Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 158
Totale: 158
Chi è online:
 Visitatori:
01: Stories Archive
02: coppermine
03: Home
04: Home
05: News
06: News
07: Search
08: News
09: coppermine
10: Stories Archive
11: Stories Archive
12: Home
13: Home
14: News
15: coppermine
16: coppermine
17: News
18: Search
19: Home
20: coppermine
21: coppermine
22: Home
23: News
24: Home
25: News
26: coppermine
27: Home
28: Your Account
29: Home
30: coppermine
31: Home
32: Home
33: Home
34: Home
35: News
36: coppermine
37: Home
38: Home
39: Forums
40: coppermine
41: Home
42: Stories Archive
43: Stories Archive
44: Stories Archive
45: Home
46: Stories Archive
47: Stories Archive
48: coppermine
49: Home
50: coppermine
51: News
52: News
53: News
54: Home
55: News
56: Home
57: Home
58: Search
59: Home
60: coppermine
61: coppermine
62: Stories Archive
63: Home
64: Home
65: Search
66: Home
67: Home
68: Forums
69: News
70: Stories Archive
71: Stories Archive
72: Stories Archive
73: News
74: Stories Archive
75: coppermine
76: Stories Archive
77: Home
78: Home
79: Stories Archive
80: Home
81: Home
82: Home
83: coppermine
84: Home
85: News
86: Home
87: News
88: coppermine
89: coppermine
90: Home
91: News
92: News
93: News
94: coppermine
95: Home
96: Home
97: Home
98: coppermine
99: Home
100: News
101: Home
102: News
103: Search
104: Home
105: Home
106: News
107: Stories Archive
108: News
109: News
110: News
111: Stories Archive
112: coppermine
113: coppermine
114: News
115: Home
116: coppermine
117: coppermine
118: News
119: coppermine
120: coppermine
121: News
122: Home
123: Home
124: coppermine
125: coppermine
126: Home
127: News
128: Forums
129: Stories Archive
130: Home
131: Home
132: Home
133: Stories Archive
134: coppermine
135: News
136: Home
137: Home
138: coppermine
139: Home
140: Home
141: Home
142: Home
143: coppermine
144: Search
145: News
146: coppermine
147: Home
148: Stories Archive
149: Home
150: coppermine
151: News
152: coppermine
153: Home
154: News
155: News
156: Home
157: News
158: Home

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8525
  · Viste: 1264141
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Le poesie di Pegaso II

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

Limbo
Postato da brunouk il Sabato, 07 dicembre @ 08:44:13 CET (714 letture)
Le poesie di Pegaso II



Femminili umori
come tracce di fumo
disegnano un volto in netto contrasto
di quanto riflesso dal freddo specchio.

L’anima trema, vorrebbe amare
si rintana nella sua ombra
miniato narcisistico effetto
distratta da riti oziosi ossessivi.

Diacroniche ambigue visioni, senza arredi
cattura d’altri orizzonti
in alterata percezione
fodera privata enclave
tracciando ardite prospettive
serie illimitata di lattescenti visioni
deriva di una vita dal ritmo increspato
ordinata dal tempo in condensata noia.

Pensieri spenti come esausti neon
esaltano illusioni tessuti in stretta trama
come rivoli desolati di pioggia leggera
scorrono su nero asfalto sospeso nella mente
lampi obliqui sgranano diafane foto
senza freno appaiono sul freddo schermo.

È solo un sussurro privo di spazio
a celare la fragilità riflessa dal reale
dispersa in un fondotinta dal rosa pigmento
nell'inutile tentativo d’appartenenza
si accovaccia oramai insensata
in un backstage rituale
nella ricerca d’altra impossibile realtà.

Bruno Gasparri


commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Libero
Postato da brunouk il Mercoledì, 26 settembre @ 09:58:28 CEST (759 letture)
Le poesie di Pegaso II

Mi sono immerso nel tempo
l’ho atteso
guerriero intento alla lotta.

Uomo desideravo le stelle
accontentandomi del deserto
dove solo il Baobab
sa attendere.

A volte il guerriero
vince la battaglia
a volte si perde
negli occhi di una donna.

Ma, quando la stella dell’Orsa
nella notte risplende
allora il mio sogno
si alza dal deserto
alla cometa d’oriente
vola, non ha confini.

Dall’orizzonte
guardo l’amore e i suoi nemici
guardo l’ultima notte
senza paura
chiudo gli occhi
lascio che il mio destino
scorra nell’attimo
finalmente libero
d’essere.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 3 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il tempo che fu
Postato da brunouk il Martedì, 25 settembre @ 08:56:56 CEST (853 letture)
Le poesie di Pegaso II









Sono tornato per entrare nel tempo
in uno stesso giorno d’estate
di un primo ricordo
nell’alba che nasce improvvisa
specchiandosi sulle acque chete del lago.

L’aria s’impregna del dolce tepore di vita
sciogliendo l’umida foschia della notte
leggera s’innalza fluttuando
distorcendo celate velate forme
emergono dal buio di un lontano passato.

L’immenso avvolge mentre l’attimo espande.

Libero nella gioia d’essere
lascio il freddo fremito di morte vibrare
nel tempo non mio che scorre.

Sono sceso dalla vetta del monte
nel mio mondo di silenziose attese
bambino che ride tra i fiori
dove tutto e pianura
le rocce nubi
l’amore è un canto di una vita senza età
ferma d’incanto
in un tempo che fu.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Verso la Luna
Postato da brunouk il Lunedì, 24 settembre @ 08:15:00 CEST (598 letture)
Le poesie di Pegaso II


In questo “unico” tramonto
cammino sulla spiaggia
dove l'onda accarezza l'arenile.

Vado in direzione della Luna
all'orizzonte sorge
tra bianca spuma e sbiadita nuvola.

Addio giorno!
mi hai visto “guerriero”
nella tua luce risalta l'errore
di chi, in maniera sbagliata,
esalta l'essere razza superiore,
vive, decantando ai quattro venti
i propri pregi.

Eppure, proprio i miei discepoli,
mi hanno sfidato nell'arte della spada
in breve combattimento, con pochi colpi
le loro armi giacevano a terra.

Perché?, mi hanno chiesto,
sapendo tanta superiorità
hai accettato la fida?
In realtà, nella sfida, loro
vogliono solo mantenere vivo il dialogo
per verificare fino a che punto
in guerra, solo raccontata
ho sviluppato l'abilità della vittoria.

Io “guerriero”, ora mastro
in passato ho affrontato battaglie
da dove, sempre, ho tratto insegnamento
molti di questi dolorosi
provocati dall'insistenza di una vittoria
troppo distruttiva nell'apparire
tanto da confondere il vinto con il vincitore.

Alla fine il sangue versato
si mescola, ha uno stesso colore
mentre la “storia” è raccontata
con unica lingua da unica parte
tanto che perfino “Dio” è coinvolto.

Tremate gente!,
“voi tutti “
siete solo un mio sogno
elaborato in un fulgido inizio
suggellato da un bacio d'amore.

Tra poco fermerò il tempo
spegnendo l'universo
e il vostro ricordo.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Fantasticamente Amore
Postato da brunouk il Domenica, 23 settembre @ 13:42:21 CEST (1025 letture)
Le poesie di Pegaso II


Solo fermarmi
chiudo gli occhi fluttuando
mentre allunga l’ombra della sera,
confuse connessioni
penso che amarti sia il mio universo.

Sei aggraziata mentre ti spogli
mi sussurri:
“questa notte è solo nostra”
Uno spazio/tempo a spirale
trasparente si estende
mentre scivolo nel non fare dell’attesa.

Intoni una canzone
motivetto dalle parole nitide fresche
ben accompagnano
lo scrosciar d’acqua della doccia
mi muovo
nel nascosto angolo dell’immaginazione
avvolge con il suo velo incantato
mi sento brinare in mille goccioline
s’uniscono, gelosamente trepide
intrufolano tra l’onda dei capelli
poi baciano i tuoi occhi belli
in gocce scarlatte sulle labbra tremano
poi, in bramosia d’amplesso, t’avvolgono
assorbono il dolce sapore di cosmetico
misto a crema d’ Aloe vera
in tripudio stimolano, accarezzano
in spasmodica esistenza orgasmica.

Ritmicamente ti muovi
assecondando l’oramai divenuta onda
nell’impeto ai tuoi piedi s’infrange
evaporando in ovattata nebbia
lentamente sale espandendo nell’aria
il morbido sapore della tua pelle
in un nuovo perenne richiamo d’amore.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Potrei...
Postato da brunouk il Venerdì, 21 settembre @ 09:05:05 CEST (778 letture)
Le poesie di Pegaso II

Racchiudere potrei il silenzio
di questa eterna notte
in un solo battito del cuore
sospeso in un istante infinito …

Il tuo ricordo
in una sola lacrima dall’aspro sapore …

L’amore
solo in un intenso amplesso …

Il monte
in una boccia trasparente
dove la neve turbina senza vento …

La primavera
in una fotografia
dove fiori e prato non hanno profumo …

La musica
nell’eco di una sola vibrante nota …

La sabbia
in questa immobile clessidra
fermando così il tempo.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


sono Qui
Postato da brunouk il Giovedì, 20 settembre @ 10:24:52 CEST (764 letture)
Le poesie di Pegaso II

Oggi non cercatemi
sono immerso nel muto silenzio
là a sud, dove l’alba accarezza l’orizzonte
fonde lontano
nel buio di notte che già attende
tenue argentato riflesso
d’unica stella testimone del tempo
colora la cresta dell’onda
danza su palcoscenico
adagiato nel blu dell’acqua.

L’immenso avvolge
sperduto tra ali fugaci del sogno
memoria si perde nel lento risveglio
solitudine dell’attimo d’uomo senza eco
mentre meridiani sgretolati in sabbia
insensati scorrono tra le mani.

Oltre c’è il sole
una cascata di luce
l’io emerge dall’anima
libero dall’idea di morte
mentre un nuovo giorno avvolge il creato
campi fioriti e messi
crescono su resti d’odio e vendetta
la Terra allora tornerà Casa
vera Pace come soave melodia
di pioggia diffusa da brezza calda
laverà i visi sostituendo lacrime
mentre la Vita dona voce
profumo alla rosa
e eco tra le stelle.

Bruno Gasparri

commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


A luci spente
Postato da brunouk il Mercoledì, 19 settembre @ 08:23:51 CEST (745 letture)
Le poesie di Pegaso II

Ho bisogno di verde e silenzio,
stendere un leggero velo
alla fine del giorno.

Non mi disturbano
ambigue fragili visioni
in spazio delicato
armoniche trasparenze
ne assaporo magica scena.

Sei bellissima
nel tuo ambrato colore
esalta magnetica essenza di donna,
drappeggiata lenzuola ti accarezza.

Mi guardi,
ondeggio in precario equilibrio
lentamente mi stendo accanto
spengo la luce.

Il buio accentua percezione di te
silenzio levigato
scivolo nel tuo spazio,
sento pulsare il cuore
isola olfattiva m’inebria
leggero disegno ideogrammi sul seno,
un bacio, un fremito
l’infinito mi avvolge
mentre ti stringo tra le braccia.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Amore d'Angelo
Postato da brunouk il Martedì, 18 settembre @ 17:18:10 CEST (768 letture)
Le poesie di Pegaso II

È sceso un angelo dal cielo
ha cantato per me
l’amore, il mio amore
per te, per te vita
per te amore mio
riscaldi ogni notte
la più fredda e triste
ogni dubbio ogni malinconia
svanisce nella luce perenne di stella
brilla accesa d’amore
negli occhi solo per me,
nel dono insperato, desiderato
lo offri semplicemente
senza fiocco o involucro
nel profumo di rosa,
nel canto d’usignolo,
nel guizzo dirompente di vita
che sboccia dal mare,
nel sereno viso di bimbo
beato assapora seno di mamma,
nell’alba di sole,
nel soave sorriso di donna.

Dolce amata, desiderata
nel sogno d’amplesso
dove l’uomo ritorna bambino,
dorme sicuro nel ventre di mamma
fuso nel sangue,
cullato, protetto come gemma preziosa,
mentre voce soave canta
l’inno alla vita.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Vento
Postato da brunouk il Domenica, 16 settembre @ 08:54:49 CEST (686 letture)
Le poesie di Pegaso II

Tu vento
arrivi da nord porti l’inverno
cosa importa se il cuore è in tumulto.

Avvolti da leggero velo
sogni in eleganti estrazioni
dilatano in spazi cromatici
accentuati da un sole palpitante
oramai stanco dell’estate.

Solo sopiti motivi d’amore
emozioni fragili,
trasparenti ali di farfalla evanescenti
spargono iridescenti aloni
pigmenti dispersi
ad indicarmi strade
tra il bianco gelo
che sfuma in dissolvenza.

Nella mente sospese
come in attesa
visioni si cullano su frastagliate onde,
respira il mare
increspato dal vento tagliente,
mi abbandono al freddo gelo
cercando l’intelligenza del nulla.

All’improvviso l’essenza si fa chiara,
gigantografie scorrono come fotogrammi
infrangono schermo rifratto dal reale,
mi guardo, in un backstage rituale,
raggomitolandomi in estrema difesa al gelo
sperando che il sonno cancelli ogni ricordo
per poi risvegliarmi in un nuovo raggio di sole.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Donna mia
Postato da brunouk il Sabato, 01 settembre @ 12:24:26 CEST (950 letture)
Le poesie di Pegaso II

Danza, danza nel vento,
nel turbine rapisci il cuore
donna mia.

Cresciuta lontano in altro mondo
dove dietro di te brina si scioglie
mentre l’alba fiorisce nell’aurora
regalando rugiada a prati e fiori.

Voli sulle note dolci dell’amore
la tua figura è l’ombra della mia
come foglio bianco non scritto
orfano di poesia, muto del grido.

Sono rocce le mie nubi
mentre l’onda s’infrange
sul mio mondo d’attesa e silenzi,
non è bastato l’amore di una vita
dove solo le stelle sanno parlare.

Che cosa serve conoscere il volto della vita
se un sospiro vola più lontano,
non essere capace di dire: “ti Amo”
quando eri tra le mie braccia
pensando di donarti una nuova vita
legata all’amore del mio regno.

Un regno dal cancello dorato
gelosamente custodito
dove solo il sogno sale all’apice del mondo
vive di luce e calore
senza età e senza dolore
di un amore riflesso ma muto.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il cavallo
Postato da brunouk il Giovedì, 30 agosto @ 11:41:00 CEST (751 letture)
Le poesie di Pegaso II
Il cavallo


Corri! cavallo corri
incito di folla urlante
battuto da frusta di fuoco,
il traguardo è lontano
oltre ti aspetta un giusto riposo.

Ma,
crolla il tuo agile corpo sul prato divelto
tutto si offusca
ricordo rallenta in un giorno di sole
libero sul colle, profumo di giumenta.

Tutto tace
Il grido si è spento
con gesto fraterno di pace
una mano accarezza il lucido manto
l’atra spegne per sempre il ricordo di vita.



Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 262 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Primo Amore
Postato da brunouk il Mercoledì, 29 agosto @ 08:08:26 CEST (739 letture)
Le poesie di Pegaso II

Pezzi strappati di una tua fotografia
immagine sbiadita dal tempo
che mai, come ora mi appare confusa
cercando di ricomporla scavando nel ricordo
impossibile collage dai tasselli mancanti.

Eppure questa brezza serale
con il suo profumo di mare
porta tuo riflesso dipinto nell’anima,
intagliato d’aria e sole vestito d’amore.

Di lunghe attese ho rivestito giorni,
mentre nuvole capricciose
giocano in nuovi cieli
avare, aride di pioggia
mentre il sole tramonta e si leva
incurante di mie notti e albe in fasce
ansimando in compatti pendii
tra autunni e gelidi inverni.

Ho vissuto tra altri profumi
immerso in regole e destino
quotidiana ricerca del tuo sognato amore.

Resta stupore intatto a colmare la mia vita
anche sbiadito, il primo amore
non si scorda mai.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Fonte
Postato da brunouk il Martedì, 28 agosto @ 22:33:56 CEST (755 letture)
Le poesie di Pegaso II

Cantate Muse allo sgorgar d’acque
all’elicona mia fonte
sia fresca d’ispirata poesia
d’amor in versi raccolti
allieti dell’uomo designata sorte.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Un giorno
Postato da brunouk il Lunedì, 27 agosto @ 10:01:48 CEST (765 letture)
Le poesie di Pegaso II

Sì!, un giorno,
non ricordo bene
forse c’era il sole o tempesta,
sicuramente c’era il mio cuore
che imperterrito batteva scandendo il tempo.

Quel giorno, lo ricordo bene
stavo seduto a osservare la gente
meditando …
tutta quella gente non dovrebbe piú parlare
dovrebbe smettere di gesticolare, ridere, bisbigliare
restare sotto un cielo senza riparo.

In un manto di grigiore
immerso nella folla, sono solo
guardo attraverso corpi, bocche, occhi
la c’è una strada, marciapiedi, case,
poco distante costruiscono una casa
sento i rumori
coprono il canto degli uccelli
tutti dovrebbero fermarsi
si vede … la gente è stanca.

Mi abbandono, allungo lo sguardo
attraverso quei muri e i muri,
inizia a imbrunire e fa freddo
un vento gelido avanza
rotola giù dai colli
lungo i fianchi carichi di foglie morte
come anestetico soffia
nel mio io che ancora ama
il sentimento si lascia trasportare
senza orientamento va …
la verso il tramonto dove
amore non sa dire t’amo.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Atrium Vestaee
Postato da brunouk il Domenica, 26 agosto @ 08:30:05 CEST (753 letture)
Le poesie di Pegaso II
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Amore troppo Amato
Postato da brunouk il Sabato, 25 agosto @ 08:57:23 CEST (770 letture)
Le poesie di Pegaso II

Mentre l'ora scorre
consumando la notte
scrivo ricordi
affiorano dal buio del tempo
evocati, animati
dalle note di una vecchia melodia.

Dove sei amore troppo amato?

Danzi etereo
nella foschia dell'attimo
mentre cerco,
nell'abbraccio di un tempo,
di trattenere quel dolce tepore
che ancora riscalda l'essenza di vita,
acceso, donato quasi per gioco
a questo mio cuore
che d’allora batte contando ogni tocco.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Adoro...
Postato da brunouk il Venerdì, 24 agosto @ 12:54:09 CEST (1685 letture)
Le poesie di Pegaso II
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Seme
Postato da brunouk il Giovedì, 23 agosto @ 13:49:11 CEST (790 letture)
Le poesie di Pegaso II


Seme piccolo seme
nascosto tra le zolle di terra
il tuo tenero germoglio
con forza cerca la luce
trema nel buio della notte di primavera,
bevé rugiada avido di vita.

L’alba leva brezza leggera
la piccola foglia
sbocciata furtiva
un primo raggio di sole
la colora di un tenue rossore.



Evanescente farfalla
dalle ali dorate
vola nell’aria spargendo polvere di stelle
felice danza leggera
di fiore in fiore
volteggia inebriata dal dolce profumo
danza la melodia che parla di lei.

Fiore eterno d’allegria
sbocciato nei sogni più belli
stupito è il cuore
che batte che corre con lei
mentre il tempo scivola via
intrecciando, accarezzando
tutti i colori d’amore e di vita.

Piccolo testardo seme d’amore
ripeti la storia
su tutti i prati del mondo.



Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Vorrei Essere un.........
Postato da brunouk il Mercoledì, 22 agosto @ 13:20:13 CEST (695 letture)
Le poesie di Pegaso II
Mago





per giungere a te
in una notte di fuoco
avvolgerti,
nasconderti tra le pieghe
del mio mantello stellato,
assieme cavalcare nella luce
della cometa d’oriente.

Poi.......,
con gesto magico
aprirlo, espanderlo
diventi universo
in modo che Tu,
stella tra le stelle
ti accenda
nutrita da fiamma d’amore.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 2 commenti | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


"A" come Amore
Postato da brunouk il Martedì, 21 agosto @ 21:16:23 CEST (725 letture)
Le poesie di Pegaso II
"A" come Amore


Nel tempo del mio senziente inizio
fatto d’incanto d’assonnata alba,
lacera il velo d’ombre azzurre
lascia filtrare fiori colorati
come iridescenti lame di luce.

Ricordo l’azzurro lago
colori sfumati dei gialli limoni,
tra il verde, pieno di vita,
il sentiero come nastro dorato
si inerpica sul monte
tra alberi e rocce.

Io, bambino libero
in un immenso giardino
catturavo orizzonti
in un tempo incantato
tra caldi giorni e notti serene
come passero felice solo d’esistere.

Poi venne il mio tempo
vestito d’azzurro da trepida mano di mamma
da padre, con burbero fermo cipiglio,
recalcitrante, come puledro al suo primo morso,
costretto da una lunghina al banco di scuola.

Stordito da grida d’altri scolari, osservo
sui vetri della finestra gocce di pioggia
lacrime iridescenti di nuvola sola nello spazio
persa nell’azzurro del cielo.

D’improvviso, silenzio levigato da stupore,
sei apparsa, dono mandato dal cielo,
maestra di scuola della vita e dei sogni.

Come angelo, fluttuavi tra i banchi
voce d’incanto, soffice sospiro
profumata come prato fiorito.

Il tuo ricordo è un petalo di rosa
fatto d’incanto nell’assonnata luce
mentre da dietro, con mano ferma,
sospesa come nebbia mi guidi
a delineare prospettive regolari d’aste
sul mio primo quaderno
in un ritmo calligrafico sessuale.

Solo preludio di metrica,
rimane nell’aria e sulla pelle
il morbido sapore, senza alcun contatto,
quando con primo sguardo e gesto
sul nero intatto della lavagna
scandendo nella semplice eleganza d’idioma
nel filtro a maglie larghe di quotidiani riti,
la prima lettera di parole scritte
come poetico fraseggio sospiro e forma
del bianco gesso è nata

"A"
come Amore.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


La mia TERRA d’Istria
Postato da brunouk il Lunedì, 20 agosto @ 12:35:34 CEST (747 letture)
Le poesie di Pegaso II
La mia TERRA d’Istria

Ciò che domani riserva
non c’é dato sapere,
ma conosco il tempo
e il profumo della mia terra.

Dall’alto del colle,
brezza attratta dal mare
nostalgica dell’estate,
risveglia emozioni trasparenti
catturando lontani orizzonti
carichi di frivoli miraggi
ombrosi paesaggi
racchiusi nel lato azzurro delle case
nel silenzio del viale spoglio
che mai come ora ha bisogno di nuovi alberi
per tracciare ardite prospettive
in serie limitata di metafisici sogni.

Rimasto indelebile, vivo
nell’affiorare sentimenti increspati
avvolti in leggero velo incantato
in questa calma innaturale
d’inverno brinato
intarsiato di bianco senza contrasto
disturba con la sua luce
diversa realtà sfocata senza contaminarla.

Forme, pietre e suono dei miei passi
sono come eco senza tempo
mentre volti senza linfa
svelano diverse realtà d’imposta estrazione
come sospesi in gialli cieli
spersi tra nuvole frastagliate di un rosso innaturale.

Mi abbandono a questa subita deriva,
tutto è oramai ordinato nel tempo,
eppure un’ansia sottile d’uomo vinto dal fato
resta sospesa in un chiaro mattino.

È solo sete d’aria di questa mia terra
persa senza spiegabile ragione o inutili lacrime
che sostituite da pioggia leggera,
improvvisa svanisce
lasciando solo orbite vuote
oramai incapaci di piangere.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


L’orizzonte
Postato da brunouk il Domenica, 19 agosto @ 21:09:27 CEST (788 letture)
Le poesie di Pegaso II
L’orizzonte

Il mio orizzonte è lontano
confuso
in un’alba di sole rosso laggiù
nella promessa di un nuovo giorno.

Tra il grigio e l’ombra
oltre l’alba
ancora immersa
nel blu della notte
scintilla l’ultima stella
testimone del tempo nel tempo.

Chiaro è il ricordo
vivo è il sogno
l’ora è passata
rischiara il mattino
brezza si leva
il mare s’increspa
canta l’uccello
l’albero piange rugiada di fuoco.

Riprendo il cammino
voce mi chiama
confusa nell’eco della valle lontana
alto si leva il mio grido di sfida
ripete il monte con nota profonda
si fonde nell’onda che batte lo scoglio
poi ritorna
riflusso dalla risacca
nel ventre del mare.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


il Momento
Postato da brunouk il Venerdì, 17 agosto @ 17:07:50 CEST (772 letture)
Le poesie di Pegaso II
il Momento







C’è sempre un momento
nel tempo che scorre
sospeso nel vuoto di un ricordo fugace
è lì tangibile
confuso nel tumulto del cuore che batte
si fonde e confonde
nei mille profumi sospesi nell’aria
in un turbinio di vento
torna lo sento
tutto è colmo di quel solo momento.

Tendo la mano, svanisce con il vento.

Ma!…
c’è un altro momento
e un altro che viene.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 381 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


(XX) o/e (XY)
Postato da brunouk il Venerdì, 17 agosto @ 07:48:53 CEST (814 letture)
Le poesie di Pegaso II

(XX) o/e (XY)






Solo qualche dettaglio
sessuali bagliori
dilatati in spazi sottili,
ambiguo narcisismo
amore sopito,
respiri catturano suadenti miraggi
in ampie parentesi racchiusi,
nascoste intriganti trasparenze
avvolte in drappeggiata seta
celano edonistiche ferite
in dipinta epidermica maschera.

Eppure dilagano dolcezze fragili
percezioni di realtà sfocate
foderano un’enclave nascosta
eleganti metafisici sogni
relegati in futili vetrine
dove manichini dai serici involucri
con ovali volti neutrali, senza linfa
asessuati, si specchiano nel nulla
in esistenza organica sbagliata.

In estrema tentata difesa
ti rifugi in anestetico abisso,
vesti fluttuante abito a balze di raso
abbandonandoti a sgranate derive,
iridescenti lampi, in magica scena
scorrono senza tregua e freni
sul largo colorato monitor
scelto a finestra dell’anima
dove spazi lisergici scorrono in fotogrammi
di altrui vite e sublimati amori
make your in sexual frenzy
al punto tale da relegare “ Lou Reed”
a solo un sussurro.


Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 457 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Un diario
Postato da brunouk il Martedì, 14 agosto @ 17:12:44 CEST (862 letture)
Le poesie di Pegaso II
UN DIARIO


Rovistando tra le cose
dimenticate dal tempo,
nell’angolo grigio, nascosto
di un lontano ricordo
coperto da pesanti fardelli,
l’ho ritrovato
“lui”,
il mio primo e unico
Diario.

Pensato per durare negli anni
ha bordi d’ottone e scritta dorata
1950.

Le pagine non profumano più di sole
ma di muffa
il bianco dei fogli è a tratti ingiallito
la scrittura un po’ sbilenca e sbiadita
sembra non mia
come un sogno che non appartiene.

La mano trema
accarezzando la pagina,
mentre il fiore posato a ricordo
compresso dal tempo, si libera
come farfalla fluttua nell’aria
lascia indelebile impronta
mentre un leggero profumo di viola
riverbera un lontano splendore.

Si vela la vista
distorta da lacrima nata dal cuore,
non serve che leggo
li è scritto l’amore.

L’amore nato al primo bacio di mamma,
poi….
nell’alba e su un prato fiorito,
sull’onda che corre
nell’oceano infinito,
nella stella che brilla
dispersa nel tempo,
nel primo bacio d’amore donato da Paola.

Mio segreto dimenticato diario,
su ogni tua pagina che ho scritto,
o quelle restate in bianco,
in virtù d’ogni parola
nell’eco dell’infanzia
nella nuda solitudine
sulla soglia del nulla
nell’immemore speranza
ho scritto l’amore.

Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 42 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Ouverture
Postato da brunouk il Lunedì, 13 agosto @ 08:01:10 CEST (752 letture)
Le poesie di Pegaso II
Ouverture






Bagliori mattutini
gli occhi fluttuano satinando dettagli
tratti dal luccicante specchio
dove appare la mia maschera
come dipinta in vuoto ossessivo.

Naturale stanchezza delinea solchi,
dove un tempo nascevano sogni,
fragile trasparente emozione
si soglie in spazi dai colori tenui
orizzonti lontani svaniscono, si confondono
mentre occhi scavati
catturano l’ultimo lampo del sole al tramonto.

Nel nulla cerco impossibile appiglio
mi abbandono all’eco di liquide note
rimbombano assordanti
come tamburi in finale di ouverture
il tutto si mescola
in diacronica confusa realtà
scandita dal tic-tac dell’orologio.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Resurrezione
Postato da brunouk il Domenica, 12 agosto @ 18:53:20 CEST (725 letture)
Le poesie di Pegaso II

Resurrezione







Madre
se tra le braccia tieni
Figlio
lo culli per quietarne il pianto
in te amore di donna
come linfa d’albero nutre sua foglia
protesa al sole e respiro della notte
solo nel ricordo ebbe rifugio.

Se poi,
per sorte avversa
sotto una croce, sue spoglie raccogli,
al seno stringi corona di spine
offrendo al cielo, prossimo al pianto
la vita dal tuo grembo fiorita
in modo
diventi nuvola, sospinta dal vento
diffonda
infinite gocce pure d’acqua
con nuova speranza
l’arida terra ravviva
donando linfa a nuovi germogli
in un ciclo perenne di vita.



Bruno Gasparri
Leggi Tutto... | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Pace
Postato da brunouk il Sabato, 11 agosto @ 17:30:26 CEST (674 letture)
Le poesie di Pegaso II






Una notte,
un cielo stellato
e poi... l’alba.

Sipario
rosso fuoco
di un regno prezioso
dal nome soave
Aurora.

É un regno segreto
sperduto nel ricordo
chiuso tra le pagine
di un antico libro illustrato.

Nemmeno i nostri vecchi
ricordano di quando
quell’aurora non era un sogno,
un sogno dipinto
sugli arazzi del cielo
mentre il vento
fuggito dal monte
porta il profumo dei fiori, quaggiù.

É un regno lontano
dove l’usignolo canta
la sua magica alba
sulle note del mormorio
dell’acqua limpida del ruscello.

Un regno dove


stampata sull’arcobaleno
incorona il mondo dal colore del topazio
disperso nel vuoto del tempo
e nel buio della memoria.

Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Il viaggio
Postato da brunouk il Venerdì, 10 agosto @ 11:24:00 CEST (647 letture)
Le poesie di Pegaso II








È tempo di riprendere il mio
“Viaggio”
nell’azzurro
sospinto da un vento leggero
oltre ogni spazio nel tempo infinito
dopo l’inutile brusio di voci senza eco
udite nel lento ritorno della risacca
ossidate da amori senza poesia
dettagli di vite senza scopo
come sabbia che scorre
tra le dita di una mano.

Non c’è rimpianto
per un palcoscenico
da iridescenti aloni
specchiati nel nulla
come diafano miraggio
riflesso su sdrucite lenzuola
da un corpo di donna in epidermici amori
note acide d’impalpabili sogni.

Nel ricordo di un inizio
filtrato,sospeso in nebbioso orizzonte,
ma nato nel libero essere
brillante ologramma d’alba
dai liquidi raggi di sole.


Bruno Gasparri
commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Metodo Pilates [ 0 commenti - 15 letture ]
 Il 18 settembre del 1922 nacque Luciano Erba [ 0 commenti - 15 letture ]
 Il 18 settembre del 1902 nacque Jorge Carrera Andrade [ 0 commenti - 14 letture ]
 CON GLI OCCHI DELLA FENICE. [ 0 commenti - 24 letture ]
 Ho ancora 5 anni [ 2 commenti - 41 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy