Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 355
Totale: 355
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: News
08: Home
09: News
10: Home
11: News
12: Home
13: Stories Archive
14: Home
15: Home
16: News
17: Home
18: coppermine
19: Home
20: Home
21: Home
22: News
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: News
28: Home
29: Home
30: coppermine
31: Home
32: coppermine
33: coppermine
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Search
48: Home
49: Search
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: coppermine
59: Home
60: coppermine
61: Home
62: Home
63: coppermine
64: Home
65: Home
66: Home
67: Home
68: coppermine
69: Home
70: coppermine
71: coppermine
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: News
77: coppermine
78: Search
79: Home
80: Stories Archive
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Stories Archive
87: Search
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: News
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: coppermine
108: Search
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: coppermine
114: Home
115: Home
116: Search
117: Search
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Forums
123: Home
124: Home
125: Home
126: Search
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: News
132: Search
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: News
141: Home
142: Stories Archive
143: News
144: Home
145: News
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: coppermine
153: Forums
154: Home
155: Search
156: Home
157: Home
158: Stories Archive
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: News
168: News
169: Home
170: Home
171: Home
172: coppermine
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home
179: Your Account
180: Search
181: Search
182: Home
183: coppermine
184: News
185: Home
186: News
187: Home
188: coppermine
189: Home
190: Home
191: Home
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: coppermine
197: Stories Archive
198: Home
199: Home
200: Home
201: coppermine
202: coppermine
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: coppermine
213: Forums
214: Home
215: Home
216: Stories Archive
217: News
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Statistics
226: Home
227: coppermine
228: News
229: News
230: Home
231: coppermine
232: coppermine
233: Home
234: Home
235: Home
236: coppermine
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Forums
242: coppermine
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: News
251: Home
252: Home
253: Forums
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: News
260: Home
261: coppermine
262: News
263: Your Account
264: Home
265: Home
266: Home
267: coppermine
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Forums
273: Home
274: coppermine
275: Home
276: Home
277: News
278: Home
279: Home
280: Home
281: Private Messages
282: Home
283: Home
284: Forums
285: Home
286: Home
287: Home
288: Home
289: Home
290: coppermine
291: Home
292: Home
293: coppermine
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: Search
299: Home
300: Home
301: Home
302: News
303: coppermine
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: Stories Archive
316: Home
317: coppermine
318: Home
319: Home
320: Home
321: News
322: coppermine
323: Home
324: News
325: Home
326: Search
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Stories Archive
333: Home
334: Home
335: Home
336: Home
337: Home
338: News
339: Stories Archive
340: Home
341: Home
342: Home
343: Home
344: News
345: Home
346: Home
347: Home
348: Home
349: Home
350: News
351: News
352: Home
353: Home
354: Home
355: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9048
  · Viste: 1924121
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Il perturbante
Il perturbante
Postato da Grazia01 il Giovedì, 09 aprile @ 21:04:36 CEST (1971 letture)
Letture varie II

Il perturbante è un essere mostruoso coperto di peli, bagnato di bava filamentosa e gelatinosa e con un odore di mare in putrefazione, si stampa sulla finestra del nostro studio. Il rumore che manda è uno squasc molle e vibrante. Dalle mani spuntano unghie giallognole e rosicchiate che rigano il vetro con un assordante raschiare. Dalla sua bocca esce un urlo che è la somma di tutte le grida del mondo.

La paura nasce da un incontro inaspettato con qualcosa che è altro da noi, con un qualcosa che viene concepito come minaccioso dal nostro equilibrio e dunque inteso come pericoloso per la nostra esistenza. L'altro-da-noi è, quasi sempre, l'ignoto nelle sue varie forme (fisiche o psicologiche). In questo senso ci viene incontro Sigmund Freud con il suo celebre articolo "Das Unheimlich" pubblicato nel 1919, dove tratta per la prima volta il termine perturbante. Il significato che Freud conferisce alla parola "perturbante" è da rilevarsi nella paura di un elemento ben noto e radicato da tempo nella psiche e che per svariati motivi riemerge alla luce dopo che il processo di rimozione lo aveva preso e messo in un angolino nascosto della testa (spesso dovuto alla presenza di residui infantili nella psicologia dell'adulto. L'elemento infantile è infatti un frammento importante della teoria di Freud).
"Non c'è dubbio che esso (il perturbante) appartiene alla sfera dello spaventoso, di ciò che ingenera angoscia e orrore, tanto che quasi sempre coincide con ciò che è genericamente angoscioso. E' lecito tuttavia aspettarsi che esista un nucleo particolare che giustifichi l'impiego di una particolare terminologia concettuale. Ciò che vorremmo sapere è: che cos'è questo nucleo comune che consente appunto di distinguere, nell'ambito dell'angoscioso, un che di perturbante".
"È detto unheimlich tutto ciò che potrebbe restare segreto, nascosto, e che è invece affiorato" ci conferma Schelling. Freud lavora su questo termine perché insoddisfatto del precedente significato di unheimlich, da lui considerato limitativo: un certo Jentsch, infatti, concludeva il suo saggio sull'unheimlich affermando che era sinonimo di "inconsueto". Freud, invece, elabora una teoria completamente diversa e più complessa. La contrapposizione di base che propone è tra gli aggettivi heimlich o heimisch (familiare, confortevole e nativo, dalla particella heim = casa) e unheimlich (per l'appunto il perturbante che ci fa spavento perché non è familiare). È una parola strana e unica nel suo genere, per via della sua ambiguità semantica e le diverse sfumature di significato, tanto che in nessun altro vocabolario europeo si trova un termine simile da potergli accostare.Si capisce così che il termine ha una doppia accezione, quella dell'agio e quella del nascondere.

Riassumendo, è una parola ambivalente, ambigua. Ed ecco l'affascinante sfumatura: il significato di heimlich arriva a coincidere e a sovrapporsi con il suo contrario e negazione, unheimlich, quando appunto lo si intende come "tutto ciò che dovrebbe restar segreto, nascosto e che invece è affiorato" come dice il già citato Schelling. Spaventoso e familiare sono due termini ossimorici e il perturbante scaturirebbe dal loro incontro: perturbante, però, non è equivalente a spaventoso e neppure il contrario di familiare. Pertanto: il perturbante, ciò che porta angoscia, è un non-familiare, qualcosa che assomiglia al nostro ambiente domestico ma che in realtà cela in sé un che di straniero, sconosciuto, enigmatico. Parlare di questi termini nel nostro caso è importante se ci riferiamo a storie di paura: tra i principali fenomeni che secondo Freud hanno un effetto perturbante ci sono infatti le tematiche della morte; le forme del doppio (vale a dire il bifrontismo. Freud fa sua la teoria di Otto Rank, presente in "Der Doppelgänger", secondo la quale il duplice è qualcosa che sovrasta l'io portando angoscia: di fronte ad un sosia riemerge con violenza ciò che era stato rimosso); la malattia psichica (vengono in mente i racconti di Edgar Allan Poe). Oppure, il perturbante sorge di fronte ad un'incertezza intellettuale, vale a dire quando ci troviamo di fronte a fenomeni per i quali in passato abbiamo avuto dubbi sulla loro natura e che avevamo risolto con spiegazioni razionalistiche, le quali in questo momento non ci danno più garanzie (Freud, 1919). Il perturbante è dunque quel qualcosa di nuovo che ci suscita diffidenza e dunque paura, appunto perché è altro da noi e da ciò che conosciamo....

Tratto da
Letture fantastiche






"Il perturbante" | Login/Crea Account | 1 commento
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Il perturbante (Voto: 1 )
di Paolo il Sabato, 11 aprile @ 20:29:31 CEST
E' spiegato benissimo e con un taglio talmente moderno da renderlo immediatamente applicabile alla realtà.

| Parent


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Letture varie II

Articolo più letto relativo a Letture varie II:
Domenica delle Palme

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 8 letture ]
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 12 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 28 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 31 letture ]
 Mattino di settembre [ 0 commenti - 32 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy