Prim amur
Martedì, 21 luglio @ 20:06:57 CEST

Postato da Grazia01

Prim amur

Quand andavi ancora a scola g’avevi un filarin
un bel fio’ alt, cunt gli occ gris e i cavei biundin.




Quand andavi ancora a scola g’avevi un filarin
un bel fio’ alt, cunt gli occ gris e i cavei biundin.
El faseva el suldà, e la dumenica alla stasiun
cunt la scusa de salutas, i basin l’eran muliun.
Ghe scrivevi dei leter con bust foderà de fiur
e carta rosa, l’eran leter pien de proget per il futur,
l’eran gentil e tener e per timidezza ghera no pasiun,
me rispundeva cun parol de fog, e mi diventavi de bras
quand el legevi anche se ghera nessun e scundevi nel ras
de la fodera d’una vegia bursa, confusa e spaventada
di quel che me veniva dos, a leg quella cartada.
Ricordi no perché se vedem più, ricordi la sua vus,
che se ciamava Tumas, e che l’era el me prim amur.
Gu minga rimpiant, semai un cicinin de nulstalgia
per du occ gris e quela tusa che lè vulada via.


Traduzione

Primo amore

Quando ero ancora studentessa, avevo un filarino.
un bel ragazzo alto, con gli occhi grigi e i capelli biondi,
faceva il soldato, e la domenica alla stazione
con la scusa dei saluti, i baci erano un milione.
Gli scrivevo lettere in buste foderate di velina a fiori,
su carta rosa, erano lettere piene di promesse e cuori,
erano gentili e tenere, e per timidezza prive di passione.
Lui rispondeva con parole di fuoco e io diventavo rossa
mentre leggevo anche se ero sola, e le nascondevo nel raso
di una vecchia borsa, confusa e spaventata
per le sensazioni che provavo leggendo quei fogli.
Non ricordo perché non ci vedemmo più, ricordo la sua voce,
che si chiamava Tommaso, e che era il mio primo amore.
Non ho rimpianti, caso mai un pochino di nostalgia,
per due occhi grigi e quella ragazzina che è volata via.


Grazia


Content received from: Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro..., http://www.casatea.com