Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 343
Totale: 343
Chi è online:
 Visitatori:
01: Forums
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: News
08: Home
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: News
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Forums
21: Home
22: Home
23: Statistics
24: Home
25: Home
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Forums
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: News
40: coppermine
41: Home
42: Home
43: Home
44: Tell a Friend
45: coppermine
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: coppermine
51: Home
52: Home
53: Home
54: News
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: News
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: News
66: Home
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: Home
72: Search
73: News
74: News
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: News
82: Forums
83: Home
84: Home
85: News
86: Forums
87: Home
88: Home
89: coppermine
90: Home
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: News
107: News
108: Home
109: Home
110: coppermine
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: Home
120: News
121: Home
122: Home
123: coppermine
124: News
125: Forums
126: coppermine
127: Home
128: Home
129: Home
130: Home
131: Home
132: News
133: coppermine
134: Home
135: News
136: Home
137: News
138: Home
139: Home
140: News
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: Home
146: Home
147: coppermine
148: Home
149: Home
150: Home
151: News
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Stories Archive
157: Home
158: Home
159: Home
160: Home
161: Home
162: Home
163: Home
164: News
165: Home
166: Home
167: Search
168: Home
169: Home
170: Home
171: Forums
172: Home
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: Search
178: Home
179: Home
180: Home
181: coppermine
182: coppermine
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: coppermine
188: Home
189: Home
190: Home
191: Home
192: Home
193: coppermine
194: Home
195: News
196: News
197: Home
198: Stories Archive
199: Home
200: coppermine
201: Home
202: News
203: Home
204: News
205: Home
206: Home
207: Home
208: coppermine
209: News
210: Home
211: Home
212: Home
213: coppermine
214: Home
215: Home
216: Home
217: News
218: Home
219: Home
220: Home
221: Home
222: News
223: Home
224: Home
225: coppermine
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Forums
232: Search
233: Home
234: Home
235: coppermine
236: News
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: Home
243: Forums
244: Home
245: Home
246: coppermine
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: coppermine
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: Home
263: Home
264: Forums
265: Forums
266: Home
267: Home
268: Home
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: coppermine
274: Home
275: Home
276: News
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: News
282: Forums
283: Stories Archive
284: coppermine
285: Home
286: Home
287: Home
288: coppermine
289: Stories Archive
290: Home
291: Home
292: Home
293: News
294: Home
295: News
296: Home
297: Stories Archive
298: Home
299: News
300: Home
301: Home
302: News
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: Home
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: Home
316: Home
317: News
318: Home
319: News
320: Home
321: Home
322: News
323: Home
324: coppermine
325: Stories Archive
326: Home
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: Home
334: News
335: Home
336: Home
337: Home
338: Home
339: Home
340: coppermine
341: Home
342: Home
343: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9049
  · Viste: 1924122
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › VIAGGIO
VIAGGIO
Postato da Grazia01 il Domenica, 25 novembre @ 14:03:37 CET (22281 letture)
POESIE TEMATICHE II°



Il viaggio in poesia

Viaggio a Montevideo
di Dino Campana

Io vidi dal ponte della nave
i colli di Spagna
svanire, nel verde
dentro il crepuscolo d'oro la bruna terra celando
come una melodia:
d'ignota scena fanciulla sola
come una melodia
blu, sulla riva dei colli ancora tremare una viola...
Illanguidiva la sera celeste sul mare:
pure i dorati silenzi ad ora ad ora dell'ale
varcaron lentamente in un azzurreggiare:...
Lontani tinti dei varii colori
dai più lontani silenzii
ne la celeste sera varcaron gli uccelli d'oro:
la nave già cieca varcando battendo la tenebra
coi nostri naufraghi cuori
battendo la tenebra l'ale celeste sul mare.
Ma un giorno
salirono sopra la nave le gravi matrone di Spagna
da gli occhi torbidi e angelici
dai seni gravidi di vertigine. Quando
in una baia profonda di un'isola equatoriale1
in una baia tranquilla e profonda assai più
del cielo notturno
noi vedemmo sorgere nella luce incantata
una bianca città addormentata
ai piedi dei picchi altissimi dei vulcani spenti
nel soffio torbido dell'equatore: finché
dopo molte grida e molte ombre
di un paese ignoto,
dopo molto cigolío di catene
e molto acceso fervore
noi lasciammo la città equatoriale
verso l'inquieto mare notturno.

Andavamo andavamo, per giorni e per giorni;
le navi gravi di vele molli di caldi soffi incontro
passavano lente:
sí presso di sul cassero a noi ne appariva bronzina
una fanciulla della razza nuova,
occhi lucenti e le vesti al vento!

Ed ecco: selvaggia a la fine di un giorno
che apparve la riva selvaggia2 là giú
sopra la sconfinata marina:
e vidi come cavalle
vertiginose che si scioglievano le dune
verso la prateria senza fine
deserta senza le case umane.
E noi volgemmo fuggendo le dune che apparve
su un mare giallo3
de la portentosa dovizia del fiume,
del continente nuovo la capitale marina4.
Limpido fresco ed elettrico era il lume
della sera e là le alte case parevan deserte
laggiú sul mar del pirata
de la città abbandonata
tra il mare giallo e le dune. . . . . . . . .



IL VIAGGIO DI RITORNO
di Lorenzo Polo

Abbaiando il motore verso casa
nella notte spenta di un nuovo giorno
aspettando l'alba crescente di colore,
guardavo luci opache e sfumate
corrermi incontro per poi fuggire
verso luoghi sconosciuti e lontani.
Abbracciavo lo sterzo lento e secco
in cerca di artificiali protezioni,
e mentre tutto sembrava finire,
qualcosa di stupendo stava iniziando.
Con ritmo asimmetrico
e basse vibrazioni.



Viaggio di ritorno"
di Márcia Theóphilo

Per ombre e luci
la verità di ripetute memorie
si alzava lentamente
l'arsura
e il suono che le veniva di dentro
si prolungava
un muro cresce davanti
si apre in valli di tempo senza misura
nel viaggio di ritorno
mani incallite di strade percorse
e le sette vite magiche in un 'energia antica
mal usata
che lottano per arrivare alla quarta dimensione
dentro l'antiquotidiano triviale
come masticare margherite e svegliare morti
malgrado le braccia stanche di scirocco per
la moltiplicazione dei pesci
sciogliendo pensieri sconnessi
impregnando di calore
nuca e schiene spogliate.




Canzone di viaggio
di Hermann Hesse

Sole illumina il mio cuore,
vento disperdi le mie pene e i miei lamenti!
Piacere più profondo non conosco sulla terra
se non di andare lontano.

Per la pianura seguo il mio corso,
il sole deve ardermi, il mare rinfrescarmi;
per condividere la vita della nostra terra
dischiudo festoso i miei sensi.

E così ogni nuovo giorno mi deve
nuovi amici, nuovi fratelli indicare,
finché lieto posso tutte le forze celebrare,
e di ogni stella diventare ospite e amico.



Viaggiare
di Erik

viaggiare e' quando organizzi una meta
e ne fai un'altra inaspettata;
viaggiare e' sapere con quale mezzo andare
e non con quale ritornare;
viaggiare e' appagarsi ugualmente
qualsiasi sia l'esito del viaggio;
viaggiare e' rendersi conto di
entrare in un tunnel senza uscita
e sapere di aver preso la strada giusta;
viaggiare e' sentirsi cittadino di tutti e di nessuno;
viaggiare e' aiutarsi uno con l'altro;
viaggiare e' affrontare qualsiasi difficolta'
avendo coscienza dei propri mezzi;
viaggiare e' riufiutare la filosofia
del dollaro "piglia tutto";
viaggiare e' sentirsi libero
da ogni stereotipo e catalizzazione;
viaggiare e' sapere di essere uno,nessuno,centomila




Viaggiare
di Alessandro Ranzani

Viaggiare per commuoversi
di fronte ad un panorama.

Viaggiare per capire
di non avere nient'altro
che la propria libertà.

Viaggiare per essere
cittadini del mondo,
che in fondo in fondo
è anche nostro...
Che in fondo in fondo
ci appartiene, oltre
l'impedimento delle bandiere,
oltre l'impedimento del tempo,
dove finisce un tramonto
e si azzera il giorno...

Viaggiare per vivere
al di fuori del confine
della monotonia...

Viaggiare per un sogno o
semplicemente per un'illusione...




IL VIAGGIO in poesia

...Dobbiamo andare e non fermarci mai finché non arriviamo.
- Per andare dove, amico?
- Non lo so, ma dobbiamo andare...
(Jack Kerouac - 'On the road')

Arrivando a ogni nuova città il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva più d'avere: l'estraneità di ciò che non sei più o non possiedi più t'aspetta al varco nei luoghi estranei e non posseduti.
Italo Calvino - 'Le città invisibili'

Il viaggio quindi serve anche aconoscere... conoscersi,
liberarsi da vecchi pregiudizi, mettersi in discussione,
in pratica il viaggio ci regala il senso di appartenenza all'Umanità...

VAGABONDO
T. Formenti

acqua e vento
negli occhi

sole
nell'anima

giro il mondo
in cerca di me stesso

l'altro... gli altri
mi sorridono
agli angoli
delle strade


ANTOLOGIA POETICA
Antonio Machado

Tu che sei in viaggio,
sono le tue orme
la strada, nient'altro;
Tu che sei in viaggio,
non sei su una strada,
la strada la fai tu andando.
Mentre vai si fa la strada
e girandoti indietro
vedrai il sentiero che mai
più calpestarai.
Tu che sei in viaggio,
non hai una strada,
ma solo scie nel mare.


LA STRADA DI BELLEZZA
Canto Navajo

Nuvole nere bussano alla porta
su un oscuro pensiero.
Il fulmine sinuoso le sovrasta.
O Dio,
accetta la mia offerta,
accetta questo fumo.
Ristora le mie membra,
ristora la mia mente,
ristora la mia voce,
allontana da me ogni maleficio
e scaccialo lontano,
rinfresca la mia aninma.

Ecco, sono esaudito.
Possa io da oggi camminare
senza dolore lungo i giorni,
pulsante di vita,
felicemente
tra nubi (edited),
piogge abbondanti,
tanti fiori,
su strade di rugiada e di bellezza.
Bellezza conclude il mio canto.


IL VIAGGIO
Rubén Blades

Si possono percorrere milioni di chilometri in una sola vita
senza mai scalfire la superficie dei luoghi
nè imparare nulla dalle genti appena sfiorate.

Il senso del viaggio sta nel fermarsi ad ascoltare
chiunque abbia una storia da raccontare.

Camminando si apprende la vita,
camminando si conoscono le cose,
camminando si sanano le ferite del giorno prima.
Cammina guardando una stella
ascoltando una voce
seguendo le orme di altri passi.

Cammina cercando la vita
curando le ferite lasciate dai dolori.
Niente può cancellare il ricordo del cammino percorso.





[/color][/b][/size]



Il viaggio in poesia





Il vero viaggio di scoperta
non consiste nel cercare nuove terre,
ma nell’avere nuovi occhi.

Marcel Proust




Tra vent’anni sarete più delusi
per le cose che non avete fatto
che per quelle che avete fatto.
Quindi mollate le cime.
Allontanatevi dal porto sicuro.
Prendete con le vostre vele i venti.
Esplorate. Sognate. Scoprite.

Mark Twain




IL SENSO DEL VIAGGIO

Si possono percorrere milioni di
chilometri in una sola vita
senza mai scalfire la superficie dei
luoghi né imparare nulla
dalle genti appena sfiorate.
Il senso del viaggio
sta nel fermarsi ad ascoltare
chiunque abbia una storia
da raccontare.

Camminando si apprende la vita
camminando si conoscono le cose
camminando si sanano le ferite
del giorno prima.
Cammina guardando una stella
ascoltando una voce
seguendo le orme di altri passi.
Cammina cercando la vita
curando le ferite lasciate dai dolori.

Niente può cancellare il ricordo del
cammino percorso.

Rubén Blades





Itaca

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere d'incontri
se il pensiero resta alto e il sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo
né nell'irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l'anima non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga
che i mattini d'estate siano tanti
quando nei porti - finalmente e con che gioia -
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche aromi
penetranti d'ogni sorta, più aromi
inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.

Sempre devi avere in mente Itaca
- raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo,per anni, e che da vecchio
metta piede sull'isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.

Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos'altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
Già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.


Costantinos Kavafis





A metà

A metà della strada - come avviene
che i nidi di calce e polvere, gli incastri
si disfanno alle spalle, dei sobborghi, e le scene
della campagna senza parola si illuminano;

a metà della strada - fra una città e l'altra,
fra una stazione e l'altra, fra due ore di notte,
quando non sai perchè vai o ritorni
e rotto alla nuca il filo della ragione
scendi tra vecchi giornali e parole di fumo;

a metà della strada - quando il comando è lontano
e il foglio scritto è sbiadito di pioggia
e la battaglia è un'eco e la notte precipita
e chi porta il messaggio ha l'affanno del disertore;

a metà della strada - tra due distanze
quando memoria e previsione hanno taciuto
tra la fine del fiume e il principio del mare
tra due orizzonti eguali ed assoluti....

FRANCO FORTINI





Viaggiare?

Per viaggiare basta esistere
passo di giorno in giorno come di stazione in stazione
nel treno del mio destino
affacciato sulle finestre e sulle piazze
sui gesti e sui volti
sempre uguali e sempre diversi
come in fondo sono i paesaggi

Fernando Pessoa





IL MIO VIAGGIO

Come alla stazione
sul binario della vita mia
un treno tanto atteso appare..........
salgo e, afflitta,
il posto cerco di trovare...

Pesante è il mio bagaglio
e al posar dei ricordi colmi di sconfitte...spero!

Spero ad uno scambio
e senza scesa,
spero di trovar la speranza in dolce attesa.

Mi seggo pensosa
e dall'andirivieni dei passanti
scelgo tra questi....i piu' importanti....
dai ragazzetti del primo batticuore
al grande amore
che è sempre l'ultimo che muore.

Odo un fischiettar furioso
riprende il treno la sua corsa sul binario
e dopo averlo visto ancora una volta già distante
mi accorgo di esser rimasta a terra
con il mio bagaglio ancora piu' pesante.


Donatella Galeotti





Canzone di viaggio

Sole illumina il mio cuore,
vento disperdi le mie pene e i miei lamenti!
Piacere più profondo non conosco sulla terra
se non di andare lontano.

Per la pianura seguo il mio corso,
il sole deve ardermi, il mare rinfrescarmi;
per condividere la vita della nostra terra
dischiudo festoso i miei sensi.

E così ogni nuovo giorno mi deve
nuovi amici, nuovi fratelli indicare,
finché lieto posso tutte le forze celebrare,
e di ogni stella diventare ospite e amico.


Hermann Hesse







IL VIAGGIO IN POESIA




Dobbiamo andare e non fermarci mai finché non arriviamo.
- Per andare dove, amico?
- Non lo so, ma dobbiamo andare...
(Jack Kerouac - 'On the road')





Il viaggio serve anche a conoscere... a conoscersi, a liberarsi da vecchi pregiudizi, a mettersi in discussione, in pratica il viaggio ci regala il più profondo senso di appartenenza all'Umanità...

Nell'ambito della poesia e della letteratura in genere l'emblema storico e classico del viaggiatore non può che essere Ulisse... al cui peregrinare Omero dedicò l'Odissea...
e dopo di lui Marco Polo con il Milione.







Ma il viaggio può anche esser inteso come metafora della nostra vita, ed è quello che facciamo all’interno del nostro animo…

Ma c'è anche quello nel tempo e nello spazio… attraverso la storia... ed oggi c'è anche quello virtuale…



A LUNGO DURERA' IL MIO VIAGGIO
Rabindranath Tagore

A lungo durerà il mio viaggio
e lunga è la via da percorrere.
Uscii sul mio carro ai primi albori
del giorno, e proseguii il mio viaggio
attraverso i deserti del mondo
lasciai la mia traccia
su molte stelle e pianeti.
Sono le vie più remote
che portano più vicino a te stesso;
è con lo studio più arduo che si ottiene
la semplicità d'una melodia.
Il viandante deve bussare
a molte porte straniere
per arrivare alla sua,
e bisogna viaggiare
per tutti i mondi esteriori
per giungere infine al sacrario
più segreto all'interno del cuore.
I miei occhi vagarono lontano
prima che li chiudessi dicendo:
"Eccoti!".
Il grido e la domanda: "Dove?"
si sciolgono nelle lacrime
di mille fiumi e inondano il mondo
con la certezza: "Io sono!".



UNA STORIA BANALE COME ALTRE
Alexis Diaz Pimienta

Sono arrivati all’Avana,
passeggeri dello stesso aereo,
vicini di posto,
chiacchierando delle sciocchezze
che riempiono i viaggi lunghi.
Lei ha nascosto la macchina fotografica,
ha comprato pizze infami,
ha usato monosillabi per nascondere il suo accento.
Lui parlava a voce alta
e sorrideva per ogni cosa,
ha visitato gli alberghi,
ha falsificato lo stupore,
ha affittato un’automobile.
Lei è entrata nel mercato,
è salita sugli autobus,
ha visto le costellazioni
dal lungomare,
ha comprato e bevuto acquavite.
Lui ha pagato le ragazze,
ha dato mance,
ha fatto felice un bambino
con gomme da masticare e biro,
ha fotografato le code e le case.
Un giorno prima di ripartire
si sono incontrati sotto i portici
della Piazza d’Armi,
soli, a tarda notte.
E non hanno trovato nulla da dirsi.








QUEI GABBIANI
Richard Bach

Quei gabbiani
che non hanno
una meta ideale e
che viaggiano solo
per viaggiare,
non arrivano
da nessuna parte,
e vanno piano.
Quelli invece che
aspirano alla perfezione
anche senza
intraprendere
alcun viaggio,
arrivano dovunque,
e in un baleno.


ATTRAVERSAI UNA CITTA' POPOLOSA
Walt Whitman

Una volta passai per una città popolosa
imprimendomi nel cervello per un uso futuro
vetrine, architetture, tradizioni e costumi,
eppure ora di tutta quella città
ricordo solo una donna incontrata per caso
che mi trattenne in quel luogo per amore sincero.
Giorno su giorno e notte dopo notte noi fummo insieme,
il resto è stato tutto da tempo dimenticato:
ricordo, ricordo solo quella donna
che appassionatamente mi stringeva,
e ancora noi camminiamo, amiamo, ancora ci dividiamo,
e lei mi tiene ancora per mano, io non devo andare,
la vedo accanto a me con le sue labbra tremule e mute.


HO SCESO DANDOTI IL BRACCIO
E. Montale

Ho sceso dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.
Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.









IL VIAGGIO IN POESIA




In verità "il viaggio" può assumere diversi significati e valenze…

Il viaggio infatti può anche esser una metafora
della nostra esperienza umana
o un inoltrarsi all’interno di noi stessi…
o un ripercorrere il mondo dei ricordi...
ed infine oggi anche il "navigare" nel web…

Leggiamo ora qualche illuminante aforisma...



Il viaggio è una specie di porta
attraverso la quale si esce dalla realtà
come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno.
Guy de Maupassant

A chi mi domanda ragione dei miei viaggi,
solitamente rispondo che so bene quel che fuggo,
ma non quello che cerco.
Michel de Montaigne

Tra vent’anni sarete più delusi per le cose non fatte
che per quelle fatte.
Quindi mollate le cime.
Allontanatevi dal porto sicuro.
Prendete con le vostre vele i venti.
Esplorate. Sognate. Scoprite.
Mark Twain





BISOGNA VEDERE
Josè Saramago

Bisogna vedere quel che non si è visto,
vedere di nuovo quel che si è visto,
vedere in primavera quel che si è visto in estate,
vedere di giorno quel che si è visto di notte,
con il sole dove prima pioveva,
la pietra che ha cambiato posto.





CAMMINANDO
Rubén Blades

Si possono percorrere milioni di chilometri in una sola vita
senza mai scalfire la superficie dei luoghi
nè imparare nulla dalle genti appena sfiorate.
Il senso del viaggio sta nel fermarsi ad ascoltare
chiunque abbia una storia da raccontare.
Camminando si apprende la vita,
camminando si conoscono le cose,
camminando si sanano le ferite del giorno prima.
Cammina guardando una stella
ascoltando una voce
seguendo le orme di altri passi.
Cammina cercando la vita
curando le ferite lasciate dai dolori.
Niente può cancellare il ricordo del cammino percorso.





INVIDIO I MARI CHE LUI ATTRAVERSA
E. Dickinson

Invidio i mari che lui attraversa
invidio i raggi delle ruote
della carrozza che lo porta in giro
invidio le curve colline
che osservano il suo viaggio.

Tutti possono vedere facilmente
quel che invece, ah, cielo,
a me è vietato assolutamente.

Invidio i nidi dei passeri
che punteggiano le sue lontane grondaie
la mosca soddisfatta sul suo vetro
e le foglie felici felici
che fuori dalla sua finestra
scherzano approvate dall'estate,
gli orecchini di Pizzarro
non potrebbero acquistare ciò per me.

Invidio la luce che lo sveglia
e le campane che gli annunciano
con forti rintocchi il mezzogiorno.
Fossi io
per lui il mezzogiorno.

Ma mi vieto di fiorire
e annullo la mia ape
per paura che il mezzogiorno sprofondi
me e Gabriele nelle notte infinita.





A LUNGO DURERA' IL MIO VIAGGIO
Rabindranath Tagore

A lungo durerà il mio viaggio
e lunga è la via da percorrere.
Uscii sul mio carro ai primi albori
del giorno, e proseguii il mio viaggio
attraverso i deserti del mondo
lasciai la mia traccia
su molte stelle e pianeti.

Sono le vie più remote
che portano più vicino a te stesso;
è con lo studio più arduo che si ottiene
la semplicità d'una melodia.

Il viandante deve bussare
a molte porte straniere
per arrivare alla sua,
e bisogna viaggiare
per tutti i mondi esteriori
per giungere infine al sacrario
più segreto all'interno del cuore.

I miei occhi vagarono lontano
prima che li chiudessi dicendo:
"Eccoti!".
Il grido e la domanda: "Dove?"
si sciolgono nelle lacrime
di mille fiumi e inondano il mondo
con la certezza: "Io sono!".



ITACA
Costantinos Kavafis

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere d’incontri
se il pensiero resta alto
e un sentimento fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni,
no certo nè nell’irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l’anima non te li mette contro.
Devi augurarti che la strada sia lunga.
Che i mattini d’estate siano tanti
quando nei porti
– finalmente, e con che gioia –
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia
e acquista madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche profumi penetranti d’ogni sorta,
più profumi inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.
Sempre devi avere in mente Itaca
– raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull’isola, tu,
ricco dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo in viaggio:
che cos’altro ti aspetti?
E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.









in poesia



La vita è un viaggio, viaggiare è vivere due volte.
(Omar Khayyam, poeta persiano, XII sec.)




Quei gabbiani che non hanno una meta ideale
e che viaggiano solo per viaggiare,
non arrivano da nessuna parte, e vanno piano.
Quelli invece che aspirano alla perfezione
anche senza intraprendere alcun viaggio,
arrivano dovunque,e in un baleno.

Richard Bach



Gli uomini viaggiano per stupirsi degli oceani e dei monti,
dei fiumi e delle stelle
e passano accanto a se stessi senza meravigliarsi.

S.Agostino




I viaggi sono i viaggiatori,
ciò che vediamo non è ciò che vediamo ma ciò che siamo.

Fernando Pessoa




Allegria di naufragi
di Giuseppe Ungaretti

E subito riprende
il viaggio
come
dopo il naufragio
un superstite
lupo di mare









CANZONE DI VIAGGIO
di H. HESSE

Sole illumina il mio cuore,
vento disperdi le mie pene e i miei lamenti!
Piacere più profondo non conosco sulla terra
se non di andare lontano.

Per la pianura seguo il mio corso,
il sole deve ardermi, il mare rinfrescarmi
per condividere la vita della nostra terra
dischiudo festoso i miei sensi.

E così ogni nuovo giorno mi deve
nuovi amici, nuovi fratelli indicare,
finché lieto posso tutte le forze celebrare,
e di ogni stella diventare ospite e amico.




A lungo durerà il mio viaggio
di Rabindranath Tagore

A lungo durerà il mio viaggio
e lunga è la via da percorrere.

Uscii sul mio carro ai primi albori
dei giorno, e proseguii il mio viaggio
attraverso i deserti dei mondo
lasciai la mia traccia
su molte stelle e pianeti.

Sono le vie più remote
che portano più vicino a te stesso;
è con lo studio più arduo che si ottiene
la semplicità d'una melodia.

Il viandante deve bussare
a molte porte straniere
per arrivare alla sua,
e bisogna viaggiare
per tutti i mondi esteriori
per giungere infine al sacrario
più segreto all'interno del cuore.

I miei occhi vagarono lontano
prima che li chiudessi dicendo:
«Eccoti!»

Il grido e la domanda: «Dove?»
si sciolgono nelle lacrime
di mille fiumi e inondano il mondo
con la certezza: « lo sono! »



Fantasia per un inizio di primavera
di Sandro Penna

I tuoi occhi infernali
non mi guardano più.
Sento nascere ali
in me. Già guardo in su.
Solcano verdi prati
leggeri treni neri
e scordano, beati,
le stazioni di ieri.
Ove - ferme le ore
su attoniti quadranti -
ritorna un vago amore
alle cose vaganti.

Partire è ancora lieve
se ti lasci alle spalle
- dimentico - la neve
che scende al fondo valle.









"VIAGGIO" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre POESIE TEMATICHE II°

Articolo più letto relativo a POESIE TEMATICHE II°:
AMICIZIA

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 E per sopravvivere [ 1 commenti - 7 letture ]
 A VOLTE IN CERTI CAUSALI MOVIMENTI [ 0 commenti - 9 letture ]
 Spiegami la fioritura [ 0 commenti - 12 letture ]
 Dal manuale del nomade [ 0 commenti - 28 letture ]
 Tu non ricordi [ 0 commenti - 32 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 20
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy