Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 265
Totale: 265
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: News
04: Home
05: Stories Archive
06: Home
07: Home
08: Surveys
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: News
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: News
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: News
41: Home
42: Home
43: Home
44: News
45: Your Account
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: coppermine
52: Home
53: Stories Archive
54: Home
55: Home
56: News
57: Home
58: Home
59: Groups
60: Home
61: Home
62: Home
63: Forums
64: Your Account
65: Home
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: coppermine
72: News
73: Forums
74: Home
75: Home
76: Home
77: News
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: Home
84: News
85: News
86: Home
87: News
88: Home
89: Home
90: Home
91: Search
92: News
93: Home
94: Home
95: News
96: News
97: Your Account
98: Your Account
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: News
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: coppermine
120: coppermine
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: News
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: coppermine
142: Stories Archive
143: News
144: Home
145: Stories Archive
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Forums
152: News
153: Stories Archive
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: News
161: Home
162: Home
163: Home
164: Tell a Friend
165: Home
166: Home
167: Home
168: Home
169: Home
170: News
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: Search
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: coppermine
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: News
188: Home
189: coppermine
190: Home
191: Home
192: coppermine
193: Home
194: coppermine
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: News
201: Home
202: Contact
203: Home
204: coppermine
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Search
212: Home
213: Stories Archive
214: coppermine
215: Home
216: Home
217: Forums
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: Home
223: News
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: News
236: Home
237: Home
238: News
239: News
240: Home
241: Home
242: Home
243: Search
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Search
251: Home
252: Home
253: coppermine
254: Your Account
255: Home
256: coppermine
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: News
263: News
264: Forums
265: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924523
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Giulia di Gianrico Carofiglio
Giulia di Gianrico Carofiglio
Postato da Grazia01 il Martedì, 22 febbraio @ 10:32:02 CET (1381 letture)
Racconti III

Giulia

Era un venerdì sera di febbraio, avevo guidato per ore lungo un’autostrada deserta e alla fine ero arrivato al casello di Bari Nord. Ero reduce dai tre giorni del convegno annuale della Società italiana di psichiatria infantile, e ne avevo avuto veramente abbastanza. Volevo sbrigarmi, arrivare a casa, fare una doccia e piazzarmi davanti alla televisione con una birra e un panino. E per quella sera, al diavolo tutto il resto. Il casellante mi restituì la tessera e io feci per riaccendere il motore che non teneva il minimo e si era spento come al solito. Fu in quel momento che sentii bussare piano sullo sportello di destra. Ebbi un sussulto e mi girai, ma il finestrino era appannato. Dovetti abbassarlo tutto per vedere la faccia della bambina. Ci guardammo per qualche secondo senza dire niente. Poi fu lei a parlare.


«Posso salire?»
«Da dove vieni fuori, tu?»
«Mi sono persa. Posso salire?» Una nota di impazienza nella voce.
Mi allungai per aprire lo sportello, lei entrò e si sedette.
«Grazie.»
Indossava un incongruo abitino estivo con un grosso strappo, portava una piccola borsa di paglia celeste e non aveva più di sette, otto anni. Avevo la sensazione di averla già vista, da qualche parte.
«Dove sono i tuoi genitori?»
«Sono a casa, adesso. Puoi darmi un passaggio?»
Stavo per dire qualcosa ma poi pensai che ero lì, fermo in macchina a un casello autostradale, in compagnia di una bambina con i vestiti strappati. Di sera tardi. Pensai che sarebbe stato spiacevole spiegare la situazione a una pattuglia della polizia stradale cui fosse venuta voglia di fare un controllo. Così ripartii senza aggiungere niente, rinviando le domande. La bambina si era sistemata sul bordo del sedile, con le mani incrociate in grembo, la borsetta fra le dita. Quando le dissi di sedere più indietro e di mettere la cintura di sicurezza, si voltò lentamente - molto lentamente - verso di me, con un sorriso lieve, e remoto.
Rimase a guardarmi - la sentivo più. che vederla - per qualche secondo e poi, sempre lentamente, con quei movimenti accurati dei bambini che vogliono comportarsi da adulti, allacciò la cintura e si appoggiò allo schienale. Sono uno psichiatra infantile e per mestiere, di solito, sono a mio agio con i bambini. Non quella sera.
«Come ti chiami?»
«Giulia.»
«Che ci facevi al casello a quest’ora, da sola?»
«Mi ero persa.»
«E adesso dove dovremmo andare?»
Non rispose subito. Aprì la borsetta di paglia, ne tirò fuori un foglietto - una pagina di quaderno a quadretti - e lesse un indirizzo, di Bari. Non lontano da casa mia. Che cosa singolare, pensai. Porta con sé l'indirizzo di casa. Non poteva dirmi anche un numero di telefono? Così avrei chiamato per avvertire che stavamo arrivando. Non ce l'aveva, il numero di telefono. Va bene, andiamo - pensai - tanto in dieci minuti saremmo giunti a destinazione. Nel percorso riuscii a scoprire poco. Non aveva ancora compiuto otto anni, era molto brava a disegnare, le piaceva inventarsi delle storie, e illustrarle. Le piaceva il mare. Tantissimo, disse, e mi sembrò di cogliere una nota di rimpianto. Le chiesi se avesse fratellini o sorelline.
«No. Mamma e papà sono rimasti soli.»
Rispose così, e io pensai che era una strana risposta. Arrivammo poco prima delle undici. Parcheggiai la macchina in doppia fila davanti al portone e feci per scendere. Volevo accompagnarla su a casa, parlare con i genitori e spiegare la situazione. La bambina però si tolse rapidamente la cintura di sicurezza e mi disse che non dovevo scendere. Lo fece prendendomi un polso e trattenendomi seduto. Aprì lo sportello e poi, come per una decisione improvvisa, si voltò di nuovo verso di me e mi diede un bacio sulla guancia. Fu in quel momento che sentii una fitta improvvisa di tristezza, una tristezza infinita e inspiegabile. Così violenta e inattesa che dovetti chiudere gli occhi, per qualche istante. Quando li riaprii, la bambina non c'era più. Mi chiesi come avesse fatto - in quei pochissimi secondi - a citofonare, farsi aprire, entrare e sparire dietro il portone. Senza nessun rumore. Ebbi l'impulso di seguirla, ma mi resi conto che non sapevo nemmeno a chi citofonare e, ancora una volta, che ero in una situazione strana, difficile da spiegare se qualcuno mi avesse chiesto di farlo. Allora misi in moto per andare a casa. Ero molto stanco. Il giorno dopo era la vigilia di Natale. Mi alzai con comodo, scesi a far colazione e a leggere il giornale nel caffè sotto casa. Quella mattina un titolo di ultim'ora occupava quasi metà della prima pagina.

SUICIDA DOPO L'ASSOLUZIONE
IL PRESUNTO ASSASSINO DELLA PICCOLA GIULIA

A qualche giorno dall’assoluzione per l'accusa di stupro e omicidio della piccola Giulia M. P. P. , ricco antiquario barese, muore precipitando dalla terrazza del suo appartamento al quinto piano. Si pensa al suicidio poiché l'accurato sopralluogo dell’appartamento effettuato dai tecnici della polizia scientifica non ha consentito di individuare alcuna traccia di effrazione o di colluttazione. Gli inquirenti comunque dichiarano di non scartare, allo stato, nessuna ipotesi. Seguiva una descrizione dei momenti drammatici della lettura della sentenza. «Maledetto assassino» aveva gridato il padre di Giulia mentre la mamma piangeva, disperatamente.
Come aveva fatto durante tutto il processo. I particolari erano all'interno, e con i particolari la foto della bambina.
Quella bambina.
Gli articoli riepilogavano cose che ricordavo, sul fatto di cronaca che risaliva esattamente a un anno prima. Li lessi lo stesso, meccanicamente, quasi a prendere tempo per trovare un senso a quello che mi era capitato. Che mi stava capitando. La famiglia della piccola Giulia M. era di Bari ma viveva a Bologna. Venivano a trascorrere le vacanze di Natale a Bari, a casa dei nonni. Viaggiavano in auto. Subito dopo il casello di Bari Nord il papà si era accorto di avere una gomma a terra e si era fermato per cambiarla. Erano scesi tutti e tre dalla macchina e, a un certo punto, madre e padre avevano perso di vista la bambina. Era stata ritrovata due giorni dopo nella campagna, quaranta chilometri più a sud. Seguiva una descrizione del corpo, ma quella non la lessi. Le indagini avevano portato all'incriminazione e all'arresto di P.P., ricco antiquario con precedenti per molestie. Il processo, indiziario, era stato segnato da scontri durissimi fra il pubblico ministero, il difensore di parte civile e gli abilissimi, costosi avvocati del signor P.P. Costoro si erano ripetutamente scagliati contro i metodi delle indagini - inquisitori e inaccettabili, secondo loro - e avevano ammonito i giudici perché evitassero un tragico errore giudiziario. La Corte, dopo una Camera di consiglio durata quasi due giorni, non aveva accolto la richiesta di ergastolo avanzata dalla pubblica accusa. Aveva invece pronunciato un’assoluzione destinata sicuramente a far discutere.
Il pubblico ministero, visibilmente contrariato, non aveva voluto rilasciare dichiarazioni, limitandosi a preannunciare l'appello. Il difensore di parte civile aveva detto che si trattava di una decisione inqualificabile mentre gli avvocati del signor P.P. avevano parlato di sentenza coraggiosa e giusta. Coraggiosa e giusta. Era scritto proprio così. Rimasi a lungo seduto, portando la tazza alla bocca senza bere, accendendo diverse sigarette senza fumarle. Cercando una spiegazione senza trovarla. A un certo punto pensai che non potevo starmene lì con il cervello che mi andava in fumo e il barista che mi guardava perplesso.
La mia faccia non doveva essere la solita, che lui conosceva bene. Decisamente no. Così uscii. Non mi ci vollero più di dieci minuti per arrivare a quell'indirizzo. Non so che cosa mi aspettassi di trovare. Certo è che quando diedi un'occhiata alle targhette del citofono scoprii quello che sapevo già. In quel palazzo aveva abitato il signor P.P., antiquario. E stupratore, e assassino di bambini. Maledetto. Se qualcuno poteva dirlo, quello ero io. Tornavo lentamente verso casa senza sapere cosa fare. Così pensai di andare a fare un giro in macchina, da qualche parte. Al mare magari, visto che era una bella giornata d'inverno, fredda e tersa.
Andai a prendere la macchina, mi sedetti, stavo per partire quando mi accorsi della macchia celeste che spuntava sotto il sedile del passeggero. La borsetta di paglia. La raccolsi con un gesto da automa e subito ebbi la stessa sensazione di tristezza dolorosa della sera prima. Una specie di nostalgia lancinante.
La nostalgia che riguarda le cose che non sono accadute, e che non potranno accadere mai più. Me la portai dietro mentre guidavo verso sud e fino a quando arrivai in un posto dove ci sono scogli alti, a picco sul mare. L'acqua era limpidissima. Pura, mi venne di pensare. Era il posto giusto, ma dovevo trovare il modo giusto. Dovevo trovare le parole. Così, per un tempo che non so dire, rimasi seduto su uno scoglio a guardare l'acqua trasparente sotto di me, tenendo in mano la piccola borsa azzurra.
Fino a quando ricordai la volta che avevo visitato il cimitero di una cittadina del New England. Uno di quei cimiteri con semplici lapidi bianche in mezzo a un prato. Ero stato attirato dall’epitaffio di una bambina morta - uccisa, avevo pensato - a poco più di sei anni. Diceva così.

HAI VISTO, NELLA TUA BREVE VITA,
PIÙ ORRORI DI QUANTI DOVREBBERO ESISTERE NEL MONDO INTERO.
RIPOSA ADESSO, BAMBINA.

Lo recitai a voce bassa, ma una persona che fosse stata vicina a me avrebbe sentito. Sicuramente. Riposa, dissi ancora una volta prima di lanciare la piccola borsa di paglia in quell’acqua limpida. E pura. Poi salii in macchina e andai via.

Gianrico Carofiglio

Da Non esiste saggezza






"Giulia di Gianrico Carofiglio" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti III

Articolo più letto relativo a Racconti III:
Tommasino degli schiaffi

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 16 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 15 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 15 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 253 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 58 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 25
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy