Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 608
Totale: 608
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Home
03: Home
04: Home
05: Home
06: Home
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: Home
15: Home
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: Home
21: Home
22: Home
23: Home
24: Stories Archive
25: News
26: Home
27: Home
28: Home
29: Home
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: Home
39: Home
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Home
49: Home
50: Home
51: Home
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Home
57: Home
58: Home
59: Home
60: Forums
61: Home
62: Home
63: Home
64: Home
65: Forums
66: News
67: Home
68: Home
69: Home
70: Home
71: coppermine
72: Home
73: Home
74: Home
75: Home
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: News
81: Home
82: Home
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: Home
89: Home
90: Forums
91: Home
92: Home
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: Home
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: Home
109: Home
110: Home
111: Home
112: Home
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: Home
119: News
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: coppermine
125: News
126: Home
127: Home
128: Search
129: coppermine
130: Home
131: Home
132: Home
133: Home
134: Home
135: Home
136: coppermine
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: Home
144: Home
145: News
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: Home
153: Home
154: Home
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: News
161: Home
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: Home
167: coppermine
168: Home
169: Home
170: Home
171: Home
172: Home
173: coppermine
174: Home
175: Home
176: Home
177: coppermine
178: Home
179: Home
180: News
181: Home
182: Home
183: Home
184: Home
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: coppermine
190: Home
191: coppermine
192: Home
193: Home
194: Home
195: Home
196: Home
197: Home
198: Home
199: Home
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: Home
205: Home
206: Search
207: Home
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: Home
213: Home
214: Home
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: Home
220: Home
221: Search
222: Home
223: Home
224: coppermine
225: Home
226: Home
227: Home
228: Home
229: Home
230: Home
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: Home
238: Home
239: Home
240: Home
241: Home
242: Home
243: Home
244: Home
245: Home
246: Home
247: News
248: Home
249: Home
250: Home
251: Home
252: Home
253: Home
254: Home
255: Home
256: Home
257: Home
258: Home
259: Home
260: Home
261: Home
262: Search
263: Stories Archive
264: Home
265: Home
266: Home
267: Home
268: Search
269: Home
270: Home
271: Home
272: Home
273: Home
274: Home
275: Home
276: Home
277: Home
278: Home
279: Home
280: Home
281: Home
282: Home
283: Home
284: Home
285: Home
286: Home
287: News
288: Home
289: Home
290: Home
291: Home
292: Home
293: Home
294: Home
295: Home
296: Home
297: Home
298: Home
299: Home
300: Home
301: Home
302: Home
303: Home
304: Home
305: Home
306: Home
307: Home
308: Home
309: coppermine
310: Home
311: Home
312: Home
313: Home
314: Home
315: Home
316: Home
317: News
318: Home
319: Home
320: Stories Archive
321: Home
322: Home
323: Home
324: Home
325: Home
326: News
327: Home
328: Home
329: Home
330: Home
331: Home
332: Home
333: coppermine
334: Home
335: Home
336: Home
337: Home
338: Home
339: Home
340: Home
341: Home
342: Home
343: Home
344: Stories Archive
345: Home
346: Home
347: Home
348: Home
349: Home
350: Home
351: Home
352: News
353: Home
354: Home
355: Home
356: Home
357: Home
358: Home
359: Home
360: Home
361: Home
362: Home
363: Home
364: coppermine
365: coppermine
366: Home
367: Forums
368: Home
369: Home
370: Home
371: Home
372: Home
373: Home
374: Home
375: Home
376: Home
377: Home
378: Home
379: Home
380: Home
381: Home
382: Home
383: Home
384: Home
385: Home
386: Forums
387: Home
388: Home
389: Home
390: Home
391: Home
392: Home
393: Home
394: Home
395: Home
396: Home
397: Home
398: Home
399: Home
400: Home
401: Home
402: Home
403: Home
404: Home
405: Home
406: Home
407: Stories Archive
408: Home
409: Home
410: Home
411: Home
412: Home
413: Home
414: Home
415: Home
416: Home
417: Home
418: Home
419: coppermine
420: Home
421: Home
422: Home
423: Home
424: Home
425: Home
426: News
427: Home
428: Home
429: Home
430: Home
431: Home
432: Home
433: Home
434: Search
435: Home
436: Home
437: Home
438: Home
439: Home
440: Home
441: Home
442: Home
443: Home
444: Home
445: Home
446: Home
447: Search
448: Home
449: Home
450: Home
451: Home
452: Home
453: Home
454: Home
455: Home
456: Home
457: Home
458: Home
459: Home
460: Home
461: Home
462: Home
463: coppermine
464: Home
465: Home
466: Home
467: Home
468: Home
469: Home
470: Home
471: News
472: Home
473: Home
474: Home
475: Home
476: Home
477: Home
478: Home
479: Home
480: Home
481: Home
482: Home
483: Home
484: Home
485: Home
486: Home
487: Home
488: Home
489: Home
490: Home
491: Home
492: Home
493: Home
494: Home
495: Home
496: Home
497: Home
498: Home
499: Home
500: Home
501: Home
502: Home
503: Your Account
504: Home
505: Search
506: Home
507: Home
508: Home
509: Home
510: Home
511: Home
512: Home
513: Home
514: Home
515: Home
516: Home
517: Home
518: Home
519: Stories Archive
520: Home
521: Home
522: Home
523: Home
524: Home
525: Home
526: Home
527: Home
528: Home
529: Home
530: Home
531: Home
532: Home
533: Home
534: Home
535: Home
536: Home
537: Home
538: Home
539: Home
540: Home
541: Home
542: Home
543: Home
544: Home
545: Home
546: Home
547: Home
548: Home
549: News
550: Home
551: Home
552: Home
553: Home
554: coppermine
555: Home
556: Home
557: Home
558: Home
559: Home
560: Home
561: Home
562: Home
563: coppermine
564: News
565: Home
566: Statistics
567: Home
568: Home
569: Home
570: Home
571: Home
572: Home
573: Home
574: Home
575: Home
576: Home
577: Home
578: coppermine
579: Home
580: Home
581: Home
582: News
583: Home
584: coppermine
585: Home
586: Home
587: Home
588: Home
589: News
590: Home
591: Home
592: Home
593: Home
594: Search
595: Home
596: Home
597: Home
598: Home
599: Stories Archive
600: Home
601: Home
602: Home
603: Home
604: Home
605: Stories Archive
606: Home
607: Home
608: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924523
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › LA RIVOLTA DEGLI ANIMALI di Bartolomeo Di Monaco
LA RIVOLTA DEGLI ANIMALI di Bartolomeo Di Monaco
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 29 maggio @ 12:10:49 CEST (819 letture)
Racconti IV







Sorgeva nella pianura lucchese, appena fuori delle mura della città, un bellissimo e grande castello.
Come si usava allora, appena si era varcato il ponte levatoio, prima di arrivare al palazzo vero e proprio, si incontravano altre costruzioni, quasi sempre di difesa e destinate ai soldati, ma anche casupole riservate ai contadini al servizio del signore.
Costoro allevavano animali soprattutto da cortile in gran quantità, anche se quasi tutti i giorni dal contado salivano altri servi a donare bestie, cacciagione e grano.
Maiali, oche, galline, conigli, fagiani, tacchini erano le vittime più ricercate.
Trascorrevano la loro giornata nell'ansia che fosse l'ultima della loro vita!
Quando il bifolco si avvicinava tremavano di spavento. C'era chi fuggiva, sperando di salvarsi, e c'era chi, invece, riusciva a nascondersi dentro la stalla tra le zampe del bue, e se ne restava lì immobile, illudendosi di farla franca.
Ma a qualcuno purtroppo ogni giorno toccava di morire.
A volte venivano a cacciarli anche in due o tre. E allora non c'era proprio speranza di cavarsela.
Così un giorno, mentre tutti insieme se ne stavano nel cortile a godersi il sole, alla gallina venne un'idea.
"Perché non scappiamo?"
"Ma che dici!" si risentì subito l'oca, alla quale faceva paura anche solo il pensiero di sobbarcarsi la fatica di una difficile fuga.
Il coniglio cominciò a battere i denti.
"Ma che idea è mai questa! Siete impazziti tutti quanti?"
Furono invece d'accordo e lo proclamarono ad alta voce i gruppi dei fagiani, dei tacchini e delle anatre.
Il maiale si trovava più lontano. Non aveva sentito niente.
La gallina lo chiamò.
Il maiale si limitò a voltare pigramente solo la testa verso di lei, seduto com'era tra i suoi porcellini.
Allora la gallina lo scosse con un urlo.
Gli gridò che non era tempo di poltrire, e che trascinasse fino a lei e agli altri compagni quella ingombrante massa di lardo.
"Proprio a te" gli disse, sventolandogli le ali sul viso quando gli fu davanti "dovrebbero interessare questi nostri discorsi, che sei il più ricercato alla tavola del padrone. Non vedi che sei bell'e pronto per il fuoco della sua cucina?"
"Non mi merito affatto i tuoi rimproveri" la redarguì molto sorpreso il maiale, che già si era disteso, però, e sbadigliava.



Ma quando gli altri gli esposero il loro piano, e soprattutto gli manifestarono la loro insofferenza per quella vita tribolata, anche il maiale convenne che si trattava di un'idea coraggiosa, che meritava la più grande attenzione.
Perciò quella prima sera, calato il buio, si radunarono nella stalla attorno ai buoi e alle mucche che stavano ancora ruminando.
"Bisogna decidersi in fretta perché già domani qualcuno di noi non ci sarà più."
"Usciremo a piccoli gruppi dalla porta laterale che dà verso il bosco. È poco sorvegliata. Di sera non sarà difficile nascondersi dietro il grosso portone e attendere l'occasione buona per allontanarci."
"Vieni anche tu" disse la gallina al bue, sotto le cui zampe si era ben riparata.
"Sì sì" fecero tutti gli altri, alzando gli occhi verso quei grossi animali. "Venite anche voi!"
Ma se fare uscire una gallina dal castello era pur sempre un'impresa disperata, come avrebbe fatto a passare inosservato un bue?
Lo fece notare proprio il maiale, che già stava pensando alle difficoltà che gli procurava la sua grossa mole. La quale era nulla a confronto di quella del bue.
"Vorrei tanto venire con voi" si lasciò scappare il bue, che vagheggiava anche lui una vita spensierata all'aria aperta.
"Ci raggiungerai coi tuoi compagni in un secondo tempo, quando ci saremo organizzati sulla collina" lo consolò il maiale.
Così il giorno seguente, dopo una mattinata trascorsa a perfezionare il progetto di fuga, quando calò la sera, pochi per volta, piano piano, di soppiatto, si avviarono verso quella porta secondaria, che sempre rimaneva spalancata fino a tardi.
Le guardie non c'erano, e una stava seduta poco distante, distratta dal gioco di un gruppo di bambini. Rideva a crepapelle.
Così, fu fin troppo facile abbandonare quella loro prigione.
Non lo avrebbero potuto mai immaginare che tutto sarebbe andato liscio come l'olio.
Appena fuori nei campi, infatti, favoriti dall'oscurità, si diressero di corsa verso la vicina collina, e raggiunti i primi arbusti, i primi rovi, lì si fermarono ad attendere gli altri compagni.
Sentivano in quel momento di avercela proprio fatta e che non li avrebbe potuti scoprire più nessuno!
Anche il gruppo dei maiali riuscì a sbrigarsela con relativa facilità, sebbene dietro il portone fosse veramente scomodo stare nascosti uno alla volta, in attesa del momento propizio!
Infine, quando tutti gli animali furono giunti, si rallegrarono di quel primo successo e decisero di mettersi in cammino.
Ora anche il maiale procedeva pomposamente e pareva già godere di quella dilagante libertà.
Apriva la strada la gallina. A lei tutti riconoscevano il merito dell'impresa. La guardavano con molto rispetto.
Saliti un bel po' in alto, il bosco s'infittiva.
Camminavano sotto alberi bellissimi, dalle chiome spiegate al vento.
Per quei fuggiaschi in cerca della libertà, tutto ciò sembrava un sogno.
Lo spettacolo che si apriva davanti ai loro occhi era così incantevole che doveva sicuramente trattarsi del loro paradiso, pensavano.
Ora toccava al maiale, bello tronfio, dritto sulle zampe, a battere la strada.
Dietro aveva i suoi porcellini tutti contenti, che di quando in quando però se ne andavano in giro a curiosare.
Giunsero, infine, quasi sulla cima.
"Fermiamoci qua" suggerì la gallina.
Un po' per la stanchezza, un po' perché il luogo era davvero incantevole, tutti subito acconsentirono.
Si abbandonarono al piacere del riposo.
Ci fu chi si buttò a terra proprio nel punto in cui s'era fermato, senza fare un solo passo in più.
Che esercito di sbandati!
Ma il bello, anzi il brutto, il più difficile, doveva ancora incominciare.
Non c'era più infatti il bifolco ad assisterli. Il cibo dovevano procurarselo da sé!
"Faremo come gli altri animali che vivono in libertà" disse il fagiano, che avvertiva forse più di tutti il piacere di quella nuova vita.
"Ci organizzeremo" aggiunse la gallina.
E così il giorno dopo, al mattino molto presto, tutti furono in piedi a lavorare.
Un gruppo fu incaricato di andare in giro per il bosco a cercare del cibo, un altro di procurare l'occorrente per costruire un rifugio che li proteggesse dai pericoli della notte, altri si misero a fare pulizia.
Intanto, qualche uccello che volava in quei paraggi li vide, e rimase stupito di incontrare tutta quella gente.
In principio se ne stette zitto zitto sull'albero a spiare, poi pensò bene di volarsene via ad informare i compagni.
Così nel bosco si diffuse rapidamente la notizia di quel gruppo di fuggiaschi, e da ogni parte accorsero, dapprima gli uccelli e poi anche gli altri animali.
"Ma che cosa avete intenzione di fare quassù?" domandò al fagiano un grosso merlo nero.
E il fagiano narrò per filo e per segno, aiutato dalla gallina, com'erano andate le cose.
Ci fu meraviglia e anche tanta ammirazione per quell'impresa coraggiosa che li aveva esposti a molti rischi.
"È bello vivere in libertà..." confidò con un lungo sospiro la lepre al coniglio.
Il maiale volle sapere come facevano a procurarsi il cibo tutti i giorni.
"Qui non manca niente. Basta andare un po' in giro per trovarne" li rassicurò il piccolo passerotto.
In quei primi giorni ebbero così l'aiuto necessario dai nuovi amici che abitavano quel bosco, i quali fecero a gara per insegnare loro in fretta tutti i segreti e le attenzioni che richiedeva un'esistenza libera.
Cominciarono però anche i guai.
Infatti, una volta costruito il rifugio comune, ci fu chi non si accontentò del posto assegnatogli e preferiva dormire magari all'angolo opposto, dove se ne stava comodamente insediato un altro animale, che non ci pensava proprio a lasciarsi cacciar via!
Oppure litigavano per i bocconi di cibo più prelibati, o sui turni delle pulizie, e chi più ne ha, più ne metta.
Ci fu anche chi, non sentendosi accontentato, minacciò di abbandonare i compagni.
"Noi tacchini ce ne andremo tutti, se continuerete ad approfittare di noi."
Neppure i conigli erano soddisfatti, sebbene avessero tanta paura a rimanere soli, e un giorno anch'essi protestarono che non sarebbero restati un giorno di più, se le galline avessero continuato a rubare il cibo.
La moglie del maiale, la scrofa, suggerì che bisognava darsi un'organizzazione, se si voleva evitare il malcontento.
Approvarono tutti, e la scrofa, che aveva già in mente qualcosa, espose il suo piano.
"Nomineremo un capo che darà ordini a tutti. Se qualcuno avrà da protestare su qualcosa, lo farà davanti ad un comitato costituito da alcuni di noi."
"Chi farà parte del comitato?" domandò subito il coniglio, che già aveva delle lagnanze da presentare.
"Toccherà a noi eleggerne i componenti" precisò la scrofa, la quale suggerì anche di nominare come presidente suo marito, il grosso maiale, che lei assicurava essere in grado di mantenere l'ordine in quel luogo. E così dicendo, volse con tenerezza lo sguardo a lui che se ne stava sdraiato poco distante. Il maiale scosse subito la testa, e fece intendere alla sua sposa che quel posto proprio non gli interessava, e che gli pareva assai meglio non occuparsene affatto dei problemi altrui. Quelli della sua famiglia erano più che sufficienti a rendergli complicata la vita!
Ma la cara mogliettina insisté a tal punto, e così teneramente lo implorò, che quel grosso pancione alla fine dovette cedere.
Venne eletto anche il comitato, che fu composto da un tacchino, da un fagiano e da una piccola anatra.
In verità, quella modesta e rudimentale organizzazione portò subito i suoi frutti.
Scomparvero le liti e ogni cosa prese a funzionare meravigliosamente.
Ora si cantava sempre più spesso nel campo e c'era molta più allegria di prima.
Si trovò il tempo anche di ricevere gli amici di quel bosco e di fare una vera e propria festa in ringraziamento della collaborazione ricevuta.
Il numero dei loro amici si era intanto vistosamente accresciuto. Anche dagli altri boschi, dalla grande foresta vicina, tanti erano accorsi a vedere, e tutti continuavano a testimoniare grande ammirazione per quell'impresa.
Si poteva dire che fossero riusciti, finalmente, ad organizzare la vita di una simpatica comunità!
La frequentazione divenne più assidua, ricevettero visite provenienti da ogni parte. Pure degli orsi vennero a trovarli. Eppoi le volpi! Sì, proprio loro. E anche dei lupi! Erano venuti con altri scopi, come si può immaginare, ma quando si trovarono in mezzo a quell'allegria spontanea, a quella gioia che si trasmetteva facilmente a tutti, restarono sbigottiti. Forzando un po' la loro natura, pensarono bene di lasciarli in pace.
Vennero i cinghiali, delle capre selvatiche, i daini, le marmotte, gli scoiattoli, alcune civette, i ghiri, insomma ogni specie di animali si sentì attratta da quella compagnia.
La vita vi scorreva lieta e spensierata.
Intanto, al castello, quella sparizione improvvisa di animali non era passata inosservata.
Il signore chiamò i bifolchi e chiese conto dell'accaduto.
Ma essi non sapevano che dire.
"Ma come?" urlava il padrone "Sono spariti più di cento animali e nessuno di voi sa dirmi niente!"
Chiamò le guardie, ma anche queste cadevano dalle nuvole.
Ordinò di mettersi alla ricerca degli animali.
"Guai se non me li riporterete qui. Domandate dappertutto. Qualcuno deve pur aver visto più di cento animali in fuga!"
Si cominciò a frugare fuori del castello, nella pianura e nei boschi vicini.
Giungeva a volte, lassù al rifugio, il latrato dei cani che annusavano la terra.
Fu un pettirosso a dare per primo l'allarme.
"Domani arriveranno quassù!"
"Stanno perlustrando la collina vicina" aggiunse un tordo, arrivato di corsa subito dopo.
Il maiale radunò tutti.
"Ci nasconderemo" decisero.
L'indomani stettero sul chi va là.
Il coniglio si era appostato dietro una siepe in avanscoperta, e insieme a lui stava la piccola lepre, che aveva giurato di non lasciarlo solo in quei terribili momenti.
Sugli alberi, pronti a dare l'allarme, si erano radunati gli uccelli.
"Eccoli, eccoli!" si sentì alla fine gridare da un ramo.
Di lì a poco sopraggiunsero i primi latrati, e si udirono le voci dei soldati.
Gli animali, intanto, si erano nascosti nei nascondigli meglio riparati alla vista e all'odorato dei cani. Erano stati i loro amici della foresta a indicarglieli.
Se ne stavano zitti zitti acquattati.
Giunsero i cani, infine.
Abbaiavano più forte, si erano di più agitati.
"Sono stati qui!" esclamò un soldato, quando scorse la loro grande casa di legno.
"Cerchiamo qua intorno. Non devono essere lontani."
I cani tiravano il guinzaglio. Avevano fretta di scavare, di annusare.
Nei loro nascondigli, i fuggiaschi tremavano di paura.
Qualcuno non aveva nemmeno il coraggio di spiare, serrava gli occhi!
La scrofa teneva stretti a sé i suoi porcellini terrorizzati.
"Maledizione!" esclamò infine un soldato "Dove mai si saranno cacciati?"
Alla fine, dopo aver frugato inutilmente in lungo e in largo, decisero di andarsene.
I cani invece volevano ancora restare.
Li zittirono con urla e colpi di frusta.
"Ritorneremo domani."
"Abbattiamo intanto questa casa" disse un altro.
La grande casa si afflosciò come fosse stata di paglia.
Videro tutto questo gli uccelli appollaiati sui rami intorno al rifugio, zitti anch'essi, addolorati per quanto stava accadendo sotto i loro occhi.
Quando i soldati furono finalmente lontani coi loro cani, tutti uscirono fuori dai nascondigli e si radunarono davanti alla casa distrutta.
Stavano sparsi per terra i legni costati tanta fatica!
Il maiale cercò di dare conforto.
Ma la gallina non lo lasciò finire.
Con le ali sui fianchi, piena di stizza, si voltò verso i compagni e pronunciò una tale invettiva contro il padrone e i suoi spietati scherani che alla fine tutti gli animali si sentirono presi dal desiderio di farsi giustizia.
Applaudirono anche gli uccelli, che promisero il loro aiuto, e subito se ne volarono nel cielo, chi prendendo una direzione, chi un'altra.
"Chiederemo aiuto a tutti i compagni della foresta. Anche agli orsi. E anche i cinghiali dovranno venire" urlò il tordo pieno di rabbia, mentre spiccava il volo dal ramo.
Ed ecco infatti la sorpresa, il fatto sovrannaturale! Che riguarda proprio il modo di quella vendetta, veramente straordinario.
Il mattino dopo, un viaggiatore che si recava al castello quale ospite del signore, con sua meraviglia non riesce a scorgerlo.
Si guarda intorno.
Addirittura controlla la mappa che ha con sé.
Alza gli occhi al sole, verifica il luogo, riconosce le colline che fanno corona alla città di Lucca. Scorge le sue Mura.
Ma il castello che stava proprio davanti alle Mura non c'è più!
Resosi conto del prodigio, lesto sprona il cavallo.
Varca la porta che introduce alla città.
Qui nota un subbuglio insolito, e apprende che anche in città si è saputo della improvvisa sparizione del castello.
Nessuno però sa dare a tutto ciò una spiegazione ragionevole.
Così, dopo quei primi giorni di sgomento, di incredulità, alla fine la gente cominciò a pensare che forse il castello non era mai esistito, e presto lo dimenticò. Proprio così! Avete inteso molto bene: lo dimenticò!
Dunque, il desiderio della libertà non solo aveva finalmente vinto, ma aveva vinto a quel modo! Quale punizione maggiore, infatti, avrebbe potuto colpire il castello e il suo crudele signore, se non quella dell'oblio?
Quei minuscoli animali impauriti non avevano chiesto aiuto a nessuno. Spontaneamente ne avevano ricevuto. E questo era già di per sé molto bello, e da solo sarebbe bastato a generare la loro felicità. Ma ricevere un aiuto tanto grande da riuscire a cancellare dalla mente umana tutto ciò che aveva rappresentato il loro passato di schiavitù, beh, di arrivare addirittura fino a questo punto non ci avrebbero potuto mai sperare, nemmeno se avessero avuto il più fantastico e ostinato ottimismo di questo mondo.



Bartolomeo Di Monaco






"LA RIVOLTA DEGLI ANIMALI di Bartolomeo Di Monaco" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Racconti IV

Articolo più letto relativo a Racconti IV:
La storia di Muhammad Din

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 12 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 13 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 13 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 228 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 54 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 25
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy