Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 88
Totale: 88
Chi è online:
 Visitatori:
01: coppermine
02: Search
03: coppermine
04: News
05: Home
06: Home
07: Search
08: Home
09: coppermine
10: News
11: Home
12: Home
13: Home
14: News
15: coppermine
16: News
17: Home
18: coppermine
19: Home
20: News
21: coppermine
22: Search
23: News
24: Home
25: Home
26: Search
27: Home
28: Search
29: Home
30: News
31: Home
32: News
33: Home
34: Home
35: Stories Archive
36: coppermine
37: Home
38: Home
39: Home
40: News
41: News
42: Home
43: Home
44: Home
45: coppermine
46: News
47: News
48: Home
49: Home
50: Home
51: Search
52: Home
53: Search
54: coppermine
55: Home
56: Search
57: Home
58: Home
59: Home
60: News
61: News
62: Search
63: Search
64: Search
65: Home
66: News
67: Home
68: News
69: Home
70: Search
71: Home
72: News
73: Search
74: coppermine
75: Home
76: Home
77: Home
78: coppermine
79: Home
80: Search
81: Search
82: Search
83: Home
84: Home
85: Home
86: coppermine
87: Statistics
88: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 9085
  · Viste: 1925927
  · Voti: 432
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › La vera fine della guerra
La vera fine della guerra
Postato da Grazia01 il Lunedì, 07 marzo @ 19:51:03 CET (156 letture)
Un pensiero, una poesia al giorno




La vera fine della guerra


Un mattino tutti i treni tornarono in stazione
vuoti – ci si poteva levar le scarpe e andar scalzi
verso casa. Lungo binari e malva silvestre
con quello strano senso di leggerezza

e che gli oggetti trovati ora avrebbero pesato ancor di più:
fischietto, orologio, una macchina fotografica rotta.
Per fortuna la maggior parte di essi esisteva
come esistevamo noi, appena salati, nell’aria.

L’intera casa era pure un edificio di fili
di ragno, che un tremolio delle palpebre avrebbe abbattuto.
Per un attimo restammo sospesi così nel caldo
respiro dell’estate, finché un bambino, che sospirava

nel sonno, si alzò e vide un giardino pieno di piume.

Tomasz Różycki






"La vera fine della guerra" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Un pensiero, una poesia al giorno

Articolo più letto relativo a Un pensiero, una poesia al giorno:
Estate

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Con il tempo ho imparato... [ 0 commenti - 30 letture ]
 Sognare [ 0 commenti - 28 letture ]
 addio Casatea [ 1 commenti - 188 letture ]
 Milano mia [ 0 commenti - 61 letture ]
 COME MUORE UN ANZIANO OGGI? [ 1 commenti - 98 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content Sondaggio
Come migliorare e rendere più agibile il sito?




Risultati :: Sondaggi

Voti: 28
Commenti: 1

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy