Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 252
Totale: 252
Chi è online:
 Visitatori:
01: Search
02: coppermine
03: Home
04: Home
05: Home
06: Statistics
07: Home
08: Home
09: Home
10: News
11: Home
12: Home
13: Stories Archive
14: News
15: News
16: Search
17: Home
18: Home
19: Home
20: Forums
21: Home
22: Home
23: Home
24: Stories Archive
25: Home
26: News
27: Search
28: Home
29: News
30: Home
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: coppermine
38: Home
39: Home
40: News
41: Home
42: Home
43: Home
44: Home
45: Home
46: Home
47: Home
48: Stories Archive
49: Home
50: News
51: News
52: Home
53: Home
54: Home
55: Home
56: Top
57: Home
58: Home
59: Home
60: News
61: Search
62: Home
63: News
64: Home
65: Home
66: News
67: Home
68: Home
69: Home
70: coppermine
71: Home
72: Home
73: Home
74: coppermine
75: Home
76: coppermine
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Stories Archive
82: Stories Archive
83: Home
84: Home
85: Home
86: Home
87: Home
88: coppermine
89: News
90: Home
91: Home
92: coppermine
93: Home
94: Home
95: coppermine
96: Home
97: Home
98: Stories Archive
99: Home
100: Stories Archive
101: coppermine
102: News
103: Search
104: Stories Archive
105: coppermine
106: coppermine
107: Home
108: Home
109: Forums
110: News
111: News
112: News
113: News
114: News
115: Home
116: Home
117: News
118: Home
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Search
125: Top
126: Home
127: Home
128: Home
129: News
130: Stories Archive
131: Home
132: Home
133: News
134: Home
135: Home
136: Forums
137: News
138: Home
139: News
140: Home
141: News
142: Forums
143: Surveys
144: coppermine
145: News
146: Search
147: Search
148: coppermine
149: News
150: Search
151: Forums
152: News
153: Home
154: Stories Archive
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Search
161: News
162: Home
163: Home
164: Home
165: Home
166: News
167: Stories Archive
168: Home
169: coppermine
170: coppermine
171: Home
172: Statistics
173: Home
174: Home
175: Home
176: Home
177: News
178: Home
179: News
180: News
181: coppermine
182: News
183: Home
184: coppermine
185: Home
186: Home
187: Home
188: Home
189: Home
190: News
191: Home
192: Home
193: Forums
194: Search
195: Home
196: Statistics
197: News
198: Home
199: coppermine
200: Home
201: Home
202: Home
203: Home
204: News
205: Home
206: News
207: News
208: Home
209: Home
210: Home
211: Home
212: News
213: Home
214: Search
215: Home
216: Home
217: Home
218: Home
219: News
220: Stories Archive
221: coppermine
222: Home
223: News
224: Home
225: Search
226: News
227: Search
228: coppermine
229: Home
230: coppermine
231: Home
232: Home
233: Home
234: Home
235: Home
236: Home
237: Home
238: Search
239: Home
240: coppermine
241: Search
242: coppermine
243: Search
244: Home
245: Home
246: Home
247: Home
248: Home
249: Home
250: Home
251: Stories Archive
252: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9076
  · Viste: 1924523
  · Voti: 431
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Cecchina a Genova e i denti della Malapaga
Cecchina a Genova e i denti della Malapaga
Postato da Paolo il Lunedì, 09 dicembre @ 20:58:37 CET (183 letture)
Le opere di Paolo III
“Nei giorni 2 e 3 gennaio i Serenissimi Collegi della Repubblica emanarono un decreto col quale Maria era dichiarata Regina di Genova...” (sambrogiodimignanego.it)

Nell'ultimo dopoguerra, fu girato a Genova un film con interprete maschile Jean Gabin che, allora, aveva quarantacinque anni ma ne dimostrava di più. Egli è il marinaio Pierre che ha commesso nella sua Francia un delitto passionale, è imbarcato clandestino su di un mercantile e sbarca a Genova.




Il titolo originale “Al di là del cancello” si comprende fin dall'inizio, perché mostra uno strategico varco portuale. C'è la vita al di qua del cancello, con le navi che solcano il mare e dove tutto è impalpabile, sfuggente e incostante. C'è la vita al di là del cancello, con le complessità delle casualità, l'incombenza delle responsabilità e l'inesorabilità delle scadenze. L'occasione per scendere dalla nave, è offerta a Pierre dall'implacabile decorso di una pulpite dentale. Una Signora conosciuta per la via indica al malato un dentista, dove sarà accompagnato dalla figlia di lei: Cecchina. La ragazzina si sente importante, e lo è, perché determinante nell'incombenza: il dente andrà tolto. L'estrazione avviene in via di San Bernardo: il dottore presenta il tariffario che tiene conto dell'impiego, o meno, di anestesia. A estrazione avvenuta, Pierre presenterà, a pagamento della prestazione, denaro falso che aveva ottenuto in cambio del suo buono. Il tutto a causa di un imbroglione che, appena là fuori, si era offerto come cambiavalute. Sarà stato distratto o, forse, era il mal di denti. Quando segue Cecchina che, questa volta, lo accompagna in trattoria dove la madre lavora come cameriera, si riproporrà il problema di come pagare il pranzo. Ci penserà la Signora a fare passare per buona la moneta falsa. Improvvisamente compare, a guastare la digestione, il marito separato della Signora: egli esige il ritorno a casa dei familiari. Prima abitavano tutti in Francia, di lì anche la facilità comunicativa femminile con Pierre che non parla l'Italiano. Platealmente, la signora proclama che preferisce continuare lì a fare la serva che ritornare alle “dipendenze” di un marito violento e delinquente. Pierre non sarà violento, ma un delitto l'ha già commesso: magari sarà stato per discontrollo degli impulsi, ma su questo dovrebbe esprimersi un amico Psichiatra che si è detto interessato al plot. Pierre e la Signora s'avviano insieme verso casa di lei, il marito di lei tenta un nuovo ratto ma Pierre si oppone con la forza. La Signora è conquistata da Pierre che, senza fissa dimora, si rifugio da lei in una soffitta – nascondiglio. Nel frattempo, Cecchina si difende dal papà ma s'ingelosisce di Pierre. Pierre si fa di nuovo aiutare da Cecchina a rientrare sulla nave sulla nave per recuperare effetti personali e soldi: era sceso per il mal di denti, ma questa volta scende per amore. Il mal di denti aveva già portato via a Lubecca il console Buddenbrook nell'omonimo romanzo di Thomas Mann: là l'estrazione era andata peggio e il personaggio era stato colto da shock settico per la strada. Altri due casi odontoiatrici letterari si trovano nei racconti di Ceckov. Il generale a riposo Buldeev preferirebbe la medicina alternativa, ma non trova chi la pratichi. Così si deve accontentare, si fa per dire, di una estrazione domiciliare che riesce bene. Oggi, forse, sarebbe un un cliente adatto a un successivo impianto. Il sagrestano ortodosso Vonmiglasov ricorre invece al servizio pubblico ma, nonostante si rivolga al medico chiamandolo “vostra grazia”, subisce un maldestro intervento con rottura dentale e permanenza radicolare nell'alveolo. Ignoriamo quale sarà il decorso ma speriamo che il simpatico sagrestano abbia attitudine a nuovi equilibri naturali. Ritornando a Pierre, vediamo che porta un po' di soldi, se non proprio conforto, nella casa in via di Mascherona dove la Signora e Cecchina vivono in una specie di “comune” di sfollati: oggi è sede della Facoltà di Architettura. Il francese compra un bel vestito per la signora e uno, molto simbolico, a Cecchina per la sua Prima Comunione. Sui festeggiamenti per le Prime Comunioni genovesi, e quanto ci tenessero tutti, si può leggere “La bocca del lupo” di Remigio Zena, un romanzo pieno di personaggi cattivi: forse oggi in Città ci tengono ancora, ma non saprei dire. Cecchina cambia atteggiamento verso Pierre, che sembra più sfortunato che male intenzionato. La comunità locale è un po' gelosa della Signora che ha trovato uno spasimante: al tempo gli spasimi si riservavano di più alle trenette al pesto; tuttavia prevale la solidarietà quando la polizia arriva sulle tracce del ricercato internazionale. Vari anni dopo, invece, l'invidioso Comune non terrà alcun conto della solidarietà tra chi popolava, da quelle parti, una storica enclave. Certo quelle case non avevano ricevuto molta manutenzione, ma fu demolita l'intera via della Madre di Dio, quella piena di negozi semplici ma utili: da piazza Dante portava al mare e, dopo riempimenti, più prosaicamente alla caserma dei Pompieri. Più prosaicamente ancora, diciamo così, vi scomparve anche la casa natale di Niccolò Paganini. Per dirla col Poeta, ora Genova dovrà “cantare il suo canto” da qualche altra parte. Pierre e la Signora si concedono alcune ore di svago, le ultime, e raggiungono in autobus la marina: a me sembra quella dei Bagni Cica di Quarto , ma lascio la conferma agli studiosi del posto, conosco suoi frequentatori molto assidui. Nonostante gli sforzi di Cecchina per resistere al sonno e avvertire il fuoruscito del pericolo incombente, al ritorno a casa la coppia eviterà la ragazzina credendola sempre gelosa: invece è, solo, buona. Aveva anche scritto col gessetto sulle scale: “Attention Pierre”: là dove la madre, invece, presterà attenzione a una scarpa. Così la coppia finirà nella trappola tesa dalla polizia. Pierre non farà resistenza all'arresto, La Signora lancerà un urlo e prenderà per mano la figlia, con la quale continuerà la vita; Pierre la continuerà in galera. Infatti, il titolo italiano del film è proprio “Le mura di Malapaga”: dal nome delle antiche stamberghe dove la repubblica Genovese sbatteva malfattori, presunti tali e prigionieri di battaglie navali; tutti “pagati” appunto in quel malo modo. Il soggiorno era molto lungo. Anche quelle mura non sono lontane dai luoghi della nostra storia: sembra che tutto a Genova succeda sempre lì a due passi. A onore dei Medici Dentisti Genovesi, l'estrazione di Pierre è, almeno, stata coronata da successo. Non hanno, invece, successo i miei scritti; almeno per chi non è portato ad apprezzare i Koan delle meditazioni Zen:”problemi oscuri ed assurdi, inventati e costruiti...”(meditare.net). Lo pensa un mio amico Chirurgo di qui, eravamo insieme negli Alpini: altri tempi, altri denti.

Giuseppe Paolo






"Cecchina a Genova e i denti della Malapaga" | Login/Crea Account | 2 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Cecchina a Genova e i denti della Malapaga (Voto: 1 )
di Grazia01 il Lunedì, 09 dicembre @ 22:01:23 CET
Buonasera Dott. Paolo, come sempre è un piacere leggerla, grazie. Approfitto per inviarle gli auguri di Buone Feste.

| Parent


Toggle Content Links Correlati

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Poesie d’amore [ 0 commenti - 16 letture ]
 Consacrazione dell’istante [ 0 commenti - 15 letture ]
 Licenza [ 0 commenti - 15 letture ]
 Oh, my Darling Mary and Benny! Racconto Western [ 0 commenti - 252 letture ]
 La vera fine della guerra [ 0 commenti - 58 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 25
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy