Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 166
Totale: 166
Chi è online:
 Visitatori:
01: Search
02: News
03: Home
04: Home
05: coppermine
06: News
07: Home
08: Home
09: coppermine
10: coppermine
11: News
12: Home
13: coppermine
14: coppermine
15: News
16: Home
17: Home
18: Home
19: Home
20: coppermine
21: Home
22: Home
23: Home
24: coppermine
25: coppermine
26: Home
27: Home
28: News
29: Home
30: News
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: coppermine
39: coppermine
40: Home
41: Home
42: Home
43: Home
44: News
45: coppermine
46: Home
47: Home
48: Home
49: News
50: coppermine
51: News
52: coppermine
53: Home
54: Home
55: Home
56: News
57: News
58: Home
59: coppermine
60: Home
61: Home
62: Home
63: Home
64: coppermine
65: Home
66: News
67: coppermine
68: Stories Archive
69: Home
70: Home
71: Home
72: Home
73: coppermine
74: Home
75: coppermine
76: Home
77: Home
78: Home
79: Home
80: Home
81: Home
82: coppermine
83: coppermine
84: Home
85: Home
86: Home
87: coppermine
88: coppermine
89: Home
90: coppermine
91: coppermine
92: coppermine
93: News
94: Home
95: Home
96: Home
97: coppermine
98: Home
99: coppermine
100: Home
101: Home
102: Home
103: Home
104: Home
105: Home
106: Home
107: Home
108: coppermine
109: Home
110: News
111: Home
112: Stories Archive
113: Home
114: Home
115: Home
116: Home
117: Home
118: coppermine
119: Home
120: Home
121: Home
122: Home
123: Home
124: Home
125: coppermine
126: News
127: Home
128: Home
129: Home
130: coppermine
131: Home
132: Search
133: coppermine
134: Home
135: coppermine
136: News
137: Home
138: Home
139: Home
140: Home
141: News
142: coppermine
143: Search
144: Stories Archive
145: News
146: Home
147: Home
148: Home
149: Home
150: Home
151: Home
152: coppermine
153: Home
154: coppermine
155: Home
156: Home
157: Home
158: Home
159: Home
160: Search
161: Home
162: coppermine
163: coppermine
164: Home
165: Home
166: News

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8652
  · Viste: 1370061
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità › Camilleri racconta Caravaggio
Camilleri racconta Caravaggio
Postato da Grazia01 il Giovedì, 08 febbraio @ 09:51:17 CET (5892 letture)
Recensioni III

La copertina del nuovo libro di Andrea Camilleri
Il colore del sole


«Quando non racconto le storie di Montalbano mi sento libero» confessa l'autore. Che nel romanzo dedicato all'artista affronta il tema del tormento creativo. In un diario che è anche una scommessa: la ricostruzione della scrittura del genio

Il fax si accende continuamente sulla scrivania di Andrea Camilleri. E spesso sono fogli trasmessi scritti a mano. Nel suo studiolo, pieno di quadri e di libri, Camilleri accende una sigaretta: «Come le è sembrato?» chiede. Si riferisce al nuovo romanzo che esce dalla Mondadori il 6 febbraio, intitolato: Il colore del sole, 110 pagine scritte in un italiano secentesco, un diario siciliano del pittore Caravaggio.

Un diario falso, ovviamente, di cui nessuno ha mai saputo nulla, e ritrovato in modo rocambolesco.

«Vorrei proprio sapere come lo prenderanno i miei lettori» dice sorridendo.
Quelli che vorrebbero solo e soltanto Montalbano?
Infatti. Quando non scrivo di Montalbano mi sento libero. È come una fuga d'amore.
La annoia scrivere di Montalbano?
No, però certe volte è una prigione.
La fuga lei anche questa volta l'ha fatta in Sicilia. Racconta che in un modo misterioso viene avvicinato da un uomo che la porta in un luogo dove un equivoco personaggio le mostra delle pagine manoscritte di Caravaggio. Lei ha costruito un falso storico perfetto. Faticoso?
Per niente. Per me falsificare è una gioia. È una delle cose che mi riescono meglio.




Andrea Camilleri

Veniamo al libro. La parte iniziale, dove lei racconta come è venuto in possesso del manoscritto, è molto lineare e in un italiano moderno.
"Più che lineare direi ovvia, anzi di un ovvio ributtante. Ma quello è un fatto di teatro, è la ricostruzione di un linguaggio abituale, piatto, non sciatto però. In maniera di avere poi la botta che ti arriva con la seconda parte del libro."
Quando si entra nel diario frammentato di Caravaggio, inizia il contrasto. E si percorre un testo inquietante, denso, fitto di suggestioni, in una sorta di incubo dove il lettore entra nella follia vera e propria del pittore.
"Se lei mi dice questo, sono contento, lei è il primo con il quale sto parlando di questo libro. Era questa la mia intenzione. Attraverso la fuga da Malta di Caravaggio e il suo soggiorno in Sicilia ho voluto raccontare come un uomo che si sente braccato cominci a entrare in un'allucinazione mentale".
I suoi lettori, abituati a Montalbano, si stupiranno a leggere queste pagine. Ma quelli che cercano anche un Camilleri diverso troveranno una riflessione sul rapporto tra creatività e follia che è spiazzante.
"Sì, e la sa una cosa? Volevo anche arrivare, ma mi è mancato il coraggio, a una sorta di dissoluzione della scrittura. Però non me la sono sentita. O forse non ne ho avuta la capacità".
Anche senza la dissoluzione della scrittura il suo Caravaggio è ancora più tormentato di quanto già sapevamo. Perché?

"Lui, Caravaggio, non può che partire da un dato di fatto concreto per narrare la sua storia, che è il modo di raccontare che mi è più congeniale. E poi la cosa straordinaria è che mi sono reso conto che quando io scrivo scelgo l'angolatura della macchina da presa. Quello che è il punto di vista. E Caravaggio fa la stessa cosa. E quante volte noi tiriamo il nero dietro..."
Cioè?
"Lei pensi alla scrittura... E immagini che dietro la scrittura noi potessimo mettere sullo sfondo un telo nero. Per farla risaltare meglio. Ecco, ho cercato di fare questo nel libro. Ho cercato un'affinità di racconto e una chiave per cercare di capire come dipingesse Caravaggio. Qual era il suo punto di vista. Mi interessava raccontare di come la realtà della sua vita, come dire, dissennata, cominciava a
incidere nel suo modo di dipingere".
Nel suo libro si dice che Caravaggio usasse una macchina, una sorta di camera oscura per proiettare le immagini e ricopiarle. Come se ricalcasse. Pensa questo della pittura di Caravaggio?

"Quella è una sorta di macchina di presa, un modo per trovare un punto di vista. Ma vede, la camera oscura che avrebbe usato Caravaggio è vero che proiettava, ma capovolgeva e andava corretta. Ed è proprio nella capacità di correggere la realtà che c'è l'arte. In questo sfalsamento delle proporzioni c'è il genio di Caravaggio e forse anche il segreto dell'arte in generale"
.
La cosa più difficile deve essere stata ricostruire una scrittura del pittore che di fatto non è mai arrivata a noi, se non attraverso pochi frammenti.

"Sì, questa era la scommessa, però non ho avuto difficoltà"
.
Camilleri, questo è un libro storico. Uno dei filoni che lei segue da anni. È un libro sulla Sicilia. È un libro sulla pittura, che lei ama molto. Ma è anche un libro sull'ossessione creativa, sul rapporto tra realtà e finzione. Per certi aspetti è una sua riflessione sul suo lavoro e sul suo mestiere. Sembra che lei volesse liberarsi di qualcosa.

"Può essere. In fondo il mio Caravaggio è vinto dalle sue paure. E trae spunto da queste. La forza dei suoi dipinti sta nel fatto che lui vede fantasmi ovunque, ma poi questi fantasmi diventano qualcosa di imponente e assolutamente reale".
In che senso?
"Che quello che vede Caravaggio quando dipinge è la sua stessa follia".
Ora tornerà a Montalbano?
"Non subito, mi piace alternare libri e filoni diversi. Ad aprile dalla Sellerio uscirà un altro mio libro ancora diverso. Che è la ricostruzione di una storia incredibile e vera. Vuole saperla?"
E come no...
"Due anni fa mi capita un fatto. Mi capita di leggere un libretto alla memoria di un vescovo di Agrigento, che non era siciliano, ma era di Alessandria, in Piemonte: Giovan Battista Peruzzo si chiamava. Il primo vescovo in Sicilia che nel 1944, quando cominciano le occupazioni delle terre, si schiera dalle parti dei contadini. A un certo punto proprio per questo gli sparano. E rimane per sei giorni tra la vita e la morte"
Riesce a sopravvivere?
"Sì, miracolosamente. Operato in fretta su un tavolaccio di cucina. Bene, 11 anni dopo questo fatto, la madre badessa del convento di Palma di Montechiaro gli scrive una lettera e gli dice: «Eccellenza, non glielo dovrei dire, ma glielo dico per obbedienza. Nei sei giorni in cui lei stette tra la vita e la morte, dieci tra le più giovani suore di questo convento fecero un patto con il Signore...».
Quale?
Le loro vite contro la sua. E il Signore accettò lo scambio. Le dieci suore sono morte e lei è sopravvissuto. Io quando ho letto questo, ho fatto un salto dalla sedia e sono arrivato a questo soffitto. Come è possibile? Mi sono detto, ma che cavolo scrive questa badessa..."
Ma è vero?
"Sono andato a cercare il libro originale ed è vero. Le dieci suore si sono suicidate. Nel 1945, dieci suore dai venti ai trent'anni si sono lasciate morire di fame e di sete. Dodici giorni dopo scoppia la bomba di Hiroshima. E allora mentre la storia fa un salto mostruoso in avanti, lì, in quel convento, la storia fa un salto mostruoso all'indietro".
Camilleri, è sconcertante quello che sta raccontando, quanto è sconcertante il suo Caravaggio.
Avremo un Camilleri sempre più inquietante e sempre più lontano dal rassicurante Montalbano?
"Sapesse come mi diverto a rimescolare continuamente le carte..."


Roberto Cotroneo





Argomenti associati

Recensioni  IRecensioni II

"Camilleri racconta Caravaggio" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.


Toggle Content Links Correlati
 Inoltre Recensioni III

Articolo più letto relativo a Recensioni III:
Camilleri racconta Caravaggio

Toggle Content Valutamento Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Per favore prenditi un secondo e vota l'articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Regolare
Pessimo


Toggle Content Opzioni

Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Buon San Valentino [ 0 commenti - 16 letture ]
 Via Montenapoleone [ 0 commenti - 21 letture ]
 Lettere a un'amica [ 0 commenti - 24 letture ]
 A volte succedono [ 0 commenti - 18 letture ]
 prendersi per mano [ 0 commenti - 19 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 19:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 08:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 22:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 13:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 09:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 19:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy