Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 97
Totale: 97
Chi è online:
 Visitatori:
01: News
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: News
07: Forums
08: Home
09: Home
10: News
11: News
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: News
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: News
24: Home
25: Home
26: News
27: Home
28: Home
29: Home
30: News
31: Home
32: News
33: News
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: News
39: Home
40: News
41: Stories Archive
42: Home
43: Stories Archive
44: Home
45: Home
46: News
47: Stories Archive
48: Home
49: Stories Archive
50: Search
51: coppermine
52: Home
53: News
54: News
55: Stories Archive
56: coppermine
57: Home
58: Search
59: Home
60: News
61: coppermine
62: News
63: Home
64: News
65: Home
66: Home
67: Home
68: coppermine
69: Home
70: Home
71: coppermine
72: Home
73: News
74: Home
75: Home
76: coppermine
77: News
78: Home
79: News
80: Home
81: Home
82: News
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Stories Archive
88: Home
89: News
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: News
95: coppermine
96: Search
97: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9085
  · Viste: 1926210
  · Voti: 432
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Una storia molto breve
Una storia molto breve
Postato da Grazia01 il Martedì, 24 marzo @ 09:52:50 CET (1811 letture)
Racconti e altro di Hemingway

A Padova, una sera molto calda, lo portarono sul tetto, e lui poté vedere la città dall'alto. Il cielo era pieno di rondoni. Dopo un po' si fece buio e comparvero i riflettori. Gli altri scesero portandosi dietro le bottiglie. Lui e Luz li potevano sentire, sotto, sul balcone.


Luz si sedette sul letto. Era fresca e vivace nella notte calda.
Per tre mesi Luz fece il turno di notte. Glielo lasciavano fare volentieri. Quando lo operarono, lo preparò per il tavolo chirurgico; e fecero un gioco di parole su clistere e bersagliere. Lui andò sotto anestesia restando più calmo che poteva, perché non voleva lasciarsi sfuggire qualcosa nella fase in cui si ciancia a vanvera. Quando cominciò a camminare con le grucce andava lui a misurare le temperature, così Luz non doveva alzarsi dal letto. C'erano solo tre o quattro pazienti, e lo sapevano tutti. Luz riusciva simpatica a tutti. Mentre tornava indietro lungo le corsie lui pensava a Luz che lo aspettava nel suo letto.
Prima che lui tornasse al fronte entrarono nel duomo per pregare. Il duomo era buio e silenzioso, e c'era altra gente che pregava. Volevano sposarsi, ma mancava il tempo per le pubblicazioni, e nessuno dei due aveva l'atto di nascita. Si sentivano come già sposati, ma volevano che tutti lo sapessero, così non avrebbero rischiato di perdere quello che c'era tra loro.
Luz gli scrisse molte lettere che lui ricevette solo dopo l’armistizio, Al fronte ne arrivarono quindici tutte insieme, e lui le mise in ordine di data e le lesse tutte di seguito. Parlavano tutte dell’ospedale, e di quanto lei lo amasse, e come fosse impossibile tirare avanti senza di lui, e come fosse terribile, di notte, la sua mancanza.
Dopo l’armistizio decisero di comune accordo, che lui sarebbe tornato a casa a cercarsi un lavoro in modo da potersi sposare. Luz non sarebbe partita finché lui non avesse avuto un buon impiego e non avesse potuto venire a prenderla a New York. Era inteso che non avrebbe alzato il gomito, e lui non aveva nessuna voglia di vedere i suoi amici o altra gente negli Stati Uniti. Voleva solo trovare un lavoro e sposarsi. Sul treno che li portava da Padova a Milano litigarono perché lei non era disposta ad andare subito in America con lui. Quando dovettero salutarsi, alla stazione di Milano, si salutarono con un bacio, ma non avevano smesso di litigare. Lui rimase molto amareggiato per il fatto che si erano salutati così.
Andò in America su una nave che partiva da Genova. Luz ritornò a Pordenone per aprirvi un ospedale. Era un posto piovoso e solitario, e c'era un battaglione di arditi acquartierato in città. Mentre passava l'inverno in quella città fradicia e fangosa, il maggiore del battaglione fece l'amore con Luz, e lei che non aveva mai conosciuto degli italiani scrisse infine negli Stati Uniti per dirgli che la loro era stata solo una cosa da ragazzi. Le dispiaceva, e sapeva che probabilmente lui non sarebbe riuscito a capire, ma forse un giorno l'avrebbe perdonata, e le sarebbe stato riconoscente. Prevedeva, del tutto inaspettatamente, di sposarsi in primavera. Lo amava come sempre, ma ora si rendeva conto che era stato solo un amore da ragazzi. Sperava che lui facesse una grande carriera, e aveva in lui una fiducia incondizionata. Sapeva che era la decisione più assennata.
Il maggiore non la sposò né in primavera né in un'altra stagione dell'anno. Luz non ricevette mai risposta alla lettera che aveva spedito a Chicago. Tempo dopo lui si prese lo scolo da una commessa di un grande magazzino del Loop mentre passavano in taxi attraverso il Lincoln Park.

Ernest Hemingway






"Una storia molto breve" | Login/Crea Account | 1 commento
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Una storia molto breve (Voto: 1 )
di Paolo il Mercoledì, 25 marzo @ 17:07:42 CET
Sarà nei "Quarantanove racconti", tutti un pò depressi, straordinari comunque.

| Parent


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti e altro di Hemingway

Articolo più letto relativo a Racconti e altro di Hemingway:
Colline come elefanti bianchi

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Con il tempo ho imparato... [ 0 commenti - 33 letture ]
 Sognare [ 0 commenti - 34 letture ]
 addio Casatea [ 2 commenti - 197 letture ]
 Milano mia [ 0 commenti - 63 letture ]
 COME MUORE UN ANZIANO OGGI? [ 1 commenti - 103 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 28
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy