Toggle Content Menu Principale

Toggle Content Info Utente

Benvenuto Anonimo

(Registrati)

Iscrizioni:
Ultimo: dada
Nuovi di oggi: 0
Nuovi di ieri: 0
Complessivo: 246

Persone Online:
Iscritti: 0
Visitatori: 176
Totale: 176
Chi è online:
 Visitatori:
01: Home
02: Stories Archive
03: coppermine
04: News
05: News
06: Home
07: coppermine
08: coppermine
09: Home
10: News
11: coppermine
12: News
13: Home
14: coppermine
15: Home
16: Search
17: coppermine
18: Home
19: Home
20: Home
21: Stories Archive
22: coppermine
23: News
24: Stories Archive
25: coppermine
26: News
27: News
28: coppermine
29: News
30: coppermine
31: Stories Archive
32: Home
33: News
34: Home
35: Home
36: Home
37: Home
38: coppermine
39: coppermine
40: coppermine
41: News
42: coppermine
43: coppermine
44: coppermine
45: News
46: Forums
47: Forums
48: Home
49: coppermine
50: News
51: Home
52: Stories Archive
53: coppermine
54: Home
55: coppermine
56: Home
57: Home
58: News
59: Stories Archive
60: News
61: News
62: News
63: coppermine
64: coppermine
65: News
66: coppermine
67: Home
68: coppermine
69: Home
70: Home
71: Home
72: Stories Archive
73: News
74: coppermine
75: Forums
76: Search
77: coppermine
78: Home
79: Home
80: Stories Archive
81: News
82: Home
83: coppermine
84: coppermine
85: Search
86: News
87: Home
88: Home
89: Home
90: News
91: Stories Archive
92: coppermine
93: Home
94: Home
95: Home
96: Home
97: Stories Archive
98: Stories Archive
99: coppermine
100: News
101: Home
102: coppermine
103: coppermine
104: coppermine
105: Home
106: coppermine
107: Home
108: Home
109: Home
110: coppermine
111: coppermine
112: coppermine
113: Home
114: News
115: Home
116: coppermine
117: Forums
118: Home
119: coppermine
120: Home
121: Search
122: Home
123: Home
124: coppermine
125: News
126: coppermine
127: Home
128: Home
129: coppermine
130: Home
131: Home
132: coppermine
133: Home
134: Home
135: coppermine
136: coppermine
137: coppermine
138: Home
139: coppermine
140: coppermine
141: Statistics
142: Home
143: Forums
144: coppermine
145: coppermine
146: Home
147: Home
148: News
149: coppermine
150: Home
151: Home
152: coppermine
153: News
154: Home
155: News
156: coppermine
157: News
158: Home
159: Stories Archive
160: Stories Archive
161: coppermine
162: coppermine
163: coppermine
164: coppermine
165: coppermine
166: News
167: Home
168: coppermine
169: coppermine
170: Home
171: Home
172: Forums
173: Home
174: News
175: coppermine
176: coppermine

Staff Online:

Nessuno dello Staff è online!

Toggle Content Coppermine Stats
coppermine
 Albums: 171
 Immagini: 8547
  · Viste: 1290756
  · Voti: 430
  · Commenti: 60

Toggle Content *
Segui maktea1 su Twitter


Toggle Content Autori
Novità
Poesie d'autore, poesie inedite, Biografie, immagini e molto altro...: Racconti III

Cerca in questo Argomento:   
[ Vai alla Home | Seleziona un nuovo Argomento ]

Un rischio mortale
Postato da Grazia01 il Venerdì, 31 agosto @ 12:34:41 CEST (535 letture)
Racconti III



Un rischio mortale

Potrebbe essere un episodio, una parentesi, un'avventura: a questo si erano preparati, prevedendo una cornice intessuta di fiori, gentilezze, sorrisi lievi come carezze e carezze intenzionali. Lei sui polsi ha spruzzato profumo, la barba di lui appare fresca di rasatura. Per piacere e piacersi, aperti ad ogni eventualità. Ma le possibilità non sono infinite, la scena assomiglia inevitabilmente a tante altre: per scenografia, costumi, trucco. Il grande specchio sulla parete restituisce di ambedue un'immagine gradevolmente sfocata: le luci soffuse del locale garantiscono un'imprecisione molle, e l'opportunità di non svelarsi.
Tutto già visto: uno spot pubblicitario ben confezionato. Così, con un affacciarsi intristito di noia gli occhi di lei si perdono, vagano senza interesse, registrano passivamente l'evolversi elegante del colloquio amoroso, certamente avviato ormai verso il finale che ambedue hanno costruito.
Leggi Tutto... | 5786 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


La Festa di Natale di Collodi
Postato da Grazia01 il Venerdì, 16 dicembre @ 22:43:25 CET (1233 letture)
Racconti III

La storia che vi racconto oggi, non è una di quelle novelle, come se ne raccontano tante, ma è una storia vera, vera, vera. Dovete dunque sapere che la Contessa Maria (una brava donna che io ho conosciuta benissimo, come conosco voi) era rimasta vedova con tre figli: due maschi e una bambina. Il maggiore, di nome Luigino, poteva avere fra gli otto e i nove anni: Alberto, il secondo, ne finiva sette, e l'Ada, la minore di tutti, era entrata appena ne' sei anni, sebbene a occhio ne dimostrasse di più, a causa della sua personcina alta, sottile e veramente aggraziata. La contessa passava molti mesi all'anno in una sua villa: e non lo faceva già per divertimento, ma per amore de' suoi figlioletti, che erano gracilissimi e di una salute molto delicata.
Finita l'ora della lezione, il più gran divertimento di Luigino era quello di cavalcare un magnifico cavallo sauro; un animale pieno di vita e di sentimento, che sarebbe stato capace di fare cento chilometri in un giorno se non avesse avuto fin dalla nascita un piccolo difetto: il difetto, cioè, di essere un cavallo di legno! Ma Luigino gli voleva lo stesso bene, come se fosse stato un cavallo vero. Basta dire, che non passava sera che non lo strigliasse con una bella spazzola da panni: e dopo averlo strigliato, invece di fieno o di gramigna, gli metteva davanti una manciata di lupini salati. E se per caso il cavallo si ostinava a non voler mangiare, allora Luigino gli diceva accarezzandolo: «Vedo bene che questa sera non hai fame. Pazienza: i lupini li mangerò io. Addio a domani, e dormi bene». E perché il cavallo dormisse davvero, lo metteva a giacere sopra una materassina ripiena d'ovatta: e se la stagione era molto rigida e fredda, non si dimenticava mai di coprirlo con un piccolo pastrano, tutto foderato di lana e fatto cucire apposta dal tappezziere di casa.
Leggi Tutto... | 13005 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Impenetrabile e senza cuore di Joseph Conrad
Postato da Grazia01 il Domenica, 29 maggio @ 12:37:15 CEST (862 letture)
Racconti III


Quasi fosse troppo grande e troppo potente per le virtù comuni, l'oceano ignora compassione, fede, legge, memoria. La sua incostanza può essere mantenuta conforme ai propositi umani solo con una risolutezza indomita, e con una vigilanza insonne, armata, gelosa, in cui, forse, c'é sempre stato più odio che amore. Odi et amo può ben essere la professione di fede di coloro i quali coscientemente o ciecamente hanno consegnato la propria esistenza al fascino del mare.
Leggi Tutto... | 3191 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Radici di Vittorio Baccelli
Postato da Grazia01 il Domenica, 17 aprile @ 20:00:29 CEST (772 letture)
Racconti III

All'interno dei colori d'un fiore sono alla ricerca del mio io, pian piano mi addentro nelle zone limite tra una sfumatura e l'altra ed infine scorgo la configurazione frattale più familiare, l'insieme di Mandelbrot.
Mi spingo parallelo al perimetro fino ad un lungo braccio, il più lungo dell'insieme e mi appare la configurazione della croce nella quale mi identifico.
Mi lascio scivolare sulle morbide linee della croce, ne assaporo i contorni familiari, la percorro in ogni suo spazio, infine mi tuffo nel suo centro addentrandomi nuovamente in un più piccolo insieme che percorro fino al braccio, poi individuo la croce e di nuovo mi tuffo verso un ancor più piccolo insieme e così via assaporando l'autosomiglianza.
Leggi Tutto... | 2569 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Città di Gianrico Carofiglio
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 02 marzo @ 21:50:09 CET (1048 letture)
Racconti III

Questo racconto è ispirato a un fatto realmente accaduto su un aereo, da qualche parte del mondo, nella primavera del 1996.
«Mi scusi, posso farle una domanda?» Quasi sobbalzai. Aveva parlato senza girarsi - solo un movimento appena accennato del capo - e senza preavviso. L'accento era impercettibilmente straniero. E lei era bella, con gli zigomi alti, un naso largo che le dava anche un’aria decisa e simpatica, i capelli lunghi e scuri.
«Prego.»
Prego. Una vita che giuravo a me stesso che non avrei mai più usato quell’espressione, assieme a salve, buondì e altre schifezze del genere.
Leggi Tutto... | 5090 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Mona Lisa di Gianrico Carofiglio
Postato da Grazia01 il Venerdì, 25 febbraio @ 18:05:29 CET (1548 letture)
Racconti III


Mona Lisa

Il 13 novembre 1999, la piccola Maria Mirabela Rafailà detta Mona Lisa si trova a un incrocio nell'estrema periferia di Bitonto. A quell'incrocio, tutti i giorni, da alcune settimane, chiede l'elemosina agli automobilisti di passaggio, insieme con le sue sorelle più grandi. Maria Mirabela è piuttosto nota nella comunità nomade di origine rumena che vive nel campo di Bitonto. Ha sette anni, è molto graziosa, molto vispa e soprattutto molto brava nell' accattonaggio. Si dice che in una giornata di «lavoro» sia capace di raccogliere anche cinquanta, sessantamila lire. Poco dopo mezzogiorno le due sorelle maggiori si allontanano di qualche decina di metri per andare a fare la pipì.
Leggi Tutto... | 13865 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Giulia di Gianrico Carofiglio
Postato da Grazia01 il Martedì, 22 febbraio @ 10:32:02 CET (993 letture)
Racconti III

Giulia

Era un venerdì sera di febbraio, avevo guidato per ore lungo un’autostrada deserta e alla fine ero arrivato al casello di Bari Nord. Ero reduce dai tre giorni del convegno annuale della Società italiana di psichiatria infantile, e ne avevo avuto veramente abbastanza. Volevo sbrigarmi, arrivare a casa, fare una doccia e piazzarmi davanti alla televisione con una birra e un panino. E per quella sera, al diavolo tutto il resto. Il casellante mi restituì la tessera e io feci per riaccendere il motore che non teneva il minimo e si era spento come al solito. Fu in quel momento che sentii bussare piano sullo sportello di destra. Ebbi un sussulto e mi girai, ma il finestrino era appannato. Dovetti abbassarlo tutto per vedere la faccia della bambina. Ci guardammo per qualche secondo senza dire niente. Poi fu lei a parlare.
Leggi Tutto... | 9008 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Vigilie di Gianrico Carofiglio
Postato da Grazia01 il Venerdì, 04 febbraio @ 23:56:05 CET (947 letture)
Racconti III

Era la sera della vigilia di Natale, nello sterminato atrio della stazione Termini. Il maresciallo Bovio, umore grigio e mani sprofondate nelle tasche del grosso cappotto di ordinanza, percorreva contro corrente un fiume desolato di uomini e donne. Piccole sagome scure, a gruppetti; sguardi persi e qualche risata - troppo forte - per darsi coraggio; facce di barboni, vecchie ricurve su carrelli portabagagli, mentre spingono il loro informe mucchio di cose. Noncuranti - o inconsapevoli - di tutto quanto intorno. Sagome normali, finite per errore, la sera di Natale, nel gelo della stazione invece che al caldo delle proprie case. Il maresciallo si appoggiò alla porta sbarrata dell'ufficio informazioni, guardò l'orologio - le diciannove e trenta - sfilò una MS dal pacchetto sgualcito e semivuoto, l'accese e aspirò con forza.
Leggi Tutto... | 5099 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


BOOMERANG di Stefano Benni
Postato da Grazia01 il Lunedì, 12 luglio @ 14:55:46 CEST (5050 letture)
Racconti III

Improvvisamente, un giorno, il signor Remo iniziò a odiare il suo cane. Non era un uomo cattivo. Ma qualcosa si era rotto dentro di lui quando era rimasto vedovo. Aveva perso la moglie e gli era restato il cane, un botolo salcicciometiccio, grasso e nerastro, con orecchioni da pipistrello. Si chiamava Bum, ovvero Boomerang, perché riportava indietro qualsiasi cosa gli tirassero, con prontezza e perseveranza. Un tempo il signor Remo e Bum avevano fatto lunghe passeggiate insieme e conversato del mondo umano e canino, di Cartesio e Rin Tin Tin. C'era grande intesa tra loro.

Leggi Tutto... | 10544 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Venationes di Alberto Angela
Postato da Grazia01 il Domenica, 14 marzo @ 18:35:33 CET (812 letture)
Racconti III

Venationes

I suoi occhi chiarissimi sembrano quasi incastonati nel viso abbronzato. Non si distolgono neanche per un attimo dal corpo muscoloso dell’avversario. Anche adesso che entrambi girano in cerchio, studiandosi… Su di loro sono puntati gli sguardi di migliaia di persone che dalla mattina osservano, incitano e urlano dagli spalti.
Leggi Tutto... | 5161 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il Circolo dei Giocatori d'azzardo - Ellery Queen
Postato da Grazia01 il Giovedì, 11 marzo @ 20:37:56 CET (761 letture)
Racconti III

Il Circolo dei Giocatori d'azzardo

Ellery fu iniziato ai sacri misteri del Circolo dei Giocatori d'azzardo una mattina d'inverno, quando un'automobile nuova fiammante, che la fanghiglia della 87' strada sembrava non fosse riuscita a sporcare, depositò tre uomini sugli scalini di casa sua. L'ispettore Queen, che quella mattina era rimasto a casa per redigere una relazione confidenziale, sollevò le sopracciglia arcuate all'altezza macchina e si ritirò con le sue carte nello studio, non senza tuttavia aver lasciato la porta socchiusa quel minimo che serviva a spiare un poco.
Leggi Tutto... | 13898 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'innamorato di miele di Giuseppe Bonaviri
Postato da Grazia01 il Giovedì, 11 febbraio @ 22:08:41 CET (836 letture)
Racconti III

L'innamorato di miele.

Un padre calzolaio viveva solo con la figlia, né si voleva risposare dopo che morì la moglie che fu calata, nella cassa, dentro una roccia in lacrime anche quella sotto il sole morente. Basta, lasciamo la povera morta che cammina di sentiero in sentiero in mezzo all'aria scura, e prendiamo la figlia di nome Granata che se ne stava sempre malinconiosa. Aveva 17 anni.
Leggi Tutto... | 10044 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Piccole abitudini di Saint-Germain - Anna Gavalda
Postato da Grazia01 il Giovedì, 04 febbraio @ 15:43:04 CET (1073 letture)
Racconti III

Saint-Germain-des-Prés!? ... So già che mi direte: “Santo cielo, ma che banalità, ragazza mia, la Sagan
l’ha fatto un pezzo prima di te e talmeeente meglio!». Lo so. Ma che ci volete fare ... Non sono del tutto sicura che una storia del genere potesse capitarmi sul boulevard Clichy, credetemi. È così. E comunque, tenetevi per voi i commenti e seguitemi perché qualcosa mi dice che vi divertirete.

Le passanti
Leggi Tutto... | 14240 bytes aggiuntivi | 1 commento | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Bellezza - Stefano Zecchi
Postato da Grazia01 il Venerdì, 29 gennaio @ 16:10:15 CET (758 letture)
Racconti III

La bellezza se ne stava seduta in fondo a un pontile, come quelli che si sporgono sull’acqua per consentire alle barche di attraccare. Sapeva di dover essere sempre pronta all'appello e partire. Così teneva accanto a sé la sua borsa da viaggio e dondolava le gambe nel vuoto.
Leggi Tutto... | 3880 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


LA VESTIZIONE DELLA NONNA - Alfredo Zampolini
Postato da Grazia01 il Martedì, 19 gennaio @ 15:37:35 CET (1203 letture)
Racconti III

In una stanza interna della casa, dormiva la nonna. Aveva settanta anni, un viso pallido, due occhi celesti, la carnagione bianca. Le guance erano scavate, la pelle non più sottile ma il viso aveva tratti fini, eleganti. Ai suoi tempi doveva essere stata una bella donna. Ora aveva la sua croce, una gamba piagata, che la costringeva a camminare col bastone .
Leggi Tutto... | 4815 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Pensieri - Andrea Farolfi
Postato da Grazia01 il Venerdì, 01 gennaio @ 18:06:32 CET (1168 letture)
Racconti III

Lasciò cadere il pacchetto di sigarette sul tavolino quadrato del bar, si tolse il cappotto e lo appese dietro alla sedia. Non si accorse che strisciava per terra, e che si sarebbe sporcato. Si sedette in silenzio. Giocherellò per qualche minuto con la scatolina, quindi ne estrasse una sigaretta; la lisciò, la passò sotto il naso per saggiarne l'aroma come faceva ogni volta, la tenne in bocca spenta per qualche minuto, quindi, preso fuori l'accendino a benzina dalla tasca, l'accese. Trasse una profonda boccata.
Leggi Tutto... | 8317 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Fu a Natale, nel 1947 * Giovanni Guareschi
Postato da Grazia01 il Domenica, 20 dicembre @ 21:19:08 CET (2125 letture)
Racconti III

Forse Margherita ha ragione quando dice che occorre la maniera forte coi bambini: il guaio è che, a poco a poco, usando e abusando della maniera forte, in casa mia si lavora soltanto con le note sopra il rigo. La tonalità, anche nei più comuni scambi verbali, viene portata ad altezze vertiginose e non si parla più, si urla.
Leggi Tutto... | 5205 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Dominare il mondo
Postato da Grazia01 il Giovedì, 10 dicembre @ 13:48:00 CET (901 letture)
Racconti III

- Come possiamo dominare il mondo? Miliardi di persone?
- È facile.
- Lo dici tu.
- No, è veramente facile.
- Non penso: soggiogare l'umanità , ricorrendo alla costrizione è impresa improba.
Leggi Tutto... | 5542 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le pietre
Postato da Antonio il Martedì, 12 febbraio @ 14:55:44 CET (687 letture)
Racconti III

In un deserto aspro e roccioso vivevano due eremiti.
Avevano trovato due grotte che si spalancavano vicine, una di fronte all'altra.
Dopo anni di preghiere e feroci mortificazioni, uno dei due eremiti era convinto di essere arrivato alla perfezione. L'altro era un uomo altrettanto pio, ma anche buono e indulgente. Si fermava a conversare con i rari pellegrini, confortava e ospitava coloro che si erano persi e coloro che fuggivano.
Leggi Tutto... | 876 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


C'è ancora la nebbia
Postato da Grazia01 il Domenica, 18 novembre @ 18:23:19 CET (734 letture)
Racconti III Grigia e solitaria la brezza marina giocava sulle rive del mare.
L’uomo camminava lento e silenzioso; apatico, mentre i passi cadenzati e lenti, lasciavano orme di debole tristezza sotto di lui, appesantiti dal incomodo peso di mille perché.
Appena arrivato, la nebbia lo accolse.
Diradandosi, svelò l’immensa distesa blu che celava agli occhi dei più.
“Non credo tu debba farlo.” Esordì l’uomo, a bassa voce. Il mare spumeggiò, tristemente divertito.


Leggi Tutto... | 5571 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Era il tempo delle more e delle nespole
Postato da Antonio il Lunedì, 22 ottobre @ 18:59:37 CEST (725 letture)
Racconti III Era il tempo delle more e delle nespole
di Anita Madeddu

Narrano le cronache familiari, confutate dai registri anagrafici, che nacqui in una tiepida sera degli inizi di ottobre di quarantuno anni fa. Continuano le cronache narrando che in una di quelle classiche e famose sere di ottobrata romana rovinai i programmi dei miei che volevano godersi la festa de "noantri" che iniziava con pas(edited)iate tra le bancarelle variopinte e sarebbe terminata con i pirotecnici fuochi a fine serata. Ahimè! Per la mamma, dato che ero impaziente di venire al mondo (più tardi mi sono chiesta chissà mai perché tutta quella fretta) i 'fuochi artificiali' credette di vederli in sala parto dato che essendo la primogenita, faticai a venire fuori da quel tunnel.


Leggi Tutto... | 9556 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Come aggiustare il mondo...
Postato da Grazia01 il Mercoledì, 10 ottobre @ 12:43:33 CEST (816 letture)
Racconti III

Un bambino ed il suo papà erano seduti sul treno.
Il viaggio sarebbe durato un’ora circa.
Il padre si siede comodamente e si mette a leggere una rivista per distrarsi.
Ad un certo punto il bambino lo interrompe e domanda:
“Cos’è quello, papà?”.
L’uomo si volta per vedere quello che gli aveva indicato il bambino e risponde: “E’ una fattoria.”
Leggi Tutto... | 1299 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Tommasino degli schiaffi
Postato da Grazia01 il Giovedì, 23 agosto @ 22:46:55 CEST (4626 letture)
Racconti III Tommasino degli schiaffi
racconto di Piero Chiara



Leggi Tutto... | 6747 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 5


Cuori clandestini
Postato da Grazia01 il Domenica, 29 luglio @ 22:29:21 CEST (1022 letture)
Racconti III


Cuori clandestini


"Lampedusa,
ultima figlia di un'Italia
che, spesso, ti dimentica
e figlia illegittima di un'Africa
alla quale assomigli.
I tuoi occhi hanno rivisto
gli occhi dei tuoi fratelli africani
e li hanno riconosciuti...
La tua terra è sempre terra di passaggio
per uomini senza patria.
Siamo tutti clandestini..."

Non c'è attimo in cui l'Africa non si ricordi di noi.
Primavera. Estate. Autunno. Inverno. Non c'è stagione dell'anno in cui non sia possibile avvertire, in ogni cosa, visibile o invisibile, questa simbiosi d'amore e d'affinità tra terre vicine ma lontane, consanguinee ma estranee: una meravigliosa dìade di complicità tra istinto materno e bisogno di protezione, tra lontananza consapevole e distacco indesiderato.
Leggi Tutto... | 12593 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L'esame
Postato da Grazia01 il Lunedì, 02 luglio @ 23:52:37 CEST (1221 letture)
Racconti III

Io stavo leggendo seduto davanti alla finestra spalancata e Albertino, si avvicinò e mi domandò:
- Babbo, sei onesto?
Questa non è una domanda facile, anche ammesso che uno sia abituato a frequenti esami di coscienza, e così rimasi imbarazzato.
- Non capisco che cosa possa interessarti, - borbottai.
Leggi Tutto... | 4367 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Tutto da rifare in caso di naufragio
Postato da Grazia01 il Domenica, 24 giugno @ 23:02:43 CEST (790 letture)
Racconti III

Fissazioni di bordo - I fischi teorici e quelli pratici
Relativa indifferenza per l'"uomo in mare" Una mia invenzione che non va troppo bene
di Achille Campanile
Leggi Tutto... | 9550 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Le pietre della nostra vita
Postato da Grazia01 il Martedì, 12 giugno @ 23:21:00 CEST (944 letture)
Racconti III

Le pietre della nostra vita
(anonimo)

Un esperto in time management, tenendo un seminario ad un gruppo di studenti, usò un'illustrazione che rimase per sempre impressa nelle loro menti.
Per colpire nel segno il suo uditorio di menti eccellenti, propose un quiz, poggiando sulla cattedra di fronte a se' un barattolo di vetro, di quelli solitamente usati per la conserva di pomodoro.
Leggi Tutto... | 2163 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pescatore
Postato da Grazia01 il Domenica, 10 giugno @ 23:05:33 CEST (1667 letture)
Racconti III

Il pescatore
(Anonimo)

Sul molo di un piccolo villaggio messicano, un turista americano si ferma e si avvicina ad una piccola imbarcazione di un pescatore del posto.
Leggi Tutto... | 2177 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


Il pettirosso (una storia vera)
Postato da Grazia01 il Giovedì, 31 maggio @ 14:50:55 CEST (1020 letture)
Racconti III

Nelle strade rumorose del centro, cerco di perdere la mia identità e di confondere il mio sgomento nel caos dell'ora di punta.
Ogni suono resta, pur tuttavia, nello scenario della mia mente, relegato in secondo piano dal mio cervello che seleziona solo il tumultuoso battito del mio cuore e mi riporta ogni istante là, dove il dolore è più grande, dove lo strazio si scongela, distillando sangue vivo da ogni mia cel(edited)a.
Leggi Tutto... | 10797 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0


L’anima, l’uomo e la vita
Postato da Grazia01 il Sabato, 05 maggio @ 19:18:08 CEST (972 letture)
Racconti III

L’anima, l’uomo e la vita
di Cleonice Parisi

Sarai con me, anche quando la musica non intonerà la tua canzone;
Sarai con me, anche quando il buio di un cielo senza stelle
sovrasterà il tuo respiro;
Sarai con me, anche quando i tuoi fiori reclineranno il capo
alla siccità del tempo;
Leggi Tutto... | 3795 bytes aggiuntivi | commenti? | Pagina Stampabile  Invia questo Articolo ad un Amico | Voto: 0



Toggle Content Registrati...

Toggle Content Ultimi arrivi

Toggle Content Ultimi articoli
 Il 12 ottobre... [ 1 commenti - 29 letture ]
 Auguri e congratulazioni Miriam [ 0 commenti - 19 letture ]
 Il 9 ottobre del 1983 nacque Mario de Andrade [ 0 commenti - 29 letture ]
 Poesie sulla spranza [ 0 commenti - 43 letture ]
 La donna che voglio diventare [ 1 commenti - 43 letture ]

[ Altro nella News Section ]

Toggle Content .
www.casatea.com

Toggle Content *
sito web

Toggle Content
Sito d'argento

Toggle Content .

Toggle Content -
10000 punti ottenuti

Toggle Content Magicamente

Toggle Content Solidarietà

Toggle Content Ultimi messaggi
Last 10 Forum Messages

Bentornato carissimo signor Paolo
Last post by Grazia01 in Messaggi on Lug 05, 2017 at 13:33:15

Il mio benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Feb 21, 2013 at 20:40:04

Il nostro benvenuto a samei
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Ago 22, 2012 at 07:42:26

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mag 03, 2012 at 21:20:53

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Apr 08, 2012 at 18:22:04

Benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Mar 21, 2012 at 09:38:09

Il nostro benvenuto
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Dic 02, 2011 at 23:31:20

Benvenuta in Casatea
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 29, 2011 at 14:12:49

Benvenuto Jael
Last post by Grazia01 in Presentatevi on Nov 28, 2011 at 10:46:15

domanda
Last post by Grazia01 in Informazioni on Nov 04, 2011 at 20:06:58


Toggle Content Messaggio

Questo sito contiene anche testi e immagini presi dal web, se avessimo violato, per errore, diritti d'autore o copyright, preghiamo di avvisarci, sarà nostra cura provvedere all'immediata cancellazione. Scrivere a maktea@tiscali.it


Toggle Content Poeti e scrittori noi

Toggle Content POESIE A TEMA

Toggle Content Varie

Network: Web Agency Milano | Scopri i migliori programmi per siti web
Interactive software released under GNU GPL, Code Credits, Privacy Policy