Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 625
Totale: 625
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Search
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: News
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: News
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: Home
66: Forums
67: Search
68: Home
69: Forums
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: coppermine
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: Stories Archive
92: Home
93: Home
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Home
102: coppermine
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: News
108: Home
109: Home
110: News
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Search
118: Home
119: Stories Archive
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: Home
126: News
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: News
154: Home
155: News
156: Home
157: Home
158: Home
159: Forums
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Home
191: Statistics
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Home
207: Search
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Forums
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: News
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: coppermine
241: Home
242: Home
243: coppermine
244: Home
245: Search
246: Home
247: News
248: coppermine
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Stories Archive
256: Home
257: Home
258: Home
259: News
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: Search
266: Home
267: Home
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Home
275: Home
276: Home
277: Home
278: News
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Home
288: Home
289: Home
290: News
291: Home
292: Home
293: Home
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: Forums
304: Home
305: Home
306: Search
307: Home
308: Home
309: News
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: Home
316: Home
317: Home
318: Home
319: Home
320: Home
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Home
336: Search
337: Home
338: Home
339: Home
340: Home
341: Home
342: coppermine
343: Home
344: Home
345: Home
346: News
347: Home
348: Statistics
349: Home
350: Forums
351: Home
352: Home
353: Home
354: Home
355: Home
356: News
357: Search
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: News
364: Home
365: Home
366: Home
367: Home
368: News
369: Home
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: Home
376: Home
377: Home
378: Home
379: Home
380: Home
381: Home
382: Forums
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: Home
395: Home
396: Home
397: Home
398: coppermine
399: Home
400: Home
401: Home
402: Home
403: coppermine
404: Home
405: Home
406: Home
407: Home
408: Home
409: Home
410: Home
411: Home
412: coppermine
413: Home
414: Home
415: Home
416: Home
417: Home
418: Home
419: Home
420: Home
421: Home
422: Home
423: Home
424: coppermine
425: Home
426: Home
427: Home
428: Home
429: Home
430: Home
431: Home
432: Home
433: Home
434: Home
435: Home
436: Home
437: Home
438: Home
439: Home
440: Home
441: Home
442: Home
443: Home
444: Home
445: Home
446: Home
447: Stories Archive
448: Home
449: Home
450: Home
451: Home
452: Home
453: Home
454: Forums
455: Home
456: Home
457: News
458: Home
459: News
460: Home
461: Home
462: Statistics
463: Home
464: Home
465: Home
466: News
467: Home
468: Home
469: Home
470: Home
471: Home
472: Home
473: Home
474: Home
475: News
476: Home
477: coppermine
478: Home
479: Home
480: Home
481: Home
482: Home
483: Home
484: Home
485: Home
486: Home
487: Home
488: Home
489: Home
490: Home
491: Home
492: Home
493: Home
494: Home
495: Home
496: Home
497: Home
498: Home
499: Home
500: coppermine
501: Home
502: Home
503: Home
504: Home
505: Home
506: Home
507: Search
508: Home
509: Home
510: Home
511: Home
512: Home
513: Home
514: coppermine
515: Home
516: Home
517: Home
518: coppermine
519: Home
520: Home
521: Home
522: Home
523: Home
524: Home
525: Home
526: Home
527: Home
528: Home
529: Home
530: Home
531: Home
532: Home
533: Home
534: Home
535: Home
536: Home
537: Home
538: Home
539: Home
540: Home
541: Home
542: Home
543: Home
544: Home
545: News
546: Search
547: Home
548: Home
549: Home
550: Home
551: Home
552: Home
553: Home
554: coppermine
555: Home
556: Home
557: Home
558: Home
559: Home
560: Home
561: Home
562: Home
563: Home
564: Home
565: News
566: Home
567: News
568: Home
569: Home
570: Home
571: Home
572: Home
573: Home
574: Home
575: Home
576: Home
577: Home
578: Home
579: Home
580: Search
581: Home
582: Home
583: Home
584: Home
585: Home
586: Home
587: Home
588: Home
589: Home
590: News
591: Home
592: Home
593: Home
594: Home
595: Home
596: Home
597: Home
598: Home
599: Home
600: Home
601: Home
602: Home
603: Home
604: Home
605: Home
606: coppermine
607: Home
608: Home
609: Home
610: Home
611: Home
612: Home
613: Home
614: Home
615: Home
616: Home
617: Home
618: Home
619: News
620: News
621: Home
622: Home
623: Home
624: Home
625: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924523
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Pentolaccia di Giovanni Verga
Pentolaccia di Giovanni Verga
Postato da Grazia01 il Domenica, 12 dicembre @ 22:22:38 CET (1440 letture)
Racconti di Verga

Pentolaccia


Adesso viene la volta di «Pentolaccia» ch'è un bell'originale anche lui, e ci fa la sua figura fra tante bestie che sono alla fiera, e ognuno passando gli dice la sua. Lui quel nomaccio se lo meritava proprio, ché aveva la pentola piena tutti i giorni, prima Dio e sua moglie, e mangiava e beveva alla barba di compare don Liborio, meglio di un re di corona. Uno che non abbia mai avuto il viziaccio della gelosia, e ha chinato sempre il capo in santa pace, che Santo Isidoro ce ne scampi e liberi, se gli salta poi il ghiribizzo di fare il matto, la galera gli sta bene.



Aveva voluto sposare la Venera per forza, sebbene non ci avesse né re né regno, e anche lui dovesse far capitale sulle sue braccia, per buscarsi il pane. Inutile sua madre, poveretta, gli dicesse: - Lascia star la Venera, che non fa per te; porta la mantellina a mezza testa, e fa vedere il piede quando va per la strada -. I vecchi ne sanno più di noi, e bisogna ascoltarli, pel nostro meglio.
Ma lui ci aveva sempre pel capo quella scarpetta e quegli occhi ladri che cercano il marito fuori della mantellina: perciò se la prese senza volere udir altro, e la madre uscì di casa, dopo trent'anni che c'era stata, perché suocera e nuora insieme ci stanno proprio come cani e gatti. La nuora, con quel suo bocchino melato, tanto disse e tanto fece, che la povera vecchia brontolona dovette lasciarle il campo libero, e andarsene a morire in un tugurio; fra marito e moglie erano anche liti e questioni, ogni volta che doveva pagarsi la mesata di quel tugurio. Quando infine la povera vecchia finì di penare, e lui corse al sentire che le avevano portato il viatico, non poté riceverne la benedizione, né cavare l'ultima parola di bocca alla moribonda, la quale aveva già le labbra incollate dalla morte, e il viso disfatto, nell'angolo della casuccia dove cominciava a farsi scuro, e aveva vivi solamente gli occhi, coi quali pareva che volesse dirgli tante cose. - Eh?... Eh?... -
Chi non rispetta i genitori fa il suo malanno e la brutta fine.
La povera vecchia morì col rammarico della mala riuscita che aveva fatto la moglie di suo figlio; e Dio le aveva accordato la grazia di andarsene da questo mondo, portandosi al mondo di là tutto quello che ci aveva nello stomaco contro la nuora, che sapeva come gli avrebbe fatto piangere il cuore, al figliuolo. Appena Venera era rimasta padrona della casa, colla briglia sul collo, ne aveva fatte tante e poi tante, che la gente ormai non chiamava altrimenti suo marito che con quel nomaccio, e quando arrivava a sentirlo anche lui, e si avventurava a lagnarsene colla moglie - Tu che ci credi? - gli diceva lei. E basta. Lui allora contento come una pasqua.
Era fatto così, poveretto, e sin qui non faceva male a nessuno. Se gliel'avessero fatta vedere coi suoi occhi, avrebbe detto che non era vero, grazia di Santa Lucia benedetta. A che giovava guastarsi il sangue? C'era la pace, la provvidenza in casa, la salute per giunta, ché compare don Liborio era anche medico; che si voleva d'altro, santo Iddio?
Con don Liborio facevano ogni cosa in comune: tenevano una chiusa a mezzeria, ci avevano una trentina di pecore, prendevano insieme dei pascoli in affitto, e don Liborio dava la sua parola in garanzia, quando si andava dinanzi al notaio. «Pentolaccia» gli portava le prime fave e i primi piselli, gli spaccava la legna per la cucina, gli pigiava l'uva nel palmento; a lui in cambio non gli mancava nulla, né il grano nel graticcio, né il vino nella botte, né l'olio nell'orciuolo; sua moglie bianca e rossa come una mela, sfoggiava scarpe nuove e fazzoletti di seta, don Liborio non si faceva pagar le sue visite, e gli aveva battezzato anche un bambino. Insomma facevano una casa sola, ed ei chiamava don Liborio «signor compare» e lavorava con coscienza. Su tal riguardo non gli si poteva dir nulla a «Pentolaccia». Badava a far prosperare la società col «signor compare» il quale perciò ci aveva il suo vantaggio anche lui, ed erano contenti tutti.
Ora avvenne che questa pace degli angeli si mutò in una casa del diavolo tutt'a un tratto, in un giorno solo, in un momento, come gli altri contadini che lavoravano nel maggese, mentre chiacchieravano all'ombra, nell'ora del vespero, vennero per caso a leggergli la vita, a lui e a sua moglie, senza accorgersi che «Pentolaccia» s'era buttato a dormire dietro la siepe, e nessuno l'aveva visto. - Per questo si suol dire «quando mangi, chiudi l'uscio, e quando parli, guardati d'attorno».
Stavolta parve proprio che il diavolo andasse a stuzzicare «Pentolaccia» il quale dormiva, e gli soffiasse nell'orecchio gl'improperii che dicevano di lui, e glieli ficcasse nell'anima come un chiodo. - E quel becco di «Pentolaccia»! - dicevano, - che si rosica mezzo don Liborio! - e ci mangia e ci beve nel brago! - e c'ingrassa come un maiale! -
Che avvenne? Che gli passò pel capo a «Pentolaccia»? Si rizzò a un tratto senza dir nulla, e prese a correre verso il paese come se l'avesse morso la tarantola, senza vederci più degli occhi, che fin l'erba e si sassi gli sembravano rossi al pari del sangue. Sulla porta di casa sua incontrò don Liborio, il quale se ne andava tranquillamente, facendosi vento col cappello di paglia. - Sentite, «signor compare», - gli disse - se vi vedo un'altra volta in casa mia, com'è vero Dio, vi faccio la festa! -
Don Liborio lo guardò negli occhi, quasi parlasse turco, e gli parve che gli avesse dato volta al cervello, con quel caldo, perché davvero non si poteva immaginare che a «Pentolaccia» saltasse in mente da un momento all'altro di esser geloso, dopo tanto tempo che aveva chiuso gli occhi, ed era la miglior pasta d'uomo e di marito che fosse al mondo.
- Che avete oggi, compare? - gli disse.
- Ho, che se vi vedo un'altra volta in casa mia, com'è vero Dio, vi faccio la festa! -
Don Liborio si strinse nelle spalle e se ne andò ridendo. Lui entrò in casa tutto stralunato, e ripeté alla moglie:
- Se vedo qui un'altra volta il «signor compare» com'è vero Dio, gli faccio la festa! -
Venera si cacciò i pugni sui fianchi, e cominciò a sgridarlo e a dirgli degli improperi. Ei si ostinava a dire sempre di sì col capo, addossato alla parete, come un bue che ha la mosca, e non vuol sentir ragione. I bambini strillavano al veder quella novità. La moglie infine prese la stanga, e lo cacciò fuori dell'uscio per levarselo dinanzi, dicendogli che in casa sua era padrona di fare quello che le pareva e piaceva.
«Pentolaccia» non poteva più lavorare nel maggese, pensava sempre a una cosa, ed aveva una faccia di basilisco che nessuno gli conosceva. Prima d'imbrunire, ed era sabato, piantò la zappa nel solco, e se ne andò senza farsi saldare il conto della settimana. Sua moglie, vedendoselo arrivare senza denari, e per giunta due ore prima del consueto, tornò di nuovo a strapazzarlo, e voleva mandarlo in piazza, a comprarle delle acciughe salate, che si sentiva una spina nella gola. Ma ei non volle muoversi di lì, tenendosi la bambina fra le gambe, che, poveretta, non osava muoversi, e piagnucolava, per la paura che il babbo le faceva con quella faccia. Venera quella sera aveva un diavolo per cappello, e la gallina nera, appollaiata sulla scala, non finiva di chiocciare, come quando deve accadere una disgrazia.
Don Liborio soleva venire dopo le sue visite, prima d'andare al caffè, a far la sua partita di tresette; e quella sera Venera diceva che voleva farsi tastare il polso, perché tutto il giorno si era sentita la febbre, per quel male che ci aveva nella gola. «Pentolaccia» lui, stava zitto, e non si muoveva dal suo posto. Ma come si udì per la stradicciuola tranquilla il passo lento del dottore che se ne venìa adagio adagio, un po' stanco delle visite, soffiando pel caldo, e facendosi vento col cappello di paglia, «Pentolaccia» andò a prender la stanga colla quale sua moglie lo scacciava fuori di casa, quando egli era di troppo, e si appostò dietro l'uscio. Per disgrazia Venera non se ne accorse, giacché in quel momento era andata in cucina a mettere una bracciata di legna sotto la caldaia che bolliva. Appena don Liborio mise il piede nella stanza, suo compare levò la stanga, e gli lasciò cadere fra capo e collo tal colpo, che l'ammazzò come un bue, senza bisogno di medico, né di speziale.
Così fu che «Pentolaccia» andò a finire in galera.

Giovanni Verga


Biografia






"Pentolaccia di Giovanni Verga" | Login/Crea Account | 2 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Pentolaccia di Giovanni Verga (Voto: 1 )
di Paolo il Lunedì, 13 dicembre @ 21:40:15 CET
L'invidia ha mietuto una vittima, anzi due. Il dottore esagerava con le sue visite, ma almeno le faceva. 'Pentolaccia' esagerava con l'amor proprio, ma almeno ce l'aveva. Venera esagerava con la sua bellezza, ma cosa poteva farci. La mamma di 'Pentolaccia' esagerava con la sua età, e il figlio non doveva farla mandare via di casa dalla nuora.

| Parent

Re: Pentolaccia di Giovanni Verga (Voto: 1 )
di Paolo il Lunedì, 13 dicembre @ 21:43:52 CET
Anche i figli non se la passeranno bene ma, praticamente, dei genitori avevano solo la mamma.

| Parent


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti di Verga

Articolo più letto relativo a Racconti di Verga:
MALARIA di Giovanni Verga

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 2


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 12 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 13 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 13 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 228 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 54 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 25
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy