anche Rusa Végia) [ 0 commenti - 8 letture ]
 Una bella storia [ 0 commenti - 6 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy