Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 144
Totale: 144
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Search
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: coppermine
08: News
09: Home
10: News
11: coppermine
12: Home
13: Home
14: Search
15: Home
16: News
17: News
18: Home
19: News
20: News
21: Home
22: News
23: News
24: Search
25: Home
26: Home
27: Stories Archive
28: coppermine
29: coppermine
30: Your Account
31: Home
32: Home
33: Search
34: Home
35: Home
36: coppermine
37: coppermine
38: Home
39: Home
40: News
41: Home
42: Home
43: News
44: Stories Archive
45: Home
46: News
47: Home
48: Stories Archive
49: Home
50: News
51: Home
52: Home
53: Home
54: Stories Archive
55: Home
56: Home
57: Stories Archive
58: Home
59: Home
60: Stories Archive
61: Home
62: Home
63: Home
64: coppermine
65: Home
66: coppermine
67: coppermine
68: Home
69: Search
70: News
71: News
72: coppermine
73: Home
74: Home
75: coppermine
76: News
77: Home
78: News
79: Home
80: coppermine
81: News
82: Home
83: News
84: Home
85: Forums
86: Home
87: Home
88: Stories Archive
89: Home
90: Home
91: coppermine
92: Home
93: Your Account
94: News
95: Home
96: Home
97: Home
98: Stories Archive
99: coppermine
100: Home
101: Home
102: Search
103: coppermine
104: Home
105: Home
106: News
107: News
108: News
109: Home
110: News
111: Home
112: News
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Search
119: Home
120: News
121: Home
122: Home
123: News
124: Home
125: Home
126: coppermine
127: Home
128: coppermine
129: Home
130: News
131: Forums
132: Search
133: News
134: News
135: Home
136: Groups
137: News
138: Stories Archive
139: News
140: coppermine
141: Home
142: Home
143: coppermine
144: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9069
  · Viste: 1924459
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Juan Ramón Jiménez
Juan Ramón Jiménez
Postato da Grazia01 il Venerdì, 29 ottobre @ 20:17:30 CEST (1615 letture)
Biografie VIII

Nacque a Palos-de-Moguer (Huelva), nel 1881, in una famiglia di coltivatori ed esportatori di vini. Studiò presso i gesuiti del collegio di Puerto-de-Santa-María (Cadice) e all'Università di Sevilla
La sua infanzia fu legata a porte e finestre "quella vecchia casa di grandi balconi" dai quali Juan si affacciava a vedere il mondo, la vita. Il mondo reale gli sembrò ridotto a qualcosa di contemplato da una finestra, dalla distanza, da qualcosa di ciò con cui egli non comunica.
Nell'Andalusia, estremamente classista nella fine del XIX secolo, Juan Ramón doveva essere un bambino isolato, senza veri contatti con l'ambiente esterno: "Di quei dolci anni ricordo che giocava molto poco, ed era grande amico della solitudine". Tale insicurezza gli durò tutta la vita, e lo si può leggere in una lettera che gli scrisse la cugina María in cui disse che era "un bambino che sapeva ammalarsi al momento giusto per guadagnarsi coccole ed attenzioni".


La presenza del mare fu sempre un riferimento di luce e di bellezza: una meraviglia più contemplata che vissuta. È inevitabile vedere in tutto questo il germe di un futuro mondo poetico: il mondo di un solitario ed appassionato contemplatore. I sentimenti e le emozioni della sua infanzia, perdurarono e si ingigantirono fino a trasformarsi in ossessioni che modellarono la vita e l'opera di Jiménez. La solitudine, a cui il poeta tanto frequentemente fa riferimento, determinò le tante occasioni indicate come amore per sé stesso, come la costante introspezione manifestata in quell'affanno nell'annotare in ogni momento la reazione emozionale del proprio spirito davanti alla bellezza contemplata. Nell'età dell'adolescenza andò a Siviglia per studiare Diritto, benché si interessasse maggiormente alla poesia ed alla pittura. Iniziò qui il suo apprendistato in una bottega neoimpresionista sivigliana. La carriera pittorica, iniziata per imposizione paterna, rimase però circoscritta a questo tentativo ed a pochi altri successivi. Il fatto di appartenere ad una famiglia benestante e libera, permisero a Juan Ramón adolescente di non preoccuparsi di "coltivarsi" un futuro. La famiglia del poeta, colta, tradizionalista e conservatrice, non si oppose mai alla sua vocazione e lo incoraggiò nelle sue aspirazioni, tant'è che a Siviglia, dedicandosi alla lettura di Bécquer, abbandonò gli studi, contravvenendo la volontà di suo padre, per dedicarsi completamente alla poesia. Nell'aprile del 1900 si trasferì a Madrid, dove visse un periodo di esaltato anarchismo. Questo viaggio si dovette in parte all'invito del poeta modernista Francisco Villaespesa, autore che conobbe i primi poemi di Juan Ramón e le sue traduzioni di Ibsen, ed insieme a lui condivise la passione per Rubén Darío. Jiménez pubblicò i suoi primi poemi su alcune riviste ed i suoi due primi libri: Nínfeas ed Almas de Violeta, titolo suggerito proprio da Rubén Darío. Tuttavia, resistette nella capitale solamente due mesi: "Mi sentii molto malato e dovetti ritornare a casa" raccontò.
Arrivata l'estate ritornò a Moguer, in parte per l'ossessione per gli studi di Diritto sospesi, in parte per la nevrosi depressiva che si trascinerà per tutta la vita. In quel periodo morì il padre; un fatto che lo segnò profondamente, sia nell'aspetto umano che in quello poetico: "... inondò la mia anima di preoccupazione ombrosa", scrisse. La paura della morte si trasformò, da quel momento, non solo nel tema poetico basilare, ma anche in un'ossessione mentale che gli procuròforti depressioni per molti anni della sua vita. A causa della sua depressione, che Juan Ramón invece negava parlando di embolia coronarica, venne internato, nella primavera del 1901, nel sanatorio di Lui Bouscat. Qui ebbe importanti contatti con la poesia francese - parnassiani e simbolisti - che già conosceva, e scrisse il sue libro Rimas che venne pubblicato a Madrid nel 1902. In Francia ebbe diversi amori, che ispirarono in seguito alcune delle sue migliori poesie erotiche, amori che sono stati ampiamente documentati. Il carattere farfallone di Juan Ramón Jiménez durò fino al 1913 quando conobbe Zenobia Camprubí, e questi continui, intensi e frustrati amori rimarranno meravigliosamente specchiati in tutta la sua prima tappa poetica. Il suo sentirsi sempre malato - "questo cuore che non sorregge le mie gambe" -, non lo abbandonò mai. Ma fu proprio la malattia quella che gli permise di dedicarsi appieno a ciò che amava: "La mia vita è tutta poesia. Non sono un letterato, sono un poeta che ha realizzato il sogno della sua vita. Per me non esiste altro che la bellezza."
Alla fine del 1901, si trasferì volontariamente nella clinica neuropatica del Rosario, a Madrid, e vi rimase fino al 1903. Qui curandosi per la depressione, accrebbe le sue amicizie e la sua creazione letteraria. Visse anche in casa del dottore Simarro, gran amante della letteratura, che lo mise in contatto con la Institución Libre de Enseñanza. La pubblicazione di Rimas nel 1902 fu un importante passo nella sua carriera di scrittore e rappresentò la sua consacrazione nell'ambiente letterario madrileno. Il modernismo, di tendenza parnassiana, cedeva il passo al simbolismo. Arias tristes (1903) riaffermò la nascente fama del poeta.
Nel 1905 una nuova crisi lo fece ritornare a Moguer, dove iniziò a scrivere Platero y yo, insieme a poemi amorosi, ispirati in gran parte al simbolismo francese, tra cui El viaje definitivo. Il triennio 1905-1907 fu duro per il poeta: alla crisi psicologica depressiva si aggiunse la progressiva crisi economica della famiglia. Tornò a Madrid nel 1911, soprattutto per l'insistenza di Ramón Gómez nella cui rivista "Prometeo" continuavano ad essere pubblicati vari poemi di Jiménez, ma da questi lentamente si allontanò, attratto maggiormente dall'ambiente intellettuale della Residencia de Estudiantes, fino a che nel 1913 si stabilì nella Residencia diventandone uno di suoi principali animatori. Come si è detto, nel 1913 conobbe Zenobia Camprubí di cui si innamorò profondamente. Ella lo respinse, ma Juan Ramón insistette raccontandole (bugie di tutti gli innamorati) che tutte le amate dei suoi poemi erano frutto della sua immaginazione. Nella stagione estiva finalmente, come in tanti altri momenti della sua vita, ottenne il suo proposito, poiché Zenobia lo accettò.
L'anno 1916 fudecisivo per la sua vita e la poesia: si recarono negli Stati Uniti per sposarsi e Juan Ramón gli promise il libro d'amore più bello che fosse mai stato scritto, proposito che mantenne solo parzialmente nel Diario de un poeta recién casado. Durante il viaggio però il poeta riscoprì la sua passione per il mare che divenne poi uno dei suoi più importanti simboli poetici, fino al punto che egli stesso cambiò posteriormente il titolo a questo libro con Diario de poeta y mar. Questa opera rappresenta la frontiera tra le due grandi tappe in cui normalmente divise la sua opera. Con lui si apre la porta della poesía pura e dell'intellettualizzazione della lirica che origina la difficoltà di essere capita da molti lettori, ed allo stesso tempo entrò in contatto con la poesia anglosassone, non invano sua moglie era la migliore traduttrice di Rabrindanãth Tagore, e divenne così un poeta riconosciuto ed apprezzato. Al suo rientro a Madrid organizzò tutti i movimenti di rinnovazione poetica; diresse le riviste più curate della letteratura spagnola, ed incoraggiò coloro che, negli anni seguenti, furono i grandi poeti del '27 (Lorca, Alberti, Salinas, Guillén, Aleixandre, G. Diego, D. Alonso), influenzando la letteratura europea ed anche l'ermetismo italiano. Probabilmente il suo libro Eternidades (1918) è uno dei libri poetici più influente di questo secolo in lingua castigliana. Ma il carattere del poeta generoso, benché non meno rancoroso; è descritto da Cernuda come un Dr. Jeckill e Mr. Hyde, l'omaggio a Góngora, a cui si rifiutò di partecipare, ed alcuni equivoci sulla collocazione di uno dei suoi poemi, rispetto ad una poesia di Unamuno, gli causaroni forti dissapori con un gruppo che, non senza ragione, considerava "suo". A seguito della sua famosa conversazione con José Bergamín, nella quale definì il gruppo dei poeti del '27 come "finocchietti da spiaggia", il disaccordo si aggravò. Altri dissapori, come il telegramma grottesco scritto da Luis Buñuel e Salvatore Dalí, enormemente crudele per un uomo tanto sensibile come Juan Ramón Jiménez: "Amichevolmente. ci congratuliamo per il tuo Platero y yo. È l'asino più asino di tutti gli asini che abbiamo conosciuto", portarono alla rottura definitiva con il gruppo.
La discussione sulla poesía pura (per lui come unica poesia possibile) ed i cambiamenti politici che portarono ad una "impurità" nella poesia, indussero i suoi antichi "discepoli" a scegliere, nel 1935, come nuovo maestro, Pablo Neruda affinché dirigesse la rivista "Cavallo verde per la poesia". Fu in quella rivista dove il gran poeta cileno pubblicò il suo Manifesto della poesia impura, in contrasto alla poesia pura sostenuta da Juan Ramón. Tra 1918 e 1923 pubblicò Eternidades (1918), Piedra y cielo (1919), Poesía (1923) e Belleza (1923), oltre alla Segunda Antolojía (1898-1918), edita nel 1922. Da 1921 al 1927 pubblicò una serie di riviste nelle quali raccolse parte della sua opera in prosa e versi, oltre a fare conoscere quella di altri scrittori affini a lui. Dal 1925 al 1935 pubblicò i suoi Cuadernos, nei quali fece conoscere quasi tutto ciò che scrisse in quel periodo. In questi Cuadernos, oltre a poemi, include lettere, ritratti lirici di scrittori e ricordi letterari. Gli esseri umani, quasi inesistenti nei suoi poemi, sono osservati qui con una penetrazione a volte malintenzionata. Sono figure in cui disegna con abili parole al mito dell'arte e della cultura. In coincidendo con la pubblicazione dei suoi Cuadernos Juan Ramón Jiménez intensificò il suo atteggiamento sospettoso e solitario. Con la guerra civile, gli scritti del poeta rimasero sempre all'altezza delle circostanze. Abbracciò la causa repubblicana, ed accolse nella sua casa i bambini orfani a cui destinò i suoi risparmi quando nel 1936 abbandonò la Spagna alla volta di Washington, come aggregato culturale presso l'Ambasciata di Spagna. La vittoria del generale Franco lo constrinse a rimanere definitivamente in America. Visitò diversi Paesi ed università, fu invitato a tenere alcune conferenze nell'Università di Miami, ed ottenne il riconoscimento di grande poeta. L'esilio influenzò chiaramente la sua opera, nonostante egli non fu mai un uomo politico, nel senso stretto della parola. È comprensibile che quell'esilio lo indusse ancor più a separarsi dalla realtà, a rinchiudersi nel suo mondo ideale, disinteressato ad una realtà che lo espelleva lontano dalla Spagna, con la sua bruttezza e la sua invivibile struttura sociale. Visse in Porto Ricco, la sua quasi seconda patria; a L'Avana, in Florida, a Washington e, a partire da 1951, quando le forze cominciarono a mancargli ed il cuore a dargli problemi, si stabilì definitivamente in Porto Ricco.
In questi anni scrisse alcuni fra i suoi libri più caratteristici di questo suo ultimo periodo: La estación total (1946), Romances de Coral Gables (1948), Animal de fondo (1949), Dios deseado y deseante (1949) ed il lungo poema Espacio (1954). Il 1956 fu per lui un anno con due importanti eventi: la concessione del premio Nobel per la Letteratura e la morte della moglie, fatto da cui il poeta non si rimise più, anche se l'importanza di Zenobia nella sua vita è quasi impossibile da quantificare, dato il carattere nevrotico e depressivo del poeta. Morì in una desolazione totale, due anni dopo, nel 1958, a San-Juan-de-Puerto-Rico.

da racconti e poesie.org.






"Juan Ramón Jiménez" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Biografie VIII

Articolo più letto relativo a Biografie VIII:
Paul Verlaine

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Se saprai starmi vicino [ 0 commenti - 16 letture ]
 Indovinami, indovino [ 0 commenti - 27 letture ]
 il tempo [ 0 commenti - 23 letture ]
 Buone Feste [ 0 commenti - 14 letture ]
 La notte si era accasxiata [ 0 commenti - 23 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 24
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy