Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 141
Totale: 141
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: coppermine
12: Home
13: Home
14: News
15: coppermine
16: Home
17: coppermine
18: Home
19: coppermine
20: News
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: News
27: Home
28: Home
29: Home
30: News
31: coppermine
32: Home
33: News
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Your Account
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: coppermine
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: News
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: coppermine
67: News
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: coppermine
76: Home
77: coppermine
78: Home
79: coppermine
80: Home
81: Search
82: Home
83: coppermine
84: Home
85: News
86: Home
87: Your Account
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: News
102: Home
103: Home
104: News
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Stories Archive
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: News
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: Home
127: coppermine
128: Home
129: Home
130: Home
131: News
132: Home
133: Home
134: coppermine
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: coppermine
141: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8776
  · Viste: 1490055
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Il Canto di Penelope
Il Canto di Penelope
Postato da Grazia01 il Sabato, 15 maggio @ 14:07:40 CEST (3238 letture)
Recensioni II


Dall'Ade, dove può finalmente dire la verità senza temere la vendetta degli dèi, Penelope, moglie di Ulisse, racconta la sua storia.
Figlia di una ninfa e del re di Sparta, da bambina rischia di essere affogata dal padre, turbato da una profezia.


Sposa di Ulisse, subisce le angherie dei suoceri, vede scoppiare la guerra di Troia a causa della sciocca cugina Elena, e dopo anni disolitudine deve respingere l'assalto dei Proci. Al ritorno di Ulisse assiste angosciata alla vendetta che colpisce le ancelle infedeli e perciò impiccate; e la morte di quelle fanciulle che le erano amiche la perseguita anche nell'Ade.
Il romanzo riscrive il mito greco attingendo a versioni diverse da quelle confluite nell'Odissea, secondo un punto di vista femminile.


Ora che sono morta so tutto.
Avrei voluto che fosse così, ma come molti dei miei desideri neanche questo si è avverato.
Conosco solo alcuni eventi che prima ignoravo, entrati nella tradizione, ma forse infondati. Inutile dire che è un prezzo molto alto per soddisfare una curiosità.Da quando sono morta — da quando ho raggiunto questa condizione di senzaossa, senzalabbra, senzapetto — ho imparato cose che avrei preferito non sapere, come succede se si origlia dietro le finestre o si aprono le lettere degli altri. Credete che vi piacerebbe leggere nelle menti? Ripensateci.
Quaggiù tutti arrivano con un otre, simile a quello che racchiudeva i venti, ma ciascuno di questi otri è pieno di parole pronunciate, udite, e che altri hanno detto su di noi. Ci sono otri piccoli e otri grandi; il mio ha una dimensione media, anche se molte delle parole che contiene riguardano il mio insigne marito. Mi ha raggirata, sostiene qualcuno. Era la sua specialità, il raggiro. E trovava sempre una via di fuga, un’altra delle sue peculiarità: fuggiva.
Riusciva facile credergli. Molti, nel tempo, hanno ritenuto autentica la sua versione degli avvenimenti, si trattasse di uccisioni, di splendide seduttrici, di mostri con un occhio solo. Anch’io gli credevo, ogni tanto. Sapevo che era scaltro e bugiardo, ma non pensavo che avrebbe usato la sua astuzia e sperimentato le sue bugie anche con me. Non gli ero stata fedele? Non avevo aspettato, e aspettato, e aspettato, vincendo la tentazione -quasi un impulso- a comportarmi in altro modo? E che cosa ho raccolto, una volta che si è affermata la versione ufficiale? Sono diventata una leggenda edificante. Un bastone con cui picchiare altre donne. Non avrebbero potuto essere assennate, oneste, pazienti com’ero stata io? Questa era la linea seguita dagli aedi, dai cantastorie. Non seguite il mio esempio, vorrei gridarvi nelle orecchie, sì nelle vostre orecchie!- e quando cerco di gridare, la mia voce è quella di un gufo.
Io certo intuivo in lui l’ambiguità, la scaltrezza, la malizia, e -come dire?- l’assenza di scrupoli, ma cercavo di non dar loro peso. Tenevo la bocca chiusa, o, se l’aprivo, era per tessere le sue lodi. Non lo contraddicevo, non gli rivolgevo domande che potessero infastidirlo, non approfondivo le discussioni. A quel tempo credevo nelle soluzioni felici, che si ottengono tenendo chiuse le porte e andando a dormire se soffia la tempesta. Ma quando gli avvenimenti principali si conclusero e tutto diventò meno simile a una leggenda, mi accorsi che erano in molti a ridere alle mie spalle, a sbeffeggiarmi, a inventare storielle sul mio conto, pulite ma anche sporche; mi avevano trasformata in una storia da raccontare, anche se non del genere che mi piace ascoltare su di me. Che cosa può fare una donna quando una chiacchiera indecente viaggia attraverso il mondo? Se si difende sembra colpevole. Così ho aspettato ancora un po’.
Ora che tutti gli altri hanno parlato a perdifiato, è giunto il mio turno. Lo devo a me stessa... Quelli di voi che riusciranno a cogliere questo bisbiglio, questo squittio, confonderanno le mie parole con le brezze che soffiano tra i giunchi secchi, con il volo dei pipistrelli al crepuscolo, con i brutti sogni. Ma io sono sempre stata determinata per natura. Paziente, si diceva di me. Amo seguire un progetto sino alla fine.



L'acqua non oppone resistenza. L'acqua scorre.
Quando immergi una mano nell'acqua senti solo una carezza.
L'acqua non è un muro, non può fermarti.
Va dove vuole andare e niente le si può opporre.
L'acqua è paziente. L'acqua che gocciola consuma una pietra.
Ricordatelo. Ricordati che per una metà tu sei acqua.
Se non puoi superare un ostacolo, giragli intorno. Come fa l'acqua.



O dèi o profeti, la sorte mutate,
d'un giovane eroe voglio esser la sposa!
L'eroe non arriva, né ora né mai-
la vita è fatica, la morte il mio fato.
...
Veleggia, veleggia, mia bella signora,
sull'onda agitata.
Sul fondo l'acqua è nera come tomba.
Affonderai con la barchetta azzurra?
È la speranza che ci tiene a galla.

Margaret Atwood
da Il Canto di Penelope. The Penelopiad






"Il Canto di Penelope" | Login/Crea Account | 3 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Il Canto di Penelope (Voto: 1 )
di Paolo il Domenica, 16 maggio @ 23:04:36 CEST
Cara Penelope, la speranza tiene a galla tutti. Sicuramente noi due che siamo, in un certo senso, ancora una coppia. Sei stata invidiata per la tua capacità di amare e questa si paga sempre cara. Lo sai benissimo che, nonostante fossi uno specialista, la capacità di raggirare non era la mia massima. Ero capace di tormentare per saldare il mondo antico e quello nuovo. Tu sei finita in mezzo ma sai che mi sono fidato di te quanto di nessuno altro al mondo. Le tue frustrazioni sono lo stimolo a ricercare soluzioni nella fantasia e nei sentimenti. Ti ho amata tantissimo e ti amo ancora, Odisseo.

| Parent

Re: Il Canto di Penelope (Voto: 1 )
di Grazia01 il Lunedì, 17 maggio @ 13:55:35 CEST
Mio caro Odesso sei proprio un fanfarone
sono una vera donna non sono di cartone.
Mi hai fatto sposa e il cuore mi stropicci
girando il mondo nel mare dei capricci
e mi racconti di mostri orrendi e sirene
di porci puzzolenti, di canti e di catene.
Ogni notte continuo a smantellar la tela
ma se non torni presto a girar la tua vela
smetterò di esser fedele amante virtuosa
getterò tra le ortiche la profumata rosa
e se proseguirai a restar sempre assente
cederò le mie grazie al primo pretendente.
Il tuo amore non sento, sei troppo lontano
tutte le notti ti cerco allungando la mano
e la ritrovo vuota come vuoto è il mio petto
il tempo non passa è una vita che aspetto.
La speranza ha un grande buco profondo
non mi tiene più a galla, sto cadendo giù
in fondo.

Per poco ancora tua
Penelope



Molto Felice

| Parent

Re: Il Canto di Penelope (Voto: 1 )
di Paolo il Lunedì, 17 maggio @ 18:15:22 CEST
Cara Penelope, dopo dieci anni di guerra per la città-donna più bella non esistevano più nè la città nè la donna. Dopo dieci anni per sfuggire a mostri e seduttrici che io stesso sollecitavo, esiste una moglie. Nell'Ade, Tiresia mi ha detto che, dopo alcuni eventi da svolgersi, avrò modo di trascorrere anni felici a Itaca. Vorrei che li trascorressimo insieme non perchè mi è dovuto ma perchè, nonostante tutto, tu lo vuoi ancora. Oltre che a tessere tele, vedo che scrivi belle rime. Il che mi fa essere orgoglioso di te. Odisseo.

| Parent


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Recensioni II

Articolo più letto relativo a Recensioni II:
Canti celtici

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Luglio in poesia [ 0 commenti - 15 letture ]
 Ibisco, storia di un fiore [ 0 commenti - 17 letture ]
 Vacanza ad Antibes - Juan les Pins [ 1 commenti - 35 letture ]
 I fiori di giugno [ 2 commenti - 52 letture ]
 Giugno [ 1 commenti - 48 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy