Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 430
Totale: 430
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: News
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Search
15: Forums
16: Home
17: Search
18: News
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Stories Archive
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: coppermine
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Statistics
51: coppermine
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: Search
65: Home
66: Home
67: Home
68: Your Account
69: News
70: Home
71: Home
72: Home
73: Home
74: coppermine
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: Home
83: Statistics
84: coppermine
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: Home
101: Stories Archive
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: coppermine
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: Your Account
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: Home
125: Home
126: Home
127: Home
128: Home
129: Home
130: Search
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Search
136: Home
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: coppermine
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Search
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: coppermine
164: Home
165: Home
166: Search
167: Home
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: Home
174: Home
175: Search
176: Home
177: Home
178: Home
179: Home
180: Home
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: News
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: Statistics
191: Home
192: Home
193: coppermine
194: Home
195: coppermine
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: Stories Archive
205: Home
206: Home
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: coppermine
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: coppermine
219: Home
220: Home
221: Surveys
222: Home
223: Home
224: Home
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Stories Archive
232: Home
233: Search
234: Home
235: Forums
236: Stories Archive
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Stories Archive
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Search
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Home
265: Home
266: Home
267: Search
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Home
275: Home
276: News
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: Stories Archive
288: Search
289: Home
290: News
291: Home
292: Home
293: Home
294: News
295: Home
296: Search
297: Home
298: Home
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: Home
304: Home
305: coppermine
306: Stories Archive
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: Search
316: Home
317: Home
318: Statistics
319: coppermine
320: Home
321: Home
322: Home
323: Search
324: Home
325: Home
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: Home
335: Stories Archive
336: Home
337: Home
338: Home
339: Home
340: News
341: Your Account
342: Home
343: News
344: Home
345: Home
346: Home
347: Home
348: Home
349: Home
350: coppermine
351: coppermine
352: Home
353: Home
354: Home
355: coppermine
356: Home
357: Stories Archive
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: News
364: Statistics
365: Home
366: coppermine
367: Home
368: Home
369: Home
370: News
371: Home
372: Home
373: Home
374: Stories Archive
375: Home
376: Home
377: Home
378: News
379: Home
380: Home
381: Home
382: Stories Archive
383: Home
384: Home
385: Home
386: Home
387: Home
388: Home
389: Home
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: Home
395: Home
396: Home
397: Home
398: Forums
399: Home
400: Home
401: Home
402: Home
403: Home
404: Home
405: Home
406: Home
407: Home
408: Home
409: Home
410: Home
411: Home
412: coppermine
413: Home
414: Home
415: Home
416: Home
417: Home
418: Home
419: News
420: coppermine
421: Home
422: Home
423: Home
424: Home
425: Home
426: Home
427: Home
428: coppermine
429: News
430: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9056
  · Viste: 1924259
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Il Re Travicello
Il Re Travicello
Postato da Grazia01 il Lunedì, 30 maggio @ 12:18:29 CEST (2443 letture)
Poesie d'autore II


Il Re Travicello



Al Re Travicello
piovuto ai ranocchi,
mi levo il cappello
e piego i ginocchi;






Al Re Travicello
piovuto ai ranocchi,
mi levo il cappello
e piego i ginocchi;

lo predico anch'io
cascato da Dio:
oh comodo, oh bello
un Re Travicello!

Calò nel suo regno
con molto fracasso;
le teste di legno
fan sempre del chiasso:

ma subito tacque,
e al sommo dell'acque
rimase un corbello
il Re Travicello.

Da tutto il pantano
veduto quel coso,
«È questo il Sovrano
così rumoroso?»

(s'udì gracidare).
«Per farsi fischiare
fa tanto bordello
un Re Travicello?

Un tronco piallato
avrà la corona?
O Giove ha sbagliato,
oppur ci minchiona:

sia dato lo sfratto
al Re mentecatto,
si mandi in appello
il Re Travicello».

Tacete, tacete;
lasciate il reame,
o bestie che siete,
a un Re di legname.

Non tira a pelare,
vi lascia cantare,
non apre macello
un Re Travicello.

Là là per la reggia
dal vento portato,
tentenna, galleggia,
e mai dello Stato

non pesca nel fondo:
che scienza di mondo!
che Re di cervello
è un Re Travicello!

Se a caso s'adopra
d'intingere il capo,
vedete? di sopra
lo porta daccapo

la sua leggerezza.
Chiamatelo Altezza,
ché torna a capello
a un Re Travicello.

Volete il serpente
che il sonno vi scuota?
Dormite contente
costì nella mota,

o bestie impotenti:
per chi non ha denti,
è fatto a pennello
un Re Travicello!

Un popolo pieno
di tante fortune,
può farne di meno
del senso comune.

Che popolo ammodo,
che Principe sodo,
che santo modello
un Re Travicello!


Giuseppe Giusti


poesia che ha tante affinità con i nostri tempi.
segnatami da rchesini





Biografia di Giuseppe Giusti



Giuseppe Giusti, grande poeta toscano, nacque a Monsummano Terme (in provincia di Pistoia) il 12 maggio del 1809. Figlio di un possidente terriero (amministratore per anni delle Terme di Montecatini) e di una ricca donna originaria di Pescia, appartenne a una famiglia innalzata a rango nobiliare nel 1805. Dopo aver studiato con poco profitto in diversi collegi di Montecatini, Firenze, Pistoia e Lucca, si laureò presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Pisa nel 1834. Ebbe molti contrasti col padre, che pretendeva meno indisciplina e più costanza negli studi: interruppe, infatti, gli studi per tre anni anche a causa delle sue simpatie per i Repubblicani e dell’attiva partecipazione a riunioni patriottiche. Sofferente sin dall’adolescenza di disturbi psichici, sviluppò una depressione degenerata in vera e propria nevrosi ed aggravata da una grave infezione polmonare tubercolare. Trasferitosi a Firenze per esercitare la professione, frequentò l’ambiente mondano e conobbe il liberale Gino Capponi, direttore del Gabinetto Viesseux, che l’introdusse nel mondo letterario. Scriveva intanto i suoi versi scherzosi, che circolavano affidati alla memoria, o manoscritti, o pubblicati su giornali. Durante un suo viaggio a Milano nel 1845, fu ospite di Alessandro Manzoni, al quale si legò d’amicizia e col quale mantenne una fitta corrispondenza (in questo periodo abbracciò le idee dei Moderati). Dal 1847 fece parte della Guardia civica col grado di maggiore appoggiando le riforme granducali; entrato in politica durante i moti toscani del 1848, fece parte dell’assemblea della Toscana Costituzionale. Dopo il ritorno del Granduca Leopoldo II (sostenuto dagli Austriaci), lasciò la vita politica e visse ritirato anche a causa delle precarie condizioni di salute. La tubercolosi lo portò a morte prematura, nella casa dell’amico Gino Capponi, il 31 marzo 1850 a Firenze ove fu sepolto presso il cimitero di San Miniato al Monte. Le sue opere - un centinaio di poesie, ben accolte dal pubblico, scritte nel solco della tradizione toscana della poesia burlesca - erano animate da una satira giocosa e da un umorismo pungente, e nel piacevole fluire dei versi avevano come bersaglio la piccola e media borghesia toscana della prima metà dell’Ottocento con tutti i vizi, i privilegi e le magagne della provincia. La sua satira sociale era specialmente rivolta contro gli aristocratici in decadenza, i voltagabbana, gli arrivisti, i profittatori, i borghesi arricchiti, gli oppressori ottusi, i governanti corrotti e i preti mondani, ed essa è ancora oggi di grande attualità. Le sue sparse composizioni poetiche furono raccolte in varie edizioni, pubblicate nel 1844, nel 1845 e nel 1847. Fra le poesie più note, sono da ricordare: “Lo Stivale”, “La fiducia in Dio”, “Il brindisi di Girella”, “Il Re Travicello”, “La vestizione”, “Il poeta e gli eroi da poltrona”, “I grilli”, “Gli Umanitari”, “Il papato di prete Pero” e “Gingillino”. Degna di nota è “Sant’Ambrogio” (1845), che mescola toni commossi e meditativi con incisi ironici e motivi patriottici. In prosa scrisse La “Raccolta di proverbi toscani”, pubblicata postuma nel 1853 a cura di Capponi, e le “Memorie inedite”, anch’esse pubblicate postume nel 1890 col titolo “Cronaca dei fatti di Toscana” (furono ristampate nel 1924); si trattava di testi soltanto apparentemente gai e frizzanti ma in realtà accurati e compiaciuti nella loro ricercatezza. Di Giusti, è rimasto anche un interessante “Epistolario” - scritto nello straordinario vernacolo toscano e pubblicato postumo soltanto di recente - che ci ha fatto conoscere molto della sua vita, della sua personalità, della sua poetica, delle sue idee a proposito della tesi manzoniana sulla lingua ma soprattutto dei fatti contemporanei. Esponente del liberalismo illuminato e moderato rivoluzionario, Giusti seppe dare voce ad individui più moderni e desiderosi di cambiamento, e fu sia un acuto osservatore preoccupato della educazione etica della società del suo tempo sia un poeta satirico che alla sanzione morale e alla fustigazione sociale ha sommato la delineazione caricaturale di molti tipi universali. Uomo di buon senso, riuscì a disegnare una “commedia umana” di tipo quasi balzachiano, conferendo ai suoi caratteri concretezza di gesti e di momenti storici. Con la sua consapevolezza sul ruolo del Poeta, aprì la strada agli oppositori del falso sentimentalismo romantico e al realismo civile e borghese, ben rappresentato dal grande Giosuè Carducci.

Silvia Iannello






"Il Re Travicello" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Poesie d'autore II

Articolo più letto relativo a Poesie d'autore II:
La poesia barocca

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 La cima [ 0 commenti - 7 letture ]
 Sera d’ottobre [ 0 commenti - 17 letture ]
 Rotonda terra [ 0 commenti - 11 letture ]
 Verso Luino [ 0 commenti - 17 letture ]
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 32 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy