Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 103
Totale: 103
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: coppermine
03: Home
04: News
05: Search
06: Stories Archive
07: Home
08: Home
09: Home
10: Home
11: Home
12: Home
13: Home
14: News
15: Home
16: News
17: Home
18: coppermine
19: Forums
20: Forums
21: Home
22: Stories Archive
23: Home
24: Home
25: Stories Archive
26: News
27: coppermine
28: News
29: Stories Archive
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: News
35: Stories Archive
36: Home
37: coppermine
38: News
39: News
40: Stories Archive
41: Stories Archive
42: Home
43: coppermine
44: Home
45: Home
46: Home
47: Search
48: Home
49: News
50: Home
51: News
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: News
57: Home
58: Home
59: Home
60: News
61: Home
62: coppermine
63: Home
64: Home
65: Home
66: Search
67: Home
68: Search
69: Search
70: News
71: coppermine
72: coppermine
73: Home
74: Home
75: News
76: Home
77: News
78: News
79: coppermine
80: Home
81: News
82: Search
83: Home
84: Home
85: coppermine
86: Home
87: Search
88: Home
89: Search
90: Home
91: Home
92: News
93: coppermine
94: Home
95: Home
96: Home
97: Home
98: Home
99: Home
100: News
101: Search
102: Home
103: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9085
  · Viste: 1926210
  · Voti: 432
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › La luce nelle poesie
La luce nelle poesie
Postato da Grazia01 il Giovedì, 27 giugno @ 19:19:23 CEST (3847 letture)
Poesie tematiche III




nelle poesie





Una luce


È una povera donna, mite, fine,
che non ha quasi coraggio di essere,
e se ne sta nell'ombra, come una bambina,

coi suoi radi capelli, le sue vesti dimesse,
.ormai, e quasi povere, su quei sopravvissuti
segreti che sanno, ancora, di violette;

con la sua forza, adoperata nei muti
affanni di chi teme di non essere pari
al dovere, e non si lamenta dei mai avuti

compensi: una povera donna che sa amare
soltanto, eroicamente, ed essere madre
è stato per lei tutto ciò che si può dare.

La casa è piena delle sue magre
membra di bambina, della sua fatica:
anche a notte, nel sonno, asciutte lacrime

coprono ogni cosa: e una pietà così antica,
così tremenda mi stringe il cuore,
rincasando, che urlerei, mi toglierei la vita.

Tutto intot:no ferocemente muore,
mentre non muore il bene che è in lei,
e non sa quanto il suo umile amore,
poveri, dolci ossicini miei
possano nel confronto quasi farmi morire
di dolore e vergogna, quanto quei

suoi gesti angustiati, quei suoi sospiri
nel silenzio della nostra cucina,
possano farmi apparire impuro e vile...

In ogni ora, tutto è ormai, per lei, bambina,
per me, suo figlio, e da sempre, finito:
non resta che sperare che la fine

venga davvero a spegnere l'accanito
dolore di aspettarla. Saremo insieme,
presto, in quel povero prato gremito

di pietre grige, dove fresco il seme
dell'esistenza dà ogni anno erbe e fiori:
nient'altro ormai che la campagna preme


ai suoi confini di muretti, tra i voli
delle allodole, a giorno, e a notte,
il canto disperato degli usignoli.


Farfalle e insetti ce n'è a frotte,
fino al tardo settembre, la stagione
in cui torniamo, lì dove le ossa

dell' altro figlio tiene la passione
ancora vive nel gelo della pace:
vi arriva, ogni pomeriggio, depone

i suoi fiori, in ordine, mentre tutto tace
intorno, e si sente solo il suo affanno,
pulisce la pietra, dove, ansioso, lui giace,

poi si allontana, e nel silenzio che hanno
subito ritrovato intorno muri e solchi,
si sentono i tonfi della pompa che tremando

lei spinge con le sue poche forze,
volenterosa, decisa a fare ciò che è bene;
e torna, attraversando le aiuole folte

di nuova erbetta, con quei suoi vasi pieni
d'acqua per quei fiori.. Presto

anche noi, o dolce superstite, saremo

perduti in fondo a questo fresco
pezzo di terra; ma non sarà una quiete
la nostra, ché si mescola in essa

troppo una vita che non ha avuto meta,
Avremo un silenzio stento e povero,
un sonno doloroso, che non reca

dolcezza e pace, ma nostagia e rImprovero,
la tristezza di chi è morto senza vita:
se qualcosa di puro, e sempre giovane,

vi resterà, sarà il tuo mondo mite,
la tua fiducia, il tuo eroismo:
nella dolcezza del gelso e della vite

o del sambuco, in ogni alto o misero
segno di vita, in ogni primavera, sarai
tu; in ogni luogo dove un giorno risero,

e di nuovo ridono, impuri, i vivi, tu darai
la purezza, l'unico giudizio che ci avanza,

ed è tremendo, e dolce : che non c e mai.
disperazione senza un pò di speranza.


Pier Paolo Pasolini




Dove la luce


Come allodola ondosa
Nel vento lieto sui giovani prati,
Le braccia ti sanno leggera, vieni.
Ci scorderemo di quaggiù,
E del mare e del cielo,
E del mio sangue rapido alla guerra,
Di passi d'ombre memori
Entro rossori di mattine nuove.

Dove non muove foglia più la luce,
Sogni e crucci passati ad altre rive,
Dov'è posata sera,
Vieni ti porterò
Alle colline d'oro.

L'ora costante, liberi d'età,
Nel suo perduto nimbo
Sarà nostro lenzuolo

Giuseppe Ungaretti





E' come la luce

È come la Luce -
Una Delizia senza forma -
È come l'Ape -
Una Melodia - senza tempo -
È come i Boschi -
Privata - Come la Brezza -
Senza parole - eppure agita
Gli Alberi più superbi -
È come il Mattino -
Migliore - quando è finito -
E gli Orologi Eterni -
Battono - Mezzogiorno!

Emily Dickinson




Giochi ogni giorno

Giochi ogni giorno con la luce dell'universo.
Sottile visitatrice, giungi nel fiore e nell'acqua.
Sei più di questa bianca testina che stringo
come un grappolo tra le mie mani ogni giorno.
A nessuno rassomigli da che ti amo.
Lasciami stenderti tra ghirlande gialle.
Chi scrive il tuo nome a lettere di fumo tra le stelle del sud?
Ah lascia che ti ricordi com'eri allora, quando ancora non esistevi.
Improvvisamente il vento ulula e sbatte la mia finestra chiusa.
Il cielo è una rete colma di pesci cupi.
Qui vengono a finire tutti i venti, tutti.
La pioggia si denuda.
Passano fuggendo gli uccelli.
Il vento. Il vento.
Io posso lottare solamente contro la forza degli uomini.
Il temporale solleva in turbine foglie oscure
e scioglie tutte le barche che iersera s'ancorarono al cielo.
Tu sei qui. Ah tu non fuggi.
Tu mi risponderai fino all'ultimo grido.
Raggomìtolati al mio fianco come se avessi paura
Tuttavia qualche volta corse un'ombra strana nei tuoi occhi.
Ora, anche ora, piccola, mi rechi caprifogli,
ed hai persino i seni profumati.
Mentre il vento triste galoppa uccidendo farfalle
io ti amo, e la mia gioia morde la tua bocca di susina.
Quanto ti sarà costato abituarti a me,
alla mia anima sola e selvaggia, al mio nome che tutti allontanano.
Abbiamo visto ardere tante volte l'astro baciandoci gli occhi
e sulle nostre teste ergersi i crepuscoli in ventagli giranti.
Le mie parole piovvero su di te accarezzandoti.
Ho amato da tempo il tuo corpo di madreperla soleggiata.
Ti credo persino padrona dell'universo.
Ti porterò dalle montagne fiori allegri,copihues,
nocciole oscure, e ceste silvestri di baci.
Voglio fare con te
ciò che la primavera fa con i ciliegi.


Pablo Neruda




IL VOLO DI ICARO

La luce è rimasta vuota,
senza più colori, senza più vita,
ed ogni ferita rimane aperta
continuando a sanguinare
come la pioggia scende dal cielo

Quanta superficialità ha attraversato il mio tempo,
quante cocenti delusioni
hanno accompagnato i miei giorni,
quante ostinate catene
hanno stretto con forza la mia anima
smarrita in questo mondo di solitudine;
l'ultima sigaretta dà fuoco alla miccia
poi la mia rabbia esploderà

Tutto rimane uguale,
ma tutto s'infiamma
e bruciano i deserti dell'umana carità;
non rimangono che illusioni
per questa mia gioventù
che consuma la propria esistenza
sui binari della follia,
mentre l'ultimo treno è partito
stracarico di ricordi, ma senza di me,
ed i giorni giacciono lì
come sogni in abito blu
a dirmi, l'hai voluto tu:
no, Icaro, no
sei troppo vicino al sole
e dal sole precipitò giù....

Domenico Azzaro






"La luce nelle poesie" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Poesie tematiche III

Articolo più letto relativo a Poesie tematiche III:
La montagna nelle poesie

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Con il tempo ho imparato... [ 0 commenti - 33 letture ]
 Sognare [ 0 commenti - 34 letture ]
 addio Casatea [ 2 commenti - 197 letture ]
 Milano mia [ 0 commenti - 63 letture ]
 COME MUORE UN ANZIANO OGGI? [ 1 commenti - 103 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 28
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy